Alfano: Oggi gli italiani accolgono, ieri sono stati accolti

Pubblicato il 13 aprile 2016 da redazione

Italian Interior minister Angelino Alfano talks to the press prior to a Justice and Home Affairs Council.  AFP PHOTO / GEORGES GOBET

Italian Interior minister Angelino Alfano talks to the press prior to a Justice and Home Affairs Council. AFP PHOTO / GEORGES GOBET

NEW YORK: “Una missione breve ma molto proficua” così ha definito il Ministro degli Interni Angelino Alfano il suo viaggio negli Stati Uniti. Due tappe molto significative, Washington e New York. A Washington ha incontrato il collega Jeh Johnson, Homeland Security Secretary, Loretta Lynch, Attorney General e ha partecipato ad un think tank nell’European Institute.

I temi analizzati sono stati la lotta al terrorismo, alla criminalità organizzata e il controllo dell’immigrazione.

“Sono molti i dossier che seguiamo insieme, Italia e Stati Uniti – ha detto il Ministro in un incontro con la stampa presso il Consolato Generale di New York – In quest’occasione abbiamo gettato le basi per costituire una piattaforma comune che approfondisca lo scambio di informazioni relative ai dati biometrici degli immigranti. Con il collega Jeh Johnson abbiamo condiviso la necessità di una strategia comune che superi il vecchio concetto di sicurezza intesa come isolamento”.

Alfano ha sottolineato la necessità di costruire politiche condivise in considerazione dei profondi cambiamenti che sono avvenuti nel mondo. “La nuova forma di sicurezza prevede lo scambio di informazioni. È necessario abbandonare gli isolamenti e rafforzare la cooperazione”.

Con l’attorney General Linch il discorso si è focalizzato sulla lotta alla criminalità organizzata e il consolidamento del rapporto di cooperazione giudiziaria e di polizia tra i nostri paesi.

Il terzo tema “caldo” quello dell’immigrazione è stato analizzato nel corso del think tank che si è svolto nell’European Institute. Alfano, che a New York ha voluto visitare Ellis Island, “perché non si costruisce il futuro senza memoria” ha parlato della necessità di creare una strategia unitaria che riesca a trasformare Europa e Stati Uniti in “un unico occidente in cui la libertà e la centralità della persona siano l’elemento fondante che rende unite le due sponde dell’Atlantico. A un crimine globale, a flussi di emigrazione globali, a un attacco globale non si possono dare risposte locali. Credo che questo faro di libertà e di democrazia rappresentato dagli Stati Uniti debba essere sostenuto dall’Europa”.

Il prossimo appuntamento per approfondire la cooperazione tra l’Europa e gli Stati Uniti su queste tematiche sarà il G6 che si riunirà in autunno con la presidenza dell’Italia.

Nel commentare la sua visita ad Ellis Island il Ministro Alfano ha detto che è rimasto profondamente emozionato nel vedere quegli stanzoni per i quali sono passati centinaia di migliaia di connazionali.

“L’Italia è un paese accogliente – ha detto – gli italiani sono un popolo accogliente, ma ieri è stato anche un popolo accolto. E non sono passati troppi anni. L’idea che tanti italiani abbiano solcato l’oceano e siano arrivati qui ci fa esprimere ancora una volta profonda gratitudine verso gli Stati Uniti, un paese al quale l’Italia deve molto perché non saremmo il popolo libero che oggi siamo senza il suo intervento alla fine della Seconda Guerra Mondiale.

La storia di quelle centinaia di migliaia di persone i cui nomi sono rimasti impressi nelle stanze di Ellis Island è una storia a lieto fine perché, in grande maggioranza, quegli italiani sono riusciti a realizzare i loro sogni e hanno contribuito a rendere ancora più grande questo paese. Ellis Island è un risveglio alla nostra coscienza, bisogna rendersi conto che la ruota della storia gira e in questo momento tocca all’Europa assumere la responsabilità dell’accoglienza”.

Immediatamente dopo il Ministro ha però ricordato che gli Stati Uniti aveva anche regole molto severe e non tutti hanno avuto la possibilità di varcare i suoi confini.

“Noi oggi stiamo subendo un afflusso di profughi e purtroppo anche di immigranti irregolari come non ce n’erano dalla fine della seconda guerra mondiale e allo stesso tempo viviamo in uno dei momenti di maggiore e più pericolosa insidia alla sicurezza internazionale. Tutto questo va gestito con freddezza e lucidità, ricordando sempre che il nostro paese oggi deve accogliere immigrati ma che ieri i suoi cittadini sono stati accolti come emigranti”.

(Mariza Bafile/Voce)

Ultima ora

07:18Terrorismo: blitz a Venezia, sgominata cellula jihadista

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - Un blitz di Polizia di Stato e Carabinieri è scattato durante la notte nei confronti di una cellula jihadista in pieno centro a Venezia: tre persone arrestate e un minore fermato, tutti originari del Kosovo e residenti in Italia con regolare permesso di soggiorno; 12 le perquisizioni tra il capoluogo, Mestre e Treviso.

23:43Trump: Ivanka ‘assunta’ come dipendente federale

(ANSA) - NEW YORK, 29 MAR - Ivanka Trump sara' assunta come dipendente federale nel ruolo di assistente del padre alla Casa Bianca. Non percepira' pero' alcuno stipendio, cosi'come avviene per il marito Jared Kushner. Lo ha annunciato la stessa figlia del presidente americano, spiegando che la decisione e' stata presa per porre fine alle preoccupazioni di tipo etico solevate da piu' parti e legate alla sua presenza alla Casa Bianca dove ha anche un ufficio.

