Rete Imprese, nel 2015 chiuse 390 aziende al giorno

Pubblicato il 11 maggio 2016 da redazione

crisi-

ROMA. – “Lo scorso anno ogni giorno hanno chiuso 390 imprese, una vera e propria strage” che ha colpito i particolare le pmi, il grido di allarme arriva dal presidente di Rete Imprese Italia, Massimo Vivoli. I problemi principali per le piccole imprese sono la lunga crisi che in Italia che ha bruciato 230 miliardi, colpendo soprattutto la domanda interna, ma anche il fisco che pesa in media il 61% per le aziende più piccole con punte del 70% in alcune zone. E anche gli ultimi provvediemtni, ha spiegato Vivoli, hanno favorito la grande impresa rispetto alle piccole realtà.

Nonostante il contesto avverso, però, le imprese con meno di 10 dipendenti negli ultimi difficili anni hanno continuato a dare il loro contributo all’economia del paese creando, tra il 2011 e il 2015, oltre 375 mila nuovi posti di lavoro.

Un riconoscimento che è arrivato anche dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella in un telegramma inviato all’assemblea di imprenditori: “Le piccole e medie imprese, asse portante della nostra economia, incluse le microimprese, svolgono un ruolo determinante nel favorire l’espansione dell’occupazione e consolidare questi segnali”.

La situazione delle pmi italiane è stata fotografata da una ricerca realizzata da Ref per le associazioni che compongono Rete Imprese: Casartigiani, Cna, Confartigianato, Confcommercio e Confesercenti. Se la fine della crisi sembra ormai arrivata con un ritorno alla crescita del fatturato complessivo, i suoi strascichi pesano ancora sui profitti, nonostante negli ultimi anni si sia fatto un grosso sforzo soprattutto nel campo della ricerca e sviluppo con un incremento del 48% degli addetti rispetto al 2007.

Una voce positiva per la piccola impresa italiana viene dall’internazionalizzazione, ambito in cui le italiane spiccano in Europa con ben 180 mila imprese esportatrici al di sotto dei 50 dipendenti, più di quelle tedesche (158 mila) e francesi (105 mila) nella stessa fascia dimensionale.

Oltre al fisco l’altro tasto dolente è però rappresentato dal credito: lo stock disponibile per le pmi del commercio e turismo si è infatti ridotto di 15 miliardi dal 2011 e di 12 per quelle dell’artiginato, senza contare che in media questo ha un costo del 2,5% superiore.

Proprio per risolvere questi punti dolenti Rete Imprese ha lanciato sei proposte al governo per rilanciare il sistema delle pmi come la riduzione del carico fiscale e burocratico, l’introduzione di sistemi per facilitare il credito e favorire la formazione dei nuovi imprenditori, l’attuazione dello Statuto delle imprese e il lancio di un Jobs act per il lavoro indipendente.

A confermare che la ripresa non ha ancora preso forza sono arrivati anche i dati dell’Istat che a marzo vedono la produzione industriale stabile rispetto al dato di febbraio e in crescita dello 0,5% rispetto a marzo dell’anno precedente. Più confortante il dato elaborato da Confindustria che vede l’attività industriale salire dello 0,4% ad aprile rispetto a marzo.

(di Simone Lupo Bagnacani/ANSA)

Ultima ora

21:59Casaleggio, aiutiamo Di Maio, M5s sia squadra volontari

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "In bocca al lupo a Di Maio. Lo dovremo aiutare tutti assieme perche' dobbiamo essere una squadra di volontari ignoti". Lo afferma Davide Casaleggio dal palco di Italia 5 Stelle. "Dobbiamo aiutare il M5S a cambiare l'Italia senza cercare qualcosa subito ma per cercare di cambiare questa nazione", prosegue Casaleggio ribadendo come su Rousseau saranno fatte le scelte piu' importanti per "creare una smart nation, una nazione intelligente"

21:58Pd: Renzi, o vincono populisti o vinciamo noi

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "O vincono loro, i populisti, quelli che urlano, o vinciamo noi. E per evitare che vincano dobbiamo evitare di rispondere alle provocazioni. Ci insulteranno nei comizi e noi dovremo sorridere di più. Litigheranno in tv e noi dovremo studiare di più. Cercheranno di nascondere i nostri risultati". Lo dice il segretario del Pd Matteo Renzi chiudendo la festa nazionale dell'Unità".

