Isis minaccia l’Egitto, distruggeremo le piramidi

Pubblicato il 08 giugno 2016 da redazione

piramidi

BEIRUT. – Dopo i resti di Ninive e di altre città assire in Iraq e quelli di Palmira in Siria, sono le piramidi egiziane l’obiettivo che l’Isis si pone nella sua sistematica opera di distruzione dei simboli delle antiche civiltà. E’ quanto annunciato da un jihadista al termine di un video che mostra il tempio babilonese di Nabu, in Iraq, mentre viene fatto saltare in aria con cariche esplosive.

La pressione militare a cui è sottoposto il Califfato sul terreno, in Iraq e in Siria, è stata confermata dai ministri degli Esteri, Paolo Gentiloni, e della Difesa, Roberta Pinotti, in audizioni davanti alle commissioni riunite Esteri e Difesa di Camera e Senato.

“L’Isis aveva occupato il 30 per cento del territorio di Siria ed Iraq, attualmente è al 15 per cento”, ha sottolineato Pinotti.

Ma ciò non impedisce allo Stato Islamico di continuare nella sua opera di distruzione delle antichità considerate simboli dell’idolatria, e di lanciare nuove minacce. L’ultimo video è stato segnalato dal sito Vocativ, che monitora forum e social media utilizzati dai seguaci dell’Isis.

Le immagini finali mostrano la grande piramide di Giza, vicino al Cairo, mentre un miliziano del Califfato avverte che le costruzioni degli antichi egizi saranno “demolite con l’aiuto di Dio”.

In precedenza, era stata mostrata a più riprese un’esplosione che distruggeva quello che veniva indicato come il tempio del dio babilonese della saggezza Nabu, nei pressi dell’antica città di Nimrud, una trentina di chilometri a sud di Mosul. I resti risalivano ad oltre 2.500 anni fa. Non è precisato a quando risale l’episodio.

Il video mostra anche quelli che vengono presentati come i resti delle antiche porte di Adad e Mashki a Ninive, vicino a Mosul. Notizie della loro distruzione erano circolate in aprile, ma è la prima volta che ne vengono mostrate le immagini.

Una fonte del ministero dell’Interno egiziano ha reagito alle minacce assicurando che “i siti turistici egiziani sono sicuri e sono controllati 24 ore su 24, e ciò rende difficili che si verifichino atti di sabotaggio”. La stessa fonte ha affermato che “nei mesi scorsi si è riusciti ad impedire un’operazione terrorista al tempio di Luxor”.

I resti di Nimrud, insieme a quelli di un’altra antica città, Hatra, avevano già subito distruzioni da quando, nel giugno del 2014, l’Isis si è impossessato di un terzo del territorio iracheno.

In Siria, invece, gli episodi più gravi si sono verificati a Palmira, che per dieci mesi, fino al marzo scorso, è rimasta sotto il controllo dello Stato Islamico. Tra i monumenti rasi al suolo, l’Arco di Trionfo sul colonnato romano.

La direttrice generale dell’Unesco, Irina Bokova, ha definito gli atti vandalici dell’Isis “crimini di guerra”.

Sul terreno, intanto, le forze cudo-arabe sostenute dagli Usa stanno stringendo d’assedio la città strategica di Manbij, tra Raqqa e Aleppo, controllata dall’Isis. Mentre a nord di Aleppo ribelli siriani filo-turchi sono riusciti a riprendere il controllo di alcune località precedentemente in mano allo Stato Islamico lungo la frontiera con la Turchia.

Da parte loro, fonti militari governative irachene affermano che le forze lealiste sono avanzate nella periferia sud di Falluja, roccaforte dello Stato islamico a ovest di Baghdad assediata da tre settimane.

Il ministro Pinotti ha sottolineato che “è in corso la ripresa di Falluja e si sta preparando quella di Mosul che sarà la svolta decisiva”.

(di Alberto Zanconato/ANSAmed)

Ultima ora

23:17Mafia Capitale:Camera penale Roma, da Bindi più senso Stato

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - La Camera Penale di Roma auspica da parte della Presidente della Commissione antimafia, on.le Bindi, "un maggiore senso dello Stato. Riscontriamo con stupore le esternazioni dell'on. Bindi - informa un a nota - rispetto alla sentenza di primo grado del processo "mafia capitale", con cui si accusano i giudici del Tribunale di Roma di non essere idonei, perché non specializzati, a giudicare i reati contestati dalla Procura. Risulta palese, da parte del Presidente della Commissione Antimafia, la violazione del principio, costituzionalmente garantito, dell'indipendenza della magistratura dal potere politico. Lo stesso principio più volte invocato rispetto a sentenze gradite. Ecco perchè auspichiamo un maggiore senso dello Stato".

