Usa 2016: Wisconsin, Cruz tenta lo sgambetto a Trump

Pubblicato il 04 aprile 2016 da redazione

New York Governor Mario Cuomo (L) reacts next to US Democratic presidential candidate Hillary Clinton at the conclusion of his campaign for economic justice victory rally for $15 dollars a day minimum wage and paid family leave at the Jacob K. Javits Convention Center in New York, New York, USA, 04 April 2016. EPA/JASON SZENES

New York Governor Mario Cuomo (L) reacts next to US Democratic presidential candidate Hillary Clinton at the conclusion of his campaign for economic justice victory rally for $15 dollars a day minimum wage and paid family leave at the Jacob K. Javits Convention Center in New York, New York, USA, 04 April 2016. EPA/JASON SZENES

WASHINGTON. – Le primarie in Wisconsin, stato del Midwest nella regione dei Grandi Laghi, potrebbero ridisegnare la corsa alla nomination repubblicana, sul piano matematico ma soprattutto psicologico. E prolungare il duello in casa democratica. I fari sono puntati, come sempre, sul frontrunner del Grand Old Party (Gop), Donald Trump, reduce dalla sua peggior settimana dopo le controverse prese di posizione sul suo campaign manager, sulla Nato, sull’aborto e sulle armi nucleari, con un calo nei sondaggi che lo rende sgradito al 67% degli elettori americani.

“Il Wisconsin sarà una grande sorpresa”, continua a promettere, convinto di smentire ancora una volta chi scommette su una sua battuta d’arresto. Ma nei sondaggi locali è dietro al senatore ultraconservatore Ted Cruz, il quale punta ad uno sgambetto che potrebbe interrompere il ‘momentum’ del tycoon.

I delegati in palio sono solo 42, assegnati con metodo maggioritario (una parte collegio per collegio, una parte sul totale statale): numeri che non consentono un sorpasso, ma una eventuale sconfitta del magnate, pur se non fatale, sarebbe significativa, rafforzando il fronte anti Trump anche all’ interno del partito.

Il Wisconsin è infatti un banco di prova particolare: popolato in gran parte da bianchi, working e middle class messe in difficoltà dalla crisi, insomma lo zoccolo duro del bacino elettorale di Trump e del senatore democratico Bernie Sanders, che qui possono contare su una destra e una sinistra molto radicali.

Per il ‘re del mattone’ perdere qui, dopo aver vinto negli stati più simili al Wisconsin, sarebbe una conferma del momento difficile della sua campagna. A mettergli i bastoni tra le ruote potrebbe essere inoltre il governatore repubblicano dello Stato, Scott Walker, riconfermato anche dopo i grossi tagli al settore pubblico e l’abolizione della contrattazione collettiva per i dipendenti pubblici: nei giorni scorsi si è schierato con Cruz.

Trump appare sempre più nervoso, tanto da lamentarsi con il suo partito del fatto che il governatore dell’Ohio John Kasich, ormai matematicamente impossibilitato a raggiungere la maggioranza dei delegati per la nomination, non abbandoni la corsa: “se non ci fosse, vincerei automaticamente”. Ma Kasich resta in gara proprio per impedirgli di raggiungere il quorum, sperando di giocarsi le sue carte in una convention ‘contestata’ o ‘aperta’, anche se in tal caso – secondo Politico – avrebbe più chance lo speaker della Camera Paul Ryan.

Cruz continua a credere nella rimonta, paragonando Trump ad un treno sfasciato e la sua nomination ad un sicuro disastro nella sfida con Hillary Clinton.

Nel Wisconsin i democratici mettono in palio 86 delegati con metodo proporzionale. I sondaggi danno Sanders avanti di poco, in uno stato che lo favorisce anche demograficamente (nelle primarie del 2008 nove elettori su dieci erano bianchi). Dopo aver strappato due stati vicini (Michigan e Minnesota), il senatore del Vermont la scorsa settimana si è aggiudicato i caucus nello stato di Washington, alle Hawaii e in Alaska, galvanizzando i suoi elettori e continuando ad attrarre finanziamenti (oltre 40 milioni di dollari in marzo).

