Mattarella: io custode della Costituzione, ogni parola pesa

Pubblicato il 14 aprile 2016 da redazione

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, incontra al Quirinale il Consiglio Direttivo dell'Associazione Dimore Storiche italiane, Roma, 12 aprile 2016. ANSA/UFFICIO STAMPA QUIRINALE-PAOLO GIANDOTTI

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, incontra al Quirinale il Consiglio Direttivo dell’Associazione Dimore Storiche italiane, Roma, 12 aprile 2016.
ANSA/UFFICIO STAMPA QUIRINALE-PAOLO GIANDOTTI

ROMA. – Una vita dedicata alla Costituzione anche se da giovane voleva fare il medico. Sergio Mattarella ricorda di essere oggi “il custode rappresentativo” della Carta dopo che percorsi professionali imprevedibili – soprattutto l’ultimo al Quirinale – lo hanno portato per decenni a strettissimo contatto con quegli articoli che oggi conosce “quasi a memoria”. E che pesano. Anzi, dove non solo gli articoli ma anche le singole parole sono “pesate” con estrema attenzione e con altrettanta cura saranno trattate dal Colle.

Sono state le domande dirette di un folto gruppo di bambini delle elementari a far “aprire” il presidente portandolo a raccontare la sua quotidianità, i suoi hobby e le sue passioni. Seduti per terra nella sala degli Specchi del Quirinale gli studenti hanno circondato il capo dello Stato che, solo al centro, si è sottoposto di buon grado a una raffica di domande che gli hanno permesso di spaziare dall’ etica ai ricordi giovanili, dalla politica all’amore per i libri e gli animali. O alle ore passate con i suoi sei nipotini “ristudiando” con loro (“lo studio non è mai sufficiente!”).

Un ritratto privato di un uomo che non ha nascosto il suo iniziale smarrimento di fronte ai “gravosi impegni” che lo aspettavano al Colle, ben sapendo – lui che è stato prima in Parlamento, poi al Governo e quindi alla Consulta – quanti e quali sono gli “uffici” del Quirinale.

“Come si è sentito quando ha capito che diventava presidente?”, gli ha chiesto Maria Letizia, studentessa di quinta elementare. “Molto preoccupato”, ha risposto senza esitazioni Mattarella. “Non ero sicuro di svolgerlo bene e avevo la preoccupazione del peso che il Quirinale comporta, poi – ha aggiunto – cominciando il lavoro la preoccupazione si dissolve, ma quello era il mio stato d’animo quando, a sorpresa, capii che stavo diventando presidente della Repubblica”.

Sì perchè fu una “sorpresa” per l’allora giudice costituzionale vedere che di ora in ora si consolidava il sostegno parlamentare intorno al suo nome. Ed oggi, da primo cittadino, Mattarella lavora per far avanzare almeno un po’ quello che ha definito “un sogno ad occhi aperti”.

La voglia di un mondo più equo da consegnare alle nuove generazioni: “un mondo di pace, senza bambini che soffrono la fame o che annegano in mare fuggendo dalla guerra”. Un mondo solidale insomma. Fatto di “convivenza” e “rispetto reciproco” nel nome dell’accoglienza ma anche nel mai troppo banale “rispetto delle leggi”. Leggi che devono essere rispettate da tutti, anche da chi cittadino italiano ancora non lo è, non ha mancato di sottolineare.

Un presidente “che non sa scegliere tra mare e montagna”, lui palermitano ama il sole ma adora le passeggiate tra laghi e torrenti. Con caparbia cerca di ritagliarsi del tempo per la sua grande passione, i libri. “Storia, saggistica, letteratura”, ma anche un po’ di buona musica e, quando si può, dello sport da gustare in televisione.

Il tutto condito con l’amore per gli animali. I gatti, ad esempio, che tanto amava la moglie Marisa: “le piacevano tanto e ne abbiamo avuti a casa. Erano una compagnia molto piacevole…”. Come, seppur da lontano, sembra fargli compagnia quel “grosso gatto che passeggia tranquillamente nei giardini del Quirinale” e che il presidente sembra tenere sotto controllo.

(di Fabrizio Finzi/ANSA)

  • Angelino Cherubini

    Di tutti i presidenti che abbiamo avuto è certamente il più insignificante. Chiara espressione della litigiosità dei politici italiani,che per giungere ad un’accordo hanno scelto un fantasma di Presidente,praticamente è come se non ci fosse.

Ultima ora

13:54Terremoto: scossa a largo Ancona magnitudo 2.6

(ANSA) - ANCONA, 25 SET - E' stata di magnitudo 2.6 la scossa di terremoto avvenuta in mare, al largo di Ancona alle ore 12:59, e distintamente avvertita dalla popolazione. Lo rende noto l'Ingv. Il sisma, avvenuto a una profondità di 10 km, è stato preceduto da un boato. Al momento non sono segnalati danni, solo molta paura per la popolazione.

13:52Russia: fermata coppia cannibali

(ANSA) - MOSCA, 25 SET - Un uomo e una donna sono stati arrestati dalla polizia nella regione di Krasnodar, in Russia, con il sospetto di aver rapito, ucciso e divorato fino a 30 persone. Lo riportano i media russi. Al momento le forze dell'ordine sono riusciti a identificare 'solo' sette vittime. La coppia - stando a Mir24 - ha ammesso che le parti umane rinvenute nel frigorifero del loro appartamento erano destinate a un "consumo successivo". La coppia potrebbe aver cominciato nel 1999.

