Tensione nel centrodestra, ma Berlusconi pensa già a referendum

Pubblicato il 06 giugno 2016 da redazione

destra

ROMA. – Il risultato ottenuto a Milano che consente al centrodestra di andare al ballottaggio (così come a Napoli e Bologna) non frena il clima da resa dei conti che ormai si respira tra i partiti della coalizione. Ma se è vero che “uniti si vince”, come dimostra il responso delle urne, la ‘colpa’ di chi abbia mandato in frantumi l’alleanza in realtà decisive come Roma, rischia di mettere in seria discussione la possibilità di proseguire, dopo i ballottaggi, il cammino insieme.

I numeri delle elezioni, come era preannunciato, aprono diversi scenari: in primis la sfida alla leadership di Berlusconi, ma anche la possibilità in vista del referendum di ottobre di poter compattare intorno al ‘no’ altri partiti.

Uno su tutti, il Movimento Cinque Stelle a cui Forza Italia concede l’onore delle armi riconoscendo “una crescita numerica e politica importante che merita rispetto e con la quale bisogna fare i conti”. Ma è proprio in vista delle battaglie che si apriranno dopo il 19 giugno che vedono da subito Lega, Fdi e gli azzurri rivendicare il miglior risultato della coalizione.

Il Cavaliere esulta per la performance di Forza Italia a Milano rispetto alla Lega oltre che alla vittoria della Gelmini su Salvini in termini di preferenze. Primato conquistato anche a Napoli dalla Carfagna.

Quando si parla di Roma e Torino però l’umore in casa degli azzurri cambia visto che nella Capitale FI è sotto il 5% così come nel capoluogo piemontese. A Roma la partita interna al centrodestra la vince senza rivali Giorgia Meloni che per una manciata di voti non è riuscita a soffiare il ballottaggio a Roberto Giachetti. Mentre Matteo Salvini punta sul primo posto del Carroccio a Bologna con la Bergonzoni che andrà a sfidare Virginio Merola.

Ma, al netto dei singoli risultati, il giorno dopo la chiusura delle urne e soprattutto dopo quanto accaduto nella Capitale, a far notizia sono gli avvertimenti inviati all’ex capo del governo. Il leader della Lega non fa mistero di voler esercitare quella golden share del centrodestra che pensa di possedere ed è tornato sull’argomento annunciando una convention dopo i ballottaggi per lanciare un nuovo modello di coalizione. I

n poche parole, insomma, si tratta di un nuovo invito al Cavaliere a farsi definitivamente da parte. Ma il risultato ottenuto del Carroccio a Milano frena la scalata del leader leghista costretto a fare i conti con altri competitor pronti a sfidarlo per la guida della coalizione.

Dopo il risultato conseguito nella Capitale Giorgia Meloni non ha nessuna intenzione di essere messa in un angolo. Anzi: forte del ‘peso’ del suo partito mette in chiaro che “nel centrodestra non sarà più nulla come prima”.

A finire sul banco degli imputati è Berlusconi, ‘reo’ di aver “aiutato Renzi ed il Pd” preferendo l’alleanza con Alfio Marchini all’unità del centrodestra. Oltre al ‘duo lepenista’, però, altri potrebbero ambire allo scettro del centrodestra.

Per il momento resta solo una suggestione ma sono in molti (anche dentro Fi) a guardare con interesse all’ascesa di Stefano Parisi, capace secondo gli azzurri, di saper costruire un consenso molto più ampio dei numeri di Lega e Fratelli d’Italia.

Che i moderati siano il perno della coalizione è da sempre la profonda convinzione del Cavaliere che da Arcore fa presente come “senza i moderati, la destra arriva al massimo al 20% di Roma”. La battaglia per la leadership però non appassiona Berlusconi ormai già proiettato sul referendum di ottobre.

Non è un caso che FI abbia dedicato un lungo passaggio al Movimento Cinque Stelle riconoscendone la maturità politica raggiunta e la possibilità di aprire un confronto. Ed il primo terreno per approfondire il dialogo potrebbe essere proprio la battaglia comune per il no al referendum.

(di Yasmin Inangiray/ANSA)

Ultima ora

18:53Incendi: fiamme minacciano due resort nel sud Sardegna

(ANSA) - CAGLIARI, 25 LUG - Un altro vasto incendio è divampato questo pomeriggio in Sardegna, nella zona di Castiadas, sulla costa sud orientale vicino a Villasimius. Le fiamme, alimentate dal forte vento, si stanno avvicinando pericolosamente ai due resort turistici, Santagiusta e Villas. Sul posto stanno già operando le squadre dei vigili del fuoco, la Protezione civile e il Corpo forestale, in attesa dell'arrivo dei mezzi aerei. Nella zona interessata dall'incendio vi sono anche le pattuglie dei carabinieri della Compagnia di San Vito. Si sta valutando se evacuare le strutture alberghiere e le abitazioni. (ANSA).

