Presidente della Corte Costituzionale, al referendum si deve votare

Pubblicato il 11 aprile 2016 da redazione

Il presidente della Corte Costituzionale, Paolo Grossi

Il presidente della Corte Costituzionale, Paolo Grossi

ROMA. – Al referendum del 17 aprile sulle trivelle e lo sfruttamento dei giacimenti “si deve votare: ogni cittadino è libero di farlo nel modo che ritiene giusto. Ma credo si debba partecipare al voto: significa essere pienamente cittadini”.

La posizione espressa dal presidente della Corte Costituzionale, Paolo Grossi, è chiara e netta. E non investe, ovviamente, i contenuti del quesito referendario: su quelli, “ciascuno è libero”. Investe, invece, il diritto-dovere di prendere parte alle consultazioni democratiche, previste e disciplinate dalla Costituzione.

Grossi, interpellato durante la conferenza stampa seguita alla presentazione annuale sull’attività della Consulta, ha parlato da membro di quello che definisce “un tribunale” che non tutela valori “imbalsamanti” come un custode in un museo, ma nella loro “attuale e concreta consistenza”.

E molto spesso lo fa per rispondere a esigenze del “tessuto sociale” “non compiutamente soddisfatte” dalle leggi. Da tecnico, nel suo intervento, Grossi si sofferma sul ruolo dei magistrati, sulle molte ordinanze “affette da vizi genetici” che giudici e tribunali rimettono alla Corte e che per questo sono esposte alla ‘bocciatura’ per inammissibilità.

Colpa di magistrati incapaci o che agiscono per volontà di protagonismo?, gli si chiede. No, “la qualità della nostra magistratura è egregia, ma c’è un difetto di organizzazione che sta diventando un male strutturale: troppo pochi giudici e un carico eccessivo di lavoro”, è la risposta. Non è un caso se nel 2015, su 145 giudizi incidentali, provenienti da giudici di vario ordine, le pronunce di illegittimità sono state solo 38 e tutte le altre sono state di inammissibilità o infondatezza.

Il piano politico, nel suo discorso, resta sullo sfondo. Ma le sue parole sul referendum acquistano inevitabile peso, perché pronunciate a sei giorni dal voto e, soprattutto, dopo l’appello all’astensione arrivato da una parte del Pd e dallo stesso Renzi, premier e segretario del partito, che oggi dichiara: “Il referendum sulle trivelle è sicuramente importante ma non c’è niente di nuovo da dire”.

Su un altro tema ‘caldo’, quello delle intercettazioni, tornato al centro del dibattito dopo l’inchiesta petrolio, Grossi non è entrato: “Qui è bene mantenere un assoluto silenzio o sarebbe un’interferenza”, afferma. Il referendum, invece, è cosa ben diversa perché chiama in causa quel diritto di “partecipazione al voto che fa parte della carta d’identità del buon cittadino”.

E sebbene rispondendo a una domanda specifica, il presidente della Corte dà, ovviamente, una risposta di portata generale, che suscita immediate reazioni. Nella minoranza Pd, da D’Attorre a Speranza fino a Gotor, che accusa Renzi di “sbagliare due volte”, le sue parole raccolgono consensi e inviti a riflettere.

“Un raggio di sole per la democrazia”, sintetizzano i Verdi. Appello al voto anche da parte della Cgil. Ma le dichiarazioni più forti arrivano da Beppe Grillo, che chiama in causa il Capo dello Stato, Sergio Mattarella, ex giudice della Consulta, chiedendogli di “prendere posizione: sull’energia – rimarca il leader Cinquestelle – è una questione di civiltà”.

Ha superato i dubbi, invece, il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti. Finora incerto se recarsi o meno alle urne, ha sciolto ora la riserva: “Andrò a votare e voterò ‘No’. Ho sempre ritenuto tutte pienamente legittime le posizioni, compresa quella di chi sceglierà l’astensione puntando al mancato raggiungimento del quorum. Da più parti mi viene chiesto cosa farò domenica: la mia risposta è che andrò a votare e sosterrò le buone ragioni del ‘No'”.

(di Eva Bosco/ANSA)

Ultima ora

11:18F.1: motori, accordo tra Ferrari e Sauber

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - La scuderia Ferrari ha raggiunto un accordo pluriennale con la Sauber Formula 1. In base a questo, spiega il Cavallino rampante in un comunicato, le power unit prodotte a Maranello saranno utilizzate sulle monoposto della squadra svizzera.

11:12Calcio: Mls, Sigi Schmid nuovo tecnico dei LA Galaxy

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - Cambio di allenatore sulla panchina dei Los Angeles Galaxy: Curt Onalfo, infatti, è stato esonerato in seguito ai deludenti risultati conseguiti, non ultima una serie di 5 sconfitte consecutive. Il suo posto è stato assegnato al veterano della Mls Sigi Schmid, 64 anni, tedesco con passaporto Usa, tra il '99 e il 2004 già nella franchigia californiana che nel 2002 condusse anche al suo primo scudetto. Titolo che la scorsa stagione è andato ai Seattle Sounders, squadra allenata proprio da Schmid fino all'estate, quando fu a sua volta esonerato. Onalfo, promosso dai Galaxy B dopo la nomina di Bruce Arena a ct della Nazionale statunitense, lascia la squadra al 9/o posto della Western Conference, con 6 vittorie, 4 pareggi e 10 sconfitte. Dal prossimo campionato di Mls, intanto, la città avrà il suo derby con il debutto del Los Angeles Football Club (Lafc): la nuova franchigia sarà guidata dal 59enne ex ct degli Usa Bob Bradley. Nel gennaio dello scorso anno era stato esonerato dallo Swansea (Premier League).

