Il Papa riapre la questione donne nella Chiesa

Pubblicato il 13 maggio 2016 da redazione

Women hold a placard reading "Please save Yazidi people from genocide" as Pope Francis greets migrants and refugees at the Moria refugee camp on April 16, 2016 near the port of Mytilene, on the Greek island of Lesbos.  ANSA/ AFP/ / FILIPPO MONTEFORTE/ POOL

Women hold a placard reading “Please save Yazidi people from genocide” as Pope Francis greets migrants and refugees at the Moria refugee camp on April 16, 2016 near the port of Mytilene, on the Greek island of Lesbos. ANSA/ AFP/ / FILIPPO MONTEFORTE/ POOL

CITTA’ DEL VATICANO. – Per papa Bergoglio le commissioni non si istituiscono per sviare i problemi, ma per affrontarli e cercarvi soluzioni. E’ dunque chiaro che il ruolo della donna nella Chiesa rientra ufficialmente sia nella riflessione teologica, per quanto riguarderà il diaconato, che in quella istituzionale, per quanto riguarderà gli organigrammi e i poteri, e che “il punto di vista femminile”, come ha titolato l’Osservatore romano, entrerà nella riforma della Chiesa.

Cioè la decisione di istituire una commissione sul diaconato femminile annunciata dal Papa alle superiori generali, è un passo davvero importante per passare dalle parole ai fatti, ampliare la partecipazione delle donne, – affermata dai primi giorni del pontificato – ed estenderla a ruoli non marginali. E resta tale anche se non sappiamo ancora i contorni del progetto, il mandato e la composizione della commissione, cioè se il processo è per ora soltanto avviato.

“Il Papa mi ha telefonato sorpreso circa le… diaconesse. Pensa ad una commissione. Non affrettiamo le conclusioni”, ha scritto su twitter il sostituto alla Segreteria di Stato, Angelo Becciu”. “Il Papa – ha spiegato padre Federico Lombardi – non ha detto che abbia intenzione di introdurre un’ordinazione diaconale delle donne, e meno che meno ha parlato di ordinazione sacerdotale delle donne. Anzi, parlando della predicazione nel corso della celebrazione eucaristica ha fatto capire che a questo non pensa affatto”.

Le ineccepibili parole di Becciu e Lombardi invitano sia a non precorrere i tempi, che a registrare il fatto che sul riconoscimento sacramentale del ruolo delle diaconesse il Papa ha presenti tutti i problemi teologici e storici.

A livello teologico c’è il nodo “teologico-dogmatico” richiamato da papa Francesco: prete e vescovo presiedono l’eucaristia “nella persona di Gesù Cristo”: il diaconato è un ordine sacro e chi è contrario alle diaconesse afferma che le donne non possono accedere a un grado di sacerdozio.

Ma il Pontefice ha anche ricordato la riflessione di un “teologo siriano, bravo” che aveva studiato il problema delle diaconesse nella Chiesa antica e al quale l’allora arcivescovo Bergoglio aveva chiesto lumi sul fatto se le diaconesse “avevano l’ordinazione o no?”, e sui vari ruoli che queste svolgevano nella Chiesa primitiva.

Il Papa ha anche detto alle superiori generali che chiederà un parere alla Congregazione per il culto “sulla predicazione nella celebrazione eucaristica”. Qualcuno inoltre ricorda che Benedetto XVI modificò il diritto canonico distinguendo le prerogative del diacono, anche uomo, da quelle del prete e del vescovo.

Il Papa, citando se stesso nel discorso alla Commissione per l’America latina, ha riproposto la propria critica alla clericalizzazione dei laici e chiesto ai vescovi di lasciare che i laici facciano i laici anche nel loro servizio alla Chiesa.

Anche solo da questi brevi cenni si capisce che papa Francesco ha ben presenti tutti i problemi, ma resta deciso ad inserire queste tematiche nella riforma della Chiesa. Ha mostrato molta cautela sui cambiamenti che la commissione potrà attuare nella Chiesa anche il card. Kasper, esponente di quella Chiesa tedesca che negli anni Settanta, dopo un proprio sinodo, pregò Paolo VI “di esaminare il problema del diaconato della donna alla luce delle attuali conoscenze teologiche e, tenendo conto della attuale situazione pastorale, di ammettere, se possibile, donne alla ordinazione diaconale”.

Sono state invece molto positive le reazioni di religiose e teologhe laiche, interpellate da Avvenire: per Marinella Perroni, fondatrice del Coordinamento teologhe italiane, quella del diaconato femminile “è tra le questioni più urgenti per un’autentica riforma della Chiesa” e la decisione del Papa “è un segno di grande apertura per il futuro”.

Per suor Giuliana Galli è importante che il Papa denunci che le donne non devono solo educare e accudire, ma possono anche occupare “ruoli decisionali finora riservati unicamente all’uomo” e la “specificità femminile deve essere accolta e ufficializzata nella Chiesa e nella società”.

Per la presidente della Camera Laura Boldrini, quella del Papa “è una decisione epocale” e, per spingere anche il linguaggio verso il riconoscimento del ruolo femminile, ha coniato il neologismo “diacona”.

(giovanna.chirri@ansa.it)

Ultima ora

23:16Trump: videomessaggio di Hillary Clinton ai dem,’resistere!’

