Scontri su Bagnoli. Renzi, più forti di insulti e minacce

Pubblicato il 06 aprile 2016 da redazione

Some 100 protesters demonstrating against a visit by center. 6 April 2016. ANSA/FUSCO

Some 100 protesters demonstrating against a visit by center. 6 April 2016. ANSA/FUSCO

NAPOLI. – Scontri manifestanti-polizia, fumogeni finiti anche su bus turistici, undici agenti e due attivisti feriti, polemiche al calor bianco con il sindaco. Al termine di una giornata di tensioni, a Napoli, il premier Matteo Renzi lancia il masterplan per far rinascere Bagnoli in tre anni e non arretra di un millimetro di fronte alle proteste di comitati civici, centri sociali, studenti e disoccupati: “Possono insultare, minacciare, tirare sassi e lacrimogeni. Noi siamo più forti delle minacce e più decisi dei loro insulti”.

Avanti tutta, insomma, su quella che sarà “la più grande opera di recupero ambientale della storia italiana”, promette Renzi. In campo 272 milioni di euro, ultimazione prevista entro il 2019.

La manifestazione di chi giudica il piano del Governo, con relativo commissariamento, un “esproprio della città”, parte in mattinata; al via ci sono anche due assessori comunali, Sandro Fucito e Carmine Piscopo. Il corteo attraversa la città in modo pacifico fin quando, sul lungomare, una parte dei manifestanti prova a forzare il cordone delle forze dell’ordine.

In pochi istanti è il caos: lancio di pietre e di fumogeni, idranti in azione per disperdere i manifestanti. I gas avvolgono anche auto private e bus turistici in transito, senza conseguenze per gli occupanti. Due manifestanti e undici agenti invece restano feriti, uno dei poliziotti finisce in ospedale.

In seguito la situazione torna tranquilla, gli attivisti si ritrovano per un’assemblea pubblica e proseguono la loro lunga giornata fino alla conclusione dei lavori della cabina di regia. Riunione disertata, come d’abitudine, dal sindaco Luigi de Magistris, che attacca: “E’ una torbida saldatura tra presunto interesse pubblico e ben individuato interesse privato. Questa è una grande battaglia democratica e Renzi la perderà, stia sereno. Non si metteranno le mani sulla città fino a quando ci sarà gente con mani pulite che difende la Costituzione”.

La replica del premier arriva in un forum del quotidiano Il Mattino: “Siamo al quinto anno di amministrazione cittadina: se avessero fatto quello che potevano e dovevano non avremmo avuto bisogno di commissariamento. Siamo qui perché altri non hanno fatto”. “La procedura – aggiunge Renzi al termine della riunione in prefettura – sarà trasparente, verificabile costantemente su tutti gli strumenti di comunicazione, la gara sarà europea. La parola chiave è trasparenza con tempi certi. Chiameremo i napoletani a una grande campagna di ascolto: non intendiamo decidere in autonomia”.

Soprattutto, massima vigilanza – con l’aiuto dell’Anac – contro il rischio di infiltrazioni malavitose. L’Italsider di Bagnoli spense le ciminiere nel 1990, e da allora si parla del futuro di questi terreni, potenziale Eden sospeso tra verde e mare ma finora confinato nel libro dei sogni. Così invece sarà il futuro delineato dal premier: “Nessuna cementificazione. Bonifichiamo le terre e il mare: stiamo procedendo alla più grande opera di recupero ambientale della storia italiana. Vale più di dieci abbattimenti di ecomostri. Eliminiamo il più grande scandalo ambientale, bonificando 230 ettari e rimuovendo due milioni di metri cubi di rifiuti lasciati per anni in condizioni atroci”.

Andrà via in particolare la cosiddetta ‘colmata’, costruita lungo la costa durante le attività siderurgiche per agevolare le procedure di carico e scarico dei materiali, fatta in gran parte di scarti industriali. I fondi: “162 milioni per i terreni, 48 per il litorale, 59 per il mare. Per un totale di 272 milioni”.

Previsti un porto turistico con 700 posti barca, uno stadio della vela per regate, alberghi, un polo per l’eccellenza artigianale e del food, un campus universitario, piscine e una terrazza sul golfo per rilanciare un turismo non solo estivo. Piano imponente ma i manifestanti non cambiano idea, e rilanciano la mobilitazione: “Da Napoli inizia la grande battaglia contro il governo Renzi e contro le sue politiche di macelleria sociale”, ripetono davanti a una sagoma che raffigura un Pd-Pinocchio.

Il presidente del Consiglio risponde dicendosi “quasi affezionato” alle proteste: “Tutte le volte che vengo a Napoli ho delle contestazioni molto veementi. Esprimo solidarietà agli 11 agenti feriti, tutti lievemente. Sono grato alle forze dell’ordine. E se qualcuno pensa che, visto il comitato d’accoglienza, io non torni a Napoli, credo che tornerò una volta al mese”.

(di Patrizia Sessa e Mariano del Preite/ANSA)

Ultima ora

15:01Terremoto: camper Telefono Azzurro in partenza per Amatrice

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Il Camper Azzurro, un mezzo che agevolerà il supporto di Telefono Azzurro ai piccoli abitanti delle zone nel centro Italia vittime un anno fa del sisma, è in viaggio verso Amatrice, dove l'associazione è presente sin dallo scorso agosto. Il mezzo, presentato ieri sera al Giffoni Festival alla presenza della ministra dell'Istruzione Valeria Fedeli, consentirà all'associazione di rafforzare la sua presenza e il suo supporto ai bambini, offrendo sostegno educativo e psicologico attraverso attività ludico-ricreative impostate sull'importanza dell'ascolto, tema distintivo dell'attività trentennale di Telefono Azzurro. Le attività di Telefono Azzurro ad Amatrice proseguiranno nei prossimi mesi nelle scuole, ma anche all'interno di moduli prefabbricati, grazie al lavoro di operatori specializzati che si alterneranno per favorire il rafforzamento delle attività. (ANSA).

