#Regrexit, anti-Brexit alla riscossa. Record di adesioni

Pubblicato il 25 giugno 2016 da redazione

Demonstrators opposing Britain's exit from the European Union in Parliament Square following yesterday's EU referendum result hold a protest in London, Saturday, June 25, 2016. (ANSA/AP Photo/Tim Ireland) [

Demonstrators opposing Britain’s exit from the European Union in Parliament Square following yesterday’s EU referendum result hold a protest in London, Saturday, June 25, 2016. (ANSA/AP Photo/Tim Ireland) [

LONDRA. – Anti-Brexit alla riscossa. Dopo lo shock iniziale per la vittoria degli euroscettici il popolo di ‘Remain’ si ricompatta e lancia una petizione per tenere un secondo referendum sull’Unione europea che in poche ore ha superato i 2 milioni di firme.

Contemporaneamente la strana coppia Nicola Sturgeon-Sadiq Khan guida la carica sul fronte istituzionale e manda a Bruxelles il messaggio che Londra e Edimburgo non si considerano ‘out’. Forte dell’oltre 60% dei voti scozzesi pro-Ue, la first minister scozzese non ha voluto perdere neanche un minuto e ha subito convocato una riunione straordinaria del suo governo.

Fuori dalla residenza ufficiale parlando con i tanti giornalisti presenti non si è limitata a ribadire che “l’opzione di un secondo referendum sull’indipendenza è già sul tavolo”, come aveva annunciato subito dopo i risultati sulla Brexit.

La volitiva leader della Scozia si è spinta oltre precisando che la lunga procedura per poter convocare un nuovo referendum è stata avviata. Qualche giornale ha parlato di settembre come possibile data per un’altra consultazione sull’indipendenza, ma nessuna fonte interna al governo ha confermato.

Sul fronte europeo Sturgeon si è dimostrata, se possibile, ancora più determinata. Ha chiesto a Bruxelles colloqui immediati per discutere come proteggere “il posto della Scozia all’interno dell’Ue e nel mercato unico” e ha deciso di convocare al più presto un vertice a Edimburgo con tutti i rappresentanti europei.

Non solo, a quanto emerge, l’intenzione della first minister sarebbe quella di contattare gli altri paesi membri dell’Ue chiedendo di sostenere la causa della permanenza della Scozia nell’Unione. Sturgeon ha anche voluto rassicurare “i cittadini europei che ci hanno fatto l’onore di scegliere la Scozia come loro casa, sono i benvenuti. Voglio che il messaggio sia forte e chiaro”.

A qualche miglio di distanza intanto il sindaco Khan sferrava l’attacco da sud. Lui e la Sturgeon si sono sentiti e condividono le stesse idee sulla permanenza delle loro zone di competenza nell’Unione europea. “Abbiamo una causa comune”, ha dichiarato Sturgeon. In comune hanno di sicuro la maggioranza dei cittadini che di Brexit non vuole sentir neanche parlare.

Change.org ha rivolto addirittura un appello al sindaco di Londra per una provocatoria “secessione” della capitale dal Regno. “Siamo una metropoli internazionale, vogliamo rimanere nel cuore dell’Europa ed essere membri dell’Unione europea”, è scritto nell’appello che ha superato le 100.000 firme.

Ma il vero record di adesioni lo ha ottenuto la petizione inviata al governo di Sua Maestà e postato sul petition.parliament.uk, la casa di tutte le mobilitazioni popolari. In poche ore sono state oltre 2.000.000 le persone che l’hanno firmata, mandando in tilt il sito per qualche ora.

Per dare la propria adesione alla proposta basta cliccare su “sign the petition” e compilare tutti i campi. Naturalmente possono firmare solo i cittadini britannici e i residenti nel Regno Unito. Secondo la mappa pubblicata sul sito, la più alta concentrazione si trova nelle principali città, Londra ovviamente in testa.

“Chiediamo al governo di stabilire una regola secondo la quale se le preferenze a ‘remain’ o a ‘leave’ sono sotto al 60% su un’affluenza inferiore al 75%, allora dovrebbe esserci un altro referendum”, invoca la petizione lanciata da William Oliver Healey.

Come previsto dalla legge avendo superato le 100.000 firme sarà valutata dalla commissione incaricata il prossimo martedì e, nel caso, presentata in parlamento. Secondo analisti ed esperti, è però altamente improbabile che il governo decida di annullare il referendum e tenerne un altro.

Se pur non vincolante il risultato è l’espressione della volontà di 17 milioni e mezzo di britannici che hanno scelto Leave. E anche un giornale europeista come il Guardian non si fa illusioni: “Over. And out”, titola secco. “E’ finita. E siamo fuori”.

(di Benedetta Guerrera/ANSA)

Ultima ora

13:34Mondo di mezzo: giudici, nessun legame banda Magliana

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Non è possibile stabilire una derivazione tra il gruppo operante presso il distributore di benzina, l'associazione operante nel settore degli appalti pubblici e la banda della Magliana, gruppo criminale organizzato e dedito ad attività criminali particolarmente violente e redditizie che ha operato nella città di Roma, ramificandosi pesantemente sul territorio, oltre 20 anni orsono, tra la fine degli anni 70 e l'inizio degli anni 90". Lo scrivono i giudici della X sezione penale nelle motivazioni al processo al "Mondo di mezzo". "Non è sufficiente l'intervento di Carminati, 'erede della banda della Magliana', a stabilire un rapporto di derivazione tra detta banda e successive organizzazioni in cui Carminati si trovi coinvolto. Peraltro, neppure per la banda della Magliana si è potuti giungere ad affermare che si trattasse di un'associazione di tipo mafioso".

