Fabio Porta chiede al Governo interventi urgenti e risolutori sulle pensioni Inps in Venezuela

Pubblicato il 05 maggio 2016 da redazione

pensionati-pubblico-italcambio-300x225

ROMA – Mentre la situazione economica in Venezuela continua a destare preoccupazione e molti nostri connazionali ne soffrono le conseguenze, i Ministeri competenti italiani non hanno ancora sciolto il nodo delle pensioni INPS erogate nel Paese latinoamericano.

Per questo motivo ho appena presentato una interrogazione in Commissione Lavoro della Camera dei Deputati per sollecitare il ripristino delle prestazioni non contributive sulle pensioni erogate dall’Inps in Venezuela, per dare un senso e una dignità al lavoro e all’esistenza di tanti nostri sfortunati concittadini.

Ho presentato la mia interrogazione, che dovrà essere presto discussa in Commissione Lavoro e alla quale il Governo dovrà dare una risposta precisa e spero positiva, dopo aver appreso della nuova evoluzione del sistema dei cambi valutari in Venezuela che potrebbe aver determinato la sospensione, speriamo temporanea, del processo di verifica e valutazione da parte dei Ministeri italiani competenti, teso a trovare una soluzione al problema delle pensioni Inps.

Forte è il timore che il percorso avviato dal concerto delle istituzioni – Ministeri ed Inps -interessate alla soluzione del problema è stato interrotto per consentire una valutazione più attenta dei nuovi rapporti di cambio, della possibilità di utilizzare il cambio più favorevole e dei relativi costi.

I due nuovi cambi valutari in Venezuela sono il DIPRO (utilizzato dal governo per le importazioni dei prodotti di prima necessità): per un dollaro americano ci vogliono circa 10 bolívares; e il DICOM (altro cambio ufficiale ma libero e fluttuante per tutte le altre importazioni) che dopo la sua introduzione lo scorso 10 marzo si è svalutato considerevolmente, tanto è vero che attualmente (ma la situazione è in continua ed imprevedibile evoluzione) ci vogliono circa 350 bolívares per ogni dollaro americano.

Il DICOM è il quarto sistema di cambio valutario fluttuante dal 2013 e visto l’alto tasso di inflazione che sta progressivamente manifestandosi in Venezuela, non sarà semplice mantenere la sua stabilità.

Personalmente ho contattato – per l’ennesima volta – i Ministeri degli Affari Esteri e dell’Economia per sollecitare la “quadratura del cerchio”, pur essendo consapevole della confusione e dell’instabilità valutaria che non agevolano la ricerca di una soluzione.

Continuo a ritenere tuttavia che, al di là delle difficoltà tecniche, se si trova la volontà politica fondata sulla consapevolezza dell’estrema ristrettezza economica in cui versano i nostri connazionali pensionati in Venezuela, una soluzione soddisfacente si possa trovare.

Nella mia interrogazione quindi ho ribadito che la comunità italiana in Venezuela chiede da tempo allo Stato italiano di considerare una priorità l’adozione di un sistema di cambio per le pensioni pagate in Venezuela che non penalizzi i nostri pensionati ivi residenti e che tenga conto del reale potere d’acquisto del bolivar, delle pensioni e dei redditi venezuelani artificialmente rivalutati negli ultimi anni dal Governo venezuelano e dell’elevato tasso di inflazione anch’esso causa di una crescente sopravvalutazione del tasso di cambio reale.

Ho ricordato al Governo che le pensioni pagate in Venezuela sono diminuite da 6.096 nel 2010 a 4.713 nel 2014, e continuano a diminuire sia nel numero che nell’importo, per un risparmio da parte dell’Inps di circa 15 milioni di euro in pochi anni – sono senz’altro presenti quindi i margini non solo umani ma anche economici per venire incontro alle legittime richieste dei nostri connazionali residenti in quel Paese.

Ho infine chiesto quali iniziative urgenti il Governo intenda intraprendere per dare un segnale di solidarietà e di attenzione, e quindi una risposta urgente, definitiva e soprattutto positiva, alle drammatiche istanze dei nostri connazionali pensionati italiani residenti in Venezuela considerato che i costi dell’adozione del cambio DICOM ai fini del ripristino delle prestazioni non contributive agli aventi diritto, non comporterebbe per lo Stato italiano un onere eccessivo e rafforzerebbe i già ottimi rapporti politici, economici, sociali ed umani dell’Italia con il Paese latinoamericano.

(Fabio Port/Deputato eletto per il Pd nella ripartizione dell’America Meridionale, presidente del Comitato permanente Italiani nel mondo della Camera)

Ultima ora

00:00Calcio: Ronaldinho si ritira, partita d’addio dopo Mondiali

(ANSA-AP) - SAN PAOLO (BRASILE), 16 GEN - Il fratello e agente del vincitore del Pallone d'Oro 2005, Roberto Assis, ha dichiarato che Ronaldinho lascia il calcio professionistico. Assis ha detto che la partita d'addio del fratello, che oggi ha 37 anni, molto probabilmente verrà disputata dopo la fine della Coppa del mondo in Russia, prevista il 15 luglio. Nel luglio dell'anno scorso, Ronaldinho, al termine di una partita-esibizione disputata in Cecenia, dichiarò che ormai si sentiva troppo vecchio per un certo tipo di calcio. 'Ronnie' aveva disputato l'ultima partita da professionista nel 2015, in Brasile, con la maglia del Fluminense. Nel corso della carriera ha vinto un titolo mondiale, nel 2002, una Champions con il Barcellona nel 2006 e il Pallone d'Oro. Ha pure giocato in Italia, con la maglia del Milan.

