Renzi, senza le riforme l’Italia diventa il paradiso degli inciuci

Pubblicato il 22 maggio 2016 da redazione

referendum-costituzionale

BERGAMO. – Se la riforma costituzionale al referendum di ottobre sarà bocciata il Paese “andrà all’ingovernabilità” e sarà “il paradiso terrestre degli inciuci”: parola del presidente del Consiglio, Matteo Renzi, che ha lanciato la campagna per il “Sì” dal teatro sociale di Bergamo, non senza qualche contestazione degli antagonisti.

Adesso si sceglie chi governa con un accordo in Parlamento “e io ne sono la dimostrazione” ha spiegato, mentre in futuro saranno i cittadini con il loro voto a “scegliere, al posto degli inciucisti di Roma” dando la maggioranza a un solo partito.

L’elenco dei vantaggi della riforma che elenca è lunghissimo: tagli agli stipendi dei consiglieri regionali e dei presidente di Regione, cancellazione dei rimborsi così nessuno si potrà comperare “mutande verdi” con i fondi pubblici come accaduto in Piemonte, risparmio dei 315 stipendi dei senatori in un Parlamento che adesso “è il più costoso del mondo”, competenze chiare delle Regioni che si devono occupare di far andare “bene il trasporto pubblico e la sanità” e non di energia.

E procedure più snelle per le leggi con un monocameralismo di cui, ha sottolineato, parlava “direttamente Enrico Berlinguer”.

Messaggio nemmeno tanto velato alle critiche della sinistra che ha replicato con Nicola Fratoianni di Sinistra Italiana chiedendosi “chissà come si sentirebbe scomodo Berlinguer a fianco a Verdini…”.

La sintesi del discorso di Renzi per lanciare la campagna (e il sito) “BastaUnSì” è arrivata sotto forma di colonna sonora con le note della canzone di Patty Smith ‘People Have the Power’, ovvero la gente ha il potere.

Centomila firme in due giorni e diecimila comitati entro ottobre sono l’obiettivo di Renzi, convinto che la riforma sarà votata anche “da tantissimi elettori del Movimento 5 stelle, della Lega Nord e di Forza Italia”. E questo anche se i parlamentari di quei partiti hanno “una fifa matta di perdere le poltrone” perché dicono “Roma ladrona, ma quando si accomodano ci stanno benissimo”.

Immediata la risposta di Luigi Di Maio, scettico sul fatto che i pentastellati possano votare “Sì” e convinto che Renzi si impegni per il referendum perché pensa di perdere le comunali. Opinione condivisa anche dal leghista Roberto Maroni.

In effetti, da Bergamo, di comunali Renzi non ha parlato. Il presidente ha dedicato tutto il tempo al referendum che è “una speranza per il futuro”, per il cambiamento. “Non è un caso che nel fronte del “No” ci siano tutti e il contrario di tutti – ha osservato – uniti dall’esigenza di dire no, non si cambia” mettendo insieme anche “Berlusconi e Magistratura democratica” che “magari diventeranno amici”.

D’altronde negli ultimi anni gli esponenti della politica sono stati gli stessi, un po’ come il wrestling dove tutti si picchiano, ha spiegato, ma alla fine sono sempre lì perché “è una grande finta”. Lui invece se il referendum sarà bocciato, si dimetterà.

“Non voglio personalizzare minimamente la campagna” ha assicurato, rispondendo alle critiche di esponenti Pd come l’ex segretario Pier Luigi Bersani. “Loro la chiamano personalizzazione, io serietà. Se vogliono gli inciuci – ha concluso – ne prendano uno più bravo di me. Se invece vogliono le riforme io continuo”.

(dell’inviata Bianca Maria Manfredi/ANSA)

Ultima ora

15:07Calcio: de Magistris, genio Maradona è bene comune

(ANSA) - NAPOLI, 16 GEN - "Per quanto riguarda il genio calcistico, Diego è un bene comune e quindi ci vuole un grande evento popolare". Lo ha detto Luigi de Magistris, sindaco di Napoli, parlando di Maradona, in città per lo spettacolo di Alessandro Siani, in programma stasera al Teatro San Carlo. "Penso allo stadio San Paolo o a piazza del Plebiscito - ha affermato - Spero a maggio che è il mese migliore considerando i trent'anni dal primo scudetto. Maradona è di fatto un cittadino di Napoli e a breve lo sarà ufficialmente. Ci vuole un grande evento popolare per lui".

