Il team Azimut pronto per l’Abu Dhabi Desert Challenge

Pubblicato il 01 aprile 2016 da redazione

coffaro foto

CARACAS – Ora ci penserà il deserto degli Emirati Arabi, e il caldo di solito asfissiante di questo Paese, a riportare con i piedi per terra tutti i partecipanti, e non saranno pochi.

La lista degli iscritti, si parla di 38 moto, quattro quad, e 62 vetture è un bel record se si pensa alle passate stagioni un po’ più povere, soprattutto nel settore delle due ruote. Sarà presente a questa nuova impresa anche il team Azimut, capitanato dall’italo-venezuelano Nunzio Coffaro con il suo navigatore Daniel Meneses

L’Abu Dhabi Desert Challenge è un rally raid che si svolge negli Emirati Arabi Uniti dal 1991. È prova valida per la seconda tappa della Coppa del mondo rally raid (auto) e il Campionato mondiale cross country rally (moto). Questa manifestazione é stata ideata ed organizzata dallo sceicco e pilota di rally Mohammed Bin Sulayem, attuale vicepresidente della FIA.

Dopo l’ottima prestazione nella gara d’esordio in Russia, dove nonostante la poca esperienza sulla neve e alle temperatura gelide, l’italo-venezuelano Nunzio Coffaro ed il suo navigatore hanno ottenuto un’ottima prestazione tagliando il traguardo in nona posizione.

Adesso sulle dune del deserto Rub Al Khali (che in lingua araba vuol dire ‘Il quarto vuoto’ , quarto inteso come quarta parte ed è il secondo più grande deserto di sabbia del mondo. Ricopre il terzo più meridionale della Penisola araba) puntano ad essere nuovamente protagonisti in positivo.

Per questa nuova avventura il pilota di origine siciliana dovrà lottare con le alte temperatura e la disidratazione.

“La disidratazione influisce molto nella prestazione física e mentale, puó causare gravi conseguenze fisiologiche. Gli effetti secondari possono essere la bassa concentrazione, mancanza di coordinazione e minima capacitá di reazione che possono causare incidenti tra i partecipanti. Per questo motivo bisogna mantenersi ben idratati, sará una delle maggiori prioritá in questa seconta tappa della coppa del mondo” comenta Coffaro.

Il pilota italo-venezuleano ed il suo navigatore conoscono bene questo percorso, hanno partecipato all’edizione del 2013 dove hanno tagliato il traguardo al dodicesimo posto. Questa esperienza gli permetterá di puntare almeno alla top ten, senza dimenticare che le dune sono i punti di forza del team, per questo motivo sono chiamati i ‘re delle dune’.

Il team Azimut, ha anche nel suo curriculum tre partecipazioni al rally Dakar, dove in gran parte del suo percorso i partecipanti attraversano deserti.

“Le dune sono la nostra specialitá, il percorso nella prova di Abu Dhabi ha questa caratteristica, per questo motivo la nostra meta è chiudere tra i primi classificati” afferma il pilota di origine siciliana.
Dopo la Abu Dhabi Desert Challenge, la Coppa del Mondo di Cross Country rally tornerà con la Sealine Cross Country, in Egitto.

(Fioravante De Simone/Voce)

Ultima ora

00:24Mondiali 2018: Montenegro-Polonia 1-2

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Vittoria esterna delle Polonia che ha battuto 2-1 Montenegro in una partita giocata a Podgorica e valida per il gruppo E delle qualificazioni al Mondiale del 2018. Ha aperto le marcature Lewandowski al 40' per la Polonia, pari di Mugosa al 62'. La rete della vittoria porta la firma di Piszczek all'81'.

00:22Mondiali 2018: Scozia-Slovenia 1-0

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - La Scozia ha battuto 1-0 la Slovenia in una partita giocata a Glasgow e valida per il gruppo F delle qualificazioni al Mondiale del 2018. La rete è stata segnata da Martin all'88'.

