#Ciaone Renzi

Pubblicato il 20 giugno 2016 da redazione

Renzi
#Ciaone Renzi

Luca Marfé

Roma e Torino si svegliano sotto un cielo a 5 stelle. Virginia Raggi al Campidoglio e Chiara Appendino ai piedi della Mole. La prima a valanga con un ampio 67.2% (demolito Roberto Giachetti) e la seconda di giustezza con un 54.6% che stende il sindaco uscente Piero Fassino.

Sì, proprio quel Fassino che, in maniera quasi profetica, nel lontano 2009 affermò negli studi di Repubblica TV «se Grillo vuol fare politica, fondi un partito, si presenti alle elezioni e vediamo quanti voti prende». E sul web già fioccano le parodie.

Il PD salva Milano, con Beppe Sala che la spunta su Stefano Parisi per una manciata di voti, e Bologna, dove Virginio Merola sbarra la strada alla Lega Nord. Luigi De Magistris, invece, distante da molte delle attuali logiche politiche, si tiene stretta la sua Napoli e promette battaglia in chiave anti-governativa ed anti-europeista. Quasi grottesco, infine, il ritorno di Clemente Mastella, eletto sindaco di Benevento. Alla faccia della rottamazione.

Allarmanti le condizioni del centrodestra, apparso allo sbando e privo di una qualsiasi strategia. In particolare, al di là della sonora sconfitta, l’invito a votare 5 stelle in un’ottica anti-renziana è una sorta di gigantesco boomerang che rischia di ritorcersi contro Berlusconi, Salvini e compagnia, considerato che molti di quei voti rischiano di restare nelle “casse” del Movimento anche in occasione delle prossime elezioni politiche. Parlare della necessità di rifondare è poco.

Ma il vero sconfitto di questi ballottaggi, e più in generale di queste amministrative 2016, ha un nome e un cognome: Matteo Renzi.

Si potrebbero riversare fiumi di inchiostro sugli errori politici e sulla scelta dei nomi maturati in casa PD. Alcuni di questi, tanto per esser chiari, suonavano sconosciuti ai più un attimo prima di essere lanciati in mischie importanti, facendo apparire i tempi di un certo Walter Veltroni (di cui personalmente non sono mai stato un accanito tifoso, ma cui va riconosciuta una stima che tende a latitare fortemente nell’attuale scenario italiano) lontani, lontanissimi.

Ed il discorso potrebbe ampliarsi ancor più attraverso un’analisi attenta delle tematiche scelte per sostenere il candidato di turno. Tematiche apparse poco chiare e poco convincenti, anche laddove si è vinto. Lo stesso Sala, nella sua prima conferenza stampa da sindaco di Milano, è apparso scarico e lontano dal carisma dell’uomo simbolo di Expo.

Ma il “nocciolo” della questione è un altro. Perché il vero “ceffone”, oltre a quello dell’astensionismo cui ci stiamo tristemente abituando, gli italiani sembrano averlo voluto tirare all’arroganza del premier.

Senza girarci troppo intorno, l’atteggiamento di superiorità da primo della classe, del nuovo che avanza (a colpi di vecchio, leggi alla voce De Luca in Campania), della riedizione fiorentina del “ghe pensi mi” (“ci penso io”) berlusconiano, si è tradotto in una battuta d’arresto potenzialmente devastante per il Matteo nazionale.

E sì, perché mentre lui e i suoi continuano a minimizzare mettendo l’accento sul carattere locale di queste elezioni, dietro l’angolo c’è un certo referendum costituzionale che vale, oltre alla grande scommessa firmata Boschi, la tenuta stessa del governo.

E, con l’aria che tira, andare ad elezioni politiche sulla base di premesse del genere potrebbe davvero consegnare il Paese nelle mani dei vari Di Maio, Di Battista e del regista di questo grande show, tale Beppe Grillo: comico, politico, milionario che, mentre incassa vagonate di voti dalle borgate di periferia, osserva quella Roma, oramai sua, da un lussuoso albergo in pieno centro storico, senza perdere però quella volontà di inveire contro tutti e contro tutto ciò che possa essere catalogato sotto l’orripilante insegna di “casta”.

