Il Papa riapre la questione donne nella Chiesa

Pubblicato il 13 maggio 2016 da redazione

Women hold a placard reading "Please save Yazidi people from genocide" as Pope Francis greets migrants and refugees at the Moria refugee camp on April 16, 2016 near the port of Mytilene, on the Greek island of Lesbos.  ANSA/ AFP/ / FILIPPO MONTEFORTE/ POOL

Women hold a placard reading “Please save Yazidi people from genocide” as Pope Francis greets migrants and refugees at the Moria refugee camp on April 16, 2016 near the port of Mytilene, on the Greek island of Lesbos. ANSA/ AFP/ / FILIPPO MONTEFORTE/ POOL

CITTA’ DEL VATICANO. – Per papa Bergoglio le commissioni non si istituiscono per sviare i problemi, ma per affrontarli e cercarvi soluzioni. E’ dunque chiaro che il ruolo della donna nella Chiesa rientra ufficialmente sia nella riflessione teologica, per quanto riguarderà il diaconato, che in quella istituzionale, per quanto riguarderà gli organigrammi e i poteri, e che “il punto di vista femminile”, come ha titolato l’Osservatore romano, entrerà nella riforma della Chiesa.

Cioè la decisione di istituire una commissione sul diaconato femminile annunciata dal Papa alle superiori generali, è un passo davvero importante per passare dalle parole ai fatti, ampliare la partecipazione delle donne, – affermata dai primi giorni del pontificato – ed estenderla a ruoli non marginali. E resta tale anche se non sappiamo ancora i contorni del progetto, il mandato e la composizione della commissione, cioè se il processo è per ora soltanto avviato.

“Il Papa mi ha telefonato sorpreso circa le… diaconesse. Pensa ad una commissione. Non affrettiamo le conclusioni”, ha scritto su twitter il sostituto alla Segreteria di Stato, Angelo Becciu”. “Il Papa – ha spiegato padre Federico Lombardi – non ha detto che abbia intenzione di introdurre un’ordinazione diaconale delle donne, e meno che meno ha parlato di ordinazione sacerdotale delle donne. Anzi, parlando della predicazione nel corso della celebrazione eucaristica ha fatto capire che a questo non pensa affatto”.

Le ineccepibili parole di Becciu e Lombardi invitano sia a non precorrere i tempi, che a registrare il fatto che sul riconoscimento sacramentale del ruolo delle diaconesse il Papa ha presenti tutti i problemi teologici e storici.

A livello teologico c’è il nodo “teologico-dogmatico” richiamato da papa Francesco: prete e vescovo presiedono l’eucaristia “nella persona di Gesù Cristo”: il diaconato è un ordine sacro e chi è contrario alle diaconesse afferma che le donne non possono accedere a un grado di sacerdozio.

Ma il Pontefice ha anche ricordato la riflessione di un “teologo siriano, bravo” che aveva studiato il problema delle diaconesse nella Chiesa antica e al quale l’allora arcivescovo Bergoglio aveva chiesto lumi sul fatto se le diaconesse “avevano l’ordinazione o no?”, e sui vari ruoli che queste svolgevano nella Chiesa primitiva.

Il Papa ha anche detto alle superiori generali che chiederà un parere alla Congregazione per il culto “sulla predicazione nella celebrazione eucaristica”. Qualcuno inoltre ricorda che Benedetto XVI modificò il diritto canonico distinguendo le prerogative del diacono, anche uomo, da quelle del prete e del vescovo.

Il Papa, citando se stesso nel discorso alla Commissione per l’America latina, ha riproposto la propria critica alla clericalizzazione dei laici e chiesto ai vescovi di lasciare che i laici facciano i laici anche nel loro servizio alla Chiesa.

Anche solo da questi brevi cenni si capisce che papa Francesco ha ben presenti tutti i problemi, ma resta deciso ad inserire queste tematiche nella riforma della Chiesa. Ha mostrato molta cautela sui cambiamenti che la commissione potrà attuare nella Chiesa anche il card. Kasper, esponente di quella Chiesa tedesca che negli anni Settanta, dopo un proprio sinodo, pregò Paolo VI “di esaminare il problema del diaconato della donna alla luce delle attuali conoscenze teologiche e, tenendo conto della attuale situazione pastorale, di ammettere, se possibile, donne alla ordinazione diaconale”.

Sono state invece molto positive le reazioni di religiose e teologhe laiche, interpellate da Avvenire: per Marinella Perroni, fondatrice del Coordinamento teologhe italiane, quella del diaconato femminile “è tra le questioni più urgenti per un’autentica riforma della Chiesa” e la decisione del Papa “è un segno di grande apertura per il futuro”.

Per suor Giuliana Galli è importante che il Papa denunci che le donne non devono solo educare e accudire, ma possono anche occupare “ruoli decisionali finora riservati unicamente all’uomo” e la “specificità femminile deve essere accolta e ufficializzata nella Chiesa e nella società”.

Per la presidente della Camera Laura Boldrini, quella del Papa “è una decisione epocale” e, per spingere anche il linguaggio verso il riconoscimento del ruolo femminile, ha coniato il neologismo “diacona”.

(giovanna.chirri@ansa.it)

Ultima ora

09:54Merkel, errore ritenere isolazionismo soluzione problemi

(ANSA) - BERLINO, 29 GIU - "Ritenere di risolvere i problemi e le sfide di oggi con l'isolazionismo è un grave errore". Lo ha detto Angela Merkel intervenendo al Bundestag in vista del G20 della settimana prossima, a poche ore dall'incontro con i leader europei del summit, fra cui Paolo Gentiloni. "Il cambiamento climatico è una sfida esistenziale per il mondo", ha poi aggiunto ricordando che dall'accordo di Parigi non si "torna indietro e non è negoziabile".

