Allarme Cameron, con Brexit l’Europa rischia la guerra

Pubblicato il 09 maggio 2016 da redazione

cameron

LONDRA. – Se lo spettro di una guerra in Europa, evocato da David Cameron fra le potenziali conseguenze a lungo termine di un’eventuale Brexit, appare (per ora) piuttosto improbabile, concreto e incombente è il rischio che l’ipotetico divorzio di Londra da Bruxelles possa aprire il vaso di Pandora. Con un effetto domino in grado di mettere in discussione, forse, l’intero disegno europeo.

A testimoniarlo è un sondaggio di Ipsos Mori, secondo il quale l’esempio britannico fa proseliti: tanto che anche il 58% degli italiani e il 55% dei francesi, tradizionalmente europeisti, affermano di volere un referendum per decidere del destino dei rispettivi Paesi, dentro o fuori l’Ue, esattamente come quello che si terrà nel regno il 23 giugno.

Sintomo evidente di una generale mancanza d’entusiasmo, commenta il Financial Times. Secondo la stessa rilevazione, del resto, in Germania, Italia, Svezia e Ungheria più della metà degli elettori è convinta che l’eventuale abbandono del Club dei 28 da parte della Gran Bretagna a giugno spingerebbe altri Stati ad accodarsi verso l’uscita.

E gli italiani, spiega Bobby Duffy di Ipsos Mori, risultano oggi i più determinati nel chiedere di poter andare alle urne e avere voce in capitolo anche loro sul dossier, proprio come i sudditi di Sua Maestà. I cittadini della Penisola sembrano essere inoltre diventati fra i più euroscettici: il 48% dichiara fin d’ora di volere il Paese fuori dall’Ue, contro il 41% dei francesi e il 34% dei tedeschi. E se solo il 35% dei britannici prevede che una Brexit sia davvero imminente, la percentuale schizza al 60% fra gli italiani.

Un epilogo che Cameron, dopo aver spalancato in prima persona le porte al referendum per calcoli di politica interna e sperando di tener buoni i molti anti-Ue del suo Paese e del suo partito, è peraltro deciso ora a scongiurare. I sondaggi ufficiali indicano un testa a testa. Quelli ufficiosi, fatti circolare alla City, tendono invece a escludere, salvo sorprese o eventi devastanti dell’ultimo minuto, il divorzio.

Ma lui non vuol più correre rischi. Sceso ormai decisamente in campo per il no alla Brexit nella campagna referendaria, il primo ministro conservatore non esita adesso ad alzare i toni a un mese e mezzo dal voto. Fino a fare aleggiare l’incubo di una nuova guerra nel vecchio continente, qualora Londra scegliesse la via “dell’isolazionismo”. Un passo che metterebbe in crisi non solo i suoi interessi economici, ma soprattutto un equilibrio che in questi decenni è stato garanzia di pace.

Intervenendo in coppia con l’ex ministro degli Esteri laburista David Miliband a una manifestazione, l’inquilino di Downing Street ha ricordato il ruolo fondamentale del progetto e delle istituzioni comunitarie per la riconciliazione fra Paesi combattutisi sanguinosamente nella Prima come nella Seconda Guerra Mondiale. Cameron ha insistito che una Gran Bretagna europea significa non solo un Paese “più prospero”, ma “più forte e più sicuro”.

Caustica la risposta dell’ormai ex sindaco di Londra, Boris Johnson, capofila non ufficiale dei “brexiters”, secondo il quale “non è una cosa seria” ricorrere agli allarmismi. Tanto più che il medesimo “Cameron era pronto fino a qualche mese fa a sostenere la campagna per la Brexit qualora non avesse ottenuto riforme sostanziali da Bruxelles”.

Non solo: Johnson ha anche replicato che “la garanzia di pace e stabilità è arrivata” semmai “dalla Nato”, denunciando come una minaccia per l’Alleanza Atlantica “la pretesa dell’Ue di avere una politica estera e di difesa” autonoma e imputandole la colpa della crisi in Ucraina e nei rapporti con la Russia.

