L’altra Italia: Rosario Granieri

Pubblicato il 23 giugno 2016 da redazione

Rosario ha 28 anni ed è di Piscinola, una piccola località della periferia di Napoli nota per la vicina e senz’altro più “ingombrante” Scampia.

Realtà complesse, ancor di più se sei uno di 9 fratelli. Realtà creative, però, che non finiscono alle sparatorie raccontate da Saviano e compagnia, ma che nascondono e talvolta esportano genio e qualità. Ed il talento di Rosario è legato a doppio nodo ad una sorta di marchio universale che tutto il mondo ci invidia: la pizza.

Sia chiaro: la pizza non come semplice pietanza, ma come vera e propria arte.

Ed è sufficiente scambiare due parole (e perché no, due bocconi!) con lui per percepire una passione che, a ragion veduta, lo ha già portato parecchio lontano.

Ci incontriamo da Eataly, sulla 5th Avenue ai piedi del leggendario Flatiron, lo storico grattacielo dall’insolita forma triangolare di New York. Un ragazzone alto, dagli occhi sinceri, che mi abbraccia e sorride sempre. Gli sfugge dalle mani un po’ di imbarazzo che monta ancor di più quando accendo il mio registratore vocale. Ma è sufficiente un’altra risata e via, si parte a briglie sciolte in questi primi ed interessanti anni della sua vita.

lucany1evidenza

«Napoli, Salerno, Milano, Cagliari, Roma. Poi, già a 18 anni, tre mesi di Stati Uniti con in tasca un semplice visto turistico e tanta voglia di farcela. Subito dopo Washington D.C. e New York, dove vivo oramai stabilmente dal 2012. La “famiglia” Rossopomodoro, per la quale avevo già lavorato in Italia, mi ha offerto il posto di responsabile dei pizzaioli per il loro ristorante qui all’interno di Eataly e non potevo certo rifiutare. Sarei stato un pazzo, questa è la Grande Mela!».

Come dargli torto.

«Una delle cose più emozionanti ed entusiasmanti che mi siano capitate quaggiù, e che tutt’ora continuano a motivarmi, sono le cosiddette “pizza class”. Studenti improvvisati che arrivano da ogni angolo della città per cimentarsi con quello che è per me il mestiere più bello del mondo. E a me l’onere, ossia il piacere, di fargli da maestro! Ricordo in particolare la mia prima volta: parlavo inglese poco e male, ma è stata un’esperienza indimenticabile che porterò sempre con me. Un vero onore trasmettere il mio “granellino” di conoscenza a persone affascinate dall’arte della pizza e dal bello dell’Italia».

Si percepisce un tono di romanticismo quasi inconsueto. O forse no, considerato che i napoletani di cuore ne hanno da vendere. Ma in lui, come in tutti coloro che sono chiamati a misurarsi con la realtà ed il mercato statunitense, vibra anche l’animo dell’imprenditore.

«Qui si fanno dalle 400 alle 600 pizze al giorno. È New York, è il centro del mondo e lavoriamo costantemente affinché la qualità sia al top.

Non mi basta, però: ho già fondato un mio brand, Pizza Secret, con il quale spero di lanciare a breve tutta una serie di prodotti legati al mondo della ristorazione e della cultura che ci gira attorno. Insomma, sento di essere abbastanza grande per cominciare a pensare di poter camminare da solo».

Facendo un passo indietro, nel tempo e nelle ambizioni, mi viene invece da chiedergli a che età ha sfornato la sua prima pizza. Nel suo italiano perfetto e colto, gli scappa un meraviglioso «accummenc’ a rider’!» (inizia a ridere!) e si perde nella sua infanzia.

«Papà chef, nonno pasticcere, quasi tutti i fratelli pizzaioli, 5 maschi e 4 femmine, sposate a loro volta con pizzaioli. Abbiamo due pizzerie in Italia: una a Napoli ed una nel Rione Sanità, dove mi è toccata la tipica gavetta, proprio come la si faceva un tempo. Ho iniziato dalle pizze fritte nel rione, a Scampia, quando avevo 8 anni. Mi viene in mente una cosa troppo carina e te la devo raccontare: proprio in quel periodo i miei amici a dicembre chiedevano biciclette e giocattoli ed io scrissi una letterina a Babbo Natale per chiedergli invece di regalarmi un piccolo forno elettrico che avevo visto in televisione. Me lo ricordo come se fosse adesso, si chiamava “Gennarino”. E così, mentre tutti andavano sotto casa a giocare a pallone o con le bici, io ero già con le mani nella farina».

lucany2

Dal passato al futuro, in poche battute.

