L’altra Italia: Rosario Granieri

Pubblicato il 23 giugno 2016 da redazione

Rosario ha 28 anni ed è di Piscinola, una piccola località della periferia di Napoli nota per la vicina e senz’altro più “ingombrante” Scampia.

Realtà complesse, ancor di più se sei uno di 9 fratelli. Realtà creative, però, che non finiscono alle sparatorie raccontate da Saviano e compagnia, ma che nascondono e talvolta esportano genio e qualità. Ed il talento di Rosario è legato a doppio nodo ad una sorta di marchio universale che tutto il mondo ci invidia: la pizza.

Sia chiaro: la pizza non come semplice pietanza, ma come vera e propria arte.

Ed è sufficiente scambiare due parole (e perché no, due bocconi!) con lui per percepire una passione che, a ragion veduta, lo ha già portato parecchio lontano.

Ci incontriamo da Eataly, sulla 5th Avenue ai piedi del leggendario Flatiron, lo storico grattacielo dall’insolita forma triangolare di New York. Un ragazzone alto, dagli occhi sinceri, che mi abbraccia e sorride sempre. Gli sfugge dalle mani un po’ di imbarazzo che monta ancor di più quando accendo il mio registratore vocale. Ma è sufficiente un’altra risata e via, si parte a briglie sciolte in questi primi ed interessanti anni della sua vita.

lucany1evidenza

«Napoli, Salerno, Milano, Cagliari, Roma. Poi, già a 18 anni, tre mesi di Stati Uniti con in tasca un semplice visto turistico e tanta voglia di farcela. Subito dopo Washington D.C. e New York, dove vivo oramai stabilmente dal 2012. La “famiglia” Rossopomodoro, per la quale avevo già lavorato in Italia, mi ha offerto il posto di responsabile dei pizzaioli per il loro ristorante qui all’interno di Eataly e non potevo certo rifiutare. Sarei stato un pazzo, questa è la Grande Mela!».

Come dargli torto.

«Una delle cose più emozionanti ed entusiasmanti che mi siano capitate quaggiù, e che tutt’ora continuano a motivarmi, sono le cosiddette “pizza class”. Studenti improvvisati che arrivano da ogni angolo della città per cimentarsi con quello che è per me il mestiere più bello del mondo. E a me l’onere, ossia il piacere, di fargli da maestro! Ricordo in particolare la mia prima volta: parlavo inglese poco e male, ma è stata un’esperienza indimenticabile che porterò sempre con me. Un vero onore trasmettere il mio “granellino” di conoscenza a persone affascinate dall’arte della pizza e dal bello dell’Italia».

Si percepisce un tono di romanticismo quasi inconsueto. O forse no, considerato che i napoletani di cuore ne hanno da vendere. Ma in lui, come in tutti coloro che sono chiamati a misurarsi con la realtà ed il mercato statunitense, vibra anche l’animo dell’imprenditore.

«Qui si fanno dalle 400 alle 600 pizze al giorno. È New York, è il centro del mondo e lavoriamo costantemente affinché la qualità sia al top.

Non mi basta, però: ho già fondato un mio brand, Pizza Secret, con il quale spero di lanciare a breve tutta una serie di prodotti legati al mondo della ristorazione e della cultura che ci gira attorno. Insomma, sento di essere abbastanza grande per cominciare a pensare di poter camminare da solo».

Facendo un passo indietro, nel tempo e nelle ambizioni, mi viene invece da chiedergli a che età ha sfornato la sua prima pizza. Nel suo italiano perfetto e colto, gli scappa un meraviglioso «accummenc’ a rider’!» (inizia a ridere!) e si perde nella sua infanzia.

«Papà chef, nonno pasticcere, quasi tutti i fratelli pizzaioli, 5 maschi e 4 femmine, sposate a loro volta con pizzaioli. Abbiamo due pizzerie in Italia: una a Napoli ed una nel Rione Sanità, dove mi è toccata la tipica gavetta, proprio come la si faceva un tempo. Ho iniziato dalle pizze fritte nel rione, a Scampia, quando avevo 8 anni. Mi viene in mente una cosa troppo carina e te la devo raccontare: proprio in quel periodo i miei amici a dicembre chiedevano biciclette e giocattoli ed io scrissi una letterina a Babbo Natale per chiedergli invece di regalarmi un piccolo forno elettrico che avevo visto in televisione. Me lo ricordo come se fosse adesso, si chiamava “Gennarino”. E così, mentre tutti andavano sotto casa a giocare a pallone o con le bici, io ero già con le mani nella farina».

lucany2

Dal passato al futuro, in poche battute.

