El Paso a Nado del Orinoco y Caroní: Un’esperienza unica ed indescrivibile

Pubblicato il 26 maggio 2016 da redazione

orinoco

CARACAS – La famosa manifestazione “El Paso a Nado del Orinoco e Caroní” in questo 2016 é giunta alla 26esima edizione. Quest’evento é una sorta di must per gli amanti del nuoto, tant’é vero che partecipano atleti provenienti da diversi angoli del mondo. In questo 2016, hanno preso parte alla gara, diversi nuotatori che fanno vita nelle vasche del Centro Italiano Venezolano di Caracas.

Marisol Franchi (45 anni), é una di queste: “Quella di quest’anno é stata la mia prima esperienza, devo dirti che é stato bellissimo”. Il nuoto non é il suo sport principale, lei normalmente partecipa nei diversi eventi di running che si svolgono a Caracas, ma a causa di un infortunio, ha iniziato a stare piú in piscina che sull’alsfalto.

“Ho iniziato a nuotare per riprendermi dall’infortunio, poi alcune amiche mi hanno iniziato a parlare del ‘El Paso a Nado del Orinoco e Caroní’ e alla fine mi hanno convinto ed ho partecipato alla gara”.

La traversata, che ha un percorso di 3,1 chilometri, si svolge dove si uniscono i due fiumi: iniziando da ‘Las Barrancas de Fajardo’ fino ad arrivare a ‘San Félix’. “Per poter raggiungere la meta ho svolto un piccolo programma d’allenamento che mi ha inviato una zia che ha partecipato in diverse occasioni. Ho sentito tanti racconti sui colori dell’acqua, il cambio di temperatura, ma ti dico una cosa, io non ho sentito nessuno sbalzo di temperatura. Non so, sará stata l’emozione o forse ero molto concentrata. É un’esperienza che voglio ripetere anche l’anno prossimo, ma questa volta insieme a mio marito”.

All’evento, che in questo 2016 ha radunato circa 1000 nuotatori, ha partecipato anche Renny Gómez, che nel suo palmares ha già tre presenze nelle quali ha sempre chiuso tra i primi cinque della sua categoria. “Durante la traversata noti lo sbalzo di temperatura calda nel caso dell’Orinoco e fredda nel caso del Caroní”.

Prima di prendere parte a questa gara, i diversi nuotatori si allenano per arrivare al top della forma física e preparano le diverse strategie. Una parte fondamentale per affrontare questo tipo di prove é avere un buon senso dell’orientamento come ci racconta Renny Gómez, categoría Master H:

“L’allenamento é fondamentale, mesi prima di partecipare devi allenarti sodo per non restare senza benzina durante la prova, sennò la corrente ti trascina via. Un altro fattore importante é il senso dell’orientamento durante la prova. Ci sono tre punti fondamentali che ti aiutano a capire se sei sulla strada giusta: l’isola Fajardo, le boe del canale di navigazione, ed infine il tetto dello stadio di baseball La Ceiba. Se non ti alleni bene o se non usi come riferimento questi punti, puoi ritrovarti in un altro posto. Ma una cosa é certa, é un’esperienza unica”.

“El Paso a Nado del Orinoco e Caroní” non solo é un evento sportivo, ma anche un’esperienza per tutta la vita: attraversare uno dei fiumi con piú portata d’acqua al mondo non é cosa facile. Ogni amante del nuoto, che ne ha sentito parlare in Venezuela, sogna almeno una volta nella vita di partecipare a questa prestigiosa gara.

“Ogni anno l’esperienza é diversa. L’anno scorso sono uscito dalla parte sbagliata ed ho allungato, così mi é costato di piú dato che sono stato costretto a rimontare. Quest’anno l’uscita é stata un po’ piú fangosa, dato che il livello del fiume era piú basso. L’anno prossimo ho intenzione di tornare a partecipare.”

Romano Polini, all’esordio in questa gara, ci spiega come si é preparato per affrontarla: “Mi sono allenato insime al mio allenatore (Victor Moreno, ndr). Abbiamo iniziato con serie di 200 metri, poi siamo passati a 300 e poco a poco la distanza aumentava. Quella di quest’anno é stata la mia prima volta. L’anno scorso avevo preso parte alla gara di ‘Aguas Abiertas’ organizzata dalla Universidad Simón Bolívar, ma quella era nel mare. Nell’Orinoco invece nuoti controcorrente”.