18:48Scherma: Mondiali, oro Italia nella sciabola donne

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - L'Italia della sciabola femminile ha vinto la medaglia d'oro a squadre ai Mondiali di scherma in corso a Lipsia (Germania). Il quartetto azzurro (Irene Vecchi, Rossella Gregorio, Loreta Gulotta e Martina Criscio) ha battuto in finale la Corea del Sud con il punteggio di 45-27. E' la terza medaglia d'oro per l'Italia nel torneo iridato (8 medaglie complessive) che si chiuderà domani.

18:44L’ex Raisi, io senza pensione e vitalizio, meglio rubare

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - Con la legge che ricalcola i Vitalizi perderà anche la pensione da parlamentare, dopo aver perso quella dell'Inps. A raccontarlo su Facebook è l'ex deputato di An Enzo Raisi, che si sfoga: "ho fatto male a far politica e a non rubare". "Dunque - racconta Raisi - ho pagato per quasi 20 anni l'INPS poi ho smesso perché sono diventato parlamentare e avendo il vitalizio non volevo giustamente accumulare pensioni. Ovviamente 20 anni di contributi buttati via perché non cumulabili con il vitalizio, essendo due gestioni diverse. Ho pagato per 15 anni i contributi per il vitalizio, solo per i due anni e mezzo della legislatura Prodi che è durata 2 anni e mezzo ho sborsato oltre 50 mila euro per i due anni e mezzo mancanti. Ironia della sorte ora, se passa la nuova legge voluta dai nuovi populisti Pd, leggasi sig Richetti, e i grillini che fanno a gara per attribuirsi questa legge, non avrò né la pensione INPS né il vitalizio".

18:44Nuoto: Mondiali, Quadarella bronzo 1500 sl

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - Simona Quadarella ha conquistato il bronzo nei 1500 sl ai Mondiali di nuoto di Budapest. La diciottenne azzurra ha chiuso al terzo posto la gara più lunga in vasca, dominata dall'americana Katie Ledecky, oro in 15'31"82 dopo un assolo. Argento alla spagnola Mireia Belmonte Garcia (15'50"89). Per Simona il tempo di 15'53"86.

18:36Venezia ricorda 100 anni Porto Marghera

(ANSA) - VENEZIA, 25 LUG - Il 23 luglio 1917 il presidente del Consiglio Paolo Boselli, il sindaco di Venezia Filippo Grimani e il presidente di Sade Giuseppe Volpi di Misurata firmarono una convenzione per la costruzione di Porto Marghera. Un secolo dopo Venezia ripercorre la storia di quest'area di 22 mila ettari dove la grande impresa ha creato una delle prime grandi mentalità industriali italiane e sulla quale oggi la città si interroga sull'eredità economico sociale di un secolo di lavoro. Non una celebrazione ma un altro passo "nel futuro della città", ha detto il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro presentando le iniziative che da settembre a maggio 2018 accompagneranno il progetto "1917-2017 - 100 anni di Porto Marghera". "Ricordare Porto Marghera cosa è stato e cosa sarà è un dovere di chi ama Venezia Quest'area oggi è una sfida fondamentale pensare ai suoi prossimi cento anni". Per il sindaco tre saranno i passi fondamentali per ridare nuova vita alla grande area: industria, portualità e turismo.

18:35Raggi, serve supporto governo per salvare Castelfusano

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - "La pineta di Castel Fusano è nuovamente in fiamme. Le squadre per spegnere questo ennesimo incendio sono al lavoro. Serve un controllo 24 ore su 24 del territorio perché - se si tratta di incendi dolosi - non si può soltanto intervenire con gli spegnimenti. E' necessario un supporto del governo per controllare il territorio e salvare la pineta di Castel Fusano. La situazione è grave". Lo dichiara la Sindaca di Roma Virginia Raggi.

18:34Mafia Roma: corte appello,restituire beni a Diotallevi

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - La corte di appello di Roma, con un provvedimento depositato ieri, ha disposto la restituzione di gran parte dei beni mobili ed immobili sequestrati ad Ernesto Diotallevi, ritenuto dalla procura il referente romano di Cosa Nostra e già indagato (posizione archiviata) nell'ambito dell'inchiesta su Mafia Capitale, e ad altre persone a lui collegate. Diotallevi è stato coinvolto anche in un processo sulla Banda della Magliana ma è stato assolto.

Archivio Ultima ora