10:59Migranti: naufragio Egeo, 7 vittime, anche 5 bambini

(ANSAmed) - ISTANBUL, 28 LUG - Almeno 7 persone, 2 donne e 5 bambini, sono morte nel naufragio di un barcone di migranti nel mar Egeo, avvenuto nella tarda serata di ieri. Lo riferisce la guardia costiera turca. Il natante, diretto verso le isole greche, è affondato al largo di Cesme, località costiera nella provincia di Smirne. Secondo le autorità marittime di Ankara, a bordo c'erano 18 persone, 9 delle quali - 4 iracheni, 3 somali e 2 siriani - soccorse in mare. Proseguono inoltre le ricerche di un altro migrante, che risulta disperso. Il presunto scafista avrebbe invece abbandonato il barcone mentre stava affondando ed è ora ricercato. Nelle operazioni di salvataggio sono stati impiegati 3 navi e un elicottero. Dall'accordo Ue-Turchia del marzo 2016, il flusso di migranti e rifugiati verso le isole greche si è ridotto a una media quotidiana di poche decine, facendo diminuire sensibilmente anche il numero degli incidenti in mare

10:51Pakistan: premier rimosso da Corte Suprema

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - La corte suprema pachistana ha rimosso dal suo incarico il premier Nawaz Sharif perché accusato di corruzione. Non è la prima volta che un tribunale ha ordinato la rimozione di un premier eletto. Cinque anni fa era successo all'allora primo ministro Yusuf Raza Gilani per un caso di oltraggio alla giustizia. Sharif e i suoi figli sono invece accusati di possedere una serie di compagnie offshore, come è emerso un anno fa dai cosiddetti Panama Papers.

10:42Omicidio a Vieste: indagini, ascoltate 8 persone

(ANSA) - VIESTE, 28 LUG - Otto persone, tra amici, familiari e possibili testimoni, sono state ascoltate dai carabinieri nell'ambito delle indagini sull'omicidio di Omar Trotta, di 31 anni, con precedenti penali, ucciso ieri con colpi di pistola intorno alle 14.00 mentre era all'interno del suo ristorante, 'La bruschetta', nel centro storico di Vieste. E'stata ascoltata anche la moglie della vittima, che era presente con la figlioletta di 7 mesi. ''Ci ha confermato la dinamica. - ha detto un ufficiale dei Cc che segue le indagini - Un solo killer è entrato nel locale, col volto coperto da casco e armato di pistola calibro 9. Ha esploso 5 colpi che hanno raggiunto Trotta all'addome e alla testa, uccidendolo''. Poi è fuggito ed ha raggiunto il complice che lo attendeva su uno scooter. Il killer ha sparato senza preoccuparsi della gente che in quel momento si trovava nel locale. Al tavolo con Trotta e Tommaso Tomaiuolo, di 21 anni, rimasto leggermente ferito, sedeva anche la fidanzata di Tomaiuolo, sfuggita al fuoco del killer.

10:41Causò incendio che distrusse 10mila mq Parco Vesuvio, preso

(ANSA) - NAPOLI, 28 LUG - Identificato e arrestato dai Carabinieri l'autore dell'incendio che ha distrutto 10mila metri quadrati di Parco nazionale del Vesuvio. Sono stati i Carabinieri della Compagnia di Torre del Greco, in sinergia con i Carabinieri Forestali, ad aver eseguito nella notte un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per incendio boschivo emessa dal Gip di Torre Annunziata su richiesta della locale Procura nei confronti di un 24enne del luogo già noto alle forze dell'ordine. L'uomo, identificato grazie a veloci indagini - esame di telecamere e attività di intercettazione - è ritenuto responsabile di aver appiccato, il 14 luglio scorso a Torre del Greco, l'incendio che ha distrutto 10mila metri quadrati di Parco. Il giovane ha utilizzato un semplice accendino, mettendo per altro a repentaglio con quel gesto la sua stessa abitazione, lambita dalle fiamme. Adesso si trova nel carcere di Poggioreale, in attesa del processo.

10:27Ignoti ‘intitolano’ via a indipendentista sardo morto

(ANSA) - BRESCIA, 28 LUG - La scorsa notte, a Brescia, ignoti hanno coperto la targa della via intitolata a Luigi Cadorna, in centro città, sostituendola con una finta intitolata: "Via Doddore Salvatore Meloni. Patriota sardo". Il riferimento è all'indipendentista sardo morto all'inizio di luglio dopo due mesi di sciopero della fame in carcere. Era tra i 48 coinvolti dalla Procura di Brescia nell'inchiesta per l'organizzazione dell'occupazione di Piazza San Marco a Venezia. Al momento il gesto non è stato rivendicato.

Archivio Ultima ora