Trump vola incontrastato. Bernie spina al fianco di Hillary

Pubblicato il 12 maggio 2016 da redazione

Supporters hold their signs up while Democratic presidential candidate, Sen. Bernie Sanders, I-Vt., speaks during a campaign rally on Tuesday, May 10, 2016, in Salem, Ore. (Danielle Peterson/Statesman-Journal via AP)

Supporters hold their signs up while Democratic presidential candidate, Sen. Bernie Sanders, I-Vt., speaks during a campaign rally on Tuesday, May 10, 2016, in Salem, Ore. (Danielle Peterson/Statesman-Journal via AP)

NEW YORK – Mentre il Fondo Monetario Internazionale bacchetta la Germania richiamando l’attenzione sulle mancate riforme per stimolare la crescita, facendo notare che la perdita di dinamismo della “locomotiva” tedesca rallenta la crescita dell’economia dell’Eurozona e mentre il presidente Barack Obama si appresta a realizzare un viaggio storico a Hiroshima, non per chiedere scusa ma per sottolineare i pericoli della proliferazione del nucleare, la campagna elettorale prosegue con i suoi insoliti colpi di scena.

Incontrastato e incontrastabile. Il candidato Donald Trump, ormai, ha la strada tutta in discesa. Solo. Dopo che John Kasich e Ted Cruz hanno gettato la spugna, il “Tycoon” newyorchese deve convincere la “Old Grand Party” che è il candidato “ideale” del partito. Non sarà facile. Il magnate del mattone, infatti, strada facendo perde pezzi. Ad esempio, i due ex presidenti Bush, che hanno affermato pubblicamente che non sosterranno la candidatura di “The Donald”.

La vera sfida di Trump, quindi, è quella di ottenere 1.237 delegati. E’ il numero magico, l’unico capace di assicurargli matematicamente la “nomination” e, quindi, di affrontare la “convention” di luglio senza timori di colpi di scena.

Le risorse economiche del Tycoon cominciano a scarseggiare. Almeno quelle che il magnate aveva in preventivo per questa sua corsa alla “Casa Bianca”. Ma la campagna elettorale è stata più dispendiosa di quanto pensasse. Non c’è altra ragione per l’appello al partito per aiuti finanziari. E’ questo un duro colpo alla attendibilità di Trump che, fino a ieri, si vantava di non essere legato a lobby di potere, poiché la sua era una campagna elettorale “auto-finanziata”. Insomma, che non doveva “vendere l’anima al diavolo”.

Sottovalutato all’inizio dalla “Grand Old Party”, trattato come un fenomeno da baraccone, Donald Trump, con il suo linguaggio aggressivo, arrogante e a volte anche volgare, è riuscito a smuovere l’entusiasmo dell’americano ultra-conservatore. Ma, allo stesso tempo, ad allontanare le comunità afroamericane, latinoamericane e, in generale, gli elettori appartenenti alle minoranze etniche e religiose. Senza di loro, specialmente senza il voto latinoamericano, è quasi impossibile uscire vittorioso nella corsa alla “Casa Bianca”.

E Trump lo sa. Ed è su questo che ora gli strateghi della sua campagna elettorale lavorano. Ma sarà possibile riavvicinare quegli elettori fino a ieri insultati, minacciati e umiliati?

In casa dei democratici la partita è ancora aperta e tutta da giocare. Almeno in teoria. In realtà, solo un miracolo potrebbe permettere a Bernie Sanders di superare l’ex First Lady, Hillary Clinton. Il vecchio senatore “socialista”, comunque, non demorde. E nelle primarie del West Virginia si è imposto col 51 per cento dei voti, contro il 37 per cento di Clinton.

Sanders è deciso ad andare avanti anche se, com’egli stesso ammette, “deve arrampicarsi su una ripida salita”. A differenza di Clinton, il senatore del Vermont rappresenta l’ala più progressista dell’anima democratica. Il suo messaggio affascina i giovani nordamericani non conformi con l’“establishment”. E’ un settore dell’elettorato con il quale l’ex First Lady non ha mai avuto “feeling”.

