Migranti: Vienna vuole controlli anche in Italia

Pubblicato il 27 aprile 2016 da redazione

Neve al Brennero, 27 aprile 2016. ANSA / STEFAN WALLISCH

Neve al Brennero, 27 aprile 2016. ANSA / STEFAN WALLISCH

BOLZANO. – Una recinzione lunga 370 metri e alta quattro metri potrebbe divenire il simbolo dell’emergenza profughi in Europa. L’Austria, reduce da una tornata elettorale che ha visto il trionfo della destra xenofoba, minaccia di fare sul serio. Se Roma non consentirà ai poliziotti austriaci di salire sui treni già in Italia per fare i loro controlli contro l’ingresso di migranti, la frontiera sarà blindata : “Non sarà un muro e non ci sarà filo spinato – ha detto il capo della polizia della regione del Tirolo Helmut Tomac – ma sarà una recinzione per incanalare gli eventuali flussi di migranti”.

Immediato l’altolà del premier Matteo Renzi: “L’ipotesi di chiudere il Brennero è sfacciatamente contro le regole europee, oltre che contro la storia, contro la logica e contro il futuro”. E in serata anche il ministro per le Riforme, Maria Elena Boschi, è stata netta: “L’Austria – ha detto – sa benissimo che non può fare controlli sul territorio italiano e noi non accetteremo controlli sul nostro territorio”.

A fermare, almeno per alcune ore, i lavori per la barriera al valico italo-austriaco ci ha pensato la neve, che oggi è caduta abbondantemente. Dopo un vertice delle forze dell’ordine italiane, austriache e tedesche, Tomac ha presentato al valico alla stampa il ‘Grenzmanagement’, la gestione di confine. Al passo, largo appena 300 metri, passano autostrada, statale e ferrovia. “L’Austria non intende isolarsi, ma effettuerà serrati controlli e permetterà l’ingresso solo agli avventi diritto”, ha ribadito Tomac.

Sul versante austriaco non ci sarà nessun centro di accoglienza. I richiedenti asilo saranno immediatamente identificati, registrati e portati ad Innsbruck, mentre l’Italia dovrà farsi carico dell’assistenza degli altri. Tomac ha ricordato che l’Austria ha stabilito per il 2016 un tetto di 37.500 richieste di asilo.

Sull’autostrada ci saranno quattro corsie – due per i Tir e due per le auto – per “controlli a vista” dei mezzi che dovranno transitare al massimo a 30 km/h. “Mezzi sospetti – ha spiegato il capo della polizia tirolese – saranno deviati in un’apposita zona di controllo, riducendo in questo modo il più possibile rallentamenti alla circolazione”.

Nessuno può però escludere lunghe code, che potrebbero arrivare anche fino a Vipiteno. Al valico saranno in servizio 250 poliziotti austriaci e “in caso di necessità” anche soldati. Al Brennero i migranti arrivano però quasi esclusivamente in treno. Le autorità austriache chiedono perciò di poter effettuare controlli sui treni già sul territorio italiano, altrimenti ci sarà uno stop forzato per tutti i treni provenienti da sud a Steinach, subito dopo il confine.

Il nodo dei controlli austriaci in Italia non è stato sciolto durante l’odierno vertice delle forze dell’ordine e sembra rinviato all’incontro degli ministri degli Interni Angelino Alfano e Wolfgang Sobotka a Roma. “Il nostro compito – ha fatto sapere Alfano – è convincere i nostri partner austriaci dell’insensatezza dei loro comportamenti”.

La linea dura di Vienna è stata bocciata dall’Italia. Come Renzi, anche il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni ha ribadito che “la chiusura di confini all’interno dello spazio Schengen non può essere decisa da singoli Stati”. “Chiudere il valico del Brennero – ha aggiunto il ministro Graziano Delrio – non solo è un danno economico, ma anche un danno enorme al progetto dell’Europa”. Secondo la presidente della Camera Laura Boldrini, “non è la strada giusta, perché divide. E’ la resa dell’Unione europea, vuol dire alzare bandiera bianca”.

Sul Brennero è intervenuto anche il commissario europeo per l’Immigrazione, Dimitris Avramopoulos. “Invece di erigere muri – ha detto – dovremmo costruire dei ponti, e comunque quello che sta avvenendo tra Austria e Italia deve essere spiegato e chiarito da Vienna”.

Per il senatore Maurizio Gasparri, invece, “i Paesi confinanti hanno tutto il diritto di controllare le proprie frontiere se l’Italia continua a trasportare clandestini dall’Africa”.

Nel frattempo, il parlamento austriaco ha approvato – con soli 4 voti contrari – la legge che inasprisce il diritto d’asilo. In caso di “stato d’emergenza”, i confini potranno essere completamente chiusi a migranti e profughi.

(dell’inviato Stefan Wallisch/ANSAmed)

Ultima ora

21:12Terrorismo: Minniti, sbaglio fare scambio sicurezza-libertà

(ANSA) - TODI (PERUGIA), 26 MAG - "E' fondamentale tenere insieme due principi, quello di garantire la sicurezza dei cittadini ma anche la loro libertà. Non è possibile fare uno scambio tra sicurezza e libertà, sarebbe la cosa più sbagliata di questo mondo": lo ha detto il ministro dell'Interno, Marco Minniti, intervenendo oggi a Todi ad un incontro a sostegno del candidato a sindaco del centro sinistra Carlo Rossini. presente anche la presidente della Regione Catiuscia Marini. Soffermandosi sul tema del terrorismo il ministro ha detto che "sicurezza e libertà devono essere due termini strettamente connessi" perché al cittadino non "serve avere una sicurezza che lo isola e che non gli permette di vivere serenamente la sua vita". (ANSA).

