Atletica: mondiali di marcia al via, Roma aspetta Schwazer

Pubblicato il 06 maggio 2016 da redazione

atletica

ROMA. – Ultima chiamata per Rio. Dall’arco di Costantino alle Terme di Caracalla: 50 chilometri per Alex Schwazer, per sognare un ritorno alle Olimpiadi in extremis dopo 3 anni e mezzo di squalifica per doping. Un ritorno che continua a dividere, basti ascoltare Sandro Damilano, suo coach nell’oro di Pechino e oggi allenatore dei cinesi: “Il regolamento dice che dopo aver scontato la squalifica gli atleti possano rientrare e fin quando c’è va rispettato. Per me non andrebbe più consentito di farli partecipare a Mondiali e olimpiadi”.

Il rientro dell’altoatesino ha diviso anche molti azzurri dell’atletica, ma dopo un faccia a faccia con il presidente Giomi finalmente il chiarimento: “Abbassiamo i toni, torniamo a parlare solo di atletica leggera”, il messaggio dei due capitani, Fabrizio Donato e Nicola Vizzoni.

L’opinione della Iaaf è chiara: “Ha pagato con la squalifica, ha effettuato i test antidoping e ora può essere iscritto”, precisa Jean Gracia, segretario generale della Federazione internazionale di atletica leggera.

Sulla stessa lunghezza d’onda il presidente della Fidal: “Io rispetto tutta la squadra azzurra, chi ha sempre rispettato le regole e chi non le ha rispettate, ha pagato e ora torna”, le parole di Giomi a margine della presentazione (presenti anche gli ambassador della Iaaf, il quattro volte campione olimpico, Robert Korzeniowski e l’olimpionico Jefferson Perez) della due giorni di mondiali di marcia a squadre che sabato e domenica monopolizzerà la Capitale: 423 atleti in rappresentanza di 57 paesi, sabato alle 16 la cerimonia di apertura.

“L’Italia ha una grande tradizione nella marcia – dice Gracia -, Roma è una città fantastica, sarà emozionante per i nostri corridori, siamo felici del percorso proposto dai nostri amici italiani”.

Una manifestazione organizzata dalla Fidal in 4 mesi, a seguito della squalifica della Russia per il doping: “L’abbiamo chiesta – precisa Giomi – perché l’Italia è l’unica nazione ad avervi sempre partecipato e perché per noi la marcia è come una religione”.

Un mondiale a cui la squadra azzurra punta molto, specie nella 50 km maschile dove l’unico qualificato per Rio resta Marco De Luca. “Portare 9 marciatori ai Giochi”, il sogno di Giomi. Tanti i big al via: nella 50 km, Schwazer e gli altri azzurri (Caporaso, De Luca, Giupponi e Tontodonato) se la vedranno con l’australiano Tallent e i veterani Odriozola e Garcia.

Nella 20 km, lo spagnolo Miguel Angel Lopez potrebbe essere sfidato ancora dal cinese Wang Zhen e dal canadese Benjamin Thorne, che oggi ha lanciato la sfida: “Siamo in buone condizioni e contiamo di ottenere un buon risultato”, le parole del bronzo di Pechino 2015.

Nella 20 km donne, intitolata ad Anna Rita Sidoti (sarà proiettato anche video in sua memoria) punta di diamante sarà Eleonora Giorgi: “E’ sempre un onore quando vesto la maglia azzurra, figuratevi nel proprio paese. Faremo il nostro meglio”.

Ultima ora

11:46Salvini, alle elezioni chiederemo voto contro inciucio

(ANSA) - CERNUSCO SUL NAVIGLIO (MILANO), 24 MAG - "Vedo che Renzi e Berlusconi tornano a trovarsi d'accordo, ma pur di far votare gli italiani ci va bene anche quello. La legge elettorale può essere l'anticamera dell'inciucio Pd-FI, quindi chiederemo agli italiani un voto chiaro per evitare questi minestroni". Lo ha detto Matteo Salvini sulla nuova legge elettorale a margine di una appuntamento per le Comunali. Con Berlusconi, ha risposto il leader leghista, "non c'è bisogno di vedersi: stabiliamo la data del voto degli italiani, tutto il resto viene dopo". "Ribadisco quello che dico dal 4 dicembre: dateci una legge elettorale qualsiasi in Parlamento e noi la approviamo". Ma "se si vuole andare a votare in autunno significa che in 15 giorni bisogna votare la legge elettorale, quindi non faremo ostruzionismo, altrimenti si tira a campare", ha concluso.

11:42Sicurezza: Salvini, organizzeremo marcia contro la violenza

(ANSA) - CERNUSCO SUL NAVIGLIO (MILANO), 24 MAG - "Organizzeremo una marcia per la sicurezza, contro la violenza e contro il terrorismo. E lo faremo invitando tutti". Lo ha detto il segretario della Lega, Matteo Salvini, parlando con i giornalisti a margine di un incontro al mercato di Cernusco sul Naviglio (Milano) a sostegno della candidata sindaco Paola Malcangio. Per evitare il rischio terrorismo, secondo Salvini, "non occorrono nuove leggi ma basterebbe far rispettare quelle che ci sono e non sono rispettate". Il segretario della Lega ha ribadito la convinzione che bisogna "controllare tutte le presenze islamiche, regolari e irregolari, verificando chi entra e chi esce", oltre che "blindare i confini" per bloccare le migrazioni.