Al contrario, per esempio, con quanto accade con Wall Street e i grandi gruppi di potere, che la considerano più affidabile e capace di gestire un paese tanto complesso come gli Stati Uniti. Sanders, per conquistare la “nomination” democratica non solo dovrebbe vincere tutte le restanti primarie (Oregon, Kentucky, California e i due Dakota) ma dovrebbe convincere anche i super-delegati non ancora assegnati.
Le difficoltà che si presentano alla sua candidatura non gli sfuggono. E’ cosciente che non potrà vincere. E, allora, perché insistere? Perché erodere, indebolire la candidatura di Clinton con una campagna elettorale che strema?

I sondaggi resi noti dalla Cnn mostrano un “pareggio tecnico” tra Clinton e Trump in stati considerati decisivi nelle presidenziali; “pareggio tecnico” che si trasformerebbe in vantaggio qualora il candidato fosse Sanders. Anche se la corsa alla “Casa Bianca” non la determinano i sondaggi d’opinione, questi hanno un loro peso al momento di eventuali trattative. E, probabilmente, Sanders punta su questo.

In altre parole, forte delle simpatie mostrate da un elettorato contrario a Clinton, Sanders alla fine della campagna elettorale potrà negoziare da una posizione di forza il proprio sostegno alla candidatura dell’ex Segretario di Stato. E ottenere non solo un incarico di prestigio nella prossima amministrazione democratica, ma anche obbligare Hillary Clinton a far sue alcune promesse elettorali. Dopo le primarie, quindi, probabilmente si assisterà a una battaglia diplomatica tra i due candidati.

Clinton, che può contare sul sostegno del partito, di Wall Strett e delle lobby, non gode delle simpatie degli indipendenti. Questi diffidano del “clan Clinton”. E le presidenziali si vincono, alla fine, con il voto degli elettori. Ed è questo che potrà offrire Sanders: il voto dei giovani non conformi, degli indipendenti, delle minoranze. Insomma, di una fetta dell’elettorale indispensabile per sconfiggere il “Tycoon”.

(Flavia Romani/Voce)

Ultima ora

15:11Calcio: Berenguer, ‘Torino importante, spero vincere derby’

(ANSA) - TORINO, 25 LUG - "Ho scelto il Toro perché è una grande squadra, con una storia importante. Il derby? Speriamo di riuscire a vincerlo". Prime parole in granata per lo spagnolo Alex Berenguer, arrivato al Torino dopo l'ottima stagione disputata con l'Osasuna. "Ho chiesto referenze a Sirigu - spiega l'attaccante dal ritiro di Bormio secondo quanto riportato dal sito internet della società -, mi ha parlato molto bene di questo club". I due giocatori sono stati compagni l'anno scorso nell'Osasuna. "Preferisco giocare a sinistra, ma mi trovo bene anche sulla fascia destra", dice Berenguer a proposito delle sue caratteristiche, ovvero "dribbling e l'uno contro uno in velocità. Ma mi piacerebbe lavorare anche sulla fase difensiva dopo che quest'anno, nell'Osasuna, ho ricoperto anche il ruolo di terzino".

14:56Libia: impegno Sarraj-Haftar su cessate il fuoco

(ANSA) - PARIGI, 25 LUG - "Ci impegniamo a un cessate il fuoco e ad astenerci da ogni ricorso alla forza armata per tutto ciò che non riguardi esclusivamente la lotta al terrorismo": è quanto si legge nella bozza di dichiarazione congiunta del presidente del Consiglio presidenziale di Tripoli Fayez Sarraj e il comandante dell'Esercito nazionale libico Khalifa Haftar, ottenuta dall'ANSA a margine dell'incontro a la Celle Saint-Cloud, alle porte di Parigi. "Prendiamo l'impegno solenne a lavorare per l'organizzazione di elezioni presidenziali e parlamentari non appena possibile a partire dal 25 luglio 2017, in cooperazione con le istituzioni coinvolte e con il sostegno e sotto la supervisione delle Nazioni Unite", si legge ancora nella boozza.

14:51Scherma: Mondiali, stop ai quarti per la spada azzurra

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - L'Italia della spada si ferma ai quarti ai Mondiali di scherma in corso a Lipsia (Germania): il quartetto composto dal bicampione del mondo Paolo Pizzo, da Marco Fichera, Enrico Garozzo e Andrea Santarelli, è stato infatti superato per 22-20 dalla Svizzera. In precedenza, gli azzurri avevano vinto il primo match di giornata, nel tabellone dei 32, contro la Svezia con il punteggio di 28-4 e poi avevano avuto ragione per 23-19 degli Stati Uniti.

