Due pesi due misure, una costatazione amara

Pubblicato il 26 aprile 2016 da Mauro Bafile

Pensioni pagate al tasso di cambio “Dipro” di 10 bolívares il dollaro, esistente solo nei discorsi ufficiali delle autorità monetarie, nei documenti legali destinati agli organismi internazionali o in quelli che arricchiscono la burocrazia nazionale e nel “realismo magico” di chi disegna la propaganda ufficiale. Servizi consolari offerti, invece, al tasso di cambio Dicom che ha già superato la barriera dei 350 bolìvares il dollaro.

Due pesi e due misure. Lascia perplessi. Crescono nella collettività delusione e amarezza, accompagnate da una profonda sensazione di frustrazione. La crisi economica in Venezuela si fa sempre più acuta. Ormai non si parla più d’inflazione, come ad inizio dell’anno, ma di iperinflazione.

Lo stesso Fondo Monetario Internazionale, che per fine anno prevedeva un incremento del costo della vita del 720 per cento, ha corretto le proiezioni riconoscendo per la prima volta l’esistenza di una spirale iper-inflazionistica che si calcola attorno al 2.200 per cento, per la fine dell’anno.

I prezzi dei prodotti, ormai, subiscono variazioni quotidiane che rendono l’esistenza dei connazionali, anche di chi fino a ieri viveva negli agi, sempre più in salita.

I nostri pensionati, non ci stancheremo mai di sottolinearlo, soffrono oggi le conseguenze di un calcolo delle pensioni che l’Inps realizza prendendo come riferimento il tasso di cambio “Dipro”, quello che esiste solo nei documenti ufficiali.

Così, dopo una vita di lavoro, i connazionali più anziani sono esposti al disagio e all’umiliazione di dover chiedere aiuto all’ufficio “Assistenza sociale” del nostro Consolato per acquistare una medicina o per arrivare a fine mese.

E’ giusto riconoscere alla nostra Ambasciata lo sforzo fatto per sensibilizzare le autorità italiane competenti. Con altrettanto impegno, hanno spezzato lance, e continuano a spezzarne, a favore dei nostri pensionati gli eletti all’estero – in primis l’on. Fabio Porta, che in Venezuela è di casa; e il Senatore Claudio Micheloni, che ha preso a cuore il caso venezuelano nonostante sia stato eletto nella circoscrizione Europa -.

Passi avanti, non c’è dubbio, ne sono stati fatti. Ma la burocrazia italiana è lenta, troppo lenta. Lo è anche quando, come nel caso del Venezuela, non si tratta solo di giustizia e di restituire dignità al cittadino, ma soprattutto di metterlo di condizione di sopravvivere alle difficoltà di un paese colpito da una crisi economica senza precedenti.

Intanto, i prezzi dei beni di prima necessità e delle medicine – almeno di quelle che ancora sono presenti nel mercato – crescono in maniera esponenziale. Per l’acquisto del carrello della spesa a febbraio, stando all’ultima ricerca del Cenda, l’organismo della Federazione dei Maestri che segue periodicamente l’evoluzione dei prezzi, erano necessari 121.975 bolìvares. Cioè, l’equivalente a 18,3 salari. Oggi un operaio guadagna circa 12 mila bolìvares al mese.

L’amarezza è grande quando si costata che si usano due pesi e due misure. Oggi la stragrande maggioranza dei servizi consolari sono fuori dalla portata dei connazionali. Il loro costo è tale da trasformarsi in odiosa discriminazione. I primi a soffrirla sono proprio i pensionati. Ma non solo. Ne sono vittime anche i giovani che fanno i primi passi nel mondo del lavoro e per il momento ricevono uno stipendio di poco superiore al salario minimo.

E’ lecito chiedersi perché se le tariffe per i servizi consolari si calcolano al tasso di cambio Dicom (il costo del dollaro ha già superato i 350 bolìvares), per le pensioni si prende come tasso di riferimento il Dipro (10 bolìvares il dollaro); un livello che castiga severamente il potere d’acquisto dei connazionali.

Perché si autorizza il Consolato a calcolare le tariffe a un tipo di cambio che fa lievitare i prezzi fino a raggiungere livelli inaccessibili per le fasce di connazionali più esposti ai rigori della crisi, mentre gli si elemosina una manciata di euro, che non incide certo sul volume della spesa pubblica italiana.

Sono domande che attendono una risposta. Ma questa, qualora dovesse arrivare, non renderà meno amara la costatazione che esiste una odiosa discriminazione; che ci tocca vivere “un realismo magico” diventato ormai per tanti solo un “incubo”.

Ultima ora

13:44Maltempo: Regione Marche diffida l’Enel

(ANSA) - ANCONA, 24 GEN - ''Presenteremo una diffida alla procura della repubblica per interruzione di pubblico servizio da parte dell'Enel. Sono ancora 150 le utenze interrotte nell'Ascolano. La situazione non è più sostenibile. La popolazione è allo stremo delle forze dopo giorni e giorni senza corrente elettrica e riscaldamento. A nulla sono valsi i ripetuti appelli rivolti all'Enel per risolvere il problema''. Lo afferma l'assessore alla Protezione civile delle Marche Angelo Sciapichetti, che segue costantemente la situazione dell'emergenza neve, aggravata dalle ultime scosse sismiche.

