Comites Caracas: Pensioni, assistenza sociale, scuole, un’altra occasione mancata

Pubblicato il 25 maggio 2016 da redazione

Comites Caracas: Pensioni, assistenza sociale, scuole, un’altra occasione mancata

Comites Caracas: Pensioni, assistenza sociale, scuole, un’altra occasione mancata

CARACAS – Un’altra occasione mancata. Poteva essere l’opportunità per affrontare argomenti di stringente attualità per la nostra Collettività – leggasi, pensioni, assistenza sociale, medicine, servizi consolari, scuole – con serietà e diligenza. Ed invece, non è stato così.

L’improvvisazione con cui è stato organizzato l’incontro promosso dal Comites della capitale nel Centro Italiano Venezuelano di Caracas, ha trasformato quella che poteva essere una interessante iniziativa in un inutile esercizio di accuse sterili.

Insomma, in una semplice catarsi. La nostra comunità, è vero, ha avuto modo di sfogare la propria rabbia su “bersagli facili”, Ambasciata e Consolato, ma null’altro.

Se il nostro Comites avesse coordinato l’organizzazione della manifestazione con Ambasciata e Consolato, certamente sarebbero stati presenti il capo della nostra missione diplomatica, Silvio Mignano, e il Console Generale di Caracas, Mauro Lorenzini. Avrebbero avuto l’opportunità di spiegare cosa stanno facendo e i connazionali, un centinaio o poco meno, avrebbero potuto interloquire con loro in un sano e proficuo scambio di idee, volto alla ricerca di soluzioni e non di sterili sfoghi.

Nonostante l’incontro fosse stato promosso dal Comites, del nostro organismo di rappresentanza erano presenti solamente il suo Presidente, Ugo di Martino, e i membri Teresina Giustiniano, Claudio Milazzo e Antonio Pucillo. Assenti tutti gli altri. A fare gli onori di casa, e in parte esercitando il ruolo di moderatore, il presidente del Civ, Carlo Villino.

Dopo le parole di benvenuto del presidente del sodalizio, l’incontro è stato aperto dal consigliere del Comites, Ugo Di Martino, che leggeva la risposta del sottosegretario agli Affari Esteri, Benedetto Della Vedova, a una interrogazione urgente presentata dai deputati Fabio Porta, Giovanni Burtone, Demetrio Battaglia e Antonio Cuomo, del Partito Democratico.

Quindi al microfono si avvicendavano i connazionali presenti sottolineando ognuno, sempre con toni aspri, accompagnati sovente da parole pesanti, la necessità di far capire alle autorità competenti italiane che le pensioni che ricevono oggi i connazionali in Venezuela devono essere calcolate al tasso di cambio “semilibero” Dicom. Particolarmente interessante l’intervento di Giuseppe Gino. Comunque, nulla di nuovo è stato aggiunto a quanto già è pubblico e notorio.

I rappresentanti del Comites hanno taciuto, non si sa se volontariamente o per mancanza di informazioni, sui rapporti inviati dalla nostra Ambasciata e dal nostro Consolato nei quali si spiegano le peculiarità del Paese, la crisi economica e le difficoltà dei nostri pensionati castigati dal controllo dei cambi.

Si è parlato anche della raccolta di “lettere firmate”, un’iniziativa portata avanti dai patronati, che saranno consegnate all’On. Fabio Porta affinché sia il nostro eletto all’estero il responsabile di farle recapitare ai dirigenti dell’Inps.

L’assistenza sociale e la carenza di medicine sono state l’occasione per mettere il dito nella piaga dei servizi consolari e per lanciare invettive contro i funzionari. L’assenza del nostro Console Generale non ha permesso il dialogo tra il funzionario e i connazionali.

E così molti interventi pertinenti,nei quali sono stati trattati problemi di stringente attualità per i connazionali in un paese in cui la crisi morde, sono andati persi nel mare di espressioni poco felici e insultanti di alcuni connazionali. I membri del Comites si son guardati bene dal placare gli animi e dallo smussare le asprezze.