Un giochetto che, almeno per il momento, sembra continui a funzionare alla perfezione in un’Italia ogni giorno più insofferente ed intollerante.

Un’Italia da cui, alle volte, fa piacere essere lontani.

Twitter: @marfeluca – Instagram: @lucamarfe

Ultima ora

13:04Bus ungherese: molto gravi le condizioni di due feriti

(ANSA) - VERONA, 23 GEN - Permangono molto gravi, secondo i sanitari veronesi, le condizioni di salute di due dei passeggeri coinvolti nell'incidente del pullman ungherese in A4, costato la vita a 16 persone che stavano facendo ritorno a Budapest dopo una settimana di vacanza scolastica in Francia. Si tratta di un paziente che presenta ustioni sul 60% del corpo ed è ricoverato al centro grandi ustioni dell'Ospedale Borgo Trento e di un professore che ha riportato un grave trauma cranico e che è attualmente in cura nel reparto di terapia intensiva del Policlinico di Verona.

12:59Tennis: Australian Open, Serena Williams ai quarti

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Con un successo per 7-5 6-4 ai danni della ceca Barbora Strycova, Serena Williams si è qualificata per i quarti di finale degli Open d'Australia di tennis. La statunitense, che punta a tornare n.1 del mondo dopo l'eliminazione ieri della tedesca Angelique Kerber, incontrerà ora la britannica Johanna Konta - n.9 del tabellone - che si è sbarazzata per 6-1 6-4 della russa Elena Makarova. Avanza anche la croata Mirjana Lucic-Baroni - che torna nei quarti di finale di uno Slam dopo 18 anni - vincitrice sulla statunitense Jennifer Brady per 6-4 6-2. Approda ai quarti anche la ceca Karolina Pliskova, quinta favorita del tabellone, che ha eliminato con un doppio 6-3 l'australiana (nata in Russia) Daria Gavrilova.

12:55Turchia: stato d’emergenza, fermo polizia ridotto a 7 giorni

(ANSAmed) - ROMA, 23 GEN - Riduzione della durata massima del fermo di polizia da 30 a 7 giorni e creazione di una commissione per i ricorsi contro le purghe. Sono alcune delle misure introdotte in Turchia da 4 nuovi decreti dello stato d'emergenza, dichiarato dopo il fallito golpe del 15 luglio, pubblicati oggi sulla gazzetta ufficiale. La nuova "Commissione di indagine sulle procedure dello stato d'emergenza" avrà il compito di esaminare i ricorsi dei dipendenti pubblici epurati e di compagnie, ong e sindacati chiusi dalle autorità e sarà composta da 7 membri, 5 dei quali di nomina governativa e 2 indicati dal Csm turco (Hsyk) per la durata di 2 anni. Nei decreti sono inoltre previste altre 367 epurazioni e il reintegro di 124 persone allontanate in precedenza dalle pubbliche amministrazioni. Chiusi anche altri 2 canali tv. Le nuove purghe hanno colpito tra gli altri alcuni alti dirigenti del fondo statale che gestisce proprio le aziende commissariate dopo il golpe.

