Brexit: i 3 Grandi a Berlino, non c’è tempo da perdere

Pubblicato il 27 giugno 2016 da redazione

German Chancellor Angela Merkel (2-L) receives Italian Preime Minister Matteo Renzi (R) for talks following the Britain's referendum vote to leave the EU, in Berlin, Germany, 27 June 2016.  EPA/KAY NIETFELD

German Chancellor Angela Merkel (2-L) receives Italian Preime Minister Matteo Renzi (R) for talks following the Britain’s referendum vote to leave the EU, in Berlin, Germany, 27 June 2016. EPA/KAY NIETFELD

BERLINO. – “Non abbiamo tempo da perdere”. Angela Merkel, Francois Hollande e Matteo Renzi non hanno dubbi: non bisogna “perdere tempo” per avviare i negoziati che porteranno all’addio di Londra all’Unione europea, perché “niente è peggio dell’incertezza”.

Ma attenzione: per avviare i negoziati, serve la “richiesta ufficiale del Regno Unito”, così come prevede l’articolo 50 del Trattato. Prima di allora, con la Gran Bretagna niente colloqui, né formali né informali.

All’inedito vertice a tre a Berlino, che si tiene alla vigilia del primo Consiglio Ue dopo il sì alla Brexit, i leader di Germania, Francia ed Italia (i tre big rimasti dell’Unione dopo che il popolo britannico ha deciso con un voto di dire addio a quell’Europa di cui, sottolinea Hollande, non condividevano già né la moneta comune né lo spazio Schengen), rinunciano all’etichetta di direttorio.

E lanciano un segnale di rispetto tanto alle istituzioni di Bruxelles quanto agli altri Stati membri. Ma al contempo gettano il cuore oltre l’ostacolo, fissando una vera e propria ‘road map’ (sicurezza interna ed esterna, crescita dell’economia e della coesione sociale, immigrazione e un programma ambizioso per la gioventù) su cui l’Unione dovrà prendere da settembre misure concrete, che andranno verificate al 60/mo anniversario del Trattati di Roma.

Da Berlino, con un vertice la cui solennità è confermata dalla diffusione di una dichiarazione comune finale, i tre Grandi danno una risposta chiara al Regno Unito, che con il premier Cameron e il cancelliere dello Scacchiere George Osborne – ma anche con Boris Johnson, ‘uomo forte’ del ‘Leave’ – chiede tempo per uscire dalla Ue dando il via alle procedure previste dall’articolo 50.

“Dovremmo avviare il negoziato per l’uscita dall’Ue solo quando avremo un piano. Alcune aziende hanno interrotto le proprie decisioni su investimenti e assunzioni. Il ritardo nel ricorso all’articolo 50 aiuterà”, aveva spiegato in mattinata Osborne.

“La cosa importante è non lasciare le cose andare per le lunghe, sia per la richiesta di attivazione dell’articolo 50 da parte britannica sia per la nostra risposta”, puntualizza Merkel, secondo cui, per “evitare ogni movimento centrifugo in Ue” serve anche “una proposta concreta agli Stati membri circa le misure concrete da prendere nei prossimi mesi” su terrorismo, rifugiati, Turchia “e tutto quel che riguarda l’aspetto migrazione”, senza dimenticare che “la crescita economica è un ulteriore aspetto fondamentale” per “mandare un segnale chiaro ai giovani”.

Anche per Hollande (il più deciso assieme a Renzi nel chiedere un’accelerazione) “non bisogna perdere tempo”, e serve “dare un impulso all’Ue perché – ammonisce – non c’è niente di peggio dell’incertezza. L’Europa è forte, ma bisogna che ci siano modifiche”.

Il presidente francese non le manda a dire a Londra e ai suoi tentennamenti: “Dobbiamo avere rispetto del Regno Unito, ma bisogna anche esigere rispetto. I rapporti resteranno buoni. Non dobbiamo reinventare l’Europa, l’acqua calda già è stata inventata”, rileva, evidenziando in questa fase l’importanza del ruolo dell’Italia al vertice di Berlino e nel cammino che ne scaturisce.

E il presidente del Consiglio, che gongola per il lusinghiero risultato dell’Italia con la Spagna agli europei di calcio conseguito proprio durante il vertice in Cancelleria, promette: “L’Italia farà la sua parte”. E chiede di “tenere accesa insieme la doppia attenzione: da un lato il buon senso e la lucidità che in questo momento occorrono, dall’altro il bisogno di dare gambe e cuore al progetto europeo per i prossimi decenni.

Il percorso prende atto della decisione della Gran Bretagna, si volta pagina, non si può perdere tempo. Ma contemporaneamente bisogna avere a cuore una strategia che ci porti a ciò che l’Europa deve essere”.

E allora, per il premier, “va bene l’attenzione su sicurezza, giovani e sociale, perché non può essere solo l’Europa delle banche. Quello che è accaduto ci dimostra che questo è un tempo propizio perché si può scrivere una nuova pagina”.

Se ne parlerà di nuovo al Consiglio europeo. E già si annunciano scintille. “Non credo che il duo franco-tedesco possa più fare qualcosa di nuovo per l’Ue”, la loro visione di Europa “non esiste più, i britannici l’hanno respinta con un referendum”, ha detto la premier polacca Beata Szydlo.

