Padoan, Europa a rischio come non mai

Pubblicato il 03 maggio 2016 da redazione

Il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, al convegno "I progressi dell'Unione economica e monetaria. L'agenda vista dall'Italia", presso la facoltà di Economia dell'Universita' la Sapienza di Roma, 3 maggio 2016. ANSA/ GIORGIO ONORATI

Il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, al convegno “I progressi dell’Unione economica e monetaria. L’agenda vista dall’Italia”, presso la facoltà di Economia dell’Universita’ la Sapienza di Roma, 3 maggio 2016. ANSA/ GIORGIO ONORATI

ROMA. – Non è la crisi economica la principale minaccia per l’Unione europea, non è stata qualche anno fa la crisi dell’euro vissuta al momento dell’emergenza greca e non è oggi la fragilità della ripresa in atto. A mettere seriamente a rischio la tenuta dell’Europa moderna sono la mancanza di fiducia reciproca tra Paesi membri e le spinte nazionaliste, che potrebbero compromettere il lavoro e gli sforzi verso un’unione sempre più politica portati avanti per decenni.

L’allarme arriva dal ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, strenuo difensore dell’idea di Europa e della condivisione di valori, principi e politiche all’interno dell’Ue. L’Europa sta vivendo “una situazione eccezionale in cui sta rischiando forse come non ha mai rischiato da quando è stata inventata”, ha messo in guardia il ministro.

Il vecchio continente “è sempre in movimento” ma in questo momento storico ha di fronte delle sfide “particolarmente severe” che vanno dal rilancio dell’occupazione alla Brexit, dalla difesa della sicurezza interna ai rifugiati. Ed è proprio questa forse l’emergenza più difficile da fronteggiare.

L’ondata di migranti in arrivo dalle coste dell’Africa e dal Medio Oriente rappresenta un cambiamento epocale, che può essere sfruttato in modo positivo, approfittando per esempio del ricambio generazionale e della nuova forza lavoro, ma che rischia invece – se gestito male – di incrinare la stessa costruzione europea. Con la questione rifugiati è infatti entrato in discussione il trattato di Schengen ed è questo l’elemento più pericoloso, addirittura “più pericoloso della crisi dell’euro di qualche anno fa”.

Padoan ha quindi ribadito le proposte di governance europea che l’Italia ha presentato a Bruxelles, insistendo non solo sulla flessibilità ma anche sul completamento dell’Unione bancaria, sulla creazione di un Fondo monetario europeo e sulla nascita di un ministro delle Finanze Ue. Una figura utile “non perché sto cercando un nuovo lavoro”, ha scherzato il ministro, ma per gestire con una visione unitaria le emergenze, a partire proprio da quella dei migranti.

Ultima ora

18:24Catalogna: Ue, rispettiamo Costituzione spagnola

(ANSA) - BRUXELLES, 21 SET - "Rispettiamo l'ordine costituzionale della Spagna come facciamo con tutti gli stati membri" ed è "in seno a questo che tutte queste questioni dovranno o potranno essere affrontate". Lo ha ribadito il portavoce della Commissione Ue Margaritis Schinas sulla Catalogna. "Abbiamo già espresso più volte la posizione della Commissione" sulle questioni degli indipendentismi nazionali e, anche alla luce di un possibile ruolo di mediazione tra Madrid e Barcellona, questa "non ha che le competenze attribuitele". "La posizione risale al 2004 e passa per il rispetto del quadro costituzionale e dell'ordine giuridico di ogni stato membro".

18:21Kenya: fissate nuove elezioni al 26 ottobre

(ANSA-AP) - NAIROBI, 21 SET - La Commissione elettorale del Kenya ha annunciato di aver fissato la data per nuove elezioni presidenziali al prossimo 26 ottobre. Il primo settembre scorso la Corte Suprema del Kenya aveva fatto sapere di aver riscontrato irregolarità nelle recenti elezioni presidenziali che hanno visto la riconferma di Uhuru Kenyatta e aveva ordinato un nuovo voto entro 60 giorni. Quattro dei sei giudici della Corte suprema avevano votato in favore della petizione presentata dal principale sfidante di Kenyatta e suo storico oppositore Raila Odinga, che contestava l'esito del voto dell'8 agosto scorso, denunciando brogli. Lo stesso giorno, il presidente Uhuru Kenyatta, esprimendo il proprio "personale disappunto" ha affermato di accettare la decisione della Corte Suprema, anche se, ha affermato, "ha deciso di andare contro la volontà del popolo".