Dato lo sforzo físico che devono fare i nuotatori, per poter partecipare a “El Paso a Nado del Orinoco e Caroní” gli organizzatori richiedono agli atleti di presentare certificati medici aggiornati.
“Il giorno prima della gara, dopo aver formalizzato l’iscrizione, in situ ci hanno dato dei piccoli tips su come affrontare la prova”.

Artuto Godoy, che ha alle spalle diverse presenze con la nazionale venezuelana in competizioni internazionali, ci racconta la sua esperienza: “In questo tipo di gare, l’importante é tagliare il traguardo. Durante la gara influiscono tante cose, come il livello dell’acqua e la forza della corrente solo per citarne due. L’ambiente é fenomenale, solo il fatto di partecipare é una cosa fantastica”.

Ad Arturo, che quest’anno non ha partecipato, abbiamo chiesto un’opinione sul cambio di temperatura dell’acqua e ci ha risposto “Il cambio di temperatura? Non l’ho mai sentito. Quello che ti posso dire e che puoi vedere, é il cambio di colore dell’acqua. La preparazione é fondamentale per il semplice fatto che nuoti controcorrente.

Durante gli allenamenti devi cercare di percorrere la stessa distanza della gara (3.1 km, ndr) tutti i giorni, in questo modo il tuo corpo si adatta per l’impegnativa prova”.

E’ tanta la passione per il nuoto, che Arturo Godoy sta svolgendo un corso di bagnino e a futuro spera di fare il professore di nuoto. “Il corso di bagnino é fondamentale, non c’é cosa piú bella che poter salvare una persona in difficoltá”.

Stando alle esperienze di questi campioni, la traversata a nuoto dell’Orinoco e Caroní si puó paragonare alle sfide che ci proponiamo nella vita quotidiana: iniziare un progetto, trasferirsi, iniziare o finire una relazione, riprendere gli studi ed altre cose. Le insidie che si nascondono dietro queste azioni, sono simili a quelle che ci sono dietro al “Reto a nado del Orinoco e Caroní”.

Per questo motivo partecipare dev’essere il massimo.

(Fioravante De Simone/Voce)

Ultima ora

18:58Ceccato e Jarach svelano l’inedita Maserati GT3

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - Svelata alla concessionaria Tridente Motors di Padova il raro esemplare di Maserati GranTurismo MC in versione GT3 preparato per le cronoscalate e voluto dal pilota Bruno Jarach. La vettura è stata presentata dallo stesso pilota vicentino e dal padrone di casa Michele Ceccato, driver padovano pistard ed esperto di salite figlio di quel Franco Ceccato noto pilota di rally la cui famiglia è proprietaria della stessa concessionaria Maserati di Padova e Venezia. Il progetto ha richiesto un lungo lavoro di preparazione che ha coinvolto lo Swiss Team, compagine che aveva costruito l'auto nella versione da pista qualche anno fa e presente a Padova con il fondatore Guido Bonfiglio, e la vicentina Ram, realtà che ora la gestirà nelle corse in salita. Alla presentazione ha partecipato direttamente anche la Casa del Tridente con alcuni suoi rappresentanti. Si è così concretizzata l'idea alla quale il vicecampione italiano GT nel Tricolore Montagna 2015, aveva pensato due anni fa.

18:54Terremoto:Procura dispone nuove verifiche palazzine Amatrice

(ANSA) - RIETI, 23 MAR - La Procura di Rieti, nell'ambito dell'inchiesta sui crolli delle tre palazzine ex edilizia popolare di piazza Augusto Sagnotti ad Amatrice, in seguito al sisma della scorsa estate, effettuerà accertamenti tecnici anche nelle fondazioni degli edifici. E' quanto è emerso dopo il sopralluogo compiuto questa mattina dagli inquirenti nella zona dove sorgeva una delle tre palazzine collassate e dove hanno perso la vita 22 persone. Al sopralluogo, oltre il legale dei familiari di alcune delle vittime, l'avvocato Wania Della Vigna, hanno partecipato anche gli investigatori che indagano sui crolli e l'ingegner Antonello Salvatori dell'Università de L'Aquila, in qualità di consulente tecnico della Procura. Gli inquirenti disporranno perciò la parziale rimozione delle macerie, sotto sequestro dal 24 agosto dello scorso anno, per compiere ulteriori sondaggi nelle fondazioni dei tre edifici.

