Voto mozioni sfiducia solo il 19 aprile, le opposizioni insorgono

Pubblicato il 06 aprile 2016 da redazione

Il Presidente del Consiglio Matteo Renzi, appena giunto nell'Aula di Palazzo Madama dove Ë atteso il suo intervento, in sede di replica del governo, al termine della discussione generale sul ddl riforme, Roma, 20 Gennaio 2016. Il premier si Ë seduto ai banchi del governo, accanto al ministro delle Riforme Maria Elena Boschi. ANSA/ GIUSEPPE LAMI

Il Presidente del Consiglio Matteo Renzi, appena giunto nell’Aula di Palazzo Madama dove Ë atteso il suo intervento, in sede di replica del governo, al termine della discussione generale sul ddl riforme, Roma, 20 Gennaio 2016. Il premier si Ë seduto ai banchi del governo, accanto al ministro delle Riforme Maria Elena Boschi. ANSA/ GIUSEPPE LAMI

ROMA. – Le mozione di sfiducia al governo del M5s e quella unitaria del centrodestra sulla vicenda Tempa rossa saranno votate il 19 aprile, cioè dopo il referendum sulle concessioni per le trivellazioni. Una decisione, quella della capigruppo del Senato, che ha fatto insorgere tutte le opposizioni, da M5s a Sel, passando per tutto il centrodestra: opposizioni che invece chiedevano un voto martedì 12, o almeno la prossima settimana. Una battaglia comunque tutta incentrata sul significato mediatico più che sul risultato parlamentare.

Il Senato ha appena confermato la fiducia al governo, posta dall’esecutivo sul decreto con la riforma del Credito cooperativo. Ben 66 voti di differenza tra i sì (171) e i no (105), nonostante diverse assenze nella maggioranza. Quindi il governo non ha da temere nulla a livello numerico.

Ma subito dopo questa conferma, la bagarre a Palazzo Madama quando la conferenza dei capigruppo ha deciso di fissare il voto sulle mozioni legate all’inchiesta su Tempa Rossa solo per il 19 aprile. Davanti alla sala dove il presidente Pietro Grasso riunisce i capigruppo si sono riversati tutti i parlamentari di M5s, non solo i senatori ma anche i deputati, guidati dal vicepresidente della Camera Luigi Di Maio, che hanno letteralmente occupato la zona, chiedendo di votare subito.

A beneficio delle telecamere e dei social media i pentastellati si sono spostati davanti alla sala stampa mostrando dei cartelli con scritto #sfiducia, con Vito Crimi che ha ripreso la scena con il telefonino per poterla poi postare sui profili Facebook dei parlamentari di M5s. Una guerra mediatica, dunque, con cui M5s ha voluto rispondere a Matteo Renzi che ieri aveva parlato via Facebook sulla vicenda Tempa rossa direttamente ai cittadini, mentre le opposizioni chiedevano un dibattito parlamentare.

Proprio “l’aggiramento” del Parlamento è stato sottolineato da Loredana De Petris (Sel) che in questa ottica ha ricordato anche il passaggio televisivo di Renzi da Lucia Annunziata domenica scorsa. Quando la capigruppo ha deciso che le mozioni saranno votate martedì 19 marzo, è scattata la protesta di chi chiedeva un voto entro il 12, nella speranza di favorire il raggiungimento del quorum nel referendum del 17 aprile, e un po’ per oscurare l’approvazione definitiva da parte della Camera delle riforme costituzionali, prevista tra martedì e mercoledì prossimi.

Una richiesta avanzata da Paolo Romani di Fi a Nunzia Catalfo di M5s, da Cinzia Bonfrisco di Cor a De Petris passando per Gianmarco Centinaio della Lega. “C’è stato un largo riconoscimento dei diritti delle opposizioni” ha detto Luigi Zanda che ha ricordato la fiducia appena confermata oggi e un precedente, a parti invertite, nella scorsa legislatura quando al governo c’era Berlusconi.

