#Regrexit, anti-Brexit alla riscossa. Record di adesioni

Pubblicato il 25 giugno 2016 da redazione

Demonstrators opposing Britain's exit from the European Union in Parliament Square following yesterday's EU referendum result hold a protest in London, Saturday, June 25, 2016. (ANSA/AP Photo/Tim Ireland) [

Demonstrators opposing Britain’s exit from the European Union in Parliament Square following yesterday’s EU referendum result hold a protest in London, Saturday, June 25, 2016. (ANSA/AP Photo/Tim Ireland) [

LONDRA. – Anti-Brexit alla riscossa. Dopo lo shock iniziale per la vittoria degli euroscettici il popolo di ‘Remain’ si ricompatta e lancia una petizione per tenere un secondo referendum sull’Unione europea che in poche ore ha superato i 2 milioni di firme.

Contemporaneamente la strana coppia Nicola Sturgeon-Sadiq Khan guida la carica sul fronte istituzionale e manda a Bruxelles il messaggio che Londra e Edimburgo non si considerano ‘out’. Forte dell’oltre 60% dei voti scozzesi pro-Ue, la first minister scozzese non ha voluto perdere neanche un minuto e ha subito convocato una riunione straordinaria del suo governo.

Fuori dalla residenza ufficiale parlando con i tanti giornalisti presenti non si è limitata a ribadire che “l’opzione di un secondo referendum sull’indipendenza è già sul tavolo”, come aveva annunciato subito dopo i risultati sulla Brexit.

La volitiva leader della Scozia si è spinta oltre precisando che la lunga procedura per poter convocare un nuovo referendum è stata avviata. Qualche giornale ha parlato di settembre come possibile data per un’altra consultazione sull’indipendenza, ma nessuna fonte interna al governo ha confermato.

Sul fronte europeo Sturgeon si è dimostrata, se possibile, ancora più determinata. Ha chiesto a Bruxelles colloqui immediati per discutere come proteggere “il posto della Scozia all’interno dell’Ue e nel mercato unico” e ha deciso di convocare al più presto un vertice a Edimburgo con tutti i rappresentanti europei.

Non solo, a quanto emerge, l’intenzione della first minister sarebbe quella di contattare gli altri paesi membri dell’Ue chiedendo di sostenere la causa della permanenza della Scozia nell’Unione. Sturgeon ha anche voluto rassicurare “i cittadini europei che ci hanno fatto l’onore di scegliere la Scozia come loro casa, sono i benvenuti. Voglio che il messaggio sia forte e chiaro”.

A qualche miglio di distanza intanto il sindaco Khan sferrava l’attacco da sud. Lui e la Sturgeon si sono sentiti e condividono le stesse idee sulla permanenza delle loro zone di competenza nell’Unione europea. “Abbiamo una causa comune”, ha dichiarato Sturgeon. In comune hanno di sicuro la maggioranza dei cittadini che di Brexit non vuole sentir neanche parlare.

Change.org ha rivolto addirittura un appello al sindaco di Londra per una provocatoria “secessione” della capitale dal Regno. “Siamo una metropoli internazionale, vogliamo rimanere nel cuore dell’Europa ed essere membri dell’Unione europea”, è scritto nell’appello che ha superato le 100.000 firme.

Ma il vero record di adesioni lo ha ottenuto la petizione inviata al governo di Sua Maestà e postato sul petition.parliament.uk, la casa di tutte le mobilitazioni popolari. In poche ore sono state oltre 2.000.000 le persone che l’hanno firmata, mandando in tilt il sito per qualche ora.

Per dare la propria adesione alla proposta basta cliccare su “sign the petition” e compilare tutti i campi. Naturalmente possono firmare solo i cittadini britannici e i residenti nel Regno Unito. Secondo la mappa pubblicata sul sito, la più alta concentrazione si trova nelle principali città, Londra ovviamente in testa.

“Chiediamo al governo di stabilire una regola secondo la quale se le preferenze a ‘remain’ o a ‘leave’ sono sotto al 60% su un’affluenza inferiore al 75%, allora dovrebbe esserci un altro referendum”, invoca la petizione lanciata da William Oliver Healey.

Come previsto dalla legge avendo superato le 100.000 firme sarà valutata dalla commissione incaricata il prossimo martedì e, nel caso, presentata in parlamento. Secondo analisti ed esperti, è però altamente improbabile che il governo decida di annullare il referendum e tenerne un altro.

Se pur non vincolante il risultato è l’espressione della volontà di 17 milioni e mezzo di britannici che hanno scelto Leave. E anche un giornale europeista come il Guardian non si fa illusioni: “Over. And out”, titola secco. “E’ finita. E siamo fuori”.

