Riparte caso Grecia. Atene attacca Fmi, slitta Eurogruppo

Pubblicato il 27 aprile 2016 da redazione

Greek Prime Minister Alexis Tsipras leaves the podium after his speech at a meeting of ruling radical left Syriza party's central committee in Athens, on Thursday, July 30, 2015. (ANSA/AP Photo/Thanassis Stavrakis)

Greek Prime Minister Alexis Tsipras leaves the podium after his speech at a meeting of ruling radical left Syriza party’s central committee in Athens, on Thursday, July 30, 2015. (ANSA/AP Photo/Thanassis Stavrakis)

BRUXELLES. – Si riapre il caso Grecia. Non c’è più Varoufakis, ma tornano ad alzarsi i toni. Dopo l’ informale dei ministri delle finanze della settimana scorsa ad Amsterdam, ad Atene riprende un nuovo round del negoziato a livello tecnico ma il portavoce di Dijsselbloem fa sapere che giovedì prossimo non ci sarà l’Eurogruppo straordinario che avrebbe dovuto chiudere il negoziato sulla ‘prima revisione’, aprire la discussione sul ‘reprofiling’ del debito e sbloccare la seconda tranche di aiuti.

L’annuncio del rinvio scuote la borsa di Atene, che chiude a -2,5%. E spinge il premier Alexis Tsipras a chiamare il presidente del Consiglio europeo per chiedere la convocazione urgente di un vertice straordinario dei leader dell’Eurozona per “riaffermare quanto concordato” a luglio scorso ed “evitare un nuovo ciclo di incertezza per l’Eurozona”.

Proposta respinta tanto da Berlino quanto da Bruxelles. Ma se il ‘no’ del ministro delle finanze tedesco, Wolfgang Schaeuble, è secco e motivato dal fatto che “i colloqui con la Grecia non hanno fatto molti progressi”, quello di Donald Tusk è molto più sfumato. “C’è ancora del lavoro che devono fare i ministri” prima di convocare un vertice dei leader dell’Eurozona.

In più il presidente del Consiglio – che si era consultato con Dijsselbloem e Juncker – fa pressing e chiede “una data certa” per una nuova riunione dell’Eurogruppo “a giorni, non settimane”. In serata il portavoce dell’Eurogruppo precisa che una riunione è “possibile la settimana prossima, ma non è ancora confermata e dipende dagli sviluppi nei prossimi giorni”.

Da Atene la portavoce del governo Olga Gerovasili, che ha lo status di ministro, mentre apprezza l’intervento di Tusk, attacca il Fondo Monetario Internazionale e la sua “ossessione” per nuove misure di austerità.

Il Fmi, che l’estate scorsa ha legato la sua partecipazione al nuovo programma all’impegno europeo di ridurre il debito greco, venerdì scorso ha accettato che non si parli di ‘haircut’ nominale (ipotesi respinta dagli europei) ma ha convinto l’Eurogruppo a chiedere un ‘pacchetto di contingenza’, ovvero tagli e tasse del valore complessivo di circa tre miliardi di euro con approvazione preventiva del Parlamento di una serie di ‘clausole di salvaguardia’ che dovrebbero scattare automaticamente se da oggi al 2018 i conti tornassero in sofferenza.

Le richieste dello Fmi “minano gli sforzi tanto del governo greco quanto delle istituzioni europee”, ha detto Gerovasili rivendicando che l’economia greca, come certificato da Eurostat, nel 2015 è cresciuta “oltre le previsioni” ed il governo Tsipras “non solo ha centrato l’obiettivo di bilancio (surplus dello 0,2%, ndr) ma ha registrato un avanzo primario record dello 0,7%”.

Atene, mentre ripete di aver fatto i compiti e di essere pronta a rivedere i dettagli delle misure necessarie per concludere il lavoro tecnico, dice ‘no’ con toni ultimativi al pacchetto di contingenza e sottolinea che la Costituzione non permette l’ approvazione di provvedimenti fiscali preventivi.

