Riparte caso Grecia. Atene attacca Fmi, slitta Eurogruppo

Pubblicato il 27 aprile 2016 da redazione

Greek Prime Minister Alexis Tsipras leaves the podium after his speech at a meeting of ruling radical left Syriza party's central committee in Athens, on Thursday, July 30, 2015. (ANSA/AP Photo/Thanassis Stavrakis)

Greek Prime Minister Alexis Tsipras leaves the podium after his speech at a meeting of ruling radical left Syriza party’s central committee in Athens, on Thursday, July 30, 2015. (ANSA/AP Photo/Thanassis Stavrakis)

BRUXELLES. – Si riapre il caso Grecia. Non c’è più Varoufakis, ma tornano ad alzarsi i toni. Dopo l’ informale dei ministri delle finanze della settimana scorsa ad Amsterdam, ad Atene riprende un nuovo round del negoziato a livello tecnico ma il portavoce di Dijsselbloem fa sapere che giovedì prossimo non ci sarà l’Eurogruppo straordinario che avrebbe dovuto chiudere il negoziato sulla ‘prima revisione’, aprire la discussione sul ‘reprofiling’ del debito e sbloccare la seconda tranche di aiuti.

L’annuncio del rinvio scuote la borsa di Atene, che chiude a -2,5%. E spinge il premier Alexis Tsipras a chiamare il presidente del Consiglio europeo per chiedere la convocazione urgente di un vertice straordinario dei leader dell’Eurozona per “riaffermare quanto concordato” a luglio scorso ed “evitare un nuovo ciclo di incertezza per l’Eurozona”.

Proposta respinta tanto da Berlino quanto da Bruxelles. Ma se il ‘no’ del ministro delle finanze tedesco, Wolfgang Schaeuble, è secco e motivato dal fatto che “i colloqui con la Grecia non hanno fatto molti progressi”, quello di Donald Tusk è molto più sfumato. “C’è ancora del lavoro che devono fare i ministri” prima di convocare un vertice dei leader dell’Eurozona.

In più il presidente del Consiglio – che si era consultato con Dijsselbloem e Juncker – fa pressing e chiede “una data certa” per una nuova riunione dell’Eurogruppo “a giorni, non settimane”. In serata il portavoce dell’Eurogruppo precisa che una riunione è “possibile la settimana prossima, ma non è ancora confermata e dipende dagli sviluppi nei prossimi giorni”.

Da Atene la portavoce del governo Olga Gerovasili, che ha lo status di ministro, mentre apprezza l’intervento di Tusk, attacca il Fondo Monetario Internazionale e la sua “ossessione” per nuove misure di austerità.

Il Fmi, che l’estate scorsa ha legato la sua partecipazione al nuovo programma all’impegno europeo di ridurre il debito greco, venerdì scorso ha accettato che non si parli di ‘haircut’ nominale (ipotesi respinta dagli europei) ma ha convinto l’Eurogruppo a chiedere un ‘pacchetto di contingenza’, ovvero tagli e tasse del valore complessivo di circa tre miliardi di euro con approvazione preventiva del Parlamento di una serie di ‘clausole di salvaguardia’ che dovrebbero scattare automaticamente se da oggi al 2018 i conti tornassero in sofferenza.

Le richieste dello Fmi “minano gli sforzi tanto del governo greco quanto delle istituzioni europee”, ha detto Gerovasili rivendicando che l’economia greca, come certificato da Eurostat, nel 2015 è cresciuta “oltre le previsioni” ed il governo Tsipras “non solo ha centrato l’obiettivo di bilancio (surplus dello 0,2%, ndr) ma ha registrato un avanzo primario record dello 0,7%”.

Atene, mentre ripete di aver fatto i compiti e di essere pronta a rivedere i dettagli delle misure necessarie per concludere il lavoro tecnico, dice ‘no’ con toni ultimativi al pacchetto di contingenza e sottolinea che la Costituzione non permette l’ approvazione di provvedimenti fiscali preventivi.

Da Bruxelles, Moscovici professa un moderato ottimismo per la conclusione del begoziato (“Ci sono ancora sforzi da fare, ma andiamo chiaramente nella buona direzione”). Il capogruppo dei socialisti, Gianni Pittella, si schiera con Tsipras (“alcuni ‘falchi’ vogliono uccidere la Grecia e noi non possiamo permettere tale ricatto”) e dalla Commissione emerge “stupore” per la posizione intransigente di Dijsselbloem: “Vogliamo misure che scattino solo se necessario e che non possano danneggiare l’economia greca”.

(di Marco Galdi/ANSA)

Ultima ora

00:07L’Spd apre a grande coalizione,sì a colloqui con Merkel

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - I socialdemocratici tedeschi hanno preso la loro decisione: affronteranno i colloqui per una possibile coalizione di governo con Angela Merkel all'inizio di gennaio, e nel giro di due settimane presenteranno i risultati a un congresso straordinario di partito, fissato il 14, per stabilire se sedersi al tavolo dei veri e propri negoziati per una nuova edizione della Grosse Koalition. "Colloqui dall'esito comunque aperto", ha ribadito il leader fresco di conferma, senza rinunciare all'ipotesi di nuove forme di collaborazione. La cancelliera ha apprezzato pubblicamente gli sforzi compiuti da un partito costretto ad una evidente, complicata retromarcia, e ha espresso "grande rispetto" per il percorso decisionale degli alleati-avversari, sottolineando poi però che all'Europa serve una Germania stabile. "Ce lo chiedono tutti", è il monito arrivato dopo il vertice di Bruxelles, a Norimberga, dove era ospite dei cristiano-sociali.

