Migranti: Vienna vuole controlli anche in Italia

Pubblicato il 27 aprile 2016 da redazione

Neve al Brennero, 27 aprile 2016. ANSA / STEFAN WALLISCH

Neve al Brennero, 27 aprile 2016. ANSA / STEFAN WALLISCH

BOLZANO. – Una recinzione lunga 370 metri e alta quattro metri potrebbe divenire il simbolo dell’emergenza profughi in Europa. L’Austria, reduce da una tornata elettorale che ha visto il trionfo della destra xenofoba, minaccia di fare sul serio. Se Roma non consentirà ai poliziotti austriaci di salire sui treni già in Italia per fare i loro controlli contro l’ingresso di migranti, la frontiera sarà blindata : “Non sarà un muro e non ci sarà filo spinato – ha detto il capo della polizia della regione del Tirolo Helmut Tomac – ma sarà una recinzione per incanalare gli eventuali flussi di migranti”.

Immediato l’altolà del premier Matteo Renzi: “L’ipotesi di chiudere il Brennero è sfacciatamente contro le regole europee, oltre che contro la storia, contro la logica e contro il futuro”. E in serata anche il ministro per le Riforme, Maria Elena Boschi, è stata netta: “L’Austria – ha detto – sa benissimo che non può fare controlli sul territorio italiano e noi non accetteremo controlli sul nostro territorio”.

A fermare, almeno per alcune ore, i lavori per la barriera al valico italo-austriaco ci ha pensato la neve, che oggi è caduta abbondantemente. Dopo un vertice delle forze dell’ordine italiane, austriache e tedesche, Tomac ha presentato al valico alla stampa il ‘Grenzmanagement’, la gestione di confine. Al passo, largo appena 300 metri, passano autostrada, statale e ferrovia. “L’Austria non intende isolarsi, ma effettuerà serrati controlli e permetterà l’ingresso solo agli avventi diritto”, ha ribadito Tomac.

Sul versante austriaco non ci sarà nessun centro di accoglienza. I richiedenti asilo saranno immediatamente identificati, registrati e portati ad Innsbruck, mentre l’Italia dovrà farsi carico dell’assistenza degli altri. Tomac ha ricordato che l’Austria ha stabilito per il 2016 un tetto di 37.500 richieste di asilo.

Sull’autostrada ci saranno quattro corsie – due per i Tir e due per le auto – per “controlli a vista” dei mezzi che dovranno transitare al massimo a 30 km/h. “Mezzi sospetti – ha spiegato il capo della polizia tirolese – saranno deviati in un’apposita zona di controllo, riducendo in questo modo il più possibile rallentamenti alla circolazione”.

Nessuno può però escludere lunghe code, che potrebbero arrivare anche fino a Vipiteno. Al valico saranno in servizio 250 poliziotti austriaci e “in caso di necessità” anche soldati. Al Brennero i migranti arrivano però quasi esclusivamente in treno. Le autorità austriache chiedono perciò di poter effettuare controlli sui treni già sul territorio italiano, altrimenti ci sarà uno stop forzato per tutti i treni provenienti da sud a Steinach, subito dopo il confine.

Il nodo dei controlli austriaci in Italia non è stato sciolto durante l’odierno vertice delle forze dell’ordine e sembra rinviato all’incontro degli ministri degli Interni Angelino Alfano e Wolfgang Sobotka a Roma. “Il nostro compito – ha fatto sapere Alfano – è convincere i nostri partner austriaci dell’insensatezza dei loro comportamenti”.

La linea dura di Vienna è stata bocciata dall’Italia. Come Renzi, anche il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni ha ribadito che “la chiusura di confini all’interno dello spazio Schengen non può essere decisa da singoli Stati”. “Chiudere il valico del Brennero – ha aggiunto il ministro Graziano Delrio – non solo è un danno economico, ma anche un danno enorme al progetto dell’Europa”. Secondo la presidente della Camera Laura Boldrini, “non è la strada giusta, perché divide. E’ la resa dell’Unione europea, vuol dire alzare bandiera bianca”.