21:47Calcio: Bologna, Donadoni “Nostro 1/o tempo da dimenticare”

(ANSA) - REGGIO EMILIA, 24 SET - Il Bologna si gode la terza vittoria consecutiva nel Mapei stadium. "Nella prima frazione - le parole di Roberto Donadoni - siamo stati un po' remissivi e potevamo far male ai nostri avversari. Nell'intervallo mi sono fatto sentire e nella seconda parte lo spirito è stato diverso. Dobbiamo imparare ad avere più continuità. Okwonkwo? Deve mangiare ancora tanta polvere e imparare l'italiano, sono curioso di sentire la sua intervista a fine partita. Il nostro principale obiettivo è fare un campionato che ci porti a una ragionevole salvezza". Quarta sconfitta nelle ultime cinque partite per il Sassuolo. La posizione di Bucchi sembra salda, anche se la situazione in casa neroverde non è delle migliori. "Né io e nemmeno la squadra - spiega il tecnico - possiamo perdere da soli. Questa è una sconfitta immeritata. Nella prima frazione abbiamo giocato meglio noi, nella ripresa il Bologna è stato meglio del Sassuolo. La partita è stata equilibrata fino all'espulsione di Magnanelli".

21:34Germania: manifestanti anti AfD in piazza, ‘Berlino vi odia’

(ANSA) - BERLINO, 24 SET - Centinaia di manifestanti anti AfD sono scesi in piazza a Berlino vicino al club dove si sono riuniti i leader del partito populista per celebrare il loro ingresso nel Parlamento tedesco dopo il voto in Germania, che li ha premiati terzo partito. Al grido di "Tutta Berlino odia l'AfD", "Nazisti maiali" e altri slogan i dimostranti hanno lanciato alcune bottiglie mentre la polizia li portava fuori dall'edificio. Ore prima i manifestanti avevano organizzato un'altra protesta vicino a Alexanderplatz.

21:24Pezzi intonaco galleria cadono su auto, nessun ferito

(ANSA) - CATANZARO, 24 SET - Pezzi di intonaco della copertura di una galleria sulla statale 280 "Dei due mari", nel territorio del comune di Marcellinara, nel catanzarese, si sono staccati colpendo alcune auto in transito. Secondo quanto riferito dai vigili del fuoco, comunque, non risultano persone ferite. Il distacco è avvenuto nella galleria in direzione Catanzaro. Sul posto sono intervenuti gli agenti della polizia stradale, i tecnici dell'Anas oltre ai vigili del fuoco. La galleria è stata chiusa al traffico e la circolazione deviata sul vecchio tracciato della statale 280 da Marcellinara a Settingiano con conseguenti disagi per la viabilità. I vigili del fuoco sono intervenuti con un'autoscala per eliminare ulteriori parti di intonaco che rischiano di cadere. (ANSA).

20:55Calcio: Serie B, la nuova classifica

(ANSA) - ROMA, 23 SET - Classifica del campionato di calcio di Serie B, dopo il posticipo Cesena-Ascoli (domani Palermo-Pro Vercelli, alle 20,30): Perugia e Frosinone punti 13; Empoli e Carpi 11; Cittadella e Avellino 10; Bari, Palermo e Parma 9; Cremonese 8; Pescara, Salernitana, Venezia e Spezia 7; Brescia, Novara, Entella, Foggia e Ascoli 6; Ternana 5; Cesena 4; Pro Vercelli 2. Brescia, Palermo, Pro Vercelli e Ternana una partita in meno.

20:48Calcio: Cesena-Ascoli 0-2

(ANSA) - CESENA, 24 SET - Vince l'Ascoli, che si risolleva; perde il Cesena, fischiatissimo da tutto il Manuzzi e che adesso riflette su Camplone. Finisce 2-0 per i marchigiani. Tra i romagnoli l'unico pericoloso è Jallow che andrà al tiro in totale cinque volte, ma raramente lo farà con cattiveria. Cacia (salutato affettuosamente dai mille tifosi dell'Ascoli), invece, non riceve un pallone giocabile in area. Mentre i marchigiani già nel primo tempo si rendono pericolosi con la punizione di Buzzegoli e il tiro-cross di Mignanelli, entrambi respinti da Fulignati. Ripresa dello stesso tono: Cesena con un possesso palla prolungato, ma sterile. Senza pericolosità. L'Ascoli tiene e colpisce: all'38' della ripresa è Varela con un gran sinistro ad incrociare a sbloccare il risultato, poi è Baldini di destro a giro al 41' (bella azione corale, cross di Bianchi, assist di Varela e tiro) a chiudere i conti.

Archivio Ultima ora