Brexit: i 3 Grandi a Berlino, non c’è tempo da perdere

Pubblicato il 27 giugno 2016 da redazione

German Chancellor Angela Merkel (2-L) receives Italian Preime Minister Matteo Renzi (R) for talks following the Britain's referendum vote to leave the EU, in Berlin, Germany, 27 June 2016.  EPA/KAY NIETFELD

German Chancellor Angela Merkel (2-L) receives Italian Preime Minister Matteo Renzi (R) for talks following the Britain’s referendum vote to leave the EU, in Berlin, Germany, 27 June 2016. EPA/KAY NIETFELD

BERLINO. – “Non abbiamo tempo da perdere”. Angela Merkel, Francois Hollande e Matteo Renzi non hanno dubbi: non bisogna “perdere tempo” per avviare i negoziati che porteranno all’addio di Londra all’Unione europea, perché “niente è peggio dell’incertezza”.

Ma attenzione: per avviare i negoziati, serve la “richiesta ufficiale del Regno Unito”, così come prevede l’articolo 50 del Trattato. Prima di allora, con la Gran Bretagna niente colloqui, né formali né informali.

All’inedito vertice a tre a Berlino, che si tiene alla vigilia del primo Consiglio Ue dopo il sì alla Brexit, i leader di Germania, Francia ed Italia (i tre big rimasti dell’Unione dopo che il popolo britannico ha deciso con un voto di dire addio a quell’Europa di cui, sottolinea Hollande, non condividevano già né la moneta comune né lo spazio Schengen), rinunciano all’etichetta di direttorio.

E lanciano un segnale di rispetto tanto alle istituzioni di Bruxelles quanto agli altri Stati membri. Ma al contempo gettano il cuore oltre l’ostacolo, fissando una vera e propria ‘road map’ (sicurezza interna ed esterna, crescita dell’economia e della coesione sociale, immigrazione e un programma ambizioso per la gioventù) su cui l’Unione dovrà prendere da settembre misure concrete, che andranno verificate al 60/mo anniversario del Trattati di Roma.

Da Berlino, con un vertice la cui solennità è confermata dalla diffusione di una dichiarazione comune finale, i tre Grandi danno una risposta chiara al Regno Unito, che con il premier Cameron e il cancelliere dello Scacchiere George Osborne – ma anche con Boris Johnson, ‘uomo forte’ del ‘Leave’ – chiede tempo per uscire dalla Ue dando il via alle procedure previste dall’articolo 50.

“Dovremmo avviare il negoziato per l’uscita dall’Ue solo quando avremo un piano. Alcune aziende hanno interrotto le proprie decisioni su investimenti e assunzioni. Il ritardo nel ricorso all’articolo 50 aiuterà”, aveva spiegato in mattinata Osborne.

“La cosa importante è non lasciare le cose andare per le lunghe, sia per la richiesta di attivazione dell’articolo 50 da parte britannica sia per la nostra risposta”, puntualizza Merkel, secondo cui, per “evitare ogni movimento centrifugo in Ue” serve anche “una proposta concreta agli Stati membri circa le misure concrete da prendere nei prossimi mesi” su terrorismo, rifugiati, Turchia “e tutto quel che riguarda l’aspetto migrazione”, senza dimenticare che “la crescita economica è un ulteriore aspetto fondamentale” per “mandare un segnale chiaro ai giovani”.

Anche per Hollande (il più deciso assieme a Renzi nel chiedere un’accelerazione) “non bisogna perdere tempo”, e serve “dare un impulso all’Ue perché – ammonisce – non c’è niente di peggio dell’incertezza. L’Europa è forte, ma bisogna che ci siano modifiche”.

Il presidente francese non le manda a dire a Londra e ai suoi tentennamenti: “Dobbiamo avere rispetto del Regno Unito, ma bisogna anche esigere rispetto. I rapporti resteranno buoni. Non dobbiamo reinventare l’Europa, l’acqua calda già è stata inventata”, rileva, evidenziando in questa fase l’importanza del ruolo dell’Italia al vertice di Berlino e nel cammino che ne scaturisce.

