#Ciaone Renzi

Pubblicato il 20 giugno 2016 da redazione

Renzi
#Ciaone Renzi

Luca Marfé

Roma e Torino si svegliano sotto un cielo a 5 stelle. Virginia Raggi al Campidoglio e Chiara Appendino ai piedi della Mole. La prima a valanga con un ampio 67.2% (demolito Roberto Giachetti) e la seconda di giustezza con un 54.6% che stende il sindaco uscente Piero Fassino.

Sì, proprio quel Fassino che, in maniera quasi profetica, nel lontano 2009 affermò negli studi di Repubblica TV «se Grillo vuol fare politica, fondi un partito, si presenti alle elezioni e vediamo quanti voti prende». E sul web già fioccano le parodie.

Il PD salva Milano, con Beppe Sala che la spunta su Stefano Parisi per una manciata di voti, e Bologna, dove Virginio Merola sbarra la strada alla Lega Nord. Luigi De Magistris, invece, distante da molte delle attuali logiche politiche, si tiene stretta la sua Napoli e promette battaglia in chiave anti-governativa ed anti-europeista. Quasi grottesco, infine, il ritorno di Clemente Mastella, eletto sindaco di Benevento. Alla faccia della rottamazione.

Allarmanti le condizioni del centrodestra, apparso allo sbando e privo di una qualsiasi strategia. In particolare, al di là della sonora sconfitta, l’invito a votare 5 stelle in un’ottica anti-renziana è una sorta di gigantesco boomerang che rischia di ritorcersi contro Berlusconi, Salvini e compagnia, considerato che molti di quei voti rischiano di restare nelle “casse” del Movimento anche in occasione delle prossime elezioni politiche. Parlare della necessità di rifondare è poco.

Ma il vero sconfitto di questi ballottaggi, e più in generale di queste amministrative 2016, ha un nome e un cognome: Matteo Renzi.

Si potrebbero riversare fiumi di inchiostro sugli errori politici e sulla scelta dei nomi maturati in casa PD. Alcuni di questi, tanto per esser chiari, suonavano sconosciuti ai più un attimo prima di essere lanciati in mischie importanti, facendo apparire i tempi di un certo Walter Veltroni (di cui personalmente non sono mai stato un accanito tifoso, ma cui va riconosciuta una stima che tende a latitare fortemente nell’attuale scenario italiano) lontani, lontanissimi.

Ed il discorso potrebbe ampliarsi ancor più attraverso un’analisi attenta delle tematiche scelte per sostenere il candidato di turno. Tematiche apparse poco chiare e poco convincenti, anche laddove si è vinto. Lo stesso Sala, nella sua prima conferenza stampa da sindaco di Milano, è apparso scarico e lontano dal carisma dell’uomo simbolo di Expo.

Ma il “nocciolo” della questione è un altro. Perché il vero “ceffone”, oltre a quello dell’astensionismo cui ci stiamo tristemente abituando, gli italiani sembrano averlo voluto tirare all’arroganza del premier.

Senza girarci troppo intorno, l’atteggiamento di superiorità da primo della classe, del nuovo che avanza (a colpi di vecchio, leggi alla voce De Luca in Campania), della riedizione fiorentina del “ghe pensi mi” (“ci penso io”) berlusconiano, si è tradotto in una battuta d’arresto potenzialmente devastante per il Matteo nazionale.

E sì, perché mentre lui e i suoi continuano a minimizzare mettendo l’accento sul carattere locale di queste elezioni, dietro l’angolo c’è un certo referendum costituzionale che vale, oltre alla grande scommessa firmata Boschi, la tenuta stessa del governo.

E, con l’aria che tira, andare ad elezioni politiche sulla base di premesse del genere potrebbe davvero consegnare il Paese nelle mani dei vari Di Maio, Di Battista e del regista di questo grande show, tale Beppe Grillo: comico, politico, milionario che, mentre incassa vagonate di voti dalle borgate di periferia, osserva quella Roma, oramai sua, da un lussuoso albergo in pieno centro storico, senza perdere però quella volontà di inveire contro tutti e contro tutto ciò che possa essere catalogato sotto l’orripilante insegna di “casta”.

Un giochetto che, almeno per il momento, sembra continui a funzionare alla perfezione in un’Italia ogni giorno più insofferente ed intollerante.

Un’Italia da cui, alle volte, fa piacere essere lontani.

Twitter: @marfeluca – Instagram: @lucamarfe

Ultima ora

19:11Corea sud: Park in aula in manette

(ANSA) - PECHINO, 23 MAG - L'ex presidente sudcoreana Park Geun-hye è comparsa oggi dinanzi alla Corte centrale distrettuale di Seul nel processo a suo carico dove deve rispondere di 18 capi d'accusa, tra cui corruzione, abuso di potere e divulgazione di segreti di stato, cinque di più di quelli che le furono contestati a fine marzo quando fu arrestata, appena due settimane dopo il via libera all' impeachment convalidato dalla Corte costituzionale. Park è giunta in mattinata in aula, scortata dalla polizia e con le manette ai polsi, indossando la divisa blu carceraria su cui si leggeva chiaramente il numero 503. L'ex presidente si è trovata in aula per la prima volta faccia a faccia con Choi Soon-sil, la 'sciamana', come è stata rinominata dai media, l'amica di vecchia data che aveva accesso a informazioni riservate e da cui è scoppiato lo scandalo fino all'impeachment e alla decadenza di due mesi fa. Park e Choi hanno respinto ogni addebito.

