Gp Cina: vince la Mercedes di Rosberg, seconda la Ferrari di Vettel

Pubblicato il 17 aprile 2016 da redazione

Second placed German Formula One driver Sebastian Vettel (R) of Scuderia Ferrari is splashed with champagne by third placed Russian Formula One driver Daniil Kvyat (not in picture) of Red Bull Racing next to winner German Formula One driver Nico Rosberg (L) of Mercedes AMG GP at the end of the Chinese Formula One Grand Prix at the Shanghai International circuit in Shanghai, China, 17 April 2016.  EPA/DIEGO AZUBEL

Second placed German Formula One driver Sebastian Vettel (R) of Scuderia Ferrari is splashed with champagne by third placed Russian Formula One driver Daniil Kvyat (not in picture) of Red Bull Racing next to winner German Formula One driver Nico Rosberg (L) of Mercedes AMG GP at the end of the Chinese Formula One Grand Prix at the Shanghai International circuit in Shanghai, China, 17 April 2016. EPA/DIEGO AZUBEL

ROMA. – La Mercedes di Nico Rosberg ha vinto il Gran Premio di Cina, terza prova del Mondiale di Formula 1 2016. Seconda la Ferrari di Sebastian Vettel davanti alla Red Bull di Daniil Kvyat. Quarta posizione nel Gran Premio di Cina per la Red Bull di Ricciardo davanti alla Ferrari di Raikkonen e alla Williams di Massa. Settima la Mercedes di Hamilton che ha preceduto le due Toro Rosso di Verstappen e Sainz. Chiude in zona punti la Williams di Bottas. Dodicesima al traguardo la McLaren di Alonso davanti al compagno di squadra Button.

”La partenza non è stata ideale, ma oggi la mia macchina era grandiosa, e sono riuscito a creare un margine consistente”. Nico Rosberg racconta così la sua gara dominata praticamente dall’inizio alla fine. ”Ho cercato di spingere subito per aumentare il divario – aggiunge Rosberg – ed è andata bene”.

”La mia partenza non è stata perfetta, mi sono trovato in mezzo, Kvyat è arrivato con molta velocità e Kimi (Raikkonen, ndr) è arrivato a sinistra e non ho potuto far altro che prenderlo. Non è stata la cosa migliore per il team, mi dispiace molto”.

Sebastian Vettel ricostruisce così la sua partenza nel Gp dopo aver rimproverato nel retro-podio Daniil Kvyat, reo d’averlo spinto verso la Ferrari del compagno di squadra Kimi Raikkonen. ”Mi sei venuto addosso – dice nel retro-podio Vettel al pilota russo della Red Bull – sei arrivato come un razzo, c’era anche una macchina a sinistra. Capisco che è una gara, stavolta ti è andata bene”.

E con un evidente ghigno Kvyat replica a Vettel: ”Dai piantala dimentica, siamo entrambi sul podio” Poi sul podio, quando i due piloti appaiono più sereni dopo essersi chiariti, Kvyat aggiunge: ”Penso d’aver fatto una bella partenza, ho visto lo spazio e ho cercato di andare dentro, certo ho rischiato ma continuerò a farlo”.

”E’ la prima volta che è successo che hanno bocciato l’uno con l’altro. L’ho trovato veramente non Ferrari. Sono più imbarazzati loro che io”. Il presidente Fca Sergio Marchionne ‘bacchetta’ Vettel e Raikkonen per la collisione in avvio ma poi li elogia per la rimonta in Gp Cina: ”Lo sanno meglio di me e sanno benissimo come correggersi. È stata una svista, credo, che sfortunatamente ci è costata un bel po’ durante la gara. Detto questo, quello che ha fatto Vettel, e anche Raikkonen contro Hamilton, è stato un capolavoro”.

”Si vede – aggiunge Marchionne ai microfoni di Sky dopo il Gp di Cina – che i piloti ci sono, la macchina c’è, ha imbarazzato la Mercedes nella seconda metà della gara, quindi sono contento”. È la prima gara che vedeva direttamente dal box. Che Ferrari ha visto? ”Ho visto una Ferrari che sta crescendo – assicura il presidente della casa di Maranello – che mi piace, che in alcuni sensi è quasi immatura, ma sta venendo benissimo. È come guardare i bambini, sta uscendo veramente bene. Un po’ ribelle…”.