Infine, aggrappandosi all’amato Winston Churchill, al quale ha dedicato una biografia di successo, il biondo Boris ha sentenziato: “Per Churchill l’unione dei Paesi europei aveva sì i suoi meriti, ma la Gran Bretagna non avrebbe mai dovuto farne parte”.

Ultima ora

17:00Calcio: Leicester cerca tecnico, il primo nome è Ancelotti

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Il proprietario di Leicester, Vichai Srivaddhanaprabha, è stato chiaro: dopo il licenziamento di Craig Shakespeare, il club è in cerca di un allenatore di peso, in grado di tirare su la squadra dalle sabbie mobili della bassa classifica. Le 'Volpi' si trovano attualmente al terz'ultimo posto in Premier, davanti solo a Bournemouth e al Crystal Palace. Il primo nome di una lista di tecnici che il patron sta vagliando - secondo quanto riferisce Sport - è quello di Carlo Ancelotti, che ieri sera ha assistito dalla tribuna alla sfida di Champions fra Chelsea e Roma. Difficile che l'ex trainer del Bayern accetti un eventuale incarico, visto che ha sempre dichiarato di non voler prendere alcuna squadra a stagione iniziata. Se Ancelotti rifiutasse, l'alternativa per il proprietario di Leicester sarebbe il gallese Chris Coleman, reduce dalla mancata qualificazione con la Nazionale ai Mondiali. Possibili alternative sono quelle di David Wagner, Huddersfield, Sean Dyche, Burnley, Roy Hodgson, Ryan Giggs o Martin O'Neil.

16:51Malta: ‘bomba su auto azionata da cellulare’

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - La bomba esplosa nell'auto della giornalista maltese, Daphne Caruana Galizia, rimasta uccisa lunedì scorso, 'sarebbe stata azionata grazie ad un cellulare'. Ne sono convinti gli inquirenti che indagano sul delitto stando a quanto scrive il giornale online The Times of Malta. Sono in corso indagini in particolare per capire chi abbia azionato il congegno mortale, dove e quando. Secondo altre fonti citate dal giornale la bomba sarebbe stata posta nella parte inferiore del veicolo sotto il posto del passeggero accanto alla guida. Gli inquirenti sperano anche di essere in grado di poter raccogliere dei dati dal laptop della giornalista pesantemente danneggiato e bruciato in seguito all'esplosione. Inoltre in base al danno subito dall'auto si presume che la bomba contenesse circa mezzo chilo di esplosivo.

16:47Provoca incidenti e inneggia a Isis, arrestato da Cc

(ANSA) - CATANZARO, 19 OTT - Ha provocato una serie di incidenti causando, tra l'altro, il ferimento non grave di due ragazze. E quando ha bloccato l'automobile di cui era alla guida, ha cominciato ad urlare frasi sconnesse riconducibili all'Isis ed a pratiche terroristiche. L'estremismo islamico, comunque, a detta dei carabinieri, non c'entra nulla col comportamento dell'uomo, un trentaduenne di Catanzaro di origini sudamericane in evidente stato di alterazione psicofisica. Nei suoi confronti, così, sono scattati gli arresti domiciliari con l'accusa di danneggiamento e resistenza a pubblico ufficiale. I proprietari dei veicoli danneggiati dal trentaduenne nel corso della sua scorribanda hanno presentato denuncia nei suoi confronti per il risarcimento dei danni subiti. (ANSA).

16:45Cade pietra in S.Croce a Firenze, morto turista

(ANSA) - FIRENZE, 19 OTT - Un turista spagnolo di 52 anni è morto colpito da un elemento architettonico caduto dalla sommità di una navata della Basilica di Santa Croce a Firenze. Inutili i soccorsi del 118 e della polizia municipale.