23:58Austria: chiuse trattative. Kurz, c’è accordo governo

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - In Austria, le trattative fra l'Oevp del conservatore Sebastian Kurz e il Fpoe del populista di destra Heinz Christian Strache sono concluse, e i due partiti sono pronti a governare. "C'è un accordo turchese-blu", ha affermato Kurz. "Alle elezioni del 15 ottobre si è deciso per il cambiamento, e insieme vogliamo mettere al sicuro questo cambiamento", ha affermato Kurz, che ha annunciato di voler stabilire un "nuovo stile". "La nuova coalizione si impegna per una politica che risparmia nel sistema, e non a carico della gente", ha continuato il cancelliere designato che ha promesso l'abbassamento delle tasse agli austriaci. A soli 31 anni, sarà lui il cancelliere più giovane della storia del suo Paese e dell'Europa. E questo è l'esito di uno stile politico spregiudicato, con cui il giovanissimo ex ministro degli Esteri ha conquistato la leadership del partito popolare e lo ha portato progressivamente più a destra, strappando il possibile successo elettorale dei populisti di destra del Fpoe.

23:57Gerusalemme: fonti Casa Bianca, Muro parte di Israele

(ANSA) - WASHINGTON, 15 DIC - La Casa Bianca manda segnali per far sapere che vede il Muro occidentale di Gerusalemme (il Muro del pianto) come parte di Israele, alla vigilia della visita del vicepresidente Usa Mike Pence nella regione. Benche' precisino che i confini definitivi della citta' santa devono essere definiti dai negoziati israelo-palestinesi, i dirigenti della Casa Bianca contattati dall'Ap escludono fondamentalmente qualsiasi scenario che non mantenga il controllo di Israele sui luoghi sacri dell'ebraismo.

23:55Basket: Eurolega, Panathinaikos-Milano 80-72

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - L'Olimpia ad Atene fa come Penelope ad Itaca: contro il Panathinakos tesse la tela per 15' e si costruisce un vantaggio di 13 punti (37-24), poi la disfa perdendo fluidità in attacco e consistenza in difesa fino al 80-72 che sancisce la quarta sconfitta consecutiva in Eurolega (3-9). Delusione e rimpianti si mischiano alla rabbia per un arbitraggio discusso e discutibile: con la gara in equilibrio a metà del terzo periodo viene fischiato un fallo tecnico per una simulazione molto dubbia a Theodore che costa al playmaker l'espulsione. In quel momento il Panathinaikos piazza un parziale di 7-0 che spacca in due l'incontro. Le triple di Rivers (20 punti, 6/9 da 3) e Lojeski (14, 2/4 dall'arco) e il predomino a rimbalzo di Gost (11 e 7) fanno il resto, lasciando l'AX Milano con il cerino in mano e con tanto amaro in bocca.

22:21Savoia: spoglie regina Elena tornano in Italia dopo 65 anni

(ANSA) - MONDOVI' (CUNEO), 15 DIC - Torna in Italia la salma della regina Elena di Savoia. Le spoglie della moglie di Vittorio Emanuele III, penultima Regina d'Italia, sono state trasferite oggi da Montpellier, dove è morta nel 1952 a 79 anni, al Santuario di Vicoforte, vicino a Mondovì, nel Cuneese. A darne notizia è stata la nipote Maria Gabriella di Savoia, che esprime "profonda gratitudine" al presidente Sergio Mattarella, "che fattivamente propiziò la traslazione della salma". Il trasferimento è avvenuto in gran segreto. Il Santuario già nelle intenzioni del duca Carlo Emanuele I di Savoia, a inizio Seicento, doveva diventare il mausoleo della Casa reale. Non è escluso che nelle prossime settimane qui vengano traslate anche le spoglie di Vittorio Emanuele III, morto in esilio il 28 dicembre di settant'anni fa ad Alessandria d'Egitto, dove è tuttora sepolto. "Confido che il ritorno in Patria della Salma di Elena, concorra alla composizione della memoria nazionale", è l'auspicio di Maria Gabriella.(ANSA).

21:57Salvini, Cav non è candidabile e non può fare il premier

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Se la Lega prende un voto in più rispetto agli altri alleati è chiaro che sono io il premier, Berlusconi non è candidabile quindi non può essere premier. Una cosa che voglio dire è che chi vota Lega non vota governi di inciuci e questo Berlusconi lo deve aver chiaro...". Lo afferma il leader della Lega Matteo Salvini a "Zapping" su Radio1 Rai.

21:53Germania: nuovo aeroporto ‘Ber’ aprirà ad ottobre 2020

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - Il nuovo aeroporto della capitale tedesca 'BER', dopo ripetuti ritardi, dovrebbe entrare in funzione ad ottobre 2020. Lo ha comunicato il numero uno del consiglio di sorveglianza, Rainer Bretschneider, oggi a Berlino. I lavori sono cominciati nel 2006 e l'aeroporto avrebbe dovuto entrare in attività nel 2011. Ma i ritardi si sono accumulati e i costi sono lievitati da 2 a 6,5 mld, fino all'ultimo piano finanziario previsto per la primavera del 2018.

Archivio Ultima ora