Venezuela oggi: attivare la solidarietà in un tempo di crisi

Pubblicato il 15 aprile 2016 da redazione

camera4

ROMA – Si è svolta presso la sala stampa della Camera dei deputati la conferenza della sezione italiana del “Programa de Ayuda Humanitaria para venezuela”. L’incontro, indetto dal presidente dell’Intergruppo Parlamentare Italia-Venezuela Fabio Porta, è stato dedicato al tema “Venezuela oggi: attivare la solidarietà in un tempo di crisi”.

Sono intervenuti il senatore Luis Alberto Orellana (Gruppo delle Autonomie), Edoardo Leombruni e Luisa Ceccarelli, del Coordinamento italiano, del “Programa de Ayuda Humanitaria”; Amedeo Di Lodovico, del Comitato direttivo della Fondazione “Abruzzo Solidale”; Gianfranco Di Giacomantonio, giornalista di “Abruzzo 24 ore” e corrispondente in Venezuela. Le conclusioni sono state affidate a Giuseppe Di Pangrazio, presidente del Consiglio regionale dell’Abruzzo.

Ha coordinato l’incontro il deputato Fabio Porta (Pd), eletto nella ripartizione America Meridionale, che nel salutare e dare il benvenuto a tutti gli amici italiani e venezuelani, ha spiegato che l’iniziativa è stata organizzata per rafforzare, se c’è ne fosse bisogno, l’idea che l’Italia è vicina al Venezuela. Un grande paese dove vive una tra le più vaste collettività italiane”. Infatti sono circa il 10% i connazionali che risiedono in quella parte di Sud-America.

“Siamo storicamente vicini a questo paese – ha continuato Porta – e siamo più vicini adesso perché il Venezuela vive un momento di difficoltà economica e una situazione politica e istituzionale delicata. Non siano insensibili ai richiami e alle sollecitazioni che ci vengono dai nostri connazionali e anche dai tanti venezuelani che vivono qui in Italia. Ci stiamo impegnando – ha precisato Porta – in primo luogo in Parlamento con il gruppo interparlamentare Italia – Venezuela che spero presto si riunirà anche con i colleghi venezuelani da poco insediati nel nuovo Parlamento”.

Porta ha anche segnalato il positivo impegno in questo ambito del Governo e del ministro degli Esteri Gentiloni. “Il sottosegretario agli Esteri Amendola – ha ricordato Porta – in apertura dei lavori del Consiglio Generale degli Italiani all’Estero ha evidenziato come il Governo italiano sia molto attento alle questioni che riguardano i connazionali in Venezuela, dalla questione previdenziale, alla difficoltà di reperimento delle medicine”.

“Sappiate – ha concluso Porta ricordando che l’obiettivo dell’iniziativa di solidarietà odierna è la divulgazione di un messaggio di maggior attenzione su quello che succede in Venezuela – che non siamo distratti e che comunque c’è qualcuno che queste cose cerca di ricordarle e di intervenire”.

A seguire ha preso la parola il giornalista Gianfranco di Giacomoantonio che grazie all’ausilio di un video ha presentando la Fondazione “La Pastillita”. Un’organizzazione che distribuisce medicine gratuitamente. Il problema di fondo, è stato spiegato, sta nel farle arrivare in Venezuela in quanto nessun corriere si prende la responsabilità, per questo motivo vengono inviate passando per Miami.

Proprio nella città americana da due anni è nato il “Programma Ayuda Humanitaria” per l’invio di medicinali che ora è attivo in tutti i paesi dove risiedono consistenti comunità venezuelane, come negli Stati Uniti, in Italia, in Spagna e Portogallo.

Nel video sono state evidenziate altre piaghe che affliggono la società venezuelana, come il dramma dei sequestri e della sicurezza che colpisce le collettività, non solo quella italiana. Su questo problema è stata intervistata la mamma di Alessandro Erbivendolo, rapito da due anni, e la famiglia Sabino, imprenditori italo-venezuelani di San Vincente (Macaray), la cui azienda di famiglia è stata presa d’assalto e che ha perso quasi tutto.