16:41Torino: revisori, ok a piano rientro ma con qualche riserva

(ANSA) - TORINO, 19 OTT - E' favorevole, ma con qualche riserva, il parere espresso dai revisori dei conti al piano di rientro annunciato nei giorni scorsi dal Comune di Torino per riportare in equilibrio i conti della Città. Nel documento, i revisori si chiedono se tutte le azioni annunciate dall'amministrazione siano realizzabili. Il piano di rientro, da 80 milioni in quattro anni, prevede tagli alla spesa corrente, dismissioni delle partecipate e degli immobili. Ed è proprio su quest'ultimo punto che si soffermano i dubbi dei revisori. Per gli esperti contabili, inoltre, bisogna capire quale sarà l'effetto dei tagli e delle riorganizzazioni previste sul bilancio. E, pur evidenziando che il debito diminuirà, si chiedono se si riuscirà a raggiungere l'equilibrio. Il parere torna anche sul debito di 5 milioni di euro nei confronti della Ream, per il quale la sindaca Appendino è indagata per falso ideologico. E ribadisce che andava inserito nel bilancio 2017.(ANSA).

16:41Maltrattamenti a disabili: chieste condanne di 3 infermiere

(ANSA) - CAGLIARI, 19 OTT - Per i maltrattamenti sui pazienti disabili dell'Aias di Decimomannu (Cagliari) il pubblico ministero Liliana Ledda ha chiesto la condanna a due anni nei confronti delle operatrici sanitarie Sabrina Carta e Elsa Giorgi, e due anni e otto mesi nei confronti della collega Monica Frau. E' approdata davanti alla Gup del Tribunale di Cagliari, Gabriella Muscas, la parte in abbreviato del procedimento penale scaturito dall'indagine della Procura, affidata ai carabinieri del Nas e della sezione di polizia giudiziaria, nei confronti di operatori socio sanitari e infermieri dell'Aias di Decimomannu accusati di aver picchiato e insultato alcuni dei pazienti ricoverati nella struttura che assiste i malati psichici. Altri otto indagati avevano già scelto il patteggiamento, mentre il processo ai vertici del centro Aias si sta celebrando con rito ordinario davanti in Tribunale e vede imputati il direttore amministrativo, Vittorio Randazzo, e la responsabile del centro Sandra Murgia. I due sono accusati di omissioni d'atti d'ufficio in relazione ai maltrattamenti contestati a vari operatori sanitari della struttura. Per quanto riguarda il dibattimento, si è ancora alle fasi iniziali, con l'accusa che sta portando in aula i propri testimoni. Oggi, invece, il pm Ledda ha concluso la requisitoria nell'abbreviato chiedendo la condanna dei tre operatori colpevoli di maltrattamenti verbali. Nelle prossime udienze la parola passerà alle difese e poi ci sarà la sentenza. (ANSA).

16:28Migranti: operatore Hub denuncia, minacciato con pistola

(ANSA) - BOLOGNA, 19 OTT - Un dipendente di una cooperativa sociale, che lavora nell'Hub regionale dei migranti di Bologna, ha denunciato di essere stato avvicinato all'uscita dal centro da un'auto, minacciato da una persona che gli ha puntato contro una pistola e poi ha sparato due colpi in aria. L'episodio è di lunedì sera e la vittima il giorno dopo si è rivolta ai Carabinieri. Sono in corso indagini e al momento non sono chiari i motivi del gesto intimidatorio, che gli investigatori stanno cercando di inquadrare. L'Hub di via Mattei è la struttura visitata da Papa Francesco durante la sua recente visita a Bologna, luogo dove vengono ospitati gli stranieri sbarcati nell'Italia del Sud, prima di essere smistati nei centri in regione. L'operatore, a quanto si apprende un ragazzo di colore, avrebbe riferito che verso le 21.30, quando era uscito dal centro, è stato avvicinato da due auto e che il passeggero di una di queste gli ha puntato contro l'arma. (ANSA).

Archivio Ultima ora