Addio Pannella, profeta dei diritti. Sue le armi dei digiuni e del referendum

Pubblicato il 20 maggio 2016 da redazione

L'omaggio di Radio Radicale a Marco Pannella

L’omaggio di Radio Radicale a Marco Pannella


ROMA – Quanti sigari toscani avrà fumato Marco Pannella in tutta la sua vita? Tanti, anche dopo che gli scoprirono un tumore al fegato e un altro ai polmoni (“li curo con sessanta toscanelli alla grappa al giorno” si vantò in un’intervista all’esordio della malattia).

Ma Pannella non era un uomo che amava le mezze misure. La sua stella polare non era la prudenza. Capopartito, guru, difensore degli emarginati, censore della partitocrazia e politico navigato, alfiere dei diritti individuali e inventore della disobbedienza civile: Pannella è stato tutte queste cose e molte altre ancora. Uno capace di attirare tra i radicali i giovani contestatori degli anni settanta e poi, vent’anni dopo, di allearsi con Berlusconi.

Ma nessuno direbbe che è stato un voltagabbana. Per lui l’importante era far vincere le sue idee. Certo non è stato un politico convenzionale: farsi arrestare per aver fumato uno spinello in pubblico (successe nel 1975) non è da tutti. Anche la sua vita privata è stata fuori dagli schemi:
– Sono legato da 40 anni alla mia compagna Mirella, ma ho avuto tre o quattro uomini che ho amato molto. E con lei non c’è stata mai nessuna gelosia.

Nessun figlio dalla moglie; ma forse più d’uno, per sua stessa ammissione, sparsi in giro per l’Italia, frutto dei suoi amori giovanili. I successi li ha costruiti con due armi: le sue parole e il suo corpo. Era lui il “signor Hood” di una canzone che gli aveva dedicato Francesco De Gregori: “con due pistole caricate a salve e un canestro pieno di parole”.

Con la sua ars oratoria (al limite della logorrea) ipnotizzava chi lo ascoltava. Ma era con la forza del suo corpo che lanciava le idee radicali fuori dal recinto della poli- tica, per farle viaggiare lontano.

– Invece di mostrare i muscoli mostri la tua magrezza. Guardate Gandhi. Lui però quando digiunava stava al letto, io non mi fermo un attimo – spiegò in una recente intervista al Fatto quotidiano, dalla quale traspariva anche tutto il suo narcisismo.

Cominciò da subito a usare le armi del pacifismo del Mahatma: nel 1968, al momento dell’invasione della Cecoslovacchia da parte dei sovietici, era all’est, in Bulgaria: avuta la notizia dell’arrivo dei carri armati a Praga inscenò una protesta solitaria, alzando cartelli e gridando slogan contro i sovietici.

Le guardie bulgare lo ammanettarono e lo portarono in prigione chiedendosi chi fosse quel giovane con il naso aquilino che urlava ai passanti. Era solo il primo di centinaia di happening: disobbedienza civile, arresti, digiuni (in “radicalese” Satyagraha) maratone oratorie, imbavagliamenti: tutto pur di far arrivare il messaggio.

Con lui alla guida il partito radicale cessa di essere il circolo snob degli intellettuali eredi del laicismo ottocentesco e si trasforma in una macchina per la diffusione del verbo pannelliano. La sede di Torre Argentina diventa il crocevia di giovani pronti ad andare in carcere per renitenza alla leva (l’obiezione di coscienza è ancora lontana), femministe, proto-ambientalisti, gay, coltivatori di cannabis.

C’è un’aria rivoluzionaria, ma il ‘68 c’entrava fino a un certo punto. Pannella è liberale, crociano, anticomunista, e i gruppuscoli dell’estrema sinistra mandano in giro la voce che sia finanziato dalla Cia e dal Mossad.

Ma il punto di svolta arriva nel 1973. L’idea gliela dà la Chiesa, che scende in campo con un referendum contro la legge sul divorzio, entrata in vigore tre anni prima. Era la prima volta che gli italiani venivano chiamati a pronunciarsi con un referendum. Pannella dà battaglia, si prende la scena, il no all’abrogazione vince.

E lui capisce che gli italiani sono pronti, anche i moderati, a non seguire le indicazioni della Dc e della Chiesa. E allora giù una raffica di referen- dum: in 40 anni di Pannella ne chiede 117, raccogliendo più di 60 milioni di firme: 47 vengono votati, e 35 volte gli italiani fanno vincere il sì: via il finanziamento ai partiti (che però uscito dalla porta rientra dalla finestra) via la legge Reale sulle limitazioni personali per motivi di ordine pubblico, via il nucleare, via la caccia senza limiti. Sotto la minaccia di un referendum viene approvata la legge sull’aborto.