Di Maio, scavalcando i senatori del suo movimento ha annunciato che essi voteranno la mozione del centrodestra anche se questo non farà altrettanto con la mozione di M5s. “In passato Fi – ha detto – ha aiutato Renzi e noi non possiamo permettercelo”.

Romani ha risposto con un “vedremo” circa le intenzioni di Fi di appoggiare la mozione pentastelalta. Ma non essendoci dubbi sui numeri l’attesa è piu’ che altro su una nuova schermaglia comunicativa. Con i tosiani ed i verdiniani pronti a dire comunque no all’ennesimo tentativo di “affondare” il governo.

(di Giovanni Innamorati/ANSA)

Ultima ora

20:54Calcio: Roma in Champions, ma quanta sofferenza

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Con un'imprevista sofferenza supplementare, nel giorno dell'ultima gara di Totti con la Roma, i giallorossi battono - solo in extremis - il Genoa 3-2 e mantengono il secondo posto che vale l'accesso diretto alla Champions League. Rendendo vana la larga vittoria del Napoli sul campo della Sampdoria (2-4). Questo l'esito delle gare delle 18 della 38/a e ultima giornata di Serie A. All'Olimpico stracolmo per l'addio di Totti alla maglia giallorossa, gli ospiti vanno in vantaggio con il baby Pellegri al 3' e Dzeko pareggia al 10'. La Roma preme, ma non sfonda. E il pubblico invoca l'ingresso in campo di Totti che si materializza al 54'. Così, arriva il 2-1 con De Rossi al 74' e sembra fatta. Ma 5 minuti dopo, il Genoa sorprende i giallorossi con Lazovic, il quale all'82' colpisce anche un palo. La Roma sembra stordita e trova il 3-2 solo in pieno recupero con l'ex Perotti. E la festa, a quel punto, può cominciare. A Marassi le reti sono state di Mertens, Insigne, Hamsik, Quagliarella, Callejon e Alvarez.

20:20Gaza: Hamas, ‘niente più cani in spiaggia’

(ANSAmed) - GAZA, 28 MAG - Con un provvedimento che ha colto di sorpresa la popolazione, da questo mese Hamas ha deciso di impedire che i cani siano portati a passeggio sul lungomare di Gaza. Quanti ancora lo fanno sono fermati da agenti che per il momento si limitano ad illustrare la nuova norma, senza fare multe ne' confiscare animali. Fonti locali aggiungono che il passeggio con cani - di tutte le dimensioni - è impedito anche nella centrale via Omar al-Mukhtar, mentre è tollerato nelle strade secondarie e nei quartieri periferici, dove è più raro imbattersi in agenti. Nelle famiglie di Gaza la presenza di cani non è diffusa, anche perché negli ultimi anni mantenere condizioni igieniche nelle abitazioni è divenuto più difficile. Tuttavia nei negozi di animali si afferma che, oltre ad uccellini e gatti, adesso anche i cani vengono richiesti con maggiore frequenza da clienti in cerca di distrazione, dato che la maggior parte del giorno manca loro la corrente elettrica.

20:13Iran: da Khamenei nuove accuse a sauditi

(ANSA) - TEHERAN, 28 MAG - I regnanti dell'Arabia Saudita "stanno dando soldi agli Stati Uniti, così la ricchezza del popolo saudita va ai non credenti e ai nemici dei loro popoli". Lo ha detto la Guida suprema dell'Iran, ayatollah Sayyed Ali Khamenei, aggiungendo che "i governanti sauditi sono troppo duri con i musulmani, ma gentili con i non credenti". Secondo Khamanei, i vertici sauditi "opprimono il proprio popolo", così come "opprimono in modo diverso anche i popoli dello Yemen e del Bahrein. Ma perderanno". La Guida suprema ha definito i governanti sauditi "persone inutili e cattive che dominano una comunità della nazione musulmana", aggiungendo che si stanno facendo "mungere come bestiame" e definendoli "stupidi perché pensano di poter guadagnare l'amicizia dei nemici dell'islam fornendo loro soldi e assistenza", non capendo invece che "non c'è amicizia". Ma, ha aggiunto Khamanei, i regnanti sauditi "sono sul lato sbagliato, così sicuramente periranno".