«Il mio “American Dream” è già andato in porto: vivo a New York e sono cittadino americano da pochi mesi. Ne ho già pronto un altro, però: costruirmi una mia posizione autonoma, qui negli Stati Uniti o anche in Sudamerica. Oggi non ci sono limiti, you have to follow your dream and, wherever it takes you, you have to go».

Qui, invece, è venuto fuori l’americano che c’è in lui ed ho deciso di lasciarlo così. Devi seguire il tuo sogno e, ovunque ti trascini, tu devi andare.

Gli riservo, per concludere, una domanda scomoda, quasi “a trabocchetto”: tornare in Italia, ci penseresti?

«Sono partito a 18 anni e adesso devo solo crescere. Tornare a casa significherebbe fare un salto indietro di 10 anni, magari per lavorare nella classica pizzeria a Napoli. E, con tutto il rispetto per chi lo fa con passione ed entusiasmo, io non ci penso proprio. Ciò che negli Stati Uniti può accadere in pochi anni, in Italia rischia di non succedere nell’arco di una vita intera».

Luca Marfé

Twitter: @marfeluca – Instagram: @lucamarfe

Ultima ora

17:58‘Stato non c’è, giro armato’, giudice rischia trasferimento

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - Rischia il trasferimento d'ufficio per incompatibilità il giudice di Treviso Angelo Mascolo che prima in una lettera ai quotidiani veneti del gruppo l'Espresso e poi in alcune interviste ha affermato che lo Stato "non è più in condizioni di garantire la sicurezza dei cittadini, anzi semplicemente non c'è più. D'ora in poi faccio da me: quando esco di casa mi metto in tasca la pistola". Il Comitato di presidenza del Csm ha disposto l'apertura di una pratica in Prima Commissione proprio per accertare se ricorrano le condizioni per una procedura di trasferimento d'ufficio nei confronti del giudice, che aveva scritto ai giornali dopo aver subito di notte un inseguimento mentre tornava a casa.

17:50Calcio: Serie B, due giornate a Mignanelli dell’Ascoli

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - Daniele Mignanelli, dell'Ascoli, è stato squalificato per due gare dal giudice sportivo di Serie B dopo le partite della 33/a giornata. Il giocatore era stato espulso per insulti ad un assistente dell'arbitro. Per un turno, invece, sono stati fermati Federico Bonazzoli (Brescia) e Daniele Corvia (Latina), entrambi espulsi, più Daniel Bessa e Romulo Souza Orestes (Verona), Osarimen Ebagua (Vicenza), Matteo Fedele e Denis Tonucci (Bari), Edoardo Lancini (Novara), Manuel Lazzari (Spal), Simone Pasa (Cittadella), Claudio Terzi e Luca Vignali (Spezia), che erano diffidati. Ammenda di 1.500 euro al Brescia per il lancio di un petardo e di un fumogeno in campo.

17:50Brexit: May, ‘domani è un momento storico’

(ANSA) - LONDRA, 28 MAR - "E' uno dei momenti più importanti nelle recente storia del Regno Unito". Così la premier britannica Theresa May ha definito l'annuncio formale che farà domani sull'avvio della Brexit e delle trattative con Bruxelles. Il fine, ha aggiunto il primo ministro, è quello di creare una "relazione profonda e speciale" con l'Europa.

17:45Latitante posta sua foto su Fb, scovato e preso dalla Ps

(ANSA) - NAPOLI, 28 MAR - La Polizia di Stato ha arrestato a Terzigno (Napoli) un latitante albanese ricercato in tutta Europa e destinatario di un mandato di cattura europeo. L'uomo, Genc Locu di 26 anni, dopo esser sfuggito più volte alla cattura, è stato individuato dai poliziotti del Commissariato di Castel Volturno (Caserta) grazie ad una foto postata su un social nel quale compariva alle sue spalle un cartello con un'indicazione stradale che, è emerso, era relativo al comune di Castellamare di Stabia (Napoli). La presenza in Italia di Locu fu segnalata già nel 2014 alla Polizia di Stato dalle autorità albanesi che lo avevano condannato a 4 anni di reclusione. L'uomo allora dimorava nel comune di Castel Voltuno; riuscì però a fuggire. Intanto dalla Germania arrivò un mandato di arresto europeo per reati contro la persona. Le indagini sono proseguite fin quando il 26enne non si è tradito pubblicando on-line la sua foto; dagli accertamenti è emerso che si era nascosto a Terzigno, dove è stato stanato e ammanettato. (ANSA).