18:19Coni: Malagò, 19/12 cerimonia Collari d’Oro con Gentiloni

(ANSA) - ANCONA, 21 SET - Si terrà il 19 dicembre alla presenza del premier Paolo Gentiloni e del ministro Luca Lotti, e in diretta tv sulla Rai, la cerimonia per l'assegnazione dei Collari d'oro, la massima onorificenza del Coni, ai campioni del mondo delle stagioni passate in cui il riconoscimento non era ancora stato istituito. L'ha annunciato il presidente del Coni Giovanni Malagò, nella conferenza stampa dopo la riunione della giunta, tenutasi ad Ancona. "In quell'occasione - ha detto - inviteremo tutti i campioni del mondo di sport a squadre che non hanno avuto l'onorificenza: la nazionale di calcio del 1982 (Bearzot e Scirea saranno rappresentati da loro familiari), gli atleti della pallavolo e un atleta della pallanuoto". Nello stesso giorno è in programma la messa per gli sportivi, che ''per la prima volta, per motivi logistici, non sarà a San Pietro ma in una chiesa vicina alla nostra sede".

18:12Passa una notte bloccato nel fango, anziano salvato

(ANSA) - PIACENZA, 21 SET - Ha trascorso un giorno e una notte immobile in un canale pieno di acqua e di fango, in attesa che qualcuno lo trovasse. Si è conclusa fortunatamente nel migliore dei modi la disavventura accaduta a un anziano di Piacenza che questa mattina è stato trovato riverso in un canale di campagna vicino al San Rocco al Porto, in provincia di Lodi, a pochi chilometri da Piacenza. L'uomo, ieri mattina, a bordo della sua auto era rimasto impantanato in aperta campagna. Sceso per controllare, appena ha aperto la portiera non si è accorto del canale di fianco e vi è precipitato finendo nella melma e non più in grado di muoversi a causa della caduta. Scattate le ricerche, una pattuglia dei carabinieri, notata la sua vettura abbandonata, si è avvicinata e lo ha trovato ancora vivo. Sul posto i vigili del fuoco di Piacenza e il 118 per riportarlo in salvo. Poi il trasporto con l'ambulanza in ospedale, ma non si troverebbe in pericolo.(ANSA).

18:10Calcio: Moratti, a Inter manca giocatore fantasia

(ANSA) - MILANO - "Oggi nell'Inter non c'è un giocatore che accende la fantasia come succedeva con Recoba. E' una squadra ordinata in cui ognuno fa il suo, forse Perisic ha più classe degli altri ma non c'è un giocatore che sia sorprendente come Recoba. Io lo apprezzavo perché svegliava i miei sogni": lo dice l'ex presidente dell'Inter Massimo Moratti, in un'intervista a Sportitalia. "Mi diverte vedere i giocatori delle altre squadre e capire quali sono interessanti. Certamente - continua l'ex patron - ci sono giocatori giovani italiani come Chiesa e come Verdi che giocano molto bene. Moratti ha parole positive per Mauro Icardi: "Ha lo stile da vero centravanti. Ha tantissime qualità anche umane, non si spaventa ed ha grandi doti umane. Infine l'ex presidente commenta l'introduzione della Var a"La considero una novità positiva. Nel 90% dei casi - spiega - la decisione che viene presa risulta corretto. Purtroppo toglie un po' di emotività ma di certo priva l'arbitro di un elemento di discussione".

18:09Trump su copertina Newsweek, ‘pazzo fuori di testa’

(ANSA) - NEW YORK, 21 SET - "Insane in the membrane": un pazzo fuori di testa, un cervello bacato. Newsweek dedica, con questo titolo, la copertina del suo prossimo numero a Donald Trump. Il presidente americano e' immortalato di profilo, in bianco e nero. Nel sottotitolo il magazine scrive: "Come la destra ha perso la testa, venduto la sua anima e appoggiato Donald Trump".

18:04Moto: Pernat, Rossi in pista? Non avevo dubbi

(ANSA) - GENOVA, 21 SET - "Rossi in pista? Non avevo dubbi". Carlo Pernat, il manager che ha lanciato Rossi nel Motomondiale, risponde così all'ANSA sul via libera per Valentino Rossi nel Gp di Aragon. "Tre settimane fa avevo detto che si sarebbe presentato ad Aragon: Valentino è troppo forte con la testa, senza contare che la frattura era composta e questo ha aiutato - ha spiegato Pernat -, conoscendolo ero sicuro che ci avrebbe provato. Mi ricordo un episodio simile capitato nel '92 con Alex Gramigni: venne investito a 20 giorni dalla prova del Mugello e si ruppe tibia e perone. Con il dottor Costa decidemmo di operarlo subito e alla fine corse al Mugello conquistando 6 punti. Quell'anno poi vinse il Mondiale".

Archivio Ultima ora