Proprio il governo di Varsavia – ha fatto sapere il ministro degli Esteri Witold Waszczykowski – intende mettersi alla guida di un gruppo informale di Stati membri per bilanciare il nuovo direttorio Francia-Germania-Italia. La sfida del Gruppo di Visegrad (che comprende i Paesi dell’est) è lanciata.

(di Francesco Bongarrà/ANSA)

Ultima ora

14:28Rissa dopo sconfitta a calcetto, denunciata intera squadra

(ANSA) - TORINO, 22 OTT - Una serata di sport, e di svago, è finita a botte, con i carabinieri costretti a intervenire in un centro sportivo di Venaria Reale, nel Torinese, per sedare una rissa. Denunciata una intera squadra di calcetto, cinque persone tra i 18 e i 52 anni che, sconfitti 14-0 sul campo, hanno pensato bene di vendicarsi aggredendo gli avversari negli spogliatoi. Tre le persone costrette a farsi medicare per le ferite, con prognosi tra gli otto e i dieci giorni. Per i calciatori violenti è scattata la denuncia per lesioni personali aggravate in concorso. Tre di loro hanno alcuni precedenti penali.(ANSA).

14:28Referendum: Martina, oggi astensione consapevole

(ANSA) - MILANO, 22 OTT - "Oggi astensione consapevole al #referendumlombardia. Si è sprecato tempo e denaro per un quesito inutile": lo scrive questa mattina in un tweet Maurizio Martina, ministro delle Politiche agricole e vicesegretario del Partito Democratico.

14:23Bersani,se replica Pd arrogante punto non ritorno

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - "Speranza ha preso una iniziativa importante e ha fatto una proposta seria. C'è da augurarsi che le risposte siano serie e non arroganti e propagandistiche. Sarebbe un punto di non ritorno". Lo scrive su Facebook Pier Luigi Bersani, rilanciando l'intervista in cui il coordinatore di Mdp Roberto Speranza chiede al Pd un tavolo per discutere di alleanze future.

14:23Pd: Rosato, ok a incontro con Mdp ma votino l.elettorale

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - "Se c'è la volontà di collaborare, e noi l'abbiamo tutta, le condizioni da mettere devono riguardare il futuro. Intanto approviamo insieme questa legge elettorale, che è un buon modello che ci consentirà di fare la coalizione". Lo dice il capogruppo del Pd Ettore Rosato al gr Rai rispondendo alla richiesta di un incontro con Renzi avanzata del leader Mdp Speranza.

14:10Terremoto: Arca a Norcia “dove progettare il futuro”

(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 22 OTT - Firmato il protocollo di intesa per la realizzazione del concorso internazionale di progettazione per la realizzazione dell'Arca di Norcia. Stamani, al centro polivalente Boeri, l'associazione "I love Norcia", l'Ordine nazionale degli architetti, la Regione Umbria e il Comune di Norcia hanno siglato l'accordo che porterà alla realizzazione di uno spazio dedicato alla città, "dove progettare il futuro, far vivere il presente e tenere viva la memoria", ha detto Vincenzo Bianconi, presidente dell'associazione, nata all'indomani della grande scossa del 30 ottobre scorso. "I love Norcia è un qualcosa che ha radici in città e occhi che guardano al mondo, è un sogno che oggi ha un suo punto di atterraggio con la firma che apponiamo e soprattutto dobbiamo aspirare ad essere un modello per il mondo, in particolare per il nostro saper convivere con i terremoti", ha aggiunto Bianconi. "L'Arca sarà la casa di tutti i nursini, sarà un luogo sicuro e un grande laboratorio di idee che guardano all'innovazione", ha evidenziato il presidente. Il concorso per la progettazione è promosso dall'Ordine nazionale degli architetti, il cui presidente, Giuseppe Capocchin, ha spiegato che si svolgerà in maniera diversa da tutti gli altri: "Le cinque idee migliori avranno l'incarico di realizzare i cinque progetti con un contributo di 20 mila euro ciascuno, il miglior progetto realizzerà l'Arca". Alla firma dell'accordo erano presenti la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini e il sindaco Nicola Alemanno. A raccordare gli interventi, Davide Rampello, docente al Politecnico di Torino. Nel corso del convegno si sono susseguite le testimonianze dei consiglieri di "I love Norcia" e della dirigente scolastica dell'istituto onnicomprensivo De Gasperi-Battaglia, Rosella Tonti. (ANSA).

14:06Referendum: alle 12 in Lombardia affluenza al 6,25%

(ANSA) - MILANO, 22 OTT - In Lombardia per il referendum sull'autonomia alle 12 hanno votato 492.061 elettori, il 6,25% del totale. L'affluenza più bassa è stata registrata nella città metropolitana di Milano, con 85.808 votanti, pari al 3,49%; la più alta, con il 9,58% e 26.116 votanti, a Lecco.

14:03Referendum: Veneto, alle 12 affluenza al 21,1%

(ANSA) - VENEZIA, 22 OTT - E' stata del 21,1% l'affluenza dei votanti alle ore 12 per il referendum consultivo sull'autonomia del Veneto. Il dato è dell'osservatorio elettorale regionale. La provincia con maggior affluenza percentuale è stata Vicenza con 25,2. Chiude, tra le sette province venete, sul piano percentuale Rovigo con il 16%. Le urne si chiuderanno alle 23 e il referendum veneto prevede per essere valido un quorum del 50%+1 degli aventi diritto al voto.

Archivio Ultima ora