Trump vola incontrastato. Bernie spina al fianco di Hillary

Pubblicato il 12 maggio 2016 da redazione

Supporters hold their signs up while Democratic presidential candidate, Sen. Bernie Sanders, I-Vt., speaks during a campaign rally on Tuesday, May 10, 2016, in Salem, Ore. (Danielle Peterson/Statesman-Journal via AP)

Supporters hold their signs up while Democratic presidential candidate, Sen. Bernie Sanders, I-Vt., speaks during a campaign rally on Tuesday, May 10, 2016, in Salem, Ore. (Danielle Peterson/Statesman-Journal via AP)

NEW YORK – Mentre il Fondo Monetario Internazionale bacchetta la Germania richiamando l’attenzione sulle mancate riforme per stimolare la crescita, facendo notare che la perdita di dinamismo della “locomotiva” tedesca rallenta la crescita dell’economia dell’Eurozona e mentre il presidente Barack Obama si appresta a realizzare un viaggio storico a Hiroshima, non per chiedere scusa ma per sottolineare i pericoli della proliferazione del nucleare, la campagna elettorale prosegue con i suoi insoliti colpi di scena.

Incontrastato e incontrastabile. Il candidato Donald Trump, ormai, ha la strada tutta in discesa. Solo. Dopo che John Kasich e Ted Cruz hanno gettato la spugna, il “Tycoon” newyorchese deve convincere la “Old Grand Party” che è il candidato “ideale” del partito. Non sarà facile. Il magnate del mattone, infatti, strada facendo perde pezzi. Ad esempio, i due ex presidenti Bush, che hanno affermato pubblicamente che non sosterranno la candidatura di “The Donald”.

La vera sfida di Trump, quindi, è quella di ottenere 1.237 delegati. E’ il numero magico, l’unico capace di assicurargli matematicamente la “nomination” e, quindi, di affrontare la “convention” di luglio senza timori di colpi di scena.

Le risorse economiche del Tycoon cominciano a scarseggiare. Almeno quelle che il magnate aveva in preventivo per questa sua corsa alla “Casa Bianca”. Ma la campagna elettorale è stata più dispendiosa di quanto pensasse. Non c’è altra ragione per l’appello al partito per aiuti finanziari. E’ questo un duro colpo alla attendibilità di Trump che, fino a ieri, si vantava di non essere legato a lobby di potere, poiché la sua era una campagna elettorale “auto-finanziata”. Insomma, che non doveva “vendere l’anima al diavolo”.

Sottovalutato all’inizio dalla “Grand Old Party”, trattato come un fenomeno da baraccone, Donald Trump, con il suo linguaggio aggressivo, arrogante e a volte anche volgare, è riuscito a smuovere l’entusiasmo dell’americano ultra-conservatore. Ma, allo stesso tempo, ad allontanare le comunità afroamericane, latinoamericane e, in generale, gli elettori appartenenti alle minoranze etniche e religiose. Senza di loro, specialmente senza il voto latinoamericano, è quasi impossibile uscire vittorioso nella corsa alla “Casa Bianca”.

E Trump lo sa. Ed è su questo che ora gli strateghi della sua campagna elettorale lavorano. Ma sarà possibile riavvicinare quegli elettori fino a ieri insultati, minacciati e umiliati?

In casa dei democratici la partita è ancora aperta e tutta da giocare. Almeno in teoria. In realtà, solo un miracolo potrebbe permettere a Bernie Sanders di superare l’ex First Lady, Hillary Clinton. Il vecchio senatore “socialista”, comunque, non demorde. E nelle primarie del West Virginia si è imposto col 51 per cento dei voti, contro il 37 per cento di Clinton.

Sanders è deciso ad andare avanti anche se, com’egli stesso ammette, “deve arrampicarsi su una ripida salita”. A differenza di Clinton, il senatore del Vermont rappresenta l’ala più progressista dell’anima democratica. Il suo messaggio affascina i giovani nordamericani non conformi con l’“establishment”. E’ un settore dell’elettorato con il quale l’ex First Lady non ha mai avuto “feeling”.