14:59Lancia acido addosso a moglie e fugge con i figli

(ANSA) - FORLÌ, 22 LUG - Al culmine di una lite ha aggredito la moglie con un coltello, ferendola leggermente, e poi le ha lanciato addosso una sostanza acida. Quindi è fuggito in auto, probabilmente con i due figli piccoli. Il fatto è successo a fine mattina in un appartamento di un condominio di via Salinatore a Forlì. La donna, albanese di 37 anni, è stata portata in ospedale e secondo le prime informazioni non sarebbe grave, anche se ha riportato ferite e ustioni. L'uomo, kossovaro, è attivamente ricercato. Probabilmente a limitare i danni alla donna è stato l'intervento di alcuni vicini, che hanno 'lavato' la pelle della donna dall'acido. I vicini hanno anche tentato di fermare l'uomo che però si è dileguato e in casa non ci sono più nemmeno i due figli piccoli. È intervenuta la polizia.(ANSA).

14:59Nautica: si è spento designer Versari, inventò moto d’acqua

(ANSA) - GENOVA, 22 LUG - Si è spento questa mattina all'età di 86 anni Giulio Versari, inventore e design papà di alcuni dei più famosi oggetti della nautica moderna. Versari era da tempo malato. Tra le sue invenzioni più famose la poltrona da combattimento per la pesca d'altura, la bitta a scomparsa e il primo prototipo di moto d'acqua. Proprio in questi giorni, fino a domani, alcuni suoi oggetti sono in mostra al Castello di Santa Margherita Ligure, materiale che lo stesso Versari, sammargheritese, ha donato al Comune e al neo nato Museo del Mare cittadino. I funerali si terranno lunedì alle 11:30 nella basilica di Santa Margherita. (ANSA).

14:30Migranti: nuovo sbarco di algerini nel sud Sardegna

(ANSA) - CARBONIA, 22 LUG - Nuovo sbarco di migranti nelle coste del Sulcis. Questa mattina un barchino con a bordo sei algerini è approdato lungo la spiaggia di Capo Sperone, a Sant'Antioco, sulla costa sud occidentale della Sardegna. Gli stranieri sono stati avvistati da un bagnante che ha fatto scattare l'allarme. Sul posto sono intervenuti gli agenti del Commissariato di Polizia di Carbonia. I migranti, tutti uomini, dopo le visite mediche e le operazioni di identificazione sono stati trasferiti nel centro di accoglienza di Assemini (Cagliari). (ANSA).

14:21Calcio: Real, la maglia n.10 a Luka Modric

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Il nuovo n.10 dei campioni d'Europa del Real Madrid è Luka Modric. Sarà il fuoriclasse croato, una delle stelle della squadra merengue, a ereditare la maglia più prestigiosa fino a poche settimane fa sulle spalle di James Rodriguez, adesso passato al Bayern Monaco. La scelta è stata ufficializzata dal club che ha pubblicato sul sito la nuova numerazione delle maglie per la stagione entrante. Un numero di maglia 'pesante' per il talento croato, che a Madrid ha giocato finora col numero 19, che indosserà la maglia che nel recente passato è stata sulle spalle di Robinho, Özil o del colombiano. Ovviamente scontati e confermati i numeri di maglia delle altre stelle della squadra, da C.Ronaldo (7) a Bale (11), da Benzema (9) a Kroos (8), da Ramos (4) a Marcelo (12), a Isco (22). I nuovi arrivati Theo Hernandez e Dani Ceballos avranno rispettivamente il 15 e il 24.

14:21Calcio: lampi di ‘euro’ Milan in Cina, 4-0 al Bayern Monaco

(ANSA) - MILANO, 22 LUG - Lampi di ottimo Milan in Cina. Con gli assist di Rodriguez, gli inserimenti di Kessié, una doppietta del giovane Cutrone e una prodezza di Calhanoglu i rossoneri hanno battuto 4-0 il Bayern Monaco nell'ultima partita della tournée cinese: a cinque giorni dal preliminare di Europa League, Vincenzo Montella può constatare passi avanti rispetto al ko con il Borussia Dortmund. In porta debutto stagionale per Gianluigi Donnarumma, con il fratello Antonio subentrato nel finale, e da subito si è fatto notare sulla corsia sinistra Rodriguez che al 14' ha servito a Kessié l'assist del vantaggio, e al 25' con una punizione mancina da trenta metri ha offerto una palla perfetta per l'incornata di Cutrone. L'attaccante classe '98 si è ripetuto al 42' finalizzando un perfetto contropiede milanista. I tedeschi di Ancelotti hanno sprecato un paio di chance nella ripresa, quando hanno debuttato in rossonero Biglia e Bonucci, accolto con un'ovazione dal pubblico di Shenzhen. A 5' dalla fine ha completato il poker Calhanoglu.

14:16Muore colpito da un toro nel suo allevamento

(ANSA) - ISERNIA, 22 LUG - Allevatore muore ucciso dal toro a cui stava dando da mangiare. Il 73enne Pasquale Forte di Sesto Campano (Isernia) è stato raggiunto a un fianco dal toro del suo piccolo allevamento. L'animale lo ha caricato colpendolo con le corna. Subito soccorso da operatori del 118, poi trasportato all'ospedale "Veneziale" di Isernia, l'uomo è morto qualche ora dopo il ricovero. Nell'allevamento i carabinieri stanno effettuando rilievi. (ANSA).

Archivio Ultima ora