Trivelle e riforme: scontro tra Pd e opposizioni alla Camera

Pubblicato il 31 marzo 2016 da redazione

trivelle

ROMA. – Irrompe in Parlamento lo scontro sul referendum sulle concessioni per le trivellazioni e va a congiungersi con quello sulle riforme costituzionali, preludendo così alla Camera una battaglia nella settimana precedente al 17 aprile, quando l’Aula dovrà approvare definitivamente il ddl Renzi-Boschi. Le opposizioni vanno alla carica di governo e maggioranza chiedendo la chiusura di Montecitorio nella settimana del referendum, proprio la settimana in cui si dovrebbe votare il pacchetto delle riforme.

Intanto, prosegue la polemica interna al Pd tra minoranza e maggioranza sulla questione del referendum sulle trivelle, con alcuni esponenti della maggioranza Dem che si dicono pronti a votare sì. La conferenza dei capogruppo della Camera si è riunita per organizzare i lavori dell’Aula e le opposizioni hanno chiesto una interruzione delle sedute nella settimana precedente al 17 aprile, così da poter fare più agevolmente la campagna referendaria.

Un fatto già avvenuto in altri referendum ma che si scontra con una decisione precedentemente presa, quella di fissare a martedì 12 aprile il voto finale sulle riforme costituzionali. Le opposizioni hanno proposto una slittamento di una settimana, al 19 aprile, di questo voto, con l’impegno a concluderlo in quella giornata. Ma il capogruppo del Pd Ettore Rosato è stato irremovibile. E altrettanto ferma è scattata la reazione delle opposizioni che hanno preannunciato l’ostruzionismo.

Renato Brunetta, poi non ha dubbi: “è vero che ci eravamo impegnati a votare le riforme il 12 aprile, ma è per questo che hanno fissato il referendum il 17: per affossarlo mediaticamente con questa loro vittoria parlamentare”. Ma c’è anche un non detto: la legge attuativa del referendum costituzionale dice che esso si deve tenere tra il 50esimo e il 70esimo giorno dalla sua indizione. Quindi l’approvazione della riforma il 12 aprile rende teoricamente possibile svolgerlo il 5 giugno, data annunciata dal ministro Alfano per il primo turno delle amministrative. Basterebbe che già il 13 tutti i parlamentari della maggioranza firmassero per chiederlo.

Questo scenario, piuttosto improbabile, non fa che aumentare le tensioni tra maggioranza e opposizioni. E’ invece bipartisan un appello lanciato da un gruppo di senatori appartenenti a tutti i partiti, che hanno invitato non solo a recarsi il 17 aprile a votare, ma anche a barrare la casella “Sì”. Tra essi senatori delle opposizioni (Loredana De Petris di Sel, Emilio Floris e Antonio D’Al di Fi, Francesco Bruni di Cor, l’ M5s Francesco Campanella), ma anche di Ala (Antonio Scavone, Giuseppe Compagnone, Giuseppe Ruvolo e Francesco Amoruso) e della maggioranza, come Giuseppe Marinello di Ncd e i Dem Laura Puppato e Giampiero Dalla Zuanna.

Questi ultimi non sono certo della minoranza interna, come ha sottolineato Puppato, che ha annunciato l’intenzione di sollevare il problema lunedì prossimo alla Direzione. Puppato ha messo in guardia Renzi ricordando come nel 2011 il referendum sul nucleare raggiunse il quorum, nonostante il governo avesse scelto una data scomoda (12 giugno) per farlo mancare. E anche Vannino Chiti ha esortato il Pd a non puntare sul non voto.

Ma proprio sulla legittimità di questa scelta, i renziani, con Andrea Marcucci, Alessia Rotta e Andrea Romano, hanno replicato allo stesso Chiti e a Pierluigi Bersani, che ieri aveva invitato a recarsi alle urne: nel 2003, nel referendum sull’articolo 18, entrambi dissero che non votare era legittimo al fine di far mancare il quorum.

(di Giovanni Innamorati/ANSA)

Ultima ora

09:32Terremoti: scossa magnitudo 4,9 in Nuova Zelanda

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - Una scossa di terremoto di magnitudo 4,9 é stata registrata oggi circa 14 chilometri a sudovest di Kaikoura, in Nuova Zelanda, ad una profondità di 10 chilometri: lo rende noto l'Istituto geofisico americano (Usgs). Per ora non si hanno notizie di vittime o danni.

