Brexit: i 3 Grandi a Berlino, non c’è tempo da perdere

Pubblicato il 27 giugno 2016 da redazione

German Chancellor Angela Merkel (2-L) receives Italian Preime Minister Matteo Renzi (R) for talks following the Britain's referendum vote to leave the EU, in Berlin, Germany, 27 June 2016.  EPA/KAY NIETFELD

German Chancellor Angela Merkel (2-L) receives Italian Preime Minister Matteo Renzi (R) for talks following the Britain’s referendum vote to leave the EU, in Berlin, Germany, 27 June 2016. EPA/KAY NIETFELD

BERLINO. – “Non abbiamo tempo da perdere”. Angela Merkel, Francois Hollande e Matteo Renzi non hanno dubbi: non bisogna “perdere tempo” per avviare i negoziati che porteranno all’addio di Londra all’Unione europea, perché “niente è peggio dell’incertezza”.

Ma attenzione: per avviare i negoziati, serve la “richiesta ufficiale del Regno Unito”, così come prevede l’articolo 50 del Trattato. Prima di allora, con la Gran Bretagna niente colloqui, né formali né informali.

All’inedito vertice a tre a Berlino, che si tiene alla vigilia del primo Consiglio Ue dopo il sì alla Brexit, i leader di Germania, Francia ed Italia (i tre big rimasti dell’Unione dopo che il popolo britannico ha deciso con un voto di dire addio a quell’Europa di cui, sottolinea Hollande, non condividevano già né la moneta comune né lo spazio Schengen), rinunciano all’etichetta di direttorio.

E lanciano un segnale di rispetto tanto alle istituzioni di Bruxelles quanto agli altri Stati membri. Ma al contempo gettano il cuore oltre l’ostacolo, fissando una vera e propria ‘road map’ (sicurezza interna ed esterna, crescita dell’economia e della coesione sociale, immigrazione e un programma ambizioso per la gioventù) su cui l’Unione dovrà prendere da settembre misure concrete, che andranno verificate al 60/mo anniversario del Trattati di Roma.

Da Berlino, con un vertice la cui solennità è confermata dalla diffusione di una dichiarazione comune finale, i tre Grandi danno una risposta chiara al Regno Unito, che con il premier Cameron e il cancelliere dello Scacchiere George Osborne – ma anche con Boris Johnson, ‘uomo forte’ del ‘Leave’ – chiede tempo per uscire dalla Ue dando il via alle procedure previste dall’articolo 50.

“Dovremmo avviare il negoziato per l’uscita dall’Ue solo quando avremo un piano. Alcune aziende hanno interrotto le proprie decisioni su investimenti e assunzioni. Il ritardo nel ricorso all’articolo 50 aiuterà”, aveva spiegato in mattinata Osborne.

“La cosa importante è non lasciare le cose andare per le lunghe, sia per la richiesta di attivazione dell’articolo 50 da parte britannica sia per la nostra risposta”, puntualizza Merkel, secondo cui, per “evitare ogni movimento centrifugo in Ue” serve anche “una proposta concreta agli Stati membri circa le misure concrete da prendere nei prossimi mesi” su terrorismo, rifugiati, Turchia “e tutto quel che riguarda l’aspetto migrazione”, senza dimenticare che “la crescita economica è un ulteriore aspetto fondamentale” per “mandare un segnale chiaro ai giovani”.

Anche per Hollande (il più deciso assieme a Renzi nel chiedere un’accelerazione) “non bisogna perdere tempo”, e serve “dare un impulso all’Ue perché – ammonisce – non c’è niente di peggio dell’incertezza. L’Europa è forte, ma bisogna che ci siano modifiche”.

Il presidente francese non le manda a dire a Londra e ai suoi tentennamenti: “Dobbiamo avere rispetto del Regno Unito, ma bisogna anche esigere rispetto. I rapporti resteranno buoni. Non dobbiamo reinventare l’Europa, l’acqua calda già è stata inventata”, rileva, evidenziando in questa fase l’importanza del ruolo dell’Italia al vertice di Berlino e nel cammino che ne scaturisce.

E il presidente del Consiglio, che gongola per il lusinghiero risultato dell’Italia con la Spagna agli europei di calcio conseguito proprio durante il vertice in Cancelleria, promette: “L’Italia farà la sua parte”. E chiede di “tenere accesa insieme la doppia attenzione: da un lato il buon senso e la lucidità che in questo momento occorrono, dall’altro il bisogno di dare gambe e cuore al progetto europeo per i prossimi decenni.

Il percorso prende atto della decisione della Gran Bretagna, si volta pagina, non si può perdere tempo. Ma contemporaneamente bisogna avere a cuore una strategia che ci porti a ciò che l’Europa deve essere”.

E allora, per il premier, “va bene l’attenzione su sicurezza, giovani e sociale, perché non può essere solo l’Europa delle banche. Quello che è accaduto ci dimostra che questo è un tempo propizio perché si può scrivere una nuova pagina”.

Se ne parlerà di nuovo al Consiglio europeo. E già si annunciano scintille. “Non credo che il duo franco-tedesco possa più fare qualcosa di nuovo per l’Ue”, la loro visione di Europa “non esiste più, i britannici l’hanno respinta con un referendum”, ha detto la premier polacca Beata Szydlo.

Proprio il governo di Varsavia – ha fatto sapere il ministro degli Esteri Witold Waszczykowski – intende mettersi alla guida di un gruppo informale di Stati membri per bilanciare il nuovo direttorio Francia-Germania-Italia. La sfida del Gruppo di Visegrad (che comprende i Paesi dell’est) è lanciata.

