Presidente della Corte Costituzionale, al referendum si deve votare

Pubblicato il 11 aprile 2016 da redazione

Il presidente della Corte Costituzionale, Paolo Grossi

Il presidente della Corte Costituzionale, Paolo Grossi

ROMA. – Al referendum del 17 aprile sulle trivelle e lo sfruttamento dei giacimenti “si deve votare: ogni cittadino è libero di farlo nel modo che ritiene giusto. Ma credo si debba partecipare al voto: significa essere pienamente cittadini”.

La posizione espressa dal presidente della Corte Costituzionale, Paolo Grossi, è chiara e netta. E non investe, ovviamente, i contenuti del quesito referendario: su quelli, “ciascuno è libero”. Investe, invece, il diritto-dovere di prendere parte alle consultazioni democratiche, previste e disciplinate dalla Costituzione.

Grossi, interpellato durante la conferenza stampa seguita alla presentazione annuale sull’attività della Consulta, ha parlato da membro di quello che definisce “un tribunale” che non tutela valori “imbalsamanti” come un custode in un museo, ma nella loro “attuale e concreta consistenza”.

E molto spesso lo fa per rispondere a esigenze del “tessuto sociale” “non compiutamente soddisfatte” dalle leggi. Da tecnico, nel suo intervento, Grossi si sofferma sul ruolo dei magistrati, sulle molte ordinanze “affette da vizi genetici” che giudici e tribunali rimettono alla Corte e che per questo sono esposte alla ‘bocciatura’ per inammissibilità.

Colpa di magistrati incapaci o che agiscono per volontà di protagonismo?, gli si chiede. No, “la qualità della nostra magistratura è egregia, ma c’è un difetto di organizzazione che sta diventando un male strutturale: troppo pochi giudici e un carico eccessivo di lavoro”, è la risposta. Non è un caso se nel 2015, su 145 giudizi incidentali, provenienti da giudici di vario ordine, le pronunce di illegittimità sono state solo 38 e tutte le altre sono state di inammissibilità o infondatezza.

Il piano politico, nel suo discorso, resta sullo sfondo. Ma le sue parole sul referendum acquistano inevitabile peso, perché pronunciate a sei giorni dal voto e, soprattutto, dopo l’appello all’astensione arrivato da una parte del Pd e dallo stesso Renzi, premier e segretario del partito, che oggi dichiara: “Il referendum sulle trivelle è sicuramente importante ma non c’è niente di nuovo da dire”.

Su un altro tema ‘caldo’, quello delle intercettazioni, tornato al centro del dibattito dopo l’inchiesta petrolio, Grossi non è entrato: “Qui è bene mantenere un assoluto silenzio o sarebbe un’interferenza”, afferma. Il referendum, invece, è cosa ben diversa perché chiama in causa quel diritto di “partecipazione al voto che fa parte della carta d’identità del buon cittadino”.

E sebbene rispondendo a una domanda specifica, il presidente della Corte dà, ovviamente, una risposta di portata generale, che suscita immediate reazioni. Nella minoranza Pd, da D’Attorre a Speranza fino a Gotor, che accusa Renzi di “sbagliare due volte”, le sue parole raccolgono consensi e inviti a riflettere.

“Un raggio di sole per la democrazia”, sintetizzano i Verdi. Appello al voto anche da parte della Cgil. Ma le dichiarazioni più forti arrivano da Beppe Grillo, che chiama in causa il Capo dello Stato, Sergio Mattarella, ex giudice della Consulta, chiedendogli di “prendere posizione: sull’energia – rimarca il leader Cinquestelle – è una questione di civiltà”.

Ha superato i dubbi, invece, il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti. Finora incerto se recarsi o meno alle urne, ha sciolto ora la riserva: “Andrò a votare e voterò ‘No’. Ho sempre ritenuto tutte pienamente legittime le posizioni, compresa quella di chi sceglierà l’astensione puntando al mancato raggiungimento del quorum. Da più parti mi viene chiesto cosa farò domenica: la mia risposta è che andrò a votare e sosterrò le buone ragioni del ‘No'”.

(di Eva Bosco/ANSA)

Ultima ora

00:54Pena morte:Corte suprema autorizza condanna detenuto Alabama

(ANSA) - WASHINGTON, 19 NOV - La corte suprema Usa ha autorizzato l'Alabama ad eseguire nelle prossime ore la condanna a morte di Torrey Twane McNabb, 40 anni, accusato di aver ucciso nel 1997 un poliziotto. I giudici hanno annullato la decisione di una corte d'appello che aveva bloccato l'esecuzione per accertare se il protocollo farmaceutico legato all'iniezione potesse causare una pena crudele e inusuale.

