Per Hillary Trump come Brexit, un pericolo per l’economia mondiale

Pubblicato il 21 giugno 2016 da redazione

trump

NEW YORK. – Donald Trump come la Brexit, se non peggio: “Dovesse diventare presidente degli Stati Uniti, riporterà l’economia americana in recessione, provocherà il default sul debito e scatenerebbe il panico globale”. Hillary Clinton attacca a testa bassa l’avversario per la Casa Bianca, cercando di sfruttare quello che sembra essere il primo vero momento di debolezza del tycoon da quando è iniziata la campagna elettorale.

L’ex first lady non esita a definire Trump “un pericolo” per quell’economia americana che Barack Obama è riuscito a risollevare dopo aver preso in mano un Paese sull’orlo del baratro, nel pieno della più grave crisi del dopoguerra. Per la Clinton le idee, le ricette del tycoon newyorchese se attuate sarebbero “un disastro”, riporterebbero indietro l’America. E costituirebbero una minaccia per il mondo intero.

Cita molti esperti e osservatori la Clinton, per spiegare come Trump alla Casa Bianca è un fattore di rischio enorme per i mercati globali al pari della sciagurata ipotesi di una “disintegrazione europea”. Parole pronunciate a due giorni dal referendum che dovrà decidere la permanenza o meno della Gran Bretagna nella Ue, e a pochi minuti di distanza dalle preoccupazioni sulla Brexit nuovamente espresse dal presidente della Bce, Mario Draghi, e dalla numero uno della Federal Reserve, Janet Yellen.

Perché i possibili effetti negativi dell’uscita della Gran Bretagna dalla Ue continuano a provocare allarme in tutte le principali piazze finanziarie del mondo, compresa Wall Street.

Ma Donald Trump sembra non curarsene. E il giorno del voto sarà proprio nel Regno Unito, in Scozia, per inaugurare il suo ‘Trump Turnberry’, esclusivo resort e golf club nella località di Ayrshire, comprato per 51 milioni di dollari nel 2014 e ora completamente ristrutturato.

Forse solo una coincidenza la sua presenza nelle isole britanniche nel giorno che tutto il mondo attende col fiato sospeso. E c’é chi ricorda come Trump – pur non essendosi mai espresso esplicitamente per la Brexit – abbia però detto che per il Regno Unito l’uscita dall’Ue potrebbe essere l’ipotesi migliore.

In un’asse – sottolineano da settimane molti giornali – con l’ex sindaco di Londra Boris Johnson, che spesso viene paragonato al candidato Usa.

Dal palco di Columbus, in Ohio (uno dei più importanti ‘swing state’ nelle elezioni del prossimo 8 novembre), Hillary contrappone quindi la sua ricetta economica a quella di Trump, punto su punto. E parla della necessità di investimenti in infrastrutture, tecnologia, energia pulita, sostegno ai giovani che frequentano i carissimi college, facendo pagare parte del conto ai più ricchi.

“Mentre Trump – attacca – ha sfruttato per decenni migliaia di lavoratori e abbatterebbe immediatamente le tasse sui ricchi e sulle corporation”. Intanto altre cattive notizie per il tycoon arrivano dalla sua campagna elettorale: sarebbe rimasta ‘a secco’, avendo in cassa solo poco più di un milione di dollari, contro i 42 milioni di Hillary. Una crisi di finanziamenti e donatori che potrebbe pesare come una zavorra sulla corsa del tycoon, proprio nel momento del rush finale.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

16:29Calcio: Lazio, Immobile rinnova fino al 2022

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - La Lazio ha prolungato i contratti di Ciro Immobile e Thomas Strakosha sino al 30 giugno 2022. Lo rende noto la società attraverso un comunicato stampa.

16:12Gasolio rubato in Libia: c’era ‘cartello’ di contrabbandieri

(ANSA) - CATANIA, 21 OTT - A Darren Debono, 43 anni, ex difensore della nazionale di calcio maltese (56 presenze tra il 1996 e il 2002), arrestato ieri a Lampedusa con l'accusa di fare parte di di un'associazione per delinquere internazionale dedita al riciclaggio di gasolio libico, militari del Gico del nucleo di polizia tributaria di Catania sono arrivati grazie a utenze telefoniche di suoi familiari. Era ricercato nell'inchiesta 'Dirty Oil' della guardia di finanza di Catania. Nei suoi confronti era pendente un'ordinanza del Gip emessa nei confronti di 9 indagati per il furto di gasolio dalla raffineria di Zawyia poi portato illegalmente in Europa. Il maltese era il punto di contatto con il libico Fahmi Mousa Saleem Ben Khalifa, alias "il Malem" (il capo), al vertice di una milizia armata, ora ricercato. Da intercettazioni emerge un "'cartello' tra contrabbandieri" per gestire a prezzi bassissimi ingenti quantitativi di petrolio trafugato in Libia e commercializzato con la complicità dell'Ad della Maxcom Bunker, Marco Porta.

