Luci e ombre della realtà americana e la sfida della politica

Pubblicato il 20 maggio 2016 da redazione

US Democratic presidential candidate Hillary Clinton addresses supporters at East Los Angeles College in Los Angeles, California, USA, 05 May 2016.  EPA/MIKE NELSON

US Democratic presidential candidate Hillary Clinton addresses supporters at East Los Angeles College in Los Angeles, California, USA, 05 May 2016. EPA/MIKE NELSON

NEW YORK – Non è tutto oro quello che luccica. Dietro la facciata di benessere e di apertura che offre la società americana, si nasconde una realtà assai diversa dal “sogno americano” al quale ci hanno abituato le grandi produzioni hollywoodiane. E di questo dovrebbero essere coscienti i nostri giovani che guardano agli Stati uniti come fosse la “terra promessa”.

Quella americana è la società dei grandi contrasti, dalle profonde contraddizioni. Una società moderna, multietnica, con una grossa spinta verso il futuro e, allo stesso tempo, assai conservatrice e ancorata alle tradizioni. E’ una società che si riflette nel mondo politico, fra luci e ombre.

La notizia che il Senato abbia confermato la scelta del presidente Obama di promuovere Eric Fanning, apertamente gay, primo segretario dell’Esercito degli Stati Uniti, rappresenta una svolta storica. Fino a cinque anni fa, sarebbe stata una scelta impossibile.

Infatti, era ancora in vigore la norma “don’task, don’t tell” che proibiva ai militari gay o lesbiche di parlare apertamente del loro orientamento sessuale.

La politica, oggi, riflette le due anime più estreme del Paese: quella progressista, interpretata da Sanders, e, quella conservatrice, rappresentata da Trump. Ed anche i due aspetti fondamentali che oggi dividono l’economia americana. La ripresa, anche se lenta, e la nostalgia di un passato che Trump ha fatto suo con lo slogan: “Make American Great again”.

Le statistiche, spesso, traggono in inganno. E, in ogni caso, quasi mai dicono tutta la verità. La ripresa economica c’è. E’ indiscutibile. Lo è anche che la disoccupazione si è ridotta del 5 per cento. Ma ciò non vuol dire che la qualità di vita dell’americano medio sia migliorata. Anzi…

Il fenomeno della delocalizzazione industriale è alle origini delle odierne difficoltà delle famiglie e anche della decisione di alcune realtà locali, come quella di New York ad aprile, di aumentare il salario minimo. E’ questa una battaglia che dal 2012 combattono in particolare i dipendenti dei “fast-food”.

Il tessuto industriale americano, quindi, risente profondamente della riduzione – leggasi ricollocamento all’estero – dei complessi produttivi. Le fabbriche chiudono o sono ridimensionate. Gli ex operai, che all’epoca del boom industriale rappresentavano una specie di aristocrazia poiché ben pagati, ora si ripropongono in impieghi alternativi. Questi non mancano di certo, ma sono mal retribuiti.

Ristoranti, “fast food”, distributori di benzina, “pony-express”, grandi magazzini. Sono tutti lavori che abbondano, ma la paga non è delle migliori. E non certo equiparabile a quella che ricevevano in fabbrica.

La qualità di vita, quindi, ne soffre enormemente. E di questo dovrebbe tener conto chi pensa nell’America come fosse la Mecca. Diversa è la realtà per il professionista, che può proporsi in un ambito di lavoro diverso. Ma anche così, il suo percorso è irto di difficoltà e la concorrenza spietata.

E’ questa l’America che si presenta ai candidati repubblicani e democratici che oggi affrontano le rispettive primarie, primo passo verso la Casa Bianca.

Per Trump il cammino ormai è tutto in discesa. Senza rivali, solo dovrà attendere l’ultimo confronto con la “Grand Old Party” alla “Convention” che dovrebbe incoronarlo definitivamente candidato repubblicano.

