Riparte caso Grecia. Atene attacca Fmi, slitta Eurogruppo

Pubblicato il 27 aprile 2016 da redazione

Greek Prime Minister Alexis Tsipras leaves the podium after his speech at a meeting of ruling radical left Syriza party's central committee in Athens, on Thursday, July 30, 2015. (ANSA/AP Photo/Thanassis Stavrakis)

Greek Prime Minister Alexis Tsipras leaves the podium after his speech at a meeting of ruling radical left Syriza party’s central committee in Athens, on Thursday, July 30, 2015. (ANSA/AP Photo/Thanassis Stavrakis)

BRUXELLES. – Si riapre il caso Grecia. Non c’è più Varoufakis, ma tornano ad alzarsi i toni. Dopo l’ informale dei ministri delle finanze della settimana scorsa ad Amsterdam, ad Atene riprende un nuovo round del negoziato a livello tecnico ma il portavoce di Dijsselbloem fa sapere che giovedì prossimo non ci sarà l’Eurogruppo straordinario che avrebbe dovuto chiudere il negoziato sulla ‘prima revisione’, aprire la discussione sul ‘reprofiling’ del debito e sbloccare la seconda tranche di aiuti.

L’annuncio del rinvio scuote la borsa di Atene, che chiude a -2,5%. E spinge il premier Alexis Tsipras a chiamare il presidente del Consiglio europeo per chiedere la convocazione urgente di un vertice straordinario dei leader dell’Eurozona per “riaffermare quanto concordato” a luglio scorso ed “evitare un nuovo ciclo di incertezza per l’Eurozona”.

Proposta respinta tanto da Berlino quanto da Bruxelles. Ma se il ‘no’ del ministro delle finanze tedesco, Wolfgang Schaeuble, è secco e motivato dal fatto che “i colloqui con la Grecia non hanno fatto molti progressi”, quello di Donald Tusk è molto più sfumato. “C’è ancora del lavoro che devono fare i ministri” prima di convocare un vertice dei leader dell’Eurozona.

In più il presidente del Consiglio – che si era consultato con Dijsselbloem e Juncker – fa pressing e chiede “una data certa” per una nuova riunione dell’Eurogruppo “a giorni, non settimane”. In serata il portavoce dell’Eurogruppo precisa che una riunione è “possibile la settimana prossima, ma non è ancora confermata e dipende dagli sviluppi nei prossimi giorni”.

Da Atene la portavoce del governo Olga Gerovasili, che ha lo status di ministro, mentre apprezza l’intervento di Tusk, attacca il Fondo Monetario Internazionale e la sua “ossessione” per nuove misure di austerità.

Il Fmi, che l’estate scorsa ha legato la sua partecipazione al nuovo programma all’impegno europeo di ridurre il debito greco, venerdì scorso ha accettato che non si parli di ‘haircut’ nominale (ipotesi respinta dagli europei) ma ha convinto l’Eurogruppo a chiedere un ‘pacchetto di contingenza’, ovvero tagli e tasse del valore complessivo di circa tre miliardi di euro con approvazione preventiva del Parlamento di una serie di ‘clausole di salvaguardia’ che dovrebbero scattare automaticamente se da oggi al 2018 i conti tornassero in sofferenza.

Le richieste dello Fmi “minano gli sforzi tanto del governo greco quanto delle istituzioni europee”, ha detto Gerovasili rivendicando che l’economia greca, come certificato da Eurostat, nel 2015 è cresciuta “oltre le previsioni” ed il governo Tsipras “non solo ha centrato l’obiettivo di bilancio (surplus dello 0,2%, ndr) ma ha registrato un avanzo primario record dello 0,7%”.

Atene, mentre ripete di aver fatto i compiti e di essere pronta a rivedere i dettagli delle misure necessarie per concludere il lavoro tecnico, dice ‘no’ con toni ultimativi al pacchetto di contingenza e sottolinea che la Costituzione non permette l’ approvazione di provvedimenti fiscali preventivi.

Da Bruxelles, Moscovici professa un moderato ottimismo per la conclusione del begoziato (“Ci sono ancora sforzi da fare, ma andiamo chiaramente nella buona direzione”). Il capogruppo dei socialisti, Gianni Pittella, si schiera con Tsipras (“alcuni ‘falchi’ vogliono uccidere la Grecia e noi non possiamo permettere tale ricatto”) e dalla Commissione emerge “stupore” per la posizione intransigente di Dijsselbloem: “Vogliamo misure che scattino solo se necessario e che non possano danneggiare l’economia greca”.