Da Bruxelles, Moscovici professa un moderato ottimismo per la conclusione del begoziato (“Ci sono ancora sforzi da fare, ma andiamo chiaramente nella buona direzione”). Il capogruppo dei socialisti, Gianni Pittella, si schiera con Tsipras (“alcuni ‘falchi’ vogliono uccidere la Grecia e noi non possiamo permettere tale ricatto”) e dalla Commissione emerge “stupore” per la posizione intransigente di Dijsselbloem: “Vogliamo misure che scattino solo se necessario e che non possano danneggiare l’economia greca”.

(di Marco Galdi/ANSA)

Ultima ora

22:56Calcio: Messi “Nessuna offesa, le mie erano parole al vento”

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - "Non volevo insultare l'assistente, le mie erano solo parole al vento". Così Leo Messi si discolpa, secondo quanto apprende La Nacion, nell'arringa difensiva che l'Afa (la Federcalcio argentina) presenterà alla Commissione d'appello della Fifa, nel tentativo di ricevere uno sconto sulle quattro giornate di squalifica inflitte alla 'Pulce' per le offese rivolte a un assistente dopo la sfida contro il Cile. Nel caso in cui in appello dovessero essere confermate le giornate di stop a Messi, l'Afa si rivolgerà al Tas di Losanna; in questo caso, però, i tempi della sentenza si allungherebbero fino alla fine dell'estate prossima. In particolare, nel ricorso, la Federcalcio argentina sottolinea di come l'arbitro brasiliano Ricci, nelle 16 pagine di relazione presentata alla Fifa, non abbia menzionato l'alterco verbale fra Messi e l'assistente.

21:05Migranti: #Withrefugees, scatti per capire un dramma

(ANSA) - MILANO, 29 MAR - "Grazie alla fotografia sono i migranti che ci parlano. E' nel diffondere questa consapevolezza che l'immagine può davvero rappresentare un veicolo importante per far capire le problematiche di queste persone che attraversano il mondo". Lo ha detto Carlotta Sami, portavoce per il Sud Europa dell'Unhcr, l'agenzia per i Rifugiati delle Nazioni Unite. L'occasione per una riflessione sulle migrazioni è stata l'inaugurazione della mostra #Withrefugees - Fotografi per i rifugiati, oggi, alla spazio Big Santa Marta di Milano. A promuovere la serata è stata MIA Photo fair (la fiera internazionale della fotografia), che apre proprio nel giorno dell'approvazione della legge sulla protezione dei minori stranieri non accompagnati. A essere esposti sono 45 scatti di fotografi che si sono dedicati al tema: Yuri Catania, Franco Paggetti, Pierre Andrè Podbilesky, Massimo Sestini e Paolo Solari Bozzi, che hanno messo le loro opere a disposizione per beneficenza.

20:54Trump: Moore, con nuove norme clima iniziata estinzione vita

(ANSA) - NEW YORK, 29 MAR - Donald Trump ha appena "iniziato l'estinzione della vita umana sulla terra": ne e' convinto il regista liberal Michael Moore, facendo riferimento all'ordine esecutivo firmato dal presidente americano che spazza via le normative ambientali del predecessore Barack Obama. "Gli storici nel prossimo futuro (e potrebbe essere l'unico futuro che abbiamo) ricorderanno il 28 marzo 2017 come il giorno dell'inizio dell'estinzione della vita umana sulla terra", ha scritto in un post su Facebook. A suo parere, firmando il decreto che ordina di rivedere le norme per la riduzione delle emissioni di gas serra nelle industrie, Trump ha "dichiarato guerra al pianeta e ai suoi abitanti".

20:52Calcio: Lazio, Anderson “La Roma? Pensiamo a noi stessi”

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - "La Roma? Pensiamo solo a noi, non a quello che dicono loro. Giocheranno coi loro tifosi ma, se saremo intelligenti, facciamo una grande partita". Così Felipe Anderson, intervistato a Mediaset premium, parla della sfida di ritorno di Coppa Italia contro la Roma, in programma il 4 aprile. Si riparte dal 2-0 sei biancocelesti dell'andata, ma per il brasiliano conta prima di tutto fare bene contro il Sassuolo in campionato. "Questa per noi è una settimana decisiva - spiega l'ex Santos - dobbiamo centrare due obiettivi di stagione, non bisogna sbagliare. Pensiamo prima al Sassuolo, poi al derby". Protagonista della sua miglior stagione a livello di continuità, per Anderson è sempre vivo il sogno della Seleçao: "Giocare il Mondiale è un mio obiettivo - conclude l'attaccante dei biancocelesti - ma so che devo dare il massimo qui, voglio finire bene e sperare di conquistare la Nazionale".

