Atletica: mondiali di marcia al via, Roma aspetta Schwazer

Pubblicato il 06 maggio 2016 da redazione

atletica

ROMA. – Ultima chiamata per Rio. Dall’arco di Costantino alle Terme di Caracalla: 50 chilometri per Alex Schwazer, per sognare un ritorno alle Olimpiadi in extremis dopo 3 anni e mezzo di squalifica per doping. Un ritorno che continua a dividere, basti ascoltare Sandro Damilano, suo coach nell’oro di Pechino e oggi allenatore dei cinesi: “Il regolamento dice che dopo aver scontato la squalifica gli atleti possano rientrare e fin quando c’è va rispettato. Per me non andrebbe più consentito di farli partecipare a Mondiali e olimpiadi”.

Il rientro dell’altoatesino ha diviso anche molti azzurri dell’atletica, ma dopo un faccia a faccia con il presidente Giomi finalmente il chiarimento: “Abbassiamo i toni, torniamo a parlare solo di atletica leggera”, il messaggio dei due capitani, Fabrizio Donato e Nicola Vizzoni.

L’opinione della Iaaf è chiara: “Ha pagato con la squalifica, ha effettuato i test antidoping e ora può essere iscritto”, precisa Jean Gracia, segretario generale della Federazione internazionale di atletica leggera.

Sulla stessa lunghezza d’onda il presidente della Fidal: “Io rispetto tutta la squadra azzurra, chi ha sempre rispettato le regole e chi non le ha rispettate, ha pagato e ora torna”, le parole di Giomi a margine della presentazione (presenti anche gli ambassador della Iaaf, il quattro volte campione olimpico, Robert Korzeniowski e l’olimpionico Jefferson Perez) della due giorni di mondiali di marcia a squadre che sabato e domenica monopolizzerà la Capitale: 423 atleti in rappresentanza di 57 paesi, sabato alle 16 la cerimonia di apertura.

“L’Italia ha una grande tradizione nella marcia – dice Gracia -, Roma è una città fantastica, sarà emozionante per i nostri corridori, siamo felici del percorso proposto dai nostri amici italiani”.

Una manifestazione organizzata dalla Fidal in 4 mesi, a seguito della squalifica della Russia per il doping: “L’abbiamo chiesta – precisa Giomi – perché l’Italia è l’unica nazione ad avervi sempre partecipato e perché per noi la marcia è come una religione”.

Un mondiale a cui la squadra azzurra punta molto, specie nella 50 km maschile dove l’unico qualificato per Rio resta Marco De Luca. “Portare 9 marciatori ai Giochi”, il sogno di Giomi. Tanti i big al via: nella 50 km, Schwazer e gli altri azzurri (Caporaso, De Luca, Giupponi e Tontodonato) se la vedranno con l’australiano Tallent e i veterani Odriozola e Garcia.

Nella 20 km, lo spagnolo Miguel Angel Lopez potrebbe essere sfidato ancora dal cinese Wang Zhen e dal canadese Benjamin Thorne, che oggi ha lanciato la sfida: “Siamo in buone condizioni e contiamo di ottenere un buon risultato”, le parole del bronzo di Pechino 2015.

Nella 20 km donne, intitolata ad Anna Rita Sidoti (sarà proiettato anche video in sua memoria) punta di diamante sarà Eleonora Giorgi: “E’ sempre un onore quando vesto la maglia azzurra, figuratevi nel proprio paese. Faremo il nostro meglio”.

Ultima ora

09:46Calcio: Mondiali 2018, Brasile-Paraguay 3-0

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - Il Brasile ha battuto a San Paolo il Paraguay per 3-0 in una partita del girone sudamericano di qualificazione ai Mondiali 2018. Verdeoro in vantaggio al 33' con Coutinho, raddoppio di Neymar al 63' e terzo gol di Marcelo all'85'. Con la vittoria il Brasile, leader della classifica del girone, si porta a 33 punti, 9 di vantaggio sulla Colombia seconda a 24.

