In attesa del 23 giugno, si firma per il Referendum

Pubblicato il 20 giugno 2016 da redazione

Las colas para validar firmas del Revocatorio

Las colas para validar firmas del Revocatorio

Mauro Bafile

CARACAS – Il 23 giugno, giovedì prossimo, l’Europa affronterà uno degli esami più difficili dalla fondazione ad oggi. La Gran Bretagna, attraverso un referendum, deciderà la sua permanenza nell’Unione. Comunque vada, qualunque sia il risultato della consulta popolare, l’Europa non sarà più la stessa.

La sua priorità sarà rivedere gli obiettivi e accelerare il cammino verso un federalismo che non sia solo il sogno di pochi ma una realtà per tutti; un federalismo in cui gli Stati cedano parte della propria sovranità per il benessere comune.

Qualora dovesse prevalere la corrente degli euroscettici e dei nazionalisti ad oltranza, e quindi trionfare il Brexit, l’Europa si troverà ad affrontare la turbolenza dei mercati. Ma la Banca Centrale Europea, il Fondo Monetario Internazionale e la Federal Reserve hanno già predisposto i meccanismi “ad hoc” per ridurne al massimo le conseguenze.

Il 23 giugno sarà una data importante anche per il Venezuela. L’Organizzazione degli Stati Americani analizzerà il rapporto presentato da Luis Almagro, Segretario Generale dell’Organismo, appena qualche settimana fa. Al centro del dibattito, la situazione politica, economica e sociale del Paese. E i suoi riflessi su questa parte del continente americano.

Almagro, già ministro degli Esteri del governo dell’ex presidente “Pepe” Mujica, ha invocato l’applicazione della “Carta Democratica”. Ma, per la sua attuazione, vi sono passaggi burocratici e diplomatici obbligati. Il primo, fra tutti, il dibattito, che si spera sia aperto e franco, sulla realtà che vive oggi il Paese.

Nel suo rapporto, oltre un centinaio di pagine ben documentate, Luis Almagro spiega come, a suo parere, un parere supportato da esaustive prove, in Venezuela sia stato alterato l’ordine costituzionale, come siano stati trasgrediti i precetti costituzionali della separazione dei poteri, come sia stato privato d’ogni facoltà il Parlamento, come la Corte Costituzionale sia diventata un appendice del Potere Esecutivo, come si violino i diritti umani in forma sistematica – sia per l’esistenza di oltre 90 prigionieri politici sia per i casi di tortura documentati – e come si stiano creando ostacoli alla realizzazione del Referendum Revocativo che è un diritto contemplato dalla Costituzione del 1999, fortemente voluta dall’estinto presidente Chávez.

Come spiega lo stesso Almagro, l’espulsione del Venezuela dall’Osa è l’ultimo passo di una catena di suggerimenti e invito al dialogo. Ma il dialogo, precisa il Segretario Generale dell’Organismo, non deve essere un escamotage per prendere tempo come è stato fino ad oggi.

Il dialogo, per gli esponenti dell’Opposizione, può iniziare, ed essere reale e costruttivo, solo dopo la liberazione dei leader politici in carcere. La loro libertà, per l’Opposizione, è una “conditio sine qua non” per avviare prove d’intesa.

La ministro degli Esteri, Delcy Rodríguez, attraverso il suo account in Twitter ha chiesto nuovamente le dimissioni di Luis Almagro, accusandolo di sostenere una posizione preconcetta nei confronti del presidente Maduro e del suo Governo.

Nessun riferimento alle denunce del Segretario dell’Osa, alle quali risponde limitandosi a segnalare che sono parte di una congiura internazionale.

Mentre gli obiettivi sono puntati sul prossimo conclave dell’Osa a Washington, in Venezuela si è aperta tra mille difficoltà la ratifica delle firme per il Referendum Revocativo. Centinaia di cittadini, in tutto il paese, si sono messi in fila alle porte delle sedi del Consiglio Nazionale Elettorale, o nei luoghi stabiliti dall’Organismo Elettorale, per convalidare le firme.

Intanto crescono il malcontento popolare e il timore che i saccheggi, ormai all’ordine del giorno, possano trasformarsi in una sommossa popolare spontanea e incontrollabile. Le forze dell’Ordine, infatti, stentano a mantenere il controllo, nonostante la ferrea repressione e i tantissimi arresti.

