Renzi apre la campagna per il referendum costituzionale

Pubblicato il 21 maggio 2016 da redazione

renzi apre

ROMA. – A 5 mesi di distanza, Matteo Renzi prende la rincorsa. E al teatro sociale di Bergamo, alza il sipario sulla campagna referendaria, dando il via alla raccolta delle firme dei cittadini per avviare una mobilitazione che nelle ambizioni del premier dovrà essere “gigantesca”.

“Noi la faccia ce la mettiamo. Tutti devono avere consapevolezza che in Italia non è in ballo il destino di un singolo ma di una comunità”, è la chiamata alle armi del leader dem che chiede il sì alla riforma istituzionale e rilancia che se perde lascia “perchè non siamo quelli degli inciuci, non siamo la casta”.

Attento a non sovrapporre la battaglia politica alle commemorazioni in onore di Marco Pannella, Renzi conferma l’orario mattutino della manifestazione di Bergamo solo quando i Radicali fanno sapere che il funerale laico sarà nel pomeriggio a piazza Navona.

Ma in mattinata, firmando con il governatore Nicola Zingaretti un’intesa per le opere pubbliche nel Lazio, rivendica il valore della politica se c’è “straordinaria concretezza” e resta distante dalla “politica politicante” che toglie credibilità.

“Stiamo dando stabilità a questo paese ed è per farlo correre, non per tenerlo immobile”, è la premessa con cui il premier elenca risultati recenti come il via libera dell’Ue alla richiesta italiana di flessibilità ed il Migration Compact.

Uno dei pilastri, forse il pilastro, su cui per Renzi “l’Italia torna a fare l’Italia”, è la riforma costituzionale. “Il referendum – sostiene il capo del governo – è importantissimo: riduce di un terzo i parlamentari, mette un tetto agli stipendi dei consiglieri regionali. Un passo alla volta, finalmente, stiamo tornando a fare l’Italia”.

La sfida è tutt’altro che semplice ed il segretario dem ha intenzione di affrontarla di petto mettendo sul piatto il suo futuro non solo come premier ma in politica. Posta in gioco che gli oppositori hanno ben presente: a Bergamo Fi si mobilita per il no, “un ‘no’ – ha detto Silvio Berlusconi – contro il rischio regime”.

Ma l’appello ad una tregua interna di 5 mesi fino ad ottobre non sembra funzionare nel Pd. Anche se i toni si sono abbassati, la tensione è evidente. “Il referendum costituzionale è il congresso del Partito Democratico”, è la tesi con cui Gianni Cuperlo torna a mettere in guardia da una mutazione genetica del partito dovuta al sostegno di Denis Verdini.

“Stavo in pensiero che la minoranza non avesse un pensiero critico”, ironizza Renzi. Ma il gelo tra maggioranza e minoranza è stato plateale alla Camera: il segretario dem lascia la sala Aldo Moro dopo l’omaggio a Pannella e incrocia Gianni Cuperlo. Tra i due solo una formale e velocissima stretta di mano. Eppure il vero congresso del Pd comincerà solo tra sei mesi.

(di Cristina Ferrulli/ANSA)

Ultima ora

20:42Usa: maltempo e tornado, in Georgia 11 morti e 23 feriti

(ANSA) - NEW YORK, 22 GEN - Il maltempo si abbatte sulla Georgia e fa almeno 11 morti e 23 feriti. Il bilancio e' ancora provvisorio, con i mezzi di soccorso ancora impegnati a far fronte all'emergenza tornado nell'area.

20:31Terremoto: turbine da Fiumicino liberano frazioni isolate

(ANSA) - FIUMICINO, 22 GEN - Liberate, nelle ultime ore, dai blocchi di neve diverse frazioni isolate di Amatrice, tra i 1300 e 1450 metri di quota. Sono gli ultimi interventi delle squadre della Protezione civile-Associazione Nuovo Domani di Fiumicino e del personale specializzato di Aeroporti di Roma, 11 persone in totale, che da 4 giorni sono in azione tra Accumoli, Torrita, Amatrice e Ussita. Le squadre, in 4 giorni, hanno già rimosso la neve su 340 chilometri di strade, in luoghi con casali e fattorie isolate, e liberato anche mezzi sepolti dalla neve. Gli ultimi interventi hanno riguardato, nel comune di Amatrice, le frazioni di Domo, Poggio Vitellino, Rocca Salli, Villanova, Scandarello, Colle Moresco, oltre alla provinciale 18 di Accumoli. I lavori sono stati svolti attraverso l'impiego di 3 speciali turbine messe a disposizione dagli aeroporti di Fiumicino e Ciampino. I macchinari consentono di rimuovere dalle strade e in prossimità delle abitazioni blocchi di neve ghiacciata particolarmente duri e di grossi dimensioni.