Anche il senatore Orellana ha espresso preoccupazione per quello che da un paio di anni sta avvenendo in Venezuela, soprattutto dal punto di vista dell’ordine pubblico. “La ricaduta sui venezuelani e soprattutto sulle comunità di italo-venezuelane è quella che ci preoccupa di più. – ha detto Orellana – Al di là dei discorsi e delle scelte politiche che il Venezuela legittimamente fa, di cui non credo ci competa il compito di giudicare, la realtà dei fatti, senza eccessivi allarmismi, è però che effettivamente sussiste una situazione di sofferenza. Quindi – ha continuato il senatore – credo che mettere questo all’attenzione della opinione pubblica italiana rappresenti già di per se un’opera importante”.

“Per vicinanza geografica e per altri giustissimi motivi – ha proseguito Orellana – siamo preoccupati per la crisi del Mediterraneo, però questo non giustifica la poca attenzione per una realtà, come quella del Venezuela, che è lontana solo geograficamente ma molto più vicina per attinenza culturale, sociale, affettiva. Vi sono poi i nostri emigrati di molti anni fa che adesso non per una scelta ponderata ma forzata, tendono a rientrare dal Venezuela, ed è su questo che si accentua la nostra attenzione”.

A seguire, per quanto riguarda l’emergenza sanitaria, Edoardo Leombruni e Luisa Ceccarelli hanno illustrato il “Programma Ayuda Humanitaria”. “Il Programma – ha spiegato Leombruni – è nato proprio per raccogliere farmaci da mandare in Venezuela, un’idea che è si è rivelata subito un boom, ed è stata attivata in tutte le nazioni in cui si riscontrano forti presenze venezuelane. I paesi in cui si fa di più sono quelli a maggior flusso migratorio come l’Italia, la Spagna, il Portogallo e indubbiamente gli Stati Uniti, considerando che negli ultimi anni sono quasi due milioni i venezuelani che sono scappati dalla loro patria”.

Leombruni ci tiene inoltre a sottolineare come questo Programma sia apolitico, senza fini di lucro, costituito da centinaia di volontari che in Italia si stanno raggruppando in Onlus con 15 centri presenti su tutta la Penisola, di cui 4 in Abruzzo. “Negli ultimi due anni – continua Leombruni – abbiamo mandato migliaia di chilogrammi di prodotti sanitari. E questi prodotti, farmaci o presidi sanitari generici, sono fondamentalmente distribuiti in maniera equanime tra le organizzazioni che ne fanno richiesta, ‘La Pastillita’ è una di queste. Indubbiamente i nostri tre maggiori punti di distribuzione sono i tre ospedali cattolici in Venezuela.

Preferiscono questi ospedali – spiega – perché danno la sicurezza che tutto ciò che si manda dall’estero con tanti sacrifici non venga vanificato e che la distribuzione sia equa e radicale ma soprattutto arrivi ai più bisognosi. Da poco tempo anche la Caritas venezuelana rientra tra le organizzazioni che riescono ad aiutare”.

Concludendo Leombruni ha ringraziato gli italiani che contribuiscono a questa missione. Un ringraziamento condiviso da Luisa Ceccarelli che ha sottolineato come il progetto le abbia permesso di conoscere altre realtà “una catena umana” che ha unito con una presenza tutta l’Italia.

E un ringraziamento particolare è andato anche alla Fondazione “Abruzzo solidale” rappresentata nel dibattito da Amedeo Di Ludovico, emigrato in Venezuela nel 1951 editore de “La Voce d’Italia” diretta da Mauro Bafile. Di Ludovico ha sottolineato la gravità della problematica del Venezuela, ha ricordato che gli italiani in questo paese sono quasi il 10% della popolazione totale e ha ringraziato quanti divulgheranno questo messaggio.

Le conclusioni sono state affidate al Presidente del Consiglio regionale dell’Abruzzo Giuseppe Di Pangrazio. Nel ringraziare gli organizzatori per l’importanza del tema, Di Pangrazio ha evidenziato come questa conferenza “metta all’attenzione la garanzia dei diritti umani, specialmente in questo tempo di crisi per tutti dove è sempre più difficile trovare spazio nell’ambito della solidarietà degli esseri umani”.

