Venezuela oggi: attivare la solidarietà in un tempo di crisi

Pubblicato il 15 aprile 2016 da redazione

camera4

ROMA – Si è svolta presso la sala stampa della Camera dei deputati la conferenza della sezione italiana del “Programa de Ayuda Humanitaria para venezuela”. L’incontro, indetto dal presidente dell’Intergruppo Parlamentare Italia-Venezuela Fabio Porta, è stato dedicato al tema “Venezuela oggi: attivare la solidarietà in un tempo di crisi”.

Sono intervenuti il senatore Luis Alberto Orellana (Gruppo delle Autonomie), Edoardo Leombruni e Luisa Ceccarelli, del Coordinamento italiano, del “Programa de Ayuda Humanitaria”; Amedeo Di Lodovico, del Comitato direttivo della Fondazione “Abruzzo Solidale”; Gianfranco Di Giacomantonio, giornalista di “Abruzzo 24 ore” e corrispondente in Venezuela. Le conclusioni sono state affidate a Giuseppe Di Pangrazio, presidente del Consiglio regionale dell’Abruzzo.

Ha coordinato l’incontro il deputato Fabio Porta (Pd), eletto nella ripartizione America Meridionale, che nel salutare e dare il benvenuto a tutti gli amici italiani e venezuelani, ha spiegato che l’iniziativa è stata organizzata per rafforzare, se c’è ne fosse bisogno, l’idea che l’Italia è vicina al Venezuela. Un grande paese dove vive una tra le più vaste collettività italiane”. Infatti sono circa il 10% i connazionali che risiedono in quella parte di Sud-America.

“Siamo storicamente vicini a questo paese – ha continuato Porta – e siamo più vicini adesso perché il Venezuela vive un momento di difficoltà economica e una situazione politica e istituzionale delicata. Non siano insensibili ai richiami e alle sollecitazioni che ci vengono dai nostri connazionali e anche dai tanti venezuelani che vivono qui in Italia. Ci stiamo impegnando – ha precisato Porta – in primo luogo in Parlamento con il gruppo interparlamentare Italia – Venezuela che spero presto si riunirà anche con i colleghi venezuelani da poco insediati nel nuovo Parlamento”.

Porta ha anche segnalato il positivo impegno in questo ambito del Governo e del ministro degli Esteri Gentiloni. “Il sottosegretario agli Esteri Amendola – ha ricordato Porta – in apertura dei lavori del Consiglio Generale degli Italiani all’Estero ha evidenziato come il Governo italiano sia molto attento alle questioni che riguardano i connazionali in Venezuela, dalla questione previdenziale, alla difficoltà di reperimento delle medicine”.

“Sappiate – ha concluso Porta ricordando che l’obiettivo dell’iniziativa di solidarietà odierna è la divulgazione di un messaggio di maggior attenzione su quello che succede in Venezuela – che non siamo distratti e che comunque c’è qualcuno che queste cose cerca di ricordarle e di intervenire”.

A seguire ha preso la parola il giornalista Gianfranco di Giacomoantonio che grazie all’ausilio di un video ha presentando la Fondazione “La Pastillita”. Un’organizzazione che distribuisce medicine gratuitamente. Il problema di fondo, è stato spiegato, sta nel farle arrivare in Venezuela in quanto nessun corriere si prende la responsabilità, per questo motivo vengono inviate passando per Miami.

Proprio nella città americana da due anni è nato il “Programma Ayuda Humanitaria” per l’invio di medicinali che ora è attivo in tutti i paesi dove risiedono consistenti comunità venezuelane, come negli Stati Uniti, in Italia, in Spagna e Portogallo.

Nel video sono state evidenziate altre piaghe che affliggono la società venezuelana, come il dramma dei sequestri e della sicurezza che colpisce le collettività, non solo quella italiana. Su questo problema è stata intervistata la mamma di Alessandro Erbivendolo, rapito da due anni, e la famiglia Sabino, imprenditori italo-venezuelani di San Vincente (Macaray), la cui azienda di famiglia è stata presa d’assalto e che ha perso quasi tutto.

