Scontri su Bagnoli. Renzi, più forti di insulti e minacce

Pubblicato il 06 aprile 2016 da redazione

Some 100 protesters demonstrating against a visit by center. 6 April 2016. ANSA/FUSCO

Some 100 protesters demonstrating against a visit by center. 6 April 2016. ANSA/FUSCO

NAPOLI. – Scontri manifestanti-polizia, fumogeni finiti anche su bus turistici, undici agenti e due attivisti feriti, polemiche al calor bianco con il sindaco. Al termine di una giornata di tensioni, a Napoli, il premier Matteo Renzi lancia il masterplan per far rinascere Bagnoli in tre anni e non arretra di un millimetro di fronte alle proteste di comitati civici, centri sociali, studenti e disoccupati: “Possono insultare, minacciare, tirare sassi e lacrimogeni. Noi siamo più forti delle minacce e più decisi dei loro insulti”.

Avanti tutta, insomma, su quella che sarà “la più grande opera di recupero ambientale della storia italiana”, promette Renzi. In campo 272 milioni di euro, ultimazione prevista entro il 2019.

La manifestazione di chi giudica il piano del Governo, con relativo commissariamento, un “esproprio della città”, parte in mattinata; al via ci sono anche due assessori comunali, Sandro Fucito e Carmine Piscopo. Il corteo attraversa la città in modo pacifico fin quando, sul lungomare, una parte dei manifestanti prova a forzare il cordone delle forze dell’ordine.

In pochi istanti è il caos: lancio di pietre e di fumogeni, idranti in azione per disperdere i manifestanti. I gas avvolgono anche auto private e bus turistici in transito, senza conseguenze per gli occupanti. Due manifestanti e undici agenti invece restano feriti, uno dei poliziotti finisce in ospedale.

In seguito la situazione torna tranquilla, gli attivisti si ritrovano per un’assemblea pubblica e proseguono la loro lunga giornata fino alla conclusione dei lavori della cabina di regia. Riunione disertata, come d’abitudine, dal sindaco Luigi de Magistris, che attacca: “E’ una torbida saldatura tra presunto interesse pubblico e ben individuato interesse privato. Questa è una grande battaglia democratica e Renzi la perderà, stia sereno. Non si metteranno le mani sulla città fino a quando ci sarà gente con mani pulite che difende la Costituzione”.

La replica del premier arriva in un forum del quotidiano Il Mattino: “Siamo al quinto anno di amministrazione cittadina: se avessero fatto quello che potevano e dovevano non avremmo avuto bisogno di commissariamento. Siamo qui perché altri non hanno fatto”. “La procedura – aggiunge Renzi al termine della riunione in prefettura – sarà trasparente, verificabile costantemente su tutti gli strumenti di comunicazione, la gara sarà europea. La parola chiave è trasparenza con tempi certi. Chiameremo i napoletani a una grande campagna di ascolto: non intendiamo decidere in autonomia”.

Soprattutto, massima vigilanza – con l’aiuto dell’Anac – contro il rischio di infiltrazioni malavitose. L’Italsider di Bagnoli spense le ciminiere nel 1990, e da allora si parla del futuro di questi terreni, potenziale Eden sospeso tra verde e mare ma finora confinato nel libro dei sogni. Così invece sarà il futuro delineato dal premier: “Nessuna cementificazione. Bonifichiamo le terre e il mare: stiamo procedendo alla più grande opera di recupero ambientale della storia italiana. Vale più di dieci abbattimenti di ecomostri. Eliminiamo il più grande scandalo ambientale, bonificando 230 ettari e rimuovendo due milioni di metri cubi di rifiuti lasciati per anni in condizioni atroci”.

Andrà via in particolare la cosiddetta ‘colmata’, costruita lungo la costa durante le attività siderurgiche per agevolare le procedure di carico e scarico dei materiali, fatta in gran parte di scarti industriali. I fondi: “162 milioni per i terreni, 48 per il litorale, 59 per il mare. Per un totale di 272 milioni”.

Previsti un porto turistico con 700 posti barca, uno stadio della vela per regate, alberghi, un polo per l’eccellenza artigianale e del food, un campus universitario, piscine e una terrazza sul golfo per rilanciare un turismo non solo estivo. Piano imponente ma i manifestanti non cambiano idea, e rilanciano la mobilitazione: “Da Napoli inizia la grande battaglia contro il governo Renzi e contro le sue politiche di macelleria sociale”, ripetono davanti a una sagoma che raffigura un Pd-Pinocchio.