13:31Champions: Chiellini, con Sporting è sedicesimo di finale

(ANSA) - TORINO, 17 OTT - Juventus-Sporting nel girone di Champions finora dominato dal Barcellona "sarà un vero e proprio sedicesimo di finale". Lo dice Giorgio Chiellini. "Il Barcellona - spiega il difensore bianconero - salvo stravolgimenti arriverà primo e l'Olympiacos non riuscirà a passare turno. Lo Sporting è un'ottima squadra, ha un allenatore che porta brutti ricordi (guidava il Benfica che eliminò la Juve nella semifinale di Europa League nel 2014, ndr)". Lo Sporting Lisbona - conclude Chiellini - "era la squadra più forte della quarta fascia dei sorteggi Champions, abbiamo tanto rispetto per loro. In questa andata e ritorno ci giochiamo la qualificazione".

13:25Golf: torna l’Andalucia Masters, incasso in beneficenza

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - Torna, a sei anni dall'ultima edizione, l'Andalucia Valderrama Masters, tappa dell'European Tour, che si disputerà a Sotogrande (Spagna) dal 19 al 22 ottobre. Il torneo potrà contare su un field ricco di big internazionali: il campione Masters Sergio Garcia, che con la sua fondazione sarà il principale partner della competizione. E ancora, il britannico Danny Willett (tra i migliori golfisti in circolazione), il tedesco Martin Kaymer (oro nel 2010 al PGA Championship), lo svedese Robert Karlsson e l'irlandese Padraig Harrington (3 Major). Senza dimenticare Josè Maria Olazàbal, che nel suo invidiabile palmares vanta ben 29 tornei, tra cui quattro Ryder Cup, e l'altro iberico Jon Rahm. A rappresentare l'Italia Nino Bertasio (dopo lo show all'Open che si è chiuso domenica a Monza), Edoardo Molinari, Matteo Manassero, Renato Paratore e Andrea Maestroni. Una gara con l'accento sulla solidarietà. Perché la Fondazione Sergio Garcia ha già annunciato che donerà l'intero incasso del torneo in beneficenza.

13:22Champions:Allegri,Sporting si batte con tecnica e precisione

(ANSA) - TORINO, 17 OTT - "Domani servirà tecnica, precisione: lo Sporting nelle ultime 14 partite ha perso solo con il Barcellona". Allegri chiede massima attenzione alla Juventus per il match con i portoghesi, crocevia del girone di Champions League: "Sono molto bravi a difendere, ma quando hanno palla giocano bene, hanno giocatori tecnici - ha spiegato il tecnico bianconero -, servirà una grande partita sotto tutti i punti di vista". Dopo due risultati negativi in campionato, la Juventus cercherà di riprendere la marcia in Europa: "Dovremo essere bravi a sbagliare meno tecnicamente - ha osservato Allegri -, con la Lazio abbiamo avuto fretta di chiudere l'azione. In qualunque momento della partita, anche sotto nel punteggio, dobbiamo giocare con velocità e lucidità. Abbiamo avuto occasioni ma anche troppa confusione".

13:20Calcio: Allegri “stagione suspense, marzo sarà divertente”

(ANSA) - TORINO, 17 OTT - "Sarò una stagione molto bella e avvincente con un calendario che porterà grande suspense nel finale, con i tre scontri diretti in calendario. Sono cose che mi divertono molto, penso già a marzo, quando ci sarà grande pressione: sarà molto divertente". Cosi' Massimiliano Allegri, alla vigilia di Juventus-Sporting Lisbona di Champions.

13:08Riina: boss non sta bene, slitta processo a Milano

(ANSA) - MILANO, 17 OTT - Per ragioni di salute, slitta di una settimana il processo in corso a Milano a Totò Riina imputato per minacce di morte al direttore del carcere di Opera Giacinto Siciliano. Lo ha deciso il Tribunale in seguito a una comunicazione del carcere di Parma in cui si spiega che il boss, detenuto al 41 bis, "non può essere al momento trasferito al di fuori della sezione detentiva" dell'ospedale della stessa città dove è ricoverato per via delle sue condizioni fisiche. Secondo fonti del Dap, Riina non è stato sottoposto ad alcun intervento chirurgico, come ipotizzavano alcune indiscrezioni. Questa mattina, spiegano le fonti, per un lieve malore, determinato pare da un calo di pressione, i sanitari del carcere non hanno autorizzato il suo trasferimento nella sala delle videoconferenze per il collegamento col tribunale di Milano dove era in corso il processo a suo carico. Riina ha allora rinunciato a partecipare al dibattimento che dunque è stato rinviato.

13:00Stupri Rimini:Butungu in aula,manifestazione fuori Tribunale

(ANSA) - RIMINI, 17 OTT - E' ripreso questa mattina davanti al Tribunale collegiale di Rimini il processo a Guerlin Butungu, il 20enne congolese arrestato per gli stupri avvenuti a Miramare nella notte tra il 25 e il 26 agosto scorsi. Un'udienza preceduta, fuori dal Palazzo di Giustizia riminese, da una manifestazione del Movimento dalla parte delle donne e delle Vittime. Sulla cancellata del Tribunale è stato esposto uno striscione con la scritta 'Giustizia per le vittime'. Poi un attivista si è alzato urlando "assassino, massimo della pena", quando Butungu è entrato in aula. Alcuni attivisti sono state identificati dalla Polizia presente nella struttura. La Procura della Repubblica ha presentato una memoria in cui si esplicitano le motivazioni della scelta del rito direttissimo e sulla confessione che il congolese ha reso dal carcere di Pesaro. La Corte si è quindi ritirata per un breve momento per esaminare i nuovi documenti. Proprio la scelta del rito è la questione al centro dello scontro tra difesa e accusa.(ANSA).

Archivio Ultima ora