Anche il senatore Orellana ha espresso preoccupazione per quello che da un paio di anni sta avvenendo in Venezuela, soprattutto dal punto di vista dell’ordine pubblico. “La ricaduta sui venezuelani e soprattutto sulle comunità di italo-venezuelane è quella che ci preoccupa di più. – ha detto Orellana – Al di là dei discorsi e delle scelte politiche che il Venezuela legittimamente fa, di cui non credo ci competa il compito di giudicare, la realtà dei fatti, senza eccessivi allarmismi, è però che effettivamente sussiste una situazione di sofferenza. Quindi – ha continuato il senatore – credo che mettere questo all’attenzione della opinione pubblica italiana rappresenti già di per se un’opera importante”.

“Per vicinanza geografica e per altri giustissimi motivi – ha proseguito Orellana – siamo preoccupati per la crisi del Mediterraneo, però questo non giustifica la poca attenzione per una realtà, come quella del Venezuela, che è lontana solo geograficamente ma molto più vicina per attinenza culturale, sociale, affettiva. Vi sono poi i nostri emigrati di molti anni fa che adesso non per una scelta ponderata ma forzata, tendono a rientrare dal Venezuela, ed è su questo che si accentua la nostra attenzione”.

A seguire, per quanto riguarda l’emergenza sanitaria, Edoardo Leombruni e Luisa Ceccarelli hanno illustrato il “Programma Ayuda Humanitaria”. “Il Programma – ha spiegato Leombruni – è nato proprio per raccogliere farmaci da mandare in Venezuela, un’idea che è si è rivelata subito un boom, ed è stata attivata in tutte le nazioni in cui si riscontrano forti presenze venezuelane. I paesi in cui si fa di più sono quelli a maggior flusso migratorio come l’Italia, la Spagna, il Portogallo e indubbiamente gli Stati Uniti, considerando che negli ultimi anni sono quasi due milioni i venezuelani che sono scappati dalla loro patria”.

Leombruni ci tiene inoltre a sottolineare come questo Programma sia apolitico, senza fini di lucro, costituito da centinaia di volontari che in Italia si stanno raggruppando in Onlus con 15 centri presenti su tutta la Penisola, di cui 4 in Abruzzo. “Negli ultimi due anni – continua Leombruni – abbiamo mandato migliaia di chilogrammi di prodotti sanitari. E questi prodotti, farmaci o presidi sanitari generici, sono fondamentalmente distribuiti in maniera equanime tra le organizzazioni che ne fanno richiesta, ‘La Pastillita’ è una di queste. Indubbiamente i nostri tre maggiori punti di distribuzione sono i tre ospedali cattolici in Venezuela.

Preferiscono questi ospedali – spiega – perché danno la sicurezza che tutto ciò che si manda dall’estero con tanti sacrifici non venga vanificato e che la distribuzione sia equa e radicale ma soprattutto arrivi ai più bisognosi. Da poco tempo anche la Caritas venezuelana rientra tra le organizzazioni che riescono ad aiutare”.

Concludendo Leombruni ha ringraziato gli italiani che contribuiscono a questa missione. Un ringraziamento condiviso da Luisa Ceccarelli che ha sottolineato come il progetto le abbia permesso di conoscere altre realtà “una catena umana” che ha unito con una presenza tutta l’Italia.

E un ringraziamento particolare è andato anche alla Fondazione “Abruzzo solidale” rappresentata nel dibattito da Amedeo Di Ludovico, emigrato in Venezuela nel 1951 editore de “La Voce d’Italia” diretta da Mauro Bafile. Di Ludovico ha sottolineato la gravità della problematica del Venezuela, ha ricordato che gli italiani in questo paese sono quasi il 10% della popolazione totale e ha ringraziato quanti divulgheranno questo messaggio.

Le conclusioni sono state affidate al Presidente del Consiglio regionale dell’Abruzzo Giuseppe Di Pangrazio. Nel ringraziare gli organizzatori per l’importanza del tema, Di Pangrazio ha evidenziato come questa conferenza “metta all’attenzione la garanzia dei diritti umani, specialmente in questo tempo di crisi per tutti dove è sempre più difficile trovare spazio nell’ambito della solidarietà degli esseri umani”.