«Il mio “American Dream” è già andato in porto: vivo a New York e sono cittadino americano da pochi mesi. Ne ho già pronto un altro, però: costruirmi una mia posizione autonoma, qui negli Stati Uniti o anche in Sudamerica. Oggi non ci sono limiti, you have to follow your dream and, wherever it takes you, you have to go».

Qui, invece, è venuto fuori l’americano che c’è in lui ed ho deciso di lasciarlo così. Devi seguire il tuo sogno e, ovunque ti trascini, tu devi andare.

Gli riservo, per concludere, una domanda scomoda, quasi “a trabocchetto”: tornare in Italia, ci penseresti?

«Sono partito a 18 anni e adesso devo solo crescere. Tornare a casa significherebbe fare un salto indietro di 10 anni, magari per lavorare nella classica pizzeria a Napoli. E, con tutto il rispetto per chi lo fa con passione ed entusiasmo, io non ci penso proprio. Ciò che negli Stati Uniti può accadere in pochi anni, in Italia rischia di non succedere nell’arco di una vita intera».

Luca Marfé

Twitter: @marfeluca – Instagram: @lucamarfe

Ultima ora

18:45Calcio: Pelè, sto meglio e pronto a tifare Brasile

(ANSA) - RIO DE JANEIRO, 21 GEN - Per smentire le voci su sue presunte gravi condizioni di salute, Pelè è apparso in un programma di Rete Globo e si è detto "pronto a tifare Brasile ai Mondiali in Russia". "Non so se (il ct) Tite mi convocherà - ha aggiunto -, però mi farò trovare pronto per la prossima Coppa del mondo". O Rei, oggi 77enne, convive con problemi di salute dal 2012 e negli ultimi cinque anni si è sottoposto ad operazioni a femore, menisco e anca. "Ma, grazie a Dio, adesso non sento dolore", ha tenuto a precisare. Poi ancora sui Mondiali per dire la sua sulla Seleçao. "Tempo fa ero preoccupato - ha ammesso -, e anche triste per via della situazione che c'era. Non avevamo una vera squadra, invece adesso sono tranquillo perché Tite ha saputo costruirne una e trasmetterle fiducia. Il Brasile è talmente forte che può perfino permettersi di non vincere in casa. Ci rifaremo".

18:37Ferisce figlio e nuora e si barrica in casa, poi arreso a Cc

(ANSA) - CORIGLIANO CALABRO (COSENZA), 22 GEN - Ha ferito a colpi di pistola il figlio e la nuora e si é poi barricato in casa insieme alla moglie, arrendendosi ai carabinieri soltanto a distanza di alcune ore. É accaduto nella frazione "Schiavonea" di Corigliano Calabrio, nell'alto Jonio cosentino. Il duplice ferimento sarebbe avvenuto al culmine di una lite provocata da dissidi familiari. Al momento i carabinieri, che stanno ricostruendo i fatti, non hanno reso nota l'identità di chi ha sparato, né quella dei due feriti. La moglie del feritore é uscita dalla casa in cui sono avvenuti i fatti quando l'uomo si é arreso. La donna é rimasta incolume. Dei due feriti il più grave é il figlio dell'uomo, ricoverato in coma farmacologico nell'ospedale di Cosenza.

18:32Colombia: bus travolto da valanga di fango

(ANSA) - BOGOTA', 22 GEN - Un autobus è stato trascinato verso un precipizio da una valanga di fango, causando la morte di almeno 13 persone, sulla strada che porta da Tumaco a San Juan de Pasto, nel dipartimento di Narino, nell'estremo Sudest della Colombia, vicino alla frontiera con l'Ecuador. Lo ha reso noto il responsabile dell'Agenzia colombiana per la sicurezza stradale, Alejandro Maya, che ha precisato che l'incidente è avvenuto nel luogo noto come La Nariz del Diablo (il naso del diavolo) al km 66 della strada, che porta dal capoluogo del dipartimento a Tumaco.

