Allarme Cameron, con Brexit l’Europa rischia la guerra

Pubblicato il 09 maggio 2016 da redazione

cameron

LONDRA. – Se lo spettro di una guerra in Europa, evocato da David Cameron fra le potenziali conseguenze a lungo termine di un’eventuale Brexit, appare (per ora) piuttosto improbabile, concreto e incombente è il rischio che l’ipotetico divorzio di Londra da Bruxelles possa aprire il vaso di Pandora. Con un effetto domino in grado di mettere in discussione, forse, l’intero disegno europeo.

A testimoniarlo è un sondaggio di Ipsos Mori, secondo il quale l’esempio britannico fa proseliti: tanto che anche il 58% degli italiani e il 55% dei francesi, tradizionalmente europeisti, affermano di volere un referendum per decidere del destino dei rispettivi Paesi, dentro o fuori l’Ue, esattamente come quello che si terrà nel regno il 23 giugno.

Sintomo evidente di una generale mancanza d’entusiasmo, commenta il Financial Times. Secondo la stessa rilevazione, del resto, in Germania, Italia, Svezia e Ungheria più della metà degli elettori è convinta che l’eventuale abbandono del Club dei 28 da parte della Gran Bretagna a giugno spingerebbe altri Stati ad accodarsi verso l’uscita.

E gli italiani, spiega Bobby Duffy di Ipsos Mori, risultano oggi i più determinati nel chiedere di poter andare alle urne e avere voce in capitolo anche loro sul dossier, proprio come i sudditi di Sua Maestà. I cittadini della Penisola sembrano essere inoltre diventati fra i più euroscettici: il 48% dichiara fin d’ora di volere il Paese fuori dall’Ue, contro il 41% dei francesi e il 34% dei tedeschi. E se solo il 35% dei britannici prevede che una Brexit sia davvero imminente, la percentuale schizza al 60% fra gli italiani.

Un epilogo che Cameron, dopo aver spalancato in prima persona le porte al referendum per calcoli di politica interna e sperando di tener buoni i molti anti-Ue del suo Paese e del suo partito, è peraltro deciso ora a scongiurare. I sondaggi ufficiali indicano un testa a testa. Quelli ufficiosi, fatti circolare alla City, tendono invece a escludere, salvo sorprese o eventi devastanti dell’ultimo minuto, il divorzio.

Ma lui non vuol più correre rischi. Sceso ormai decisamente in campo per il no alla Brexit nella campagna referendaria, il primo ministro conservatore non esita adesso ad alzare i toni a un mese e mezzo dal voto. Fino a fare aleggiare l’incubo di una nuova guerra nel vecchio continente, qualora Londra scegliesse la via “dell’isolazionismo”. Un passo che metterebbe in crisi non solo i suoi interessi economici, ma soprattutto un equilibrio che in questi decenni è stato garanzia di pace.

Intervenendo in coppia con l’ex ministro degli Esteri laburista David Miliband a una manifestazione, l’inquilino di Downing Street ha ricordato il ruolo fondamentale del progetto e delle istituzioni comunitarie per la riconciliazione fra Paesi combattutisi sanguinosamente nella Prima come nella Seconda Guerra Mondiale. Cameron ha insistito che una Gran Bretagna europea significa non solo un Paese “più prospero”, ma “più forte e più sicuro”.

Caustica la risposta dell’ormai ex sindaco di Londra, Boris Johnson, capofila non ufficiale dei “brexiters”, secondo il quale “non è una cosa seria” ricorrere agli allarmismi. Tanto più che il medesimo “Cameron era pronto fino a qualche mese fa a sostenere la campagna per la Brexit qualora non avesse ottenuto riforme sostanziali da Bruxelles”.

Non solo: Johnson ha anche replicato che “la garanzia di pace e stabilità è arrivata” semmai “dalla Nato”, denunciando come una minaccia per l’Alleanza Atlantica “la pretesa dell’Ue di avere una politica estera e di difesa” autonoma e imputandole la colpa della crisi in Ucraina e nei rapporti con la Russia.

Infine, aggrappandosi all’amato Winston Churchill, al quale ha dedicato una biografia di successo, il biondo Boris ha sentenziato: “Per Churchill l’unione dei Paesi europei aveva sì i suoi meriti, ma la Gran Bretagna non avrebbe mai dovuto farne parte”.

Ultima ora

23:47Nuoto:Mondiali, Settebello ko con Croazia, niente semifinale

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - Niente semifinale per il Settebello ai Mondiali di nuoto in corso a Budapest. Nei quarti di finale, gli azzurri sono stati sconfitti dalla Croazia 12-9 (3-2, 5-5, 8-6). Per i croati c'è adesso la Serbia, mentre l'altra semifinale sarà tra Grecia e Ungheria.

