Comites Caracas: Pensioni, assistenza sociale, scuole, un’altra occasione mancata

Pubblicato il 25 maggio 2016 da redazione

Comites Caracas: Pensioni, assistenza sociale, scuole, un’altra occasione mancata

Comites Caracas: Pensioni, assistenza sociale, scuole, un’altra occasione mancata

CARACAS – Un’altra occasione mancata. Poteva essere l’opportunità per affrontare argomenti di stringente attualità per la nostra Collettività – leggasi, pensioni, assistenza sociale, medicine, servizi consolari, scuole – con serietà e diligenza. Ed invece, non è stato così.

L’improvvisazione con cui è stato organizzato l’incontro promosso dal Comites della capitale nel Centro Italiano Venezuelano di Caracas, ha trasformato quella che poteva essere una interessante iniziativa in un inutile esercizio di accuse sterili.

Insomma, in una semplice catarsi. La nostra comunità, è vero, ha avuto modo di sfogare la propria rabbia su “bersagli facili”, Ambasciata e Consolato, ma null’altro.

Se il nostro Comites avesse coordinato l’organizzazione della manifestazione con Ambasciata e Consolato, certamente sarebbero stati presenti il capo della nostra missione diplomatica, Silvio Mignano, e il Console Generale di Caracas, Mauro Lorenzini. Avrebbero avuto l’opportunità di spiegare cosa stanno facendo e i connazionali, un centinaio o poco meno, avrebbero potuto interloquire con loro in un sano e proficuo scambio di idee, volto alla ricerca di soluzioni e non di sterili sfoghi.

Nonostante l’incontro fosse stato promosso dal Comites, del nostro organismo di rappresentanza erano presenti solamente il suo Presidente, Ugo di Martino, e i membri Teresina Giustiniano, Claudio Milazzo e Antonio Pucillo. Assenti tutti gli altri. A fare gli onori di casa, e in parte esercitando il ruolo di moderatore, il presidente del Civ, Carlo Villino.

Dopo le parole di benvenuto del presidente del sodalizio, l’incontro è stato aperto dal consigliere del Comites, Ugo Di Martino, che leggeva la risposta del sottosegretario agli Affari Esteri, Benedetto Della Vedova, a una interrogazione urgente presentata dai deputati Fabio Porta, Giovanni Burtone, Demetrio Battaglia e Antonio Cuomo, del Partito Democratico.

Quindi al microfono si avvicendavano i connazionali presenti sottolineando ognuno, sempre con toni aspri, accompagnati sovente da parole pesanti, la necessità di far capire alle autorità competenti italiane che le pensioni che ricevono oggi i connazionali in Venezuela devono essere calcolate al tasso di cambio “semilibero” Dicom. Particolarmente interessante l’intervento di Giuseppe Gino. Comunque, nulla di nuovo è stato aggiunto a quanto già è pubblico e notorio.

I rappresentanti del Comites hanno taciuto, non si sa se volontariamente o per mancanza di informazioni, sui rapporti inviati dalla nostra Ambasciata e dal nostro Consolato nei quali si spiegano le peculiarità del Paese, la crisi economica e le difficoltà dei nostri pensionati castigati dal controllo dei cambi.

Si è parlato anche della raccolta di “lettere firmate”, un’iniziativa portata avanti dai patronati, che saranno consegnate all’On. Fabio Porta affinché sia il nostro eletto all’estero il responsabile di farle recapitare ai dirigenti dell’Inps.

L’assistenza sociale e la carenza di medicine sono state l’occasione per mettere il dito nella piaga dei servizi consolari e per lanciare invettive contro i funzionari. L’assenza del nostro Console Generale non ha permesso il dialogo tra il funzionario e i connazionali.

E così molti interventi pertinenti,nei quali sono stati trattati problemi di stringente attualità per i connazionali in un paese in cui la crisi morde, sono andati persi nel mare di espressioni poco felici e insultanti di alcuni connazionali. I membri del Comites si son guardati bene dal placare gli animi e dallo smussare le asprezze.

Solo la consigliere Giustiniano, nel suo intervento, in maniera molto timida, ha detto di non riconoscersi nel linguaggio impiegato nel corso della riunione ma, a sua volta, ha attaccato il nostro Consolato. Ad esempio, ha rilevato, come d’altronde ha già fatto il nostro Giornale, il pericolo che corrono i connazionali all’esterno del recinto del Consolato in una città estremamente pericolosa e particolarmente violenta.

Il presidente del Comites, dal canto suo, faceva notare quanto siano irrisorie, a volte, le cifre erogate ai connazionali meno abbienti dal nostro Consolato. Un problema che meritava una ben più amplia riflessione.

Il dibattito si è chiuso con l’argomento scuola. Tutti d’accordo sulla necessità di mantenere l’insegnamento della lingua italiana e sull’urgenza che hanno le nostre scuole di un contributo che permetta loro di proseguire con la missione formatrice dei nostri figli.

Problemi gravi e meno gravi sono stati esposti senza, peraltro, proporre soluzioni. Uno scambio di vedute, quindi, interessante ma sterile.

Ultima ora

15:07Calcio: de Magistris, genio Maradona è bene comune

(ANSA) - NAPOLI, 16 GEN - "Per quanto riguarda il genio calcistico, Diego è un bene comune e quindi ci vuole un grande evento popolare". Lo ha detto Luigi de Magistris, sindaco di Napoli, parlando di Maradona, in città per lo spettacolo di Alessandro Siani, in programma stasera al Teatro San Carlo. "Penso allo stadio San Paolo o a piazza del Plebiscito - ha affermato - Spero a maggio che è il mese migliore considerando i trent'anni dal primo scudetto. Maradona è di fatto un cittadino di Napoli e a breve lo sarà ufficialmente. Ci vuole un grande evento popolare per lui".