Solo la consigliere Giustiniano, nel suo intervento, in maniera molto timida, ha detto di non riconoscersi nel linguaggio impiegato nel corso della riunione ma, a sua volta, ha attaccato il nostro Consolato. Ad esempio, ha rilevato, come d’altronde ha già fatto il nostro Giornale, il pericolo che corrono i connazionali all’esterno del recinto del Consolato in una città estremamente pericolosa e particolarmente violenta.

Il presidente del Comites, dal canto suo, faceva notare quanto siano irrisorie, a volte, le cifre erogate ai connazionali meno abbienti dal nostro Consolato. Un problema che meritava una ben più amplia riflessione.

Il dibattito si è chiuso con l’argomento scuola. Tutti d’accordo sulla necessità di mantenere l’insegnamento della lingua italiana e sull’urgenza che hanno le nostre scuole di un contributo che permetta loro di proseguire con la missione formatrice dei nostri figli.

Problemi gravi e meno gravi sono stati esposti senza, peraltro, proporre soluzioni. Uno scambio di vedute, quindi, interessante ma sterile.

Ultima ora

20:54Calcio: Roma in Champions, ma quanta sofferenza

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Con un'imprevista sofferenza supplementare, nel giorno dell'ultima gara di Totti con la Roma, i giallorossi battono - solo in extremis - il Genoa 3-2 e mantengono il secondo posto che vale l'accesso diretto alla Champions League. Rendendo vana la larga vittoria del Napoli sul campo della Sampdoria (2-4). Questo l'esito delle gare delle 18 della 38/a e ultima giornata di Serie A. All'Olimpico stracolmo per l'addio di Totti alla maglia giallorossa, gli ospiti vanno in vantaggio con il baby Pellegri al 3' e Dzeko pareggia al 10'. La Roma preme, ma non sfonda. E il pubblico invoca l'ingresso in campo di Totti che si materializza al 54'. Così, arriva il 2-1 con De Rossi al 74' e sembra fatta. Ma 5 minuti dopo, il Genoa sorprende i giallorossi con Lazovic, il quale all'82' colpisce anche un palo. La Roma sembra stordita e trova il 3-2 solo in pieno recupero con l'ex Perotti. E la festa, a quel punto, può cominciare. A Marassi le reti sono state di Mertens, Insigne, Hamsik, Quagliarella, Callejon e Alvarez.

20:20Gaza: Hamas, ‘niente più cani in spiaggia’

(ANSAmed) - GAZA, 28 MAG - Con un provvedimento che ha colto di sorpresa la popolazione, da questo mese Hamas ha deciso di impedire che i cani siano portati a passeggio sul lungomare di Gaza. Quanti ancora lo fanno sono fermati da agenti che per il momento si limitano ad illustrare la nuova norma, senza fare multe ne' confiscare animali. Fonti locali aggiungono che il passeggio con cani - di tutte le dimensioni - è impedito anche nella centrale via Omar al-Mukhtar, mentre è tollerato nelle strade secondarie e nei quartieri periferici, dove è più raro imbattersi in agenti. Nelle famiglie di Gaza la presenza di cani non è diffusa, anche perché negli ultimi anni mantenere condizioni igieniche nelle abitazioni è divenuto più difficile. Tuttavia nei negozi di animali si afferma che, oltre ad uccellini e gatti, adesso anche i cani vengono richiesti con maggiore frequenza da clienti in cerca di distrazione, dato che la maggior parte del giorno manca loro la corrente elettrica.

20:13Iran: da Khamenei nuove accuse a sauditi

(ANSA) - TEHERAN, 28 MAG - I regnanti dell'Arabia Saudita "stanno dando soldi agli Stati Uniti, così la ricchezza del popolo saudita va ai non credenti e ai nemici dei loro popoli". Lo ha detto la Guida suprema dell'Iran, ayatollah Sayyed Ali Khamenei, aggiungendo che "i governanti sauditi sono troppo duri con i musulmani, ma gentili con i non credenti". Secondo Khamanei, i vertici sauditi "opprimono il proprio popolo", così come "opprimono in modo diverso anche i popoli dello Yemen e del Bahrein. Ma perderanno". La Guida suprema ha definito i governanti sauditi "persone inutili e cattive che dominano una comunità della nazione musulmana", aggiungendo che si stanno facendo "mungere come bestiame" e definendoli "stupidi perché pensano di poter guadagnare l'amicizia dei nemici dell'islam fornendo loro soldi e assistenza", non capendo invece che "non c'è amicizia". Ma, ha aggiunto Khamanei, i regnanti sauditi "sono sul lato sbagliato, così sicuramente periranno".

