El Paso a Nado del Orinoco y Caroní: Un’esperienza unica ed indescrivibile

Pubblicato il 26 maggio 2016 da redazione

orinoco

CARACAS – La famosa manifestazione “El Paso a Nado del Orinoco e Caroní” in questo 2016 é giunta alla 26esima edizione. Quest’evento é una sorta di must per gli amanti del nuoto, tant’é vero che partecipano atleti provenienti da diversi angoli del mondo. In questo 2016, hanno preso parte alla gara, diversi nuotatori che fanno vita nelle vasche del Centro Italiano Venezolano di Caracas.

Marisol Franchi (45 anni), é una di queste: “Quella di quest’anno é stata la mia prima esperienza, devo dirti che é stato bellissimo”. Il nuoto non é il suo sport principale, lei normalmente partecipa nei diversi eventi di running che si svolgono a Caracas, ma a causa di un infortunio, ha iniziato a stare piú in piscina che sull’alsfalto.

“Ho iniziato a nuotare per riprendermi dall’infortunio, poi alcune amiche mi hanno iniziato a parlare del ‘El Paso a Nado del Orinoco e Caroní’ e alla fine mi hanno convinto ed ho partecipato alla gara”.

La traversata, che ha un percorso di 3,1 chilometri, si svolge dove si uniscono i due fiumi: iniziando da ‘Las Barrancas de Fajardo’ fino ad arrivare a ‘San Félix’. “Per poter raggiungere la meta ho svolto un piccolo programma d’allenamento che mi ha inviato una zia che ha partecipato in diverse occasioni. Ho sentito tanti racconti sui colori dell’acqua, il cambio di temperatura, ma ti dico una cosa, io non ho sentito nessuno sbalzo di temperatura. Non so, sará stata l’emozione o forse ero molto concentrata. É un’esperienza che voglio ripetere anche l’anno prossimo, ma questa volta insieme a mio marito”.

All’evento, che in questo 2016 ha radunato circa 1000 nuotatori, ha partecipato anche Renny Gómez, che nel suo palmares ha già tre presenze nelle quali ha sempre chiuso tra i primi cinque della sua categoria. “Durante la traversata noti lo sbalzo di temperatura calda nel caso dell’Orinoco e fredda nel caso del Caroní”.

Prima di prendere parte a questa gara, i diversi nuotatori si allenano per arrivare al top della forma física e preparano le diverse strategie. Una parte fondamentale per affrontare questo tipo di prove é avere un buon senso dell’orientamento come ci racconta Renny Gómez, categoría Master H:

“L’allenamento é fondamentale, mesi prima di partecipare devi allenarti sodo per non restare senza benzina durante la prova, sennò la corrente ti trascina via. Un altro fattore importante é il senso dell’orientamento durante la prova. Ci sono tre punti fondamentali che ti aiutano a capire se sei sulla strada giusta: l’isola Fajardo, le boe del canale di navigazione, ed infine il tetto dello stadio di baseball La Ceiba. Se non ti alleni bene o se non usi come riferimento questi punti, puoi ritrovarti in un altro posto. Ma una cosa é certa, é un’esperienza unica”.

“El Paso a Nado del Orinoco e Caroní” non solo é un evento sportivo, ma anche un’esperienza per tutta la vita: attraversare uno dei fiumi con piú portata d’acqua al mondo non é cosa facile. Ogni amante del nuoto, che ne ha sentito parlare in Venezuela, sogna almeno una volta nella vita di partecipare a questa prestigiosa gara.

“Ogni anno l’esperienza é diversa. L’anno scorso sono uscito dalla parte sbagliata ed ho allungato, così mi é costato di piú dato che sono stato costretto a rimontare. Quest’anno l’uscita é stata un po’ piú fangosa, dato che il livello del fiume era piú basso. L’anno prossimo ho intenzione di tornare a partecipare.”

Romano Polini, all’esordio in questa gara, ci spiega come si é preparato per affrontarla: “Mi sono allenato insime al mio allenatore (Victor Moreno, ndr). Abbiamo iniziato con serie di 200 metri, poi siamo passati a 300 e poco a poco la distanza aumentava. Quella di quest’anno é stata la mia prima volta. L’anno scorso avevo preso parte alla gara di ‘Aguas Abiertas’ organizzata dalla Universidad Simón Bolívar, ma quella era nel mare. Nell’Orinoco invece nuoti controcorrente”.