(di Marco Galdi/ANSA)

Ultima ora

10:19Esplosione bombola gas: muore paziente ricoverato

(ANSA) - NAPOLI, 18 GEN - E' morto il più grave dei tre pazienti ricoverati nel Cardarelli di Napoli in seguito all'esplosione lunedì scorso di una bombola di gas in una piscina. L'uomo, colpito da ustioni profonde su più del 90% del corpo, è deceduto nelle prime ore di questa mattina. Le sue condizioni era apparse subito gravissime. Lo si apprende da fonti della Direzione sanitaria.

10:18Meningite: Napoli, muore in Pronto soccorso Cardarelli

(ANSA) - NAPOLI, 18 GEN - Un uomo di 36 anni è morto a causa della meningite la notte scorsa nel pronto soccorso dell'ospedale Cardarelli di Napoli. Lo si apprende dal direttore generale Ciro Verdoliva il quale fa sapere che l'uomo è giunto in pronto soccorso ''in stato di coma e in imminente pericolo di vita'. Verdoliva sottolinea che sono state attivate, come da protocollo, tutte le profilassi necessarie. ''Non esiste nel Cardarelli alcuna emergenza a seguito di questo caso'' ribadisce per non alimentare ''una psicosi ingiustificata''.

10:16Parigi: identificato kamikaze 13 novembre, era iracheno

(ANSA) - PARIGI, 18 GEN - Gli inquirenti francesi hanno identificato formalmente uno dei due kamikaze che il 13 novembre 2015 si fecero esplodere allo Stade de France di Saint-Denis. Si trattava, si apprende questa mattina, di un iracheno con falso passaporto siriano, proveniente da Mosul. L'Isis, aggiungono gli inquirenti, indennizzò la famiglia del ventenne Ammar Ramadan Mansour Mohamad al Sabaawi con un risarcimento di 5.000 dollari americani e con un gregge di pecore.

08:22Contrabbando carburante in Sicilia, 14 arresti

(ANSA) - CATANIA, 18 GEN - Oltre 150 finanzieri del Comando provinciale di Catania, a conclusione di un'indagine coordinata dalla locale Procura distrettuale, stanno eseguendo 29 misure cautelari personali, di cui 14 arresti domiciliari e 15 provvedimenti di obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria e il sequestro preventivo di 25 impianti di distribuzione stradale di carburante nelle province di Catania, Ragusa, Siracusa ed Enna. Agli indagati è contestata l'associazione a delinquere finalizzata al contrabbando di prodotti petroliferi immessi nel mercato nazionale in evasione d'imposta (accise e iva), utilizzo ed emissione di fatture per operazioni inesistenti, falso ideologico, frode in commercio e turbata libertà del commercio. I particolari dell'operazione saranno resi noti durante una conferenza stampa che si terrà alle 10.30 nella sede del Comando provinciale della Guardia di finanza di Catania. (ANSA).

03:26Terremoti, scossa magnitudo 3.4 in provincia di Messina

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Una scossa di terremoto di magnitudo 3.4 è stata registrata alle 22:20 di ieri sulla costa nordest della Sicilia, in provincia di Messina. Secondo i rilevamenti dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 6 km di profondità ed epicentro tra Longi e Frazzanò. Non si segnalano danni a persone o cose. Un'altra scossa, di magnitudo 3, è stata poi registrata alle 23:50 al largo delle isole Eolie, con ipocentro a 14 km di profondità ed epicentro 13 km a sudovest di Leni (isola di Salina). Anche in questo caso non si segnalano danni.

01:19Calcio: 3-2 al Bologna, Inter ai quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - L'Inter vola ai quarti di finale di Coppa Italia, battendo il Bologna 3-2 a San Siro. Ma la squadra di Pioli ha avuto bisogno dei tempi supplementari per eliminare i rossoblù che, sotto 2-0, erano riusciti a mettere a segno la rimonta: l'Inter passa in vantaggio al 34' grazie al gol-capolavoro di Murillo. Il colombiano, sul corner di Joao Mario, batte Da Costa con una rovesciata spettacolare. Cinque minuti più tardi arriva il raddoppio con Palacio. Ma il Bologna trova la forza per reagire e al 43' riapre il match con il gol di Dzemaili. Nella ripresa arriva il pari, grazie alla rete di Donsah al 28'. Rimonta completata per la squadra di Donadoni che costringe così Pioli ai tempi supplementari. All'8 del primo extra time però l'Inter si riporta in vantaggio con Candreva che decide così la sfida e manda i nerazzurri avanti.

23:43Calcio: Coppa d’Africa, Mali-Egitto 0-0

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Esordio in Coppa d'Africa senza reti per l'Egitto di Hector Cuper e del giallorosso Salah. I Faraoni infatti sono stati fermati sullo 0-0 dal Mali, in un match valido per il girone D del torneo.

Archivio Ultima ora