Coppa America: la Vinotinto sogna di superare il successo del 2011

Pubblicato il 03 giugno 2016 da redazione

cac

CARACAS – La Coppa America é il torneo calcistico per nazionali più longevo tuttora disputato: la sua prima edizione risale al 1916 in Argentina, allora il paese sudamericano decise di creare un torneo per festeggiare il centenario della sua indipendenza.

In quella prima edizione parteciparono oltre ai padroni di casa Brasile, Cile ed Uruguay. La celeste portò a casa la prima coppa messa in palio. Poi con il passare degli anni la Coppa America ha aggiunto piú squadre fino ad avere la presenza delle 10 rappresentanti della Conmebol.

Poi nel 1989, si decise di ruotare le sedi in ordine alfabetico e pochi anni dopo, nel 1993 furono invitate le prime nazionali non membri della Conmebol. In questo 2016, per festeggiare il centenario della Coppa America il torneo si disputerá negli Stati Uniti con la presenza di 16 nazioni: una di queste, il Venezuela.

La nazionale venezuelana attualmente vive un periodo di ricostruzione: dopo l’addio di Noel Sanvicente le sorti della vinotinto sono state affidate a Rafael Dudamel.

L’ex portiere durante la sua carriera ha indossato la maglia della Vinotinto per ben 17 anni. Dudamel ha esordito come profesionista all’età di 15 anni con la maglia dell’ULA FC, ed è stato l’inizio di una straordinaria carriera, durante la quale ha indossato le maglie di compagini venezuelane e straniere.

Il giocatore è stato anche uno di quei portieri con il fiuto del gol: durante la sua carriera ne ha segnati addirittura 22 (una cifra notevole se parliamo di un portiere), uno di questi nientemeno che all’Argentina, durante le qualificazioni per Francia ’98.

L’estremo difensore ha vestito le maglie di Santa Fe (Colombia), Quilmes (Argentina), Atlético Zulia, Deportivo Calí (Colombia), Millonarios (Colombia), Estudiantes de Mérida (in tre occasioni), Cortuluá (Colombia), Deportivo Táchira, Mamelodi Sundowns (Sudafrica) ed América de Calí (Colombia).

Nel suo palmares troviamo una ‘Copa Merconorte’ con il Millonarios nel 2001 e la finale della ‘Copa Conmebol’ nel 1996 con il Santa Fe. Con l’América de Cali, nel 1999, è arrivato in finale, arrendendosi dopo i calci di rigore contro i brasiliani del Palmeiras.

Con la Vinotinto ha partecipato a quattro edizioni della Coppa America, a tre qualificazioni per i Mondiali, più le diverse amichevoli; in totale ha collezionato 54 presenze.

Ai nastri di partenza, l’obiettivo di Dudamel é quello di emulare o superare il successo della vinotinto nell’edizione 2011: allora la nazionale venezuelana arrivó alle semifinali.

Nell’ultimo campionato, quello disputato l’anno scorso in Cile, il Venezuela non riuscí nemmeno a superare la fase a gironi.

Per centrare la meta prevista, la vinotinto dovrá prima superare Giamaica (oggi), Uruguay (9 giugno) e Messico (13 giugno).

Dudamel ha la missione di dare una scossa a questa nazionale che da un tempo a questa parte sembra aver smarrito la strada della vittoria. In rosa, ha giocatori che possono fare la differenza, calciatori come Tomás Rincón e Jossef Martinez che giocano nella nostra serie A, rispettivamente con Genoa e Torino. Senza dimenticare Salomón Rondón che ha segnato gol nel campionato spagnolo, russo ed inglese.

Nei 23 convocati ci sono ‘veterani’ come Oswaldo Vizcarrondo, Luis Manuel Seijas (vincitore con il Santa Fe dell’ultima Coppa Sudamericana), Alejandro Guerra e Roberto Rosales.

Il torneo continentale servirá a Dudamel per testare schemi e calibrare i meccanismi in vista delle gare di qualificazione per il Mondiale Russia 2018: attualmente la vinotinto é ultima in classifica con un punto guadagnato in sei gare disputate.

Ci sono anche nuove leve interessanti come Mikel Villanueva, Adalberto Peñaranda, Romulo Otero, José Manuel Velázquez, José Contreras, Wuilker Fariñez, Wilker Ángel, Yangel Herrera e Carlos Suárez.
Stando alle statistiche fornite dalla Conmebol, la vinotinto é la nazionale piú giovane della manifestazione, con un’etá media di 24,7 seguita da Colombia (25,8 años) e Perú (25,9), mentre quella piú anziana é la cilena con 29,5.

Nei libri dei bookmakers il primo nome nella lista delle favorite alla vittoria finale appare l’Argentina e se non sará la nazionale di Messi e compagni ad alzare la coppa in cielo sará una grande sorpresa. Ma, si sa, che la Coppa America ne ha sempre riservate tante. E l’edizione del Centenario non vuole essere da meno.

I tifosi vinotinto sperano che per la prima volta nella storia la loro nazionale salga sul gradino piú alto del podio, e così superare il successo del 2011. Tra 23 giorni scopriremo se questo sogno si avvererá.