18:52Terremoto:primo aprile manifestazione a Roma e città colpite

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - Sabato primo aprile nuova manifestazione dei terremotati che questa volta, oltre a essere in Piazza Montecitorio a Roma, presidieranno numerosi stalli nei centri più colpiti dal sisma. Da Amatrice a Pieve Torina passando per Norcia e L'Aquila, i terremotati faranno sentire la loro voce "denunciando i troppi ritardi e le inadeguatezze amministrative che stanno portando il Centro Italia allo spopolamento". L'evento, voluto dai due Comitati spontanei già organizzatori delle manifestazioni del 25 gennaio e 2 febbraio, si svolgerà a dalle 10 a Montecitorio e nei 10 stalli individuati nelle vicinanze delle zone più colpite (Torrita, Grisciano, Trisungo, Visso, Pieve Torina, Salvalagli di Gaiole, Tolentino, Porto Sant'Elpidio e L'Aquila), dove le popolazioni si raccoglieranno per dar voce "a una protesta pacifica ma determinata per esigere un cambio di passo nella gestione di questa tragedia.In numerose città italiane verranno poi esposti, in segno di solidarietà con i manifestanti, gli striscioni dell'evento".

18:52Genova: Pirondini (M5s), strappiamo città a sistema potere

(ANSA) - GENOVA, 23 MAR - "Siamo pronti a strappare Genova dalle mani di un sistema di potere che la amministra da oltre 40 anni": lo ha scritto il candidato sindaco del M5S a Genova Luca Pirondini oggi pomeriggio nel suo primo post su Fb dopo lo scoppio del caso Cassimatis. Pirondini, che ringrazia "tutti per il sostegno e la fiducia" ha scritto che "siamo pronti a lottare contro tutto e tutti" per "il bene della città" e "a subire attacchi sapendo che ascolto, impegno e lavoro sul territorio saranno le uniche nostre risposte. Noi parliamo solo di temi".

18:44Attacco Londra: capo Fbi, in Usa mille persone indagate

(ANSA) - NEW YORK, 23 MAR - "Ci sono circa mille casi di persone negli Stati Uniti che stiamo indagando" che potrebbero essere state ispirate dall'Isis. Lo ha affermato il direttore dell'Fbi, James Comey, nel corso di una conferenza sull'antiterrorismo ad Austin, in Texas, come riportano i media Usa. "La cosa che mi tiene sveglio la notte - ha aggiunto Comey - e' la preoccupazione che ci posa essere qualcuno nel Paese che possa portare a termine un attacco terroristico".

18:41Tir fuori controllo in A/1 nel Fiorentino,denunciato autista

(ANSA) - FIRENZE, 23 MAR - Paura sull'autostrada A/1, in provincia di Firenze, per un tir che procedeva a zig zag in direzione Sud, passando continuamente da una corsia di marcia all'altra. La polizia stradale, avvisata da alcuni automobilisti impauriti, ha intercettato il mezzo e lo ha bloccato all'altezza dello svincolo di Valdarno, dopo un inseguimento di circa 20 chilometri. L'autista, un uomo originario dell'Ucraina, ubriaco, è stato denunciato per guida in stato di ebbrezza e per lui è scattato il ritiro della patente. Sequestrato il tir. Il mezzo pesante è stato avvistato dalla stradale poco prima del casello di Incisa. Poiché la coda del mezzo dondolava da una corsia all' altra, la pattuglia della stradale "ha attivato la procedura della safety car". La vettura della polizia si è posizionata al centro della carreggiata, dietro al tir, in modo da impedire agli altri veicoli di sorpassare. L'autista ha proseguito la sua corsa per circa 20 chilometri, fino a che la stradale non lo ha affiancato.

18:38Clima: Onu, Guterres, ‘cambiamento climatico innegabile’

(ANSA) - NEW YORK, 23 MAR - "Il cambiamento climatico e innegabile e le azioni per contrastarlo non possono essere fermate". Lo ha detto il Segretario Generale dell'Onu Antonio Guterres aprendo un incontro ad alto livello al Palazzo di Vetro sul rapporto tra clima e sviluppo sostenibile. "Ogni mese sempre piu' paesi trasformano gli impegni presi a Parigi in piani di azione nazionali sul clima. Citta' e imprese fanno da apripista, perche' riconoscono non solo la minaccia ma anche i benefici del lavoro fatto per limitare l'aumento delle temperature globali", ha detto Guterres con una frecciata implicita agli Usa di Donald Trump: "Anche se qualche governo ha fatto marcia indietro, l'effetto combinato delle azioni di autorità subnazionali, mondo degli affari e societa' civile ha creato una spinta inarrestabile" nella lotta al climate change.

Archivio Ultima ora