Marò: Girone torna a casa. Renzi, con noi il 2 giugno

Pubblicato il 27 maggio 2016 da redazione

I maro' italiani Salvatore Girone e Massimiliano Latorre  ANSA/MAURIZIO SALVI

I maro’ italiani Salvatore Girone e Massimiliano Latorre
ANSA/MAURIZIO SALVI

ROMA. – Salvatore Girone torna a casa. Dopo quattro anni di attese e rinvii, la Corte suprema indiana ha accettato di rendere immediatamente esecutivo l’ordine del Tribunale arbitrale internazionale dell’Aja di far rientrare in Italia il fuciliere di Marina per tutta la durata del procedimento arbitrale.

La prima vera buona notizia per il militare italiano da quando il 15 febbraio del 2012 fu arrestato in Kerala, insieme con Massimiliano Latorre, con l’accusa di aver ucciso due pescatori indiani scambiandoli per pirati mentre erano in servizio a bordo della nave mercantile italiana Enrica Lexie.

Il primo a dare il “bentornato” a Girone è stato il premier Matteo Renzi con un tweet dal Giappone dove si trova per il G7. “Confermiamo la nostra amicizia per l’India, il suo popolo, il suo governo. E diamo il benvenuto al marò Girone che sarà con noi il 2 giugno”.

Una “stima” e una volontà di “collaborazione” con l’India che il presidente del Consiglio ha voluto ribadire anche qualche ora dopo durante la conferenza stampa dopo il vertice.

Così il presidente del Consiglio ha voluto rassicurare Delhi sul fatto che Roma ha tutte le intenzioni di rispettare le sette condizioni poste dalla Corte suprema per il rientro del militare, tra le quali il divieto di lasciare l’Italia e l’impegno a riportarlo in India entro un mese se e quando il Tribunale arbitrale dovesse riconoscere la giurisdizione indiana sulla vicenda. Decisione che comunque non arriverà prima dell’estate 2018. Per il momento, l’Italia incassa il risultato positivo.

Chi nella squadra di Renzi ha seguito più da vicino il dossier ha rivendicato il buon lavoro dell’esecutivo dopo troppi buchi nell’acqua e passi falsi. “Il governo questa volta ha fatto le cose per bene”, è stato il commento del ministro degli Interni Angelino Alfano che, a scanso di equivoci, ha scandito: “Meglio di come erano state fatte prima”.

Il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni ha elogiato “il lavoro di squadra” di governo e Camere sottolineando che il punto di svolta nell’intricata vicenda è stato “scegliere la strada dell’arbitrato”, mentre la collega della Difesa Roberta Pinotti, tra le prime a parlare al telefono con Girone, si è detta “felice e soddisfatta”.

Ma un caso che per quattro anni ha infiammato le stanze della politica non poteva non suscitare, anche oggi, qualche polemica. Gli ‘irriducibili’ Giorgia Meloni e Ignazio La Russa, pur esprimendo gioia per il ritorno in Italia del fuciliere di Marina, hanno attaccato il governo per il ritardo con cui il risultato è stato ottenuto.

Polemiche che Renzi dal Giappone ha rispedito al mittente definendole “inutili”. “I fatti sono fatti”, ha detto il premier, sottolineando che solo un paese “tornato solido, credibile e forte ha potuto ottenere un risultato che per quattro anni ha soltanto inseguito”.

Il rientro del marò in Italia è previsto entro la fine della settimana, come ha annunciato Gentiloni. Girone sarà accompagnato dal generale Carmine Masiello, consigliere militare di Palazzo Chigi, e dall’ambasciatore italiano in India, Lorenzo Angeloni.

Parenti e amici del fuciliere lo aspettano con ansia in Puglia, dove ad accoglierlo ci sarà il commilitone Latorre. Ieri la Corte suprema ha anche fissato l’udienza per il riesame del suo permesso per motivi di salute. Il 20 settembre, a soli dieci giorni dalla scadenza.

(di Benedetta Guerrera/ANSA)

Ultima ora

15:23Modena, otto anni all’aggressore del professor Tondi

(ANSA) - MODENA, 19 OTT - Daniele Albicini, 60enne tecnico della Ausl di Sassuolo, è stato condannato in tribunale a Modena a otto anni, con il rito abbreviato, per l'aggressione con la soda caustica commessa ai danni di Stefano Tondi, direttore del reparto di Cardiologia all'ospedale di Baggiovara, centrato da un getto della sostanza corrosiva 'spruzzata', da Albicini, con una normale pistola ad acqua, direttamente negli occhi del medico, davanti all'abitazione di quest'ultimo a Vignola, il dieci novembre dello scorso anno. Nel corso dell'aggressione rimase ferito anche il figlio di Tondi, 19enne. Il giudice Barbara Malavasi ha stabilito anche una provvisionale di 90mila euro per Tondi, 5mila euro per il figlio è 15mila per l'Azienda ospedaliero Universitaria del Policlinico. La pubblica accusa, in aula c'era il procuratore capo Lucia Musti (che si è occupata del fascicolo insieme al pm Enrico Stefani, ora al tribunale di Venezia), aveva chiesto una condanna ad otto anni ed otto mesi per lesioni gravissime. (ANSA).