Poi gli italiani si stufarono e cominciarono a disertare le urne. E allora Pannella punta tutto sul “ricatto” degli scioperi della fame e della sete e apre altri fronti: provvedimenti di clemenza per svuotare le carceri sovraffollate, lotta alla fame nel mondo, moratoria della pena di morte. Temi su cui aveva il monopolio.

Era laico e anticlericale, ma per questo suo impegno si guadagnò l’apprezzamento di Papa Francesco: gli telefonò durante uno degli ultimi digiuni, cominciato quando era già stato colpito dalla malattia, e gli chiese di non andare fino in fondo.

A Pannella si deve anche l’arrivo dell’ostruzionismo parlamentare. Alla guida della sua pattuglia di sette deputati, nel 1976 Pannella cominciò a sabotare riti e certezze della malapolitica a colpi di discorsi chilometri, anche sette-otto ore in piedi davanti al microfono per impedire l’approvazione delle leggi “liberticide”. Non potendo mai allontanarsi dal banco durante l’intervento si era attrezzato con un contenitore dove fare pipì.

Non si fermava davanti a niente. Nemmeno di fronte al rischio di non essere capito. L’elezione in Parlamento nelle liste radicali del teorico dell’autonomia operaia Toni Negri, gli si ritorse contro nel momento in cui il professore approfittò della libertà per scappare in Francia.

Ancora peggio andò con Ilona Staller (Cicciolina), candidata ed eletta nel 1986: pochi capirono perchè Pannella l’avesse voluta in Parlamento. Ma la sua difesa di Tortora dalle “giustizia ingiusta” che lo aveva colpito fu sacrosanta e oggi è universalmente riconosciuta come tale.

Negli ultimi anni è circolata l’idea di assegnargli il seggio di senatore a vita, come riconoscimento. Lui era perplesso, ma in fondo avrebbe gradito. Ma i vari inquilini del Colle gli hanno sempre preferito altri. Così Pannella è restato uno dei pochi uomini politici con molte vittorie all’attivo ma nessuna poltrona.

(Marco Dell’Omo/Ansa)

Ultima ora

17:47Calcio: Zidane, non posso immaginare Real senza Ronaldo

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - "Non posso immaginare un Real Madrid senza Cristiano": all'indomani delle indiscrezioni della stampa che ventilano una possibile uscita del 5 volte Pallone d'Oro, il tecnico merengue getta acqua sul fuoco: "E' nella squadra in cui deve stare - ha detto Zizou nella conferenza stampa alla vigilia del match di Coppa del Re contro il Leganes - Il club, i tifosi, tutti lo amano e, ripeto, non vedo un Real senza di lui. Quello che mi interessa è la parte sportiva. Siamo in un momento difficile, ma lui è lì. Cristiano deve pensare a giocare, come ha sempre fatto. Non voglio parlare del contratto o di altre cose. Di questo deve parlarne col club. Quello che mi interessa è quello che fa sul campo. Il resto lo gestisce lui e io non mi intrometto", ha aggiunto.

17:43M5S: parlamentarie, si punta a prima lista già giovedì sera

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Una prima lista provvisoria di vincitori da diffondere giovedì sera: è questo l'obiettivo al quale puntano, secondo diverse fonti parlamentari, i vertici del M5S. Le votazioni online potrebbero essere prorogate anche domani dalle 10 alle 14 visti i rallentamenti registrati sul sistema Rousseau ma, nonostante questo, il Movimento starebbe puntando ad annunciare una prima lista di vincitori prima della kermesse prevista a Pescara (rpt, Pescara) venerdì, sabato e domenica, kermesse dedicata proprio all'illustrazione del programma M5S agli attivisti e a chi siederà in Parlamento. Difficile, quindi, che la lista dei candidati sia diffusa durante l'evento pescarese con il rischio che diversi partecipanti si ritroverebbero esclusi "in diretta". Sulla lista provvisoria, comunque, i vertici faranno un'ulteriore verifica, in particolare sui certificati penali e sulle indagini a carico. In alcuni casi, infatti, i candidati non hanno fatto in tempo a inviare le certificazioni giudiziarie richieste.

