Usa2016: Resa conti tra repubblicani, i big non appoggiano Trump

Pubblicato il 05 maggio 2016 da redazione

FILE -- In this Nov. 22, 1990 file photo, President George Bush poses with soldiers during a stop at an air base in Dhahran, Saudi Arabia. (ANSA/AP Photo/J. Scott Applewhite, File)

FILE — In this Nov. 22, 1990 file photo, President George Bush poses with soldiers during a stop at an air base in Dhahran, Saudi Arabia. (ANSA/AP Photo/J. Scott Applewhite, File)

WASHINGTON. – E’ durato poche ore il tentativo di tregua nella guerra tra l’establishment del partito repubblicano e il ciclone Trump che ha rubato la scena e i consensi: dopo gli appelli all’unità per contenere il trauma del tycoon ormai ‘di fatto’ candidato del Grand Old party alla Casa Bianca, i vertici repubblicani ancora non si danno per vinti e rilanciano, ingaggiando un’ultima disperata battaglia, a partire da un boicottaggio di massa della convention di luglio dove il tycoon che corre solo verso la meta verrà con tutta probabilità ufficialmente incoronato.

Non ci sarà Mitt Romney, portabandiera moderato e già interpellato a più riprese in qualità di ‘saggio’ del partito, che dice così ancora ‘No’ a Donald Trump con un gesto dirompente e una mossa altamente inusuale. L’ex candidato Jeb Bush conferma la sua assenza e anche John McCain sembra determinato a saltare l’appuntamento.

E’ la ‘rivolta dei padri’, tra chi si trincera dietro un eloquente ‘no comment’ facendo un passo indietro come i due ex presidenti Bush che si sfilano da qualsiasi endorsement, e chi rafforza il monito contro il pericolo Trump, come il senatore dell’Arizona e due volte candidato alla presidenza John McCain che vede come conseguenza del tycoon candidato la fine della sua carriera da senatore nello Stato con il 30% dell’elettorato di origini ispaniche.

“La comunità ispanica è stata messa a dura prova – ha detto – e non l’ho mai vista così arrabbiata in 30 anni di carriera politica”. Come a ribadire che la campagna del magnate di New York che tanto parla alla pancia del Paese rischia allo stesso tempo di infliggere all’America e alla sua complessa natura profonde e pericolose ferite.

Di sicuro il partito ne esce malconcio. E non da oggi. Sono mesi che si manovra per fermare il fenomeno Trump, ma con l’unico risultato di guardarsi in uno specchio senza riconoscersi più: sottovalutata la forza dell’urlo antipolitica lanciato dal miliardario, sopravvalutata quella di un establishment rivelatosi incapace di esprimere un’alternativa.

Trump li ha stracciati tutti: dalla ‘giovane promessa’ Marco Rubio, al governatore solido ed affidabile John Kasich, fino all’ultima risorsa in extremis Ted Cruz. Ha fatto tabula rasa, ma adesso cerca di recuperarli uno ad uno, si autoproclama “unificatore” e pur senza cedere troppo – “io non cambio” dice – ripete di volere un vice ‘politico di professione’ e quantifica al 40% la possibilità di sceglierlo tra gli ex rivali per la nomination repubblicana.

Un corteggiamento serrato segnale che oltre l’ostentata sicurezza si cela la consapevolezza che alla fine del partito e dei politici ha bisogno. Anche per finanziare lo sprint finale, visto che emerge qualche cedimento sulla capacità totale di autofinanziamento.

Così nel mettere a punto la squadra per affrontare le elezioni presidenziali la prima nomina di peso è Steven Mnuchin, noto manager nel settore degli investimenti privati, scelto come responsabile finanziario della campagna. Il resto è tutto contro il ‘bersaglio grosso’, Hillary Clinton.

Del resto anche la ex first lady ha già dettato il nuovo tono della sua campagna che vede già come una sfida a due. In queste ore ha lanciato un feroce spot anti-Trump mentre rafforza il monito: “Il rischio è di un presidente fuori controllo”.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

19:18Calcio: Strootman rinnova con la Roma fino al 2022

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Kevin Strootman ha rinnovato fino al 30 giugno del 2022 il contratto che lo lega alla Roma. Lo ha reso noto il club vice-campione d'Italia con una nota sul proprio sito. Il 27enne centrocampista olandese, arrivato dal Psv Eindhoven nell'estate del 2013, ha giocato finora 86 partite con la maglia della Roma, segnando 12 gol. "Il rinnovo è una cosa speciale. Voglio vincere qualcosa qui e farò di tutto per riuscirci - è stato il commento di Strootman poco dopo la firma -. Tutta la Roma mi ha sempre sostenuto durante il mio infortunio, anche per questo sono molto felice di restare".

