Stretta di Obama sulle imprese che fuggono all’estero

Pubblicato il 05 aprile 2016 da redazione

obama

NEW YORK. – Le regole sono uguali per tutti, anche per le grandi aziende. Barack Obama punta il dito contro le “insidiose” e “ingiuste” tax inversion, ovvero la pratica sempre più usata dalle big di Corporate America per sfuggire al fisco americano tramite fusioni e acquisizioni che consentono di spostare la residenza in Paesi con regimi fiscali più convenienti.

E plaude al Tesoro per la stretta decisa contro le fughe all’estero, con nuove regole per scoraggiare e rendere non redditizie questo tipo di transazioni. Stretta che arriva mentre lo scandalo dei Panama Papers scuote i palazzi del potere a livello globale. Lo scandalo mostra come “l’elusione fiscale è un problema globale”, afferma Obama. La Casa Bianca rassicura però sugli effetti economici della vicenda, e non intravede rischi per la ripresa globale.

Parole dure arrivano anche dall’Ocse. I Panama Papers “hanno gettato luce sulla cultura e sulla pratica della segretezza a Panama”, l’ultima “grossa fortezza che continua a permettere di nascondere fondi offshore alle autorità fiscali e giudiziarie”, mette in evidenza il segretario generale Angel Gurria, ricordando che l’Ocse da tempo ha messo in guardia dal rischio rappresentato da quei paesi non in linea con gli standard internazionali di trasparenza.

Lo scandalo “fa giustizia dei nostri sforzi nella lotta all’evasione”, spiega anche un portavoce della Commissione Europea che, nonostante tutto, non è però ancora riuscita a far passare l’idea di una ‘lista nera’ comune dei paradisi fiscali. Il conto delle inversioni fiscali, afferma Obama, lo paga la classe media: con le aziende all’estero le entrate fiscali dello stato calano, con riflessi sugli investimenti e su possibili sgravi sulle famiglie.

La fuga, inoltre, rischia di far salire l’imposizione sui lavoratori. Un danno quindi doppio per la classe media, già alle prese con una ripresa economica che non riesce pienamente a sentire. Per le aziende che le effettuano, invece, ci sono solo benefici: la sede viene spostata in paesi con aliquote più basse rinunciando sulla carta alla cittadinanza americana, ma continuando però a usufruire di tutti i benefici di avere una forte presenza, invariata rispetto a quella prima della fuga, negli Stati Uniti.

Dopo due ondate di norme senza successo, il Tesoro questa volta alza il tiro: il governo perseguirà i cosiddetti ‘serial inverter’, le grandi aziende create tramite varie operazione di inversione fiscale o acquisizioni di aziende americane. Per rendere meno appetibili le fughe all’estero, inoltre, il Tesoro impone che gli azionisti della società americana debbano avere fra il 50% e il 60% dell’azienda nata dalla fusione, il che obbliga a cercare un partner di taglia adeguata e scoraggia le operazioni in cui una società più piccola acquista quella pià grande americana.

Sopra tale quota si applicano dei paletti, che rendono più difficile l’accesso ai profitti realizzati all’estero. Le nuove regole mettono a rischio la maxi fusione da più di 100 miliardi di dollari fra Pfizer e Allergan, data già per quasi ”morta” dagli analisti.

Ultima ora

14:39Migranti tentano espatrio attraverso fogne, salvati

(ANSA) - VENTIMIGLIA (IMPERIA), 21 OTT - Due migranti sono stati soccorsi a Mentone dopo essere rimasti intrappolati nell'impianto fognario nel tentativo di espatriare abusivamente in Francia passando da un tombino. E' accaduto, ieri sera, vicino alla frontiera franco-italiana di Ponte San Ludovico, a Menton. Secondo quanto anticipato sul quotidiano francese Nice Matin, sono stati i sapeurs pompiers a estrarre i due migranti, ormai in crisi ipotermica. Una volta visitati e identificati sono stati riammessi alla polizia di frontiera italiana. Si tratterebbe della prima volta che viene utilizzato un sottoservizio per espatriare in modo clandestino. Molti i metodi utilizzati finora - il tetto dei treni, le cabine degli impianti elettrici, lungo ferrovia e autostrada e attraverso i passeur - ma mai in questo modo. (ANSA).

14:02Bankitalia: Alfano, autonomia istituto ma non è enclave

(ANSA) - CAPRI (NAPOLI), 21 OTT - Su Bankitalia "adesso c'è solo da attendere la proposta del presidente del Consiglio e del ministro dell'Economia. Non alimenterei ulteriori polemiche, perché il punto essenziale adesso è la decisione del governo, su cui occorrerà concentrasi per fare la scelta più giusta". Così il ministro degli Esteri, Angelino Alfano: c'è "l'autonomia della Banca d'Italia e al tempo stesso la possibilità, il diritto delle forze politiche di dire la propria opinione. Non è una enclave la Banca d'Italia, della quale e sulla quale non si può discutere".

