Due pesi due misure, una costatazione amara

Pubblicato il 26 aprile 2016 da Mauro Bafile

Pensioni pagate al tasso di cambio “Dipro” di 10 bolívares il dollaro, esistente solo nei discorsi ufficiali delle autorità monetarie, nei documenti legali destinati agli organismi internazionali o in quelli che arricchiscono la burocrazia nazionale e nel “realismo magico” di chi disegna la propaganda ufficiale. Servizi consolari offerti, invece, al tasso di cambio Dicom che ha già superato la barriera dei 350 bolìvares il dollaro.

Due pesi e due misure. Lascia perplessi. Crescono nella collettività delusione e amarezza, accompagnate da una profonda sensazione di frustrazione. La crisi economica in Venezuela si fa sempre più acuta. Ormai non si parla più d’inflazione, come ad inizio dell’anno, ma di iperinflazione.

Lo stesso Fondo Monetario Internazionale, che per fine anno prevedeva un incremento del costo della vita del 720 per cento, ha corretto le proiezioni riconoscendo per la prima volta l’esistenza di una spirale iper-inflazionistica che si calcola attorno al 2.200 per cento, per la fine dell’anno.

I prezzi dei prodotti, ormai, subiscono variazioni quotidiane che rendono l’esistenza dei connazionali, anche di chi fino a ieri viveva negli agi, sempre più in salita.

I nostri pensionati, non ci stancheremo mai di sottolinearlo, soffrono oggi le conseguenze di un calcolo delle pensioni che l’Inps realizza prendendo come riferimento il tasso di cambio “Dipro”, quello che esiste solo nei documenti ufficiali.

Così, dopo una vita di lavoro, i connazionali più anziani sono esposti al disagio e all’umiliazione di dover chiedere aiuto all’ufficio “Assistenza sociale” del nostro Consolato per acquistare una medicina o per arrivare a fine mese.

E’ giusto riconoscere alla nostra Ambasciata lo sforzo fatto per sensibilizzare le autorità italiane competenti. Con altrettanto impegno, hanno spezzato lance, e continuano a spezzarne, a favore dei nostri pensionati gli eletti all’estero – in primis l’on. Fabio Porta, che in Venezuela è di casa; e il Senatore Claudio Micheloni, che ha preso a cuore il caso venezuelano nonostante sia stato eletto nella circoscrizione Europa -.

Passi avanti, non c’è dubbio, ne sono stati fatti. Ma la burocrazia italiana è lenta, troppo lenta. Lo è anche quando, come nel caso del Venezuela, non si tratta solo di giustizia e di restituire dignità al cittadino, ma soprattutto di metterlo di condizione di sopravvivere alle difficoltà di un paese colpito da una crisi economica senza precedenti.

Intanto, i prezzi dei beni di prima necessità e delle medicine – almeno di quelle che ancora sono presenti nel mercato – crescono in maniera esponenziale. Per l’acquisto del carrello della spesa a febbraio, stando all’ultima ricerca del Cenda, l’organismo della Federazione dei Maestri che segue periodicamente l’evoluzione dei prezzi, erano necessari 121.975 bolìvares. Cioè, l’equivalente a 18,3 salari. Oggi un operaio guadagna circa 12 mila bolìvares al mese.

L’amarezza è grande quando si costata che si usano due pesi e due misure. Oggi la stragrande maggioranza dei servizi consolari sono fuori dalla portata dei connazionali. Il loro costo è tale da trasformarsi in odiosa discriminazione. I primi a soffrirla sono proprio i pensionati. Ma non solo. Ne sono vittime anche i giovani che fanno i primi passi nel mondo del lavoro e per il momento ricevono uno stipendio di poco superiore al salario minimo.

E’ lecito chiedersi perché se le tariffe per i servizi consolari si calcolano al tasso di cambio Dicom (il costo del dollaro ha già superato i 350 bolìvares), per le pensioni si prende come tasso di riferimento il Dipro (10 bolìvares il dollaro); un livello che castiga severamente il potere d’acquisto dei connazionali.

Perché si autorizza il Consolato a calcolare le tariffe a un tipo di cambio che fa lievitare i prezzi fino a raggiungere livelli inaccessibili per le fasce di connazionali più esposti ai rigori della crisi, mentre gli si elemosina una manciata di euro, che non incide certo sul volume della spesa pubblica italiana.

Sono domande che attendono una risposta. Ma questa, qualora dovesse arrivare, non renderà meno amara la costatazione che esiste una odiosa discriminazione; che ci tocca vivere “un realismo magico” diventato ormai per tanti solo un “incubo”.

Ultima ora

14:17Calcio: Udinese, per Delneri ‘vincere sarebbe un bel regalo’

(ANSA) - UDINE, 27 MAG - "Vincere domani con l'Inter sarebbe un bel regalo" per il tecnico bianconero Gigi Delneri. Non solo per chiudere bene la stagione dell'Udinese, ma anche per festeggiare le sue 400 panchine in serie A: "Sono una bella soddisfazione - ha detto - e mi inorgoglisce e spero di farne ancora. Vuol dire che abbiamo fatto qualcosa di buono, guidato tante squadre, che mi hanno insegnato tanto. Quando ho cominciato con questa carriera pensavo di non arrivarci: 'mai molà' è un altro insegnamento da trarre. E spero di farne ancora altre". "Con l'Udinese e con chi se no?", ha aggiunto a chi gli ha chiesto lumi sul suo futuro, annunciando che sarà ancora bianconero. "L'annuncio è sempre stato dato, dalla società e da me. Se due vanno d'accordo, la firma è l'ultima cosa". Quanto alla partita che chiuderà il campionato in casa dell'Inter, Delneri sarà costretto a fare i conti con una squadra decimata da squalifiche e infortuni ma comunque pronta a fare "una partita importante, su un palcoscenico importantissimo. Una partita da giocare al massimo sulla falsariga di quanto fatto con la Sampdoria e a prescindere dal risultato che farà la Samp alle 18". (ANSA).

