Crisi del petrolio, adesso gli Emirati spingono sulle fusioni delle banche

Pubblicato il 19 giugno 2016 da redazione

Crisi petrolio, ora Emirati spingono su fusioni banche

Crisi petrolio, ora Emirati spingono su fusioni banche

ROMA. – Il prezzo del petrolio è risalito intorno ai 50 dollari, ma resta ancora lontano dai picchi degli anni passati. La spesa pubblica viene costantemente ridotta e l’economia stenta a ripartire ai ritmi desiderati. Per questo i Paesi del Golfo, a partire dagli Emirati Arabi, spingono con decisione sul settore della finanza come prossima fonte di sviluppo.

E’ in questo contesto che nasce il progetto di fusione fra National Bank of Abu Dhabi e First Gulf Bank, rispettivamente la settima e quindicesima banca per asset gestiti nelle regioni di Medio Oriente ed Africa: se il piano dovesse concretizzarsi, attualmente allo studio di due gruppi di senior manager che hanno il compito di valutarne il potenziale commerciale, nascerebbe un colosso da 170 miliardi di asset gestiti, sopra quella Qatar National Bank che guida la classifica per il Medio Oriente.

La capitalizzazione di mercato viaggerebbe intorno ai 30 miliardi di dollari, 13 da National Bank e 16 da Gulf Bank. Quanto il mercato abbia visto con favore questo annuncio è testimoniato dall’andamento dell’indice di Abu Dhabi, che ha messo un +4,7% che rappresenta il maggior rialzo degli ultimi 18 mesi, spinto dal +15% di Nbab e dal +11% di Fgb.

“Ogni segnale di consolidamento è positivo per il settore e per l’economia intera. Nbad accrescerebbe la sua quota di mercato locale e Fgb avrebbe una piattaforma per lo sviluppo internazionale”, spiegano gestori di fondi degli emiri.

Se dovesse andare in porto, la fusione sarebbe un’eccezione nel panorama locale, dove la maggior parte delle banche sono controllate dal governo del Paese o dalla famiglia regnante, con conseguenti riluttanze ad operazioni di cessione o integrazione.

Nbad è controllata al 69% dal fondo sovrano Abu Dhabi Investment Council e Fgb ha come maggiore azionista il fondo di investimenti pubblico Mubadala Development. Non è un caso, quindi, che l’ultima fusione di rilievo degli Emirati Arabi risale al 2007, quando National Bank of Dubai si unì con Emirates Bank International per creare Emirates Nbd.

Gli Emirati Arabi sono un Paese con circa 9 milioni di persone e circa 50 banche: per questo, ora, tutti scommettono che una prossima ondata di fusioni e acquisizioni sia fondamentale per il settore: “Sarà l’inizio del trend per il comparto, considerando che l’outlook per la crescita degli Emirati è piuttosto debole”, spiega un’analista di Efg-Hermes.

Ultima ora

09:42Terremoti: Indonesia, scossa magnitudo 6.7, danni e feriti

(ANSA) - ROMA, 30 MAG - E' di almeno tre persone ferite e diversi edifici danneggiati il bilancio della forte scossa di terremoto che ha colpito ieri sera l'isola indonesiana di Sulawesi. Lo riportano i media locali. Secondo i dati dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma si è verificato alle 22:35 ora locale (le 16:35 ora italiana) con magnitudo 6.7 e con ipocentro a 20 km di profondità. Il servizio geologico statunitense Usgs ne ha localizzato l'epicentro 78 km a sudest di Palu.

09:40Calcio: Roma, ufficiale divorzio fra club e Spalletti

(ANSA) - ROMA, 30 MAG - Luciano Spalletti lascia la Roma. L'ufficialità del divorzio tra tecnico e società giallorossa è arrivata in mattinata con una nota pubblicata sul sito del club in cui si annuncia "la fine del rapporto di lavoro". "La società è attualmente impegnata nella nomina del nuovo tecnico" prosegue la nota. Il candidato numero uno come successore di Spalletti è l'attuale tecnico del Sassuolo, Eusebio Di Francesco.