09:34Mafia: voto di scambio,arrestato ex sindaco di Niscemi

(ANSA) - CALTANISSETTA, 29 GIU - C'è anche l'ex sindaco di Niscemi, Francesco La Rosa, tra i nove arrestati dell'inchiesta della Dda della Procura di Caltanissetta per voto di scambio mafioso. Per lui, un ex consigliere comunale della sua lista e due esponenti del suo entourage sono stati disposti gli arresti domiciliari. Ad appoggiarlo sarebbero stati il boss di Niscemi, Giancarlo Giugno, e di Gela, Alessandro Barberi. Al centro delle indagini un presunto patto stretto tra il candidato e la mafia per le elezioni amministrative del 2012.

09:13Israele: approvata richiesta Olmert per libertà anticipata

(ANSAmed) - TEL AVIV, 29 GIU - E' stata accolta la richiesta dell'ex premier Ehud Olmert (Kadima) di ottenere la libertà anticipata, avendo espiato due terzi della pena di 27 mesi di detenzione dopo la condanna per corruzione. Lo riferiscono i media locali secondo cui Olmert, che e' detenuto nel carcere di Ramle (Tel Aviv), tornera' libero il 2 luglio, se nel frattempo la magistratura non decidera' di ricorrere in appello.

09:02Pakistan: autobotte in fiamme, bilancio morti sale a 171

(ANSA) - ISLAMABAD, 29 GIU - Con la morte di altre quattro persone gravemente ustionate, le vittime in Pakistan per l'incendio e l'esplosione di un'autobotte con 40.000 litri di carburante il 25 giugno scorso lungo l'autostrada fra Karachi e Lahore sono salite a 171. Lo riferisce oggi GEO Tv. Queste ultime persone decedute, indica l'emittente, erano ricoverate nell'ospedale di Multan ed avevano una età fra i 12 ed i 22 anni. Ieri, si è inoltre appreso, era morto anche l'autista del pesante veicolo, rovesciatosi per l'esplosione di un pneumatico. Poco prima dell'incendio e dell'esplosione, che ha generato una palla di fuoco, centinaia di persone erano accorse con ogni tipo di recipiente per raccogliere la benzina che fuoriusciva dall'autobotte.

08:22Venezuela: Corte Suprema congela beni Procuratrice Ortega

(ANSA) - CARACAS, 29 GIU - Il Tribunale Supremo di Giustizia (Tsg) venezuelano ha congelato oggi i beni personali della Procuratrice Generale, Luisa Ortega Diaz, e le ha proibito di uscire dal Paese, in vista di una udienza fissata per il prossimo 4 luglio nella quale dovrà rispondere delle accuse che le sono state rivolte dal deputato chavista Pedro Carreno. La denuncia di Carreno, che aveva chiesto precedentemente al Tsg di nominare una giunta medica per valutare la salute mentale della Procuratrice Generale, si basa sulle dichiarazioni che Ortega Diaz ha fatto riguardo all'elezione di magistrati dell'alta corte da parte della maggioranza chavista in Parlamento, nel dicembre del 2015. Ortega Diaz ha detto che non ha mai firmato i documenti che hanno permesso questa elezione in extremis - due settimane dopo la dura sconfitta del governo nelle elezioni politiche - ma Carreno sostiene che mente, e che esistono prove che lo dimostrano.

07:32‘Ndrangheta: arresti tra Piemonte, Lombardia e Calabria

(ANSA) - TORINO, 29 GIU - Undici ordinanza di custodia cautelare in carcere sono state eseguite dai carabinieri nei confronti di altrettante persone ritenute affiliate alla 'Ndrangheta. Associazione a delinquere di stampo mafioso, tentato omicidio, usura, estorsione, rapina, danneggiamento, incendio, detenzione illegale di armi e munizioni i reati contestati nei loro confronti a vario titolo. L'operazione, condotta dai militari della Stazione di Chivasso (Torino) nelle province di Torino, Varese, Reggio Calabria, Cosenza e Vercelli, in collaborazione con i reparti competenti per territorio. Sequestrati beni immobili, società e attività commerciali, polizze vita, conti correnti, autovetture di grossa cilindrata, cassette di sicurezza, gioielli e orologi di lusso, e contanti.(ANSA).

04:11Pedofilia, incriminato cardinale Pell

(ANSA) - SYDNEY, 29 GIU - Preceduta da indiscrezioni di stampa, è stata confermata dalla polizia australiana dello Stato di Victoria l'incriminazione del cardinale George Pell, attualmente prefetto degli Affari economici del Vaticano. I fatti contestati risalirebbero agli anni '70, quasi 50 anni fa, quando Pell era un semplice sacerdote a Ballarat, sua città natale. Le notifiche di reato sono state consegnate questa mattina dalla polizia ai rappresentanti legali di Pell a Melbourne e presentate al tribunale davanti al quale il prelato è chiamato a comparire il 18 luglio. Pell ha sempre respinto le accuse e non si è mai sottratto agli interrogatori. La sua volontà di collaborare sarà nuovamente messa alla prova in questa occasione, visto che l'Australia ha accordi di estradizione con l' Italia ma non con il Vaticano.

Archivio Ultima ora