Il presidente del Consiglio risponde dicendosi “quasi affezionato” alle proteste: “Tutte le volte che vengo a Napoli ho delle contestazioni molto veementi. Esprimo solidarietà agli 11 agenti feriti, tutti lievemente. Sono grato alle forze dell’ordine. E se qualcuno pensa che, visto il comitato d’accoglienza, io non torni a Napoli, credo che tornerò una volta al mese”.

(di Patrizia Sessa e Mariano del Preite/ANSA)

Ultima ora

10:57Bus ungherese: A4 riaperta, rimossa carcassa pullman

(ANSA) - S.MARTINO BUONALBERGO (VERONA), 21 GEN - E' stata riaperta poco fa l'autostrada A4, chiusa dalla notte scorsa tra Verona Sud e Verona Est in seguito al tragico incidente al bus ungherese. Il traffico, sia pur lentamente, ha ripreso a scorrere in direzione di Venezia, dopo che ciò che rimaneva del pullman straniero è stato rimosso. Sul posto sono ora in azione i mezzi della società autostradale per ripulire il tratto di autostrada interessato. Si resta in attesa, da parte della Polstrada di Verona Sud, di conoscere l'esatta dinamica dell'incidente. (ANSA).

10:55Bus ungherese in fiamme, 16 morti

(ANSA) - VERONA, 21 GEN - E' di 16 morti accertati il bilancio nell'incidente che ha coinvolto un pullman ungherese sul quale viaggiavano 55 persone, 39 delle quali sono rimaste ferite e sono state portate nei vari ospedali di Verona. L'incidente si è verificato poco prima di mezzanotte sulla A4 all'altezza dello svincolo di Verona Est in direzione Venezia: il pullman è andato a sbattere lateralmente contro il pilone del ponte, incendiandosi. A bordo si trovava un gruppo di ragazzi ungheresi fra i 14 e i 18 anni che stavano tornando da una gita scolastica: da una località montana della Francia il bus stava facendo ritorno a Budapest.

07:28Trump: Mattis e Kelly giurano, sono in carica

NEW YORK - L'ex generale James Mattis e il generale in congedo John Kelly hanno giurato, entrando ufficialmente in carica nell'amministrazione Trump. Mattis e' il nuovo capo del Pentagono. Kelly il ministro degli Interni.

07:25Trump in Studio Ovale, firma decreto su Obamacare

NEW YORK - Donald Trump, nel suo primo atto nello Studio Ovale, firma un decreto esecutivo diretto alle agenzie governative per ridurre il peso dell'Obamacare. Lo afferma il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer.

07:19Trump, bene conferme Mattis e Kelly, subito al lavoro

NEW YORK - ''Sono soddisfatto della conferma dei generali Mattis e Kelly''. Lo afferma il presidente americano Donald Trump, commentando la loro conferma in Senato. ''Sono due leader qualificati che inizieranno subito a lavorare per difendere il nostro paese e mettere al sicuro i nostri confini''.

07:01Trump: Senato conferma Kelly ministro dell’interno

WASHINGTON - Il Senato americano ha confermato il generale in congedo John Kelly come segretario dell'Homeland Security Department, corrispondente al ministero dell'interno. Poche ore fa il Senato ha confermato anche la nomina dell'ex generale James Mattis a segretario della difesa.

04:28Bus ungherese si incendia in A4, 4 morti e alcuni feriti

VENEZIA - Sarebbero 4, secondo le prime informazioni, le persone decedute nell'incidente avvenuto poco prima di mezzanotte lungo la A4, a Verona est che ha coinvolto un autobus di nazionalità ungherese, pare con a bordo diversi ragazzi tra i 14 e i 18 anni. Ci sarebbero anche alcuni feriti. Secondo una prima ricostruzione, l'autobus ha preso fuoco dopo essere finito contro un pilone dell'autostrada. Sul posto sono intervenuti gli agenti della polizia stradale e i vigili del fuoco. Al momento il tratto autostradale é stato chiuso in direzione Venezia con uscita obbligatoria a Verona Sud.

Archivio Ultima ora