Rosberg trionfa a Baku, ma Vettel e Ferrari ci sono

Pubblicato il 19 giugno 2016 da redazione

Mercedes driver Nico Rosberg of Germany, center, winner of the race, jumps in celebration on the podium, flanked by second place Ferrari driver Sebastian Vettel of Germany, left, and third place Force India driver Sergio Perez of Mexico, during the Formula One Grand Prix of Europe at the Baku circuit, in Baku, Azerbaijan, Sunday, June 19, 2016.  (ANSA/AP Photo/Luca Bruno)

Mercedes driver Nico Rosberg of Germany, center, winner of the race, jumps in celebration on the podium, flanked by second place Ferrari driver Sebastian Vettel of Germany, left, and third place Force India driver Sergio Perez of Mexico, during the Formula One Grand Prix of Europe at the Baku circuit, in Baku, Azerbaijan, Sunday, June 19, 2016. (ANSA/AP Photo/Luca Bruno)

ROMA. – Pole position, giro più veloce e vittoria finale. E’ stato un weekend da Grande Slam per Nico Rosberg sull’inedito circuito di Baku in Azerbaigian, nuova frontiera della Formula uno, grazie al petrolio. Una gara dominata dall’inizio alla fine. Un monologo il suo.

Partito dalla pole Rosberg ha subito guadagnato una quindicina di secondi su Sebastian Vettel, margine che ha mantenuto fino alla fine gestendo la gara nel gioco dei pit-stop. Dopo otto gare il tedesco della Mercedes consolida così il suo primato portandosi a 141 punti. Ora ha 24 punti sul compagno di scuderia Lewis Hamilton e 45 su Sebastian Vettel, primo dei due ferraristi.

Il cammino verso il titolo è ancora lungo, ma quest’anno Rosberg sembra aver raggiunto la sua maturità ed è pronto a raccogliere l’eredità di Hamilton. Anche se le Ferrari non solo non sono spacciate, ma continuano a migliorare gara dopo gara.

L’appuntamento con la vittoria è ancora rinviato: quinto secondo posto per Vettel, il secondo consecutivo dopo il Canada. E poteva anche essere doppietta Ferrari sul podio senza l’errore di Kimi Raikkonen. Il finlandese all’inizio gara ha attraversato con la sua monoposto durante un sorpasso la linea della pit lane senza poi rientrare ai box, anzi proseguendo la gara.

Manovra vietata dal regolamento, che prevede cinque secondi di penalità. A metà gara Raikkonen è riuscito anche a sorpassare Vettel, ma poi ha dovuto obbedire agli ordini di scuderia lasciando passare il compagno. Ha poi cercando di difendere il terzo posto dagli attacchi di Sergio Perez, ma il messicano della Force India non gli ha dato tregua, e all’ultimo giro lo ha passato soffiandogli il podio in gara, senza bisogno dei 5 secondi della penalità.

Per Rosberg è il diciannovesimo trionfo. “E’ stata una gara spettacolare” ha detto. E’ vero, ci sono stati molti sorpassi, ma nonostante le alte velocità (si sono superati i 360 km orari sul lungo rettilineo), le curve e le strettoie, non ci sono stati incidenti e la safety car non è mai entrata in pista.

Gli organizzatori hanno lavorato sodo per migliorare le condizioni dei cordoli. Il resto l’hanno fatto le scuderie e i piloti, nonostante i troppi pezzi di plastica e la polvere sulla pista. “E’ successo l’opposto di quello che mi aspettavo” ha detto il presidente della Ferrari Sergio Marchionne, che vede una squadra che “sta cambiando pelle e inizia a crederci”.

La gara di Vettel? “Eccezionale, ma dobbiamo dargli la macchina giusta per vincere”. “la macchina c’è, stiamo recuperando” dice il tedesco. “Non siamo ancora a livello delle Mercedes ma ci arriveremo” dice il team principal Ferrari Maurizio Arrivabene.

Dopo l’errore di ieri per Lewis Hamilton è stata una gara tutta all’inseguimento. Partito dalla quinta fila il campione del mondo ha rimontato fino al quinto posto superando problemi di settaggio (ha chiesto indicazioni via radio agli ingegneri Mercedes ma invano, visto che l’aiutino è vietato dal regolamento).

La vera sorpresa di questo Gp si chiama Sergio Perez. Si era visto già nelle qualifiche che era in forma (secondo tempo poi retrocesso di cinque posizioni per la sostituzione del cambio). E lo ha confermato oggi con una gara sempre all’attacco. Ma forse senza la penalità e i problemi di consumi nel finale, sul podio ci sarebbe salito anche Raikkonen.

Ultima ora

17:43Caduto elicottero: sei le vittime, tutti quelli a bordo

(ANSA) - LUCOLI (L'AQUILA), 24 GEN - Nell'incidente che ha coinvolto l'elicottero del 118 caduto a Campo Felice sono morte sei persone, tutte quelle che erano a bordo. "L'elicottero si è schiantato in località Monte Cefalone, non lontano dalla piana di Campo Felice. Era intervenuto nella zona degli impianti per un normale soccorso dopo un incidente sciistico e probabilmente aveva già svolto l'intervento e stava tornando indietro". Così l'ingegnere Marco Cordeschi, esperto consulente del Comune dell'Aquila nell'ambito della Commissione Valanghe. "Ci vorrà tempo per capire la dinamica dell'incidente ma possiamo ipotizzare che lo schianto sia avvenuto a causa della nebbia perché questo è un itinerario conosciuto". A complicare le operazioni di recupero delle vittime il vento e le raffiche di neve e la pendenza della montagna contro cui si è schiantato l'elicottero. Anche un velivolo HH212 dell'Aeronautica Militare del 9/o Stormo di stanza a Grazzanise (Caserta) si era alzato in volo per le operazioni di soccorso.