Da Di Pangrazio è stato anche ricordato il rapporto storico che da sempre persiste tra il grande popolo venezuelano, con al sua cultura e storia da raccontare, e i tanti italiani, fra cui numerosi abruzzesi, emigrati in quel paese. Di Pangrazio, nel ricordare le toccanti storie raccontate nel video, ha infine sottolineato la centralità del diritto alla salute e l’importante vicinanza che accomuna l’Italia al Venezuela.

(Nicoletta Di Benedetto/Inform)

Ultima ora

01:29Calcio: De Biasi, addolorato per i petardi dei nostri tifosi

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Sono addolorato per il lancio di petardi e fumogeni di alcuni nostri tifosi: mai avrei pensato di vedere una cosa del genere". Sono le parole di Gianni De Biasi, ct italiano dell'Albania, dopo la sconfitta di Palermo contro gli azzurri e lo stop di 8' alla partita per il lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. "Mi è dispiaciuto tantissimo per il lancio di fumogeni - aggiunge - Mi ha fatto vedere un'altra realtà, che non conoscevo. Sono molto deluso da questo evento. Non so cosa sia successo, mi sembra così assurdo, non so spiegarla. Da cinque anni sono in Albania e all'Europeo i nostri tifosi si erano distinti per quanto di bello avevano fatto. Sono deluso, soprattutto se queste cose accadono davanti agli occhi del mondo, ad una platea così vasta. Ho sempre cercato di "vendere" sempre l'Albania in un certo modo, per questo sono ancora più seccato. Se farò valutazioni con il presidente della Federcalcio? A 60 anni ho imparato a non fare valutazioni immediate".

01:15Calcio: Ventura, non esaltanti ma piccolo passo avanti

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Anche in una serata non esaltante, abbiamo fatto un piccolo passo avanti": Giampiero Ventura analizza così la vittoria dell'Italia sull'Albania, nelle qualificazioni ai Mondiali 2018. "Sta nascendo qualcosa di importante per il futuro della Nazionale - ha detto il ct azzurro a RaiSport - Quando capiranno le cose che possono fare, a questi ragazzi si aprirà un mondo nuovo". "A parte il primo tiro, l'Albania non ci ha mai messo in difficoltà - ha aggiunto Ventura - e noi ogni, volta che andavamo davanti, potevamo essere pericolosi. Nel secondo tempo siamo cresciuti in maturità". Infine, una valutazione su Verratti: "La partita di stasera dice che non hanno senso le questioni se deve giocare in un centrocampo a due o a tre: ha fatto una grande partita".

00:26Calcio: Mondiali 2018, Italia-Albania 2-0

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - L'Italia batte 2-0 l'Albania in una gara del gruppo G di qualificazioni ai Mondiali. Al Barbera di Palermo, decidono i gol di De Rossi su rigore al 12' (con il centrocampista della Roma che spiazza il laziale Strakosha) e di Immobile al 71' con un colpo di testa da posizione ravvicinata ma decentrata, su cross dalla destra di Zappacosta. Al 57' la partita è stata sospesa per 8 minuti a causa del lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi. Le altre gare del girone: Spagna-Israele 4-1 (13' Silva, 46' pt Vitolo, 51' Diego Costa, 76' Refaelov, 88' Isco); Liechtenstein-Macedonia 0-3 (43' Nikolov, 68' e 73' Nestorovski). In classifica, Spagna e Italia restano appaiate in vetta con 13 punti e proseguono il testa a testa per il primo posto. Entrambe hanno un solo pareggio (nello scontro diretto a Torino), ma gli iberici sono avanti per differenza reti: +17 (19 gol fatti e 2 subiti) contro il +9 degli azzurri (13-4). Si qualifica direttamente solo la prima, la seconda va allo spareggio.