La “Camera di Commercio, Industria e Servizi” di Caracas ha reso noto che oltre 60 mila commercianti stanno pensando seriamente di chiudere per paura delle razzie. Ed è comprensibile. Una grossa catena di supermarket può far fronte alle perdite che rappresentano il saccheggio e le manifestazioni di vandalismo che ne derivano. La piccola bottega, l’emporio, il piccolo genere alimentare non ce la farebbero. Il sacco rappresenterebbe la morte del loro esercizio commerciale.

L’esasperazione dei venezuelani cresce come la schiuma. E, dall’inizio dell’anno ad oggi, sono 6 i morti registrati durante le manifestazioni di vandalismo che hanno scosso il Paese. Tra questi, anche minorenni. Stando all’ “Osservatorio Venezolano de la Violencia”, una tra le più documentate Ong del Paese sulla materia, nei primi cinque mesi dell’anno sono avvenuti 254 casi di saccheggio.

Solo nel mese scorso, ben 170 proteste contro la mancanza di alimenti e medicine. Nel mese di giugno il bilancio potrebbe essere anche più pesante. Infatti, a causa della mancanza di generi alimentari, fino ad oggi,si è verificata una media di 20 proteste al giorno e quotidianamente almeno 10 conati di saccheggio.

Per il momento i “Comités Locales de Abastecimientos y Producción” (Clap) non hanno dato il risultato desiderato. La loro azione è molto limitata. E, stando agli esperti, non sono altro che uno strumento di propaganda politica, come tante altre iniziative intraprese dal Governo e dimenticate dopo poco tempo.

Ultima ora

01:29Calcio: De Biasi, addolorato per i petardi dei nostri tifosi

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Sono addolorato per il lancio di petardi e fumogeni di alcuni nostri tifosi: mai avrei pensato di vedere una cosa del genere". Sono le parole di Gianni De Biasi, ct italiano dell'Albania, dopo la sconfitta di Palermo contro gli azzurri e lo stop di 8' alla partita per il lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. "Mi è dispiaciuto tantissimo per il lancio di fumogeni - aggiunge - Mi ha fatto vedere un'altra realtà, che non conoscevo. Sono molto deluso da questo evento. Non so cosa sia successo, mi sembra così assurdo, non so spiegarla. Da cinque anni sono in Albania e all'Europeo i nostri tifosi si erano distinti per quanto di bello avevano fatto. Sono deluso, soprattutto se queste cose accadono davanti agli occhi del mondo, ad una platea così vasta. Ho sempre cercato di "vendere" sempre l'Albania in un certo modo, per questo sono ancora più seccato. Se farò valutazioni con il presidente della Federcalcio? A 60 anni ho imparato a non fare valutazioni immediate".

01:15Calcio: Ventura, non esaltanti ma piccolo passo avanti

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Anche in una serata non esaltante, abbiamo fatto un piccolo passo avanti": Giampiero Ventura analizza così la vittoria dell'Italia sull'Albania, nelle qualificazioni ai Mondiali 2018. "Sta nascendo qualcosa di importante per il futuro della Nazionale - ha detto il ct azzurro a RaiSport - Quando capiranno le cose che possono fare, a questi ragazzi si aprirà un mondo nuovo". "A parte il primo tiro, l'Albania non ci ha mai messo in difficoltà - ha aggiunto Ventura - e noi ogni, volta che andavamo davanti, potevamo essere pericolosi. Nel secondo tempo siamo cresciuti in maturità". Infine, una valutazione su Verratti: "La partita di stasera dice che non hanno senso le questioni se deve giocare in un centrocampo a due o a tre: ha fatto una grande partita".

00:26Calcio: Mondiali 2018, Italia-Albania 2-0

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - L'Italia batte 2-0 l'Albania in una gara del gruppo G di qualificazioni ai Mondiali. Al Barbera di Palermo, decidono i gol di De Rossi su rigore al 12' (con il centrocampista della Roma che spiazza il laziale Strakosha) e di Immobile al 71' con un colpo di testa da posizione ravvicinata ma decentrata, su cross dalla destra di Zappacosta. Al 57' la partita è stata sospesa per 8 minuti a causa del lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi. Le altre gare del girone: Spagna-Israele 4-1 (13' Silva, 46' pt Vitolo, 51' Diego Costa, 76' Refaelov, 88' Isco); Liechtenstein-Macedonia 0-3 (43' Nikolov, 68' e 73' Nestorovski). In classifica, Spagna e Italia restano appaiate in vetta con 13 punti e proseguono il testa a testa per il primo posto. Entrambe hanno un solo pareggio (nello scontro diretto a Torino), ma gli iberici sono avanti per differenza reti: +17 (19 gol fatti e 2 subiti) contro il +9 degli azzurri (13-4). Si qualifica direttamente solo la prima, la seconda va allo spareggio.

