Elezioni Comunali: ai ballottaggi ha vinto l’asse degli elettori M5s – Centrodestra

Pubblicato il 20 giugno 2016 da redazione

L'espressione gioiosa di Virginia Raggi candidata del M5s a Roma, dopo i risultati delle elezioni comunali

L’espressione gioiosa di Virginia Raggi candidata del M5s a Roma, dopo i risultati delle elezioni comunali

ROMA. – I candidati di M5s sono riusciti ad intercettare i voti degli elettori del centrodestra che al secondo turno non avevano candidati d’area da votare, mentre solo una parte degli elettori del Movimento si sono orientati verso un candidato del centrodestra. E’ quanto emerge da una analisi condotta sui dati definitivi del ministero dell’Interno.

A Roma Virginia Raggi aveva ottenuto 461.190 voti al primo turno, contro i 325.835 di Roberto Giachetti. Al ballottaggio la candidata di M5s è balzata a 770.564 consensi, con un incremento quindi di 309.374, mentre il suo “competitor” è salito di soli 51.100 voti, fino a quota 376.935. Tra il primo e il secondo turno c’è stato un calo di 160.446 elettori: il 5 giugno 1.307.945 e 1.147.499 ieri.

Il grosso dei voti in più di Raggi sono venuti dunque dall’elettorato di Giorgia Meloni (269.760), da quello di Alfio Marchini (143.829) e da quello degli altri candidati minori di area di destra, visto che Stefano Fassina aveva ottenuto solo (58.498).

Da notare che il solo Salvini aveva dato indicazioni di voto per Raggi al secondo turno, e che la Lega a Roma aveva ricevuto solo 32.175 voti. Quindi il nuovo sindaco ha ottenuto voti dagli elettori che avevano votato centrodestra.

A Torino l’andamento è stato simile, con in più il sorpasso di Appendino su Fassino tra il primo turno e il ballottaggio, che rende ancora più plastico l’appeal di M5s sul voto di protesta nei confronti di chi governa (a livello centrale o periferico).

Il 5 giugno il sindaco uscente si è attestato a quota 160.023, rispetto a 118.273 della avversaria. Il 19 giugno i cittadini recatisi alle urne sono calati da 382.503 a 371.644 (meno 10.859). Fassino ha sostanzialmente confermato i consensi (168.880) mentre Appendino ha registrato un boom: 202.764 voti, cioè un incremento di 84.491.

Anche a Torino c’erano più candidati di centrodestra. Alberto Morano, sostenuto da Lega e Fdi, aveva ottenuto 32.103 voti che da soli non sarebbero bastati per il sorpasso di Appendino. Vanno considerati allora anche i 20.349 elettori di Osvaldo Napoli (Fi), i 19.334 di Roberto Rosso e quelli dei candidati minori di destra. Anche a Torino la sinistra, con Giorgio Airaudo (14.166 voti il 5 giugno) era stata già cannibalizzata al primo turno da M5s.

Questo schema si è ripetuto in altri 17 comuni superiori a 15.000 abitanti nei quali M5s era giunto al ballottaggio (su 126 in cui c’è stato bisogno del secondo turno). Va però notato che in molti comuni il Movimento non si era nemmeno presentato.

Negli altri capoluogo di Regione (Milano, Bologna, Trieste e Napoli) M5s non è arrivato al ballottaggio, fermandosi a risultati modesti al primo turno. Interessante, nei tre capoluogo del Nord la sfida Centrodestra-centrosinistra, con il primo che ha vinto a Trieste, e il secondo a Milano e Bologna.

Nel capoluogo lombardo Beppe Sala è passato da 224.156 voti a 264.481 (+40.325). Anche Stefano Parisi in due settimane è salito da 219.218 voti a 247.052 (+27.834). Tra i due turni c’era stato il solo apparentamento di Marco Cappato (10.104 voti) con Sala, e si può pensare che almeno parte degli elettori di Basilio Rizzo (19.143) abbiano votato anch’essi per Sala. I 54.099 voti del pentastellato Gianluca Corrado non hanno invece “ricambiato il favore” al centrodestra per Torino e Milano, spalmandosi tra Sala, Parisi e astensione.