In casa dei democratici tira aria diversa. Più complesso e difficile, infatti, è il cammino di Hillary Clinton. Sanders, pur cosciente che solo un miracolo potrà salvarlo dalla sconfitta, non demorde. E mantiene la promessa di portare avanti la sua battaglia fino a quando la matematica, e non il senso comune, indicheranno che non vi è più speranza.

Per l’ex First Lady, la presenza di Sanders rappresenta una spina al fianco, mentre Trump attacca indisturbato. Il senatore “socialista” sta mettendo in mostra tutte le debolezze di Clinton, e l’incapacità dell’ex First Lady di comunicare con alcuni settori importanti dell’elettorato, in primis quello più giovane.

La macchina elettorale, colossale e potente dell’ex Segretario di Stato, pattina, non arranca e, col passare dei giorni, rende sempre più evidente la necessità di un’alleanza futura con l’attuale avversario.

Quando si spegneranno i riflettori sulle primarie democratiche, la diplomazia entrerà in azione per costruire ponti tra coloro che oggi si affrontano senza esclusione di colpi ma anche con un elegante “fair play”, se comparato con il linguaggio che il magnate del mattone ha sempre riservato ai colleghi repubblicani.

La politica è imprevedibile ma, visto gli sviluppi degli ultimi mesi, l’incalzare del tycoon, all’inizio considerato un fenomeno da baraccone, potrebbe offrire spiacevoli sorprese a Clinton che, per sconfiggere il candidato repubblicano, avrà bisogno dell’alleato Sanders.

(Mariza Bafile/Voce)

Ultima ora

19:57Libia: ferma condanna governo Sarraj degli scontri a Tripoli

(ANSAmed) - IL CAIRO, 27 MAG - Il Consiglio presidenziale libico guidato da Fayez al Sarraj, sostenuto dall'Onu, ha condannato con fermezza gli scontri a Tripoli che hanno causato decine di vittime e ha chiesto alla popolazione della capitale di sostenere il suo governo e le milizie che lo appoggiano. In una nota pubblicata sulla sua pagina Facebook il Consiglio ha puntato il dito contro un "gruppo fuorilegge che ha scatenato le violenze" e "ha intimidito la popolazione". Secondo la stessa fonte il gruppo è "diretto da Khalifa al Ghweil", che a sua volta guida il 'governo' di Salvezza nazionale di Tobruk, rivale di Sarraj. "Questo gruppo ha superato ogni limite e ha messo in pericolo la vita dei cittadini, agendo in modo orribile". Il Consiglio di Sarraj ha poi dato ordine di "respingere tutte le formazioni fuorilegge", precisando che "sono stati effettuati contatti con i Paesi amici e le Nazioni Unite per studiare le prossime opzioni", considerato che "la priorità è garantire la sicurezza dei cittadini".

19:47Usa: Hillary Clinton in copertina Ny Magazine,via resistenza

(ANSA) - NEW YORK, 27 MAG - Offensiva mediatica di Hillary Clinton, che conferma di essere parte della ''resistenza'' dopo la bruciante sconfitta. Dopo l'intervento al suo alma mater Wellesley College, trasmesso in diretta dalle maggiori reti televisive, l'ex candidata alla Casa Bianca conquista la prima pagina del New York Magazine, che ricostruisce la ''surreale vita post-elettorale'' della donna che sarebbe potuta essere presidente, fra rabbia, rassegnazione, divertimento e preoccupazione. Nell'intervista Hillary Clinton ricorda la delusione, l'incredulità per quanto stava accadendo. E si sofferma anche sui temi d'attualità, quali il licenziamento di James Comey a capo dell'Fbi. Dopo essere sparita dalla scena pubblica, Hillary sembra ora ritornarci di prepotenza, come solo poche settimane fa aveva lasciato intravedere dicendo di esser parte della 'resistenza'.

