Serie A: crollo Napoli e svolta scudetto, Juve fuga a +6

Pubblicato il 03 aprile 2016 da redazione

Napoli's Gonzalo Higuain (C) jubilates with his teammates Lorenzo Insigne (L) and Allan (R) after scoring the goal during the Italian Serie A soccer match Udinese Calcio vs SSC Napoli at Friuli stadium in Udine, Italy, 03 April 2016. ANSA/LANCIA

Napoli’s Gonzalo Higuain (C) jubilates with his teammates Lorenzo Insigne (L) and Allan (R) after scoring the goal during the Italian Serie A soccer match Udinese Calcio vs SSC Napoli at Friuli stadium in Udine, Italy, 03 April 2016.
ANSA/LANCIA

ROMA. – Il Napoli fa harakiri a Udine col suo simbolo Higuain che perde la testa e si fa espellere nel giorno in cui raggiunge il trentesimo gol in serie A. La Juve si tiene stretto il suo successo sull’Empoli nell’anticipo e può essere la svolta della corsa scudetto (+6). Ma i partenopei ora devono guardarsi anche alle spalle perché la Roma stravince il derby 4-1 dopo aver rischiato il 2-2: i giallorossi si riportano a quattro punti dal secondo posto e giocheranno in casa lo scontro diretto. Per i biancazzurri un’altra batosta, che costa la panchina a Stefano Pioli, sostituito da Simone Inzaghi, e una dura contestazione dei tifosi a Formello.

La Fiorentina perde l’ultimo autobus per la Champions lasciandosi imporre il pari della Samp e nel posticipo l’Inter la imita, battuta 2-1 in casa dal Torino. In vantaggio su rigore con Icardi, i nerazzurri si fanno rimontare da Molinaro e Belotti, anche lui da dischetto, finendo in nove per le espulsioni di Miranda e Nagatomo.

Piange anche l’altra Milano: il Milan perde a Bergamo nel giorno dell’addio di uno dei suoi campioni più amati, Cesare Maldini. Per Mihajlovic il capolinea è vicino. In chiave salvezza vittorie decisive di Udinese, Genoa (splendida tripletta di Suso) e Atalanta e punto importante per la Samp. Carpi, Frosinone e Palermo si batteranno per l’ultimo posto utile per la serie A del prossimo anno.

Giornata disastrosa per il Napoli che sente la pressione della Juve a +6 contro un’Udinese trasformata dalla cura De Canio. Fa tutto Bruno Fernandes un rigore segnato e uno sbagliato, poi una rovesciata spettacolare che riporta sopra il friulano dopo lo splendido pari di Higuain. Nella ripresa Thereau chiude i giochi, poi il Pipita rimedia la seconda ammonizione, protesta sventatamente per l’espulsione e si profilano per lui tre turni di stop. Per le ambizioni scudetto un colpo molto forte mentre l’Udinese fa un poderoso salto in avanti verso la salvezza.

La Roma parte nel derby senza ultrà col piede giusto: Perotti e Nainggolan fanno la differenza imponendo l’azione, poi El Shaarawi di testa trova l’angolino. I giallorossi galoppano e creano occasioni con la Lazio spaurita. Pjanic con una magia accarezza il palo, poi nella ripresa raddoppio di Dzeko, appena entrato, dopo un palo di Perotti. Fiammata della Lazio che colpisce un palo con Hoedt e una traversa di Parolo dopo prodezza di Szczesny, protesta per un intervento in area di Manolas su Keita.

La Roma si fa schiacciare e la Lazio passa con Parolo su assist di Klose dopo un’uscita sbagliata del portiere polacco, poi crea qualche pericolo. Ma la Roma reagisce e chiude la gara con un gran tiro di Florenzi e una conclusione impeccabile di Perotti.

Stenta parecchio la Fiorentina affrontando la Sampdoria: vantaggio di Ilicic su perla di Boja Valero, poi i liguri pareggiano con un gran tiro di Alvarez dopo un fallo non fischiato su Babacar. I viola colpiscono un legno su Ilicic su punizione ma c’è poco mordente nelle loro azioni e lasciano un punto alla Samp abbandonando i sogni di Champions.

Un’altra occasione persa per il Milan di Mihajlovic che va in vantaggio a Bergamo su rigore con Luis Adriano dopo un ingenuità di Stendardo. Ma l’Atalanta non si perde d’animo: pari con sforbiciata in sospensione di Pinilla, poi puntata vincente di Gomez e per i rossoneri è la quarta gara senza vittoria. Inoltre diventa dura anche per l’Europa League visto che il Sassuolo è a un punto.

Molti punti fermi nella lotta per la salvezza: dopo il duro ko del Carpi arriva anche quello del Frosinone a Genova: i rossoblù abbattono i laziali per 4-0 con una tripletta di Suso. Rimane pesante la posizione del Palermo affidato a Novellino che riesce ad annullare il primo vantaggio del Chievo ma poi i veneti prendono il largo. Per la volata salvezza a parte il Verona, che gioca domani in casa del Bologna e che sembra ormai spacciato, solo una si salverà tra Carpi, Frosinone e Palermo.