Dato lo sforzo físico che devono fare i nuotatori, per poter partecipare a “El Paso a Nado del Orinoco e Caroní” gli organizzatori richiedono agli atleti di presentare certificati medici aggiornati.
“Il giorno prima della gara, dopo aver formalizzato l’iscrizione, in situ ci hanno dato dei piccoli tips su come affrontare la prova”.

Artuto Godoy, che ha alle spalle diverse presenze con la nazionale venezuelana in competizioni internazionali, ci racconta la sua esperienza: “In questo tipo di gare, l’importante é tagliare il traguardo. Durante la gara influiscono tante cose, come il livello dell’acqua e la forza della corrente solo per citarne due. L’ambiente é fenomenale, solo il fatto di partecipare é una cosa fantastica”.

Ad Arturo, che quest’anno non ha partecipato, abbiamo chiesto un’opinione sul cambio di temperatura dell’acqua e ci ha risposto “Il cambio di temperatura? Non l’ho mai sentito. Quello che ti posso dire e che puoi vedere, é il cambio di colore dell’acqua. La preparazione é fondamentale per il semplice fatto che nuoti controcorrente.

Durante gli allenamenti devi cercare di percorrere la stessa distanza della gara (3.1 km, ndr) tutti i giorni, in questo modo il tuo corpo si adatta per l’impegnativa prova”.

E’ tanta la passione per il nuoto, che Arturo Godoy sta svolgendo un corso di bagnino e a futuro spera di fare il professore di nuoto. “Il corso di bagnino é fondamentale, non c’é cosa piú bella che poter salvare una persona in difficoltá”.

Stando alle esperienze di questi campioni, la traversata a nuoto dell’Orinoco e Caroní si puó paragonare alle sfide che ci proponiamo nella vita quotidiana: iniziare un progetto, trasferirsi, iniziare o finire una relazione, riprendere gli studi ed altre cose. Le insidie che si nascondono dietro queste azioni, sono simili a quelle che ci sono dietro al “Reto a nado del Orinoco e Caroní”.

Per questo motivo partecipare dev’essere il massimo.

(Fioravante De Simone/Voce)

Ultima ora

01:32Calcio: Chelsea soffre, col Norwich passa solo ai rigori

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Soffre il Chelsea di Conte in Fa Cup. Sono serviti i rigori ai Blues per decidere la gara con il Norwich e accedere al quarto turno della Coppa: avanti con Batshuayi a segno al 10' del secondo tempo, il Chelsea si fa acciuffare nel recupero subendo la rete di Lewis. Sull'1-1 anche dopo i tempi supplementari, la squadra di Conte dal dischetto però fa la differenza (5-3) e si guadagna seppure a fatica il passaggio di turno.

00:54Calcio: Messi sbaglia rigore, Barca cade in Coppa del Re

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Il Barcellona non è imbattibile. Con un gol di Melendo all'88' l'Espanyol si aggiudica il derby di Coppa del Re, valido per l'andata dei quarti di finale. Dopo aver dominato il match, i blaugrana si devono arrendere anche di fronte alla serata super del portiere dell'Espanyol, Diego Lopez, che para anche il rigore calciato da Lionel Messi. Tra una settimana al Camp Nou il ritorno che vale l'accesso alla semifinale.

00:30Calcio: Psg a valanga in Ligue1, Ranieri beffato al 95′

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Un Psg senza pietà liquida la pratica Digione (travolto 8-0 con) e mantiene a debita distanza (-11) il Lione da stasera secondo solitario in classifica dopo il successo per 2-0 sul campo del Guingamp e la frenata del Monaco, fermato ieri dal Nizza. Nella 21ma giornata di Ligue1, al Parco dei Principi è stata davvero una formalità per la squadra di Unay Emery, già sul 4-0 dopo il primo tempo, fa altrettanto nella ripresa chiudendo con otto reti: doppio Di Maria, Cavani (che tocca quota 156 ed eguaglia Ibrahimovic come miglior realizzatore nella storia del Psg), poker di Neymar, a segno anche Mbappe. Beffa in peno recupero invece per il Nantes di Claudio Ranieri, raggiunto sull'1-1 a Tolosa da un rigore di Gradel al 95'. In Classifica guida solitario il Psg con 56 punti, davanti a Lione (45), Marsiglia (44), Monaco (43) e Nantes (34).