Vincere con un piccolo margine non cambierebbe molto per lui sul piano matematico, lasciando pressochè invariato il suo svantaggio nel numero dei delegati. Ma sul piano psicologico otterrebbe una ulteriore spinta in vista delle prossime sfide, che deve assolutamente stravincere se vuole continuare a correre: la prima è New York (19 aprile), con 247 delegati.

Una sfida, quest’ultima, dove Hillary gioca in casa ma si mostra prudente usando tutte le sue carte, ad esempio mostrandosi con il governatore Andrew Cuomo mentre firma la legge sul salario minimo di 15 dollari, uno dei cavalli di battaglia di Sanders. I due rivali intanto continuano a litigare sulla data del dibattito tv prima del voto nella Grande Mela.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

16:49Comuni: Imperia, sindaco firma ordinanza anticlochard

(ANSA) - IMPERIA, 25 MAG - Il sindaco di Imperia Carlo Capacci, ha firmato l'ordinanza che vieta la dimora e il bivacco sul suolo pubblico della città, sostanzialmente una ordinanza anticlochard. Il provvedimento ha valenza su tutto il territorio comunale e in particolare nelle intersezioni stradali e vicino a queste, nelle vie e nelle piazze del centro abitato come individuato dall'apposita delibera di Giunta, in mercati e fiere e all'ingresso di cimiteri, ospedali e luoghi di culto e in corrispondenza di servizi commerciali o pubblici e scuole. "Vengono vietate le suddette attività mediante l'utilizzo di minori, anziani, disabili e lo sfruttamento di animali di affezione - è scritto nel documento -. Le forze dell'ordine e la polizia municipale sono incaricate della vigilanza e le violazioni alle disposizioni della presente ordinanza saranno puniti con sanzione amministrativa di un importo da 100 a 300 euro". "Se tutti mantenessimo un comportamento civile, non sarebbe necessario applicare norme di questo genere - commenta il sindaco -. Purtroppo l'uso improprio del suolo pubblico ha influito sulla qualità della vita dei cittadini di Imperia, qualità che secondo statistiche ufficiali si trovava in netto miglioramento. Per questo si è resa necessaria l'ordinanza: è doveroso da parte dell'Amministrazione garantire ai cittadini e ai visitatori la giusta sicurezza".(ANSA).

16:46‘Ndrangheta: faida Platì, carabinieri eseguono cinque fermi

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 25 MAG - I carabinieri del Ros e del Comando provinciale di Reggio Calabria hanno fermato cinque persone accusate di una serie di omicidi avvenuti tra la fine degli anni '90 ed i primi anni duemila nell'ambito della cosiddetta "faida di Platì" che contrappose all'epoca le famiglie Marando e Trimboli. I fermi sono stati fatti in esecuzione di provvedimenti emessi dalla Dda di Reggio Calabria. Le persone fermate sono Rosario Barbaro, di 77 anni, Saverio Trimboli (43), Rosario Marando (49), Bruno Polito (45) e Domenico Trimboli (36). Le indagini che hanno portato ai fermi sono partite dalla scomparsa nel 2002 di Pasquale Marando. I carabinieri hanno accertato che Marando fu ucciso ed il suo cadavere fatto sparire ad opera di esponenti della famiglia Trimboli con l'autorizzazione di Rosario Barbaro, capo del "locale" di Platì, intenzionato a ridimensionare i Marando, che insidiavano la sua leadership sul territorio. La faida finì dopo l'intervento della struttura sovraordinata del "Crimine".

16:45Brasile: Temer revoca decreto uso esercito a Brasilia

(ANSA) - RIO DE JANEIRO, 25 MAG - Passo indietro del presidente del Brasile, Michel Temer, che ieri aveva deciso di mobilitare le forze armate per difendere gli edifici pubblici a Brasilia contro le violenti proteste anti-governative scoppiate nella capitale federale: il decreto con il quale veniva autorizzato l'uso dell'esercito - rende noto Agencia Brasil - è stato revocato oggi dal capo di Stato, dopo le roventi critiche ricevute sia dall'opposizione che dalla maggioranza per la polemica scelta, che ha fatto subito pensare ai tempi della dittatura militare (1964-1985).

