Trivelle e riforme: scontro tra Pd e opposizioni alla Camera

Pubblicato il 31 marzo 2016 da redazione

trivelle

ROMA. – Irrompe in Parlamento lo scontro sul referendum sulle concessioni per le trivellazioni e va a congiungersi con quello sulle riforme costituzionali, preludendo così alla Camera una battaglia nella settimana precedente al 17 aprile, quando l’Aula dovrà approvare definitivamente il ddl Renzi-Boschi. Le opposizioni vanno alla carica di governo e maggioranza chiedendo la chiusura di Montecitorio nella settimana del referendum, proprio la settimana in cui si dovrebbe votare il pacchetto delle riforme.

Intanto, prosegue la polemica interna al Pd tra minoranza e maggioranza sulla questione del referendum sulle trivelle, con alcuni esponenti della maggioranza Dem che si dicono pronti a votare sì. La conferenza dei capogruppo della Camera si è riunita per organizzare i lavori dell’Aula e le opposizioni hanno chiesto una interruzione delle sedute nella settimana precedente al 17 aprile, così da poter fare più agevolmente la campagna referendaria.

Un fatto già avvenuto in altri referendum ma che si scontra con una decisione precedentemente presa, quella di fissare a martedì 12 aprile il voto finale sulle riforme costituzionali. Le opposizioni hanno proposto una slittamento di una settimana, al 19 aprile, di questo voto, con l’impegno a concluderlo in quella giornata. Ma il capogruppo del Pd Ettore Rosato è stato irremovibile. E altrettanto ferma è scattata la reazione delle opposizioni che hanno preannunciato l’ostruzionismo.

Renato Brunetta, poi non ha dubbi: “è vero che ci eravamo impegnati a votare le riforme il 12 aprile, ma è per questo che hanno fissato il referendum il 17: per affossarlo mediaticamente con questa loro vittoria parlamentare”. Ma c’è anche un non detto: la legge attuativa del referendum costituzionale dice che esso si deve tenere tra il 50esimo e il 70esimo giorno dalla sua indizione. Quindi l’approvazione della riforma il 12 aprile rende teoricamente possibile svolgerlo il 5 giugno, data annunciata dal ministro Alfano per il primo turno delle amministrative. Basterebbe che già il 13 tutti i parlamentari della maggioranza firmassero per chiederlo.

Questo scenario, piuttosto improbabile, non fa che aumentare le tensioni tra maggioranza e opposizioni. E’ invece bipartisan un appello lanciato da un gruppo di senatori appartenenti a tutti i partiti, che hanno invitato non solo a recarsi il 17 aprile a votare, ma anche a barrare la casella “Sì”. Tra essi senatori delle opposizioni (Loredana De Petris di Sel, Emilio Floris e Antonio D’Al di Fi, Francesco Bruni di Cor, l’ M5s Francesco Campanella), ma anche di Ala (Antonio Scavone, Giuseppe Compagnone, Giuseppe Ruvolo e Francesco Amoruso) e della maggioranza, come Giuseppe Marinello di Ncd e i Dem Laura Puppato e Giampiero Dalla Zuanna.

Questi ultimi non sono certo della minoranza interna, come ha sottolineato Puppato, che ha annunciato l’intenzione di sollevare il problema lunedì prossimo alla Direzione. Puppato ha messo in guardia Renzi ricordando come nel 2011 il referendum sul nucleare raggiunse il quorum, nonostante il governo avesse scelto una data scomoda (12 giugno) per farlo mancare. E anche Vannino Chiti ha esortato il Pd a non puntare sul non voto.

Ma proprio sulla legittimità di questa scelta, i renziani, con Andrea Marcucci, Alessia Rotta e Andrea Romano, hanno replicato allo stesso Chiti e a Pierluigi Bersani, che ieri aveva invitato a recarsi alle urne: nel 2003, nel referendum sull’articolo 18, entrambi dissero che non votare era legittimo al fine di far mancare il quorum.

(di Giovanni Innamorati/ANSA)

Ultima ora

15:06Calcio: United all’assalto di Neymar, pronti 200 mln

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - Duecento milioni di euro: a tanto ammonterebbe la faraonica offerta che il Manchester United sarebbe pronto a formulare per pagare la stratosferica clausola rescissoria per assicurarsi i servigi di Neymar. Lo scive oggi il catalano 'Sport', secondo cui la dirigenza dei Red Devils e Josè Mourinho sono già al lavoro per rinforzare la squadra in vista della prossima stagione. E l'asso brasiliano figurerebbe al primo posto nella lista dei 'desiderata', per farlo diventare - data l'età e l'indiscusso valore tecnico - la nuova bandiera della squadra. "Una vera e propria minaccia incombe sul Barcellona, il tridente delle meraviglie è in grave pericolo", scrive 'Sport' aggiungendo che "il tecnico José Mourinho è il regista dell'operazione e parla direttamente col giocatore brasiliano. Diverse telefonate sono state fatte al giocatore per convincerlo a lasciare il Barcellona e andare al Manchester United dove potrebbe crescere senza più l'ombra di Leo Messi".