(di Francesco Bongarrà/ANSA)

Ultima ora

00:30Calcio: Nicola, mantengo la promessa e vado in bici a Torino

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Io ci credevo". Davide Nicola è forse il meno sorpreso della salvezza del suo Crotone. "Sono molto soddisfatto e gratificato - le sue parole a Premium Sport - Ero convinto che attraverso il lavoro e la costruzione di un gruppo si potesse raggiungere quest'obiettivo. La squadra ha lavorato per meritare di rimanere in A: l'ho sempre detto ai ragazzi. Dal punto di vista tecnico, tattico e mentale c'è stato un grande lavoro dietro ed è per questo che non volevo sentir parlare del Crotone come di una favola. Avremmo potuto salvarci prima, ma anche retrocedere prima: la realtà è che più si vuole ottenere un obiettivo, più si deve essere disposti a perderlo". Poi il tecnico rivela che manterrà fede alla promessa fatta in caso di salvezza: "Crotone-Torino in bicicletta? È la parte più facile: lo farò con grande piacere, le promesse le mantengo. In questo momento la prima parola che mi viene in mente è gratitudine. E sono dispiaciuto per l'Empoli, perché so che per una squadra che festeggia ce n'è una che soffre".

00:27Auto: Indianapolis, guasto al motore e Alonso si ritira

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Il team Andretti Autosport si aggiudica la 500 Miglia a Indianapolis, ma non è Fernando Alonso a regalargli la vittoria, bensì l'ex pilota di Formula 1 Takuma Sato, primo giapponese a vincere su questo circuito in questa classe, che ha beffato Helio Castroneves nel finale di gara. Per lo spagnolo, che oggi ha saltato il Gran Premio di Monaco, restano invece da ricordare solo i 27 giri condotti in testa, prima di essere costretto al ritiro a 20 dalla fine per un guasto al motore della sua McLaren-Honda (in quel momento era settimo). Un peccato perché l'ex ferrarista stava ben animando la gara e il pubblico lo aveva anche accolto molto calorosamente.

00:04Totti: Zeman, oggi non è stata una festa ma una tragedia

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Mi spiace per Totti, perché non è stato lui a decidere. E oggi, anziché una festa, è stata una tragedia. Oggi gli consiglierei di continuare a giocare: lui ha ancora voglia. In Italia no, bisogna vedere se fuori troverà una squadra adatta alle sue qualità". Così Zdenek Zeman a Premium Sport sull'addio di Francesco Totti alla maglia giallorosa.

00:01Basket: semifinali playoff, Venezia-Avellino 88-77

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - L'Umana Reyer Venezia risponde alla sconfitta in gara-1 di semifinale dominando la Sidigas Avellino: l'88-77 finale, infatti, è frutto del relax con cui Venezia ha chiuso la gara, che aveva portato sull'88-65. A trascinare i veneziani è stato l'mvp Peric (23 punti), ma ha pagato anche la scelta di coach De Raffaele di inserire nel quintetto un centro di peso come Batista. Venezia, infatti, ha dominato anche a rimbalzo: 39-23 il conto. Avellino, invece, ha dovuto fare i conti con la serata negativa di Ragland, fermatosi a 5 punti in 19 minuti in campo, quando la sua squadra ha subìto un parziale negativo di 18 punti rispetto agli avversari. Avellino ha provato più volte a riavvicinarsi nel punteggio, ma non è mai scesa sotto i quattro punti di ritardo, soffrendo l'intensità difensiva e il dinamismo offensivo dell'Umana Reyer, che ha mandato in doppia cifra ben cinque giocatori: oltre a Peric, anche Haynes (13), Ejim (11), Batista e McGee (entrambi 10 punti personali). Martedì, ad Avellino, gara-3.

23:50Calcio: Roma, per Emerson rottura del crociato

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Rottura del legamento crociato del ginocchio sinistro: questa la diagnosi riscontrata ad Emerson Palmieri, infortunatosi oggi nel primo tempo dell'ultima di campionato tra Roma e Genoa. Il terzino giallorosso, peraltro, era stato appena convocato dal ct Ventura in azzurro, ma dovrà rimandare il suo esordio con l'Italia. Domani sarà operato a Villa Stuart, a Roma.

23:49Dante: Gifuni legge Paradiso dalla Torre di Pisa

(ANSA) - PISA, 28 MAG - Finale ad effetto per "Danteprima", la manifestazione dedicata a Dante Alighieri, con l'attore Fabrizio Gifuni che ha letto alcuni canti del Paradiso dall'alto della Torre pendente di Pisa. Quello di stasera è stato l'ultimo appuntamento con la rassegna che Pisa, capitale dantesca, dedica a Dante in vista delle celebrazioni per il settecentenario dalla morte del sommo poeta nel 2021. (ANSA).

23:46Pallavolo: verso la World League, all’Italia la Vesuvio Cup

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Con due vittorie su due, la Nazionale italiana di pallavolo maschile si aggiudica la prima edizione della Vesuvio Cup, torneo triangolare disputato a Napoli. Dopo aver sconfitto ieri l'Argentina 3-1, oggi i ragazzi del ct Blengini hanno battuto con lo stesso risultato il Giappone: 25-17, 11-25, 25-15, 25-22. Il gruppo azzurro si ritroverà a Pesaro martedì sera per riprendere la preparazione in vista del primo weekend di World League, da venerdì a domenica, con le gare contro Brasile, Polonia e Iran.

Archivio Ultima ora