19:06Calcio: Raggi e Zingaretti invitati a Roma-Genoa

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - La Roma ha formalmente invitato la sindaca della capitale, Virginia Raggi e il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, alla partita di domenica col Genoa, probabile addio di Francesco Totti alla squadra giallorossa. Intanto, nonostante il sold out annunciato, continuano ad arrivare alla Roma richieste di acquisto biglietti e di accredito da tutto il mondo. Tutto esaurito anche in tribuna stampa. E in occasione della partita con il Genoa, la squadra giallorossa vestirà la maglia che indosserà il prossimo anno.

18:39Manchester: Conte, rabbia e dolore

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - "Un concerto, come una partita, è un' occasione di festa e di gioia e non mi rassegno ad accettare che possa diventare un simbolo di odio". Sono un misto di dolore e rabbia le parole di Antonio Conte sull'attentato di Manchester. Il tecnico del Chelsea, neo vincitore del titolo in Premier League, ha sottolineato in un post sul suo profilo social che "le vite di tanti giovani non possono essere spezzate dal gesto di un terrorista. Da padre - continua Conte - mi stringo forte alle famiglie delle vittime e ai tanti feriti di Manchester". Il Chelsea, durante l'allenamento in vista della finale della Coppa d'Inghilterra, si è stretto in cerchio in campo osservando un minuto di silenzio.

18:38Ciclista morto nel vicentino, indagini per omicidio stradale

(ANSA) - VICENZA, 23 MAG - I carabinieri di Bassano (Vicenza) configurano l'ipotesi di reato di omicidio stradale e fuga a seguito del sinistro per la morte di Roberto Brotto, 54 anni, dirigente dell'Ulss di Cittadella (Padova), di cui non si avevano più notizie da ieri. L'uomo è stato trovato morto questa mattina, a fianco della sua bicicletta, in una scarpata dell'Altopiano di Asiago (Vicenza) nel territorio di Conco. "Gli indizi a carico del soggetto, in fase di rapida identificazione - scrivono in una nota i militari -, sono gravi e concordanti nell'individuarlo quale materiale autore del decesso" del ciclista. I militari nel corso di una rapida indagine hanno trovato sui resti della bicicletta segni riconducibili ad un tamponamento mentre altri elementi, secondo quanto si è appreso, sarebbero stati dati da dei segni sul guard-rail e dal ritrovamento dei resti di uno specchietto d'auto. Il corpo del ciclista è stato recuperato dagli uomini del soccorso alpino ed è già stata disposta l'autopsia.

18:37Falcone: Sangiorgi dei Negramaro canta davanti all’Albero

(ANSA) - PALERMO, 23 MAG - Giuliano Sangiorgi dei Negramaro ha voluto ricordare Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e i ragazzi della scorta morti nella strage di Capaci con la canzone "Lo sai da qui", intonata davanti all'Albero Falcone, il ficus davanti all'abitazione del magistrato, in via Notarbartolo, a Palermo. "E' una grande emozione essere qui oggi - ha detto Sangiorgi - Voglio onorare la memoria di Falcone e delle vittime di Capaci e via D'Amelio con questa canzone dedicata a mio padre".

18:29Manchester: Viminale, attenzione alta, minaccia non cambia

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - "L'attenzione rimane altissima ma il livello della minaccia non cambia per l'Italia". Così il Viminale al termine della riunione del Comitato di analisti strategica antiterrorismo, presieduta dal ministro dell'Interno, Marco Minniti, che ha analizzato la situazione dell'Italia dopo l'attentato di Manchester. Presenti col ministro i vertici nazionali delle forze di polizia, dei servizi di intelligence e il rappresentante della sicurezza del Regno Unito a Roma. Minniti ha chiesto di "tenere elevato il livello di vigilanza, rafforzando le misure di sicurezza a protezione degli obiettivi ritenuti più a rischio, nonché verso i luoghi che registrano particolare affluenza e aggregazione di persone".

18:28Giro: Dumoulin polemico ‘sono arrabbiato’

(ANSA) - BORMIO (SONDRIO), 23 MAG - "Ho perso tanto tempo, è stato terribile. Sono arrabbiato, perché non capisco il comportamento dei miei diretti avversari: hanno detto che volevano andare a prendere il mio connazionale Kruijswijk, invece hanno attaccato. E' come se mi avessero tradito. Io mi ero comportato diversamente rispetto a loro quando Quintana è caduto nella discesa verso Bergamo. Cosa mi aspettavo? Niente". Tom Dumoulin polemizza dopo l'arrivo della tappa regina del 100/o Giro d'Italia, vinta da Vincenzo Nibali, durante la quale ha accusato un problema intestinale ed è stato costretto a fermarsi, facendosi staccare.

Archivio Ultima ora