17:37Migranti: Paesi Visegrad, no al ricatto dell’Ue

(ANSA) - VARSAVIA, 28 MAR - No al "ricatto" dell'Ue che lega la politica migratoria a quella finanziaria riducendo gli aiuti a chi non accoglie i profughi. E' l'accusa dei Paesi del Gruppo Visegrad (Polonia, Ungheria, Repubblica ceca e Slovacchia), riuniti a Varsavia per un mini-vertice sui migranti e sulla Brexit. Se dovesse saltare l'accordo con la Turchia, l'Ungheria fermerà i migranti, grazie al muro e alle nuove leggi sull'asilo. Lo ha detto il premier ungherese Victor Orban, a Varsavia. I nuovi regolamenti sull'asilo entrano in vigore oggi, ha aggiunto, e le barriere, "costruite solo con soldi ungheresi", ci permetteranno di bloccare un' eventuale nuova ondata migratoria. "Vogliamo che la Brexit avvenga in modo ordinato e senza mettere a rischio gli interessi della Polonia e di altri Paesi membri". Così la premier polacca, Beata Szydło, a Varsavia. "Alla Gran Bretagna - ha aggiunto - non si possono offrire condizioni commerciali migliori rispetto a quelle di cui godono gli altri Paesi Ue", ha aggiunto il premier slovacco Fico.

17:32Dj Fabo: Cappato sarà interrogato da pm settimana prossima

(ANSA) - MILANO, 28 MAR - L'esponente dei Radicali e tesoriere dell'associazione Luca Coscioni, Marco Cappato, sarà interrogato la prossima settimana nell'ambito dell'inchiesta della Procura di Milano sulla morte di Fabiano Antoniani, noto come dj Fabo, deceduto in una clinica svizzera con la procedura del suicidio assistito lo scorso 27 febbraio. Cappato, che si è autodenunciato raccontando ai carabinieri di aver accompagnato dj Fabo fino in Svizzera e che è indagato per aiuto al suicidio, sarà ascoltato probabilmente lunedì prossimo, 3 aprile, dal pm Tiziana Siciliano, coordinatore dell'inchiesta e del pool 'Ambiente, salute e lavoro'. L'esponente dei Radicali è difeso dal legale Massimo Rossi. Nei giorni scorsi alcuni amici di Antoniani erano stati sentiti in Procura. Agli atti dell'inchiesta è stata anche acquisita documentazione relativa a protocolli, regole e normative in base alle quali alla clinica 'Dignitas', vicino Zurigo, viene praticato il suicidio assistito.

17:18Studente morto Valencia: si fa nuova autopsia

(ANSA) - FERMO, 28 MAR - Una nuova autopsia ed esami tossicologici faranno luce sulla morte di Giacomo Nicolai, lo studente fermano di 24 anni ritrovato morto nel suo appartamento di Valencia, con tre coltellate nel petto. Li ha disposti oggi il pm di Roma Marcello Monteleone, che ha affidato l'incarico al prof. Giorgio Bolino, dell'Università La Sapienza, e alla tossicologa Roberta Tittarelli. La famiglia di Giacomo, che dubita si sia ucciso, ha nominato come consulente il prof. Piergiorgio Fedeli. La perizia si svolgerà il 30 marzo. Il magistrato, spiega l'avv. Igor Giostra, che rappresenta i Nicolai, ha aperto un fascicolo di indagine contro ignoti, a modello 44, e un'ipotesi di reato ancora da formulare, mostrando ''la massima determinazione a determinazione a condurre ogni accertamento utile alle indagini, anche prendendo contatti con la procura spagnola". Il prof. Bolino si è riservato 60 giorni di tempo per depositare le proprie conclusioni.

Archivio Ultima ora