Renzi apre la campagna per il referendum costituzionale

Pubblicato il 21 maggio 2016 da redazione

renzi apre

ROMA. – A 5 mesi di distanza, Matteo Renzi prende la rincorsa. E al teatro sociale di Bergamo, alza il sipario sulla campagna referendaria, dando il via alla raccolta delle firme dei cittadini per avviare una mobilitazione che nelle ambizioni del premier dovrà essere “gigantesca”.

“Noi la faccia ce la mettiamo. Tutti devono avere consapevolezza che in Italia non è in ballo il destino di un singolo ma di una comunità”, è la chiamata alle armi del leader dem che chiede il sì alla riforma istituzionale e rilancia che se perde lascia “perchè non siamo quelli degli inciuci, non siamo la casta”.

Attento a non sovrapporre la battaglia politica alle commemorazioni in onore di Marco Pannella, Renzi conferma l’orario mattutino della manifestazione di Bergamo solo quando i Radicali fanno sapere che il funerale laico sarà nel pomeriggio a piazza Navona.

Ma in mattinata, firmando con il governatore Nicola Zingaretti un’intesa per le opere pubbliche nel Lazio, rivendica il valore della politica se c’è “straordinaria concretezza” e resta distante dalla “politica politicante” che toglie credibilità.

“Stiamo dando stabilità a questo paese ed è per farlo correre, non per tenerlo immobile”, è la premessa con cui il premier elenca risultati recenti come il via libera dell’Ue alla richiesta italiana di flessibilità ed il Migration Compact.

Uno dei pilastri, forse il pilastro, su cui per Renzi “l’Italia torna a fare l’Italia”, è la riforma costituzionale. “Il referendum – sostiene il capo del governo – è importantissimo: riduce di un terzo i parlamentari, mette un tetto agli stipendi dei consiglieri regionali. Un passo alla volta, finalmente, stiamo tornando a fare l’Italia”.

La sfida è tutt’altro che semplice ed il segretario dem ha intenzione di affrontarla di petto mettendo sul piatto il suo futuro non solo come premier ma in politica. Posta in gioco che gli oppositori hanno ben presente: a Bergamo Fi si mobilita per il no, “un ‘no’ – ha detto Silvio Berlusconi – contro il rischio regime”.

Ma l’appello ad una tregua interna di 5 mesi fino ad ottobre non sembra funzionare nel Pd. Anche se i toni si sono abbassati, la tensione è evidente. “Il referendum costituzionale è il congresso del Partito Democratico”, è la tesi con cui Gianni Cuperlo torna a mettere in guardia da una mutazione genetica del partito dovuta al sostegno di Denis Verdini.

“Stavo in pensiero che la minoranza non avesse un pensiero critico”, ironizza Renzi. Ma il gelo tra maggioranza e minoranza è stato plateale alla Camera: il segretario dem lascia la sala Aldo Moro dopo l’omaggio a Pannella e incrocia Gianni Cuperlo. Tra i due solo una formale e velocissima stretta di mano. Eppure il vero congresso del Pd comincerà solo tra sei mesi.

(di Cristina Ferrulli/ANSA)

Ultima ora

04:58Terremoto: scossa 3.2 nel Reatino, Amatrice trema ancora

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - Una scossa di magnitudo 3.2 è stata registrata alle 4:08 dall'Ingv nella provincia di Rieti ad una profondità di 9 km. I comuni più vicini all'epicentro sono Amatrice, Campotosto, Accumoli e Capitignano. (ANSA).

00:24Mondiali 2018: Montenegro-Polonia 1-2

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Vittoria esterna delle Polonia che ha battuto 2-1 Montenegro in una partita giocata a Podgorica e valida per il gruppo E delle qualificazioni al Mondiale del 2018. Ha aperto le marcature Lewandowski al 40' per la Polonia, pari di Mugosa al 62'. La rete della vittoria porta la firma di Piszczek all'81'.

00:22Mondiali 2018: Scozia-Slovenia 1-0

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - La Scozia ha battuto 1-0 la Slovenia in una partita giocata a Glasgow e valida per il gruppo F delle qualificazioni al Mondiale del 2018. La rete è stata segnata da Martin all'88'.

00:13Mondiali 2018: Irlanda del Nord-Norvegia 2-0

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - A Belfast l'Irlanda del Nord ha battuto 2-0 la Norvegia in una partita valida per il gruppo C delle qualificazioni ai mondiali di Russia 2018. Le reti sono state segnate da Ward al 2' e Washington al 32'.

23:28Calcio: Bari-Novara 0-0, pugliesi rallentano ancora

(ANSA) - BARI, 26 MAR - Il Bari, dopo la debacle di Trapani, rallenta ancora la sua marcia verso l'alta classifica pareggiando 0-0 con il Novara al San Nicola. Nonostante il sostegno dei 21mila sugli spalti, Floro Flores e Brienza non sono riusciti a scardinare l'ordinata difesa disposta da Boscaglia. Nella ripresa Floro Flores ha avuto due buone occasioni non concretizzate, mentre il Novara si è difeso con ordine. Nel finale c'è stato lo sterile forcing pugliese, ma l'innesto di Maniero per un attacco a due punte non ha accresciuto il potenziale balistico biancorosso e soprattutto non ha dato i risultati sperati. Il Bari sale a quota 47, mentre il Novara resta in scia con 46 punti.

22:32Ventenne pestato da branco ad Alatri, è morto a Roma

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - E' morto stasera all'Umberto I di Roma il ventenne di Alatri pestato a sangue in piazza nella città in provincia di Frosinone. Lo si è appreso da fonti investigative. Emanuele Morganti non ce l'ha fatta dopo ore di agonia ed un intervento chirurgico. Era stato aggredito due notti fa da un gruppo di persone dopo una lite in un locale nel centro storico del comune frusinate per difendere la fidanzata. Il pm della procura di Frosinone ed i carabinieri stanno interrogando alcuni sospettati.

21:49Marine Le Pen, ‘l’Ue morirà, la gente non la vuole più’

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - "L'Unione europea morirà perche' la gente non la vuole più". Ne è convinta Marine Le Pen, la candidata euroscettica alle presidenziali in Francia. Durante un comizio elettorale a Lille la leader del Front National ha rassicurato i suoi sostenitori che lasciare l'eurozona, come da lei proposto, "non trascinerebbe il Paese nel caos". "E' arrivato il tempo di sconfiggere i 'globalisti'. Il mio è un messaggio di libertà, emancipazione e liberazione", ha aggiunto Le Pen invitando "tutti i patrioti a riunirsi sotto la nostra bandiera".

Archivio Ultima ora