19:39Pallavolo: donne, Italia-Olanda 3-1

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - La nazionale italiana di pallavolo femminile si prende la rivincita e dopo una lunga serie negativa riesce a superare 3-1 l'Olanda (17-25 25-18 25-13 25-20) seppur in amichevole. Prima vittoria di Davide Mazzanti sulla panchina azzurra, prima vittoria stagionale e primi sorrisi. Il ct azzurro ha schierato lo stesso sestetto della gara di Apeldoorn (persa con l'identico punteggio di 3-1) ma la scintilla che ha cambiato il volto alla gara è stato l'ingresso in battuta di Sara Loda nel secondo set con l'Italia in difficoltà ed in svantaggio 14-16. Il suo turno con due aces rilancia il gioco e il morale delle italiane che una volta avanti 19-17 giocano più tranquille e in maniera convincente. Se nella prima parte della gara l'Italia è stata molto fallosa, nella seconda ha fatto vedere di avere tante armi. In attacco con Egonu, Bonifacio e Folie, ma anche con le due sorelle Bosetti che sono uscite dal loro guscio nel momento che serviva. Bene De Gennaro e la regista Malinov.

19:27Calcio: Mondiali Under 20, Italia agli ottavi

(ANSA) - CHEONAN (COREA DEL SUD), 27 MAG - Italia e Giappone hanno pareggiato 2-2 in una partita della terza giornata della fase a gironi dei Mondiali under 20. Il risultato qualifica entrambe le nazionali alla fase ad eliminazione diretta. E' successo quindi quanto ipotizzato alla vigilia: un pareggio bastava per passare agli ottavi, e questo è accaduto, con due reti per parte, risultato che permette di passare anche ai giapponesi, come una delle migliori terze. Per l'Italia del ct Evani la partenza era stata fulminante, con il doppio vantaggio con Orsolini e Panico in appena 7', ma la squadra azzurra, paga del risultato, ha poi tirato i remi in barca e il Giappone, con una doppietta di uno scatenato Doan, miglior uomo in campo, ha raggiunto quel pareggio che gli serviva. Negli ottavi agli azzurri toccherà la prima del gruppo E: lo scontro diretto di domani tra Francia e Nuova Zelanda, rispettivamente prima a 6 punti e seconda a 4, deciderà quale sarà l'avversaria dell'Italia giovedì 1 giugno.

19:18Calcio: Watford, Marco Silva nuovo tecnico

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Panchina ancora straniera per il Watford che, per il dopo Walter Mazzarri, ha scelto il portoghese Marco Silva, a sua volta in partenza dall'Hull, dov'era approdato a gennaio senza però riuscire ad evitare la retrocessione in Championship, la seconda divisione inglese. Il 39enne allenatore, precisa il club sul suo sito internet, ha firmato un contratto di due anni. Nel suo palmares, fra l'altro, c'è uno scudetto in Grecia con l'Olympiacos, vinto nel 2016 con sei giornate d'anticipo.

19:07Calcio: Pallotta, per Totti inizia nuova era

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - "Non ci sarà mai un altro Totti". Si chiude così la lunga lettera pubblicata da James Pallotta sul sito della Roma. Il presidente, che sbarcherà domattina nella Capitale, scrive che "sarà per me un privilegio poter essere all'Olimpico per assistere alla fine del primo volume di una carriera leggendaria. Era ed è il simbolo di Roma. Ci sarò per assistere all'ultima partita di Francesco con la maglia giallorossa. È la fine di un capitolo della sua vita e l'inizio di una nuova era". "Se sarò domani allo stadio? Certo che ci sarò, con Totti sono amico e ci vogliamo molto bene. Sarà una partita tra Roma e Genoa ed è importante per la Roma per ottenere la qualificazione in Champions League. Ma è chiaro che domani è un appuntamento che va oltre un discorso della singola squadra". Lo ha detto il presidente del Coni Giovanni Malagò, intercettato dai cronisti all'85/o Csio di Piazza di Siena a Roma.

19:02Calcio: azzurri, c’è anche Romagnoli

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - C'è anche Alessio Romagnoli nel gruppo della nazionale di Gian Piero Ventura attesa dalla doppia sfida con Uruguay e Liechtenstein. La Figc ha infatti reso noto che è stato chiamato anche il difensore del Milan: gli azzurri convocati sono così 27.

Archivio Ultima ora