Confindustria: riforme per il Paese, sì al referendum

Pubblicato il 23 giugno 2016 da redazione

VINCENZO BOCCIA CONFINDUSTRIA

VINCENZO BOCCIA CONFINDUSTRIA

ROMA. – Confindustria sosterrà il referendum costituzionale, “una scelta a favore della governabilità, della competitività e del valore della responsabilità”. Un sostegno alle riforme che “è nella storia di Confindustria”: essersi schierati per il sì all’unanimità – indica il leader degli industriali, Vincenzo Boccia – “ha un grande significato: l’industria italiana compatta su una idea di riforma Paese a prescindere dal Governo ma per la governabilità”; “una questione di argomenti e di contenuti che non riguarda l’appoggio a nessuno ma riguarda una visione del Paese”.

La decisione del Consiglio Generale di Confindustria segna due passaggi strategici per il nuovo presidente. E’ una scelta che traccia la strada del rapporto industriali-governo marcando nettamente i confini: equidistanza dagli schieramenti politici ma non dalla politica in cui si vuole invece avere un ruolo incisivo, l’obiettivo – come bussola e come grimaldello – di puntare sui fattori di sviluppo dove l’interesse delle imprese coincide in pieno con l’interesse del Paese.

Gli industriali sono “apartitici con una grande attenzione alla politica economica. Di stabilità e governabilità – dice Boccia – ne facciamo una questione complessiva, non in rapporto al Governo”. Il secondo passaggio è tutto interno all’associazione: è nell’impostazione del metodo di lavoro per la presidenza di Confindustria dei prossimi quattro anni; il sostegno al referendum era più che prevedibile ma formalmente arriva ora per due motivi: è stata evitata qualsiasi interferenza con il voto per le amministrative ed è stato dato quanto più spazio possibile al confronto ed alla condivisione interni.

“La riforma costituzionale – spiega Confindustria – guarda all’interesse generale del Paese nel medio-lungo periodo e va sostenuta, quindi, a prescindere dalla situazione politico-elettorale del momento. È senz’altro migliorabile ma è pre-condizione indispensabile per realizzare quelle riforme economiche necessarie al rilancio della crescita, su cui Confindustria chiede un impegno forte da parte del Governo. È questo lo spirito con cui il Consiglio Generale ha espresso il suo orientamento”.

Sono quattro i punti che motivano il sì delle imprese: “il superamento del bicameralismo paritario, che significa più stabilità e governabilità; il miglioramento della qualità dell’attività legislativa; la semplificazione e la modernizzazione dei rapporti tra i diversi livelli di governo (più collaborazione Stato-autonomie, stop alla logica dei veti); misure di efficientamento della finanza pubblica”.

(di Paolo Rubino/ANSA)

Ultima ora

05:30Giappone:bilancio valanga Tochigi sale a 9 morti e 40 feriti

TOKYO - Ammonta a 9 il bilancio finale delle vittime della valanga che si e' abbattuta nella prefettura di Tochigi, a circa 100 km a nord di Tokyo, nel corso di un evento di arrampicata in programma a inizio settimana. Le autorita' municipali hanno confermato la morte di 8 studenti di scuola superiore e un insegnante, oltre al ferimento di 40 persone. La polizia ha aperto un'indagine sui motivi per i quali la manifestazione era stata organizzata malgrado la forte nevicata, circa 30 centimetri di neve, caduta il giorno prima sul villaggio.

04:27Trump, storia Russia e’ truffa, guardare Bill e Hillary

NEW YORK - ''La storia di Trump e la Russia e' una truffa. Perche' la commissione di intelligence della Camera non guarda agli accordi di Bill e Hillary'' Clinton ''con la Russia, ai discorsi pagati dalla Russia a Bill o alla societa' russa di Podesta?''. Lo afferma il presidente Donald Trump su Twitter.

04:11Messico: narcoboss trasferito in carcere Ciudad Juarez

CITTA' DEL MESSICO - Miguel Angel Trevino Morales, leader del cartello messicano della droga Los Zetas, e' stato trasferito dal carcere di Altiplano a quello di Ciudad Juarez, la citta' di confine tra il paese centramericano e El Paso, in Texas, tristemente nota, fra l'altro, per l'alto numero di femminicidi. Sono state le stesse autorita' messicane a renderlo noto precisando che il trasferimento e' da considerarsi ''di routine'' per evitare eventuali fughe. Il carcere e' lo stesso nel quale venne recluso Joaquin ''El Chapo'' Guzman dopo la sua nuova cattura dell'8 gennaio 2016 e prima dell'estradizione negli Stati Uniti nel gennaio scorso.

03:33Usa: class action contro agenti Ny, in mirino chi sembra gay

NEW YORK - Prendevano di mira uomini che sembravano 'gay' o 'non conformi al loro sesso' e li arrestavano con la falsa accusa di masturbarsi in pubblico. E' l'accusa mossa agli agenti del Dipartimento di Polizia di Port Authority di New York in una class action. I poliziotti della stazione di bus avrebbe ''abusato'' del loro potere per spiare nei bagni chi a loro avviso non 'rispettava' il proprio sesso o appariva effeminato.

03:28Trump:bufera su presidente commissione intelligence, ‘lasci’

NEW YORK - Il presidente della commissione di intelligence della Camera, Devin Nunes, ammette di aver incontrato alla Casa Bianca la fonte delle sue rivelazioni sulle intercettazioni nel transition team di Donald Trump. E scoppia il caso, con i democratici che chiedono si astenga dalle indagini sul Russiagate. Lo chiede il leader dei democratici alla Camera, Nancy Pelosi, mentre il leader dei democratici in Senato ne chiede le dimissioni da capo della commissione di intelligence.

03:24Trump: Usa valutano ruolo maggiore in conflitto in Yemen

NEW YORK - Gli Stati Uniti valutano la possibilita' di rafforzare il loro ruolo nel conflitto in Yemen aiutando direttamente gli alleati del Golfo nella battaglia contro i ribelli sciiti Houthi. Lo riporta la stampa americana citando alcune fonti. La maggiore assistenza americana potrebbe includere anche un sostegno dal punta di vista dell'intellingence.

03:21Trump: Giuliani legale turco che ha violato sanzioni Iran

NEW YORK - Rudolph Giuliani, l'ex sindaco di New York e alleato di Donald Trump, entra nella squadra legale di Reza Zarrab, il trader di oro turco arrestato per aver violato le sanzioni americane contro l'Iran. Un caso gia' al centro delle relazioni fra Turchia e Stati Uniti. Lo riporta il New York Times, sottolineando che Giuliani e un altro legale, Michael Mukasey, hanno incontrato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan nell'ambito degli sforzi per difendere Zarrab.

Archivio Ultima ora