Renzi, senza le riforme l’Italia diventa il paradiso degli inciuci

Pubblicato il 22 maggio 2016 da redazione

referendum-costituzionale

BERGAMO. – Se la riforma costituzionale al referendum di ottobre sarà bocciata il Paese “andrà all’ingovernabilità” e sarà “il paradiso terrestre degli inciuci”: parola del presidente del Consiglio, Matteo Renzi, che ha lanciato la campagna per il “Sì” dal teatro sociale di Bergamo, non senza qualche contestazione degli antagonisti.

Adesso si sceglie chi governa con un accordo in Parlamento “e io ne sono la dimostrazione” ha spiegato, mentre in futuro saranno i cittadini con il loro voto a “scegliere, al posto degli inciucisti di Roma” dando la maggioranza a un solo partito.

L’elenco dei vantaggi della riforma che elenca è lunghissimo: tagli agli stipendi dei consiglieri regionali e dei presidente di Regione, cancellazione dei rimborsi così nessuno si potrà comperare “mutande verdi” con i fondi pubblici come accaduto in Piemonte, risparmio dei 315 stipendi dei senatori in un Parlamento che adesso “è il più costoso del mondo”, competenze chiare delle Regioni che si devono occupare di far andare “bene il trasporto pubblico e la sanità” e non di energia.

E procedure più snelle per le leggi con un monocameralismo di cui, ha sottolineato, parlava “direttamente Enrico Berlinguer”.

Messaggio nemmeno tanto velato alle critiche della sinistra che ha replicato con Nicola Fratoianni di Sinistra Italiana chiedendosi “chissà come si sentirebbe scomodo Berlinguer a fianco a Verdini…”.

La sintesi del discorso di Renzi per lanciare la campagna (e il sito) “BastaUnSì” è arrivata sotto forma di colonna sonora con le note della canzone di Patty Smith ‘People Have the Power’, ovvero la gente ha il potere.

Centomila firme in due giorni e diecimila comitati entro ottobre sono l’obiettivo di Renzi, convinto che la riforma sarà votata anche “da tantissimi elettori del Movimento 5 stelle, della Lega Nord e di Forza Italia”. E questo anche se i parlamentari di quei partiti hanno “una fifa matta di perdere le poltrone” perché dicono “Roma ladrona, ma quando si accomodano ci stanno benissimo”.

Immediata la risposta di Luigi Di Maio, scettico sul fatto che i pentastellati possano votare “Sì” e convinto che Renzi si impegni per il referendum perché pensa di perdere le comunali. Opinione condivisa anche dal leghista Roberto Maroni.

In effetti, da Bergamo, di comunali Renzi non ha parlato. Il presidente ha dedicato tutto il tempo al referendum che è “una speranza per il futuro”, per il cambiamento. “Non è un caso che nel fronte del “No” ci siano tutti e il contrario di tutti – ha osservato – uniti dall’esigenza di dire no, non si cambia” mettendo insieme anche “Berlusconi e Magistratura democratica” che “magari diventeranno amici”.

D’altronde negli ultimi anni gli esponenti della politica sono stati gli stessi, un po’ come il wrestling dove tutti si picchiano, ha spiegato, ma alla fine sono sempre lì perché “è una grande finta”. Lui invece se il referendum sarà bocciato, si dimetterà.

“Non voglio personalizzare minimamente la campagna” ha assicurato, rispondendo alle critiche di esponenti Pd come l’ex segretario Pier Luigi Bersani. “Loro la chiamano personalizzazione, io serietà. Se vogliono gli inciuci – ha concluso – ne prendano uno più bravo di me. Se invece vogliono le riforme io continuo”.

(dell’inviata Bianca Maria Manfredi/ANSA)

Ultima ora

13:48Tennis: Roland Garros, Schiavone subito fuori

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Francesca Schiavone esce al primo turno del Roland Garros, torneo che la vide trionfare nel 2010 e giocare un'altra finale l'anno dopo. La 36enne milanese, che ha annunciato il ritiro a fine stagione, si è arresa sul campo Philippe Chatrier per 6-2 6-4 alla campionessa in carica dello Slam parigino, la spagnola Garbine Muguruza (numero 5 del ranking mondiale e quarta testa di serie del torneo). Sempre oggi esordio per Sara Errani, impegnata contro la giapponese Misaki Doi mentre in campo maschile toccherà a Fabio Fognini, Andreas Seppi, Simone Bolelli e Stefano Napolitano. Fognini, testa di serie n.28, incontra lo statunitense Frances Tiafoe, Seppi se la deve vedere con il colombiano Santiago Giraldo proveniente dalle qualificazioni mentre Bolelli e Napolitano, anche loro qualificati, affrontano rispettivamente il francese Nicolas Mahut e il tedesco Mikhail Zverev, testa di serie n.32.

