Berlusconi esce dalla terapia intensiva, adesso riposo

Pubblicato il 16 giugno 2016 da redazione

Il medico personale di Silvio Berlusconi, Alberto Zangrillo, con il cardiochirurgo Ottavio Alfieri (D) durante la conferenza stampa all'ospedale San Raffaele dove ieri il leader di Forza Italia è stato operato al cuore, Milano, 15 giugno 2016.   ANSA/MOURAD BALTI TOUATI

Il medico personale di Silvio Berlusconi, Alberto Zangrillo, con il cardiochirurgo Ottavio Alfieri (D) durante la conferenza stampa all’ospedale San Raffaele dove ieri il leader di Forza Italia è stato operato al cuore, Milano, 15 giugno 2016.
ANSA/MOURAD BALTI TOUATI

MILANO. – Giornata di riposo per l’ex premier Silvio Berlusconi che, a 48 ore dall’intervento cardiochirurgico con sostituzione di valvola aortica subito martedì, lascia la terapia intensiva dell’ospedale San Raffaele a Milano per rientrare, finalmente, nella sua camera, spaziosa, al sesto piano dell’edificio Diamante.

Qui, dove è previsto che riacquisti le sue libertà motorie, a partire dal camminare, Berlusconi rimarrà altri quattro, cinque giorni. Solo allora, sentito il parere dello staff medico, potrà decidere il luogo dove trascorrerà la riabilitazione.

Il primario del San Raffaele e medico personale dell’ex premier Alberto Zangrillo ha specificato più volte in questi giorni che il decorso è stato “assolutamente regolare, il migliore che ci potessimo aspettare”.

Ma per il momento per il paziente Berlusconi la parola d’ordine è riposo. Ecco perché le visite, sia dei parenti che degli strettissimi collaboratori, si sono di molto diradate. Anche quelle di chi, come l’avvocato Niccolò Ghedini e il presidente di Mediaset Fedele Confalonieri, nei giorni precedenti all’operazione erano venuti in ospedale più volte al giorno, sia per dare conforto sia per permettere all’ex premier di continuare a lavorare.

In tutta la giornata, anche se non è escluso che i cinque figli del leader di Forza Italia abbiano deciso di arrivare in ospedale da ingressi secondari allo scopo di evitare le telecamere e i giornalisti che ancora stazionano al San Raffaele, è arrivato il fratello Paolo Berlusconi.

“Siamo tranquilli, ha detto nel pomeriggio l’editore, ribadendo che “tutto procede bene” e che i valori del presidente del Milan “sono buoni”. E’ stato lo stesso Paolo a spiegare il motivo delle poche visite.

“Il ‘maresciallo Zangrillo’ -ha scherzato – ha dato ordini di fare visite assolutamente brevi perché l’operazione è stata complessa” e “il paziente non si deve affaticare”.

Nonostante l'”ottimale” risposta neurologica, testimoniata dal complimento fatto da Berlusconi all’infermiera che lo ha assistito durante la notte seguita all’intervento (a raccontare l’aneddoto, durante la conferenza stampa, lo stesso Zangrillo), oggi il diktat per Berlusconi è “riposo, riposo, riposo”.

Per recuperare, oltre alle normali condizioni di salute, “qualche decennio di affaticamento – ha detto Paolo Berlusconi – e di super lavoro”.

(di Manuela Messina/ANSA)

Ultima ora

08:35Libia: assalto carcere Tripoli, giallo su prigionieri

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Una milizia armata fedele al governo di unione nazionale del premier Fayez al Sarraj (le brigate rivoluzionarie di Tripoli di Haitem Tajouri) ha assaltato ieri sera e preso il controllo del carcere di Al Hadaba, a Tripoli. Lo riferiscono i media libici. Nella struttura sono reclusi diversi esponenti dell'ex regime, compresi Saadi Gheddafi - figlio del defunto rais Muammar - e l'ex capo degli 007 Abdallah al Senoussi. Secondo diverse fonti, i prigionieri sono stati trasferiti in un "luogo sicuro".

08:32Mo: finito sciopero fame detenuti palestinesi

(ANSAmed) - TEL AVIV, 27 MAG - Dopo oltre 40 giorni e' terminato oggi lo sciopero della fame dei membri di al-Fatah detenuti in Israele indetto dal loro dirigente Marwan Barghouti. Lo rende noto il servizio carcerario israeliano. Secondo i media nella notte e' stato raggiunto un accordo fra Israele, Anp e la Croce rossa che prevede ''benefici di carattere umanitario'' per i palestinesi detenuti in Israele. Questo sviluppo e' giunto in concomitanza con l'inizio del digiuno del Ramadan.

06:53Usa: morto Brezinski, consigliere sicurezza di Jimmy Carter

WASHINGTON - E' morto Zbigniew Brzezinski, consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti durante la presidenza di Jimmy Carter. La notizia e' stata data dalla figlia Mika, conduttrice televisiva nel programma mattutino 'Morning Joe' dell'emittente MsNbc. Brzezinski aveva 89 anni.

04:29Usa: retromarcia Casa Bianca, pubblichera’ permessi lobbisti

NEW YORK - La Casa Bianca fa un passo indietro e decide che pubblichera' le dispense e i permessi concessi ad alcuni ex lobbisti per lavorare nell'amministrazione. Le esenzioni e i permessi sono necessari per coloro che vogliono lavorare a politiche governative che li vedevano direttamente coinvolti nel settore privato come lobbisti o legali di settore. Le deroghe sono emesse da ogni singola agenzia governativa e dalla Casa Bianca caso per caso, e consentono a chi le ottiene di ignorare le politiche etiche.

04:26Russiagate: Reuters, spuntano 3 nuove telefonate Kushner

NEW YORK - Jared Kushner, uno dei piu' stretti consiglieri di Donald Trump e marito di Ivanka, avrebbe avuto piu' contatti di quanto finora noto con l'ambasciatore russo negli Stati Uniti, Sergei Kislyak. Lo riporta la Reuters citando alcune fonti, secondo le quali Kushner avrebbe avuto almeno tre telefonate, finora non note, con Kislyak fra l'aprile e il novembre 2016. Kushner, afferma il suo legale Jamie Gorelick, non ricorda le telefonate.

04:23G7: nessuna conferenza stampa in programma per Trump

NEW YORK - Nessuna conferenza stampa in programma per il presidente Donald Trump al termine del G7. Secondo le indicazioni offerte dalla Casa Bianca, il presidente americano partecipa ai lavori del G7, con il primo appuntamento alle 9,15 del mattino italiane di sabato. Alle 11,45 Trump partecipa al pranzo del G7 e alla sessione di lavoro. Poi il programma presidenziale passa subito all'appuntamento delle 17,15 a Sigonella, dove Trump rilascera' una dichiarazione davanti alle forze militari americane. Alle 17,54 e' prevista la partenza con direzione Washington.

04:21Russiagate: Senato chiede documenti a campagna Trump da 2015

NEW YORK - La commissione di intelligence del Senato, alla quale fa capo l'indagine sulla possibile interferenza della Russia alle elezioni del 2016, ha chiesto alla campagna di Donald Trump di raccogliere e presentare tutti i documenti, le email e le telefonate con la Russia a partire dal 2015, da quando Trump ha lanciato la sua campagna elettorale. Lo riporta il Washington Post citando alcune fonti.

Archivio Ultima ora