20:10Calcio: Lega Pro, salvi Carrarese e Catanzaro

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Si sono giocate le gare di ritorno dei play out di Lega Pro che hanno determinato le sei retrocessioni in Serie D. In tre gare sono stati determinanti i piazzamenti nelle classifiche finali di campionato. Questi i risultati, fra parentesi le gare di andata. Girone A: Carrarese-Lupa Roma 1-0 (1-0); Prato-Tuttocuoio 0-0 (2-2). Retrocesse in Serie D: Lupa Roma e Tuttocuoio. A parità di punti e differenza reti con il Tuttocuoio, Prato salvo grazie alla miglior classifica. Girone B: Fano-Forlì 2-0 (1-1); Teramo-Lumezzane 0-0 (1-1). Retrocesse in Serie D: Forlì e Lumezzane. A parità di punti e differenza reti con il Lumezzane, Teramo salvo grazie alla miglior classifica. Girone C: Akragas-Melfi 1-1 (0-0); Vibonese-Catanzaro 1-1 (2-3). Retrocesse in Serie D: Melfi e Vibonese. A parità di punti e differenza reti con il Melfi, Akragas salvo grazie alla migliore classifica.

20:04Moto: domani in Kentucky l’ultimo saluto a Nicky Hayden

(ANSA) - BOLOGNA, 28 MAG - Si terranno domani a Owensboro, la sua cittadina in Kentucky negli Stati Uniti, i funerali di Nicky Hayden, il pilota della Superbike morto lunedì scorso all'ospedale 'Bufalini' di Cesena dove era stato ricoverato in seguito a un incidente stradale, avvenuto cinque giorni prima, mentre si allenava in bicicletta a Misano Adriatico, nel Riminese. La funzione, come si legge sul sito della Red Bull Honda World Superbike, il team con cui ha corso nelle ultime stagioni, verrà celebrata domani a mezzogiorno - le 18 in Italia - nella cattedrale di St. Stephen e sarà trasmessa in diretta sulla fan page del pilota su Facebook.

19:52Calcio: addio Totti, in campo al 9′ st di Roma-Genoa

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Francesco Totti in campo per la sua ultima partita con la Roma. Il n.10 giallorosso e' entrato al minuto del secondo tempo, con le due squadre sull'1-1, sostituendo Salah. La Curva Sud ha salutato l'ingresso del n.10 esponendo uno striscione con sopra scritto: "Del calcio moderno hai vinto la grande battaglia: 25 anni con la stessa maglia".

19:45Calcio: Pellegri, primo gol di un classe 2001 in Serie A

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Nel giorno in cui Francesco Totti dà l'addio alla Roma come calciatore, un ragazzo nato nell'anno dell'ultimo scudetto dei giallorossi, il 2001, segna il suo primo gol in Serie A: proprio all'indomani del primo gol di un classe 2000, quello dello juventino Moises Kean a Bologna. Oggi è toccato ad un ragazzino ancora più giovane, Pietro Pellegri, che al 3' di Roma-Genoa, alla sua prima presenza da titolare nei rossoblù, ha portato gli ospiti in vantaggio segnando la sua prima rete in Serie A all'età di 16 anni, due mesi e un giorno (è nato il 17 marzo 2001). La sua non è tuttavia un record di precocità, perché ancora meglio fece l'attaccante romanista Amedeo Amadei che, contro la Lucchese nel maggio '37, quando non aveva ancora 16 anni (era nato nel luglio 1921), segnò quello che rimane il gol più "giovane" nella storia della A. Pellegri ha comunque eguagliato Amadei il 22 dicembre scorso quando, subentrando nel match con il Torino, ha esordito in A alla stessa età del romanista, ovvero 15 anni e 280 giorni.

Archivio Ultima ora