18:32Russia: tribunale dispone liquidazione fondazione Navalni

(ANSA) - MOSCA, 22 GEN - Il tribunale distrettuale Meshchansky di Mosca ha accolto il ricorso del Ministero della Giustizia sulla liquidazione della fondazione Pyatoye Vremya Goda (la quinta stagione) che finanzia il lavoro dello staff del leader dell'opposizione Alexei Navalni. "Il tribunale ha accolto il ricorso della direzione del Ministero della Giustizia", ha detto il giudice Irina Afanasyeva pronunciando la sentenza. Lo riporta Interfax. Allo stesso tempo, gli avvocati della fondazione hanno dichiarato alla corte che le violazioni riscontrate "non sono significative" e che vi si può porre rimedio facilmente. "Riteniamo che la richiesta del Ministero della Giustizia sia illegale, poiché la fondazione è attiva in conformità con la legislazione russa, mentre le violazioni scoperte possono essere sanate", ha detto il legale Ivan Zhdanov annunciando di voler ricorrere in appello.

18:31Incidenti lavoro: operaio scivola e muore in cava nel Senese

(ANSA) - RAPOLANO TERME (SIENA), 22 GEN - Incidente mortale sul lavoro questa mattina in una cava di Rapolano Terme (Siena). E' morto un 36enne di origini bosniache, residente ad Asciano, sulle Crete Senesi. Secondo una prima ricostruzione, mentre l'uomo era al lavoro in una cava di travertino, sarebbe scivolato in una scarpata da un'altezza di 11 metri. Stava lavorando al ripristino di una recinzione. L'uomo è stato subito soccorso dai sanitari del 118 e trasportato in codice rosso con l'elisoccorso Pegaso all'ospedale di Siena, ma poi è morto per le gravi ferite riportate nella caduta. Sul posto carabinieri ed ispettori del lavoro per accertare la regolare posizione lavorativa dell'uomo.

18:30Figc: Tommasi, mia candidatura alla presidenza resta

(ANSA) - MILANO, 22 GEN - "La mia candidatura resta. Siamo tutti convinti. Sappiamo com'è il sistema elettorale e sappiamo soprattutto quali sono i candidati e che quindi dobbiamo trovare il modo di fare eleggere alla presidenza Figc un ex calciatore, le difficoltà ci sono e ci saranno": lo dice il n.1 dell'Aic, Damiano Tommasi, dopo il consiglio direttivo. "Ho parlato con i dirigenti di società - prosegue - e c'è da capire cosa è per noi rinnovamento. Si dà per scontato che le parti siano due. Quindi noi oggi volevamo ribadire che sono tre. C'è anche Tommasi". "Non è escluso che qualcuno faccia un passo indietro anche prima di domenica - ha aggiunto -. Ad oggi, però, non è chiara la situazione e bisogna scegliere i compagni di viaggio. L'ultima volta che ho tirato indietro la gamba era il 2004 e sono stato fermo 16 mesi. Prima di rifarlo, quindi, ci penserò cento volte. Sono convinto che la mia candidatura abbia un suo perché". Poi conferma la linea comune con l'Aiac: "Oggi abbiamo visto Ulivieri, c'è la volontà di stare insieme".

18:30Germania-Francia celebrano 55 anni del Trattato dell’Eliseo

(ANSA) - BERLINO, 22 GEN - Nel giorno del 55esimo anniversario del trattato dell'Eliseo, il Bundestag si è riunito in una seduta straordinaria a Berlino, alla quale partecipano anche alcuni deputati francesi, con il loro presidente Francois de Rugy. Nel primo pomeriggio parlamentari tedeschi voleranno a Parigi per una seduta analoga del Parlamento francese. Quest'anno sarà firmato un nuovo trattato, che rafforza l'amicizia franco-tedesca, sancita dal celebre accordo siglato da Charles de Gaulle e Konrad Adenauer il 22 gennaio del 1963. All'iniziativa franco-tedesca, rilanciata da Merkel e Macron, partecipano tutti i gruppi parlamentari tedeschi, tranne quello del partito di destra oltranzista Alternative fuer Deutschland, che contesta di non essere stato coinvolto nella fase di preparazione.

Archivio Ultima ora