Renzi: l’Italia è cambiata, chi sbaglia paga

Pubblicato il 01 aprile 2016 da redazione

L'ex ministro Federica Guidi

L’ex ministro Federica Guidi

WASHINGTON. – Mentre in Italia infuria la polemica sul caso Guidi, con le opposizioni pronte alla mozione di sfiducia al governo, Matteo Renzi è lontano. Dall’altra parte dell’oceano, in America. La vicenda è arrivata mentre lasciava Boston per Washington. E dopo una prima reazione a caldo di irritazione, e quella lettera scritta in tarda sera alla ormai ex responsabile dello sviluppo economico, il premier fa passare la nottata per mettere a punto la sua strategia.

Si consulta con i suoi, triangola telefonate con Roma, e di prima mattina convoca i giornalisti a Villa Firenze, la residenza dell’ambasciatore italiano a Washington. Per andare al contrattacco. E tentare di girare in positivo una vicenda che rischia di diventare un boomerang, anche in vista del prossimo referendum sulle trivelle che – e lui lo sa bene – potrebbe trasformarsi in un voto pro o contro il suo governo.

Il premier decide così di rilanciare. Per dimostrare quanto l’Italia sia cambiata: basta una telefonata inopportuna, e quella del ministro Federica Guidi lo era, e “ci si dimette”, ripete prima tra i divani della residenza, poi davanti alle telecamere. ‘Ora chi sbaglia paga’, a differenza di quanto accadeva nel passato, rimarca citando il caso di Annamaria Cancellieri (per le telefonate su Jonella Ligresti).

Lui, all’epoca sindaco di Firenze, chiese le dimissioni ma il governo Letta non le ritenne opportune. Oggi – è il messaggio che cerca di lanciare – anche in questo c’è un importante cambio di passo. Il premier si mostra tranquillo. Difende a spada tratta il progetto di Tempa Rossa – “è sacrosanto”, dice – ma anche e soprattutto il ministro Boschi che ha compiuto solo un “atto dovuto”.

E’ il ministro dei rapporti con il parlamento e quell’emendamento era relativo ad un progetto del Governo che “io stesso avevo annunciato”, è il ragionamento di Renzi che tenta di minimizzare anche la possibile mozione di sfiducia. Si dice pronto a presentarsi davanti alle Camere. Quella mozione non lo preoccupa, è il suo messaggio quando, nella splendida veranda fronte parco della prestigiosa residenza italiana, parla di una delle “iniziative settimanali o quindicinali” dell’opposizione.

In ballo non c’è solo la questione Guidi che vorrebbe liquidare come un incidente di percorso, pronto all’interim e alla nomina del successore, ma anche la data del 17 aprile. Quella del referendum sulle trivelle che rischia di ‘polarizzare’ le tensioni. Sa che difficilmente si raggiungerà il quorum. Ma un po’ di preoccupazione si inizia a respirare. Il rischio è che anche il caso Guidi getti benzina sul fuoco e che quel voto possa trasformarsi in un ‘test’, cavalcato dalle opposizioni, su di lui. Sul suo governo.

Dopo la lunga chiacchierata con i giornalisti che lo hanno seguito nel suo tour americano (ha toccato quattro stati in 4 giorni in una sorta di road show del sistema paese di cui si dice più che soddisfatto), scappa al vertice sul nucleare con Obama, mentre da Roma il suo Pd cerca di fargli sponda. Con una campagna sui social in cui si contrappone il caso Cancellieri con quello Guidi: ad una domanda su ‘telefonata inopportuna’, due foto ritraggono la prima con la scritta ‘no dimissioni’, e l’altra con la scritta “dimissioni immediate”.

(dell’inviata Marina Perna/ANSA)

Ultima ora

16:41Trump, stampa resta a Casa Bianca ma sceglieremo

(ANSA) - WASHINGTON, 18 GEN - Donald Trump ha annunciato in una intervista alla Fox che la sua amministrazione non sposterà il briefing con i giornalisti in uno spazio piu' ampio fuori della Casa Bianca, ipotesi che aveva suscitato proteste e timori, ma che sceglierà i rappresentanti dei media che entreranno perché c'é una forte richiesta. "Supplicheranno per una sala più grande molto presto", ha sottolineato.

16:30Mali: autobomba a base militare, morti salgono a 50

(ANSA) - GAO (NIGERIA), 18 GEN - E' salito ad almeno 50 soldati morti e un centinaio feriti il bilancio di un'autobomba esplosa questa mattina nel nord del Mali contro una base militare. Lo hanno riferito fonti militari locali. Sebbene manchi ancora la rivendicazione le autorità puntano il dito contro i gruppi estremisti islamici attivi in queste regioni del Paese. L'attacco ha colpito una base nella città di Gao che ospita oltre ai militari anche centinaia di ex combattenti che hanno siglato accordo di pace con il governo.