Al contrario, per esempio, con quanto accade con Wall Street e i grandi gruppi di potere, che la considerano più affidabile e capace di gestire un paese tanto complesso come gli Stati Uniti. Sanders, per conquistare la “nomination” democratica non solo dovrebbe vincere tutte le restanti primarie (Oregon, Kentucky, California e i due Dakota) ma dovrebbe convincere anche i super-delegati non ancora assegnati.
Le difficoltà che si presentano alla sua candidatura non gli sfuggono. E’ cosciente che non potrà vincere. E, allora, perché insistere? Perché erodere, indebolire la candidatura di Clinton con una campagna elettorale che strema?

I sondaggi resi noti dalla Cnn mostrano un “pareggio tecnico” tra Clinton e Trump in stati considerati decisivi nelle presidenziali; “pareggio tecnico” che si trasformerebbe in vantaggio qualora il candidato fosse Sanders. Anche se la corsa alla “Casa Bianca” non la determinano i sondaggi d’opinione, questi hanno un loro peso al momento di eventuali trattative. E, probabilmente, Sanders punta su questo.

In altre parole, forte delle simpatie mostrate da un elettorato contrario a Clinton, Sanders alla fine della campagna elettorale potrà negoziare da una posizione di forza il proprio sostegno alla candidatura dell’ex Segretario di Stato. E ottenere non solo un incarico di prestigio nella prossima amministrazione democratica, ma anche obbligare Hillary Clinton a far sue alcune promesse elettorali. Dopo le primarie, quindi, probabilmente si assisterà a una battaglia diplomatica tra i due candidati.

Clinton, che può contare sul sostegno del partito, di Wall Strett e delle lobby, non gode delle simpatie degli indipendenti. Questi diffidano del “clan Clinton”. E le presidenziali si vincono, alla fine, con il voto degli elettori. Ed è questo che potrà offrire Sanders: il voto dei giovani non conformi, degli indipendenti, delle minoranze. Insomma, di una fetta dell’elettorale indispensabile per sconfiggere il “Tycoon”.

(Flavia Romani/Voce)

Ultima ora

23:43Trump: Ivanka ‘assunta’ come dipendente federale

(ANSA) - NEW YORK, 29 MAR - Ivanka Trump sara' assunta come dipendente federale nel ruolo di assistente del padre alla Casa Bianca. Non percepira' pero' alcuno stipendio, cosi'come avviene per il marito Jared Kushner. Lo ha annunciato la stessa figlia del presidente americano, spiegando che la decisione e' stata presa per porre fine alle preoccupazioni di tipo etico solevate da piu' parti e legate alla sua presenza alla Casa Bianca dove ha anche un ufficio.

22:56Calcio: Messi “Nessuna offesa, le mie erano parole al vento”

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - "Non volevo insultare l'assistente, le mie erano solo parole al vento". Così Leo Messi si discolpa, secondo quanto apprende La Nacion, nell'arringa difensiva che l'Afa (la Federcalcio argentina) presenterà alla Commissione d'appello della Fifa, nel tentativo di ricevere uno sconto sulle quattro giornate di squalifica inflitte alla 'Pulce' per le offese rivolte a un assistente dopo la sfida contro il Cile. Nel caso in cui in appello dovessero essere confermate le giornate di stop a Messi, l'Afa si rivolgerà al Tas di Losanna; in questo caso, però, i tempi della sentenza si allungherebbero fino alla fine dell'estate prossima. In particolare, nel ricorso, la Federcalcio argentina sottolinea di come l'arbitro brasiliano Ricci, nelle 16 pagine di relazione presentata alla Fifa, non abbia menzionato l'alterco verbale fra Messi e l'assistente.

21:05Migranti: #Withrefugees, scatti per capire un dramma

(ANSA) - MILANO, 29 MAR - "Grazie alla fotografia sono i migranti che ci parlano. E' nel diffondere questa consapevolezza che l'immagine può davvero rappresentare un veicolo importante per far capire le problematiche di queste persone che attraversano il mondo". Lo ha detto Carlotta Sami, portavoce per il Sud Europa dell'Unhcr, l'agenzia per i Rifugiati delle Nazioni Unite. L'occasione per una riflessione sulle migrazioni è stata l'inaugurazione della mostra #Withrefugees - Fotografi per i rifugiati, oggi, alla spazio Big Santa Marta di Milano. A promuovere la serata è stata MIA Photo fair (la fiera internazionale della fotografia), che apre proprio nel giorno dell'approvazione della legge sulla protezione dei minori stranieri non accompagnati. A essere esposti sono 45 scatti di fotografi che si sono dedicati al tema: Yuri Catania, Franco Paggetti, Pierre Andrè Podbilesky, Massimo Sestini e Paolo Solari Bozzi, che hanno messo le loro opere a disposizione per beneficenza.