08:00Panama: media, morto ex dittatore Manuel Noriega

(ANSA) - ROMA, 30 MAG - L'ex dittatore panamense, Manuel Noriega, e' morto ieri all'età di 83 anni: lo scrive sul suo sito online l'emittente panamense Telemetro. La notizia, spiega l'emittente, e' stata confermata al giornalista Álvaro Alvarado dall'ospedale Santo Tomás di Città di Panama. Noriega era stato ricoverato in condizioni critiche lo scorso sette marzo ed era stato stato sottoposto ad un intervento per rimuovere un tumore benigno al cervello.

07:32Istituto Bellini ha un ‘buco’ da 14 milioni, 23 arresti

(ANSA) - CATANIA, 30 MAG - Ventitre persone sono state arrestate dalla Guardia di finanza a conclusione di un'indagine sull'Istituto superiore di studi musicali 'Vincenzo Bellini' di Catania che ha portato alla scoperta di un 'buco' di bilancio di 14 milioni di euro. Gli indagati sono funzionari e dipendenti della scuola e persone giuridiche esterne all'ente pubblico. Il Gip ha emesso un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per sei degli indagati e 17 arresti domiciliari, e anche disposto il sequestro preventivo equivalente di beni per 14 milioni di euro. I reati contestati, a vario titolo, sono peculato continuato, ricettazione, riciclaggio e associazione a delinquere finalizzata al riciclaggio connessi alla illecita distrazione e depauperamento di risorse finanziarie dell'Istituto pubblico catanese.

02:02Iraq: autobomba a Baghdad, almeno 10 morti

(ANSA) - BAGHDAD, 30 MAG - Almeno 10 persone sono morte e altre 22 rimaste ferite per l'esplosione ieri sera di una autobomba fuori da una popolare gelateria di Baghdad. L'attentato è avvenuto pochi giorni dopo l'inizio del Ramadan, mese sacro durante il quale i musulmani digiunano durante le ore diurne: al tramonto bar e ristoranti si riempiono rapidamente di avventori, tra cui molte famiglie. L'attacco ha colpito un locale nel centro della capitale irachena ed è stato effettuato con dell'esplosivo piazzato in una macchina lasciata parcheggiata. Al momento non c'è stata alcuna rivendicazione ma nel passato l'Isis ha rivendicato attentanti simili, come quello con un camion bomba esploso durante il Ramadan dello scorso anno che ha ucciso centinaia di persone.

00:35Voto Gb:May su Brexit, non pagheremo qualunque prezzo

(ANSA) - LONDRA, 30 MAG - "Nessun accordo sulla Brexit è meglio di uno cattivo". La premier britannica ha ribadito in modo chiaro, nel corso del dibattito televisivo a distanza col leader laburista Jeremy Corbyn, che è pronta ad abbandonare i negoziati sull'uscita dall'Europa nel caso in cui non si riesca a trovare una intesa con l'Ue, a partire dalla questione del cosiddetto 'conto del divorzio'. Il primo ministro conservatore ha sottolineato che non è intenzionata a "pagare ogni prezzo" per ottenere un accordo.

22:56Voto Gb: Corbyn, ‘con noi non ci sarà Brexit senza accordo’

(ANSA) - LONDRA, 29 MAG - La Brexit ci sarà, ma non avverrà "senza un accordo" con l'Ue se al governo in Gran Bretagna andrà il Labour. Lo ha detto il leader laburista, Jeremy Corbyn, nel dibattito televisivo elettorale a distanza di stasera, assicurando di voler "rispettare il risultato del referendum", ma di voler negoziare anche "un accordo di libero scambio con Bruxelles" e mantenere rapporti stretti con l'Europa. Il leader laburista si è poi detto pronto a pagare all'Ue "quanto legalmente dovuto" per il divorzio. Quanto all'immigrazione, Corbyn ha infine detto di ritenere "probabile" una leggera riduzione dell'immigrazione, ma senza fare alcuna promessa di limitarla. Secondo Corbyn, l'attentato di Manchester è stato un gesto orribile e non ci sono giustificazioni per chi la commesso, ma deve suggerire anche una revisione della politica estera, che "non significa una politica estera più soft", bensì una politica che punti a stabilizzare i Paesi devastati da guerre e interventi militari, come la Siria e la Libia.

Archivio Ultima ora