17:35M5S: Pd, tutti zitti, parla capo, ecco libertà Grillo

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - "I parlamentari del M5S devono restare muti, parla solo il capo. Ecco la libertà secondo Beppe Grillo". Lo scrive in un tweet, il senatore Pd Andrea Marcucci "Stupisce e indigna che di fronte alle sparate di Grillo che vuole mettere il bavaglio ai parlamentari del M5S, nel chiaro tentativo di evitare, come fanno, che si contraddicano ogni cinque minuti, i grandi numi tutelari della Costituzione restino in silenzio. Come mai non sentiamo la voce indignata del Professor Zagrebelsky tuonare contro la deriva autoritaria del leader pentastellato che pur di realizzare il vero partito azienda della storia della Repubblica italiana se ne frega delle libertà garantite dalla Carta ai deputati e ai senatori?", incalza la deputata Dem Alessia Morani.

17:26Cade da scogli durante pesca, muore vigile urbano in Salento

(ANSA) - OTRANTO (LECCE), 24 GEN - Un pescatore dilettante è morto precipitando da un tratto di scogliera in località 'Palombara' ad Otranto. La vittima era il vice comandante dei vigili urbani di Collepasso, il maresciallo Antonio Campa, di 57 anni. L'uomo era uscito di buon'ora per andare a pesca con una canna lungo la scogliera. A dare l'allarme intorno alle 13.30 alla Capitaneria di Porto di Otranto, è stata la figlia della vittima, allarmata per il mancato rientro a casa del padre. Sul posto sono intervenute due motovedette della Guardia costiera e una pattuglia da terra. Dopo un giro di perlustrazione, il cadavere è stato trovato in una cavità rocciosa dov'era finito dopo un volo da un'altezza di circa cinque metri, forse a causa di un piede messo in fallo o di un malore. La salma è stata recuperata dai vigili del fuoco. (ANSA).

17:16Fondazione Ventre, 4 indagati per investimento ‘fantasma’

(ANSA) - BOLOGNA, 24 GEN - Quattro persone sono indagate a Bologna per aver fatto 'sparire' un investimento da circa due milioni, i cui utili avrebbero dovuto finanziare le attività di beneficenza della Fondazione Mariele Ventre, costituita per tutelare l'immagine della musicista fondatrice del Piccolo coro dell'Antoniano, morta nel 1995. Dell'inchiesta, nata da una denuncia della presidente della Fondazione, Maria Antonietta Ventre, sorella di Mariele ha dato notizia il Corriere di Bologna. Il denaro era stato affidato nel 2010 ad un consulente finanziario, uomo di fiducia da tempo della famiglia: ora il professionista è indagato a vario titolo con altri tre per truffa, appropriazione indebita e reati fiscali. Dell'investimento, nel campo delle energie rinnovabili, secondo quanto accertato dalla Procura e dalla Gdf, sarebbero rientrati solo 130mila euro: per l'accusa il resto è finito nelle tasche del promoter e, in misura minore, di un imprenditore ferrarese, di un ex amministratore pubblico e di un manager. (ANSA).

17:11Brasile: scoppia rivolta in carcere Bauru

(ANSA) - RIO DE JANEIRO, 24 GEN - Ennesima rivolta carceraria in Brasile, che dall'inizio dell'anno è stato colpito da una crisi senza precedenti del sistema penitenziario, con ripetute sommosse seguite da stragi: incidenti sono scoppiati nel 'Centro de Progressao Penitenciaria' di Bauru, comune nell'entroterra dello stato di San Paolo. In base alle prime informazioni della polizia militare, i reclusi hanno dato fuoco a due ale dell'edificio e almeno duecento sarebbero riusciti a fuggire.

17:05Trump riceve i big dell’auto alla Casa Bianca

(ANSA) - NEW YORK, 24 GEN - Siamo di fronte a un ambientalismo fuori controllo: lo ha detto il presidente degli Stati Uniti Donald Trump incontrando alla Casa Bianca i big dell'industria automobilistica Usa, tra cui il numero uno di Fiat Chrysler, Sergio Marchionne. ''Agli Stati Uniti serve una forte spinta per costruire fabbriche nel paese'', ha aggiunto Trump assicurando una riduzione delle regole e un taglio delle tasse.

17:03Calcio: Serie A, Corini quinta panchina saltata

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - Eugenio Corini è il quinto allenatore della stagione in Serie A, il terzo al Palermo, a lasciare la panchina prima della fine del campionato, non contando l'addio all'Inter di Roberto Mancini avvenuto l'8 agosto scorso (ancora in fase di ritiri e amichevoli). Il primo esonero era avvenuto il 6 settembre, dopo la seconda giornata, con il benservito a Davide Ballardini e l'arrivo del giovane Roberto De Zerbi, poi a sua volta caduto il 30 novembre dopo l'eliminazione dalla Coppa Italia ad opera dello Spezia. Dopo la settima giornata, il 2 ottobre, era toccato invece al tecnico dell'Udinese Giuseppe Iachini (ex Palermo), sostituito da Luigi Delneri. Quindi, dopo l'undicesima giornata, nella prima settimana di novembre, la fine dell'avventura di Frank De Boer all'Inter, che ha lasciato il posto a Stefano Pioli.

Archivio Ultima ora