20:14Georgiano ucciso nel Barese, forse con colpo pistola

(ANSA) - BARI, 22 GEN - Un georgiano di 45 anni è stato assassinato, forse con un colpo di pistola alla schiena: il cadavere è stato trovato stamani su una panchina di piazza Simon Bolivar, a Corato, nel Barese. In un primo momento si era pensato ad un malore, ma l'ispezione cadaverica esterna ha evidenziato una ferita alla schiena, verosimilmente prodotta da una pistola di piccolo calibro. Sulla vicenda indaga la polizia che ha acquisito i filmati delle telecamere di sorveglianza. Dalle informazioni raccolte dalla Squadra Mobile, l'uomo - ha riferito la moglie - ieri sera ha partecipato a una festa tra connazionali. L'ipotesi più plausibile è che possa esserci stato un diverbio durante la serata o immediatamente dopo. Sul luogo in cui è stato trovato il cadavere la polizia non ha trovato né tracce di sangue né bossoli. E' probabile, quindi, che l'uomo sia stato ferito altrove e che sia stato portato in piazza, oppure che l'abbia raggiunta a piedi morendo poco dopo. Alcuni testimoni vengono ascoltati in questura. (ANSA).

20:12Rigopiano: individuata in hotel sesta vittima

(ANSA) - PENNE (PESCARA), 22 GEN - I vigili del fuoco hanno individuato il corpo di una vittima all'interno dell'Hotel Rigopiano. Si tratta di un uomo ed è la sesta vittima ufficiale, finora, della slavina che ha investito l'albergo.

20:08Calcio: Empoli, Martusciello “ancora non parliamo salvezza”

(ANSA) - EMPOLI (FIRENZE), 22 GEN - "Ancora la strada è lunga, la possibilità di perdere punti è ancora concreta. Stiamo facendo passi importanti, ma è presto". Il tecnico dell'Empoli, Giovanni Martusciello, è forse troppo prudente, ma è chiaro che per la matematica il +11 sulla terz'ultima non è ancora sufficiente. Il successo contro l'Udinese è comunque importantissimo: "Fino al 35' eravamo sullo 0-0 e rischiavamo pur sempre di perdere. Accolgo questi tre punti con grande soddisfazione perché non eravamo al meglio e perché ho dovuto scegliere una situazione tattica, senza Saponara, mai vista. Pucciarelli mi è piaciuto. Meno Mchedlidze, ma ha segnato e questo è importante. Un grande gol il suo".

19:58Maltempo: ancora rischio valanga a Lama dei Peligni

(ANSA) - LAMA DEI PELIGNI (CHIETI), 22 GEN - "Non ritengo si possa rientrare nelle case, almeno finché non avrò dati analitici dai tecnici che mi assicurano allarme cessato". Permane il rischio valanga a Lama dei Peligni, sotto al massiccio della Majella, dove il sindaco due giorni fa ha emesso un'ordinanza di sgombero per 12 case. Le 35 persone che ci vivono sono ospiti presso parenti, amici e strutture alberghiere. "I cittadini vogliono risposte - dice il sindaco Andrea Di Fabrizio - Sono in parte arrabbiati, ma il primo sono io. Dopo l'eccezionale nevicata del 2012, con l'ausilio di relazioni Meteomont abbiamo preparato, per ampliare la rete di paravalanghe, progetti trasmessi al ministero dell'Ambiente e alla Protezione civile regionale, ma nonostante le mie sollecitazioni non abbiamo mai avuto risposta". "Sapevo che prima o poi ci saremmo trovati in una situazione simile - continua Di Fabrizio - Chi non vive qui non si rende conto. Teniamo presente che sulla direttrice della slavina ci sono tralicci dell'alta tensione". "Ringrazio la cittadinanza per come sta collaborando, le forze dell'ordine e il personale del Comune, che lavora nel Coc attivato dall'inizio dell'emergenza maltempo, e la Forestale" Il progetto di cui parla il sindaco prevede l'ampliamento dei fronti delle rastrelliere fermaneve a monte e del cuneo spaccafronte a valle. Per realizzarlo servirebbero 2 milioni di euro. "Al momento dalla Protezione civile abbiamo ottenuto uno stanziamento d'urgenza di 150mila euro per la manutenzione straordinaria dei paravalanghe in legno" spiega ancora di Fabrizio.

19:58Calcio: Genoa, Juric “abbiamo perso sicurezza”

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Ho parlato nello spogliatoio con Preziosi, ci siamo confrontati per capire alcune cose. Siamo in emergenza in mezzo, abbiamo fuori sia Cataldi sia Rigoni e calcolavamo come poter affrontare la prossima sfida". L'allenatore del Genoa, Ivan Juric, spiega così l'incontro con il presidente dopo il 2-2 col Crotone. "Abbiamo perso un po' di sicurezza e facciamo meno possesso palla, queste sono le difficoltà - prosegue Juric - poi abbiamo preso due gol su calci piazzati lontani dalla nostra porta e questo ci ha penalizzato molto. Al di là delle cessioni, penso che siamo stati anche molto sfortunati: penso agli infortuni di Veloso e Perin".

Archivio Ultima ora