Gli incroci nei ballottaggi, tutto ancora possibile

Pubblicato il 06 giugno 2016 da redazione

ballottaggi

ROMA. – A Roma, Milano, Napoli, Torino e Bologna tutto è ancora possibile, almeno teoricamente: il Pd può conquistare quattro delle cinque città al ballottaggio del 19 giugno oppure perdere clamorosamente in tutti e cinque i grandi centri, creando più di un problema a Matteo Renzi.

Ragionamento opposto per il M5S, la forza politica andata meglio al primo turno e che paradossalmente ha più da perdere nel caso di una mancata affermazione al secondo turno: nella Capitale Virginia Raggi ha un vantaggio consistente di 10 punti percentuali nei confronti di Roberto Giachetti; mentre a Torino Chiara Appendino deve sì recuperare l’11% su Piero Fassino ma può sfruttare l’effetto “traino” dei cinquestelle.

Il centrodestra, invece, punta tutto su Stefano Parisi che a Milano è protagonista di un testa a testa con Peppe Sala; ma è ancora in corsa a Bologna e Napoli seppur con distacchi consistenti. Nel capoluogo partenopeo in pista, con tutti i favori del pronostico, c’è il sindaco uscente Luigi De Magistris.

In linea generale, ai ballottaggi in vantaggio netto si trovano i candidati che hanno chiuso il primo turno avanti di almeno qualche punto: M5S a Roma; Pd a Milano, Torino e Bologna; De Magistris a Napoli.

Ma su queste amministrative pesa molto il voto che i politologi definiscono “anti-establishment”: appartengono a questa categoria i successi dei cinquestelle e di De Magistris così come il voto di protesta raccolto dalla destra di Matteo Salvini-Giorgia Meloni o dalla sinistra di Stefano Fassina.

D’altronde, le intenzioni sono chiare nelle parole del leader della Lega Nord: “Se non ci siamo al ballottaggio, voteremo chiunque tranne il Pd”. La somma aritmetica delle forze anti-sistema potrebbe mettere i Dem in difficoltà soprattutto a Torino e Bologna, ma soprattutto non far dormire sonni tranquilli al premier in vista del referendum di ottobre.

Il centrosinistra, però, può fare conto sulla “affezione al voto” dei propri elettori, tradizionalmente più pronti a recarsi alle urne. C’è poi da tenere in conto anche il cosiddetto “effetto Austria”, ovvero la simpatia degli indecisi nei confronti di candidati più rassicuranti: il 22 maggio scorso al ballottaggio per le presidenziali austriache gli elettori hanno ribaltato l’esito del primo turno scegliendo il moderato Alexander Van der Bellen a scapito del candidato della destra nazionalista Norbert Hofer.

Ai ballottaggi una scelta rassicurante potrebbe aiutare il centrosinistra. Il Pd, però, deve anche fare attenzione a non spaccarsi al proprio interno, così come avvenne a Bologna nel 1999 quando il candidato di centrodestra Giorgio Guazzaloca ribaltò i dati del primo turno sfruttando le divisioni interne degli allora Ds.

L’impresa è resa ancora più complessa dalla necessità di recuperare i voti di Fassina a sinistra (mercoledì, il leader di SI chiarirà se appoggerà o meno un candidato) e quelli di Marchini al centro. In questa situazione è anche difficile fare calcoli sull’affluenza (in calo soprattutto al Nord).

In passato un numero maggiore di votanti ha spesso favorito il centrodestra nei confronti dell’elettorato di centrosinistra. Ma l’incognita degli elettori M5S, al cui interno si trovano sia moderati che radicali, non permette di fare calcoli.

La regola comune, in ogni caso, è che vince chi invade anche il terreno avversario. La battaglia più accesa è così quella tra Sala e Parisi.

(di Teodoro Fulgione/ANSA)

Ultima ora

17:02Migranti: Ungheria, l’Italia continua a ricattarci

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - ''L'Italia ci ha ricattati e continua a farlo facendo pressione politica su di noi e sul resto dei Paesi dell'Europa centro-orientale''. Lo ha detto il portavoce del governo ungherese, Zoltan Kovacs, a Roma durante un incontro informale con alcuni media italiani, facendo riferimento alla ricollocazione dei migranti legata all'approvazione del bilancio Ue.