Da Di Pangrazio è stato anche ricordato il rapporto storico che da sempre persiste tra il grande popolo venezuelano, con al sua cultura e storia da raccontare, e i tanti italiani, fra cui numerosi abruzzesi, emigrati in quel paese. Di Pangrazio, nel ricordare le toccanti storie raccontate nel video, ha infine sottolineato la centralità del diritto alla salute e l’importante vicinanza che accomuna l’Italia al Venezuela.

(Nicoletta Di Benedetto/Inform)

Ultima ora

21:51Calcio: tweet Mertens, Napoli mio presente mio futuro

(ANSA) - NAPOLI, 27 MAG - "Il mio passato, il mio presente, il mio futuro", questo è il tweet dell'attaccante del Napoli Dries Mertens accompagnato da una foto del giocatore mentre firma il suo nuovo contratto fino al 2020. La firma del contratto era stata annunciata già oggi dal presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, che aveva confermato anche come nell'accordo sia presente una clausola rescissoria valida però soltanto per un eventuale trasferimento a una squadra estera e dal 2018. Secondo indiscrezioni il contratto di Mertens prevede un ingaggio annuo di 4,5 milioni di euro.

21:36Padre morto da cinque mesi, figlio tiene cadavere in casa

(ANSA) - GENOVA, 27 MAG - Il cadavere mummificato di un uomo di 88 anni è stato trovato questo pomeriggio in una casa di via Cornigliano, a Genova. L'anziano, che abitava nell'appartamento col figlio di 50 anni, era morto da almeno cinque mesi. Il figlio, che soffre di disturbi psichici, ha cercato di camuffare l'odore con deodoranti e candele profumate. Secondo una prima ricognizione del medico legale Marco Salvi, l'anziano sarebbe morto per un infarto. Il figlio ha custodito la salma sul divano in soggiorno. Sul posto sono intervenuti i carabinieri, chiamati dai vicini che aveva sentito il figlio che inveiva contro il padre. (ANSA).

21:34Calcio: Chelsea battuto, all’Arsenal la Fa Cup

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Manca la doppietta in Inghilterra Antonio Conte sulla panchina del Chelsea, sconfitto 2-1 a Wembley dall'Arsenal nella finale di Fa Cup. La squadra che da quasi 21 anni è guidata da Arsene Wenger, andando contro i pronostici, ha battuto i dominatori della Premier League e portato a casa la 13/a coppa d'Inghilterra, 2 anni dopo l'ultimo successo. Per il francese, si tratta del 16/o trofeo portato nella bacheca dei Gunners, di cui 7 Fa Cup, e forse questo successo potrà incidere sulle sue scelte future dopo una stagione complicata e una forte spinta dei tifosi al club di trovare un sostituto. La sconfitta è dura per Conte, anche se il Chelsea ha tenuto aperta la sfida fino all'ultimo nonostante l'espulsione di Moses per doppia ammonizione al 67'. Anche in 10, i Blues hanno continuato a cercare di pareggiare la rete di Sanchez al 4', trovandola al 76' con Diego Costa. Solo 3' dopo, il Chelsea ha incassato il 2-1 da Ramsey, lasciato libero di battere di testa in area in mezzo a tre avversari.

21:01Calcio: Inter, Gabigol non convocato

(ANSA) - MILANO, 27 MAG - Mano dura dell' Inter con Joao Mario e Gabigol, che non sono stati convocati per l'ultima partita di campionato contro l'Udinese a San Siro. I due giocatori nerazzurri sono stati esclusi per aver abbandonato la panchina all'Olimpico durante la sfida contro la Lazio di domenica scorsa. Dopo la multa e gli allenamenti a parte rispetto al resto della squadra, la società, insieme a Stefano Vecchi, ha deciso di non convocarli per l'ultima partita. Assenti, loro invece per infortunio, anche Murillo, Miranda, Ansaldi e Icardi.