(ANSA) - WASHINGTON, 24 FEB - Hillary Clinton manda un messaggio ai democratici alla vigilia della scelta del leader del partito e li esorta a resistere, ponendosi come obiettivo i prossimi appuntamenti elettorali. "Dopo le primarie abbiamo unificato il partito per scrive la riforma piu' progressista della storia. Le idee che abbiamo sostenuto stanno ispirando leader e attivisti in tutto il Paese". La ex candidata democratica per la presidenza compare cosi' in un videomessaggio, postato sul profilo Twitter del partito democratico, lodando l'ondata di mobilitazione e protesta che sta percorrendo il Paese dall'insediamento del presidente Donald Trump e aggiungendo: "In quanto democratici, dobbiamo andare avanti con coraggio, sicurezza e ottimismo. E rimanere focalizzati sulle elezioni che dobbiamo vincere quest'anno e il prossimo. Fate in modo che resistenza piu' perseveranza diano come risultato progresso per nostro partito e il nostro Paese". (ANSA).

22:40Calcio: serie B, Brescia-Cittadella 4-1

(ANSA) - BRESCIA, 24 FEB - Dopo due mesi esatti, il Brescia torna alla vittoria battendo 4-1 il Cittadella nell'anticipo della 27/a giornata di serie B. Il Brescia passa al 9' con un calcio di punizione dai 25 metri di Caracciolo. Due minuti dopo Cittadella in dieci: espulso Martin per un brutto fallo a centrocampo su Dall'Oglio. Nonostante tutto i veneti trovano il pari al 23': cross di Pasa e taglio di Strizzolo a spiazzare la difesa. È il 29' invece quando il Brescia torna in vantaggio: da una mischia su corner esce lo zampino di Blanchard. Il tris al 37' con un colpo di tacco in area firmato da Coly. Ma non è ancora finita perchè al 43' c'è anche il poker: destro da dentro l'area di Dall'Oglio con Alfonso non esente da colpe.

22:39Difesa: doppia commemorazione per maggiore La Rosa

(ANSA) - CARBONIA, 24 FEB - "Un eroe e prima di tutto un soldato che aveva prestato giuramento di fedeltà allo Stato, fedele a quei valori di senso del dovere e spirito di sacrificio nei confronti degli altri, verso un interesse che non è personale ma rivolto alla società". Così il sottosegretario di Stato alla Difesa, Domenico Rossi, ha ricordato a Carbonia il maggiore della Brigata Sassari Giuseppe La Rosa, morto in Afghanistan l'8 giugno 2013. L'Associazione nazionale bersaglieri e le amministrazioni comunali locali hanno voluto commemorare l'ufficiale dei bersaglieri intitolandogli la sala del centro trasfusionale dell'ospedale. Presente alla cerimonia la sindaca Paola Massidda, che nel suo intervento ha sottolineato l'orgoglio della comunità nel mantenere viva la memoria del maggiore. La commemorazione si è poi trasferita a San Giovanni Suergiu, nella sede del Comune, dove la sindaca Elvira Usai, assieme all'Associazione bersaglieri e ai numerosi studenti presenti, hanno reso un secondo omaggio a La Rosa. Il sottosegretario Rossi, dopo aver espresso parole di apprezzamento per l'iniziativa, ha ricordato il coraggio e il valore del maggiore ricordando che "le forze armate e le forze di polizia sono un gruppo compatto che opera in sinergia per raggiungere obiettivi comuni, per il bene del Paese, e per questo rappresentano un esempio per tutti, in particolare per le nuove generazioni che impegnandosi contribuiscono a rendere migliore la società". (ANSA).

22:17Egitto: media, costo del visto aumenterà da 25 a 60 dollari

(ANSA) - IL CAIRO, 24 FEB - Il ministero degli Esteri egiziano ha deciso di aumentare, raddoppiandolo da 25 a 60 dollari, il prezzo del visto turistico che si acquista in aeroporti e altri accessi al paese. Lo riferisce il sito Egypt Independent riferendo di critiche formulate dalla Camera delle imprese turistiche. Il rincaro danneggerà il turismo già colpito da 'sconsigli' a recarsi in Egitto lanciati da vari paesi (per il rischio terrorismo) e dal prezzo elevato dei biglietti di ingresso alle zone archeologiche, hanno sottolineato responsabili dell'organizzazione.(ANSA).

22:15Ap e Time boicottano briefing Casa Bianca

(ANSA) - WASHINGTON, 24 FEB - In segno di solidarietà con i colleghi e i media esclusi dal punto stampa di Spicer, i corrispondenti di altre testate - come l'Associated Press e Time Magazine - hanno deciso di boicottare il briefing. Presenti invece i media conservatori come Breitbart News, Washington Times e One America News Network.

21:51Cnn e Nyt esclusi da briefing portavoce Casa Bianca

(ANSA) - WASHINGTON, 24 FEB - Alta tensione tra la Casa Bianca e alcuni dei principali media americani. I giornalisti di Cnn, New York Times, Los Angeles Times e Politico sono stati infatti esclusi da un briefing ristretto convocato da Sean Spicer, portavoce del presidente Donald Trump. I reporter - senza alcun motivo ufficiale - sono stati bloccati prima dell'inizio del punto stampa.

21:47Francia: procura apre inchiesta giudiziaria su Fillon

(ANSA) - PARIGI, 24 FEB - La procura francese ha annunciato stasera l'apertura di un'inchiesta giudiziaria nei confronti di Francois Fillon, candidato alle presidenziali, e di sua moglie Penelope. Le ipotesi d'accusa - come risultava dall'inchiesta preliminare finora in corso - riguardavano i reati di appropriazione indebita e storno di fondi pubblici. L'inchiesta, affidata a un giudice istruttore, può concludersi con il rinvio a giudizio o con l'archiviazione.

Archivio Ultima ora