16:10Rugby: Australia-Nuova Zelanda 23-18 in un test match

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - Ci sono voluti due anni, ma finalmente l'Australia è riuscita a battere di nuovo la Nuova Zelanda, imponendosi 23-18 in un test match valido per la Bledisloe Cup disputato a Brisbane (Australia). Gli All Blacks avevano chiuso il primo tempo in vantaggio 13-12, ma neo secondi 40' hanno subito la rimonta dei Wallabies, che grazie al sostegno dei 45mila tifosi del Suncorp Stadium hanno segnato una meta con l'ala Marika Koroibete e due calci piazzati di Reece Hodge, autore anche della prima meta della sua squadra. Per gli All Blacks, in meta due volte con Waisake Naholo e Rieko Ioane, si tratta della prima sconfitta dopo sette partite.

16:06Catalogna: Madrid prenderà controllo Mossos e Radio-Tv

(ANSA) - MADRID, 21 OTT - Madrid prevede di prendere il controllo fra l'altro dei Mossos d'Esquadra, la polizia regionale catalana, della Radio-Tv pubblica (Tv3 e Radio Catalunya), grazie all'art. 155. Lo precisa il documento con le misure previste dall'esecutivo spagnolo inviato al Senato, che lo approverà probabilmente il 27 ottobre. Il governo spagnolo, attraverso i delegati che nominerà in Catalogna, potrà destituire e sostituire i dirigenti di polizia e radio-tv catalane.

15:58Maltempo: in Toscana codice giallo per temporali e vento

(ANSA) - FIRENZE, 21 OTT - La Sala operativa della protezione civile della Toscana ha emesso un codice giallo per temporali e vento valida da stasera fino alla mezzanotte di domani, domenica 22 ottobre. Il codice giallo per vento (valido dalle 6 di domani mattina fino alla mezzanotte sempre di domani) interessa tutta la regione; quello per temporali forti e rischio idrogeologico del reticolo minore (valido dalla mezzanotte fino alle ore 13 di domani) riguarda invece la zona nord occidentale (Versilia, Lunigiana e bacino del Serchio). Codice giallo poi per mareggiate (dalle 14 fino alla mezzanotte di domani) per la parte centro-settentrionale della costa e per l'Arcipelago. (ANSA).

15:52Migranti:accoglienza diffusa,Minniti a sigla intesa Calabria

(ANSA) - TAVERNA (CATANZARO), 21 OTT - Migliorare il sistema di accoglienza dei richiedenti protezione internazionale attraverso l'adesione dei Comuni alla rete Sprar (Sistema di protezione per i richiedenti asilo rifugiati): è l'obiettivo di un protocollo d'intesa sottoscritto a Villaggio Mancuso di Taverna, alla presenza del ministro dell'Interno Marco Minniti, da Anci, dalle cinque Prefetture e dalla Regione Calabria. L'atto, che è stato siglato dal prefetto di Catanzaro Luisa Latella, nella qualità di coordinatrice delle Prefetture regionali, dal presidente regionale dell'Associazione dei Comuni italiani Gianluca Callipo e dal presidente della Regione Mario Oliverio, rappresenta il passaggio finale di un'attività di sensibilizzazione sulla tematica dell'accoglienza diffusa che ha portato all'adesione di un numero notevole di enti locali, circa 120. "Oggi - ha detto Minniti - facciamo un passo straordinariamente importante nella direzione della cooperazione tra lo Stato nazionale e i poteri locali". (ANSA).

15:51Calcio: Lopez ‘con la Lazio velocità e fiducia’

(ANSA) - CAGLIARI, 21 OTT - "La Lazio è forte ma anche il Cagliari ha un tasso tecnico alto e può far male. Inutile chiudersi in difesa: prima o poi il gol lo prendi. Credo molto in questa squadra, non appena ritroverà fiducia dimostrerà sul campo tutte le sue qualità". Così il neoallenatore del Cagliari, Diego Lopez, alla vigilia del posticipo contro i biancocelesti all'Olimpico. "La formazione ce l'ho in testa, ma preferisco darla ai ragazzi. Non è importante il modulo ma l'atteggiamento: voglio vedere una squadra coraggiosa, compatta, aggressiva non solo quando hanno palla gli altri". Lopez, subentrato in settimana all'esonerato Rastelli, dovrà probabilmente schierare il terzo portiere Crosta perché Cragno è infortunato e Rafael ha ancora dolore al polso. Il brasiliano è comunque convocato: sarà un test domani mattina a stabilire se potrà stare tra i pali.

Archivio Ultima ora