20:54Trump: Moore, con nuove norme clima iniziata estinzione vita

(ANSA) - NEW YORK, 29 MAR - Donald Trump ha appena "iniziato l'estinzione della vita umana sulla terra": ne e' convinto il regista liberal Michael Moore, facendo riferimento all'ordine esecutivo firmato dal presidente americano che spazza via le normative ambientali del predecessore Barack Obama. "Gli storici nel prossimo futuro (e potrebbe essere l'unico futuro che abbiamo) ricorderanno il 28 marzo 2017 come il giorno dell'inizio dell'estinzione della vita umana sulla terra", ha scritto in un post su Facebook. A suo parere, firmando il decreto che ordina di rivedere le norme per la riduzione delle emissioni di gas serra nelle industrie, Trump ha "dichiarato guerra al pianeta e ai suoi abitanti".

20:52Calcio: Lazio, Anderson “La Roma? Pensiamo a noi stessi”

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - "La Roma? Pensiamo solo a noi, non a quello che dicono loro. Giocheranno coi loro tifosi ma, se saremo intelligenti, facciamo una grande partita". Così Felipe Anderson, intervistato a Mediaset premium, parla della sfida di ritorno di Coppa Italia contro la Roma, in programma il 4 aprile. Si riparte dal 2-0 sei biancocelesti dell'andata, ma per il brasiliano conta prima di tutto fare bene contro il Sassuolo in campionato. "Questa per noi è una settimana decisiva - spiega l'ex Santos - dobbiamo centrare due obiettivi di stagione, non bisogna sbagliare. Pensiamo prima al Sassuolo, poi al derby". Protagonista della sua miglior stagione a livello di continuità, per Anderson è sempre vivo il sogno della Seleçao: "Giocare il Mondiale è un mio obiettivo - conclude l'attaccante dei biancocelesti - ma so che devo dare il massimo qui, voglio finire bene e sperare di conquistare la Nazionale".

20:41Deltaplano precipita in provincia di Modena, grave 56enne

(ANSA) - MODENA, 29 MAR - Un deltaplano con a bordo un 56enne, D.B., si è schiantato al suolo, in un terreno agricolo, intorno alle 18 a Campogalliano, in provincia di Modena. L'uomo, proprietario sia del velivolo che del terreno agricolo dove è avvenuto l'incidente, in via Vandelli, è stato soccorso dai sanitari del 118, intervenuti con l'ambulanza e con l'elisoccorso. Il ferito, cosciente ma con gravi ferite ad una gamba, è stato così portato all'ospedale Maggiore di Bologna con l'elicottero. Le sue condizioni sono gravi. In via Vandelli sono intervenuti anche i vigili del fuoco ed i carabinieri. Tutte le ipotesi sono al vaglio, ma si propende per un guasto tecnico del deltaplano, che, a quanto pare, è precipitato mentre era ancora in fase di decollo. A chiamare i soccorsi sono stati i parenti del 56enne, che hanno udito il rumore dello schianto. (ANSA).

20:26Consip, sms di Lotti a Emiliano acquisiti da procura Roma

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - Il governatore Pd della Puglia Michele Emiliano sentito per oltre un'ora in procura a Roma come testimone nell'inchiesta Consip sulla centrale acquisti della Pubblica amministrazione. Gli é stato chiesto degli sms ricevuti nel 2105 dall'attuale ministro Luca Lotti - all'epoca sottosegretario alla presidenza del Consiglio - che lo invitava a incontrare il faccendiere Carlo Russo, amico del padre dell'allora premier Matteo Renzi, Tiziano. Il pm Mario Palazzi ha acquisito agli atti gli sms di Lotti e di Tiziano Renzi, conservati da Emiliano. L'ipotesi della procura è che l'imprenditore Alfredo Romeo - in carcere per corruzione - abbia beneficiato dell'amicizia tra Tiziano Renzi e Russo per mettere le mani sugli appalti Consip. Il presidente della Puglia dopo l'audizione non ha rilasciato dichiarazioni. "Procura acquisisce gli sms di Lotti a Emiliano, e #Renzi continua a non dire se e quando ha saputo dell'inchiesta. #RenziReticente", commenta con un tweet sull'ex premier il deputato M5S Danilo Toninelli.

Archivio Ultima ora