A Bologna la griglia del secondo turno era in parte simile a quella di Milano, con il Pd Virginio Merola in testa (68.772 voti) e il centrodestra ad inseguire con Lucia Borgonzoni (38.807), che però è della Lega.

I votanti sono scesi di oltre 20.000 (da 174.187 a 153.567), ma Merola ha saputo aumentare le proprie preferenze toccando quota 83.907 (+15.135), sufficienti per rintuzzare il ritorno di Borgonzoni (69.660 voti, +30.853).

A lei dovrebbero essere giunti i consensi dell’altro candidato di centrodestra, Manes Bernardini (18.188), mentre quelli del pentastellato Massimo Bugani (28.889) non si sono evidentemente riversati tutti sulla leghista, impedendo una Torino bis.

Se a Bologna un’alleanza ampia di centrosinistra si è imposto sul centrodestra, a Trieste Roberto Di Piazza di FI ha vinto con 44.845 voti contro i 40.361 di Roberto Cosolini, che inseguiva già al primo turno.

Al ballottaggio entrambi sono cresciuti (Di Piazza partiva da 39.495 voti, Cosolini da 28.277) ed anzi il candidato del Pd lo ha fatto di più, ma non abbastanza. I 18.540 voti presi da Paolo Menis di M5s al primo turno, come gli altri candidati civici, sono andati dunque un po’ più a Cosolini che a Piazza, ma senza invertire il verdetto.

Infine Napoli ha un verdetto unico. Il sindaco “arancione” Luigi De Magistris che al primo turno si era mangiato M5s (solo quarto Matteo Brambilla) è salito da 172.710 voti a 185.907, forse anche grazie ai voti di M5s del primo turno (38.863). Il candidato di centrodestra Gianni Lettieri ha invece addirittura perso consensi scendendo da 96.961 a 92.174 voti. Con gli elettori del Pd che sono stati quindi ininfluenti.

(di Giovanni Innamorati/ANSA)

Ultima ora

04:26Corea Nord, possibile test bomba H in Pacifico

(ANSA) - PECHINO, 22 SET - La Corea del Nord potrebbe condurre il più potente test di bomba all'idrogeno nel Pacifico, tra le "azioni di più alto livello" contro gli Usa. E' l'ipotesi espressa dal ministro degli Esteri nordcoreano Ri Yong-ho in merito alle affermazioni del leader Kim Jong-un, che sta considerando iniziative in risposta al presidente americano Donald Trump e alla sua minaccia di "distruzione totale" del Paese asiatico.

01:37Corea del Nord, Kim: Trump è folle e pagherà per minacce

(ANSA) - PYONGYANG, 22 SET - Il leader nordcoreano Kim Jong-un ha definito Donald Trump "un folle" e ha aggiunto che il presidente statunitense "pagherà caro" per le sue minacce. Kim ha accusato Trump di non essere adeguato per ricoprire il ruolo di "comandante in capo di un Paese". Il capo del regime nordcoreano ha descritto il presidente Usa come "una canaglia e un bandito, desideroso di giocare con il fuoco". Le parole di Kim arrivano in risposta al bellicoso discorso fatto da Trump sulla Corea del Nord all'assemblea generale dell'Onu.

00:40Calcio: Liga, nuovo stop per la Real Sociedad

(ANSA) - ROMA, 22 SET - Nuovo stop per la Real Sociedad, battuta 3-0 a Valencia dal Levante, in una delle tre gare che giovedì sera hanno chiuso la quinta giornata di Liga. La formazione di San Sebastian, sconfitta in casa domenica scorsa dal Real Madrid, perde così ulteriore terreno dalle zone alte della classifica. Pareggi sugli altri due campi: 0-0 fra Villarreal ed Espanyol, 1-1 fra Celta Vigo e Getafe. Classifica: Barcellona 15 punti; Siviglia 13; Atletico Madrid 11; Valencia, Levante, Real Sociedad e Betis 9; Real Madrid 8; Villarreal, Athletic Bilbao e Leganes 7; Las Palmas ed Eibar 6; Getafe, Girona ed Espanyol 5; Celta e Deportivo 4; Alaves e Malaga 0.

