Allarme Cameron, con Brexit l’Europa rischia la guerra

Pubblicato il 09 maggio 2016 da redazione

cameron

LONDRA. – Se lo spettro di una guerra in Europa, evocato da David Cameron fra le potenziali conseguenze a lungo termine di un’eventuale Brexit, appare (per ora) piuttosto improbabile, concreto e incombente è il rischio che l’ipotetico divorzio di Londra da Bruxelles possa aprire il vaso di Pandora. Con un effetto domino in grado di mettere in discussione, forse, l’intero disegno europeo.

A testimoniarlo è un sondaggio di Ipsos Mori, secondo il quale l’esempio britannico fa proseliti: tanto che anche il 58% degli italiani e il 55% dei francesi, tradizionalmente europeisti, affermano di volere un referendum per decidere del destino dei rispettivi Paesi, dentro o fuori l’Ue, esattamente come quello che si terrà nel regno il 23 giugno.

Sintomo evidente di una generale mancanza d’entusiasmo, commenta il Financial Times. Secondo la stessa rilevazione, del resto, in Germania, Italia, Svezia e Ungheria più della metà degli elettori è convinta che l’eventuale abbandono del Club dei 28 da parte della Gran Bretagna a giugno spingerebbe altri Stati ad accodarsi verso l’uscita.

E gli italiani, spiega Bobby Duffy di Ipsos Mori, risultano oggi i più determinati nel chiedere di poter andare alle urne e avere voce in capitolo anche loro sul dossier, proprio come i sudditi di Sua Maestà. I cittadini della Penisola sembrano essere inoltre diventati fra i più euroscettici: il 48% dichiara fin d’ora di volere il Paese fuori dall’Ue, contro il 41% dei francesi e il 34% dei tedeschi. E se solo il 35% dei britannici prevede che una Brexit sia davvero imminente, la percentuale schizza al 60% fra gli italiani.

Un epilogo che Cameron, dopo aver spalancato in prima persona le porte al referendum per calcoli di politica interna e sperando di tener buoni i molti anti-Ue del suo Paese e del suo partito, è peraltro deciso ora a scongiurare. I sondaggi ufficiali indicano un testa a testa. Quelli ufficiosi, fatti circolare alla City, tendono invece a escludere, salvo sorprese o eventi devastanti dell’ultimo minuto, il divorzio.

Ma lui non vuol più correre rischi. Sceso ormai decisamente in campo per il no alla Brexit nella campagna referendaria, il primo ministro conservatore non esita adesso ad alzare i toni a un mese e mezzo dal voto. Fino a fare aleggiare l’incubo di una nuova guerra nel vecchio continente, qualora Londra scegliesse la via “dell’isolazionismo”. Un passo che metterebbe in crisi non solo i suoi interessi economici, ma soprattutto un equilibrio che in questi decenni è stato garanzia di pace.

Intervenendo in coppia con l’ex ministro degli Esteri laburista David Miliband a una manifestazione, l’inquilino di Downing Street ha ricordato il ruolo fondamentale del progetto e delle istituzioni comunitarie per la riconciliazione fra Paesi combattutisi sanguinosamente nella Prima come nella Seconda Guerra Mondiale. Cameron ha insistito che una Gran Bretagna europea significa non solo un Paese “più prospero”, ma “più forte e più sicuro”.

Caustica la risposta dell’ormai ex sindaco di Londra, Boris Johnson, capofila non ufficiale dei “brexiters”, secondo il quale “non è una cosa seria” ricorrere agli allarmismi. Tanto più che il medesimo “Cameron era pronto fino a qualche mese fa a sostenere la campagna per la Brexit qualora non avesse ottenuto riforme sostanziali da Bruxelles”.

Non solo: Johnson ha anche replicato che “la garanzia di pace e stabilità è arrivata” semmai “dalla Nato”, denunciando come una minaccia per l’Alleanza Atlantica “la pretesa dell’Ue di avere una politica estera e di difesa” autonoma e imputandole la colpa della crisi in Ucraina e nei rapporti con la Russia.

Infine, aggrappandosi all’amato Winston Churchill, al quale ha dedicato una biografia di successo, il biondo Boris ha sentenziato: “Per Churchill l’unione dei Paesi europei aveva sì i suoi meriti, ma la Gran Bretagna non avrebbe mai dovuto farne parte”.

Ultima ora

01:51Rigopiano:da hotel solo morti,altri 3.Bilancio sale a 9

(ANSA) - PENNE (PESCARA), 24 GEN - Continuano senza sosta le ricerche di superstiti tra le macerie dell'hotel Rigopiano a Farindola che ieri in tarda serata ha restituito 4 cadaveri: uno é della vittima individuata ieri, due sono un uomo e una donna ancora da identificare e l'ultimo é quello di Linda Salzetta, l'estetista del Rigopiano e sorella di Fabio, il tuttofare dell'hotel. Ormai i morti sono nove. E i dispersi sono ancora 20.