Ultima ora

19:18Bagnasco, preoccupa biotestamento, aiutare famiglie

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Aiutare le famiglie ancora in difficoltà per la crisi introducendo subito il Reddito d'Inclusione. E' questo l'appello del Presidente della Cei, il card. Angelo Bagnasco, alla politica, presa invece da altre questioni come il fine vita. E Bagnasco al proposito sottolinea: "Ci preoccupano non poco le proposte legislative che rendono la vita un bene ultimamente affidato alla completa autodeterminazione dell'individuo". Il Presidente Cei ha aperto i lavori del Consiglio Episcopale Permanente esprimendo "vicinanza solidale" alle popolazioni colpite dal terremoto e dal maltempo e ha sottolineato che "la tragedia ci sta consegnando il volto migliore del nostro Paese". Infine sugli scandali di alcuni preti: "sono motivo di dolore" ma non fanno diminuire "la stima e l'ammirazione" per i sacerdoti nel loro complesso, sempre "in prima linea".

19:12Usa: Bush padre fuori da rianimazione, Barbara Bush dimessa

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GEN - L'ex presidente degli Stati Uniti George H. W. Bush esce dall'unità di rianimazione dello Houston Methodist Hospital dove è ricoverato per polmonite, mentre la moglie -la ex first lady Barbara Bush- e' stata dimessa dallo stesso ospedale dove era stata ammessa per una forte bronchite qualche giorno dopo il marito. I medici del 92enne ex presidente hanno fatto sapere che le sue funzioni vitali risultano nella normalità e che l'intenzione e' di dimetterlo dalla unita' di rianimazione nelle prossime ore. George H. W. Bush era stato ricoverato il 14 gennaio con la diagnosi di polmonite. La moglie Barbara, che ha 91 anni, era stata a sua volta ricoverata pochi giorni dopo, il 18 gennaio.

19:11Protezione civile Marche, tutte le frazioni liberate

(ANSA) - ANCONA, 23 GEN - Tutte le frazioni delle Marche sono state liberate. Lo rende noto la Protezione civile regionale. Nell'Ascolano resta difficile il transito per una decina di frazioni, dove si continua a lavorare per sgomberare le strade dalla neve. Molte di queste frazioni comunque non sono abitate, dove invece ci sono persone, sono raggiunte ogni giorno per l'assistenza sanitaria e per fornire generi di prima necessità. Le utenze Enel ancora interrotte sono circa 200. Attivi ad Amandola (Fermo) e a Pieve Torina (Macerata) due centri a servizio degli allevatori per ritirare foraggi e mangimi. Intanto proseguono i sopralluoghi dei tecnici della Protezione civile per monitorare il rischio valanghe e i fronti nevosi verticali ai bordi delle strade: con l'aumentare delle temperature possono verificarsi scaricamenti di neve con conseguenti problemi per la circolazione.

19:02Governo: Pinotti, andrà avanti fino a quando avrà fiducia

(ANSA) - LA SPEZIA, 23 GEN - "Vale quanto ha già detto il presidente. Questo Governo resterà in carica fino a quando avrà la fiducia". Lo ha detto il ministro della Difesa Roberta Pinotti, a margine di una iniziativa nello Spezzino. "La penso come il presidente Paolo Gentiloni, fino a quando avremo la fiducia governeremo".

18:55Calcio: 25 anni Champions, nessuno come il Real

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Il Real Madrid era il club più vincente con la 'vecchia' Coppa dei Campioni, e dopo aver conquistato il titolo altre 5 volte dal 1993, i campioni in carica sono primi anche nell'era Champions. Ma non di molto. Dopo quasi 25 anni e oltre 220 partite a testa, appena 5 punti separano i merengue dai rivali storici del Barcellona in questa classifica non ufficiale pubblicata oggi dall'Uefa. Sul gradino più basso del podio c'è il Bayern Monaco, davanti a Manchester United, Arsenal e alle prime due italiane: Juventus(6/a) e Milan (7/o). In questi 25 anni, il Real Madrid è la squadra che ha giocato più partite (231), vinto più gare (136) e segnato più gol (483), ma ha anche subito più reti delle altre (247). Real Madrid e Barcellona hanno la stessa differenza reti (+236), anche se i catalani svettano nella classifica per percentuale di vittorie (59%, 131 vittorie in 222 partite), davanti al Real (58,8%, 136 vittorie in 231 partite).

18:54Usa: Obama ufficialmente un pensionato, 200mila dlr l’anno

(ANSA) - NEW YORK, 23 GEN - A soli 55 anni Obama è ufficialmente un pensionato dello Stato. Da ex presidente, infatti, percepirà una pensione federale da oltre 200mila dollari all'anno, la metà del suo stipendio da commander in chief, in più avrà la scorta a vita e copertura spese per viaggi, ufficio nonché copertura sanitaria. Secondo quanto scrive Cnn, le spese extra pensione per un ex presidente variano. Nel 2015, infatti, per Jimmy Carter sono state di 200mila dollari mentre per George W. Bush di 800mila dollari. Le pensioni e i benefit per gli ex presidenti risalgono al 1958. Furono istituite dopo che Harry Truman andò incontro a guai finanziari dopo la presidenza. Attualmente lo stipendio da presidente è di 400mila dollari all'anno. Durante la campagna elettorale, Trump aveva detto di volerci rinunciare se eletto alla Casa Bianca.

18:49Rigopiano: estratto corpo settima vittima, è una donna

(ANSA) - PENNE (PESCARA), 23 GEN - Sale a sette il bilancio ufficiale della valanga che si è abbattuta sull'hotel Rigopiano: i vigili del fuoco hanno individuato ed estratto poco fa dalle macerie il corpo di una donna. Il cadavere era in uno stanzino vicino alla zona della cucina e del bar. Si sta invece ancora lavorando per liberare il corpo della sesta vittima, individuata nella giornata di ieri.

Archivio Ultima ora