09:28Referendum autonomia, Lombardia vota, seggi aperti fino a 23

(ANSA) - MILANO, 22 OTT - Oggi in Lombardia si vota per il referendum sull'autonomia. Seggi aperti dalle 7 alle 23 per la prima consultazione elettronica in Italia: la scheda cartacea è infatti sostituita da tablet sul quale si può votare sì, no o scheda bianca. Nel quesito si chiede all'elettore se è favorevole all'avvio di una trattativa con il governo per trasferire alla Lombardia le 20 competenze concorrenti e le tre negoziabili previste dalla Costituzione e le relative risorse. In Lombardia non è previsto un quorum.

09:18Referendum autonomia, seggi aperti in Veneto

(ANSA) - VENEZIA, 22 OTT - Apertura regolare alle 7 dei seggi per il referendum consultivo sull'autonomia del Veneto. Il governatore Luca Zaia ha votato appena aperto il seggio nella scuola a San Vendemiano (Treviso). Sono oltre quattro milioni gli aventi diritto di voto in Veneto. Sulla scheda il quesito è "vuoi che alla regione del Veneto siano attribuite ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia?". Il referendum consultivo veneto prevede un quorum del 50% più uno degli aventi diritto al voto. Le urne resteranno aperte fino alle 23.

08:06Uragani: cinque ex presidenti Usa insieme per raccolta fondi

(ANSA) - WASHINGTON, 22 OTT - Cinque ex presidenti insieme per chiedere agli americani di fare donazioni per le vittime degli uragani che nelle ultime settimane hanno colpito Texas, Florida, Puerto Rico e le Isole Vergini. Jimmy Carter, Bill Clinton, Barack Obama, Bush padre e figlio sono comparsi al concerto di beneficienza al campus della Texas A&M University di Austin, dove ha fatto una apparizione a sorpresa anche Lady Gaga. Tutti hanno fatto brevi dichiarazioni, tranne il 93/enne George W. Bush, che soffre di una forma di Parkinson ed era su una sedia a rotelle. Nessuno ha fatto riferimenti a Donald Trump. Finora la raccolta fondi tramite l'iniziativa One America appeal for hurricane relief ha raggiunto i 31 milioni di dollari, con donazioni da oltre 80 mila persone.

08:01Corea Nord: ex presidente Carter disposto andare a Pyongyang

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - L'ex presidente americano Jimmy Carter, 93 anni, si é detto disposto ad andare in missione diplomatica in Corea del Nord per conto del presidente Donald Trump in un momento di crescenti tensioni tra i due Paesi sulla questione delle armi nucleari. "Sì, io ci andrei", ha detto Carter alla giornalista Maureen Dowd del New York Times - riporta Fox News - rispondendo a una domanda su una sua eventuale disponibilità a recarsi a Pyongyang in missione diplomatica. Carter, che in passato ha già incontrato i leader nordcoreani, ha ammesso di essere "spaventato" dalla "situazione" attuale: "Non so cosa faranno", ha commentato, "perche' vogliono salvare il loro regime. E noi sovrastimiamo notevolmente l'influenza della Cina sulla Corea del Nord. In particolare su Kim Jong-un, che per quanto ne so non é mai stato in Cina". Carter ha poi definito Kim "imprevedibile".

01:37Razzismo:Sarri,noi non tutelati quando ci gridano ‘terroni’

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - ''Ci sono forme di razzismo che vengono tutelate e a noi, quando ci gridano 'terroni' oppure 'Vesuvio lavali col fuoco' non ci viene concessa la stessa tutela: questo mi fa arrabbiare''. Il tecnico del Napoli Maurizio Sarri risponde così ad una domanda sulla sua protesta nei confronti dell'arbitro Irrati nel corso del match del san Paolo contro l'Inter.

00:45F1: Usa, Hamilton in pole, seconda Ferrari Vettel

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - La Mercedes di Lewis Hamilton ha conquistato la pole position del Gran Premio degli Stati Uniti. Sulla pista di Austin in Texas, il leader del Mondiale ha preceduto la Ferrari di Sebastian Vettel e il compagno di scuderia Valtteri Bottas. Quinta l'altra Ferrari di Kimi Raikkonen. Quarta posizione per la Red Bull di Daniel Ricciardo (stesso tempo di Raikkonen ma stabilito prima), mentre sesto tempo per il compagno di scuderia Max Verstappen che dovrà scontare una penalità di 15 posizioni in griglia per aver sostituito la Power Unit. Settimo crono per la Force India di Ocon davanti alla Renault di Sainz ed alla McLaren di Alonso. Decima l'altra Force India di Perez davanti alla Williams di Massa.

Archivio Ultima ora