23:57Calcio: Italia-Albania, stop di 8′ per petardi e fumogeni

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Italia-Albania, partita di qualificazione ai Mondiali in corso al Barbera di Palermo, è ripresa dopo circa 8' di stop: al 57' infatti, sul risultato di 1-0 per gli azzurri, l'arbitro sloveno Vincic aveva mandato le due squadre negli spogliatoi per il ripetuto lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. La partita era stata disturbata allo stesso modo già nel primo tempo, in occasione del rigore che ha portato l'Italia sull'1-0 al 12', e lo speaker dello stadio aveva lanciato un appello. Così come, al nuovo episodio di intemperanze nella ripresa, aveva fatto il capitano dell'Albania Ansi Agolli andando sotto il settore dei propri tifosi.

23:41Moto: Rossi, io indietro ma forse sono sulla strada giusta

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Piloti della MotoGp in difficoltà, nella seconda giornata di prove libere del Gran Premio del Qatar, a causa del grip della pista peggiorato rispetto a ieri. "Dobbiamo migliorare l'entrata in curva - dice Valentino Rossi a Sky Sport - In Fp2 il grip posteriore era sì faticoso, ma tutto sommato andavo bene. Invece nella Fp3 le condizioni sono peggiorate, con la pista più sporca. Ho avuto un problema al sensore di un ammortizzatore che non abbiamo potuto risolvere come si doveva. Non abbiamo lavorato bene quest'inverno, siamo un po' indietro, ma forse abbiamo imboccato la strada giusta". "Possiamo migliorare, soprattutto sul grip posteriore - spiega il compagno di squadra di Rossi nella Yamaha, Maverick Vinales - Oggi la pista era diversa. La mia scivolata? Sono solo finito su parte più sporca, nulla di grave". "Oggi si faceva più fatica - concorda il campione del mondo Marc Marquez - Noi abbiamo cambiato troppo la moto, perdo soprattutto nell'uscita di curva. Il passo gara? Si può fare meglio...".

23:05Trump: repubblicani ritirano riforma sanitaria

(ANSA) - WASHINGTON, 24 MAR - I repubblicani, a corto di voti, ritirano il loro disegno di legge per la riforma sanitaria che doveva sostituire l'Obamacare. Secondo fonti della Cnn, sarebbe stato Trump a chiedere tale mossa. Il voto previsto alla Camera dei Rappresentanti è quindi annullato. Secondo fonti del Congresso, lo speaker della Camera, Paul Ryan ha chiamato il presidente Donald Trump mezz'ora prima del voto e il presidente gli ha chiesto di ritirare il disegno di legge repubblicano con cui l'Amministrazione e molti repubblicani volevano sostituire l'Obamacare. Ma Trump, commentando sul Washington Post e il New York Times, si mostra ottimista: "Ora avanti sulle tasse. E quando l'Obamacare esploderà, allora forse i democratici apriranno su un accordo". E Ryan ha invece commentato: "Oggi è un giorno deludente per noi", "abbiamo deluso le aspettative".

23:04Juve-tifo:Agnelli in atti,davamo retta a chi stava con Conte

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Il rapporto tra la Juve e Rocco Dominello nasce - stando ad alcune intercettazioni agli atti dell'inchiesta della magistratura di Torino delle quali l'ANSA ha preso visione - a seguito delle richieste dell'allora tecnico bianconero Antonio Conte di "gestire la curva". In una telefonata del 5/8/206 tra Andrea Agnelli e il suo avvocato Chiappero, il presidente Juve ricostruisce l'inizio di una vicenda che lo ha portato ad essere deferito dal procuratore Figc e messo sotto la lente d'ingrandimento dell'Antimafia. Agnelli dice: "E poi, ribadisco che lui (Dominello) si accompagnava a Germani, e Germani era pappa e ciccia con Conte...La pressione che metteva Conte la conosci anche tu, a chiunque stesse vicino a Conte noi gli davamo un po' più retta". Quindi, dice Agnelli, "se Germani sta vicino a Conte, Dominello sta vicino a Germani, noi diamo più retta a questo. Perchè noi ci abbiamo voglia? No, perchè poi la curva fa casino, non siete capaci di gestire un c.., cioè non devo spiegare a te come ragiona Antonio"

Archivio Ultima ora