21:29Incendi: certo il dolo in roghi sud Sardegna

(ANSA) - CAGLIARI, 25 LUG - Il Corpo Forestale della Sardegna ha già avviato le indagini per risalire ai responsabili degli incendi dolosi appiccati nel sud dell'Isola, nei territori di Quartu Sant'Elena e di Muravera. Nel pomeriggio di oggi la linea spegnimento dell'apparato antincendi regionale è stata infatti messa a dura prova dai due pericolosi eventi in concomitanza. Nel primo erano sei i punti-incendio dolosamente appiccati in rapida sequenza in agro di Quartu, località San Martino e Frapponti. Il secondo incendio è divampato nelle campagne di Muravera e ha proseguito velocemente in direzione del villaggio turistico di Santa Giusta sino a lambirne il perimetro. Il Corpo Forestale ha coordinato le operazioni di spegnimento operando su entrambi gli eventi con sette squadre dello stesso Corpo, sette dell'Agenzia Forestas e 13 di associazioni di volontariato. Assegnati sui due eventi tre elicotteri regionali, uno dell'esercito e un Canadair. Le forze statali competenti in materia di soccorso pubblico e pubblica sicurezza hanno curato l'evacuazione del villaggio turistico. Il sistema antincendi sta continuando a contrastare il fuoco e a monitorare l'insorgere di ulteriori roghi nelle zone delle operazioni. (ANSA).

21:27Calcio: Ederson confessa, ‘ho tumore a testicolo’

(ANSA) - RIO DE JANEIRO, 25 LUG - Il centrocampista brasiliano Ederson Honorato Campos ha reso noto oggi di avere un tumore a un testicolo, scoperto al termine di un esame antidoping. Per potersi curare l'ex laziale, 31 anni, è stato così momentaneamente tolto dalla lista dei giocatori del Flamengo, dove è approdato due anni fa. "Sono triste ma anche tranquillo per il futuro che mi aspetta", ha detto il giocatore in una conferenza stampa a Rio de Janeiro.

21:11Johnny Zingaro, arrestato in appartamento in provincia Siena

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - E' stato arrestato in un appartamento di Taverne d'Arbia, in provincia di Siena, Johhny lo Zingaro. Assieme al latitante sono stati arrestati anche la compagna e alcuni fiancheggiatori. L'operazione è stata svolta da agenti dello Sco della Polizia, delle squadre mobili di Cuneo, Lucca e Siena e dagli uomini del Nucleo investigativo centrale della Polizia Penitenziaria.(ANSA).

20:59Travolta da un’onda, 15enne ungherese muore in Gallura

(ANSA) - OLBIA, 25 LUG - Una ragazza ungherese di 15 anni è morta annegata questo pomeriggio a Costa Paradiso, nel comune di Trinità d'Agultu, in Gallura. La giovane è stata travolta da un'onda mentre si trovava sopra uno scoglio, forse per ammirare lo spettacolo del mare in burrasca a causa del forte vento di maestrale. Il corpo è stato recuperato dall'elicottero dei vigili del fuoco di Sassari con a bordo una equipe medica del 118 che ha tentato di rianimare la 15enne per oltre mezz'ora. Purtroppo per l'adolescente non c'è stato nulla da fare. Sul posto è intervenuta anche una motovedetta della Capitaneria di Porto Torres.

20:53Sesso in cambio di favori, arrestato cc ispettorato lavoro

(ANSA) - LIVORNO, 25 LUG - I carabinieri del Nucleo investigativo di Livorno hanno eseguito, su ordine della Procura livornese, un'ordinanza di custodia cautelare a carico di un sottufficiale dell'Arma che ha comandato il nucleo carabinieri dell'ispettorato del lavoro livornese. Il cc è accusato di avere ottenuto prestazioni sessuali in cambio di favori. Le indagini, spiega una nota della procura, "hanno fatto emergere fatti per i quali viene ipotizzata la sistematica strumentalizzazione dei poteri connessi alla funzione di controllo dell'ispettorato del lavoro per ottenere favori di vario genere ed in particolare prestazioni personali". Il gip Antonio Del Forno ha perciò ritenuto sussistenti gravi indizi di concussione continuata, consumata e tentata e ha emesso l'ordinanza di arresto per il sottufficiale ora in servizio a Firenze: l'uomo si trova ai domiciliari, dopo il trasferimento fuori dalla Toscana. Le indagini proseguono: gli inquirenti non escludono che possano esserci altri casi non ancora venuti alla luce.

20:35Siccità: Regione Calabria chiede stato calamità naturale

(ANSA) - CATANZARO, 25 LUG - La Giunta regionale della Calabria, riunitasi sotto la presidenza di Mario Oliverio, ha chiesto al Governo il riconoscimento dello stato di calamità naturale per la siccità. La decisione dell'esecutivo é stata presa su proposta dello stesso presidente Oliverio. "La siccità - si afferma in una nota dell'ufficio stampa della Giunta - ha già fatto registrare centinaia di migliaia di euro di danni nel settore agricolo".

Archivio Ultima ora