Allarme Cameron, con Brexit l’Europa rischia la guerra

Pubblicato il 09 maggio 2016 da redazione

cameron

LONDRA. – Se lo spettro di una guerra in Europa, evocato da David Cameron fra le potenziali conseguenze a lungo termine di un’eventuale Brexit, appare (per ora) piuttosto improbabile, concreto e incombente è il rischio che l’ipotetico divorzio di Londra da Bruxelles possa aprire il vaso di Pandora. Con un effetto domino in grado di mettere in discussione, forse, l’intero disegno europeo.

A testimoniarlo è un sondaggio di Ipsos Mori, secondo il quale l’esempio britannico fa proseliti: tanto che anche il 58% degli italiani e il 55% dei francesi, tradizionalmente europeisti, affermano di volere un referendum per decidere del destino dei rispettivi Paesi, dentro o fuori l’Ue, esattamente come quello che si terrà nel regno il 23 giugno.

Sintomo evidente di una generale mancanza d’entusiasmo, commenta il Financial Times. Secondo la stessa rilevazione, del resto, in Germania, Italia, Svezia e Ungheria più della metà degli elettori è convinta che l’eventuale abbandono del Club dei 28 da parte della Gran Bretagna a giugno spingerebbe altri Stati ad accodarsi verso l’uscita.

E gli italiani, spiega Bobby Duffy di Ipsos Mori, risultano oggi i più determinati nel chiedere di poter andare alle urne e avere voce in capitolo anche loro sul dossier, proprio come i sudditi di Sua Maestà. I cittadini della Penisola sembrano essere inoltre diventati fra i più euroscettici: il 48% dichiara fin d’ora di volere il Paese fuori dall’Ue, contro il 41% dei francesi e il 34% dei tedeschi. E se solo il 35% dei britannici prevede che una Brexit sia davvero imminente, la percentuale schizza al 60% fra gli italiani.

Un epilogo che Cameron, dopo aver spalancato in prima persona le porte al referendum per calcoli di politica interna e sperando di tener buoni i molti anti-Ue del suo Paese e del suo partito, è peraltro deciso ora a scongiurare. I sondaggi ufficiali indicano un testa a testa. Quelli ufficiosi, fatti circolare alla City, tendono invece a escludere, salvo sorprese o eventi devastanti dell’ultimo minuto, il divorzio.

Ma lui non vuol più correre rischi. Sceso ormai decisamente in campo per il no alla Brexit nella campagna referendaria, il primo ministro conservatore non esita adesso ad alzare i toni a un mese e mezzo dal voto. Fino a fare aleggiare l’incubo di una nuova guerra nel vecchio continente, qualora Londra scegliesse la via “dell’isolazionismo”. Un passo che metterebbe in crisi non solo i suoi interessi economici, ma soprattutto un equilibrio che in questi decenni è stato garanzia di pace.

Intervenendo in coppia con l’ex ministro degli Esteri laburista David Miliband a una manifestazione, l’inquilino di Downing Street ha ricordato il ruolo fondamentale del progetto e delle istituzioni comunitarie per la riconciliazione fra Paesi combattutisi sanguinosamente nella Prima come nella Seconda Guerra Mondiale. Cameron ha insistito che una Gran Bretagna europea significa non solo un Paese “più prospero”, ma “più forte e più sicuro”.

Caustica la risposta dell’ormai ex sindaco di Londra, Boris Johnson, capofila non ufficiale dei “brexiters”, secondo il quale “non è una cosa seria” ricorrere agli allarmismi. Tanto più che il medesimo “Cameron era pronto fino a qualche mese fa a sostenere la campagna per la Brexit qualora non avesse ottenuto riforme sostanziali da Bruxelles”.

Non solo: Johnson ha anche replicato che “la garanzia di pace e stabilità è arrivata” semmai “dalla Nato”, denunciando come una minaccia per l’Alleanza Atlantica “la pretesa dell’Ue di avere una politica estera e di difesa” autonoma e imputandole la colpa della crisi in Ucraina e nei rapporti con la Russia.

Infine, aggrappandosi all’amato Winston Churchill, al quale ha dedicato una biografia di successo, il biondo Boris ha sentenziato: “Per Churchill l’unione dei Paesi europei aveva sì i suoi meriti, ma la Gran Bretagna non avrebbe mai dovuto farne parte”.

Ultima ora

18:42Voucher: Rosato, arrivano quelli per micro imprese

(ANSA) - ROMA, 25 MAG Nella manovrina verrà presentato un emendamento che ripristina il lavoro occasionale (voucher) non solo per le famiglie ma anche per le piccole imprese. Lo ha detto ai cronisti a Montecitorio, il capogruppo del Pd alla Camera, Ettore Rosato. "L'annuncio di Rosato di un emendamento che introduce i voucher per le microimprese significa che il Pd ha deciso di far cadere il Governo", replica in una nota il deputato di MDP Arturo Scotto.

18:20Manchester, ‘Abedi ha costruito bomba da solo’

(ANSA) - LONDRA, 25 MAG - Salman Abedi, l'attentatore di Manchester, avrebbe costruito da solo l'ordigno con cui si è fatto esplodere all'arena. Lo sostiene Sky News citando fonti vicine agli inquirenti secondo cui il giovane britannico potrebbe però aver ricevuto istruzioni su come realizzarla da altri. Intanto si è appreso che Abedi sarebbe volato a Manchester dall'aeroporto di Duesseldorf, ma secondo la polizia tedesca l'attentatore avrebbe soltanto fatto scalo nella città del Nordreno-Westfalia e avrebbe trascorso poco tempo nella zona di transito dell'aeroporto. Il kamikaze di Manchester sarebbe giunto in Germania dall'aeroporto Ataturk di Istanbul pochi giorni prima dell'attacco. Fonti della sicurezza di Ankara, citate da media locali, non precisano però se prima si trovasse in Turchia o abbia solo fatto scalo nella metropoli sul Bosforo.

