Renzi: l’Italia è cambiata, chi sbaglia paga

Pubblicato il 01 aprile 2016 da redazione

L'ex ministro Federica Guidi

L’ex ministro Federica Guidi

WASHINGTON. – Mentre in Italia infuria la polemica sul caso Guidi, con le opposizioni pronte alla mozione di sfiducia al governo, Matteo Renzi è lontano. Dall’altra parte dell’oceano, in America. La vicenda è arrivata mentre lasciava Boston per Washington. E dopo una prima reazione a caldo di irritazione, e quella lettera scritta in tarda sera alla ormai ex responsabile dello sviluppo economico, il premier fa passare la nottata per mettere a punto la sua strategia.

Si consulta con i suoi, triangola telefonate con Roma, e di prima mattina convoca i giornalisti a Villa Firenze, la residenza dell’ambasciatore italiano a Washington. Per andare al contrattacco. E tentare di girare in positivo una vicenda che rischia di diventare un boomerang, anche in vista del prossimo referendum sulle trivelle che – e lui lo sa bene – potrebbe trasformarsi in un voto pro o contro il suo governo.

Il premier decide così di rilanciare. Per dimostrare quanto l’Italia sia cambiata: basta una telefonata inopportuna, e quella del ministro Federica Guidi lo era, e “ci si dimette”, ripete prima tra i divani della residenza, poi davanti alle telecamere. ‘Ora chi sbaglia paga’, a differenza di quanto accadeva nel passato, rimarca citando il caso di Annamaria Cancellieri (per le telefonate su Jonella Ligresti).

Lui, all’epoca sindaco di Firenze, chiese le dimissioni ma il governo Letta non le ritenne opportune. Oggi – è il messaggio che cerca di lanciare – anche in questo c’è un importante cambio di passo. Il premier si mostra tranquillo. Difende a spada tratta il progetto di Tempa Rossa – “è sacrosanto”, dice – ma anche e soprattutto il ministro Boschi che ha compiuto solo un “atto dovuto”.

E’ il ministro dei rapporti con il parlamento e quell’emendamento era relativo ad un progetto del Governo che “io stesso avevo annunciato”, è il ragionamento di Renzi che tenta di minimizzare anche la possibile mozione di sfiducia. Si dice pronto a presentarsi davanti alle Camere. Quella mozione non lo preoccupa, è il suo messaggio quando, nella splendida veranda fronte parco della prestigiosa residenza italiana, parla di una delle “iniziative settimanali o quindicinali” dell’opposizione.

In ballo non c’è solo la questione Guidi che vorrebbe liquidare come un incidente di percorso, pronto all’interim e alla nomina del successore, ma anche la data del 17 aprile. Quella del referendum sulle trivelle che rischia di ‘polarizzare’ le tensioni. Sa che difficilmente si raggiungerà il quorum. Ma un po’ di preoccupazione si inizia a respirare. Il rischio è che anche il caso Guidi getti benzina sul fuoco e che quel voto possa trasformarsi in un ‘test’, cavalcato dalle opposizioni, su di lui. Sul suo governo.

Dopo la lunga chiacchierata con i giornalisti che lo hanno seguito nel suo tour americano (ha toccato quattro stati in 4 giorni in una sorta di road show del sistema paese di cui si dice più che soddisfatto), scappa al vertice sul nucleare con Obama, mentre da Roma il suo Pd cerca di fargli sponda. Con una campagna sui social in cui si contrappone il caso Cancellieri con quello Guidi: ad una domanda su ‘telefonata inopportuna’, due foto ritraggono la prima con la scritta ‘no dimissioni’, e l’altra con la scritta “dimissioni immediate”.

(dell’inviata Marina Perna/ANSA)

Ultima ora

14:52Catalogna: accordo Pp e Pse per voto a gennaio

(ANSA) - MADRID, 20 OTT - Il premier spagnolo Mariano Rajoy e il leader Psoe Pedro Sanchez hanno concordato di convocare in gennaio elezioni anticipate in Catalogna se la regione ribelle sarà commissariata con l'art. 155 della costituzione, riferisce La Vanguardia citando la dirigente socialista Carmen Calvo. "Si, Sanchez ritiene che il 155 servirà a portare la Catalogna alle elezioni" ha detto Calvo, che negozia per il Psoe con il governo sul 155, che il governo attiverà domani. Il governo spagnolo dovrebbe prendere il controllo fra l'altro dei Mossos d'Esquadra e della tv pubblica catalana Tv3 grazie all'art.155 della costituzione che attiverà domani, ha detto la socialista Carmen Calvo che negozia per il Psoe il 'commissariamento' della Catalogna. Secondo Calvo, citata dai media catalani, Madrid controllerà anche le finanze catalane e parte delle competenze del presidente Carles Puigdemont.