14:31Mafia: a settembre la legge per i testimoni di giustizia

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - Nell'anniversario della morte di Rita Atria, la giovanissima testimone di giustizia siciliana che si uccise a nemmeno 18 anni il 26 luglio del 1992, una settimana dopo l'omicidio del magistrato Paolo Borsellino a cui si era affidata dopo che la mafia le aveva ucciso il padre e il fratello, il senatore Giuseppe Lumia, capogruppo del Pd in Commissione Giustizia al Senato, annuncia che il Senato approverà entro settembre la proposta di legge che riforma il sistema tutorio dei testimoni di giustizia, di cui è relatore in Senato, e che proprio a Rita Atria è dedicata. "Il dolore che provò Rita deve costituire la sfida a fare di più e meglio per i testimoni di giustizia che sono una risorsa importantissima nella lotta alle mafie", spiega Lumia, il quale chiarisce che "spesso lo Stato non è stato capace di avere un rapporto all'altezza con i testimoni di giustizia". Il testo è all'esame della Commissione Giustizia del Senato ed è già stato approvato all'unanimità dalla Camera.

14:23Calcio:calendario 2017/18,Tim e Lega A per 20/o anno insieme

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - Per il ventesimo anno consecutivo Tim accompagna in campo le squadre del massimo campionato di calcio italiano. Domani a Milano si terrà la presentazione del calendario degli incontri della Serie A 2017/2018 che prenderà il via il prossimo 20 agosto. Sarà possibile seguire dalle 19 la cerimonia anche sul web attraverso il canale ufficiale YouTube di Lega Serie A, la pagina Facebook Serie A TIM e potrà essere commentata sui social con l'hashtag #SerieATIM. Tim si conferma così title sponsor di tutte le competizioni ufficiali: Serie A Tim, Tim Cup, Supercoppa Tim e Primavera Tim.

14:21Scherma: Malagò e Lotti, dream team fioretto donne da sogno

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - "La scherma ci riserva ogni giorno notizie bellissime. L'oro del dream team di fioretto femminile lo danno tutti per scontato, ma la squadra è molto rinnovata ed è impressionante cosa sta facendo". È il plauso che il presidente del Coni, Giovanni Malagò, invia all'Italia del fioretto femminile che ieri è salita sul gradino più alto del podio ai Mondiali di Lipsia. Il capo dello sport italiano sottolinea anche "la fantastica reazione della squadra di sciabola maschile che ha conquistato la medaglia di bronzo dopo la sconfitta in semifinale. La verità è che in tutte e tre le armi siamo molto competitivi sia in campo maschile che femminile. Questo in prospettiva è fondamentale perché a Tokyo non ci sarà più rotazione ma tutte e sei le prove a squadre". A complimentarsi con il dream team azzurro anche il ministro dello Sport, Luca Lotti: "Ci stanno facendo sognare, finalmente i risultati arrivano e siamo contenti", le parole del ministro.

14:20Calcio: Ronaldo spazza i rumors, “vincerò ancora col Real”

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - In Spagna, e non solo, in materia di mercato tiene banco il tormentone Neymar, ma qualche settimana fa era stato quello su Cristiano Ronaldo ad irrompere sulla scena in seguito alla notizia lanciata dal quotidiano portoghese "A Bola" circa il possibile addio al Real Madrid da parte del giocatore pallone d'oro, anche e soprattutto in seguito ai guai con il Fisco spagnolo. Ora, intercettata da "Marca" nei suoi ultimi giorni di vacanza a Shanghai, la star lusitana sgombra finalmente il campo da tutte le speculazioni sull'argomento e assicura che resterà nel club merengue per fare, se possibile, ancora meglio di quanto fatto nella stagione scorsa, a livello sia di squadra, sia personale. "Vincere trofei importanti la scorsa stagione con il mio club è stato magnifico, così come vincere quelli individuali - le parole di Cr7 - Farlo un'altra volta sarebbe ancora meglio".

Archivio Ultima ora