16:34Erdogan lascia incontro Tusk-Juncker scuro in volto

(ANSA) - BRUXELLES, 25 MAG - Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan è stato ricevuto all'Europa Building dal presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, e dal presidente della Commissione, Jean Claude Juncker. Al termine dell'incontro, sullo sfondo delle tensioni tra Ue e Turchia, non è stata fatta alcuna dichiarazione, ma il turco ha lasciato l'edificio scuro in volto. Il portavoce della Commissione Margaritis Schinas ha scritto su Twitter che "Ue e Turchia devono lavorare insieme e lo faranno". Ieri Erdogan aveva chiesto all'Ue di prendere una decisione sull'adesione della Turchia all'Ue, che non va trattata come un "mendicante" tenuto sulla porta. Prima di partire per Bruxelles aveva affermato che "l'Ue aspetta che sia la Turchia a ritirarsi". Nell'accordo con la Ue sui migranti è prevista la liberalizzazione dei visti, che è tenuta bloccata perché Amkara non rispetta 7 dei 'benchmark' richiesti dall'Ue, e l'apertura di nuovi capitoli negoziali, che si è allontanata dopo la repressione seguita al fallito golpe luglio.

16:27Calcio: Gattuso, non è passo indietro

(ANSA) - MILANO, 25 MAG - In attesa di firmare il contratto che lo porterà sulla panchina della Primavera del Milan, Gennaro Gattuso parla già con entusiasmo dell'esperienza che gli permetterà di tornare a lavorare in un posto che considera casa sua: "La proposta di allenare la Primavera è arrivata tre settimane fa. Secondo me è la scelta giusta, nessun passo indietro: torno in una società gloriosa che vuole essere di nuovo grande. Allenerò i giovani: spero di trasmettere il senso di appartenenza e farli migliorare. Ascolterò i consigli di Montella: è un tecnico preparatissimo, c'è solo da imparare".

16:26Gentiloni, a G7 Taormina non sarà confronto semplice

(ANSA) - BRUXELLES, 25 MAG - "A Taormina ci sarà un confronto su temi che interessano tutta l'umanità, come i cambiamenti climatici, i commerci, le migrazioni, i rapporti con l'Africa. Non sarà un confronto semplice, ma l'Italia, che ospita il vertice, cercherà di renderlo un confronto utile e capace di far convergere le posizioni": lo ha detto il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni arrivando al vertice Nato a Bruxelles. Gantiloni ha quindi detto che "l'Italia è impegnatissima in Iraq", dove ha la seconda forza militare dopo quella americana, "ma è importante sottolineare che l'impostazione non è solo militare, ma anche politica, coinvolgendo tutte le forze possibili per trovare soluzioni" a sfide come quella del terrorismo. "Il terrorismo si vince sul piano militare ma anche sul paino della cultura", come l'Italia sostiene da sempre, ha detto Gentiloni, che ha sottolineato come a questo fine sia utile l'"unità fra le due sponde dell'Atlantico".

16:22Università: dg Stranieri Perugia nuovo presidente Codau

(ANSA) - PERUGIA, 25 MAG - Il direttore generale dell'Università per Stranieri di Perugia Cristiano Nicoletti è il nuovo presidente del Codau, l'associazione nazionale costituita dai dg di tutti gli atenei italiani. E' stato eletto a Roma, insieme alla giunta, dai direttori generali delle 87 Università chiamate a partecipare al rinnovo delle cariche per il triennio 2017-2020. Per Nicoletti le priorità sono "promuovere una più forte cultura della qualità della didattica e della ricerca, snellire le procedure, incrementare l'internazionalizzazione, instaurare solidi rapporti di collaborazione con organizzazioni nazionali e sovranazionali, per scambi di esperienze e conoscenza per il miglioramento ed il consolidamento dell'integrazione a livello europeo ed extraeurope". "Il Codau - ha aggiunto - punterà a creare le basi per rendere l'università italiana più competitiva sullo scenario internazionale e per accrescere in questo modo la competitività del Paese". "Ma punterà anche - ha sottolineato Nicoletti - a rafforzare gli obiettivi nei rapporti sistematici con Ministeri, enti di ricerca, comitati di settore e altri organismi istituzionali per la promozione di studi congiunti, ricerche e proposte di soluzioni su problematiche attinenti la gestione finanziaria, tecnica e amministrativa delle nostre università". (ANSA).

Archivio Ultima ora