15:05Roma: Dezko, 3 punti importanti a Udine, il resto non conta

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - I complimenti ai compagni, una sorta di mea culpa per gli errori commessi davanti alla porta. Così Edin Dzeko, all'indomani del successo della Roma sul campo dell'Udinese, commenta via social la prestazione dei giallorossi alla Dacia Arena. "Buon lavoro da parte della squadra ieri, altri tre punti importanti lontano da casa" scrive l'attaccante bosniaco su Instagram aggiungendo che "tutto il resto non importa", con tanto di scherzosa emoticon a coprirsi gli occhi in riferimento ai suoi numerosi errori, a cominciare da quello in occasione del rigore tirato alto. A completare il post di Dzeko poi, pubblicato con una foto in cui c'è la squadra che si abbraccia, un chiaro messaggio: "Non mollare e crederci sempre. Forza Roma".

15:03Violenza sessuale su allieva 13enne, 7 anni a prof di musica

(ANSA) - CAGLIARI, 16 GEN - Condannato a sette anni di carcere per abusi sessuali con una sua alunna e sospetti di adescamento verso una seconda: una sentenza più pesante di quella chiesta dall'accusa è stata inflitta dal Gup del Tribunale di Cagliari, Roberto Cau, al professore Paolo Sorrentino, 64 anni. Il pm Liliana Ledda aveva sollecitato la condanna a sei anni e otto mesi per il docente difeso dall'avvocato Antonella Piredda. Secondo l'accusa avrebbe avuto rapporti sessuali con una sua allieva di soli 13 anni quando insegnava musica in una scuola del Cagliaritano. Era stato prima indagato e poi arrestato con l'accusa di atti sessuali con minori. Per il sostituto procuratore, il prof avrebbe approfittato della posizione di docente per abusare della ragazzina dopo aver instaurato con lei un forte legame di complicità. I fatti contestati risalgono all'estate 2014. A far scattare le indagini è stata la segnalazione della madre della 13enne. La donna aveva notato comportamenti strani della figlia, sempre più introversa e taciturna, riuscendo alla fine a scoprire la verità. Oltre alla condanna a sette anni il Gup ha disposto per il docente anche un anno di divieto di avvicinamento a luoghi con bambini. Stabilito poi un risarcimento provvisionale di 80 mila euro nei confronti delle parti civili assistite dall'avvocato Gigi Porcella. (ANSA).

15:00Donna morta a Milano: uccisa con 23 coltellate

(ANSA) - MILANO, 16 GEN - Dopo aver ucciso la moglie, Luigi Messina ha trascorso le successive tre ore (prima di chiamare il 118) facendo la spesa, comprando pasticcini e giocando alle slot machine. È stato il suo tentativo di crearsi un alibi. La donna - ha riferito la Squadra Mobile - è stata uccisa con 23 coltellate.

14:54Gentiloni a Berlino mercoledì prossimo

(ANSA) - BERLINO, 16 GEN - Angela Merkel riceverà il premier italiano Paolo Gentiloni Berlino, mercoledì prossimo alle 12 con gli onori militari. Lo ha annunciato oggi in conferenza stampa il portavoce della cancelliera, Steffen Seibert. Una conferenza stampa sarà tenuta intorno alle 13.15. Subito dopo Merkel e Gentiloni presenzieranno a una vertice economico italo-tedesco in programma nella sede del ministero dell'Economia, dove terranno entrambi un discorso.

14:52Kirghizistan: anche 13 bambini morti in schianto aereo

(ANSA) - MOSCA, 16 GEN - Sono 32 - tra cui 13 bambini - le persone uccise dall'incidente aereo avvenuto stamane in Kirghizistan, dove un Boeing si è schiantato su un villaggio nei pressi dell'aeroporto di Bishkek: lo riferisce un rappresentante del ministero delle Emergenze kirghiso, citato da Interfax. Precedentemente, lo stesso ministero aveva riferito di 37 morti. Le vittime sono 10 uomini, 9 donne e 13 bambini, altre 12 persone sono rimaste ferite. L'aereo ha anche distrutto 17 abitazioni, 6 sono state danneggiate e altre 2 in fiamme.

14:49Patto per Puglia: De Vincenti a Bari, incontro con Emiliano

(ANSA) - BARI, 16 GEN - "Siamo qui per fare il punto della situazione, per collaborare con il Governo e per dar conto del nostro dovere, che è quello di impegnare bene tutte le risorse". Lo ha detto il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, aprendo oggi a Bari la riunione del Comitato di indirizzo del Patto per la Puglia con il ministro per la Coesione territoriale e il Mezzogiorno, Claudio De Vincenti. All'ordine del giorno i progetti individuati come immediatamente realizzabili, le azioni di supporto per il rapido avvio delle opere e la condivisione di un cronoprogramma per le attività di verifica del Comitato e per monitorare lo stato di avanzamento degli interventi. Al termine dell'incontro, il Ministro è atteso dal sindaco di Bari, Antonio Decaro, per discutere del Patto per lo sviluppo della Città metropolitana di Bari, siglato il 17 maggio che prevede un finanziamento di 230 milioni di euro per opere infrastrutturali strategiche e servizi da realizzare nel territorio dei 41 Comuni dell'area.

Archivio Ultima ora