Gentiloni, l’Italia ha salvato 3.700 migranti in 5 giorni

Pubblicato il 31 marzo 2016 da redazione

Centinaia di migranti partiti dalle coste della Libia stanno cercando di raggiungere l'Italia a bordo di diversi gommoni. Dopo le sei operazioni portate a termine dalla Guardia Costiera nelle prime ore della mattina - con 750 migranti salvati e due cadaveri recuperati da nave Diciotti - sono attualmente in corso altre cinque operazioni di salvataggio nei confronti di almeno sei gommoni. Impegnate nave Aviere della Marina Militare, inserita nel dispositivo Mare Sicuro, e la nave norvegese Siem Pilot. ANSA/MARINA MILITARE

Centinaia di migranti partiti dalle coste della Libia stanno cercando di raggiungere l’Italia a bordo di diversi gommoni. Dopo le sei operazioni portate a termine dalla Guardia Costiera nelle prime ore della mattina – con 750 migranti salvati e due cadaveri recuperati da nave Diciotti – sono attualmente in corso altre cinque operazioni di salvataggio nei confronti di almeno sei gommoni. Impegnate nave Aviere della Marina Militare, inserita nel dispositivo Mare Sicuro, e la nave norvegese Siem Pilot.
ANSA/MARINA MILITARE

ROMA. – Quasi 3.000 migranti soccorsi dall’Italia nel canale di Sicilia soltanto ieri, 3.700 profughi negli ultimi cinque giorni. Se dal fronte orientale della più grave crisi umanitaria dei nostri tempi l’Austria ha annunciato il rafforzamento della sicurezza ai propri confini, su quello meridionale, che vede l’Italia in prima linea, l’inizio della primavera ha comportato una ripresa degli sbarchi a pieno regime. Serve un “aumento esponenziale della solidarietà globale”, è stato l’appello di Ban Ki-moon che ha aperto a Ginevra i lavori della conferenza di Alto livello delle Nazioni Unite sui rifugiati siriani.

“Siamo qui per affrontare la più grande crisi di rifugiati e sfollati del nostro tempo”, ha sottolineato il segretario generale dell’Onu che ha rivolto un appello ai rappresentanti di un centinaio di Paesi riuniti in Svizzera di “agire con solidarietà impegnandosi in percorsi nuovi e aggiuntivi per l’ammissione di rifugiati siriani”. Per l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr) almeno il 10% dei 4,8 milioni di rifugiati siriani fuggiti nei Paesi vicini hanno bisogno di un reinsediamento o un’altra forma di ammissione in un paese terzo.

“Si tratta di 480 mila persone, un numero relativamente piccolo, se paragonato ai milioni di rifugiati siriani ospitati da Turchia, Libano e Giordania”, ha precisato Ban Ki-moon. L’appello dell’Onu è stato subito raccolto dall’Italia che ha annunciato “un rafforzamento per accogliere 1.500 persone supplementari entro la fine del 2017”. Da Ginevra, dove ha illustrato l’iniziativa italiana dei corridoi umanitari, il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni ha, inoltre, promesso “procedure di facilitazione dei visti per i ricongiungimenti familiari”.

Numeri che però Oxfam giudica “irrisori” rispetto ai reali bisogni. La Conferenza di Ginevra – è il commento di Elisa Bacciotti, direttrice delle campagne di Oxfam Italia, “poteva essere un’opportunità per offrire un aiuto concreto alle migliaia di profughi che sono alla terribile ricerca di un posto sicuro. La montagna purtroppo però ancora una volta ha partorito il topolino”.

Al di là del caso specifico dei rifugiati siriani, “l’Italia è in prima linea nella crisi dei profughi ed ha salvato centinaia di migliaia di vite nel Mediterraneo, 3.700 solo negli ultimi cinque giorni”, ha sottolineato il titolare della Farnesina. I dati di queste ultime ore lo dimostrano. “I numeri registrati in questi giorni confermano una significativa ripresa della rotta migratoria nel Mediterraneo centrale”, è l’allarme lanciato da Emergency in Sicilia che, insieme con la Calabria, ha visto sbarcare sulle sue coste 2.800 migranti soltanto ieri.

E nella crisi dei profughi il dramma più grande è quello che riguarda i bambini. “Dall’inizio di marzo sono arrivate via mare in Italia circa 8.000 persone di cui almeno 1.100 minori, la quasi totalità dei quali non accompagnati”, ha ricordato Save the Children rinnovando l’appello al parlamento e al governo italiani “affinché dispongano la creazione di un sistema di accoglienza e protezione per i minori stranieri non accompagnati strutturato e integrato su tutto il territorio nazionale”.