22:56Calcio: Messi “Nessuna offesa, le mie erano parole al vento”

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - "Non volevo insultare l'assistente, le mie erano solo parole al vento". Così Leo Messi si discolpa, secondo quanto apprende La Nacion, nell'arringa difensiva che l'Afa (la Federcalcio argentina) presenterà alla Commissione d'appello della Fifa, nel tentativo di ricevere uno sconto sulle quattro giornate di squalifica inflitte alla 'Pulce' per le offese rivolte a un assistente dopo la sfida contro il Cile. Nel caso in cui in appello dovessero essere confermate le giornate di stop a Messi, l'Afa si rivolgerà al Tas di Losanna; in questo caso, però, i tempi della sentenza si allungherebbero fino alla fine dell'estate prossima. In particolare, nel ricorso, la Federcalcio argentina sottolinea di come l'arbitro brasiliano Ricci, nelle 16 pagine di relazione presentata alla Fifa, non abbia menzionato l'alterco verbale fra Messi e l'assistente.

21:05Migranti: #Withrefugees, scatti per capire un dramma

(ANSA) - MILANO, 29 MAR - "Grazie alla fotografia sono i migranti che ci parlano. E' nel diffondere questa consapevolezza che l'immagine può davvero rappresentare un veicolo importante per far capire le problematiche di queste persone che attraversano il mondo". Lo ha detto Carlotta Sami, portavoce per il Sud Europa dell'Unhcr, l'agenzia per i Rifugiati delle Nazioni Unite. L'occasione per una riflessione sulle migrazioni è stata l'inaugurazione della mostra #Withrefugees - Fotografi per i rifugiati, oggi, alla spazio Big Santa Marta di Milano. A promuovere la serata è stata MIA Photo fair (la fiera internazionale della fotografia), che apre proprio nel giorno dell'approvazione della legge sulla protezione dei minori stranieri non accompagnati. A essere esposti sono 45 scatti di fotografi che si sono dedicati al tema: Yuri Catania, Franco Paggetti, Pierre Andrè Podbilesky, Massimo Sestini e Paolo Solari Bozzi, che hanno messo le loro opere a disposizione per beneficenza.

20:54Trump: Moore, con nuove norme clima iniziata estinzione vita

(ANSA) - NEW YORK, 29 MAR - Donald Trump ha appena "iniziato l'estinzione della vita umana sulla terra": ne e' convinto il regista liberal Michael Moore, facendo riferimento all'ordine esecutivo firmato dal presidente americano che spazza via le normative ambientali del predecessore Barack Obama. "Gli storici nel prossimo futuro (e potrebbe essere l'unico futuro che abbiamo) ricorderanno il 28 marzo 2017 come il giorno dell'inizio dell'estinzione della vita umana sulla terra", ha scritto in un post su Facebook. A suo parere, firmando il decreto che ordina di rivedere le norme per la riduzione delle emissioni di gas serra nelle industrie, Trump ha "dichiarato guerra al pianeta e ai suoi abitanti".

20:52Calcio: Lazio, Anderson “La Roma? Pensiamo a noi stessi”

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - "La Roma? Pensiamo solo a noi, non a quello che dicono loro. Giocheranno coi loro tifosi ma, se saremo intelligenti, facciamo una grande partita". Così Felipe Anderson, intervistato a Mediaset premium, parla della sfida di ritorno di Coppa Italia contro la Roma, in programma il 4 aprile. Si riparte dal 2-0 sei biancocelesti dell'andata, ma per il brasiliano conta prima di tutto fare bene contro il Sassuolo in campionato. "Questa per noi è una settimana decisiva - spiega l'ex Santos - dobbiamo centrare due obiettivi di stagione, non bisogna sbagliare. Pensiamo prima al Sassuolo, poi al derby". Protagonista della sua miglior stagione a livello di continuità, per Anderson è sempre vivo il sogno della Seleçao: "Giocare il Mondiale è un mio obiettivo - conclude l'attaccante dei biancocelesti - ma so che devo dare il massimo qui, voglio finire bene e sperare di conquistare la Nazionale".

20:41Deltaplano precipita in provincia di Modena, grave 56enne

(ANSA) - MODENA, 29 MAR - Un deltaplano con a bordo un 56enne, D.B., si è schiantato al suolo, in un terreno agricolo, intorno alle 18 a Campogalliano, in provincia di Modena. L'uomo, proprietario sia del velivolo che del terreno agricolo dove è avvenuto l'incidente, in via Vandelli, è stato soccorso dai sanitari del 118, intervenuti con l'ambulanza e con l'elisoccorso. Il ferito, cosciente ma con gravi ferite ad una gamba, è stato così portato all'ospedale Maggiore di Bologna con l'elicottero. Le sue condizioni sono gravi. In via Vandelli sono intervenuti anche i vigili del fuoco ed i carabinieri. Tutte le ipotesi sono al vaglio, ma si propende per un guasto tecnico del deltaplano, che, a quanto pare, è precipitato mentre era ancora in fase di decollo. A chiamare i soccorsi sono stati i parenti del 56enne, che hanno udito il rumore dello schianto. (ANSA).

Archivio Ultima ora