00:13Mondiali 2018: Irlanda del Nord-Norvegia 2-0

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - A Belfast l'Irlanda del Nord ha battuto 2-0 la Norvegia in una partita valida per il gruppo C delle qualificazioni ai mondiali di Russia 2018. Le reti sono state segnate da Ward al 2' e Washington al 32'.

23:28Calcio: Bari-Novara 0-0, pugliesi rallentano ancora

(ANSA) - BARI, 26 MAR - Il Bari, dopo la debacle di Trapani, rallenta ancora la sua marcia verso l'alta classifica pareggiando 0-0 con il Novara al San Nicola. Nonostante il sostegno dei 21mila sugli spalti, Floro Flores e Brienza non sono riusciti a scardinare l'ordinata difesa disposta da Boscaglia. Nella ripresa Floro Flores ha avuto due buone occasioni non concretizzate, mentre il Novara si è difeso con ordine. Nel finale c'è stato lo sterile forcing pugliese, ma l'innesto di Maniero per un attacco a due punte non ha accresciuto il potenziale balistico biancorosso e soprattutto non ha dato i risultati sperati. Il Bari sale a quota 47, mentre il Novara resta in scia con 46 punti.

22:32Ventenne pestato da branco ad Alatri, è morto a Roma

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - E' morto stasera all'Umberto I di Roma il ventenne di Alatri pestato a sangue in piazza nella città in provincia di Frosinone. Lo si è appreso da fonti investigative. Emanuele Morganti non ce l'ha fatta dopo ore di agonia ed un intervento chirurgico. Era stato aggredito due notti fa da un gruppo di persone dopo una lite in un locale nel centro storico del comune frusinate per difendere la fidanzata. Il pm della procura di Frosinone ed i carabinieri stanno interrogando alcuni sospettati.

21:49Marine Le Pen, ‘l’Ue morirà, la gente non la vuole più’

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - "L'Unione europea morirà perche' la gente non la vuole più". Ne è convinta Marine Le Pen, la candidata euroscettica alle presidenziali in Francia. Durante un comizio elettorale a Lille la leader del Front National ha rassicurato i suoi sostenitori che lasciare l'eurozona, come da lei proposto, "non trascinerebbe il Paese nel caos". "E' arrivato il tempo di sconfiggere i 'globalisti'. Il mio è un messaggio di libertà, emancipazione e liberazione", ha aggiunto Le Pen invitando "tutti i patrioti a riunirsi sotto la nostra bandiera".

21:40Atletica: Mondiali cross, il Kenya detta legge

(ANSA) - KAMPALA, 26 MAR - L'infinito dualismo tra Kenya ed Etiopia ha appena scritto un nuovo capitolo della sua storia ai Mondiali di corsa campestre. Oggi a Kampala, in Uganda, 12 sono le medaglie con la bandiera keniana (4 ori, 5 argenti e 3 bronzi), mentre 9 (4 ori, 4 argenti e 1 bronzo) quelle per i colori etiopi. I padroni di casa dell'Uganda festeggiano con tre podi (1 oro e 2 bronzi), poi Turchia, Eritrea e Bahrain si aggiudicano un bronzo a testa. Nella gara senior maschile si conferma il keniano Leonard Kamworor, mentre la connazionale Irene Cheptai vince il titolo fra le donne. Qui succede qualcosa mai verificatosi prima: 6 atlete ai primi 6 posti dell'ordine d'arrivo, tutte con la stessa bandiera, quella del Kenya che per il sesto anno consecutivo si aggiudica l'oro individuale Senior. La campionessa del mondo è Irene Cheptai, la meno pronosticata alla vigilia. Nell'Under 20, l'etiope Letesenbet Gidey ripete il successo femminile di due anni fa, invece l'ugandese Jacop Kiplimo conquista in casa l'oro juniores.

Archivio Ultima ora