19:17Tennis: Roland Garros, Errani al secondo turno

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Sara Errani ha raggiunto il secondo turno del torneo del Roland Garros. La 30enne romagnola ha sconfitto per 7-6, 6-1 la giapponese Misaki Doi e ora attende la vincente tra la statunitense Jennifer Brady e la francese Kristina Mladenovic. Errani è stata finalista a Parigi nel 2012, semifinalista nel 2013 e nei quarti nel 2014 e 2015.

18:50Terremoto: Lorenzin a Crevalcore, qui per imparare

(ANSA) - BOLOGNA, 29 MAG - "Vedere che questa terra non solo è ripartita ma è andata avanti è un grande segno. Siamo qui per imparare e prendere gli esempi migliori". Così la Ministra della Salute Beatrice Lorenzin, durante l'incontro con cittadini e operatori di oggi pomeriggio alla Casa della Salute delle Terre d'acqua a Crevalcore. All'incontro hanno partecipato Stefano Bonaccini, Presidente della Regione Emilia-Romagna, Palma Costi, Assessore alle attività produttive e ricostruzione post-sisma della Regione, Sergio Venturi, Assessore alle Politiche per la salute della Regione, Luca Rizzo Nervo, Presidente della Conferenza Territoriale Sociale e Sanitaria metropolitana di Bologna, Claudio Broglia, Sindaco di Crevalcore, Chiara Gibertoni, Direttore Generale dell'Azienda USL di Bologna. "Siamo molto grati alla Ministra per la sua visita alla Casa della salute delle Terre d'acqua, che consideriamo una delle nostre migliori esperienze territoriali" ha detto Chiara Gibertoni. (ANSA).

18:46Champions:Barzagli,’noi al top,caccia trofeo più importante’

(ANSA) - TORINO, 29 MAG - "Siamo al top, abbiamo vinto giù due trofei e siamo a caccia della Champions". Andrea Barzagli spinge la Juventus verso "il trofeo più importante", anche se "al triplete non abbiamo mai pensato" perché "scendiamo in campo per vincere ogni gara", dice l'esperto difensore della Juventus. "Il Real è abituato a giocare queste sfide, per loro questa sarà la terza in quattro anni - aggiunge - ma anche noi abbiamo la giusta esperienza e potremo dire la nostra". "Allegri ha detto che non bisogna pensare in negativo? Sappiamo benissimo quanto è prestigioso questo club per quello che è riuscito a fare - prosegue Barzagli -. Ha ragione il mister, ci vuole positività, se siamo arrivati in fondo alla Champions due volte in tre anni vuol dire che ce lo siamo meritati. Questa finale poi dirà quello che siamo e speriamo che tutto il mondo Juve ci trascini".

18:44Usa: arrestato Tiger Woods

(ANSA) - NEW YORK, 29 MAG - Il campione del golf, Tiger Woods, e' stato arrestato in Florida per guida in stato di ebbrezza. Lo riportano i media americani.

18:44E.Letta, voto anticipato sbagliato e incomprensibile

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - "Interrompere la legislatura sarebbe sbagliato e incomprensibile. Ci deve essere una spiegazione al Paese, agli elettori. E' una dinamica bizzarra". Così Enrico Letta bocciando su Corriere.tv l'ipotesi di elezione anticipate. "Sarebbe molto meglio andare al voto a scadenza naturale, condivido pienamente Prodi. Votare a scadenza darebbe un messaggio importante all'Ue, che l'Italia paese normale che vota quando si deve. Invece - conclude - daremmo il messaggio di un Paese ancora arrovellato su giochi politici, senza una legge di stabilità".

18:44L. elettorale: M5S,ora facciamo legge che sia costituzionale

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - "Abbiamo consegnato la nostra proposta di legge elettorale, così come votata dagli iscritti del MoVimento 5 Stelle. Il nostro obiettivo è quello di evitare che i partiti partoriscano l'ennesima legge incostituzionale, dopo il Porcellum e l'Italicum. Adesso chiediamo a tutte le altre forze di assumersi le loro responsabilità davanti ai cittadini. Se lo faranno seriamente, in breve tempo, potremo finalmente dare al Paese, dopo quasi dodici anni, una legge elettorale rispettosa della Costituzione". E' quanto affermano in una nota congiunta i portavoce del MoVimento 5 Stelle, Vito Crimi, Roberto Fico e Danilo Toninelli, componenti della delegazione pentastellata che oggi ha incontrato i rappresentanti del Pd sulla legge elettorale.

Archivio Ultima ora