Trump vola incontrastato. Bernie spina al fianco di Hillary

Pubblicato il 12 maggio 2016 da redazione

Supporters hold their signs up while Democratic presidential candidate, Sen. Bernie Sanders, I-Vt., speaks during a campaign rally on Tuesday, May 10, 2016, in Salem, Ore. (Danielle Peterson/Statesman-Journal via AP)

Supporters hold their signs up while Democratic presidential candidate, Sen. Bernie Sanders, I-Vt., speaks during a campaign rally on Tuesday, May 10, 2016, in Salem, Ore. (Danielle Peterson/Statesman-Journal via AP)

NEW YORK – Mentre il Fondo Monetario Internazionale bacchetta la Germania richiamando l’attenzione sulle mancate riforme per stimolare la crescita, facendo notare che la perdita di dinamismo della “locomotiva” tedesca rallenta la crescita dell’economia dell’Eurozona e mentre il presidente Barack Obama si appresta a realizzare un viaggio storico a Hiroshima, non per chiedere scusa ma per sottolineare i pericoli della proliferazione del nucleare, la campagna elettorale prosegue con i suoi insoliti colpi di scena.

Incontrastato e incontrastabile. Il candidato Donald Trump, ormai, ha la strada tutta in discesa. Solo. Dopo che John Kasich e Ted Cruz hanno gettato la spugna, il “Tycoon” newyorchese deve convincere la “Old Grand Party” che è il candidato “ideale” del partito. Non sarà facile. Il magnate del mattone, infatti, strada facendo perde pezzi. Ad esempio, i due ex presidenti Bush, che hanno affermato pubblicamente che non sosterranno la candidatura di “The Donald”.

La vera sfida di Trump, quindi, è quella di ottenere 1.237 delegati. E’ il numero magico, l’unico capace di assicurargli matematicamente la “nomination” e, quindi, di affrontare la “convention” di luglio senza timori di colpi di scena.

Le risorse economiche del Tycoon cominciano a scarseggiare. Almeno quelle che il magnate aveva in preventivo per questa sua corsa alla “Casa Bianca”. Ma la campagna elettorale è stata più dispendiosa di quanto pensasse. Non c’è altra ragione per l’appello al partito per aiuti finanziari. E’ questo un duro colpo alla attendibilità di Trump che, fino a ieri, si vantava di non essere legato a lobby di potere, poiché la sua era una campagna elettorale “auto-finanziata”. Insomma, che non doveva “vendere l’anima al diavolo”.

Sottovalutato all’inizio dalla “Grand Old Party”, trattato come un fenomeno da baraccone, Donald Trump, con il suo linguaggio aggressivo, arrogante e a volte anche volgare, è riuscito a smuovere l’entusiasmo dell’americano ultra-conservatore. Ma, allo stesso tempo, ad allontanare le comunità afroamericane, latinoamericane e, in generale, gli elettori appartenenti alle minoranze etniche e religiose. Senza di loro, specialmente senza il voto latinoamericano, è quasi impossibile uscire vittorioso nella corsa alla “Casa Bianca”.

E Trump lo sa. Ed è su questo che ora gli strateghi della sua campagna elettorale lavorano. Ma sarà possibile riavvicinare quegli elettori fino a ieri insultati, minacciati e umiliati?

In casa dei democratici la partita è ancora aperta e tutta da giocare. Almeno in teoria. In realtà, solo un miracolo potrebbe permettere a Bernie Sanders di superare l’ex First Lady, Hillary Clinton. Il vecchio senatore “socialista”, comunque, non demorde. E nelle primarie del West Virginia si è imposto col 51 per cento dei voti, contro il 37 per cento di Clinton.

Sanders è deciso ad andare avanti anche se, com’egli stesso ammette, “deve arrampicarsi su una ripida salita”. A differenza di Clinton, il senatore del Vermont rappresenta l’ala più progressista dell’anima democratica. Il suo messaggio affascina i giovani nordamericani non conformi con l’“establishment”. E’ un settore dell’elettorato con il quale l’ex First Lady non ha mai avuto “feeling”.