20:37Calcio: serie A, la Juve vince 2-1 a Bologna

(ANSA) - ROMA, 27 MAG Con un gol al 94' del 17enne Kean la Juventus vince 2-1 a Bologna l'anticipo della 38/a e ultima giornata di serie A chiudendo così il campionato a 91 punti. I padroni di casa erano andati in vantaggio al 52' con Taider, aveva pareggiato Dybala al 70'. Nell'altro anticipo del sabato l'Atalanta supera il Chievo per 1-0 (Gomez al 52') e si porta momentaneamente al quarto posto con 72 punti scavalcando la Lazio, impegnata domani sera a Crotone.

20:33Calcio: Cagliari, contro Milan addio a campionato e a S.Elia

(ANSA) - CAGLIARI, 27 MAG - Addio al campionato e al Sant'Elia. Contro il Milan il Cagliari chiude i conti con stagione e campo. E da lunedì pensa al futuro: si parte dallo smontaggio delle tribune da trasferire nello stadio provvisorio. Ma saranno giorni decisivi soprattutto per le scelte sul direttore sportivo dopo i saluti di Capozucca e sull'allenatore. Rastelli sì, Rastelli no? Il mister pensa per ora solo alla partita di domani: "Domani deve essere una festa - ha detto - dentro e fuori dal campo: questi ragazzi hanno ottenuto un risultato importante: gireranno ancora tra i campi più importanti della A. Questa squadra merita un grande applauso". Il 6 a 2 con il Sassuolo? "Già alle spalle - ha precisato - ora pensiamo al Milan. Non mi aspettavo quella prestazione, alla fine ero molto deluso". Dopo il triplice fischio finale ci sarà un giro di campo di giocatori e staff. E poi? "Fra lunedì e martedì - ha ribadito - mi incontrerò col presidente e il direttore sportivo per vedere se ci sono le condizioni per andare avanti". "Il mio bilancio? Ho dato tutto. Mi sento migliore di quando sono partito, mi auguro di poter andare avanti con questo progetto. Le mie sensazioni sono positive", ha sottolineato Rastelli. Chi confermerebbe di questo gruppo? Risposta del mister: "Tutti". Per la partita di domani dovrà fare a meno probabilmente di Rafael e Salamon. Al posto del portiere (sono infortunati Colombo e Gabriel) potrebbe esordire in serie A Crosta, cresciuto nelle giovanili del Milan. In panchina c'è il 2000 Daga. In bilico anche Salamon e il Cagliari si ritroverebbe praticamente con un solo centrale visto che Alves è squalificato. Problemi anche a destra perché anche Isla è stato fermato dal giudice sportivo: Rastelli per la fascia ha convocato i ragazzini Mastino e Oliveira. In attacco non c'è Sau (anche lui squalificato) ma l'ex Borriello si è ripreso e sarà in campo dal primo minuto. (ANSA).

20:32Terzo Valico: migliaia in corteo per tutela acqua e salute

(ANSA) - ALESSANDRIA, 27 MAG - Oltre duemila persone per gli organizzatori, più di un migliaio per le forze dell'ordine, arrivati anche dal Genovese e dalla ValSusa, hanno marciato in corteo, per circa 3 ore, ad Alessandria contro la discarica di Sezzadio, le cave per lo smarino e il Terzo Valico. In piazza anche un serpentone di una quarantina di trattori. La manifestazione, organizzata dai Comitati di base e Agricoltori della Valle Bormida, Sezzadio Ambiente, Vivere a Predosa, NoTav, ha visto la partecipazione di una ventina di sindaci dei Comuni firmatari della Convenzione per la tutela delle risorse idriche del territorio. Tra loro Enrico Silvio Bertero, sindaco di Acqui Terme. Prossimo appuntamento dei manifestanti l'8 luglio a Sezzadio per il concerto degli 'Assalti Frontali', vincitori della prima edizione del Premio Vivaio Eternot, assegnato dal Comune di Casale per aver affrontato il tema dell'amianto nella canzone 'Asbesto'. (ANSA).

Archivio Ultima ora