00:50Weinstein: Tarantino,sapevo abbastanza per fare di più

(ANSA) - NEW YORK, 20 OTT - "Sapevo abbastanza per fare di piu' di quello che ho fatto". Lo afferma il regista Quentin Tarantino in un'intervista al New York Times intervenendo sul caso di Harvey Weinstein. Tarantino ammette che le informazioni a sua disposizione "erano più di un normale gossip. Non erano di seconda mano".

00:47Brexit: May ai 27, aiutatemi a difendermi da attacchi

(ANSA) - BRUXELLES, 20 OTT - Theresa May ha chiesto ai partner europei di poter portare a casa un risultato che le consenta di difendersi dagli attacchi politici 'domestici'. La richiesta, a quanto si è appreso, è stata formulata dal premier durante la cena del summit dedicata alla Brexit.

00:23Basket: Eurolega, Milano-Fenerbahce 86-92

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Datome (16 punti) e Melli (15 e 11 rimbalzi) fanno un brutto scherzetto all'Ax Milano: con piglio deciso e carattere leonino, i due azzurri fanno la vera differenza a favore del Fenerbahce, che sbanca il Forum dopo un tempo supplementare (86-92) e manda così l'Olimpia a 0-2 in Eurolega. Milano, come una settimana fa a Mosca, non demerita nel primo tempo, ma s'inchina ai campioni d'Europa nel terzo periodo (27-16 il parziale), quando Sloukas scava un solco importante con 12 punti (17 in totale). Milano si piega ma non si spezza, meritando a pieno gli applausi che le destinano il patron Giorgio Armani e tutto il Forum che sogna il colpaccio: le triple di M'Baye (16) e Bertans (16) la tengono a contatto e le consentono di trovare il pari (80-80) a 7 secondi dalla fine con la tripla di Micov (15), che manda tutto all'overtime. Ma al supplementare il Fenerbahce fa valere il suo pedigree e con due ex della Serie A (Wanameker e Nunnally) porta a casa la vittoria.

00:19Calcio: Montella, i tifosi ci stiano vicini

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - "È chiaramente un momento complesso: se avessimo vinto, ci sarebbe stato maggior entusiasmo. Ma stasera la squadra la sua partita l'ha fatta, creando tante occasioni che, purtroppo, non siamo stati in grado di concretizzare. Siamo comunque primi in classifica, almeno in Coppa". Lo ha detto Vincenzo Montella a Sky Sport, dopo lo 0-0 casalingo con l'Aek Atene in Europa League. "L'analisi della partita di oggi - ha proseguito - è fuorviata dalle sconfitte in campionato, che pesano sulla testa mia, dei giocatori e dei tifosi, i quali hanno dimostrato il loro disappunto. Ma oggi la squadra è stata più solida e più pericolosa. Manca la scintilla, manca il fiammifero che dobbiamo accendere noi stessi - ha poi ammesso il tecnico - Ma i ragazzi non sono tranquilli: vogliono dimostrare di essere da Milan, ma sono come bloccati nella testa. Il mio compito primario, ora, è quello di farli sciogliere. Quindi, chiedo alla società e soprattutto ai tifosi di starci vicino: è una squadra che ha qualità, ma deve esprimerla".

00:14Calcio: Europa League, Milan pari e vittoria dell’Atalanta

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Milan-Aek Atene 0-0 e Atalanta-Apollon Limassol 3-1 in due gare della 3/a giornata di Europa League. I rossoneri, nonostante le occasioni sprecate soprattutto nella ripresa, non abbattono il muro greco e chiudono tra i fischi. Nell'altra partita del girone D, Austria Vienna-Rijeka 1-3. Classifica: Milan 7; Aek 5; Rijeka 3; Austria V. 1. A Reggio Emilia, invece, vittoria dell'Atalanta sui ciprioti. Primo gol all'11': Spinazzola scende da sinistra e pesca l'indisturbato Ilicic che insacca da due passi. Nella ripresa, l'Apollon pareggia al 59': cross da destra di Jakolis e Schembri, tutto solo, insacca di testa. Ma dura poco: dopo una traversa di Gomez, sul successivo corner al 64', Petagna salta sull'uscita a vuoto di Bruno Vale e riporta i suoi avanti. E due minuti dopo arriva il 3-1: sull'apertura di Gomez, Ilicic fa sponda di petto per Freuler che fa secco il portiere con un diagonale da dentro l'area. Sull'altro campo del girone E, Everton-Lione 1-2. Classifica: Atalanta 7; Lione 5; Apollon 2; Everton 1.

22:38Sindaco Amatrice candidato alle regionali nel Lazio

(ANSA) - RIETI, 19 OTT - Il sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, sarebbe in procinto di candidarsi alle regionali del Lazio del 2018 secondo quanto riferisce l'edizione reatina online de Il Messaggero. A sostenerlo, sempre secondo il quotidiano romano, sarà una lista civica con il suo nome, all'interno del centrodestra. L'ufficialità è attesa alla presentazione del suo libro a Roma il 24 ottobre.

Archivio Ultima ora