22:38Calcio: Genoa, slitta trattativa per acquisizione del club

(ANSA) - GENOVA, 22 LUG - Potrebbe slittare di oltre un mese la cessione del Genoa. Le trattative, infatti, si fermerebbero fino alla fine del calciomercato, prima di riprendere a settembre. Sarebbe questo l'orientamento emerso nelle ultime ore. La decisione sarebbe stata presa insieme da Enrico Preziosi, proprietario del Genoa, e Giulio Gallazzi, presidente di Sri group, che si dice disposta ad acquisire il club ligure attraverso fondi stranieri. Prima sembrava che il termine ultimo delle trattative fosse stato fissato per fine luglio, adesso la decisione di far slittare la chiusura dell'affare a inizio settembre, quando si sarà già concluso il mercato estivo.

22:33Venezuela: ferito giovane violinista simbolo delle proteste

(ANSA) - CARACAS, 21 LUG - Wuilly Arteaga, il 23/enne violinista venezuelano simbolo delle proteste anti-Maduro, è stato ferito oggi durante una marcia dell'opposizione a Caracas. Arteaga è stato raggiunto da un pallettone di gomma sparato dagli uomini della 'guardia nazionale bolivariana' e subito dopo, ha precisato la stampa locale, è stato portato in un ospedale. Stava suonando il violino durante una manifestazione di piazza nella capitale per raggiungere la sede del Tribunale supremo di giustizia. Il giovane è spesso al centro dell'interesse dei media venezuelani e internazionali perchè durante le manifestazioni suona l'inno nazionale e canzoni tradizionali con il suo violino. E' stato fotografato e filmato decine di volte durante le proteste contro il 'chavismo'. Lo scorso 15 giugno aveva incontrato quattro membri del congresso Usa ai quali aveva chiesto di far pressione contro i paesi che vendono gas lacrimogeni e blindati al governo del presidente Nicolas Maduro.

22:19Polonia: proteste per riforma giustizia

(ANSA) - VARSAVIA, 22 LUG - In migliaia stanno affluendo nella principali città della Polonia per chiedere al presidente Andrzej Duda di non firmare la legge che attribuisce al governo il controllo della Corte suprema e del sistema giudiziario, limitando l'autonomia dei giudici. A Varsavia la manifestazione si tiene davanti al palazzo presidenziale dove sventolano numerose bandiere polacche e dell'Unione europea. Molti striscioni hanno il nuovo logo 'tre volte no' divenuto il simbolo della protesta popolare contro le tre leggi che cancellano l'autonomia dei giudici. Molte anche le scritte di appoggio alla Costituzione messa in pericolo, secondo i dimostranti, dal partito di maggioranza di Jaroslaw Kaczynski. Una grande folla si è radunata a Cracovia nella centrale piazza del mercato. Il Senato polacco ha approvato stanotte la riforma ed ora il presidente ha 21 giorni di tempo per firmarla. con la quale viene cancellata in Polonia l'autonomia del sistema giudiziario.

22:15Orban, proteggerò Polonia dall’ inquisizione dell’Ue

(ANSA) - VARSAVIA, 22 LUG - L'Ungheria si erge a paladina della Polonia e assicura che proteggerà Varsavia dalla "campagna di inquisizione" a cui la sta sottoponendo l'Ue dopo l'approvazione della legge sulla Corte Suprema con la quale viene cancellata l'autonomia del sistema giudiziario polacco. Il primo ministro ungherese Viktor Orban ha dichiarato che il suo Paese ricorrerà a tutti i mezzi legali possibili per proteggere la Polonia dall'inquisizione dell'Ue. "In questo momento - ha detto - il principale obiettivo dell'inquisizione, l'esempio di governo nazionale da indebolire, smantellare e spezzare è la Polonia". Per Orban l'Ue sta aggirando i diritti degli stati membri e sta cercando di applicare politiche, come quelle sull'aumento dell'immigrazione a cui si oppongono molti paesi europei. La leadership europea insieme al miliardario George Soros vuole una "Europa nuova, mista, musulmanizzata": le barriere alle frontiere ungheresi - ha aggiunto - fermeranno gli sforzi di Ue-Soros per incrementare l'immigrazione musulmana.

22:08Calcio: scontri Brescia, immagini al vaglio della Digos

(ANSA) - BRESCIA, 22 LUG - La Digos della questura bresciana analizzerà, nelle prossime ore, le immagini degli scontri tra ultras di Brescia e Cagliari avvenuti a Palazzolo sull'Oglio, prima dell'amichevole tra le due squadre. Sono attesi numerosi provvedimenti di Daspo per i responsabili. Secondo le prime ricostruzioni sarebbero stati i tifosi bresciani a provocare gli ultras del Cagliari, che hanno reagito.

21:43Donna uccisa in Sardegna: il fidanzato confessa

(ANSA) - NUORO, 22 LUG - Dimitri Fricano, 30 anni di Biella, ha confessato ai carabinieri l'omicidio della fidanzata Erika Preti, 28 anni anche lei di Biella, avvenuto il 12 giugno scorso a San Teodoro, nel nord Sardegna, dove la coppia si trovava in vacanza. Il giovane era l'unico indagato per omicidio volontario. La ragazza era stata uccisa a coltellate, il fidanzato, rimasto anche lui ferito, aveva sempre detto agli inquirenti che i due avevano subito una rapina in casa finita nel sangue.

Archivio Ultima ora