12:54Trump: in Slovenia pantofole ‘Casa Bianca’ in onore Melania

(ANSAmed) - LUBIANA, 23 GEN - Una fabbrica di Sevnica, la cittadina slovena dove e' nata Melania Trump, ha avviato la produzione di una linea di pantofole denominate 'Casa Bianca' in onore della nuova first lady americana, la prima di origini straniere in quasi due secoli. Come riferisce il settimanale di Lubiana 'Mladina', a creare per la fabbrica 'Kopitarna' l'elegante modello di pantofole nelle varianti color crema e viola e' stata la designer Maja Stamol. Uun loro esemplare con lustrini e pelliccia autentica e' stato inviato a Melania Trump a New York con l'auspicio che la first lady le indossi alla Casa Bianca. La nuova collezione di pantofole, si precisa, ha una produzione limitata e il prodotto non e' ancora in vendita nei negozi, anche se e' possibile ordinare le pantofole di Melania direttamente alla fabbrica. Venerdì scorso, in concomitanza con le cerimonie di insediamento del neopresidente Usa Donald Trump a Washington, festeggiamenti e una cena di gala si sono svolti anche a Sevnica, città d'origine di Melania.

12:50Compie 33 anni disperso umbro a hotel Rigopiano

(ANSA) - TERNI, 23 GEN - Compie oggi 33 anni Alessandro Riccetti, il ternano disperso per la slavina che ha distrutto l'hotel Rigopiano, dove lavorava come receptionist. Di lui non si hanno più notizie da mercoledì, quando ha avuto gli ultimi contatti con la madre. "La preghiera è l'unica cosa da fare. Vi abbraccio" scrive oggi su Facebook Antonella Maria, la madre di Alessandro. La famiglia di Riccetti sta seguendo i soccorsi in Abruzzo e quella che doveva essere una giornata di festa per il compleanno è invece di attesa e di angoscia. La mamma e il fratello del receptionist laureato in Lingue sono in attesa di notizie da Pescara, dove vengono seguiti passo passo dalla prefettura e da una psicologa. "Tutto questo è inumano..." è il pensiero di una zia del giovane. Alla preghiera chiede di affidarsi anche Isabella, un'amica del trentatreenne alla quale aveva inviato un selfie scattato al Rigopiano poco prima che la struttura venisse travolta. La ragazza dal Brasile sta seguendo con apprensione la vicenda.

12:31Golf: Pga Tour,super Molinari 12/o,dopo rimonta 80 posizioni

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Francesco Molinari, con una super prestazione recupera 80 posizioni in due giri, e si classifica 12° con 275 colpi (69 73 66 67, -13) nel Career Builder Challenge (PGA Tour) vinto con 268 (65 65 71 67, -20) da Hudson Swafford. Nel torneo disputando a La Quinta in California Swafford ha avuto ragione con tre birdie nelle ultime quattro buche del canadese Adam Hadwin (269, -19), autore di un 59 (-13) nel terzo turno, e di Bud Cauley e di Brian Harman, terzi con 270 (-18). Molinari è stato affiancato da Patrick Reed, mentre Phil Mickelson è terminato 21° con 277 (-11). Il primo titolo ha fruttato a Swafford, 30enne di Lakeland (Florida) un assegno di 1.044.000, dollari su un montepremi di 5.800.000 dollari, e la partecipazione al Masters. (ANSA).

12:25Molestie su studentessa 14 anni, misura cautelare per prof

(ANSA) - NAPOLI, 23 GEN - Avrebbe rivolto ingiurie, minacce e molestie per più di un anno a una studentessa oggi quindicenne che, alla fine, ha manifestato anche istinti suicidi: è quanto viene contestato a un professore di italiano di 55 anni, ancora in servizio nella stessa scuola media del Napoletano, nei confronti del quale il gip del Tribunale di Napoli Nord ha emesso un divieto di avvicinamento, a non meno di mille metri, ai luoghi frequentati dalla giovane. La ragazza sarebbe stata vittima delle presunte attenzioni morbose del suo prof da marzo/aprile 2015, quando frequentava la terza media, fino all'ottobre del 2016, quando ha iniziato a frequentare il primo anno di liceo. Campanello d'allarme, per la famiglia, sono stati i gravi disturbi psicologici che la giovane, all'epoca dei fatti 14enne, ha iniziato a manifestare: non usciva più di casa, piangeva continuamente, si feriva le braccia con una lametta e, infine, ha anche manifestato l'intenzione di uccidersi.

Archivio Ultima ora