Giro d’Italia: vittoria Nibali, passerella trionfale a Torino

Pubblicato il 30 maggio 2016 da redazione

Italian rider of Astana Team Vincenzo Nibali celebrates on the podium after winning the Giro d'Italia 2016, Turin, 29 May 2016. ANSA/CLAUDIO PERI

Italian rider of Astana Team Vincenzo Nibali celebrates on the podium after winning the Giro d’Italia 2016, Turin, 29 May 2016. ANSA/CLAUDIO PERI

TORINO. – La piccola Emma si guarda attorno divertita, mentre mano nella mano col papà fasciato in una tutina rosa, si fa largo tra due ali di folla per guadagnare il podio del vincitore. Dopo tre settimane di passione, per la passerella finale del Giro numero 99 vinto – ed è un bis dopi il 2013 – con il più classico dei colpi di reni del campione, Vincenzo Nibali oltre al grande tifo ha trovato il calore della famiglia salita fin su a Torino da Messina per celebrarlo.

Papà Salvatore, mamma Giovanna e la moglie Rachele, con la piccola Emma, a stringerlo in un unico grande abbraccio. ‘Lo Squalo’ li raggiunge dopo aver tagliato il traguardo con il compagno di squadra Michele Scarponi al termine dell’ultima fatica, la tappa conclusiva del Giro, da Cuneo a Torino, con il circuito cittadino che diventa una saponetta per molti corridori e la giuria che neutralizza gli otto giri previsti cristallizzando i distacchi in classifica con ampio anticipo.

Buon per Esteban Chaves, il simpatico colibrì colombiano che scivola due volte durante la corsa ma in questo modo salva il meritato secondo posto nella generale.

Nibali e Scarponi si danno una pacca sulla spalla, poi il capitano alza il braccio del suo gregario, ricambiato, per un omaggio a una vittoria che è del singolo ma anche della squadra. I 163 km finali, corsi come da tradizione in un clima di festa, tra selfie, brindisi di gruppo e qualche ruzzolone di troppo, ratificano il podio sancito dalla tappa del giorno prima sulle Alpi piemontesi.

Vincenzo Nibali è il vincitore dell’edizione numero 99. Dietro di lui sul podio il colombiano Chaves a 52″ e lo spagnolo Valverde a 1’17”.

La giornata di festa era cominciata di buon’ora per Nibali, con la visita in albergo del presidente del Coni Giovanni Malagò: con lui, e con il direttore del Giro, Mauro Vegni, il campione siciliano ha fatto colazione. Poi di corsa a Cuneo dove riceve il primo bagno di folla.

In centinaia attendono sotto la pioggia che la maglia rosa scenda dal pullman dell’Astana: quando lui si affaccia lo accolgono con un boato che lo accompagna fino al palco del foglio firma che raggiunge in sella a una bici per l’occasione tutta rosa.

“Mi sono goduto lo spettacolo e non ne ho voluto perdere un attimo – commenta alla fine il campione siciliano -. Questo Giro mi ha insegnato a crederci sempre fino alla fine. Ho vissuto momenti difficili, ma sulle montagne, là dove osano le aquile, ho costruito questa impresa”.

A completare la festa ci sarebbe anche la vittoria di tappa di Giacomo Nizzolo: per il brianzolo, sempre piazzato in questo Giro, sarebbe una soddisfazione meritata. Ma la giuria ravvisa una manovra scorretta nel chiudere all’esterno Sacha Modolo e lo declassa. Il successo così va al tedesco Nikias Arndt che porta a sette il pallottoliere tedesco in questo Giro, lasciando a zero le vittorie italiane allo sprint. Dettagli che non rovinano la festa di papà Nibali.