13:58L.elettorale: Di Maio, faremo di tutto per fermarla

(ANSA) - SCIACCA (AGRIGENTO), 21 OTT - "Faremo di tutto per fermare questa legge, e chiediamo a tutti gli italiani di scendere in piazza con noi mercoledì 25 al Senato. Circonderemo pacificamente il Senato per far sentire la nostra voce su una legge che non è contro il M5S ma contro gli italiani e la democrazia". Così Luigi Di Maio, a Sciacca per la campagna elettorale a sostegno del candidato M5s a Governatore della Sicilia Giancarlo Cancelleri. "Una legge elettorale - ha aggiunto il leader grillino - che favorisce le ammucchiate e i piccoli partiti. Non a caso Mastella intende rifare l'Udeur".

13:55Renzi, se Gentiloni confermasse Visco prenderò atto

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - "Qualsiasi nome il premier farà, non ci saranno problemi. Anche se dovesse confermare Visco, nessun problema. Prenderò atto della decisione del governo e qualsiasi decisione sarà non intaccherà minimamente i nostri rapporti. Gentiloni non ha bisogno di consigli. Paolo ha la mia stima, il mio rispetto e la mia amicizia. E le sue parole sull'indipendenza e l'autonomia della Banca d'Italia sono giuste". Così Matteo Renzi in una intervista all'Avvenire di domani (anticipazioni sul sito del quotidiano).

13:55Calcio: Delneri, Buffon si ritira? Spero continui a giocare

(ANSA) - UDINE, 21 OTT - "Buffon è un grande professionista; io sono onorato di averlo allenato e penso i tifosi di averlo visto all'opera". Lo ha detto oggi il tecnico dell'Udinese Gigi Delneri a chi gli ha ricordato che quella di domani potrebbe essere l'ultima al Friuli per il numero uno della Juventus se veramente il campione bianconero dovesse decidere di ritirarsi nella prossima stagione. "Spero per lui non lo sia. Mi sembra che abbia lasciato una traccia importante per la visione di un ruolo come quello del portiere. E’ stato artefice del cambiamento strutturale del ruolo dei portieri. Credo abbia dimostrato come si possa diventare un attaccante pur essendo in porta", ha aggiunto ricordando anche la sua figura di uomo. "Un ragazzo a posto che ha dimostrato che in tutti gli ambienti bisogna avere professionalità, essere uomini, credere in quello che si fa. Un esempio per tutti, anche per i bambini".

13:47Sport e fair play: consegnati gli Award 2017 per videospot

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - Sport e fair play: consegnati a Roma gli Award della quarta edizione del Video-spot Festival alle scuole superiori italiane sul tema 'Vivere da sportivi, a scuola di fair play'. Si tratta di una competizione multimediale inserita in una campagna di sensibilizzazione giovanile sul significato sociale dei valori etici dello sport. 12 le scuole finaliste, 6 i premi assegnati nella sezione Video, 7 per gli Spot, due alla sezione Speciale e 2 fuori concorso agli Ospedali Pediatrici. I best video 2017 sono 'Salviamo gli ultras' realizzato dagli studenti dell'istituto Tommaso D'Oria di Ciriè (Torino) e 'Si gioca solo con regole condivise' dei ragazzi del liceo sportivo Galilei di Siena. La cerimonia finale di premiazione si è svolta alla Scuola Superiore di Polizia. Tema della competizione multimediale 2017 lanciata da Monica Promontorio, sono stati in particolare i temi d'integrazione, inclusione, bullismo e cyber-bullismo, parità di genere, ambiente. (ANSA).

13:40Incendio Como: un mese fa il padre aveva scritto al giornale

(ANSA) - COMO, 21 OTT - Faycal Haitot, l'uomo che ieri a Como ha dato fuoco all'appartamento in cui è morto con i quattro figli, un mese fa aveva scritto a La provincia di Como una lettera in cui denunciava di non avere mai ricevuto la visita dei servizi sociali. "Ho chiesto l'aiuto economico e l'assistente: zero. Ho scritto al dirigente e diceva che il Comune paga l'affitto. Come fanno a mangiare questi bimbi, forse sono troppi. La scuola è gia cominciata e il primo giorno sono andato dai carabinieri per non prendere una denuncia, noi siamo a casa". Poi lamenta di non avere mai ricevuto "nessuna visita a casa dei servizi sociali per controllare la vita quotidiana dei bambini. Non vado via per paura del servizio sociale. Se ci sono problemi tra me e loro, cosa c'entrano i bambini?". Da parte sua il Comune di Como già ieri aveva specificato quali erano state le iniziative prese a sostegno della famiglia Haitot: housing sociale dal 2014, supporti all'assistenza scolastica, mensa gratuita, diurnato pomeridiano.

Archivio Ultima ora