16:26Terremoto: Protezione civile, nessuna vittima nelle Marche

(ANSA) - ANCONA, 18 GEN - ''Non sono segnalate vittime'' al momento nelle Marche dopo le tre scosse di terremoto di stamani, ma ''il resoconto dei crolli è reso difficoltoso dalla neve, che in alcune aree ha raggiunto cumuli di 3-4 metri''. Lo rende noto la Protezione civile regionale. Tutti i comuni del versante ascolano, maceratese e fermano sono innevati e le nuove scosse hanno innescato una serie di piccole slavine. Trentamila sono le utenze senza corrente elettrica, con le maggiori criticità nell'Ascolano. 60 Comuni chiedono turbine e personale.

16:21Calcio: Roma, Spalletti,su mercato ci serve giocatore pronto

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "Il mercato? Io ritegno la rosa della Roma forte e mi va bene così, ma se va via un giocatore allora va sostituito in funzione del periodo in cui giocheremo tantissime partite. Ma non cerchiamo 'apprendisti', ci serve un giocatore dal rendimento sicuro, pronto, che è dentro il nostro calcio e nella mentalità della squadra che deve vincere le partite. Se possibile ci serve un calciatore così, con questo profilo, un centrocampista offensivo, attaccante esterno". Questo il punto di vista di Luciano Spalletti su quello che serve alla sua Roma. Il tecnico, alla vigilia della gara di Coppa Italia con la Sampdoria, si è poi soffermato anche su alcuni nomi accostati alla squadra giallorossa: "Musonda? Conte ne parla benissimo, ma non c'è tempo per lavorare con lui. E noi non possiamo permetterci di perdere nemmeno un secondo. Io ho chiesto un solo giocatore alla società - ribadisce -. Italiano? Sarebbe un valore in più. Defrel? Lui è forte, ma non sono io a dover fare i nomi, peraltro non aiuterebbe''.

16:18Sci:Cdm, Nyman più veloce in prova Kitzbuehel,Innerhofer 8/o

(ANSA) - KITZBUEHEL (AUSTRIA), 18 DIC - Lo statunitense Steven Nyman in 1.57.25 e' stato il più' veloce nella prima prova di discesa sui 3.312 metri della Streif di Kitzbuehel, la pista piu' spettacolare e difficile del mondo. Secondo tempo per lo svizzero Beat Feuz in 1.57.62 e terzo per il francese Johann Clarey n 1.58.20. Miglior azzurro e ottavo tempo in 1.58.42 per Christof Innerhofer. Più' indietro Mattia Casse 11/o in 1.58.55 con Dominik Paris 16/ in 1.58.80 ex aequo con Peter Fill. La prova si e' svolta con dieci gradi sotto zero ma con un bel sole ed un innevamento perfetto. Per molti atleti questa prima prova e' stata soprattutto uan presa di contatto con la Streif. La seconda ed ultima prova di domani dovrebbe dare indicazioni piu' precise. Il programma di Kitzbuehel prevede per venerdi' un superg, sabato la classica discesa e domenica uno slalom speciale. Vincitore della discesa dello scorso anno e' stato Peter Fill che si impose in una gara drammatica che fu chiusa dopo la prova dei primi trenta atleti

16:15Popolarità Obama al 60%,uno dei presidenti più amati

(ANSA) - NEW YORK, 18 GEN - Se Donald Trump e' il presidente eletto meno popolare della storia Usa, Barack Obama e' uno dei presidenti uscenti piu' amati dagli americani. La sua popolarita' - secondo un sondaggio di Cnn/Orc - e' ai livelli del 2009, quando si insedio' sulle ali dell'entusiasmo per l'elezione del primo presidente afroamericano. Il suo rating e' al 60%. Solo Bill Clinton (66%) e Ronald Reagan (64%) fecero meglio. Il 65% considera la presidenza Obama un successo. Oggi la sua ultima conferenza stampa.

16:11Wikileaks: ‘Assange pronto a rientrare negli Usa’

(ANSA) - NEW YORK, 18 GEN - Julian Assange e' pronto a farsi estradare negli Stati Uniti. Lo riportano alcuni media americani e britannici citando un legale del fondatore di Wikileaks. Assange la scorsa settimana aveva promesso di consegnarsi agli Usa se Barack Obama avesse concesso la grazia a Chelsea Manning.

Archivio Ultima ora