23:57Calcio: Italia-Albania, stop di 8′ per petardi e fumogeni

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Italia-Albania, partita di qualificazione ai Mondiali in corso al Barbera di Palermo, è ripresa dopo circa 8' di stop: al 57' infatti, sul risultato di 1-0 per gli azzurri, l'arbitro sloveno Vincic aveva mandato le due squadre negli spogliatoi per il ripetuto lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. La partita era stata disturbata allo stesso modo già nel primo tempo, in occasione del rigore che ha portato l'Italia sull'1-0 al 12', e lo speaker dello stadio aveva lanciato un appello. Così come, al nuovo episodio di intemperanze nella ripresa, aveva fatto il capitano dell'Albania Ansi Agolli andando sotto il settore dei propri tifosi.

23:41Moto: Rossi, io indietro ma forse sono sulla strada giusta

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Piloti della MotoGp in difficoltà, nella seconda giornata di prove libere del Gran Premio del Qatar, a causa del grip della pista peggiorato rispetto a ieri. "Dobbiamo migliorare l'entrata in curva - dice Valentino Rossi a Sky Sport - In Fp2 il grip posteriore era sì faticoso, ma tutto sommato andavo bene. Invece nella Fp3 le condizioni sono peggiorate, con la pista più sporca. Ho avuto un problema al sensore di un ammortizzatore che non abbiamo potuto risolvere come si doveva. Non abbiamo lavorato bene quest'inverno, siamo un po' indietro, ma forse abbiamo imboccato la strada giusta". "Possiamo migliorare, soprattutto sul grip posteriore - spiega il compagno di squadra di Rossi nella Yamaha, Maverick Vinales - Oggi la pista era diversa. La mia scivolata? Sono solo finito su parte più sporca, nulla di grave". "Oggi si faceva più fatica - concorda il campione del mondo Marc Marquez - Noi abbiamo cambiato troppo la moto, perdo soprattutto nell'uscita di curva. Il passo gara? Si può fare meglio...".

23:05Trump: repubblicani ritirano riforma sanitaria

(ANSA) - WASHINGTON, 24 MAR - I repubblicani, a corto di voti, ritirano il loro disegno di legge per la riforma sanitaria che doveva sostituire l'Obamacare. Secondo fonti della Cnn, sarebbe stato Trump a chiedere tale mossa. Il voto previsto alla Camera dei Rappresentanti è quindi annullato. Secondo fonti del Congresso, lo speaker della Camera, Paul Ryan ha chiamato il presidente Donald Trump mezz'ora prima del voto e il presidente gli ha chiesto di ritirare il disegno di legge repubblicano con cui l'Amministrazione e molti repubblicani volevano sostituire l'Obamacare. Ma Trump, commentando sul Washington Post e il New York Times, si mostra ottimista: "Ora avanti sulle tasse. E quando l'Obamacare esploderà, allora forse i democratici apriranno su un accordo". E Ryan ha invece commentato: "Oggi è un giorno deludente per noi", "abbiamo deluso le aspettative".

23:04Juve-tifo:Agnelli in atti,davamo retta a chi stava con Conte

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Il rapporto tra la Juve e Rocco Dominello nasce - stando ad alcune intercettazioni agli atti dell'inchiesta della magistratura di Torino delle quali l'ANSA ha preso visione - a seguito delle richieste dell'allora tecnico bianconero Antonio Conte di "gestire la curva". In una telefonata del 5/8/206 tra Andrea Agnelli e il suo avvocato Chiappero, il presidente Juve ricostruisce l'inizio di una vicenda che lo ha portato ad essere deferito dal procuratore Figc e messo sotto la lente d'ingrandimento dell'Antimafia. Agnelli dice: "E poi, ribadisco che lui (Dominello) si accompagnava a Germani, e Germani era pappa e ciccia con Conte...La pressione che metteva Conte la conosci anche tu, a chiunque stesse vicino a Conte noi gli davamo un po' più retta". Quindi, dice Agnelli, "se Germani sta vicino a Conte, Dominello sta vicino a Germani, noi diamo più retta a questo. Perchè noi ci abbiamo voglia? No, perchè poi la curva fa casino, non siete capaci di gestire un c.., cioè non devo spiegare a te come ragiona Antonio"

Archivio Ultima ora