18:13Cei: Bassetti, serve lavoro, non rubare speranza a giovani

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - Il lavoro per i giovani, l'attenzione alle famiglie, la vicinanza agli ultimi. Il neo presidente Cei, il card. Gualtiero Bassetti, parla delle sue priorità. L'arcivescovo di Perugia che gira con la sua utilitaria per trovare la gente, il pastore che risponde alla crisi con gli Empori della solidarietà, il porporato che, come lui ha detto, si fa guidare "più dalle ragioni del cuore che da quelle dell'intelletto" - "mi sono definito un improvvisatore perché è il contrario di calcolatore" -, per prima cosa lancia "un grido forte" per i giovani. "Nessuno rubi la speranza ai giovani, quando manca il lavoro si toglie la dignità". Il cardinale ha risposto alle domande dei giornalistima si è anche lasciato ad una confidenza sulla sua elezione: "Ero partito confidando sulla mia giovane età...". Sulla politica: "La Chiesa fa riferimento a quella con la 'p' maiuscola". Glissa sul Family Day ("sono temi che affronteremo") ed esalta l'Amoris Laetitia di Papa Francesco: "è un capolavoro, non è opinabile, è magistero".

18:10Calcio: diritti tv, ok bando Serie A

(ANSA) - MILANO, 25 MAG - L'assemblea della Lega Serie A ha deliberato a maggioranza (13 club favorevoli su 20) l'approvazione del bando per la vendita dei diritti tv del campionato per il triennio 2018-2021. Sarà pubblicato domani e il giorno ultimo per le offerte "è fissato prima dell'apertura delle buste dell'asta per i diritti tv Uefa per la Champions", prevista dal 12 giugno, come ha spiegato il subcommissario di Lega, Paolo Nicoletti, senza scendere nei dettagli del bando: "E' una struttura interessante per il mercato".

18:09F1: Marchionne, per vincere Mondiale c’è da lavorare molto

(ANSA) - MARANELLO (MODENA), 25 MAG - Per vincere il Mondiale la Ferrari deve lavorare "molto: l'impegno è quello di sviluppare continuamente la macchina durante la stagione; ogni vettura, anche questa qui di Montecarlo ha dei cambiamenti importanti". Lo ha detto l'ad di Fca e presidente e ad della Ferrari, Sergio Marchionne, a Maranello per l'inaugurazione dei nuovi spazi del Museo Ferrari. Quanto al buon avvio nel Mondiale, con Vettel in testa alla classifica piloti con 104 punti e Raikkonen quarto con 49, ha argomentato, "lo sognavo, è arrivato. E' una squadra veramente brava - ha aggiunto riferendosi al team -: in scuderia finalmente abbiamo dei ragazzi che sono puntati nella direzione giusta, stanno lavorando bene, i piloti ci sono, la macchina c'è, quindi...". La Rossa, ora, è a somiglianza di Marchionne? "No - ha replicato Marchionne - è a somiglianza della Ferrari. Finalmente sta uscendo la vera scuderia. Oggi ha fatto bene, Sebastian è andato veramente bene, vediamo".

18:09Hamas proclama ‘Giornata di collera’

(ANSAmed) - TEL AVIV, 25 MAG - Hamas ha indetto per domani in Cisgiordania una 'Giornata di collera' contro Israele in un gesto di sostegno con lo sciopero della fame ad oltranza intrapreso il 17 aprile scorso - su iniziativa del dirigente di al-Fatah Marwan Barghouti - da un migliaio di palestinesi reclusi in Israele per reati legati alla intifada. In un messaggio di incitamento alla protesta Hamas fa appello ai palestinesi della Cisgiordania a "scontrarsi con gli occupanti israeliani". Da parte sua il quotidiano israeliano Maariv ha appreso che dietro le quinte sono in corso tentativi per mettere fine alla protesta dei detenuti. Da parte palestinese, secondo il giornale, vi prendono parte il capo dell'Intelligence generale Zihad Hab-el-Rih (secondo la grafia ebraica, ndr) e Hussein a-Sheikh, ministro dell'Anp per le questioni civili. Anche lo Shin Bet (il servizio di sicurezza interna di Israele) è coinvolto in questi contatti, secondo i media, nel timore che la protesta dei detenuti dilaghi nei Territori.

18:08Trump, ‘punire i colpevoli di fuga notizie’

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - "Se necessario i colpevoli delle fughe di notizie dovranno essere perseguiti col massimo della pena": lo afferma il presidente americano Donald Trump in una nota. L'Amministrazione di Trump ha intenzione di "andare fino in fondo" sui leaks dell'intelligence americana sulle indagini per l'attentato di Manchester e ha ordinato un'indagine approfondita con l'intenzione di arrivare anche a un'incriminazione. I leaks, ha detto, rappresentano una minaccia. "Le presunte fughe di notizie dalle agenzie governative - afferma Trump - sono molto preoccupanti. Sono andate avanti per molto tempo e la mia amministrazione su questo andrà fino in fondo. La fuga di notizie di informazioni sensibili pone gravi minacce alla nostra sicurezza nazionale". Per questo - prosegue il presidente americano - "sto chiedendo al Dipartimento di giustizia e ad altre agenzie competenti di avviare un'indagine approfondita su questo problema e, se necessario, i colpevoli dovranno essere perseguiti col massimo della pena".

Archivio Ultima ora