Al contrario, per esempio, con quanto accade con Wall Street e i grandi gruppi di potere, che la considerano più affidabile e capace di gestire un paese tanto complesso come gli Stati Uniti. Sanders, per conquistare la “nomination” democratica non solo dovrebbe vincere tutte le restanti primarie (Oregon, Kentucky, California e i due Dakota) ma dovrebbe convincere anche i super-delegati non ancora assegnati.
Le difficoltà che si presentano alla sua candidatura non gli sfuggono. E’ cosciente che non potrà vincere. E, allora, perché insistere? Perché erodere, indebolire la candidatura di Clinton con una campagna elettorale che strema?

I sondaggi resi noti dalla Cnn mostrano un “pareggio tecnico” tra Clinton e Trump in stati considerati decisivi nelle presidenziali; “pareggio tecnico” che si trasformerebbe in vantaggio qualora il candidato fosse Sanders. Anche se la corsa alla “Casa Bianca” non la determinano i sondaggi d’opinione, questi hanno un loro peso al momento di eventuali trattative. E, probabilmente, Sanders punta su questo.

In altre parole, forte delle simpatie mostrate da un elettorato contrario a Clinton, Sanders alla fine della campagna elettorale potrà negoziare da una posizione di forza il proprio sostegno alla candidatura dell’ex Segretario di Stato. E ottenere non solo un incarico di prestigio nella prossima amministrazione democratica, ma anche obbligare Hillary Clinton a far sue alcune promesse elettorali. Dopo le primarie, quindi, probabilmente si assisterà a una battaglia diplomatica tra i due candidati.

Clinton, che può contare sul sostegno del partito, di Wall Strett e delle lobby, non gode delle simpatie degli indipendenti. Questi diffidano del “clan Clinton”. E le presidenziali si vincono, alla fine, con il voto degli elettori. Ed è questo che potrà offrire Sanders: il voto dei giovani non conformi, degli indipendenti, delle minoranze. Insomma, di una fetta dell’elettorale indispensabile per sconfiggere il “Tycoon”.

(Flavia Romani/Voce)

Ultima ora

13:57Catalogna: paese si ferma per protesta contro arresti

(ANSA) - BARCELLONA, 17 OTT - La Catalogna si è fermata oggi a mezzogiorno per protestare contro l'arresto deciso ieri sera da una giudice spagnola dei leader indipendentisti Jordi Sanchez e Jordi Cuixart. In tutte le città ci sono state concentrazioni davanti ai municipi e ai luoghi di lavoro. A Barcellona migliaia di persone hanno partecipato alla concentrazione di Piazza Sant Jaume davanti alla sede del Govern cantando "Libertat!" e Els Segadors. Nella folla il presidente Carles Puigdemont.

13:48Calcio:Allegri “Dybala? rigori sbagliati lo fortificheranno”

(ANSA) - TORINO, 17 OTT - "Dybala è un giocatore straordinario, è sereno: dopo le prime giornate l'avete paragonato a Messi, ma non deve esaltarsi per un gol o deprimersi per due rigori sbagliati". Allegri va in difesa della 'Joya', reduce da due errori decisivi dal dischetto contro Atalanta e Lazio: "Abbiamo parlato ieri - ha raccontato il tecnico -, normale che debba trovare equilibrio. Sta facendo un percorso di crescita, aver sbagliato due rigori lo fortificherà. Fa parte del calcio, sta bene fisicamente ed è tornato carico dall'Argentina anche se non ha giocato".

13:47Delitto Macchi: avvocato non svela presunto autore poesia

(ANSA) - VARESE, 17 OTT - Si è avvalso del segreto professionale l'avvocato Piergiorgio Vittorini, evitando di rivelare in aula il nome della persona che nei mesi scorsi lo ha contattato riferendo di essere "il vero autore" del componimento anonimo 'In morte di un'amica' inviato 30 anni fa alla famiglia di Lidia Macchi il giorno dei funerali della studentessa di Varese, massacrata con 29 coltellate nel gennaio 1987. Versi che invece secondo la Procura generale di Milano, sarebbero stati scritti da Stefano Binda, accusato di aver ucciso la ragazza, sua ex compagna di liceo. Vittorini, ascoltato nel corso del processo a carico di Binda davanti alla Corte d'Assise di Varese, ha detto di non poter rendere noto il nome della persona che lo ha contattato perché vincolato dal segreto professionale. Il componimento anonimo è uno degli elementi che portarono all' arresto dell'uomo nel gennaio 2016 in quanto, secondo le accuse, conterrebbe riferimenti che potevano essere noti solo all'assassino.