Ultima ora

10:53Terremoti: Cile, scossa magnitudo 6.3

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Una scossa di terremoto di magnitudo 6.3 è stata registrata alle 21:06 di ieri ora locale (le 2:06 di oggi in Italia) nel nord del Cile, non lontano dal confine col Perù. Secondo i dati del servizio geologico statunitense Usgs, il sisma ha avuto ipocentro a 110 km di profondità ed epicentro 76 km a sud di Putre e a 117 dalla peruviana Tacna. Non si hanno al momento segnalazioni di danni a persone o cose. Una scossa della stessa intensità era stata registrata nella zona già il 10 ottobre scorso, senza rilevanti conseguenze. Solo una settimana fa il Perù è stato invece colpito da un terremoto di magnitudo superiore a 7 che ha causato due morti e 65 feriti.

10:12Rep. Ceca: incendio in un hotel a Praga, due morti

(ANSA) - PRAGA, 20 GEN - Due persone sono morte ed otto sono rimaste ferite in un incendio scoppiato in un albergo al centro di Praga. La portavoce dei servizi di soccorso Jana Postova ha detto che tre persone sono state rianimate. I vigili del fuoco hanno detto che si tratta dell'hotel Eurostars David. Le vittime non sono state identificate e non sono ancora chiare le cause dell'incendio.

10:06Attacco Kabul: Casa Bianca, Trump aggiornato su attacco

(ANSA) - KABUL, 21 GEN - Il presidente americano Donald Trump è stato aggiornato sull'attacco terroristico avvenuto ieri sera ai danni dell'Hotel Intercontinental di Kabul. Lo riferisce l'agenzia di stampa afghana Pajhwok citando un comunicato della Casa Bianca. In esso si precisa che gli Usa "stanno seguendo da vicino gli sviluppi" e "stanno fornendo tutto l'aiuto necessario all'Afghanistan".

08:45Attacco Kabul: terminato, uccisi 3 assalitori

(ANSA) - KABUL, 21 GEN - L'attacco terroristico all'Hotel Intercontinental di Kabul è terminato poco prima delle 10 locali (le 6,30 italiane). Lo ha annunciato un portavoce del ministero dell'Interno nella capitale afghana. Anche se pochi minuti dopo l'annuncio gli inviati di due tv afghane, 1TvNews e Tolo, hanno fatto sapere che "si sentono ancora spari ed esplosioni" Tre assalitori sono stati uccisi e 126 persone tratte in salvo, fra cui 41 stranieri. I morti sono invece cinque, sei i feriti. I vigili del fuoco sono ora al lavoro per spegnere l'incendio provocato ieri da una esplosione nella prima fase dell'attacco.

01:34Calcio: Mkhitaryan dice sì all’Arsenal, Sanchez allo United

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Il centrocampista armeno del Manchester United Henrikh Mkhitaryan ha accettato la proposta di trasferirsi all'Arsenal, aprendo la strada allo scambio con il cileno Alexis Sanchez, molto atteso da Jose Mourino. Il 28enne centrocampista, 28 anni, si sottoporrà alle visite mediche tra domani e lunedì dopo aver trovato nella giornata di oggi l'accordo con il club londinese, di cui al momento non si conoscono i termini. Secondo i media inglesi, il trasferimento avverrà 'alla pari', avendo trovato i club un accordo su una valutazione di 35 milioni di sterline per entrambi i giocatori.

01:14Calcio: pari Atletico e Valencia ko, sabato pro-Barcellona

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Il Barcellona domina la Liga anche senza giocare, visto che le rivali fanno a gara per gettare punti e perdere ulteriore terreno sulla capolista. L'Atletico Madrid, impegnato col Girona, si è fatto bloccare sull'1-1 e praticamente può dire addio alle pur flebili speranze di contendere il titolo ai blaugrana. I punti di distacco tra prima e seconda sono ora otto, con il Barca che ha una partita in meno (domani col Betis). Il Valencia, terzo in graduatoria, ha addirittura perso a Las Palmas, sprecando l'occasione di affiancare la squadra di Simeone. Vince invece il Villarreal, 2-1 a Levante, e sale al quarto posto in attesa della partita domenicale del Real Madrid.

01:13Liberia: presidente Weah in campo per partita di beneficenza

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - L'ex fuoriclasse George Weah torna al calcio per un giorno, in occasione degli eventi che precedono il suo insediamento come presidente della Liberia: l'ex milanista è sceso in campo per una partita di beneficenza con una squadra creata per l'occasione - la Weah All Stars Team, con molti ex colleghi calciatori - , sfidata in campo dai militari delle forze armate liberiane. Il match - finito 2 a 1 per la squadra del neo presidente - si è svolto al Barclay Training Center di Monrovia. Weah, 51 anni, giurerà da presidente il 22 gennaio.

Archivio Ultima ora