E il presidente del Consiglio, che gongola per il lusinghiero risultato dell’Italia con la Spagna agli europei di calcio conseguito proprio durante il vertice in Cancelleria, promette: “L’Italia farà la sua parte”. E chiede di “tenere accesa insieme la doppia attenzione: da un lato il buon senso e la lucidità che in questo momento occorrono, dall’altro il bisogno di dare gambe e cuore al progetto europeo per i prossimi decenni.

Il percorso prende atto della decisione della Gran Bretagna, si volta pagina, non si può perdere tempo. Ma contemporaneamente bisogna avere a cuore una strategia che ci porti a ciò che l’Europa deve essere”.

E allora, per il premier, “va bene l’attenzione su sicurezza, giovani e sociale, perché non può essere solo l’Europa delle banche. Quello che è accaduto ci dimostra che questo è un tempo propizio perché si può scrivere una nuova pagina”.

Se ne parlerà di nuovo al Consiglio europeo. E già si annunciano scintille. “Non credo che il duo franco-tedesco possa più fare qualcosa di nuovo per l’Ue”, la loro visione di Europa “non esiste più, i britannici l’hanno respinta con un referendum”, ha detto la premier polacca Beata Szydlo.

Proprio il governo di Varsavia – ha fatto sapere il ministro degli Esteri Witold Waszczykowski – intende mettersi alla guida di un gruppo informale di Stati membri per bilanciare il nuovo direttorio Francia-Germania-Italia. La sfida del Gruppo di Visegrad (che comprende i Paesi dell’est) è lanciata.

(di Francesco Bongarrà/ANSA)

Ultima ora

16:18Montenegro: 15 aprile nuove elezioni presidenziali

(ANSAmed) - BELGRADO, 19 GEN - In Montenegro si terranno il 15 aprile prossimo le nuove elezioni presidenziali. Lo ha annunciato oggi il presidente del parlamento Ivan Brajovic, come riferito dai media locali. Nel caso nessuno dei candidati dovesse ottenere la maggioranza del 50% più uno dei voti, i due candidati più votati si affronteranno nel ballottaggio 14 giorni dopo. In Montenegro il presidente si elegge a suffragio universale per un mandato di cinque anni.

16:15Roma: il 21/1 torna domenica ecologica, blocco circolazione

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Dopodomani torna la domenica ecologica a Roma, il provvedimento di blocco totale della circolazione programmato per contribuire al miglioramento della qualità dell'aria. Il divieto totale della circolazione nella Ztl 'Fascia Verde' riguarda le fasce orarie 7.30-12.30 e 16.30-20.30. Sono esentati da ordinanza una serie di veicoli: da quelli elettrici a quelli Gpl fino a quelli che svolgono servizio di polizia. "Le 'domeniche ecologiche', oltre a contribuire alla riduzione delle emissioni inquinanti, determinando un beneficio ambientale, concorrono -si legge sul sito del Comune- anche alla sensibilizzazione della cittadinanza verso i temi della sostenibilità ambientale, e quindi alla diffusione di modelli culturali alternativi, tesi al miglioramento degli stili di vita". Le altre 'domeniche ecologiche' saranno l'11 febbraio e 25 febbraio.

16:13Post Expo: accordo con parti sociali per rilancio sito

(ANSA) - MILANO, 19 GEN - Sindacati, Arexpo e le associazioni datoriali hanno raggiunto un accordo per la regolamentazione, la regia ed il monitoraggio dei flussi di manodopera relativi alle opere di riqualificazione del sito di Expo 2015. Lo annunciano Cgil, Cisl e Uil di Milano insieme alle rispettive categorie (Feneal-Uil, Filca-Cisl e Fillea-Cgil), che hanno sottoscritto l'accordo con Ance, Assolombarda e la stessa Arexpo. L'intesa prevede che le parti sociali affianchino Arexpo nella valorizzazione e riqualificazione del sito (che diventerà un polo della ricerca) e partecipino alla cabina di regia e al tavolo di monitoraggio dei flussi della manodopera. In particolare le imprese assegnatarie per le opere informeranno la Cassa edile su eventuali subappalti, impegnandosi ad applicare il contratto nazionale di lavoro per tutti i lavoratori coinvolti nell'area. Arexpo, inoltre, inserirà nei bandi di gara clausole sociali per la stabilità occupazionale.(ANSA).