13:46Mondo di mezzo: giudici, gruppo inquinò scelte politiche

(ANSA) - ROMA, 17 OTT -"Nel settore degli appalti pubblici l'associazione ha avuto la capacità di inquinare durevolmente e pesantemente, con metodi corruttivi diffusi, le scelte politiche e l'azione della pubblica amministrazione". E' quanto scrivono i giudici nella sentenza del processo a "Mondo di mezzo". Per i magistrati, in questo ambito, la figura-chiave è Salvatore Buzzi, ras delle cooperative, che grazie alla "lunga esperienza maturata nel settore della cooperazione sociale e gli stessi contatti, con politici e amministrativi, costruiti nel tempo in relazione all'attività delle cooperative, sono stati da lui sapientemente utilizzati e sfruttati per la commissione di reati finalizzati - consentendo una innaturale espansione sul mercato - a potenziare i profitti delle cooperative e dei soggetti che di esse avevano la direzione e la gestione".

13:43Coppia gay pestata e rapinata a Bari, due arresti

(ANSA) - BARI, 17 OTT - Alla presenza di numerose persone avrebbero picchiato violentemente e rapinato sul lungomare di Bari una coppia di omosessuali 30enni, un barese e il suo compagno spagnolo in vacanza in Puglia. Dei sette componenti il gruppo criminale, la polizia ne ha identificati tre, due maggiorenni e un minorenne. I primi due, un 20enne e un 19enne, sono stati arrestati per rapina e lesioni aggravate, mentre il minorenne è indagato a piede libero. L'aggressione risale alla sera dell'8 giugno. Stando alle indagini della Squadra Mobile, le due vittime sarebbero state aggredite all'esterno di un locale dopo aver reagito verbalmente a insulti omofobi da parte di un gruppo di otto ragazzi. Questi avrebbero quindi picchiato i due con calci, pugni e sbattendo la testa di uno di loro su una colonna in pietra, strappando poi dal collo le collane in oro e argento e un anello che i due 30enni indossavano. I video acquisiti dalla Squadra Mobile hanno consentito di identificare alcuni dei componenti il gruppo.

13:34Mondo di mezzo: giudici, nessun legame banda Magliana

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Non è possibile stabilire una derivazione tra il gruppo operante presso il distributore di benzina, l'associazione operante nel settore degli appalti pubblici e la banda della Magliana, gruppo criminale organizzato e dedito ad attività criminali particolarmente violente e redditizie che ha operato nella città di Roma, ramificandosi pesantemente sul territorio, oltre 20 anni orsono, tra la fine degli anni 70 e l'inizio degli anni 90". Lo scrivono i giudici della X sezione penale nelle motivazioni al processo al "Mondo di mezzo". "Non è sufficiente l'intervento di Carminati, 'erede della banda della Magliana', a stabilire un rapporto di derivazione tra detta banda e successive organizzazioni in cui Carminati si trovi coinvolto. Peraltro, neppure per la banda della Magliana si è potuti giungere ad affermare che si trattasse di un'associazione di tipo mafioso".

13:31Champions: Chiellini, con Sporting è sedicesimo di finale

(ANSA) - TORINO, 17 OTT - Juventus-Sporting nel girone di Champions finora dominato dal Barcellona "sarà un vero e proprio sedicesimo di finale". Lo dice Giorgio Chiellini. "Il Barcellona - spiega il difensore bianconero - salvo stravolgimenti arriverà primo e l'Olympiacos non riuscirà a passare turno. Lo Sporting è un'ottima squadra, ha un allenatore che porta brutti ricordi (guidava il Benfica che eliminò la Juve nella semifinale di Europa League nel 2014, ndr)". Lo Sporting Lisbona - conclude Chiellini - "era la squadra più forte della quarta fascia dei sorteggi Champions, abbiamo tanto rispetto per loro. In questa andata e ritorno ci giochiamo la qualificazione".

Archivio Ultima ora