(di Benedetta Guerrera/ANSA)

Ultima ora

01:25Accoltella e investe immigrato, indagini su matrice razziale

(ANSA) - RIMINI, 22 MAR - Un riminese è stato fermato questa sera dalla polizia di Stato per il tentato omicidio di un immigrato. Il fatto sarebbe accaduto davanti ad un supermercato: l'italiano lo ha prima preso a pugni, poi l'ha accoltellato e infine, quando lo straniero ha tentato la fuga, lo ha investito con l'auto. Il giovane è in prognosi riservata all'ospedale, mentre il riminese è stato rintracciato poco dopo dalla polizia di Stato e portato in Questura, dove è stato sottoposto a fermo per tentato omicidio. Accertamenti sono in corso per appurare se il gesto violento abbia una matrice razziale.

00:28Slovenia: decapita nonna e fratello, poi brucia le teste

(ANSA) - LUBIANA, 22 MAR - Uccide la nonna di 80 anni e il fratello di 31, poi li decapita, brucia le teste e si autodenuncia alla polizia. Si è consumato così nel villaggio di Lukovec, piccolo paesino di una quindicina di case a Nord-Ovest di San Daniele del Carso, nel Comune di Komen, nel cuore del Carso sloveno, un delitto familiare che - secondo gli investigatori - assume i contorni dell'atto di follia. Il protagonista è un uomo di 35 anni, Marko Abram, che nella serata di lunedì ha ucciso i due familiari. Ancora da capire il movente del delitto, così come ancora poco chiare sono gli strumenti utilizzati per il delitto, che secondo alcune ricostruzioni, potrebbero essere due coltelli e un'accetta, al momento in possesso della Polizia scientifica che li sta esaminando ed esprimerà le proprie valutazioni nei prossimi giorni. L'avvocato dell'assassino, Gorazd Gabri, oggi, all'uscita dal Tribunale dove Abram è stato interrogato per sei ore, ha detto ai giornalisti che il suo cliente ha riconosciuto la propria colpevolezza.

00:23Calcio: Podolski saluta con un gol

(ANSA) - ROMA, 22 MAR - Sconfitta immeritata per l'Inghilterra, battuta 1-0 dalla Germania nell'amichevole di lusso giocata questa sera a Dortmund. L'unica rete porta la firma di Lukas Podolski, gran sinistro all'incrocio dei pali al 24' della ripresa. L'ex interista, campione del mondo nel 2014, ha così salutato nel migliore dei modi la maglia bianca dopo 130 presenze e 49 reti. Ma fino al momento in cui è passata in svantaggio ha fatto più bella figura l'Inghilterra, che nel primo tempo ha colpito un palo con Lallana ed è andata ancora vicino al gol con Dele Alli, tiro centrale parato da ter Stegen.

23:08Fillon denuncia ‘un complotto di Stato’

(ANSA) - PARIGI, 22 MAR - Il candidato della Destra alle elezioni presidenziali francesi, Francois Fillon, denuncia un "complotto" e violazioni del "segreto istruttorio" con fughe di notizie organizzate dai "servizi dello Stato". "Le maschere cadono, il complotto è ormai sotto agli occhi di tutti i francesi", ha detto ai microfoni di radio France Info, aggiungendo: "Ogni settimana ci sono fughe (di notizie) contro il segreto istruttorio, fughe di notizie organizzate dai servizi dello Stato".

22:34Attacco Londra: chiusa la London Eye

(ANSA) - ROMA, 22 MAR - Il London Eye, la ruota panoramica della capitale britannica sulla riva del Tamigi, ha sospeso il suo servizio. Lo hanno riferito le autorità precisando che tutti i turisti, dopo essere rimasti bloccati per quasi un'ora nelle cabine, sono stati fatti scendere e non hanno avuto problemi.

22:24Siria: i turchi bombardano zona curda

(ANSAmed) - BEIRUT, 22 MAR - L'artiglieria turca ha bombardato nelle ultime ore postazioni curdo-siriane nella Siria nord-occidentale, un giorno dopo l'arrivo in quella stessa area di mezzi blindati russi a protezione dell'area a maggioranza curda. Lo riferisce l'Osservatorio per i diritti umani in Siria (Ondus), secondo cui i colpi di artiglieria hanno colpito il distretto di Afrin e quello di Jenderes. Non si registrano uccisi ma solo feriti tra civili e miliziani curdi. La stampa araba aveva dato ampio risalto ieri all'arrivo ad Afrin di truppe russe a bordo di mezzi blindati. E' la prima volta che le forze di Mosca si schierano al confine con la Turchia.

22:18Milan: arrivati 20 mln, resto caparra atteso entro venerdì

(ANSA) - MILANO, 22 MAR - Sarebbero arrivati nelle casse di Fininvest 20 dei 100 milioni di euro della terza caparra che i cinesi di Sino-Europe Sports devono pagare per ottenere una nuova proroga del closing per l'acquisto del Milan. Secondo quanto filtra, due sono le ricostruzioni della vicenda. La società cinese di Li Yonghong si starebbe muovendo con più di una banca per completare il pagamento di questa terza caparra da 100 milioni di euro e questo bonifico sarebbe avvenuto con tempistiche diverse da quello da 80 milioni di euro, atteso fra domani e venerdì. Oppure Ses si sarebbe affidata a un unico istituto finanziario che ha deliberato i bonifici in momenti diversi.

Archivio Ultima ora