13:39Italicum: presidente Corte Costituzionale chiede ‘brevità’

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - Procede l'udienza a Palazzo della Consulta sul giudizio di legittimità costituzionale dell' Italicum. Dopo una breve camera di consiglio, i giudici hanno escluso le istanze di costituzione avanzate dal Codacons e da altri cittadini elettori. La giornata è iniziata con gli interventi dei legali che chiedevano di essere ammessi come parti del giudizio. Interventi punteggiati dalle raccomandazioni del presidente della Corte, Paolo Grossi, che ha suggerito "brevità" e di "attenersi ai ricorsi". La parola è passata ora agli avvocati anti-Italicum. Da Grossi è arrivata la preghiera di concludere per "non esasperare la Corte", infine il rimprovero: "sta abusando della nostra pazienza". Così il presidente della Corte, Grossi, in un acceso scambio con il primo degli avvocati anti-Italicum, Vincenzo Palumbo, ha ammonito anche gli altri legali che si apprestano a prendere la parola. Grossi ha fatto due raccomandazioni: essere sintetici nelle esposizioni delle ragioni di ricorso e non riproporre le stesse argomentazioni.

13:20Sci: gigante San Vigilio con 7 azzurre in 2/a manche

(ANSA) - San Vigilio di Marebbe-Plan de Corones (Bolzano), 24 gen - Sono ben sette le azzurre classificatesi tra le migliori trenta nella 1/a manche dello slalom gigante di cdm di San Vigilio di Marebbe-Plan de Corones ed ammesse pertanto alla 2/a decisiva manche alle ore 12,30. Sono Federica Brignone 1/a, Marta Bassino 3/a, Sofia Goggia 7/a, Elena Curtoni 14/a, Francesca Marsaglia 15/a, Manuela Moelgg 17/a e Irene Curtoni 18/a.

13:12Tennis: sarà “derby” svizzero Federer-Wawrinka

ANSA) - ROMA, 24 GEN - "Derby" svizzero nelle semifinali maschili degli Australian Open di tennis, con la sfida fra Roger Federer e Stanislas Wawrinka, in campo giovedì. "Derby" che va ad aggiungersi a quello nel torneo femminile fra le statunitensi Venus Williams e Coco Vandeweghe. Il numero 17 del mondo e del tabellone ha sconfitto il tedesco Mischa Zverev, n. 50, per 6-1, 7-5, 6-2; Wawrinka, n. 4, ha prevalso sul francese Jo-Wilfried Tsonga, n. 12, per 7-6, 6-4, 6-3. Sarà il 22/o confronto fra i due campioni elvetici, con Federer avanti 18-3.

13:11Terremoto: Cantone e Errani a Palazzo Chigi

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - Il presidente dell'Anac Raffaele Cantone è a Palazzo Chigi per incontrare il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni. Nella sede del governo è giunto anche il commissario per il terremoto Vasco Errani.

13:07Terremoto: Marche, solo 2 stalle in 5 mesi su 370 necessarie

(ANSA) - ANCONA, 24 GEN - A cinque mesi dal sisma sono due le stalle mobili completate sulle 370 necessarie per gli allevatori terremotati delle Marche, ovvero lo 0,5 per cento del totale, mentre mancano ancora 150 moduli fienile, necessari per stoccare il foraggio per gli animali. Lo denuncia la Coldiretti regionale, nel tracciare un bilancio dei danni nelle campagne colpite dal terremoto iniziato il 24 agosto scorso, sulla base dei dati forniti dalla Regione Marche. Ai danni materiali e alla perdita di vite umane si somma ''una vera e propria strage di bestiame in una situazione in cui solo nelle Marche, denuncia la Coldiretti, si contano 600 mucche e 5 mila pecore al freddo nelle neve senza ripari, per i ritardi accumulati, aggravati dal maltempo''. "Davanti ad un disastro annunciato ci muoveremo per individuare le responsabilità e agire di conseguenza insieme ai nostri allevatori''.

13:04Terremoto: ad Arquata centro con fondi consiglieri M5S

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - Un centro polifunzionale destinato alla popolazione del Comune di Arquata del Tronto sarà allestita con i 100 mila euro raccolti dai consiglieri regionali marchigiani del M5S attraverso il taglio dei loro stipendi. Lo comunicano i deputati M5S eletti nelle marche Andrea Cecconi, Donatella Agostinelli e Patrizia Terzoni. "Un luogo pubblico destinato a primo ricovero e punto di ritrovo in caso di sisma, a centro culturale e a luogo di ricovero delle opere d'arte che fanno parte di questo nostro territorio. La delibera della giunta del Comune ha appena stabilito che i 100 mila euro raccolti dai consiglieri regionali del M5S attraverso il taglio dei loro stipendi, saranno destinati alla realizzazione di un centro polifunzionale. Ringraziamo i nostri cittadini portavoce per questo gesto di attenzione e solidarietà nei confronti della comunità marchigiana che ha pagato il maggior tributo di sangue al terremoto che ha colpito il centro Italia il 24 agosto scorso", si legge nella nota.(ANSA).

Archivio Ultima ora