11:35Trump: “Planet earth first”, messaggio Greenpeace

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - Blitz degli attivisti di Greenpeace, nella tarda serata di ieri nei pressi di San Pietro, alla vigilia dell'incontro tra Papa Francesco e il presidente americano Donald Trump. Alcuni attivisti a bordo di un mezzo sono arrivati su via della Conciliazione, all'altezza di via della Traspontina, e da lì hanno proiettato sulla cupola di San Pietro il messaggio "Planet Earth First". A quanto reso noto dalla Questura, gli agenti della polizia, "tenuto conto della non pericolosità dell'iniziativa, hanno tollerato e tenuto sotto controllo, solo per pochi istanti per poi procedere a loro carico, previa identificazione di tutti i presenti". Complessivamente sono otto gli identificati.

11:18Affiliati autonomi, rampollo clan 15enne li uccide

(ANSA) - NAPOLI, 24 MAG - A soli 15 anni organizza ed esegue l'omicidio di due affiliati del clan 'per dare l'esempio', per punire iniziative che erano state considerate troppo autonome. Un rampollo del clan Amato-Pagano che a Melito di Napoli è stato arrestato dai carabinieri. É lui, hanno accertato i carabinieri, il mandante e autore del duplice omicidio di Alessandro Laperuta e Mohamed Nuvo consumato in un appartamento al 4° piano di Melito il 20 giugno 2016 per "punire" iniziative delle vittime non in linea con la strategia del gruppo camorristico.

11:07Truffe:false esenzioni ticket, 221 denunce in Calabria

(ANSA) - SOVERATO (CATANZARO), 24 MAG - La Guardia di finanza del Comando provinciale di Catanzaro ha denunciato 221 persone che, attraverso la presentazione di false autocertificazioni, hanno indebitamente usufruito di prestazioni sanitarie e acquisto di medicinali a carico del servizio sanitario nazionale. L'attività, svolta dalla tenenza di Soverato, attraverso l'ausilio delle banche dati, è stata attuata con l'acquisizione negli uffici dell'Azienda sanitaria provinciale degli elenchi relativi ai soggetti beneficiari di esenzione ticket. L'incrocio dei dati riportati nelle autocertificazioni con la situazione reddituale di ogni richiedente, ha consentito di individuare indebite esenzioni dal pagamento del ticket sanitario per oltre 50.000 euro. Chi ha illegittimamente fruito dell'esenzione dovrà pagare delle sanzioni amministrative per oltre 150.000 euro, pari al triplo del contributo evaso e restituire il controvalore del beneficio ottenuto.(ANSA).

11:02Calcio: Dunga, Totti? Sempre un passo avanti agli altri

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "Totti? Uno così capisci che è un fuoriclasse da quando è da bambino, ha fatto una carriera stupenda, ha fatto divertire tanto la gente. Ho avuto la possibilità di giocare una volta con lui, in una partita per la festa della Federcalcio, ho conosciuto un ragazzo stupendo. Domenica l'ho visto giocare alcuni minuti. Agli altri ancora servono 4-5 tocchi, lui legge prima le situazioni, a lui basta un tocco". Lo ha detto a Teleradiostereo Carlos Dunga, campione del mondo 2004 col Brasile e ex ct della Selecao. "Totti vede e legge il gioco meglio degli altri, sta sempre avanti rispetto agli altri, fa con semplicità le cose difficili, cosa impossibile per gli altri, è uno di quei campioni che avrebbe trovato spazio nel Brasile, perché non è il Brasile che fa spazio ai campioni, ma sono i campioni che trovano spazio in squadre così. Purtroppo per noi - prosegue Dunga - un fuoriclasse come Totti ora smette, ma restano le emozioni, e per me rimane una maglia che mi ha regalato e che conservo gelosamente".

11:02Cei: Bassetti è il nuovo presidente

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 24 MAGGIO - Il cardinale Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia, è il nuovo presidente della Cei. Lo ha annunciato il cardinale Angelo Bagnasco al termine della messa dell'assemblea generale della Conferenza episcopale italiane. Bassetti era il primo nome nella terna proposta al Papa dai vescovi italiani. Bassetti è nato il 7 aprile 1942 a Popolano di Marradi, in provincia di Firenze ma nella diocesi di Faenza-Modigliana. Il 29 giugno 1966 viene ordinato presbitero. Il 3 luglio 1994 papa Giovanni Paolo II lo elegge vescovo di Massa Marittima-Piombino. Il 21 novembre 1998 viene eletto vescovo di Arezzo-Cortona-Sansepolcro. E' nominato arcivescovo di Perugia-Città della Pieve nel luglio 2009.

Archivio Ultima ora