Coppa America: la Vinotinto sogna di superare il successo del 2011

Pubblicato il 03 giugno 2016 da redazione

cac

CARACAS – La Coppa America é il torneo calcistico per nazionali più longevo tuttora disputato: la sua prima edizione risale al 1916 in Argentina, allora il paese sudamericano decise di creare un torneo per festeggiare il centenario della sua indipendenza.

In quella prima edizione parteciparono oltre ai padroni di casa Brasile, Cile ed Uruguay. La celeste portò a casa la prima coppa messa in palio. Poi con il passare degli anni la Coppa America ha aggiunto piú squadre fino ad avere la presenza delle 10 rappresentanti della Conmebol.

Poi nel 1989, si decise di ruotare le sedi in ordine alfabetico e pochi anni dopo, nel 1993 furono invitate le prime nazionali non membri della Conmebol. In questo 2016, per festeggiare il centenario della Coppa America il torneo si disputerá negli Stati Uniti con la presenza di 16 nazioni: una di queste, il Venezuela.

La nazionale venezuelana attualmente vive un periodo di ricostruzione: dopo l’addio di Noel Sanvicente le sorti della vinotinto sono state affidate a Rafael Dudamel.

L’ex portiere durante la sua carriera ha indossato la maglia della Vinotinto per ben 17 anni. Dudamel ha esordito come profesionista all’età di 15 anni con la maglia dell’ULA FC, ed è stato l’inizio di una straordinaria carriera, durante la quale ha indossato le maglie di compagini venezuelane e straniere.

Il giocatore è stato anche uno di quei portieri con il fiuto del gol: durante la sua carriera ne ha segnati addirittura 22 (una cifra notevole se parliamo di un portiere), uno di questi nientemeno che all’Argentina, durante le qualificazioni per Francia ’98.

L’estremo difensore ha vestito le maglie di Santa Fe (Colombia), Quilmes (Argentina), Atlético Zulia, Deportivo Calí (Colombia), Millonarios (Colombia), Estudiantes de Mérida (in tre occasioni), Cortuluá (Colombia), Deportivo Táchira, Mamelodi Sundowns (Sudafrica) ed América de Calí (Colombia).

Nel suo palmares troviamo una ‘Copa Merconorte’ con il Millonarios nel 2001 e la finale della ‘Copa Conmebol’ nel 1996 con il Santa Fe. Con l’América de Cali, nel 1999, è arrivato in finale, arrendendosi dopo i calci di rigore contro i brasiliani del Palmeiras.

Con la Vinotinto ha partecipato a quattro edizioni della Coppa America, a tre qualificazioni per i Mondiali, più le diverse amichevoli; in totale ha collezionato 54 presenze.

Ai nastri di partenza, l’obiettivo di Dudamel é quello di emulare o superare il successo della vinotinto nell’edizione 2011: allora la nazionale venezuelana arrivó alle semifinali.

Nell’ultimo campionato, quello disputato l’anno scorso in Cile, il Venezuela non riuscí nemmeno a superare la fase a gironi.

Per centrare la meta prevista, la vinotinto dovrá prima superare Giamaica (oggi), Uruguay (9 giugno) e Messico (13 giugno).

Dudamel ha la missione di dare una scossa a questa nazionale che da un tempo a questa parte sembra aver smarrito la strada della vittoria. In rosa, ha giocatori che possono fare la differenza, calciatori come Tomás Rincón e Jossef Martinez che giocano nella nostra serie A, rispettivamente con Genoa e Torino. Senza dimenticare Salomón Rondón che ha segnato gol nel campionato spagnolo, russo ed inglese.

Nei 23 convocati ci sono ‘veterani’ come Oswaldo Vizcarrondo, Luis Manuel Seijas (vincitore con il Santa Fe dell’ultima Coppa Sudamericana), Alejandro Guerra e Roberto Rosales.

Il torneo continentale servirá a Dudamel per testare schemi e calibrare i meccanismi in vista delle gare di qualificazione per il Mondiale Russia 2018: attualmente la vinotinto é ultima in classifica con un punto guadagnato in sei gare disputate.

Ci sono anche nuove leve interessanti come Mikel Villanueva, Adalberto Peñaranda, Romulo Otero, José Manuel Velázquez, José Contreras, Wuilker Fariñez, Wilker Ángel, Yangel Herrera e Carlos Suárez.
Stando alle statistiche fornite dalla Conmebol, la vinotinto é la nazionale piú giovane della manifestazione, con un’etá media di 24,7 seguita da Colombia (25,8 años) e Perú (25,9), mentre quella piú anziana é la cilena con 29,5.

Nei libri dei bookmakers il primo nome nella lista delle favorite alla vittoria finale appare l’Argentina e se non sará la nazionale di Messi e compagni ad alzare la coppa in cielo sará una grande sorpresa. Ma, si sa, che la Coppa America ne ha sempre riservate tante. E l’edizione del Centenario non vuole essere da meno.

I tifosi vinotinto sperano che per la prima volta nella storia la loro nazionale salga sul gradino piú alto del podio, e così superare il successo del 2011. Tra 23 giorni scopriremo se questo sogno si avvererá.

(Fioravante De Simone/Voce)

Ultima ora

13:04Alfano a Mosca, noi con Ue per libertà di manifestare

(ANSA) - MOSCA, 27 MAR - "Nel pieno rispetto della sovranità russa e delle sue leggi, non posso che riconoscermi nella posizione espressa dall'Ue e ribadire la nostra fede nei principi di libera manifestazione del pensiero regolato dalle convenzioni internazionali". Così il ministro degli Esteri italiano Angelino Alfano in conferenza stampa con l'omologo russo a proposito degli arresti effettuati ieri in Russia durante le manifestazioni.