(dell’inviato Armando Petretta/ANSA)

Ultima ora

14:39Calcio: Prandelli, ho detto no a un’offerta dalla Cina

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - L'ex ct azzurro Cesare Prandelli ha rifiutato una proposta per allenare in Cina, sarebbe "come staccare definitivamente". L'ha detto lo stesso tecnico che all'ipotesi di un suo ritorno sulla panchina della Fiorentina è netto: "ho sempre detto che non me ne sarei mai andato, non aggiungo altro perché non voglio che si inneschino polemiche". Dalle cose viste in campionato, Prandelli promuove i suoi colleghi Sarri e Montella, e rispetto al tecnico del Napoli afferma che "è uno scandalo che un allenatore così bravo sia arrivato così tardi nel grande calcio. Devo fargli i complimenti, perché è sempre riuscito a migliorare squadre già forti prima del suo arrivo". Di Montella dice che "è un un innovativo: sa trasmettere le sue idee e ora il Milan è una delle squadre che quest'anno ha subìto i più positivi miglioramenti".

14:16Calcio: Prandelli, a Valencia mi sono sentito umiliato

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "A Valencia mi sono sentito umiliato, perciò me ne sono andato". Così l'ex ct azzurro Cesare Prandelli torna sul suo addio alla panchina del Valencia dopo pochi mesi dal suo arrivo. "Quando sono mancati i presupposti per lavorare con trasparenza, ha detto Prandelli, mi sono sentito umiliato: mi hanno chiesto di fare l'allenatore e il dirigente, senza darmene la reale possibilità. Avevamo concordato che la priorità era l'acquisto di Zaza, con cui era tutto chiuso, e non ho potuto accettare il fatto che il presidente, dopo 20 giorni in cui eravamo d'accordo, mi fosse venuto a chiedere se volevamo un centrocampista. Come a voler ricominciare da zero. Mi sono sentito umiliato e ho preferito rescindere un contratto di un 18 mesi: con questi soldi risparmiati magari ora possono fare mercato, visto che hanno problemi di fair play finanziario. Poi Zaza, dopo la mia rescissione, è arrivato lo stesso: penso che abbia le possibilità per fare bene".

14:14Calcio: Juve, Marotta “nessun timore sul rinnovo di Dybala”

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Rinnovo di Dybala colpo di mercato? No, perché non c'era alcun timore sul suo rinnovo: ha un contratto lungo, volevamo solo adeguarlo ai livelli dei giocatori della sua caratura". Giuseppe Marotta chiarisce così circa il futuro in bianconero dell'argentino. "Sul mercato abbiamo ultimamente agito per alzare la qualità - ha aggiunto Marotta - anche se forse ammetto che si sia persa un po' di solidità: stiamo cercando la quadratura in un settore, quello del centrocampo, dove comunque non è facile assorbire in poco tempo la partenza di tre giocatori come Pirlo, Vidal e Pogba".

14:03Maltempo: nubifragio nel Nuorese ma allarme dighe rientrato

(ANSA) - NUORO, 22 GEN - E' stata una notte di emergenza e duro lavoro per la Protezione civile nel Nuorese e in Ogliastra dove, dopo la nevicata eccezionale, è arrivato un violento nubifragio, accompagnato dal forte vento, che ha provocato frane, caduta di alberi, esondazioni di torrenti e allagamenti. Nella tarda serata sono state chiuse sette strade provinciali, questa mattina poi quasi tutte riaperte ad eccezione della provinciale Oliena-Dorgali e della Fonni-Desulo, ancora chiusa dopo Monte Spada. In queste ultime due strade, l'unità di crisi della Prefettura di Nuoro sta provvedendo alla messa in sicurezza: a Oliena, all'altezza del Ponte di Oloè - dove nell'alluvione del 2013 era morto il poliziotto Luca Tanzi - e sulla Desulo-Fonni dove si sono riversate diverse frane. Riaperte invece le strade di accesso ad Orgosolo, Oliena, Dorgali, Mamoiada. Allagamenti anche in Ogliastra a causa dell'esondazione del rio Flumineddu che ha causato la chiusura di diverse strade, stamattina riaperte. E' rientrato anche il pericolo dell'ondata di piena per le dighe, in particolare la diga Maccheronis a Torpè, e i fiumi Cedrino nella bassa Baronia e Flumendosa in Ogliastra. Al lavoro per tutta la notte anche il Comitato Operativo, presieduto dall'assessore della Difesa dell'Ambiente Donatella Spano e composto dal direttore regionale della Protezione civile Graziano Nudda, dal Comandante del Corpo forestale e di Vigilanza ambientale Gavino Diana e dal direttore generale di Forestas Antonio Casula. "Abbiamo lavorato tutta la notte insieme ai sindaci dei paesi interessati per l'eventuale evacuazione delle abitazioni in caso di necessità - ha detto il viceprefetto Vincenzo D'Angelo che ha coordinato gli interventi dell'Unità di crisi - ma non c'è stato bisogno. Il livello di sicurezza è stato di poco superato ed è intervenuto subito il sistema di scarico. La situazione del tempo è migliorata e possiamo ormai dire che siamo fuori dall'emergenza. Raccomandiamo tuttavia la massima prudenza per chi si mette in auto: le strade non sono state liberate del tutto dai detriti per cui è meglio procedere con cautela". (ANSA).

