Fabio Porta chiede al Governo interventi urgenti e risolutori sulle pensioni Inps in Venezuela

Pubblicato il 05 maggio 2016 da redazione

pensionati-pubblico-italcambio-300x225

ROMA – Mentre la situazione economica in Venezuela continua a destare preoccupazione e molti nostri connazionali ne soffrono le conseguenze, i Ministeri competenti italiani non hanno ancora sciolto il nodo delle pensioni INPS erogate nel Paese latinoamericano.

Per questo motivo ho appena presentato una interrogazione in Commissione Lavoro della Camera dei Deputati per sollecitare il ripristino delle prestazioni non contributive sulle pensioni erogate dall’Inps in Venezuela, per dare un senso e una dignità al lavoro e all’esistenza di tanti nostri sfortunati concittadini.

Ho presentato la mia interrogazione, che dovrà essere presto discussa in Commissione Lavoro e alla quale il Governo dovrà dare una risposta precisa e spero positiva, dopo aver appreso della nuova evoluzione del sistema dei cambi valutari in Venezuela che potrebbe aver determinato la sospensione, speriamo temporanea, del processo di verifica e valutazione da parte dei Ministeri italiani competenti, teso a trovare una soluzione al problema delle pensioni Inps.

Forte è il timore che il percorso avviato dal concerto delle istituzioni – Ministeri ed Inps -interessate alla soluzione del problema è stato interrotto per consentire una valutazione più attenta dei nuovi rapporti di cambio, della possibilità di utilizzare il cambio più favorevole e dei relativi costi.

I due nuovi cambi valutari in Venezuela sono il DIPRO (utilizzato dal governo per le importazioni dei prodotti di prima necessità): per un dollaro americano ci vogliono circa 10 bolívares; e il DICOM (altro cambio ufficiale ma libero e fluttuante per tutte le altre importazioni) che dopo la sua introduzione lo scorso 10 marzo si è svalutato considerevolmente, tanto è vero che attualmente (ma la situazione è in continua ed imprevedibile evoluzione) ci vogliono circa 350 bolívares per ogni dollaro americano.

Il DICOM è il quarto sistema di cambio valutario fluttuante dal 2013 e visto l’alto tasso di inflazione che sta progressivamente manifestandosi in Venezuela, non sarà semplice mantenere la sua stabilità.

Personalmente ho contattato – per l’ennesima volta – i Ministeri degli Affari Esteri e dell’Economia per sollecitare la “quadratura del cerchio”, pur essendo consapevole della confusione e dell’instabilità valutaria che non agevolano la ricerca di una soluzione.

Continuo a ritenere tuttavia che, al di là delle difficoltà tecniche, se si trova la volontà politica fondata sulla consapevolezza dell’estrema ristrettezza economica in cui versano i nostri connazionali pensionati in Venezuela, una soluzione soddisfacente si possa trovare.

Nella mia interrogazione quindi ho ribadito che la comunità italiana in Venezuela chiede da tempo allo Stato italiano di considerare una priorità l’adozione di un sistema di cambio per le pensioni pagate in Venezuela che non penalizzi i nostri pensionati ivi residenti e che tenga conto del reale potere d’acquisto del bolivar, delle pensioni e dei redditi venezuelani artificialmente rivalutati negli ultimi anni dal Governo venezuelano e dell’elevato tasso di inflazione anch’esso causa di una crescente sopravvalutazione del tasso di cambio reale.

Ho ricordato al Governo che le pensioni pagate in Venezuela sono diminuite da 6.096 nel 2010 a 4.713 nel 2014, e continuano a diminuire sia nel numero che nell’importo, per un risparmio da parte dell’Inps di circa 15 milioni di euro in pochi anni – sono senz’altro presenti quindi i margini non solo umani ma anche economici per venire incontro alle legittime richieste dei nostri connazionali residenti in quel Paese.

Ho infine chiesto quali iniziative urgenti il Governo intenda intraprendere per dare un segnale di solidarietà e di attenzione, e quindi una risposta urgente, definitiva e soprattutto positiva, alle drammatiche istanze dei nostri connazionali pensionati italiani residenti in Venezuela considerato che i costi dell’adozione del cambio DICOM ai fini del ripristino delle prestazioni non contributive agli aventi diritto, non comporterebbe per lo Stato italiano un onere eccessivo e rafforzerebbe i già ottimi rapporti politici, economici, sociali ed umani dell’Italia con il Paese latinoamericano.