15:05Sarri panchina oro,bello per una volta battere Allegri

(ANSA) - FIRENZE, 27 MAR - "Non e' Napoli-Juve 1-0, la Juve e' piu' forte: piu' che i premi contano punti e risultati, ma per una volta battere Massimiliano e' bello": Maurizio Sarri e' stato incoronato miglior allenatore della passata stagione dai suoi colleghi, e i 25 voti ottenuti contro i 22 del tecnico della Juve sono inevitabilmente letti, anche dall'interessato, in chiave della prossima sfida diretta di campionato tra i bianconeri e il Napoli. Al terzo posto, Eusebio Di Francesco, del Sassuolo, con 7 voti.

15:02Calcio: Sarri vince Panchina d’oro 2016

(ANSA) - FIRENZE, 27 MAR - Maurizio Sarri ha vinto la panchina d'oro 2016 per la serie A, il premio assegnato dagli allenatori come miglior tecnico. "Solitamente ritirare i premi non mi dà una particolare soddisfazione perché a volte penso si tratta anche di tempo sottratto al mio lavoro in campo ma per questo riconoscimento è diverso: mi dà gusto e mi emoziona". Lo ha detto il tecnico del Napoli, Maurizio Sarri vincitore della Panchina d'oro con 25 preferenze su 61. "Penso sia dovuto al fatto che la giuria è composta da allenatori ed io fino a 5 anni fa militavo in serie C. Devo ringraziare due società, Empoli e Napoli, ed ancora Marcello Carli e Cristiano Giuntoli: senza loro probabilmente non sarei l'allenatore che sono adesso".

15:00Russia: Navalni condannato a 15 giorni di carcere

(ANSA) - MOSCA, 27 MAR - Alexei Navalni è stato condannato a 15 giorni di carcere dopo l'arresto alla manifestazione anti-corruzione di ieri a Mosca. La pena è stata inflitta dal tribunale Tverskoi di Mosca per l'accusa di non aver obbedito agli ordini della polizia dopo essere stato fermato ieri nel corso di una manifestazione dell'opposizione nella capitale russa: lo riferisce la portavoce di Navalni, Kira Iarmish.

14:57Brexit: May in Scozia, insieme siamo forza inarrestabile

(ANSA) - LONDRA, 27 MAR - "Insieme siamo una forza inarrestabile": è così, con un appello all'unità del Regno, che la premier britannica, Theresa May, si è rivolta oggi agli scozzesi in un discorso tenuto a East Kilbride, in Scozia. May, che più tardi incontrerà la leader indipendentista di Edimburgo, Nicola Sturgeon, ha rivendicato il ruolo di una Gran Bretagna unita nel mondo, evidenziando fra l'altro le missioni militari all'estero, gli aiuti internazionali che fornisce, la sua capacità d'attrarre investimenti stranieri anche con la Brexit.

14:56Lei non gridò,assolto da violenza: insulti a giudice

(ANSA) - TORINO, 27 MAR - Insulti contro il giudice Diamante Minucci sono comparse questa mattina sui muri di fronte al tribunale di Torino. "Protegge gli stupratori" è la scritta realizzata in via Paolo Borsellino, corredata da una "A" cerchiata di anarchia. Minucci è il giudice che, lo scorso 15 febbraio, ha assolto un volontario della Croce Rossa accusato di violenza sessuale nei confronti di una collega perché, sono le motivazioni della sentenza, gli avrebbe detto "solo 'basta'", senza "gridare", "tradire emotività", chiedere aiuto. Il pm Marco Sanini, che ha sempre creduto nella vittima, aveva chiesto una condanna a dieci anni per l'imputato, difeso dagli avvocati Cosimo Maggiore e Vittorio Rossini. I giudici non hanno creduto al racconto della donna e hanno disposto la trasmissione degli atti in procura perché si proceda nei suoi confronti per calunnia. Sul caso il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, ha chiesto accertamenti preliminari. Dalla Procura di Torino fanno sapere che la scritta verrà "rimossa subito".

14:56Prostituta uccisa Bologna, omicida si sentiva preso in giro

(ANSA) - BOLOGNA, 27 MAR - L'avrebbe uccisa perché si sentiva preso in giro: sfruttato economicamente dalla donna alla quale nel corso degli anni aveva dato parecchi soldi (circa 40.000 euro) e di cui era innamorato, mentre lui per lei era solo un cliente. Sembra essere questo, secondo le indagini della squadra Mobile di Bologna, il movente dell'omicidio di Ana Maria Stativa, la trentenne romena trovata morta con un colpo alla nuca sabato pomeriggio nella sua abitazione di via Varthema, zona Murri. Il presunto assassino, reo confesso, è il 55enne Francesco Serra, operaio che abita a Cereglio di Vergato, sull'Appennino, in stato di fermo per omicidio aggravato premeditato. Oltre ad ammettere l'omicidio ha fatto ritrovare l'arma, una piccola pistola di quelle utilizzate per uccidere i maiali che si era fatto prestare da un amico allevatore, dicendogli che l'avrebbe utilizzata per uccidere un capretto. (ANSA).

Archivio Ultima ora