14:35Bankitalia: Orfini a Calenda, non incidente, è democrazia

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - "Il Parlamento che esprime una valutazione non è "un incidente". È democrazia". Lo scrive su Twitter il presidente del Pd Matteo Orfini, commentando le parole di Carlo Calenda su Bankitalia".

14:35Bankitalia: Gentiloni, non parlo nemmeno sotto tortura

(ANSA) - BRUXELLES, 20 OTT - "Sulle soluzioni per Bankitalia non parlo neanche sotto tortura né un tanto al chilo, è un compito rilevante che spetta in parte al Governo, c'è una procedura che investe diverse istituzioni, il Governo prenderà le sue decisioni nel rispetto dell'autonomia della banca. Non facciamo indiscrezioni o cose di questo genere": lo ha detto il premier Paolo Gentiloni al termine del vertice Ue.

14:34Fidanzati uccisi: Procura chiede ergastolo per Ruotolo

(ANSA) - TRIESTE, 20 OTT - La condanna all'ergastolo con due anni di isolamento diurno è stato chiesto per Giosuè Ruotolo dal pubblico ministero Pier Umberto Vallerin nel processo per il duplice omicidio della coppia di fidanzati, Teresa Costanza e Trifone Ragone, uccisi la sera del 17 marzo 2015 nel parcheggio del palazzetto dello sport di Pordenone. "Ruotolo ha commesso gli omicidi per salvare la sua carriera", ha affermato il pm nelle ultime battute della sua lunga requisitoria cominciata ieri davanti alla Corte d'Assise di Udine. "L'odio verso Trifone e la gelosia verso Teresa lo avevano assalito già da tempo. Togliendoli di mezzo sparivano due rivali, due minacce viventi, due persone verso cui covava odio già da tempo. E il suo futuro sarebbe tornato ad essere roseo", ha aggiunto. Il processo riprenderà lunedì 23 ottobre con gli interventi delle parti civili.

14:25Tusk, esagerato parlare blocco su Brexit

(ANSA) - BRUXELLES, 20 OTT - "Dire che i progressi non sono sufficienti non significa che non ci sono progressi". Lo ha detto il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk in merito ai negoziati della Brexit che definisce "esagerate" le insistenze sulle difficoltà dei colloqui. I progressi "non sarebbero stati possibili senza il nuovo slancio dato dal discorso di Firenze della May", ha aggiunto, sottolineando di "sperare di potere passare alla fase 2 del negoziato a dicembre".

14:24Bankitalia: SI a Boldrini, governo riferisca a Camera

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - Il gruppo di Sinistra Italiana alla Camera, in una lettera inviata alla presidente Laura Boldrini, ha chiesto, a quanto si apprende, che il governo riferisca in Aula sulla vicenda Bankitalia. Nella lettera, firmata dal capogruppo Giulio Marcon e dal deputato Giovanni Paglia, SI evidenzia "i motivi di viva preoccupazione rispetto alla vicenda che, da giorni, domina le cronache giornalistiche e che si sta pericolosamente allargando a macchia d'olio coinvolgendo diversi livelli istituzionali e gettando nella bufera il governo".

14:23Card. Bassetti, liberi di emigrare ma non per disperazione

(ANSA) - PERUGIA, 20 OTT - "Siamo tutti liberi di emigrare dal nostro Paese, ma questo non può avvenire per disperazione": lo ha detto il presidente della Cei, Gualtiero Bassetti, intervenendo a un convegno a Perugia sul tema "Giovani e il lavoro che (non) c'è", alla presenza di più di 300 studenti. "L'Italia, che ha bisogno di nuove energie morali, ha bisogno di tutti noi - ha sottolineato Bassetti - ma particolarmente di voi giovani, delle vostre antenne che ci spingono a guardare lontano, dei vostri talenti a cui noi, generazione adulta, dobbiamo dare chance e speranza". "Altrimenti - ha continuato - la fila di giovani che lasceranno l'Italia continuerà ad aumentare e i dati recentemente pubblicati dalla Fondazione Migrantes della Cei sono eloquenti e lasciano una profonda inquietudine". "Carissimi giovani, ci attende una grande missione - ha aggiunto - quella di essere una presenza viva, autorevole e concreta, per tante attese che cogliamo nella povera gente e per il bene delle nostre famiglie e per il futuro dell'Italia".

Archivio Ultima ora