15:21Catalogna:media,riunione sabato governo Madrid per 155

(ANSA) MADRID, 19 OTT - Il governo spagnolo si riunirà sabato a Madrid per attivare l'articolo 155 della costituzione dopo quella che considera una 'risposta negativa' del presidente catalano Carles Puigdemont all'ultimatum del premier Mariano Rajoy. Lo riferiscono i media spagnoli.

14:41G7 Ischia: protesta con salsa in mare,’è sangue migranti’

(ANSA) - ISCHIA (NAPOLI), 19 OTT - I manifestanti che stanno partecipando a Ischia (Napoli) al corteo anti G7 hanno inondato di salsa di pomodoro un piccolo tratto della banchina olimpica del porto e poi l'hanno gettata anche in una zona di mare. Una protesta per denunciare: "questo è il sangue dei migranti che vengono fatti morire in mare", come ha detto uno dei manifestanti al megafono.

14:39Calcio: Mourinho ‘rivede’ contratto che lo lega allo United

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Josè Mourinho festeggia il 'percorso netto' in Champions (nove punti in tre partite) rinegoziando il contratto con lo lega al Manchester United. Secondo Espn, l'allenatore portoghese ha già avviato una trattativa per definire i termini di un nuovo accordo, dopo quello siglato nel 2016, quando prese il posto dell'olandese Louis Van Gaal. L'attuale contratto lega il tecnico portoghese al club di Old trafford fino al 2019, ma è già allo studio una nuova ipotesi economico-contrattuale. Una notizia che stride con le dichiarazioni del diretto interessato che, nei giorni scorsi, ha specificato di essere poco disposto a concludere la propria carriera a Manchester. In futuro, è stato lo stesso portoghese a farlo notare, potrebbe guidare il PSG, la cui panchina attualmente è occupata dallo spagnolo Unai Emery.

14:38Calcio: Juve, Costa “con lo Sporting vittoria decisiva”

(ANSA) - TORINO, 19 OTT - "É stata una vittoria decisiva per la squadra: era una partita molto difficile, ma abbiamo giocato con pazienza". E' un Douglas Costa finalmente decisivo, dopo il difficile impatto con il campionato italiano, quello che commenta la vittoria della Juventus sullo Sporting Lisbona. Il brasiliano è stato l'autore dell'assist per il gol con cui Mandzukic ha ribaltato l'iniziale svantaggio, regalando ai bianconeri tre punti fondamentali in chiave qualificazione. "Il campionato italiano è totalmente diverso dalla Bundesliga, dove le marcature sono diverse e c'è più spazio - osserva il giocatore - ma col tempo mi adatterò". Nessuna preferenza, invece, per la posizione in campo: "Non c'è una posizione dove mi trovo meglio - dice -. Al Bayern giocavo a destra, ma io gioco dove mi chiedono e cerco di fare il meglio".

14:32Migranti: occupazione ex Moi, processo al via a febbraio

(ANSA) - TORINO, 19 OTT - L'insediamento nelle case del villaggio ex Moi a Torino da parte di centinaia di migranti arriva in tribunale. La procura ha citato in giudizio due persone con l'accusa di avere aiutato i primi extracomunitari (quantificati in circa 150) nel marzo del 2013 nel corso di una manifestazione. L'accusa mossa dal pm Antonio Rinaudo è di occupazione aggravata di edificio pubblico. Uno dei due imputati, in base a quanto si apprende, è Andrea Bonadonna, uno dei leader del centro sociale Askatasuna. Il secondo è una giovane volontaria di un'associazione che, a quanto risulta dalle indagini, accompagnò gli stranieri all'interno del complesso. Gli avvocati difensori sostengono che i due non sono punibili perché i migranti erano "in stato di necessità". Sull'ex Moi pende da anni un'ordinanza di sgombero. (ANSA).

14:23Espulso algerino, su fb istigava contro i cristiani

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Un cittadino algerino 34enne, Mane Melal Melaie, irregolare sul territorio nazionale, è stato espulso per motivi di sicurezza. L'uomo era stato denunciato all'Autorità Giudiziaria dalla Digos di Catania per "istigazione a commettere delitti di terrorismo" dopo aver pubblicato, sul proprio profilo facebook, frasi di consenso alle persecuzioni contro le comunità cristiane in Medio Oriente da parte di formazioni jihadiste. Con quella di oggi sono 86 le espulsioni eseguite nel 2017 e 218 quelle eseguite dal primo gennaio 2015 ad oggi. L'algerino, entrato in Italia nel gennaio 2016 da Lampedusa, online si faceva chiamare Zidan Zidane e aveva pubblicato sul profilo facebook un link titolato "Spunta la mappa dello sterminio: così la jihad elimina i cristiani" (commentandolo con frasi di consenso) che è risultato essere collegato ad articoli diffusi su fonti aperte relativi a persecuzioni nei confronti di comunità cristiane in Medio Oriente da parte di milizie jiahadiste.

Archivio Ultima ora