16:54Calcio: Juventus, rientrano primi sei nazionali

(ANSA) - TORINO, 27 MAR - Parte domani a Vinovo l''operazione Napoli' della Juventus che andrà al San Paolo per due sfide infuocate in campionato e Coppa Italia. Domani Massimiliano Allegri riavrà i primi sei dei 16 giocatori convocati nelle varie nazionali: Barzagli, che aveva lasciato il raduno azzurro sabato "per motivi personali", Pjanic, non chiamato per l'amichevole della Bosnia in Albania, Higuain, squalificato con l'Argentina, oltre a Dani Alves, Lichtsteiner e Mandzukic.

16:41Attacco Londra: il suv lanciato a 120 km all’ora sui pedoni

(ANSA) - LONDRA, 27 MAR - Lanciato a 76 miglia, circa 122 km all'ora, sui passanti: è la velocità raggiunta dal suv guidato mercoledì scorso da Khalid Masood nel suo attacco terroristico sul Westminster Bridge di Londra. Lo riporta la Bbc, sulla base dei rilevamenti della polizia britannica.

16:41Spari P.Chigi: Giangrande e Fedeli incontrano studenti

(ANSA) - PRATO, 27 MAR - Un incontro sul tema della legalità nella scuola, sull'amore e sui valori che spingono le persone a compiere gesti eroici. Come quello del maresciallo dei carabinieri Giuseppe Giangrande, che ha raccontato la sua storia a circa 140 studenti del liceo pratese "Cicognini-Rodari". Accanto a lui il ministro dell'Istruzione Valeria Fedeli. Il militare circa 4 anni fa rimase vittima di un attentato di uno squilibrato nel giorno dell'insediamento del governo guidato da Enrico Letta. Nel suo discorso il maresciallo ha ripercorso le tappe fondamentali della sua carriera, che sono raccolte nel libro di Roberto Riccardi "Il prezzo della fedeltà" (Mondadori), il cui ricavato delle vendite andrà in beneficenza. All'appuntamento hanno partecipato anche il comandante generale dei carabinieri Tullio Del Sette e la figlia di Giangrande, Martina, a cui il padre ha tributato una lunga e struggente lettera di ringraziamento nel suo libro.

16:38Russia: Navalni, nella sentenza nulla di vero

(ANSA) - MOSCA, 27 MAR - Alexey Navalni si è detto innocente: "Tutto ciò che è scritto" sul dispositivo della sentenza "non è vero", ha affermato, sottolineando che "l'errore principale è che sulla via Tverskaya c'erano solo 4.000 persone" e ribadendo di non aver opposto resistenza alla polizia. Il suo avvocato, Olga Mikhailova, ha dichiarato che la versione dei fatti fornita dalla polizia è completamente inventata. Secondo il giudice che ha letto la sentenza, Navalni viene condannato per aver partecipato a una manifestazione non autorizzata con 4.000 persone, per aver spronato i dimostranti a violare l'ordine pubblico e per essersi rifiutato di andare in un ufficio di polizia spintonando gli agenti.

16:30Berlusconi, prestito a Lele Mora un atto di generosità

(ANSA) - MILANO, 27 MAR - Silvio Berlusconi si è presentato in aula a Palazzo di Giustizia a Milano per il processo per bancarotta a carico dell'ex direttore del Tg4 Emilio Fede. Berlusconi, accompagnato dai suoi legali Nicolò Ghedini e Federico Cecconi e dal suo medico personale, Alberto Zangrillo, è stato ascoltato come teste circa un prestito da circa 2,8 milioni di euro a Lele Mora nel 2010. "E' stato un mio atto di generosità" ha detto il Cavaliere. Secondo l'accusa, Emilio Fede avrebbe trattenuto oltre un milione di euro dei soldi che dovevano servire a salvare la società di Mora. Berlusconi ha risposto a tutte le domande del pm. Ha chiesto di non essere nè ripreso né fotografato durante la sua breve deposizione. Inoltre prima e dopo l'esame non ha rilasciato dichiarazioni ai cronisti. (ANSA).

16:25Sessione Cio 2019, Milano candidata unica

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - Milano sarà candidata unica ad ospitare la 132ma Sessione del Cio nel settembre 2019. Lo rende noto il Cio. L'assegnazione ufficiale dell'evento è in programma a Lima il 17 settembre di quest'anno. Il Comitato olimpico internazionale ora nominerà una commissione di valutazione che sarà nel capoluogo lombardo il 23 e 24 maggio prossimi.

Archivio Ultima ora