Sul Brennero è intervenuto anche il commissario europeo per l’Immigrazione, Dimitris Avramopoulos. “Invece di erigere muri – ha detto – dovremmo costruire dei ponti, e comunque quello che sta avvenendo tra Austria e Italia deve essere spiegato e chiarito da Vienna”.

Per il senatore Maurizio Gasparri, invece, “i Paesi confinanti hanno tutto il diritto di controllare le proprie frontiere se l’Italia continua a trasportare clandestini dall’Africa”.

Nel frattempo, il parlamento austriaco ha approvato – con soli 4 voti contrari – la legge che inasprisce il diritto d’asilo. In caso di “stato d’emergenza”, i confini potranno essere completamente chiusi a migranti e profughi.

(dell’inviato Stefan Wallisch/ANSAmed)

Ultima ora

18:58Ceccato e Jarach svelano l’inedita Maserati GT3

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - Svelata alla concessionaria Tridente Motors di Padova il raro esemplare di Maserati GranTurismo MC in versione GT3 preparato per le cronoscalate e voluto dal pilota Bruno Jarach. La vettura è stata presentata dallo stesso pilota vicentino e dal padrone di casa Michele Ceccato, driver padovano pistard ed esperto di salite figlio di quel Franco Ceccato noto pilota di rally la cui famiglia è proprietaria della stessa concessionaria Maserati di Padova e Venezia. Il progetto ha richiesto un lungo lavoro di preparazione che ha coinvolto lo Swiss Team, compagine che aveva costruito l'auto nella versione da pista qualche anno fa e presente a Padova con il fondatore Guido Bonfiglio, e la vicentina Ram, realtà che ora la gestirà nelle corse in salita. Alla presentazione ha partecipato direttamente anche la Casa del Tridente con alcuni suoi rappresentanti. Si è così concretizzata l'idea alla quale il vicecampione italiano GT nel Tricolore Montagna 2015, aveva pensato due anni fa.

18:54Terremoto:Procura dispone nuove verifiche palazzine Amatrice

(ANSA) - RIETI, 23 MAR - La Procura di Rieti, nell'ambito dell'inchiesta sui crolli delle tre palazzine ex edilizia popolare di piazza Augusto Sagnotti ad Amatrice, in seguito al sisma della scorsa estate, effettuerà accertamenti tecnici anche nelle fondazioni degli edifici. E' quanto è emerso dopo il sopralluogo compiuto questa mattina dagli inquirenti nella zona dove sorgeva una delle tre palazzine collassate e dove hanno perso la vita 22 persone. Al sopralluogo, oltre il legale dei familiari di alcune delle vittime, l'avvocato Wania Della Vigna, hanno partecipato anche gli investigatori che indagano sui crolli e l'ingegner Antonello Salvatori dell'Università de L'Aquila, in qualità di consulente tecnico della Procura. Gli inquirenti disporranno perciò la parziale rimozione delle macerie, sotto sequestro dal 24 agosto dello scorso anno, per compiere ulteriori sondaggi nelle fondazioni dei tre edifici.

18:52Terremoto:primo aprile manifestazione a Roma e città colpite

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - Sabato primo aprile nuova manifestazione dei terremotati che questa volta, oltre a essere in Piazza Montecitorio a Roma, presidieranno numerosi stalli nei centri più colpiti dal sisma. Da Amatrice a Pieve Torina passando per Norcia e L'Aquila, i terremotati faranno sentire la loro voce "denunciando i troppi ritardi e le inadeguatezze amministrative che stanno portando il Centro Italia allo spopolamento". L'evento, voluto dai due Comitati spontanei già organizzatori delle manifestazioni del 25 gennaio e 2 febbraio, si svolgerà a dalle 10 a Montecitorio e nei 10 stalli individuati nelle vicinanze delle zone più colpite (Torrita, Grisciano, Trisungo, Visso, Pieve Torina, Salvalagli di Gaiole, Tolentino, Porto Sant'Elpidio e L'Aquila), dove le popolazioni si raccoglieranno per dar voce "a una protesta pacifica ma determinata per esigere un cambio di passo nella gestione di questa tragedia.In numerose città italiane verranno poi esposti, in segno di solidarietà con i manifestanti, gli striscioni dell'evento".