20:41Deltaplano precipita in provincia di Modena, grave 56enne

(ANSA) - MODENA, 29 MAR - Un deltaplano con a bordo un 56enne, D.B., si è schiantato al suolo, in un terreno agricolo, intorno alle 18 a Campogalliano, in provincia di Modena. L'uomo, proprietario sia del velivolo che del terreno agricolo dove è avvenuto l'incidente, in via Vandelli, è stato soccorso dai sanitari del 118, intervenuti con l'ambulanza e con l'elisoccorso. Il ferito, cosciente ma con gravi ferite ad una gamba, è stato così portato all'ospedale Maggiore di Bologna con l'elicottero. Le sue condizioni sono gravi. In via Vandelli sono intervenuti anche i vigili del fuoco ed i carabinieri. Tutte le ipotesi sono al vaglio, ma si propende per un guasto tecnico del deltaplano, che, a quanto pare, è precipitato mentre era ancora in fase di decollo. A chiamare i soccorsi sono stati i parenti del 56enne, che hanno udito il rumore dello schianto. (ANSA).

20:26Consip, sms di Lotti a Emiliano acquisiti da procura Roma

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - Il governatore Pd della Puglia Michele Emiliano sentito per oltre un'ora in procura a Roma come testimone nell'inchiesta Consip sulla centrale acquisti della Pubblica amministrazione. Gli é stato chiesto degli sms ricevuti nel 2105 dall'attuale ministro Luca Lotti - all'epoca sottosegretario alla presidenza del Consiglio - che lo invitava a incontrare il faccendiere Carlo Russo, amico del padre dell'allora premier Matteo Renzi, Tiziano. Il pm Mario Palazzi ha acquisito agli atti gli sms di Lotti e di Tiziano Renzi, conservati da Emiliano. L'ipotesi della procura è che l'imprenditore Alfredo Romeo - in carcere per corruzione - abbia beneficiato dell'amicizia tra Tiziano Renzi e Russo per mettere le mani sugli appalti Consip. Il presidente della Puglia dopo l'audizione non ha rilasciato dichiarazioni. "Procura acquisisce gli sms di Lotti a Emiliano, e #Renzi continua a non dire se e quando ha saputo dell'inchiesta. #RenziReticente", commenta con un tweet sull'ex premier il deputato M5S Danilo Toninelli.

20:25Sfregiata con acido: continuo mio percorso con entusiasmo

(ANSA) - RIMINI, 29 MAR - "Volevo farvi sapere che continuo il mio percorso impervio ogni giorno, con un certo entusiasmo, perchè ci sono miglioramenti, anche se piccoli. Passo ovviamente dei momenti tristi dove la pelle tira, altri in cui sono felice e qui a casa canto e ballo. La voce non me la può togliere nessuno". Gessica Notaro, la 28enne riminese sfregiata con l'acido dal suo ex compagno il 10 gennaio scorso, ha tenuto oggi pomeriggio una diretta Facebook, in cui si è fatta ritrarre a mezzo busto. Tanti messaggi di conforto che le sono arrivati ("sei un esempio per tutta l'Italia", uno dei tanti). "Vogliamo rispondere a tutti ma con un occhio solo è complicato", ha detto con voce scherzosa, riferendosi alle conseguenze dell'aggressione, "già ero miope e astigmatica". Gessica ha anche fatto vedere il mento coperto dalla membrana che le copre tutto il volto: "ho una guaina elastica che mi stira le cicatrici e la pelle quindi non mi fa parlare tanto bene".

Archivio Ultima ora