Usa2016: Resa conti tra repubblicani, i big non appoggiano Trump

Pubblicato il 05 maggio 2016 da redazione

FILE -- In this Nov. 22, 1990 file photo, President George Bush poses with soldiers during a stop at an air base in Dhahran, Saudi Arabia. (ANSA/AP Photo/J. Scott Applewhite, File)

FILE — In this Nov. 22, 1990 file photo, President George Bush poses with soldiers during a stop at an air base in Dhahran, Saudi Arabia. (ANSA/AP Photo/J. Scott Applewhite, File)

WASHINGTON. – E’ durato poche ore il tentativo di tregua nella guerra tra l’establishment del partito repubblicano e il ciclone Trump che ha rubato la scena e i consensi: dopo gli appelli all’unità per contenere il trauma del tycoon ormai ‘di fatto’ candidato del Grand Old party alla Casa Bianca, i vertici repubblicani ancora non si danno per vinti e rilanciano, ingaggiando un’ultima disperata battaglia, a partire da un boicottaggio di massa della convention di luglio dove il tycoon che corre solo verso la meta verrà con tutta probabilità ufficialmente incoronato.

Non ci sarà Mitt Romney, portabandiera moderato e già interpellato a più riprese in qualità di ‘saggio’ del partito, che dice così ancora ‘No’ a Donald Trump con un gesto dirompente e una mossa altamente inusuale. L’ex candidato Jeb Bush conferma la sua assenza e anche John McCain sembra determinato a saltare l’appuntamento.

E’ la ‘rivolta dei padri’, tra chi si trincera dietro un eloquente ‘no comment’ facendo un passo indietro come i due ex presidenti Bush che si sfilano da qualsiasi endorsement, e chi rafforza il monito contro il pericolo Trump, come il senatore dell’Arizona e due volte candidato alla presidenza John McCain che vede come conseguenza del tycoon candidato la fine della sua carriera da senatore nello Stato con il 30% dell’elettorato di origini ispaniche.

“La comunità ispanica è stata messa a dura prova – ha detto – e non l’ho mai vista così arrabbiata in 30 anni di carriera politica”. Come a ribadire che la campagna del magnate di New York che tanto parla alla pancia del Paese rischia allo stesso tempo di infliggere all’America e alla sua complessa natura profonde e pericolose ferite.

Di sicuro il partito ne esce malconcio. E non da oggi. Sono mesi che si manovra per fermare il fenomeno Trump, ma con l’unico risultato di guardarsi in uno specchio senza riconoscersi più: sottovalutata la forza dell’urlo antipolitica lanciato dal miliardario, sopravvalutata quella di un establishment rivelatosi incapace di esprimere un’alternativa.

Trump li ha stracciati tutti: dalla ‘giovane promessa’ Marco Rubio, al governatore solido ed affidabile John Kasich, fino all’ultima risorsa in extremis Ted Cruz. Ha fatto tabula rasa, ma adesso cerca di recuperarli uno ad uno, si autoproclama “unificatore” e pur senza cedere troppo – “io non cambio” dice – ripete di volere un vice ‘politico di professione’ e quantifica al 40% la possibilità di sceglierlo tra gli ex rivali per la nomination repubblicana.

Un corteggiamento serrato segnale che oltre l’ostentata sicurezza si cela la consapevolezza che alla fine del partito e dei politici ha bisogno. Anche per finanziare lo sprint finale, visto che emerge qualche cedimento sulla capacità totale di autofinanziamento.

Così nel mettere a punto la squadra per affrontare le elezioni presidenziali la prima nomina di peso è Steven Mnuchin, noto manager nel settore degli investimenti privati, scelto come responsabile finanziario della campagna. Il resto è tutto contro il ‘bersaglio grosso’, Hillary Clinton.

Del resto anche la ex first lady ha già dettato il nuovo tono della sua campagna che vede già come una sfida a due. In queste ore ha lanciato un feroce spot anti-Trump mentre rafforza il monito: “Il rischio è di un presidente fuori controllo”.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

13:12Rigopiano: si cercano tracce cellulari, è corsa contro tempo

(ANSA) - RIGOPIANO (PESCARA), 21 GEN - Nella corsa contro il tempo per salvare le persone intrappolate dalla slavina nell'albergo Rigopiano a Farindola giocano un ruolo-chiave anche le sofisticate tecnologie in uso alla Polizia Scientifica. Analoghe sofisticate apparecchiature vengono utilizzate dalla Guardia di Finanza. Ieri sera il gatto delle nevi è riuscito a portare sul posto le strumentazioni elettroniche che vengono abitualmente utilizzate dalla Polizia per la geolocalizzazione dei cellulari e che sono state posizionate nella mansarda dell'albergo per catturare i segnali provenienti da una lista di undici cellulari forniti dalla squadra mobile di Pescara e appartenenti ai dispersi. Le strumentazioni, nonostante il buio, il freddo e la neve, hanno consentito di individuare il punto preciso in cui scavare, dando una traccia preziosa ai soccorsi.

