Riparte caso Grecia. Atene attacca Fmi, slitta Eurogruppo

Pubblicato il 27 aprile 2016 da redazione

Greek Prime Minister Alexis Tsipras leaves the podium after his speech at a meeting of ruling radical left Syriza party's central committee in Athens, on Thursday, July 30, 2015. (ANSA/AP Photo/Thanassis Stavrakis)

Greek Prime Minister Alexis Tsipras leaves the podium after his speech at a meeting of ruling radical left Syriza party’s central committee in Athens, on Thursday, July 30, 2015. (ANSA/AP Photo/Thanassis Stavrakis)

BRUXELLES. – Si riapre il caso Grecia. Non c’è più Varoufakis, ma tornano ad alzarsi i toni. Dopo l’ informale dei ministri delle finanze della settimana scorsa ad Amsterdam, ad Atene riprende un nuovo round del negoziato a livello tecnico ma il portavoce di Dijsselbloem fa sapere che giovedì prossimo non ci sarà l’Eurogruppo straordinario che avrebbe dovuto chiudere il negoziato sulla ‘prima revisione’, aprire la discussione sul ‘reprofiling’ del debito e sbloccare la seconda tranche di aiuti.

L’annuncio del rinvio scuote la borsa di Atene, che chiude a -2,5%. E spinge il premier Alexis Tsipras a chiamare il presidente del Consiglio europeo per chiedere la convocazione urgente di un vertice straordinario dei leader dell’Eurozona per “riaffermare quanto concordato” a luglio scorso ed “evitare un nuovo ciclo di incertezza per l’Eurozona”.

Proposta respinta tanto da Berlino quanto da Bruxelles. Ma se il ‘no’ del ministro delle finanze tedesco, Wolfgang Schaeuble, è secco e motivato dal fatto che “i colloqui con la Grecia non hanno fatto molti progressi”, quello di Donald Tusk è molto più sfumato. “C’è ancora del lavoro che devono fare i ministri” prima di convocare un vertice dei leader dell’Eurozona.

In più il presidente del Consiglio – che si era consultato con Dijsselbloem e Juncker – fa pressing e chiede “una data certa” per una nuova riunione dell’Eurogruppo “a giorni, non settimane”. In serata il portavoce dell’Eurogruppo precisa che una riunione è “possibile la settimana prossima, ma non è ancora confermata e dipende dagli sviluppi nei prossimi giorni”.

Da Atene la portavoce del governo Olga Gerovasili, che ha lo status di ministro, mentre apprezza l’intervento di Tusk, attacca il Fondo Monetario Internazionale e la sua “ossessione” per nuove misure di austerità.

Il Fmi, che l’estate scorsa ha legato la sua partecipazione al nuovo programma all’impegno europeo di ridurre il debito greco, venerdì scorso ha accettato che non si parli di ‘haircut’ nominale (ipotesi respinta dagli europei) ma ha convinto l’Eurogruppo a chiedere un ‘pacchetto di contingenza’, ovvero tagli e tasse del valore complessivo di circa tre miliardi di euro con approvazione preventiva del Parlamento di una serie di ‘clausole di salvaguardia’ che dovrebbero scattare automaticamente se da oggi al 2018 i conti tornassero in sofferenza.

Le richieste dello Fmi “minano gli sforzi tanto del governo greco quanto delle istituzioni europee”, ha detto Gerovasili rivendicando che l’economia greca, come certificato da Eurostat, nel 2015 è cresciuta “oltre le previsioni” ed il governo Tsipras “non solo ha centrato l’obiettivo di bilancio (surplus dello 0,2%, ndr) ma ha registrato un avanzo primario record dello 0,7%”.

Atene, mentre ripete di aver fatto i compiti e di essere pronta a rivedere i dettagli delle misure necessarie per concludere il lavoro tecnico, dice ‘no’ con toni ultimativi al pacchetto di contingenza e sottolinea che la Costituzione non permette l’ approvazione di provvedimenti fiscali preventivi.

Da Bruxelles, Moscovici professa un moderato ottimismo per la conclusione del begoziato (“Ci sono ancora sforzi da fare, ma andiamo chiaramente nella buona direzione”). Il capogruppo dei socialisti, Gianni Pittella, si schiera con Tsipras (“alcuni ‘falchi’ vogliono uccidere la Grecia e noi non possiamo permettere tale ricatto”) e dalla Commissione emerge “stupore” per la posizione intransigente di Dijsselbloem: “Vogliamo misure che scattino solo se necessario e che non possano danneggiare l’economia greca”.

(di Marco Galdi/ANSA)

Ultima ora

00:30Roma ufficializza Kolarov dal City

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - La Roma ha perfezionto l'ingaggio di Aleksandar Kolarov. La società, attraverso una nota, ha comunicato di aver sottoscritto con il Manchester City il contratto per l'acquisizione a titolo definitivo del calciatore serbo a fronte di un corrispettivo di 5 milioni. Il calciatore 31enne, ha firmato un contratto che lo legherà al club fino al 30 giugno 2020. "Sono molto contento di essere qui", ha dichiarato il serbo. "Darò più del 100% alla Roma, il mio obiettivo è sempre uno: vincere". "Aleksandar è un calciatore con grande esperienza e che può dare da subito il suo contributo per il club", ha dichiarato il direttore sportivo Monchi. "Penso che con lui cresceremo sia dentro sia fuori dal campo. Desidero ringraziarlo per il suo entusiasmo e per la volontà dimostrata di venire alla Roma".