14:05Femminicidio: Boldrini, nella società zoccolo duro misoginia

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - "Nella nostra società esiste uno zoccolo duro di misoginia". Lo ha detto la presidente della Camera Laura Boldrini intervenendo al gala di telefono azzurro. "La battaglia contro la violenza di genere deve andare avanti - ha sottolineato -. Le donne seppur fortissime e battagliere sono i soggetti che pagano il prezzo più alto".

14:04Mafia: Grasso, legalità è forza dei deboli

(ANSA) - FIRENZE, 27 MAG - "La legalità è la forza dei deboli: per difenderla, cari ragazzi, occorre un impegno comune, ogni giorno, nello studio, nel lavoro e nella vita": lo ha detto il presidente del Senato Pietro Grasso questa mattina nel Cenacolo di Santa Croce a Firenze dove ha premiato otto classi delle scuole superiori fiorentine che hanno partecipato ad una iniziativa sulla legalità organizzata dallo Spi-Cgil del Quartiere 1. "Sarete tentati, a volte - ha detto Grasso che da ieri partecipa a Firenze alle iniziative per il 24/o anniversario della strage di via dei Georgofili - dalla tentazione di prendere una scorciatoia, di accettare un compromesso o un indebito favore: dovrete avere il coraggio di mantenere pulita la vostra coscienza, di andare avanti a testa alta e schiena dritta". "Lavoro e legalità - ha concluso il presidente del Senato - sono fondamenta irrinunciabili della vita di una nazione che aspira ad essere prospera e giusta".

14:03L. elettorale: Guerini, intesa sia ampia

(ANSA) - MILANO, 27 MAG - "Intorno alla legge elettorale c'è la necessità di costruire l'intesa più ampia. Martedì c'è la direzione del partito e decideremo". Così Lorenzo Guerini (Pd) ha risposto sulla trattativa per la nuova legge elettorale a margine di una riunione del Pd lombardo al Pirellone. A chi gli chiedeva se ormai sia segnata la strada per le elezioni anticipate in autunno, il dirigente dem ha risposto: "Intanto iniziamo a fare la legge elettorale, poi è evidente che nel momento in cui la legge elettorale viene approvata tecnicamente è possibile andare al voto. Ma un pezzo alla volta, non mettiamo il carro davanti ai buoi". Quanto al dialogo Renzi-Berlusconi, Guerini ha risposto che sono "sciocchezze" le voci di un accordo in vista del dopo elezioni. "Noi - ha detto - siamo alternativi sia al grillismo sia al centrodestra. Dopodiché da soli la legge elettorale non possiamo farla. Ma quello che accadrà dopo il voto sarà un altro capitolo".

14:01Nuovi insulti su saracinesca sezione Lega Nord a Milano

(ANSA) - MILANO, 27 MAG - Una frase scritta con lo spray rosa è apparsa stamani sull'ingresso di una sezione della Lega Nord di Milano, in via Carcano. Ignoti hanno scritto: "Merde razziste morirete". La saracinesca della stessa sezione della Lega era stata presa di mira il 9 maggio scorso, una settimana dopo il blitz delle forze dell'ordine in Stazione Centrale. Sulla saracinesca in quel caso fu lasciata la scritta a vernice rossa "Razzisti assassini dovete morire, merde". Sui casi indaga la Digos.

14:01L. elettorale: Boldrini, dia rappresentanza e governabilità

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - "È importante che ci sia un' interlocuzione tra i gruppi, cosa che mi sembra ora esserci. Io non entro nel merito della legge ma mi auguro che sia una legge a vantaggio del nostro paese e che sia in grado di soddisfare alcune esigenze. Una legge che abbia tutto dentro: rappresentanza e governabilità. Lo ha detto la presidente della Camera Laura Boldrini a margine del gala delle ambasciatrici e degli ambasciatori di telefono Rosa. Quanto ai tempi, Boldrini ha detto: "in capigruppo ci siamo presi l'impegno all'unanimità di portarla in Aula e votarla entro giugno. Spero non ci siano ripensamenti su questo, altrimenti si esautora la capigruppo".

13:57Rally: auto fuoristrada travolge pubblico, morto bimbo

(ANSA) - TORINO, 27 MAG - Grave incidente al rally Città di Torino. A Coassolo, all'altezza di una curva, un'auto è uscita di strada e ha travolto alcuni spettatori. Un bambino di 6 anni è morto, i genitori feriti, mentre il fratellino di tre anni è rimasto miracolosamente illeso. Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Venaria Reale, insieme con le ambulanze del 118 e l'elisoccorso. Secondo una prima ricostruzione, l'auto avrebbe toccato il cordolo di cemento della strada, finendo al di là della linea di sicurezza senza che il pilota potesse fare qualcosa. Per il bambino di 6 anni i soccorsi sono stati inutili. Il rally, secondo quanto appreso, è stato subito sospeso.(ANSA).

Archivio Ultima ora