09:43Calcio:Mondiali 2018, Cile-Venezuela 3-1, Sanchez record gol

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - Allo stadio Monumental di Santiago il Cile ha battuto per 3-1 il Venezuela in una partita del girone sudamericano di qualificazione ai Mondiali del 2018. Alexis Sanchez ha aperto le marcature al 4'. Grazie alla rete l'attaccante dell'Arsenal, ex Udinese, ha raggiunto Marcelo Salas a 37 gol come maggior cannoniere di sempre della 'Roja'. Sanchez avrebbe anche potuto scavalcare Salas se il portiere del Venezuela Farinez non gli avesse respinto un rigore al 75'. Sanchez ha comunque poi propiziato anche gli altri due gol del Cile, entrambi segnati da Esteban Paredes al 7' e al 23'. Per il Venezuela ha accorciato le distanze Rondon al 63'.

09:38Mondiali 2018: squalifica Messi, interviene anche Macri

(ANSA) - BUENOS AIRES, 29 MAR - Sulla pesante squalifica di Lio Messi da parte della Fifa si muove anche il presidente argentino Mauricio Macri, che ha definito ''esagerata'' la misura. ''Avergli dato il massimo, tra una e quattro gare... un'esagerazione, speriamo si possa appellare e ridurre questa condanna. E' terribile'', ha commentato il presidente dall'Olanda, dove si trova in visita.

09:38Morti marito e moglie, forse omicidio-suicidio

(ANSA) - NAPOLI, 29 MAR - Un probabile caso di omicidio-suicidio è avvenuto a Santa Maria Capua Vetere (Caserta), in via Della Valle, dove i carabinieri nella notte sono intervenuti rinvenendo sul selciato il corpo senza vita dell'80enne Gennaro Merola: si sarebbe lanciato dal balcone dell'abitazione al primo piano in cui risiedeva. In casa, é stato invece trovato nel letto, il cadavere della moglie, Gerarda Di Pietro di 77 anni. La donna aveva evidenti lesioni al volto causate da un probabile corpo contundente.

09:36Calcio: Mondiali 2018, Ecuador-Colombia 0-2, in gol Cuadrado

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - La Colombia ha battuto l'Ecuador a Quito per 2-0 in una partita del girone sudamericano di qualificazione ai Mondiali del 2018. Le reti sono state segnate dal madridista James Rodriguez al 19' e dallo juventino Juan Cuadrado al 33'. I 'cafeteros' sono così tornati a vincere a Quito, a 2.850 metri di altitudine, dopo oltre 20 anni. L'ultimo successo risaliva infatti all'ottobre 1996 nelle qualificazioni ai Mondiali di Francia 1998 e la nazionale dell'allora ct Francisco 'Pacho' Maturana si era imposta per 1-0 grazie ad un gol di Faustino Asprilla, che vestiva la maglia del Parma.

05:58Trump: Melania padrona di casa a cena con senatori

WASHINGTON - Rara apparizione della first lady Melania Trump in una occasione ufficiale alla Casa Bianca ospitando da padrona di casa una cena con i senatori, sia repubblicani sia democratici. ''E' stato un grande piacere aprire le porte della Casa Bianca agli stImati membri del Senato degli Stati Uniti, insieme con consorti e ospiti'', ha detto intervenendo in apertura dell'evento.

05:54Trump: Clinton rompe silenzio,”su sanita’ vittoria di tutti”

WASHINGTON - ''Una vittoria per tutti gli americani''. Cosi' la ex candidata presidenziale Hillary Clinton ha descritto la mancata approvazione della legge sulla Sanita' dopo che i repubblicani non hanno trovato il consenso e quindi i voti necessari al Congresso provocando cosi' il fallimento della proposta appoggiata dalla Casa Bianca, e si tratta del commento 'piu' politico' che la ex segretario di Stato si e' concessa fino ad ora dopo la sconfitta di novembre con l'elezione di Donald Trump presidente.

Archivio Ultima ora