Usa2016: Resa conti tra repubblicani, i big non appoggiano Trump

Pubblicato il 05 maggio 2016 da redazione

FILE -- In this Nov. 22, 1990 file photo, President George Bush poses with soldiers during a stop at an air base in Dhahran, Saudi Arabia. (ANSA/AP Photo/J. Scott Applewhite, File)

FILE — In this Nov. 22, 1990 file photo, President George Bush poses with soldiers during a stop at an air base in Dhahran, Saudi Arabia. (ANSA/AP Photo/J. Scott Applewhite, File)

WASHINGTON. – E’ durato poche ore il tentativo di tregua nella guerra tra l’establishment del partito repubblicano e il ciclone Trump che ha rubato la scena e i consensi: dopo gli appelli all’unità per contenere il trauma del tycoon ormai ‘di fatto’ candidato del Grand Old party alla Casa Bianca, i vertici repubblicani ancora non si danno per vinti e rilanciano, ingaggiando un’ultima disperata battaglia, a partire da un boicottaggio di massa della convention di luglio dove il tycoon che corre solo verso la meta verrà con tutta probabilità ufficialmente incoronato.

Non ci sarà Mitt Romney, portabandiera moderato e già interpellato a più riprese in qualità di ‘saggio’ del partito, che dice così ancora ‘No’ a Donald Trump con un gesto dirompente e una mossa altamente inusuale. L’ex candidato Jeb Bush conferma la sua assenza e anche John McCain sembra determinato a saltare l’appuntamento.

E’ la ‘rivolta dei padri’, tra chi si trincera dietro un eloquente ‘no comment’ facendo un passo indietro come i due ex presidenti Bush che si sfilano da qualsiasi endorsement, e chi rafforza il monito contro il pericolo Trump, come il senatore dell’Arizona e due volte candidato alla presidenza John McCain che vede come conseguenza del tycoon candidato la fine della sua carriera da senatore nello Stato con il 30% dell’elettorato di origini ispaniche.

“La comunità ispanica è stata messa a dura prova – ha detto – e non l’ho mai vista così arrabbiata in 30 anni di carriera politica”. Come a ribadire che la campagna del magnate di New York che tanto parla alla pancia del Paese rischia allo stesso tempo di infliggere all’America e alla sua complessa natura profonde e pericolose ferite.

Di sicuro il partito ne esce malconcio. E non da oggi. Sono mesi che si manovra per fermare il fenomeno Trump, ma con l’unico risultato di guardarsi in uno specchio senza riconoscersi più: sottovalutata la forza dell’urlo antipolitica lanciato dal miliardario, sopravvalutata quella di un establishment rivelatosi incapace di esprimere un’alternativa.

Trump li ha stracciati tutti: dalla ‘giovane promessa’ Marco Rubio, al governatore solido ed affidabile John Kasich, fino all’ultima risorsa in extremis Ted Cruz. Ha fatto tabula rasa, ma adesso cerca di recuperarli uno ad uno, si autoproclama “unificatore” e pur senza cedere troppo – “io non cambio” dice – ripete di volere un vice ‘politico di professione’ e quantifica al 40% la possibilità di sceglierlo tra gli ex rivali per la nomination repubblicana.

Un corteggiamento serrato segnale che oltre l’ostentata sicurezza si cela la consapevolezza che alla fine del partito e dei politici ha bisogno. Anche per finanziare lo sprint finale, visto che emerge qualche cedimento sulla capacità totale di autofinanziamento.

Così nel mettere a punto la squadra per affrontare le elezioni presidenziali la prima nomina di peso è Steven Mnuchin, noto manager nel settore degli investimenti privati, scelto come responsabile finanziario della campagna. Il resto è tutto contro il ‘bersaglio grosso’, Hillary Clinton.

Del resto anche la ex first lady ha già dettato il nuovo tono della sua campagna che vede già come una sfida a due. In queste ore ha lanciato un feroce spot anti-Trump mentre rafforza il monito: “Il rischio è di un presidente fuori controllo”.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

21:07Governo: Renzi, sosteniamo Gentiloni fino alle elezioni

(ANSA) - ROMA, 20 LUG - "Tutti noi sosteniamo il presidente Gentiloni fino alle elezioni del 2018". Lo ha detto Matteo Renzi presentando il suo libro ai 'Granai'. Tornando poi alle questioni del Pd il segretario Dem ha spiegato che "noi possiamo stare due ore a discutere di coalizione, ma io la coalizione la voglio fare con i cittadini che hanno a cuore l'Italia".

21:06Vaccini: Camera, venerdì 28/7 il voto finale sul dl

(ANSA) - ROMA, 20 LUG - Venerdì 28 luglio, alle 12, si terrà nell'Aula della Camera il voto finale della Camera sul decreto legge sui vaccini. Il testo è stato oggi approvato dall'Aula del Senato. Lo ha deciso la Conferenza dei capigruppo di Montecitorio. L'esame del testo, su cui è scontata l'apposizione della questione di fiducia, avrà inizio da mercoledì.