21:11Ariana Grande tornerà a Manchester per concerto beneficienza

(ANSA) - LONDRA, 26 MAG - La cantante americana Ariana Grande tornerà a Manchester per un concerto di beneficienza per le vittime dell'attacco avvenuto lunedì scorso all'Arena al termine di uno dei suoi concerti nella città britannica. Lo ha reso noto la stessa cantante su Twitter. "Ritornerò in questa incredibile e coraggiosa città di Manchester per passare del tempo con i miei fan e per un concerto di beneficienza in onore e per raccogliere soldi per le vittime e le loro famiglie", ha cinguettato la cantante. Grande ha poi precisato che sta lavorando sui dettagli del nuovo appuntamento e "appena saranno confermati li condividerà", aggiungendo che il suo "cuore, le preghiere e le sue più sincere condoglianze vanno alle vittime dell'attacco".

21:09Processo Juve: Pecoraro “Io non ho chiesto patteggiamento”

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - "La Procura, costituendo l'accusa, non poteva fare alcuna proposta di patteggiamento": il procuratore federale, Giuseppe Pecoraro, precisa all'Ansa i termini di quanto avvenuto oggi nella prima udienza del processo sportivo a carico della Juventus e del presidente Andrea Agnelli per la vicenda legata alla vendita di biglietti e rapporti con gli ultras. "La Procura - spiega Pecoraro - si è esclusivamente confrontata con la Juventus per cercare una soluzione accoglibile da entrambe la parti. Il confronto è stato sospeso nel momento in cui la Juventus ha richiesto un rinvio per poter riflettere sulle varie soluzioni di carattere generale che la parti hanno prospettato", ha concluso.

20:43Comey sapeva di informazioni false su Emailgate H. Clinton

(ANSA) - WASHINGTON, 26 MAG - L'allora direttore dell'Fbi James Comey sapeva che alcune informazioni relative all'inchiesta sulle email di Hillary Clinton erano false, create dall'intelligence russa, ma temeva che se fossero diventate di pubblico dominio avrebbero sminuito la stessa inchiesta, e ciò indusse Comey ad agire unilateralmente la scorsa estate nel dichiarare l'inchiesta conclusa. Lo riferisce la Cnn citando diverse fonti informate. Il Washington Post aveva riferito nei giorni scorsi che tali informazioni, provenienti dall'intelligence russa, erano inaffidabili. La Cnn cita adesso fonti ufficiali Usa secondo cui Comey e l'Fbi erano consapevoli che le informazioni erano false.

20:40Comuni Brindisi:dimissioni 17 consiglieri,verso scioglimento

(ANSA) - BRINDISI, 26 MAG - Diciassette consiglieri comunali di Brindisi hanno firmato le proprie dimissioni, dinanzi al notaio, formalizzando così la sfiducia alla sindaca Angela Carluccio, che guida una coalizione di centrodestra. Il numero è sufficiente per lo scioglimento del Consiglio comunale, che dovrà ora essere formalizzato dal prefetto con la nomina di un commissario. Le firme saranno depositate alla segreteria generale del Comune. "Lascio il Palazzo di Città - dice la sindaca Angela Carluccio - con la stessa serenità con cui lo scorso anno avevo per la prima volta indossato la fascia tricolore: quel giorno mi impegnai a dare tutta me stessa per la mia Brindisi, oggi posso dire di averlo fatto, non lesinando sforzi e cercando di inerpicarmi tra le mille salite di un percorso complesso e viziato da insidie e trabocchetti".

20:19Killer ricercato: agente ferito racconta e si commuove

(ANSA) - FERRARA, 26 MAG - "Mi sono finto morto. Lui si è avvicinato, mi ha preso la pistola e il caricatore, mi ha insultato e poi se ne è andato. Quando ho sentito la macchina allontanarsi sono riuscito non so come ad alzarmi. Sulla strada mi hanno visto e mi hanno soccorso. In quel momento ho capito che, forse, sarei riuscito a portare a casa la pelle". L'assistente di polizia provinciale Marco Ravaglia ha raccontato così, con la voce rotta dalla commozione, quello che gli è successo la sera dell'8 aprile, quando era di pattuglia nel Mezzano insieme alla guardia volontaria Valerio Verri ed entrambi sono stati assaliti da Norbert Feher alias Igor Vaclavic, da allora latitante. Verri è stato ucciso, Ravaglia è stato ferito da tre colpi di pistola e per la prima volta ha incontrato i giornalisti nel centro riabilitativo di San Giorgio, a Ferrara. Ha detto di non aver visto in faccia l'assassino e quindi di non aver potuto riconoscere e collegarlo con il killer che una settimana prima aveva ucciso Davide Fabbri a Budrio. (ANSA).

20:04Pacco sospetto in Fincantieri Marghera, allontanati operai

(ANSA) - VENEZIA, 26 MAG - Un pacco sospetto ritrovato a bordo di una nave in costruzione ha bloccato per due ore l'attività nello stabilimento Fincantieri di Marghera. Sono intervenuti Polizia e vigili del fuoco. Gli operai del turno, circa 1.900, sono stati fatti allontanare dalla nave. Al termine dei controlli è stato accertato che il pacco conteneva unicamente dei tubi legati con del nastro adesivo e dei fili elettrici, in modo da ricordare un ordigno artigianale.

Archivio Ultima ora