13:02Russia: Cremlino, le manifestazioni una provocazione

(ANSA) - MOSCA, 27 MAR - Il Cremlino accusa gli organizzatori delle manifestazioni di ieri in Russia di "provocazioni". "Quello che abbiamo visto ieri in diversi posti, ma soprattutto a Mosca - ha detto il portavoce di Putin, Dmitri Peskov, citato da Ria Novosti - è una provocazione e una menzogna perché coloro che in modo molto raffinato e con un linguaggio aulico hanno spiegato che l'azione era autorizzata e che non violava in alcun modo la legge dicevano un'assoluta bugia".

12:48Fondi Cnr per vasca idromassaggio, fermato funzionario

(ANSA) - NAPOLI, 27 MAR - C'era davvero di tutto negli acquisti che Vittorio Gargiulo, già segretario amministrativo dell'Istituto Ambiente Marino Costiero del Cnr, avrebbe addebitato alle casse dell'istituto: dagli undicimila euro per lavori di ristrutturazione nella propria abitazione, con tanto di vasca idromassaggio, al mezzo milione di euro usato per acquistare materiale informatico che in gran parte sarebbe stato rivenduto a terzi. L'uomo è stato fermato stamane, in esecuzione di un decreto emesso dalla procura di Napoli: in una nota, il procuratore aggiunto Alfonso D'Avino spiega che secondo gli elementi raccolti dagli investigatori Gargiulo, già al corrente delle indagini a suo carico, si stava preparando a lasciare il territorio italiano. E' accusato di peculato e concussione.

12:43Bulgaria: vincono i conservatori, ma governo non facile

(di Atanas Tsenov) (ANSA) - SOFIA, 27 MAR - In Bulgaria il partito conservatore Gerb dell'ex premier Boyko Borissov ha vinto le elezioni politiche anticipate con il 33,55% dei voti, secondo i dati dello spoglio giunto al 94,33% delle schede elettorali. Si e' trattato del primo appuntamento elettorale a livello nazionale in un Paese Ue dopo la firma, sabato, della Dichiarazione di Roma in occasione delle celebrazioni nella capitale italiana per il 60mo anniversario della sigla dei Trattati. Al secondo posto nelle politiche di Bulgaria il Partito socialista di Kornelia Ninova, con poco più del 27,02% dei voti, con un recupero di consensi dopo il minimo storico del 16% alle elezioni anticipate del 2014. Sia i conservatori sia i socialisti sono su posizioni fondamentalmente europeiste, con la differenza che i socialisti si mostrano più morbidi con Mosca e auspicano l'abolizione delle sanzioni contro la Russia. Sono inoltre schierati contro l'accordo Ceta tra l'Ue il Canada.

12:42Famiglia posta video su Youtube, latitante arrestato

(ANSA) - ASTI, 27 MAR - Video a feste di compleanno o in giro per il quartiere londinese di Wembley, caricati dai familiari su YouTube, Snapchat, Facebook, hanno incastrato Valentin Jiuan, romeno di 35 anni, latitante. Condannato in contumacia a 14 anni per l'omicidio volontario di un connazionale, commesso assieme a due complici nel 2010 ad Asti, era ricercato dal 2013. Le indagini on line dalla Squadra mobile lo hanno scoperto a Londra dove si era rifugiato tre anni fa. Per il delitto di Miros Floris Georghe, romeno di 34 anni, ammazzato con un pestaggio a colpi di spranghe e mazze di ferro, è stato già condannato anche Vasile Bostan, connazionale di 35 anni, che si trova in carcere ad Alessandria mentre un terzo complice è ancora ricercato all'estero. Jiuan, "che si era integrato nella comunità romena londinese - ha spiegato il comandante della Mobile, Loris Petrillo in conferenza stampa - è stato estradato in Italia e ora si trova al carcere di Rebibbia dove deve scontare la condanna, confermata anche in Cassazione".(ANSA).

12:21Genero Trump contro burocrazia governo

(ANSA) - WASHINGTON, 27 MAR - Nuovo ufficio alla Casa Bianca e nuovo incarico per il genero del presidente Trump. Secondo i media americani il presidente annuncerà oggi la nascita di American Innovation, un settore che si occuperà di snellire e rendere più efficiente la burocrazia federale grazie a soluzioni prese dal mondo delle aziende. "Il governo dovrebbe essere gestito come una grande azienda americana", ha detto al Washington Post Kushner che nel suo nuovo ruolo riferirà direttamente al presidente. Il genero di Trump vede il nuovo settore come un 'team di teste di cuoio', una fabbrica di idee aggressiva e non ideologica, scrive il Wp, capace di attirare talenti dall'interno e dall'esterno del governo per comunicare con il mondo degli affari, delle associazioni filantropiche e con le comunità accademiche.

12:19Turchia: legami Gulen, Galatasaray caccia stella Hakan Sukur

(ANSAmed) - ISTANBUL, 27 MAR - Il comitato esecutivo della società calcistica del Galatasaray ha decretato l'espulsione dalla lista dei suoi iscritti degli ex giocatori del club e della nazionale turca Hakan Sukur e Arif Erdem, ricercati dalla giustizia di Ankara con l'accusa di far parte della presunta rete golpista di Fethullah Gulen. La decisione è giunta in una riunione d'emergenza convocata ieri sera, dopo i decisi attacchi giunti dal governo per il 'salvataggio' dei due ex calciatori nella riunione di sabato dei membri dell'assemblea del club, che avevano invece cacciato diversi altri sospetti 'gulenisti'.

Archivio Ultima ora