00:09Parte un colpo di pistola, uccide la fidanzata

(ANSA) - VILLA D'ALME' (BERGAMO), 17 GEN - Una giovane donna è morta questa sera, uccisa da un colpo di pistola, pare sparato accidentalmente dal fidanzato, una guardia giurata. L'episodio nella casa di quest'ultimo, in via dei Mille a Villa d'Almè. In casa c'erano anche i genitori del ragazzo, tra cui il padre che è un carabiniere andato da poco in pensione. L'allarme è stato immediato, ma per la ragazza non c'era più nulla da fare. Le notizie sono ancora frammentarie: all'abitazione sono giunti i carabinieri della Scientifica e il pubblico ministero di turno, Maria Cristina Rota.

23:04Calcio: Crotone, preso in prestito Benali dal Pescara

(ANSA) - CATANZARO, 17 GEN - Il centrocampista Ahmad Benali è un nuovo calciatore del Crotone. L'annuncio è stato dato dalla società che ne ha ottenuto il prestito con diritto di riscatto dal Pescara. Ventisei anni, Benali è nato a Manchester, naturalizzato libico, cresciuto nel Manchester City. Nel 2012 ha giocato a Brescia (Serie B) prima di passare al Pescara, dove ha ottenuto la promozione in Serie A nella stagione 2015/16. Lo scorso anno ha messo a segno, alla sua prima stagione nella massima serie, 6 reti, mentre nei primi mesi dell'attuale stagione ha realizzato 4 gol in 15 presenze, sempre col Pescara. Ha già preso parte al primo allenamento con i nuovi compagni.

22:36Coppa del Re: Montella batte il ‘cholo’ e respira

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Vincenzo Montella respira. Dopo i due ko in Liga, contro il Betis e l'Alaves, il suo Siviglia si riscatta nell'andata dei quarti di Coppa del Re, vincendo sul campo dell'Atletico Madrid. Finisce 2-1 per gli andalusi che pure erano andato sotto 1-0 grazie a Diego Costa (73'). Il vantaggio dei padroni di casa è durato appena 7', co, pareggio raggiunto grazie all'autogol di Moya (80'). Quando l'epilogo sembrava scontato ci ha pensato Joaquin Correa a far sorridere l'ex tecnico del Milan piombando su un pallone vagante in area e trafiggere il portiere madrileno. Nell'altro quarto di finale disputato sempre alle 19 vittoria del valencia sull'Alaves per 2-1. Anche qui vittoria in rimonta: ha aperto le marcature Sobrino (66'), poi il parrggio di Guedes (73') e il gol vittoria di Rodrigo all'82'. Il ritorno di entrambe le partite è in programma martedì 23 gennaio.

22:23Donna uccisa in Calabria: omicida condannato a 30 anni

(ANSA) - CROTONE , 17 GEN - Salvatore Fuscaldo, il bracciante 50enne di Cirò Marina, reo confesso dell'omicidio di Antonella Lettieri, la commessa di 42 anni uccisa l'8 marzo dello scorso a Cirò Marina, è stato condannato a 30 anni di reclusione dal gup di Crotone che ha accolto la richiesta avanzata dal pm Alfredo Manca a conclusione della requisitoria nel processo celebrato con il rito abbreviato. Il rappresentante della pubblica accusa ha ripercorso le tappe della vicenda, elencando le prove raccolte dal giorno dell'omicidio fino alla richiesta di rinvio a giudizio con l'accusa di omicidio aggravato dalla premeditazione e dalla crudeltà. Antonella Lettieri venne uccisa nella sua abitazione con almeno una ventina di colpi alla testa sferrati con un tubo di ferro ed undici coltellate al corpo. L'indagine è stata condotta dai carabinieri della Compagnia di Cirò Marina, con l'ausilio del Ris di Messina. L'uomo, vicino di casa della vittima, fu fermato il 16 marzo ed il 21 aprile confessò di essere l'autore dell'omicidio.(ANSA).

Archivio Ultima ora