17:40M5S: escluso da parlamentarie il vignettista ‘Marione’

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - C'è anche il vignettista Marione tra gli autocandidati al M5s che non hanno passato il vaglio delle selezioni. Lo annuncia lui stesso su Twitter dove posta la sua "comunicazione importante". "Non risulto tra i candidati. Per cui non potrete votarmi. Grazie a tutti coloro che mi stanno scrivendo, mi dispiace", scrive il disegnatore che si era candidato avvertendo: "Domani sceglieremo i nostri candidati portavoce in Parlamento. Ancora non so se sarò tra questi. Qualora fosse, e qualcuno volesse votarmi, vi avviso subito: non sarò 'moderato', non sarò 'diplomatico', non smetterò di essere 'intransigente' contro chi ha distrutto il Paese".

17:34Camera: Boldrini, per me ultima seduta, sono emozionata

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - "Questa è l'ultima seduta che presiedo, c'è un po' di emozione. Si chiude una parentesi". Lo ha detto la presidente della Camera Laura Boldrini ad alcuni giornalisti primi dell'inizio della seduta della Camera dedicata alle missioni all'estero. La presidente ha incontrato il gruppetto dei giornalisti, che stavano conversando con Pino Pisicchio, capogruppo del Misto, e si è fermata per salutare e per fare gli auguri di buon anno e poi, sorridendo, ha osservato che di lì a poco sarebbe iniziata per lei "l'ultima seduta".

17:27M5S: parlamentarie, su blog ancora proteste, verso ricorsi

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Ancora proteste sul blog di Beppe Grillo per i rallentamenti che si registrano sulla piattaforma Rousseau in questo secondo giorno di votazioni. "Votare su Rousseau è roba da fanta-horror", scrive un utente di Palermo laddove Vincenzo chiede: "E' normale che ci siano tutte queste difficoltà per votare? Si può ipotizzare interventi esterni tendenti a incasinare il blog?". In diversi chiedono l'intervento dei vertici mentre alcuni utenti, più benevoli, invitano alla calma: "Ci vuole solo un po' di pazienza che è la virtù dei forti", scrive Adelaide. Intanto gli esclusi dalle parlamentarie sembrano attrezzarsi per una pioggia di ricorsi. "Mi hanno chiamato in una trentina tra ieri e oggi ma ho declinato l'incarico perché lo ritengo contrario ai principi che mi stanno portando a difendere gli iscritti alla prima associazione del M5S", spiega l'avvocato Lorenzo Borré osservando: "chi si è candidato ha infatti accettato si aderire alla terza associazione contro la quale ci stiamo battendo".

17:10Sculacciata in ufficio, per giudice non è reato

(ANSA) - VICENZA, 17 GEN - Una sculacciata data in ufficio, seppur davanti agli altri colleghi, ma con "spirito goliardico", e senza morbosità, non sconfina nella violazione penale. Questa è la decisione assunta dal gip del Tribunale di Vicenza che ha archiviato un'inchiesta a carico di un dirigente 38enne accusato di violenza sessuale da un'impiegata, nell'ipotesi lieve delle molestie. La donna, in tre distinte occasioni, aveva ricevuto dal 38enne, suo diretto responsabile, delle pacche sul sedere mentre passava tra le scrivanie. Nell'esposto l'impiegata lo aveva accusato anche di ingiurie, per il modo brusco con cui veniva invitata a svolgere le sue mansioni; ma il reato, nel frattempo depenalizzato, è perseguibile solo nel civile. La Procura aveva raccolto le testimonianze dei colleghi della vittima, che avrebbero 'derubricato' a gesto goliardico, seppur eccessivo, le sculacciate, distribuite dal dirigente un po' a tutti i componenti dell'ufficio. Su questa base il pm ha chiesto l'archiviazione, accolta dal giudice.

16:55Diciottenne ucciso: tutta Crotone a dargli l’ultimo saluto

(ANSA) - CROTONE, 17 GEN - Migliaia di persone, praticamente tutta la città, hanno voluto dare il loro commosso ultimo saluto a Giuseppe Parretta, il 18enne ucciso sabato scorso a Crotone. Una partecipazione tanto imponente da non poter essere contenuta nella basilica cattedrale dove si sono svolti i funerali. E così la piazza antistante e quelle limitrofe si sono riempite di uomini, donne, ragazzi raccolti nel dolore, conseguenza di un evento vissuto come un lutto collettivo, ma anche accomunati da un sentimento di solidarietà e vicinanza alla famiglia della vittima. "Mio figlio - ha detto la mamma Katia Villirillo - era un piccolo grande uomo". Le esequie sono state officiate dal rettore don Serafino Parisi e concelebrate da tutti i parroci della città con la bara bianca poggiata ai piedi dell'altare. Don Serafino ha detto che si "sta manifestando una pacifica rivolta morale, un malessere che ha un duplice significato: la vicinanza della comunità ai familiari ed il rifiuto e il disgusto per quello che è accaduto". (ANSA).

Archivio Ultima ora