(Fabio Port/Deputato eletto per il Pd nella ripartizione dell’America Meridionale, presidente del Comitato permanente Italiani nel mondo della Camera)

Ultima ora

00:22Omicidio a Reggio Calabria, ucciso tabaccaio

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 25 MAG - Un commerciante, Bruno Ielo, di 66 anni, titolare di una rivendita di tabacchi, è stato ucciso stasera in un agguato a Catona, frazione di Reggio Calabria. Secondo quanto ricostruito dalla polizia di Stato, Ielo, mentre rientrava a casa alla guida del proprio scooter, sarebbe stato affiancato da un automezzo con a bordo almeno due persone che gli hanno sparato contro alcuni colpi di pistola. La morte del commerciante é stata istantanea. Ielo, nel momento dell'agguato, stava tornando a casa dopo avere chiuso la rivendita di tabacchi che gestiva nel quartiere Gallico. Il commerciante era preceduto in auto da una delle figlie. Tra le prime ipotesi avanzate dagli investigatori quella di un tentativo di rapina per sottrargli l'incasso della giornata. Ielo era armato ma non ha fatto in tempo a prendere la pistola per difendersi. Già lo scorso anno il commerciante aveva subito un tentativo di rapina ed anche in quell'occasione era stato fatto segno da alcuni colpi d'arma da fuoco.

23:53Moto:paura per Valentino Rossi, incidente in motocross

(ANSA) - RIMINI, 25 MAG - Paura per Valentino Rossi rimasto vittima di un incidente durante un allenamento in motocross nella pista di Cavallara. Nulla di grave comunque per il pilota di Tavullia che avrebbe rimediato un trauma cranico e toracico addominale. Valentino è cosciente e parla ma i medici dell'Ospedale 'Infermi' di Rimini hanno comunque deciso di tenerlo in osservazione nel Reparto di rianimazione ma solo per motivi di privacy e riservatezza. Ci sono con lui i genitori.

23:05Moglie uccisa a bastonate,rinvio a giudizio per Cagnoni

(ANSA) - RAVENNA, 25 MAG - E' stata depositata la richiesta di rinvio a giudizio per Matteo Cagnoni, il dermatologo 52enne di Ravenna, accusato di aver ucciso a bastonate la moglie Giulia Ballestri,di 39 anni. Le ipotesi di reato formulate dalla procura sono omicidio pluriaggravato da premeditazione, crudeltà e dall'avere agito nei confronti del coniuge, e l'occultamento di cadavere nella cantina della villa dove è stato compiuto il delitto. Matteo Cagnoni é in carcere dal 19 settembre scorso, giorno del fermo a Firenze, con l'accusa di avere ucciso tre giorni prima a bastonate in una villa di famiglia di Ravenna, da tempo disabitata, la moglie. Secondo quanto contestato dai Pm Alessandro Mancini e Cristina D'Aniello sulla base delle indagini della polizia, la premeditazione sul delitto la si può dedurre in particolare da due elementi: sin dal 14 settembre Cagnoni aveva dato disposizione alla segreteria della clinica di Bologna dove prestava attività ambulatoriale, di annullare tutti gli appuntamenti per il 16, giorno del delitto.

21:44Calcio: Prandelli riparte da Emirati, nuovo tecnico Al-Nasr

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - Cesare Prandelli ricomincia dagli Emirati Arabi. L'ex ct azzurro sarà infatti il nuovo tecnico dell'Al Nasr. Lo ha ufficializzato il club sul suo sito, facendo sapere che la presentazione avverrà lunedì prossimo, con una conferenza stampa. Prandelli è reduce dalla sfortunata esperienza nella Liga sulla panchina del Valencia, terminata con la risoluzione contrattuale dopo pochi mesi. Prandelli è il secondo tecnico italiano a sedersi sulla panchina dell'Al-Nasr dopo Walter Zenga (2011-2013).

21:34Usa: corte appello Virginia conferma blocco ‘bando’

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Una corte di appello federale della Virginia si è rifiutata di reintrodurre il 'bando' sugli ingressi in Usa da alcuni Paesi musulmani voluto dal presidente Donald Trump, mantenendo quindi il blocco al provvedimento anche nella seconda stesura presentata dall'amministrazione Usa. La vicenda è così a questo punto diretta alla Corte Suprema.

21:20Usa: corte appello Virginia conferma blocco ‘bando’

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Una corte di appello federale della Virginia si è rifiutata di reintrodurre il 'bando' sugli ingressi in Usa da alcuni Paesi musulmani voluto dal presidente Trump, mantenendo quindi il blocco al provvedimento anche nella seconda stesura presentata dall'amministrazione Usa. La vicenda è così a questo punto diretta alla Corte Suprema.

21:15Manchester: Cnn, kamikaze forse addestrato in Siria

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Il kamikaze autore della strage a Manchester, Salman Abedi, ha con tutta probabilità ricevuto addestramento dall'Isis in Siria nei mesi precedenti all'attacco, stando ad informazioni raccolte nella fase preliminare dell'inchiesta. Lo riferisce la Cnn citando fonti Usa.

Archivio Ultima ora