00:16Calcio: primo dispiacere per Mancini, Zenit fuori in Coppa

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Primo dispiacere per Roberto Mancini alla guida dello Zenit: questa sera, infatti, la squadra di San Pietroburgo è stata eliminata dalla Coppa di Russia per mano di un club rivale cittadino di seconda divisione, la Dynamo San Pietroburgo. Lo Zenit, solitario in vetta al campionato (imbattuto dopo dieci giornate), è stato sconfitto per 3-2 ai tempi supplementari in una delle gare dei sedicesimi di finale. Rimasti in dieci dopo pochi minuti per l'espulsione di Mevlja, gli uomini di Mancini sono andati a riposo sotto di due reti ma, grazie alla reazione nella ripresa, sono riusciti a rimettere in equilibrio la situazione con i gol dell'ex romanista Paredes e di Poloz; ai supplementari, tuttavia, è arrivato il terzo gol della Dynamo con un rigore di Kulishev (autore di una doppietta, di Barsov l'altra marcatura).

23:40M5s: votazioni candidato premier proseguono

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Proseguiranno anche domani mattina le votazioni sulla piattaforma Rousseau per la scelta del candidato premier del M5s. Il blog di Beppe Grillo, al termine della prima proroga stabilità alle 23 di questa sera, annuncia che le votazioni verranno riprese anche domani mattina dalle 8 fino alle 12.

23:33Calcio: Emery, rigorista Neymar o Cavani? Conta segnare

(ANSA) - ROMA, 21 SET - "I rigoristi sono Neymar e Cavani. Chi dei due è il numero uno? L'importante è segnare". Unai Emery, tecnico del Paris Saint-Germain, glissa così sulla vicenda della lite tra i fuoriclasse brasiliano e uruguaiano che in questi giorni ha agitato lo spogliatoio del club. L'allenatore, parlando in conferenza stampa in vista del ritorno in campo sabato a Montpellier, ha inteso in questo modo non creare favoritismi tra i due compagni di squadra dopo l'episodio del rigore conteso, domenica scorsa nella gara contro il Lione. Il tecnico spagnolo, d'altronde, avrebbe parlato con entrambi i giocatori ed è lecito ritenere che, se non una gerarchia, quantomeno un accordo sia stato raggiunto per far sì che al prossimo rigore non si ripeta lo stesso problema. Secondo "L'Equipe", intanto, Neymar avrebbe già presentato le sue scuse a tutta la squadra per l'accaduto. Il brasiliano, precisa il quotidiano francese, avrebbe parlato ieri prima dell'allenamento, con il supporto da interprete del connazionale Thiago Silva.

22:55Vaticano: processo, Spina, “Bertone chiarì col Papa”

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 21 SET - La vicenda della ristrutturazione dell'attico del Segretario di Stato emerito, con soldi della Fondazione Bambino Gesù, era stata chiarita dallo stesso cardinale Tarcisio Bertone, "di persona, con il Santo Padre". Lo ha riferito nel corso dell'interrogatorio Massimo Spina, ex tesoriere della Fondazione Bambino Gesù, accusato di peculato. "Me lo disse il presidente Profiti dopo il clamore mediatico" sulla vicenda nel maggio 2014. "Avevo un compito di carattere esecutivo, dovevo dare costante contezza contabile della situazione finanziaria della Fondazione Bambino Gesù"; "Non disponevo neanche di un centesimo"; "Non potevo neanche comprare una penna". E' questa la linea di difesa dell'ex tesoriere del Bambino Gesù, Massimo Spina, accusato con l'ex presidente Giuseppe Profiti, di peculato per la destinazione di 422mila euro della Fondazione per la ristrutturazione dell'appartamento del cardinale Tarcisio Bertone, ex Segretario di Stato.

Archivio Ultima ora