23:55Consip: gen. Maruccia sentito da pm come testimone

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Il generale di Divisione Gaetano Maruccia, capo di Stato Maggiore dell'Arma dei Carabinieri, è stato ascoltato dai pm di Roma in qualità di persona informata sui fatti nell'inchiesta Consip. L'ufficiale, si apprende dallo stesso comando generale dei Carabinieri, si è detto "lieto di aver potuto contribuire alla ricerca della verità nella contorta vicenda".

23:46Calcio: amichevoli, Napoli-Chievo 1-1

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Il Napoli non è riuscito ad andare oltre l'1-1 con il Chievo, nell'ultima amichevole nel ritiro di Dimaro, in Trentino. I gialloblù di Maran si erano portati in vantaggio con un gol di Inglese, dopo 26' di gioco, ma sono stati raggiunti dal neoacquisto Ounas (13' st), giocatore di origine algerina, ma proveniente dal Bordeaux. Finora la squadra partenopea aveva sempre vinto: 17-0 contro la Bassa Anaunia, 70 contro il Trento e 4-1 contro il Carpi. Prima di lasciare il ritiro di Dimaro, domani sera la squadra allenata da Maurizio Sarri verrà presentata ufficialmente. L'allenatore stasera ha schierato Reina; Hysaj, Maksimovic, Koulibaly, Ghoulam; Rog, Jorginho, Hamsik; Callejón, Mertens, Insigne, come formazione di partenza. Nella ripresa cambio di formazione, sempre con il 4-3-3: Rafael; Maggio, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Allan, Jorginho, Zielinski; Ounas, Milik, Mertens.

23:26Terremoto Kos, in serata due forti scosse di assestamento

(ANSA) - KOS (GRECIA), 22 LUG - Questa sera due forti scosse di assestamento di magnitudo 4.4 e 4.6, alla distanza di 16 minuti l'una dall'altra, hanno colpito l'isola greca di Kos, costringendo residenti e turisti a lasciare le case e i ristoranti. Lo riporta l'Istituto di Geodinamica di Atene. La prima scossa, avvenuta più vicina all'isola, è stata ad una profondità di 10 km. L'aeroporto è stato fatto evacuare. Poco di 24 ore fa una potente scossa di terremoto con epicentro a Bodrum, in Turchia, ha colpito sempre l'isola di Kos causando la morte di due turisti ed il ferimento di 500 persone.

23:17Mafia Capitale:Camera penale Roma, da Bindi più senso Stato

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - La Camera Penale di Roma auspica da parte della Presidente della Commissione antimafia, on.le Bindi, "un maggiore senso dello Stato. Riscontriamo con stupore le esternazioni dell'on. Bindi - informa un a nota - rispetto alla sentenza di primo grado del processo "mafia capitale", con cui si accusano i giudici del Tribunale di Roma di non essere idonei, perché non specializzati, a giudicare i reati contestati dalla Procura. Risulta palese, da parte del Presidente della Commissione Antimafia, la violazione del principio, costituzionalmente garantito, dell'indipendenza della magistratura dal potere politico. Lo stesso principio più volte invocato rispetto a sentenze gradite. Ecco perchè auspichiamo un maggiore senso dello Stato".

22:38Calcio: Genoa, slitta trattativa per acquisizione del club

(ANSA) - GENOVA, 22 LUG - Potrebbe slittare di oltre un mese la cessione del Genoa. Le trattative, infatti, si fermerebbero fino alla fine del calciomercato, prima di riprendere a settembre. Sarebbe questo l'orientamento emerso nelle ultime ore. La decisione sarebbe stata presa insieme da Enrico Preziosi, proprietario del Genoa, e Giulio Gallazzi, presidente di Sri group, che si dice disposta ad acquisire il club ligure attraverso fondi stranieri. Prima sembrava che il termine ultimo delle trattative fosse stato fissato per fine luglio, adesso la decisione di far slittare la chiusura dell'affare a inizio settembre, quando si sarà già concluso il mercato estivo.

22:33Venezuela: ferito giovane violinista simbolo delle proteste

(ANSA) - CARACAS, 21 LUG - Wuilly Arteaga, il 23/enne violinista venezuelano simbolo delle proteste anti-Maduro, è stato ferito oggi durante una marcia dell'opposizione a Caracas. Arteaga è stato raggiunto da un pallettone di gomma sparato dagli uomini della 'guardia nazionale bolivariana' e subito dopo, ha precisato la stampa locale, è stato portato in un ospedale. Stava suonando il violino durante una manifestazione di piazza nella capitale per raggiungere la sede del Tribunale supremo di giustizia. Il giovane è spesso al centro dell'interesse dei media venezuelani e internazionali perchè durante le manifestazioni suona l'inno nazionale e canzoni tradizionali con il suo violino. E' stato fotografato e filmato decine di volte durante le proteste contro il 'chavismo'. Lo scorso 15 giugno aveva incontrato quattro membri del congresso Usa ai quali aveva chiesto di far pressione contro i paesi che vendono gas lacrimogeni e blindati al governo del presidente Nicolas Maduro.

Archivio Ultima ora