13:46Camorra: emergenza a Napoli, convocato Comitato Ordine

(ANSA) - NAPOLI, 29 MAG - La recrudescenza criminale a Napoli e in provincia sarà al centro di una riunione del Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica convocato dal prefetto Carmela Pagano per mercoledì prossimo. Nel Napoletano infatti, si torna a sparare e gli agguati hanno provocato sei morti in due giorni. Le ultime due vittime, sabato scorso, di una criminalità sempre più agguerrita sono stati Carlo Nappello, di 44 anni, incensurato, e suo nipote, Carlo Nappello, di 23.

13:16Calcio: Montella, Donnarumma? Ho la sua firma…

(ANSA) - SANTA MARGHERITA DI PULA (CAGLIARI), 29 MAG - Vincenzo Montella sta provando in ogni modo a convincere Gianluigi Donnarumma a siglare il rinnovo di contratto, anche con un espediente spiritoso. "L'altro giorno gli ho fatto fare una firma su un foglio bianco, quindi potrei fregarlo come meglio credo, e forse non sarei il primo..." ha scherzato l'allenatore rossonero, che partecipa assieme all'ad Marco Fassone al workshop del Milan con gli sponsor, ospitato dal Forte Village di Santa Margherita di Pula (Cagliari). Se il rinnovo di Donnarumma andrà in porto, chissà che per il portiere non si profili una carriera con un'unica maglia, come ha fatto Totti con la Roma fino all'epilogo di ieri. "Il saluto all' Olimpico è stato un evento veramente emozionante, dopo una storia d'amore di 25 anni: per me vale più di tante coppe - ha notato Montella - Chi se la sente, ha la capacità, la fortuna e riesce a coltivare questo amore nella sua carriera, rinunciando a tante squadre, a coppe o altro, ha un grande privilegio".

13:14Gentiloni, al via investimenti per 47 mld in 15 anni

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - "Oggi diamo il via libera ad un grande piano di investimenti pubblici per infrastrutture e altre opere pari a 47 miliardi per i prossimi 15 anni: siamo tutti consapevoli che gli investimenti sono decisivi per dare ossigeno alla ripresa". Così il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, a Palazzo Chigi, firmando il decreto presidenziale di ripartizione dei fondi di investimento.

13:11Morte in rogo: due indagati per omicidio plurimo

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Ci sono due indagati per il rogo del camper in cui sono morte tre sorelle il 10 maggio scorso nel parcheggio di un centro commerciale a Centocelle, quartiere di Roma. Si tratta di due uomini, anche loro di origine rom come le vittime, da oggi iscritti nel registro degli indagati con l'accusa di omicidio plurimo, tentato omicidio e porto di oggetti incendiari. La pista seguita da inquirenti ed investigatori è quella di una vendetta. Sono stati identificati grazie ad alcune testimonianze e le immagini delle telecamere di sicurezza.

13:07Calcio: amichevole a Merano, c’è anche Zidane

(ANSA) - BOLZANO, 29 MAG - Sabato 10 giugno, alle ore 18, è in programma al campo sportivo Combi di Merano un evento sportivo speciale. Sul rettangolo si confronteranno infatti - in una partita di calcio amichevole e a scopo benefico - la rappresentativa italiana dei magistrati e quella dei parlamentari, ma a rinforzare le rispettive compagini ci saranno campioni del pallone di fama internazionale. Fra questi anche Zinédine Zidane, campione del mondo con la Francia nel 1998 e ora allenatore del Real Madrid. Il ricavato verrà devoluto a favore di Amatrice, il paese in provincia di Rieti gravemente danneggiato dal sisma del 2016.

13:07Calcio: Malagò, ultimatum Pallotta? Una libera scelta

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - "L'ultimatum di Pallotta per la costruzione dello stadio? E' una sua libera scelta, a prescindere dalla scadenza del 2020 non si può pensare di fare bene l'azionista di una società senza avere una casa di proprietà dove sviluppare l'attività". Giovanni Malagò commenta così le parole del presidente della Roma, che ieri ha posto la data del 2020 come limite per la realizzazione dell'impianto di proprietà del club giallorosso. "Pallotta è un soggetto privato che ha investito nella società - ha aggiunto il presidente del Coni a margine di un evento allo stadio Olimpico di Roma - non è il primo né l'ultimo che lo farà nel nostro Paese, ne sono arrivati tanti altri anche di Paesi diversi. La Roma è una società con finalità commerciali ed è chiaro che lui vuole remunerare il suo investimento o al limite farne degli altri e migliorare lo stato dell'arte. Mi sembra indispensabile che questo avvenga". "Se sono ottimista? Sì, ma certo è tutto molto complicato in queste cose".

Archivio Ultima ora