20:10Calcio: Lega Pro, salvi Carrarese e Catanzaro

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Si sono giocate le gare di ritorno dei play out di Lega Pro che hanno determinato le sei retrocessioni in Serie D. In tre gare sono stati determinanti i piazzamenti nelle classifiche finali di campionato. Questi i risultati, fra parentesi le gare di andata. Girone A: Carrarese-Lupa Roma 1-0 (1-0); Prato-Tuttocuoio 0-0 (2-2). Retrocesse in Serie D: Lupa Roma e Tuttocuoio. A parità di punti e differenza reti con il Tuttocuoio, Prato salvo grazie alla miglior classifica. Girone B: Fano-Forlì 2-0 (1-1); Teramo-Lumezzane 0-0 (1-1). Retrocesse in Serie D: Forlì e Lumezzane. A parità di punti e differenza reti con il Lumezzane, Teramo salvo grazie alla miglior classifica. Girone C: Akragas-Melfi 1-1 (0-0); Vibonese-Catanzaro 1-1 (2-3). Retrocesse in Serie D: Melfi e Vibonese. A parità di punti e differenza reti con il Melfi, Akragas salvo grazie alla migliore classifica.

20:04Moto: domani in Kentucky l’ultimo saluto a Nicky Hayden

(ANSA) - BOLOGNA, 28 MAG - Si terranno domani a Owensboro, la sua cittadina in Kentucky negli Stati Uniti, i funerali di Nicky Hayden, il pilota della Superbike morto lunedì scorso all'ospedale 'Bufalini' di Cesena dove era stato ricoverato in seguito a un incidente stradale, avvenuto cinque giorni prima, mentre si allenava in bicicletta a Misano Adriatico, nel Riminese. La funzione, come si legge sul sito della Red Bull Honda World Superbike, il team con cui ha corso nelle ultime stagioni, verrà celebrata domani a mezzogiorno - le 18 in Italia - nella cattedrale di St. Stephen e sarà trasmessa in diretta sulla fan page del pilota su Facebook.

19:52Calcio: addio Totti, in campo al 9′ st di Roma-Genoa

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Francesco Totti in campo per la sua ultima partita con la Roma. Il n.10 giallorosso e' entrato al minuto del secondo tempo, con le due squadre sull'1-1, sostituendo Salah. La Curva Sud ha salutato l'ingresso del n.10 esponendo uno striscione con sopra scritto: "Del calcio moderno hai vinto la grande battaglia: 25 anni con la stessa maglia".

19:45Calcio: Pellegri, primo gol di un classe 2001 in Serie A

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Nel giorno in cui Francesco Totti dà l'addio alla Roma come calciatore, un ragazzo nato nell'anno dell'ultimo scudetto dei giallorossi, il 2001, segna il suo primo gol in Serie A: proprio all'indomani del primo gol di un classe 2000, quello dello juventino Moises Kean a Bologna. Oggi è toccato ad un ragazzino ancora più giovane, Pietro Pellegri, che al 3' di Roma-Genoa, alla sua prima presenza da titolare nei rossoblù, ha portato gli ospiti in vantaggio segnando la sua prima rete in Serie A all'età di 16 anni, due mesi e un giorno (è nato il 17 marzo 2001). La sua non è tuttavia un record di precocità, perché ancora meglio fece l'attaccante romanista Amedeo Amadei che, contro la Lucchese nel maggio '37, quando non aveva ancora 16 anni (era nato nel luglio 1921), segnò quello che rimane il gol più "giovane" nella storia della A. Pellegri ha comunque eguagliato Amadei il 22 dicembre scorso quando, subentrando nel match con il Torino, ha esordito in A alla stessa età del romanista, ovvero 15 anni e 280 giorni.

Archivio Ultima ora