21:06C.sinistra: Cuperlo, costruirlo ognuno a casa sua ma uniti

(ANSA) - ROMA, 20 LUG - "Per vincere serve un nuovo centrosinistra. Per costruirlo lavoriamo assieme a un vero movimento che quel traguardo sia in grado di rilanciare. Ciascuno dalla sua casa e con le sue convinzioni ma uniti nella volontà di fermare i valori e le ricette della destra". Lo scrive in una nota l'esponente della minoranza Dem Gianni Cuperlo spiegando di leggere così "l'appello di Pisapia a far dialogare ciò che oggi appare diviso". "Non è di altre fratture o scissioni che abbiamo bisogno ma della spinta di tanti - partiti, associazioni, mondo del lavoro e della cultura - per un fronte largo, civico, inclusivo che ci faccia vincere, dalla Lombardia al Lazio e domani nelle elezioni politiche che decideranno il futuro del Paese", conclude.

20:57Migranti: sindaco Lampedusa, parole Kurz da naziskin

(ANSA) - LAMPEDUSA (AGRIGENTO), 20 LUG - "Una dichiarazione del genere me la sarei aspettata da un naziskin, non certo da un rappresentante delle istituzioni di un Paese della Comunità Europea. Evidentemente Kurz non sa neppure quanto è grande Lampedusa, e dimentica che nella nostra isola vivono seimila persone che si sentono europee". Così il sindaco di Lampedusa, Totò Martello, commenta le parole del ministro degli Esteri austriaco Sebastian Kurz sui migranti. "Dalle parole che ho letto - aggiunge il sindaco di Lampedusa - capisco che il ministro Kurz non sa come avvengono gli sbarchi, in quali condizioni vengono soccorsi i migranti che arrivano a Lampedusa, e non sa quanti sforzi compiono quest'isola e i suoi abitanti per l'accoglienza umanitaria".

20:54Calcio: Inter-Schalke, botta e risposta ironico su Twitter

(ANSA) - MILANO, 20 LUG - Botta e risposta su Twitter tra Inter e Schalke 04 che domani in Cina si sfideranno in amichevole. Il club nerazzurro dà appuntamento ai tedeschi: "Siete pronti come lo siamo noi per la Dragon city cup? Ci vediamo domani sera!". Pronta la risposta dello Schalke che, con ironia, ricorda le vittorie sulla squadra nerazzurra: "Certo! Non vediamo l'ora. Ci ricordiamo ancora bene di voi". E infatti i tedeschi sono stati un avversario ostico per l'Inter. Nel 1997 lo Schalke battè ai rigori in finale di Coppa Uefa la squadra allora allenata da Roy Hodgson. Poi, nel 2011, nell'andata dei quarti di Champions, fu un vero tracollo nerazzurro: ko per 5-2 a San Siro.

20:53Calcio: Spagna, convalidato l’arresto del presidente Villar

(ANSA) - MADRID, 20 LUG - Il giudice della Audiencia nacional di Madrid, Santiago Pedraz, ha convalidato l'arresto del presidente della Federcalcio spagnola (Rfef), Angel Maria Villar, e del figlio Gorka, accusati di corruzione e malversazione, disponendo il loro ingresso in carcere. I due Villar erano stati arrestati martedì, in un blitz ordinato dalla Procura anti-corruzione. Con loro erano finiti in manette il presidente e il segretario della federazione di Tenerife, Juan Padron, vicepresidente della Rfef, e Ramon Hernandez Baussou. I quattro arrestati sono stati interrogati oggi dal giudice, che poi ne ha convalidato l'arresto. Sono imputati per appropriazione indebita, truffa, falso, corruzione. Dopo l'arresto del suo presidente, la Rfef aveva rinviato sine die le riunioni previste questa settimana per fissare il calendario della Liga 2017/18. Il ministro dello Sport, Inigo Mendez de Vigo, ha detto che la riunione si svolgerà domani e che il Governo spagnolo impedirà che i guai giudiziari di Villar influiscano sul campionato.

20:51Usa: O. J. Simpson, ‘ho scontato la mia condanna’

(ANSA) - NEW YORK, 20 LUG - "Nulla di tutto questo sarebbe successo se avessi avuto miglior buon senso". Lo afferma O. J. Simpson, l'ex star del football, nel corso dell'udienza davanti alla commissione che deve decidere se concedergli la libertà condizionale. "Sono a un punto della mia vita in cui vorrei trascorrere la maggior parte del tempo con i miei figli e i miei amici. Non mi sono mai lamentato per nove anni, ho scontato la mia condanna". Simpson sta scontando una condanna a a 33 anni di carcere per rapina a mano armata e sequestro di persona. In passato e' stato prosciolto dall'accusa di omicidio della sua ex moglie Nicole e dell'amico Ronald Goldman nel 1994 a Los Angeles, in un processo che ha spaccato l'America tenendo milioni di telespettatori incollati alla tv. E l'udienza per la sua liberta' condizionale segue lo stesso copione: e' trasmessa in diretta da tutte le principali emittenti televisive.

Archivio Ultima ora