16:11Rep. ceca: parlamento, via l’immunità a Babis

(ANSA) - PRAGA, 19 GEN - Il Parlamento ceco ha deciso di togliere l'immunità al premier in pectore Andrej Babis e al suo vice Jaroslav Faltynek (entrambi del movimento Ano). Entrambi quindi saranno sottoposti a procedimento penale per aver utilizzato fondi europei per costruire il resort di lusso 'Il Nido della Cicogna'. A favore hanno votato 111 deputati contro 69 dei 180 deputati presenti.

16:09Cina: Comitato centrale propone teorie Xi in Costituzione

(ANSA) - PECHINO, 19 GEN - Il Comitato centrale del Partito comunista cinese ha proposto di iscrivere nella Costituzione le teorie del segretario generale Xi Jinping, in una mossa destinata a rafforzare la sua posizione. In una nota diffusa al termine della sua seconda sessione plenaria di due giorni tenuta a Pechino, il Comitato ha discusso per la prima volta dal 2004 gli emendamenti da apportare alla Carta incorporando "il pensiero sul socialismo con caratteristiche cinesi per una nuova era", summa delle teorie di Xi, così come definito nel 19/mo congresso del Pcc dello scorso ottobre che ha cnfermato Xi per un altro mandato quinquennale. "Una proposta del Comitato centrale sulla revisione della Costituzione è stata adottata nella riunione", ha reso noto l'agenzia Nuova Cina.

16:08Calcio: Zenga, soddisfatto da campagna acquisti Crotone

(ANSA) - CROTONE, 19 GEN - A metà tra mercato e campionato,Walter Zenga prepara la delicata gara contro il Verona di domenica. "Dovevamo alzare la qualità della squadra - dice a proposito della campagna acquisti - perché senza qualità non si va da alcuna parte e posso dirmi soddisfatto di quello che la società ha fatto". Il tecnico del Crotone non si sbilancia sull'utilizzo dei nuovi acquisti già da domenica. "Valuteremo - spiega il tecnico - se schierare nuovi acquisti già da Verona. Sono arrivati dei nuovi calciatori perché avevamo necessità di poter cambiare le cose in partita. Non ho meriti nell'anticipo delle operazioni di mercato rispetto al passato, è stato un lavoro fatto bene ed in sinergia. Sono state esaudite le mie richieste perché volevo avere un gruppo a disposizione già subito Noi prepariamo la gara su noi stessi per esprimere quello che abbiamo in mente di fare Io sono sempre ottimista per i riscontri avuti, che sono stati di un certo livello. Come sono convinto che si esce da situazioni difficili con la qualità".

16:08Sci: Svindal vince superG cdm a Kitzbuehel, Fill settimo

(ANSA) - KITZBUEHEL (AUSTRIA), 19 GEN - Il norvegese Aksel Svindal, con il tempo di 1'30''72, ha vinto il superG di coppa del mondo di Kitzbuehel, terzo successo in questa disciplina nella localita' austriaca. Per lui, a 35 anni, e' il 35/o successo in carriera oltre a cinque titoli mondiali, un oro olimpico e due coppe del mondo. Sul secondo gradino del podio è salito il suo connazionale Kjetil Jansrud (1'31''22) e sul terzo l'austriaco Matthias Mayer (1'31''28). Per l'Italia il migliore e' stato Peter Fill, settimo (1'31''64). Piu' indietro Christof Innerhofer, Dominik Paris, Mattia Casse e Matteo Marsaglia. Si e' gareggiato con un paio d'ore di ritardo per nuvole a bassa quota e una nevicata che ha ammorbidito e rallentato il fondo sui tratti pianeggianti: condizioni non favorevoli per gli azzurri. Inoltre come pista di gara e' stata usata la parte alta della Streif con arrivo sopra il salto della Hausbergkante. Gli spettatori erano in basso, nel grande stadio al traguardo della Streif, dove sono stati sistemati grandi schermi tv.

Archivio Ultima ora