13:02May, Trump riconoscerà importanza e significato Nato

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - La premier britannica Theresa May è convinta che il neo presidente degli Stati Uniti Donald Trump "riconosce l'importanza ed il significato della Nato" e "della cooperazione che abbiamo in Europa per garantire la nostra difesa e sicurezza collettiva". In una intervista al Financial Times, May, attesa il mese prossimo a Washington per un incontro con Trump, conferma di puntare ad un ampio accordo commerciale Gb-Usa per il dopo Brexit, ma non condivide con il tycoon l'ipotesi che l'Ue possa in futuro disintegrarsi.

13:00Bus ungherese: Alfano, profondo dolore, vicinanza a vittime

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - "Ho appreso con profondo dolore la notizia del terribile incidente di un pullman ungherese sulla A4, a causa del quale hanno perso la vita sedici giovani studenti". Lo ha dichiarato in una nota il ministro degli Esteri, Angelino Alfano. "Esprimo solidarietà e forte vicinanza del governo italiano alle autorità ungheresi, ai familiari delle vittime, ai feriti, confidando per questi ultimi in una pronta guarigione", ha aggiunto il ministro.

13:00Bus ungherese: Alfano, profondo dolore, vicinanza a vittime

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - "Ho appreso con profondo dolore la notizia del terribile incidente di un pullman ungherese sulla A4, a causa del quale hanno perso la vita sedici giovani studenti". Lo ha dichiarato in una nota il ministro degli Esteri, Angelino Alfano. "Esprimo solidarietà e forte vicinanza del governo italiano alle autorità ungheresi, ai familiari delle vittime, ai feriti, confidando per questi ultimi in una pronta guarigione", ha aggiunto il ministro.

12:56Morto Renato Buzzonetti, per 30 anni medico dei Papi

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 21 GEN - E' morto questa notte a Roma all'età di 92 anni il dottor Renato Buzzonetti, che dal 1978 era stato medico di san Giovanni Paolo II e di Benedetto XVI. Lo rendono noto l'Osservatore Romano su Twitter e la Radio Vaticana sul suo sito. Nato a Roma il 23 agosto 1924, Buzzonetti era andato in pensione nel giugno 2009. Per ventisei anni medico principale di Karol Wojtyla, per quattro di Joseph Ratzinger e, prima, del beato Paolo VI, come secondo del dottor Mario Fontana, e di Albino Luciani. Benedetto XVI gli aveva concesso il titolo onorifico di archiatra pontificio emerito.

12:54Sci: cdm, Lindsey Vonn vince discesa Garmisch-Partenkirchen

(ANSA) - GARMISCH-PARTENKIRCHEN (GERMANIA), 21 GEN - La statunitense Lindsey Vonn ha vinto la discesa di coppa del mondo di Garmisch-Partenkirchen, cogliendo la sua vittoria n.77 in coppa del mondo: mai una donna era riuscita a tanto. Inoltre, la campionessa Usa era solo alla seconda gara dopo il suo rientro alle competizioni a causa di un paio di incidenti che l'hanno tenuta bloccata per quasi un anno. Vonn - 32 anni, tre titoli mondiali, un oro olimpico e quattro coppe del mondo - ha chiuso con il tempo di 1.43.41, precedendo la svizzera Lara Gut in 1.43.56 e la tedesca VIktoria Rebensburg in 1.43.89. Miglior azzurra e' stata Sofia Goggia, quinta in 1.44.29.

12:48Rigopiano: estratto altro cadavere, vittime salgono a 5

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Il cadavere di un uomo è stato recuperato dai soccorritori sotto le macerie dell'albergo di Rigopiano: si tratta del terzo corpo senza vita estratto tra la notte e stamani: il bilancio ufficiale delle vittime sale dunque a cinque. Nel frattempo i Vigili del Fuoco percepiscono altri segnali sotto la neve e le macerie: "stiamo verificando, potrebbero essere persone vive, ma anche le strutture dell'albergo che si muovono sotto il peso nella neve", ha spiegato il dirigente Alberto Maiolo al centro operativo di Penne.

Archivio Ultima ora