13:45Escort uccisa in albergo, condanna a 30 anni

(ANSA) - BOLOGNA, 25 SET - Condanna a trent'anni, come chiesto dal Pm Antonello Gustapane. E' la sentenza di condanna pronunciata a Bologna dal Gup Francesca Zavaglia a carico di Claudio Villani, 56enne ferrarese processato in abbreviato per l'omicidio di Barbara Fontana, escort uccisa con 38 colpi di cacciavite e tre di coltello in una camera d'albergo di San Pietro in Casale, nel Bolognese, nella notte tra il 4 e il 5 agosto 2016. Il giudice ha anche disposto l'interdizione dai pubblici uffici e tre anni di libertà vigilata a pena espiata. La perizia psichiatrica conferita nella scorsa udienza ha dichiarato l'imputato pienamente in grado di intendere e di volere. Provvisionali da 30mila euro ciascuno sono state stabilite per le parti civili, il padre, la madre e il marito di Fontana, difesi dagli avvocati Assunta Acri e Valerio Borghesani e di cinquemila euro per l'Unione donne italiane, rappresentata dall'avvocato Rossella Mariuz. La Procura esprime "soddisfazione" per l'esito del giudizio. (ANSA).

13:43Iraq: Erdogan, esercito turco pronto a passi necessari

(ANSA) - ISTANBUL, 25 SET - L'esercito turco è schierato al confine con il nord Iraq, pronto a intraprendere i "passi necessari" a seguito del referendum consultivo sull'indipendenza del Kurdistan iracheno. Lo ha detto il presidente Recep Tayyip Erdogan. Da una settimana, sono in corso esercitazioni militari alla frontiera delle forze armate di Ankara. "Potremmo entrare (in Iraq) improvvisamente di notte - ha minacciato Erdogan -. Come abbiamo liberato Jarablus, al-Rai e al-Bab da Daesh (l'Isis) in Siria, se ce ne sarà bisogno non ci tireremo indietro dal compiere passi simili in Iraq". Il leader di Ankara ha anche ipotizzato un embargo al commercio petrolifero del Kurdistan iracheno. "Vedremo a chi lo venderanno, la Turchia controlla la valvola", ha detto, riferendosi all'oleodotto che collega Kirkuk al terminale turco di Ceyhan, sul Mediterraneo.

13:43Fassina, problema Germania non sono migranti ma “mini jobs”

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "Le elezioni tedesche smascherano la favola della "Germania Felix". La sofferenza economica e sociale è ampia anche nel Paese leader della UE, sebbene meno che nella periferia dell'Unione. Non è l'immigrazione la variabile che spiega il risultato di AfD. La AfD accresce i suoi consensi in misura maggiore nei lander orientali dove l'immigrazione è più bassa. È la precarietà e la povertà del lavoro, nascosta dalle statistiche della disoccupazione, la spiegazione principale: è la svalutazione del lavoro, praticata intensamente dalla Germania a partire dalle "riforme Hartz" di Schroeder, e imposta a tutto il continente attraverso la moneta unica". Così in una nota Stefano Fassina, deputato di SI. "Larghe fasce di popolo vengono attratte in modo preoccupante dalle sirene di Afd perché la Spd è stata ed è corresponsabile della rotta liberista dei Trattati UE e dell'euro che fa gli interessi delle imprese esportatrici e delle relative aristocrazie operaie, ma lascia ai mini-Jobs milioni di persone".

13:41Milan: confronto Montella-dirigenza dopo ko con Samp

(ANSA) - MILANO, 25 SET - All'indomani del flop in trasferta con la Sampdoria, questa mattina è andato in scena un confronto fra la dirigenza del Milan e Vincenzo Montella. L'ad Marco Fassone e il ds Massimiliano Mirabelli prima dell'allenamento hanno incontrato a Milanello l'allenatore rossonero, come era già accaduto due settimane fa dopo la disfatta in casa della Lazio. "Queste sconfitte non devono essere considerate come routine: il Milan non deve perdere contro avversarie ritenute più deboli di noi", ha chiarito ieri Fassone, spiegando che "non ci sono alibi" e che "l'atteggiamento deve essere cambiato rapidamente". Per il cammino verso la qualificazione in Champions nonché per le sorti di Montella, rischiano di essere decisivi i prossimi due impegni di campionato, contro Roma e Inter. Intanto la squadra tornerà in campo giovedì sera per la seconda partita del girone di Europa League, con il Rijeka.

13:40Bomba sotto auto nel vibonese, ferito gravemente conducente

(ANSA) - SORIANELLO (VIBO VALENTIA), 25 SET - Una bomba collocata sotto un'automobile è esplosa stamani dopo le 11 in via Nazionale a Savini, nel comune di Sorianello, ferendo gravemente l'uomo che era a bordo, Nicola Ciconte, di 28 anni, già noto alle forze dell'ordine per reati legati alla droga. L'auto era parcheggiata davanti l'abitazione della vittima, all'interno di una proprietà privata. Ciconte, che comunque non sarebbe in pericolo di vita, ha riportato gravi ferite tra le quali una lacerazione al polpaccio destro. Soccorso è stato trasferito in elisoccorso all'ospedale di Catanzaro nel tentativo di salvargli la gamba. Sul posto i carabinieri della Compagnia di Serra San Bruno e della Stazione di Soriano che hanno avviato le indagini. Ancora da accertare il sistema utilizzato per innescare l'esplosivo. Allo stato l'unica cosa che viene esclusa è che l'ordigno fosse collegato al sistema di accensione della vettura. (ANSA).

Archivio Ultima ora