14:02Trump: May conferma incontro venerdì, ‘espandere legami’

(ANSA) - LONDRA, 22 GEN - "Espandere la special relationship" fra Washington e Londra: sarà questo il tema al centro del primo incontro fra il presidente Donald Trump e la premier Theresa May, annunciato dalla Casa Bianca per venerdì e confermato da Downing Street. Intervistata al talk show domenicale Bbc di Andrew Marr, May si e' detta poi fiduciosa sulla possibilita' di un accordo commerciale vantaggioso con gli Usa di Trump per la Gran Bretagna post Brexit, mentre ha evitato di rispondere direttamente a una domanda su alcuni vecchi commenti offensivi attribuiti a 'The Donald' nei confronti delle donne, da lei criticati in passato: "Parlero' con Donald Trump delle questioni che condividiamo sul consolidamento della special relationship - si e' limitata a insistere, pressata al riguardo da Marr - ed e' la special relationship che mi permettera' anche di parlare quando troviamo alcune cose inaccettabili".

13:58Sci: slalom Kitzbuehel, tre azzurri in 2/a manche

(ANSA) - Kitzbuehel (Austria), 22 gen - Sono tre gli azzurri che parteciperanno alle 13.30 alla 2/a e decisiva manche dello slalom speciale di cdm di Kitzbuhel. Sono Stefano Gross 2/o in 53.71, Giuliano Razzoli 18/o in 55.48 e Tommaso Sala 26/o in 56.02. Nella prima manche erano usciti Manfred Moelgg, Patrick Thaler e Federico Ronci mentre Riccardo Tonetti e Federico Liberatore non sono riusciti a finire tra i migliori primi trenta ammessi alla manche decisiva.

13:56Maltempo: manto nevoso si sta consolidando

(ANSA) - ANCONA, 22 GEN - In base alle ultime osservazioni, i tecnici della Protezione civile delle Marche informano che, per quanto riguarda il rischio valanghe, il manto nevoso si sta consolidando, in considerazione del fatto che le temperature si stanno alzando in maniera molto graduale. Lo zero termico oggi si registra intorno ai 1.100 metri, condizione favorevole per la stabilizzazione delle nevi. Resta alta tuttavia l'attenzione rispetto alle strade che corrono lungo le scarpate, perché potrebbero verificarsi fenomeni localizzati di scivolamento di piccole porzioni di masse nevose. I tecnici sono al lavoro per i rilievi e per monitorare costantemente la situazione, senza l'ausilio, per il momento, dei sorvoli aerei, impossibili a causa delle condizioni meteo che determinano scarsa visibilità. Sotto controllo i livelli dei fiumi, che dovrebbero rimanere invariati, in quanto per domani sono previste pochissime piogge. Sul versante Enel, restano circa 200 utenze da riattivare, tutte nell'Ascolano.

Archivio Ultima ora