Ultima ora

19:28Fuma con la figlia incinta accanto, automobilista multato

(ANSA) - TRENTO, 19 GEN - Multato a Trento dalla Polizia locale un automobilista perché stava fumando una sigaretta mentre al suo fianco c'era la figlia incinta. Gli agenti, verificato l'avanzato stato di gravidanza della giovane donna, hanno contestato e verbalizzato al conducente, un sessantenne del capoluogo, una sanzione si 110 euro per l'inosservanza della legge 3 del 16/01/2003, recentemente modificata dal decreto legislativo 16 gennaio 2016. L'articolo 51 della norma prevede il "divieto di fumare da parte del conducente di autoveicoli, in sosta o in movimento, e dei passeggeri a bordo degli stessi in presenza di minori di anni diciotto e di donne in stato di gravidanza".

19:26Pompieri su resti relitto Concordia per principio incendio

(ANSA) - GENOVA, 19 GEN - Principio di incendio sui resti del relitto della Concordia, la nave da crociera naufragata nel 2012 davanti alle coste dell'isola del Giglio e ora in superbacino per essere definitivamente smantellata. Sul posto sono accorsi i vigili del fuoco e le squadre antincendio del porto. Secondo quanto appreso, tutto sarebbe partito dalla coibentazione della sala macchine. L'intervento dei pompieri è terminato in pochi minuti.

19:25Terremoto: M5s cancella mobilitazione per voto dopo Consulta

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Il M5s ha deciso di cancellare, per rispetto del difficile momento che sta vivendo il Paese a causa delle conseguenze del terremoto, la manifestazione prevista a ridosso della sentenza della Corte Costituzionale sulla legge elettorale. E' quanto filtra da ambienti del M5s. I 5 Stelle avevano in programma di organizzare per il 24 sera un evento davanti il Parlamento per reclamare le urne elettorali.

19:21Craxi: Berlusconi, onorato ogni volta mio nome accostato suo

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "La sua eredita' politica, il socialismo riformatore,liberale, occidentale e' una delle parti migliori della tradizione politica del nostro Paese. La considero parte integrante del progetto politico che ho creato quando ho fondato Forza Italia, anche per impedire che l'Italia cadesse nelle mani della sinistra post-comunista. Continuo a credere che questa tradizione politica riformista, assieme a quella liberale e a quella cristiana, siano i fondamenti sui quali costruire il futuro dell'Italia Bettino Craxi e' anche un simbolo della dignita' della politica. Per questo sono onorato ogni volta che il mio nome viene accostato al suo, per quanto la cosa avvenga spesso con intenti polemici, come qualche giornale ha fatto anche oggi". Lo afferma Silvio Berlusconi in un passaggio della lettera inviata alla famiglia di Bettino Craxi.

19:21Usa: ex presidente Bush e moglie ancora in ospedale

(ANSA) - NEW YORK, 19 GEN - L'ex Presidente degli Stati Uniti George H. W. Bush e la moglie Barbara restano in ospedale a Houston, lui ricoverato in terapia intensiva, lei sotto antibiotici e in osservazione con sintomi di tosse e affaticamento. L'ex capo della Casa Bianca, che ha 92 anni, "ha subito una piccola operazione per liberare le vie aeree, che ha richiesto l'anestesia", ha detto il portavoce della famiglia, Jim McGrath. Alla base dell'intervento, "una crisi respiratoria acuta provocata dalla polmonite", ha spiegato. Quanto a Barbara, che ha un anno meno del marito, non si sentiva bene da un paio di settimane "e ha deciso di mettere la faccenda in mano agli esperti". Inizialmente i medici avevano pronosticato di dimettere lui entro la settimana, ma adesso ci hanno ripensato e non c'è ancora una data per rimandarlo a casa. Idem per la moglie: l'ospedale vuole vedere come reagisce alle terapie. I Bush hanno festeggiato il 6 gennaio il 72esimo anniversario di matrimonio, il più lungo nella storia dei presidenti Usa.

19:16Prodi da Gentiloni a Palazzo Chigi

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Incontro a Palazzo Chigi tra il premier Paolo Gentiloni e Romano Prodi. L'ex premier è arrivato da solo a piedi a Palazzo Chigi verso le 14,50 e si è intrattenuto con il presidente del consiglio per poco più di un'ora. Alla domanda sul motivo della visita, l'ex presidente della commissione Ue non ha risposto.

19:16Terremoto: Mattarella, nessuno sforzo viene risparmiato

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "Nessuno sforzo viene risparmiato nel tentativo di salvare vite umane e di soccorrere le persone in difficolta'. Ringrazio per la loro abnegazione i soccorritori che operano in condizioni estreme provocate dalla contemporaneita' di scosse sismiche e di eccezionali nevicate. Questa condizione richiede alla comunita' nazionale grande unita'. Ognuno, per la sua parte, deve agire con intelligenza e responsabilita' per contribuire ad alleviare le sofferenze delle persone coinvolte". Lo dice il presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Archivio Ultima ora