18:52Genova: Pirondini (M5s), strappiamo città a sistema potere

(ANSA) - GENOVA, 23 MAR - "Siamo pronti a strappare Genova dalle mani di un sistema di potere che la amministra da oltre 40 anni": lo ha scritto il candidato sindaco del M5S a Genova Luca Pirondini oggi pomeriggio nel suo primo post su Fb dopo lo scoppio del caso Cassimatis. Pirondini, che ringrazia "tutti per il sostegno e la fiducia" ha scritto che "siamo pronti a lottare contro tutto e tutti" per "il bene della città" e "a subire attacchi sapendo che ascolto, impegno e lavoro sul territorio saranno le uniche nostre risposte. Noi parliamo solo di temi".

18:44Attacco Londra: capo Fbi, in Usa mille persone indagate

(ANSA) - NEW YORK, 23 MAR - "Ci sono circa mille casi di persone negli Stati Uniti che stiamo indagando" che potrebbero essere state ispirate dall'Isis. Lo ha affermato il direttore dell'Fbi, James Comey, nel corso di una conferenza sull'antiterrorismo ad Austin, in Texas, come riportano i media Usa. "La cosa che mi tiene sveglio la notte - ha aggiunto Comey - e' la preoccupazione che ci posa essere qualcuno nel Paese che possa portare a termine un attacco terroristico".

18:41Tir fuori controllo in A/1 nel Fiorentino,denunciato autista

(ANSA) - FIRENZE, 23 MAR - Paura sull'autostrada A/1, in provincia di Firenze, per un tir che procedeva a zig zag in direzione Sud, passando continuamente da una corsia di marcia all'altra. La polizia stradale, avvisata da alcuni automobilisti impauriti, ha intercettato il mezzo e lo ha bloccato all'altezza dello svincolo di Valdarno, dopo un inseguimento di circa 20 chilometri. L'autista, un uomo originario dell'Ucraina, ubriaco, è stato denunciato per guida in stato di ebbrezza e per lui è scattato il ritiro della patente. Sequestrato il tir. Il mezzo pesante è stato avvistato dalla stradale poco prima del casello di Incisa. Poiché la coda del mezzo dondolava da una corsia all' altra, la pattuglia della stradale "ha attivato la procedura della safety car". La vettura della polizia si è posizionata al centro della carreggiata, dietro al tir, in modo da impedire agli altri veicoli di sorpassare. L'autista ha proseguito la sua corsa per circa 20 chilometri, fino a che la stradale non lo ha affiancato.

18:38Clima: Onu, Guterres, ‘cambiamento climatico innegabile’

(ANSA) - NEW YORK, 23 MAR - "Il cambiamento climatico e innegabile e le azioni per contrastarlo non possono essere fermate". Lo ha detto il Segretario Generale dell'Onu Antonio Guterres aprendo un incontro ad alto livello al Palazzo di Vetro sul rapporto tra clima e sviluppo sostenibile. "Ogni mese sempre piu' paesi trasformano gli impegni presi a Parigi in piani di azione nazionali sul clima. Citta' e imprese fanno da apripista, perche' riconoscono non solo la minaccia ma anche i benefici del lavoro fatto per limitare l'aumento delle temperature globali", ha detto Guterres con una frecciata implicita agli Usa di Donald Trump: "Anche se qualche governo ha fatto marcia indietro, l'effetto combinato delle azioni di autorità subnazionali, mondo degli affari e societa' civile ha creato una spinta inarrestabile" nella lotta al climate change.

Archivio Ultima ora