15:05Roma: Dezko, 3 punti importanti a Udine, il resto non conta

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - I complimenti ai compagni, una sorta di mea culpa per gli errori commessi davanti alla porta. Così Edin Dzeko, all'indomani del successo della Roma sul campo dell'Udinese, commenta via social la prestazione dei giallorossi alla Dacia Arena. "Buon lavoro da parte della squadra ieri, altri tre punti importanti lontano da casa" scrive l'attaccante bosniaco su Instagram aggiungendo che "tutto il resto non importa", con tanto di scherzosa emoticon a coprirsi gli occhi in riferimento ai suoi numerosi errori, a cominciare da quello in occasione del rigore tirato alto. A completare il post di Dzeko poi, pubblicato con una foto in cui c'è la squadra che si abbraccia, un chiaro messaggio: "Non mollare e crederci sempre. Forza Roma".

15:03Violenza sessuale su allieva 13enne, 7 anni a prof di musica

(ANSA) - CAGLIARI, 16 GEN - Condannato a sette anni di carcere per abusi sessuali con una sua alunna e sospetti di adescamento verso una seconda: una sentenza più pesante di quella chiesta dall'accusa è stata inflitta dal Gup del Tribunale di Cagliari, Roberto Cau, al professore Paolo Sorrentino, 64 anni. Il pm Liliana Ledda aveva sollecitato la condanna a sei anni e otto mesi per il docente difeso dall'avvocato Antonella Piredda. Secondo l'accusa avrebbe avuto rapporti sessuali con una sua allieva di soli 13 anni quando insegnava musica in una scuola del Cagliaritano. Era stato prima indagato e poi arrestato con l'accusa di atti sessuali con minori. Per il sostituto procuratore, il prof avrebbe approfittato della posizione di docente per abusare della ragazzina dopo aver instaurato con lei un forte legame di complicità. I fatti contestati risalgono all'estate 2014. A far scattare le indagini è stata la segnalazione della madre della 13enne. La donna aveva notato comportamenti strani della figlia, sempre più introversa e taciturna, riuscendo alla fine a scoprire la verità. Oltre alla condanna a sette anni il Gup ha disposto per il docente anche un anno di divieto di avvicinamento a luoghi con bambini. Stabilito poi un risarcimento provvisionale di 80 mila euro nei confronti delle parti civili assistite dall'avvocato Gigi Porcella. (ANSA).

15:00Donna morta a Milano: uccisa con 23 coltellate

(ANSA) - MILANO, 16 GEN - Dopo aver ucciso la moglie, Luigi Messina ha trascorso le successive tre ore (prima di chiamare il 118) facendo la spesa, comprando pasticcini e giocando alle slot machine. È stato il suo tentativo di crearsi un alibi. La donna - ha riferito la Squadra Mobile - è stata uccisa con 23 coltellate.

14:54Gentiloni a Berlino mercoledì prossimo

(ANSA) - BERLINO, 16 GEN - Angela Merkel riceverà il premier italiano Paolo Gentiloni Berlino, mercoledì prossimo alle 12 con gli onori militari. Lo ha annunciato oggi in conferenza stampa il portavoce della cancelliera, Steffen Seibert. Una conferenza stampa sarà tenuta intorno alle 13.15. Subito dopo Merkel e Gentiloni presenzieranno a una vertice economico italo-tedesco in programma nella sede del ministero dell'Economia, dove terranno entrambi un discorso.

14:52Kirghizistan: anche 13 bambini morti in schianto aereo

(ANSA) - MOSCA, 16 GEN - Sono 32 - tra cui 13 bambini - le persone uccise dall'incidente aereo avvenuto stamane in Kirghizistan, dove un Boeing si è schiantato su un villaggio nei pressi dell'aeroporto di Bishkek: lo riferisce un rappresentante del ministero delle Emergenze kirghiso, citato da Interfax. Precedentemente, lo stesso ministero aveva riferito di 37 morti. Le vittime sono 10 uomini, 9 donne e 13 bambini, altre 12 persone sono rimaste ferite. L'aereo ha anche distrutto 17 abitazioni, 6 sono state danneggiate e altre 2 in fiamme.

14:49Patto per Puglia: De Vincenti a Bari, incontro con Emiliano

(ANSA) - BARI, 16 GEN - "Siamo qui per fare il punto della situazione, per collaborare con il Governo e per dar conto del nostro dovere, che è quello di impegnare bene tutte le risorse". Lo ha detto il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, aprendo oggi a Bari la riunione del Comitato di indirizzo del Patto per la Puglia con il ministro per la Coesione territoriale e il Mezzogiorno, Claudio De Vincenti. All'ordine del giorno i progetti individuati come immediatamente realizzabili, le azioni di supporto per il rapido avvio delle opere e la condivisione di un cronoprogramma per le attività di verifica del Comitato e per monitorare lo stato di avanzamento degli interventi. Al termine dell'incontro, il Ministro è atteso dal sindaco di Bari, Antonio Decaro, per discutere del Patto per lo sviluppo della Città metropolitana di Bari, siglato il 17 maggio che prevede un finanziamento di 230 milioni di euro per opere infrastrutturali strategiche e servizi da realizzare nel territorio dei 41 Comuni dell'area.

Archivio Ultima ora