23:14Usa tagliano metà fondi all’agenzia Onu per i palestinesi

(ANSA) - WASHINGTON, 16 GEN - L'amministrazione Trump ha annunciato oggi di aver tagliato 65 dei 125 milioni di dollari destinati alla Unrwa, l'agenzia dell'Onu che assiste i profughi palestinesi. Lo rende noto il dipartimento di stato Usa in una lettera nella quale chiede all'agenzia un "riesame fondamentale" della sua attività. I restanti 60 milioni saranno erogati per impedire che l'Unrwa finisca il cash entro fine mese e chiuda. Era stato il presidente Donald Trump a minacciare il taglio dei fondi ai palestinesi se non fossero tornati al tavolo dei negoziati di pace con Israele.

23:03Basket: Dinamo crolla a Montecarlo, 87-55 per Monaco

(ANSA) - SASSARI, 16 GEN - La Dinamo Banco di Sardegna Sassari si arrende all'evidenza e cede il passo alla Salle Gaston-Medecin Arena di Montecarlo allo schiacciasassi As Monaco, capolista del girone a punteggio pieno, che conclude la "passeggiata" contro i ragazzi di Federico Pasquini con un eloquente 87-55. Dopo l'eliminazione dalla Coppa Italia, la sconfitta odierna complica il cammino del Banco anche in Europa. Un vero peccato, perché Sassari nel primo quarto ha illuso i suoi tifosi, chiudendo sotto solo di un punto: 18-17. Ma poi l'offensiva monegasca si è fatta insostenibile e il 24-8 parziale del secondo quarto ha messo fine a ogni discorso. Domani la squadra raggiungerà Cantù dove i biancoblù prepareranno il match della prima giornata di ritorno di campionato, in programma sabato sera.

23:02Trump: il caso dei Dreamer finisce alla Corte suprema

(ANSA) - NEW YORK, 16 GEN - La vicenda dei cosiddetti 'Dreamer' negli Stati Uniti finisce davanti alla Corte suprema. In una rara decisione l'amministrazione Trump ha infatti deciso di scavalcare la Corte d'appello e di chiedere l'intervento del massimo organo del sistema giudiziario americano. Questo dopo che un giudice federale della California giorni fa ha fermato lo smantellamento voluto da Trump del programma per proteggere gli immigrati entrati irregolarmente negli Stati Uniti quando erano minorenni. Uno stop che ha costretto l'amministrazione a ripristinare il programma che è stato introdotto dall'amministrazione Obama.

22:42Banca Marche: Bankitalia parte civile nel processo per crac

(ANSA) - ANCONA, 16 GEN - La Banca d'Italia sarà parte civile nel procedimento ad Ancona per il crac da un miliardo di euro della vecchia Banca Marche contro 16 ex manager dell'istituto di credito. Al termine di un'udienza fiume terminata in serata il gup di Ancona Carlo Cimini ha ammesso, insieme a Bankitalia, oltre 2.800 parti civili tra cui azionisti, obbligazionisti che hanno visto azzerati i valori dei titoli, rappresentati da varie associazioni di consumatori tra cui Unione nazionale consumatori (2.683 assistiti), Adusbef, Adiconsum e Federconsumatori. Il giudice ha accolto la richiesta di chiamata in causa come responsabile civile della vecchia BM in liquidazione che, a sua volta, aveva avviato un'azione civile contro il vecchio management. Non sarà responsabile civile invece Ubi Banca che ha acquisito la Nuova Banca Marche nata dopo la risoluzione del vecchio istituto di credito. Il gup ha rinviato al 13 febbraio e ha fissato diverse udienze fino al 27 marzo quando dovrebbe emettere la sentenza.

22:38Verme in Coca Cola, 12enne ricoverata ad Andria

(ANSA) - ANDRIA, 16 GEN - Una ragazzina di 12 anni è ricoverata in osservazione all'ospedale 'Bonomo" di Andria dopo avere bevuto una Coca Cola da una lattina ed essersi accorta di avere in bocca un verme. "La bambina sta bene - sottolinea il responsabile del presidio ospedaliero, Stefano Porziotta - e viene tenuta in osservazione solo per precauzione". "Stando ad un primo esame macroscopico del verme - aggiunge - non vi sono elementi che destino preoccupazioni ma invieremo il campione all'istituto zooprofilattico di Foggia per approfondimenti da parte di esperti". "La bambina - conclude il medico - non ha avuto né vomito, né diarrea o altri sintomi che possano allarmarci, resterà per qualche ora in ospedale". Intanto, sul posto, sono giunti agenti del commissariato di polizia che, con l'ufficio igiene di Andria e il Sian, il Servizio di igiene degli alimenti e della nutrizione della Puglia, hanno sequestrato la lattina e stanno cercando di individuare il lotto per risalire alla provenienza. (ANSA).

21:55Doping: avvocato Lucioni, “nessuna responsabilità atleta”

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - "Il collegio ha riconosciuto tutte le attenuanti previste dalla normativa, ma non si è sentito di applicare la norma sull'assoluta mancanza di responsabilità, che era quello che chiedevamo in via principale". L'avvocato di Fabio Lucioni, Saverio Sticchi Damiani, ha commentato così la sentenza del Tribunale nazionale antidoping di Nado Italia che ha comminato al difensore del Benevento una squalifica di un anno (4 anni di inibizione per il medico sociale Walter Giorgione) per l'uso del Clostebol. "Dispiace, perché si poteva arrivare a una decisione del genere in tempi meno lunghi e senza illudere il ragazzo - aggiunge il legale - che è rientrato in campo e ora è stato squalificato. Era opportuna una gestione più attenta dei tempi del processo". Sicuro il ricorso in appello: "Andremo avanti, perché questo è uno dei pochi casi nei quali si può davvero escludere completamente la responsabilità dell'atleta".

Archivio Ultima ora