(Fioravante De Simone/Voce)

Ultima ora

00:24Calcio: Barcellona, Piquè, ‘Neymar rimane’

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - "Se queda", ovvero "Rimane". Con questo tweet, che contiene una sua foto assieme a Neymar, il difensore del Barcellona Gerard Piquè annuncia che il compagno ha deciso di rimanere in maglia blaugrana, respingendo le proposte del Paris SG, che sarebbe disposto a pagare l'altissima clausola rescissoria, di 222 milioni, del contratto del brasiliano. Per ora non ci sono conferme ufficiali da parte di O Ney, o di suo padre Neymar senior, che ne cura gli interessi. Piquè è comunque, visto il suo carisma, un autentico leader del Barca, e spesso in passato ha parlato anche a nome degli altri giocatori della squadra che adesso è allenata da Ernesto Valverde.

22:39Calcio: Crotone ingaggia Izco, contratto annuale con opzione

(ANSA) - CROTONE, 23 LUG - Mariano Izco è un calciatore del Crotone. Il suo tesseramento è stato ufficializzato nella tarda serata dalla società calabrese. Il centrocampista argentino di 34 anni, che era svincolato dopo l'ultima stagione al Chievo, ha firmato con la squadra calabrese un contratto annuale con opzione sul secondo. Izco vanta un curriculum di tutto rispetto con quasi 300 presenze in Serie A avendo vestito le maglie del Catania per otto stagioni e quella del Chievo Verona negli ultimi tre anni. Il neo-acquisto ha già effettuato le visite mediche e ha raggiunto il gruppo nel ritiro di Moccone.

22:37Atletica: Mondiali Paralimpici, Caironi e Legnante d’oro

(ANSA) - LONDRA, 23 LUG - Italia ancora grande protagonista ai Mondiali di atletica paralimpica, chiusisi a Londra. Il 'bottino' della giornata conclusiva è stato di 2 ori, con Martina Caironi nel salto in lungo e Assunta Legnante nel peso, e un bronzo, quello della staffetta 4X100 T42/47. C'è voluto il sesto salto, a 4.72, per Martina Caironi, già sul trono del mondo pochi giorni fa per la vittoria sui 100 metri T42. Oggi nel lungo non ha tradito le aspettative, compiendo una spettacolare progressione finale. Argento alla giapponese Maegawa. Puntuale anche questa volta, Assunta Legnante ha 'toccato' il cielo con il peso, mettendosi al collo un altro oro, dopo quelli di Rio 2016, dei Mondiali 2015, degli Europei 2014, e di Londra 2012. La lanciatrice campana realizza 15.82 al 2/o tentativo e il distacco dall'uzbeka Burkanova, argento, è di oltre un metro. Sul podio sale anche la staffetta 4x100 uomini T42/47: per Di Marino, Manigrasso, Lanfri e Bagaini arriva anche, in 43.32, il nuovo record italiano, alle spalle di Usa e Germania.

22:06Calcio: amichevoli, Parma-Pieve di Bono 14-0

(ANSA) - PARMA, 23 LUG - Sono 14 (a zero) le reti segnate dal Parma nella sua prima uscita stagionale, in amichevole a Pinzolo (Trento), contro il Pieve di Bono che disputa il campionato di Prima categoria. Protagonisti Baraye e Calaiò, con due triplette, e doppietta per Nocciolini.

22:03Scherma: Mondiali, delusione Garozzo, bronzo? volevo l’oro

(ANSA) - LIPSIA (GERMANIA), 23 LUG - "Non ce la faccio a vedere il bicchiere mezzo pieno. Sognavo di vincere nel giro di un anno Olimpiadi, Europei e Mondiali. Sognavo questo grande Slam, però mi sono fermato ad un passo dal risultato. Non voglio sminuire questo bronzo, ma io qui ambivo all'oro e non l'ho raggiunto". Daniele Garozzo non rinuncia alla consueta sincerità nemmeno dopo essersi messo un'altra medaglia al collo, anche se non del metallo desiderato. "Ce l'ho messa tutta - continua l'azzurro del fioretto -, ma in semifinale ho sbagliato ad intestardirmi e a protestare con l'arbitro. Saito è stato bravo, è un ragazzo, ha 20 anni, lo conosciamo poco nel circuito perché ancora fa poche gare in Coppa del Mondo. Ma la colpa oggi è solo mia. Ricorderò a lungo questo assalto, ma adesso devo concentrarmi sulla gara a squadre. Ma dal punto di vista schermistico ho sbagliato io, e quindi sono deluso e amareggiato".

22:01Carceri: lite tra detenuti a Gorgona, uno è grave

(ANSA) - GORGONA (LIVORNO), 23 LUG - Un detenuto di 48 anni è ricoverato in gravi condizioni all'ospedale di Livorno dopo una lite con un altro ristretto nella casa di reclusione dell'isola di Gorgona. Sull'episodio, avvenuto nel pomeriggio, indagano gli agenti della polizia penitenziaria che sulla vicenda mantengono ancora il massimo riserbo. Il detenuto ferito che ha riportato un trauma cranico importante è stato trasferito dall'isola con l'elisoccorso. La tensione nell'isola-carcere è subito rientrata e già in serata la polizia penitenziaria ha fatto sapere che la situazione era tornata normale, pur senza fornire dettagli sui motivi che hanno innescato la lite violenta di qualche ora prima. Ieri il sindacato Fns Cisl aveva annunciato l'inizio dello sciopero della fame dei propri agenti iscritti per protestare contro l'amministrazione penitenziaria che "costringe" le guardie a vivere come reclusi senza alcun servizio esterno. (ANSA).

21:53Kenya:media,’italiana uccisa durante rapina in villa’

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - Un'italiana è stata uccisa e suo marito ferito a Mombasa, in Kenya, durante una rapina nella loro villa. Lo scrive il sito Africa Express ma non ci sono ancora conferme da parte delle autorità italiane.

Archivio Ultima ora