23:29Calcio: Coppa Africa, Senegal e Tunisia ai quarti

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Senegal e Tunisia promosse ai quarti della Coppa d'Africa, Zimbabwe e Algeria a casa. Così hanno deciso gli incontri del terzo ed ultimo turno del gruppo B del torneo in corso in Gabon. Il Senegal ha pareggiato 2-2 con l'Algeria ed ha vinto il gruppo. Nei quarti affronterà il Camerun. Spettacolare 2-4 tra Zimbabwe e Tunisia. Quest'ultima, come seconda, incrocerà il Burkina Faso.

22:27Calcio: Niang-Ocampos, idea scambio prestiti fra Milan-Genoa

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - M'Baye Niang al Genoa e Lucas Ocampos al Milan. I due club starebbero lavorando sull'ipotesi di scambiarsi questi giocatori in prestito fino al termine della stagione, e secondo quanto filtra, l'epilogo della vicenda dipende soprattutto dalla volontà dell'attaccante francese, che ha già giocato al Genoa in prestito per sei mesi due stagioni fa, trovando spazio e gol che al Milan gli mancavano. La soluzione è tornata di attualità ora che l'attaccante francese sta vivendo un momento opaco e in rossonero rischia di trovare meno spazio per l'arrivo di Gerard Deulofeu. L'ad del Milan Adriano Galliani nel tardo pomeriggio ha annullato la sua partecipazione alla presentazione del libro di Ruud Gullit perché, secondo quanto filtrato, impegnato in un'operazione di mercato. E l'affare in questione sarebbe proprio lo scambio con il Genoa del suo amico Enrico Preziosi.

22:24Calcio: Rugani, pronti alla rivincita contro il Milan

(ANSA) - TORINO, 23 GEN - "Il passo falso di Firenze ci ha fatto bene, lo abbiamo dimostrato con la Lazio. E ora siamo pronti alla rivincita contro il Milan: le due sconfitte con i rossoneri, in campionato e in Supercoppa, ci hanno lasciato l'amaro in bocca, vogliamo assolutamente vincere". Così Daniele Rugani, che contro i rossoneri dovrebbe giocare dall'inizio, a Jtv, il canale tv bianconero. "Entriamo - ha detto il difensore bianconero - nella fase cruciale della stagione, dobbiamo dimostrare di essere solidi, per continuare a crescere e migliorare. Roma e Napoli sono pericolose, specie i giallorossi che hanno trovato una grande solidità difensiva". "Sappiamo - ha aggiunto Rugani - di dovere crescere, anche tecnicamente, per arrivare in fondo alla Champions: il segreto sta nel mettersi sempre in discussione ed essere a disposizione, poi i risultati arrivano".

22:10Province: Sardegna si ribella a taglio nazionale su risorse

(ANSA) - CAGLIARI, 23 GEN - Il Consiglio nazionale dell'Anci ha già detto che non darà l'intesa al decreto del presidente del Consiglio che taglia circa 60 milioni alle Province sarde e alla Città metropolitana di Cagliari e ora la Regione si prepara alla battaglia arrivando anche a proporre un ricorso se il Dpcm dovesse essere adottato. E' quanto emerso al termine della riunione di questa sera tra l'assessore degli Enti locali Cristiano Erriu, quello della Programmazione, Raffaele Paci, il presidente del Cal Sardegna, Andrea Soddu, il presidente regionale dell'Anci, Pier Sandro Scano, e il sindaco metropolitano di Cagliari, Massimo Zedda. E' stato proprio Zedda, che siede nel Consiglio nazionale dell'Anci, a annunciare la decisione dell'associazione che non dovrebbe dare l'intesa al decreto nella conferenza unificata Stato-Regioni in programma giovedì. "Ci opporremo in tutte le sedi - ha spiegato Erriu - viene a mancare un'importante somma che non permette agli enti locali sardi di espletare le proprie funzioni".

22:09Formazione: deputato Genovese condannato a 11 anni

(ANSA) - MESSINA, 23 GEN - Francantonio Genovese, ex parlamentare del Pd poi passato a Forza Italia, è stato condannato a 11 anni dal tribunale di Messina al processo - che vede altri 22 imputati - scaturito dall'operazione 'Corsi d'oro' sull'uso illecito di finanziamenti erogati dalla Regione siciliana a enti della formazione professionale. Il cognato di Genovese, Franco Rinaldi, ex deputato regionale del Pd e ora di FI, ha avuto una condanna a due anni e mezzo. Tra gli altri condannati anche le sorelle Schirò: Chiara, moglie di Genovese, ha avuto 3 anni e 3 mesi; Elena, moglie di Rinaldi, 6 anni e 3 mesi. Condannato anche l'ex consigliere comunale di Messina Elio Sauta: 6 anni e 6 mesi.

22:00Trump: Marchionne a Casa Bianca, con a.d. Ford e Gm

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GEN - Il presidente Donald Trump riceverà domani alla Casa Bianca gli amministratori delegati di Fca, Ford e General Motors. Lo afferma il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer. Sergio Marchionne, Mark Fields e Mary Barra avranno una colazione con il presidente.

Archivio Ultima ora