Euro 2016: Loew all’Italia, non siete più il nostro incubo

Pubblicato il 28 giugno 2016 da redazione

PARIS, FRANCE - JUNE 27:  Graziano Pelle of Italy celebrates scoring his team's second goal during the UEFA EURO 2016 round of 16 match between Italy and Spain at Stade de France on June 27, 2016 in Paris, France.  (Photo by Matthias Hangst/Getty Images)

PARIS, FRANCE – JUNE 27: Graziano Pelle of Italy celebrates scoring his team’s second goal during the UEFA EURO 2016 round of 16 match between Italy and Spain at Stade de France on June 27, 2016 in Paris, France. (Photo by Matthias Hangst/Getty Images)

EVIAN-LES-BAINS (FRANCIA). – “Italien, wirkommen”, italiani, arriviamo. E’ una specie di grido di battaglia, quello che si leva dal ritiro della Nazionale tedesca, che ha scelto la parte francese più italiana, ossia l’Alta Savoia, come quartier generale dell’Europeo 2016.

L’urlo si mischia con i timori per una sfida storicamente ostile alla ‘Mannschaft’: la squadra dei bianchi di Germania, quando vede l’azzurro, si fa venire la tremarella.

Dal 1970, da quel pomeriggio (ma in Italia era tarda sera) a Città del Messico, fino ai giorni nostri, Italia-Germania del pallone è sempre leggenda, sfida all’ultimo assalto, lotta su ogni pallone, pathos allo stato puro. Inoltre, i tedeschi sono campioni del mondo in carica e l’Italia, mai come adesso, mina vagante di un torneo la cui storia è ancora tutta da scrivere.

“Per questo – spiega Joachim Loew – non condivido il coro di quelli che indicano la Germania come favorita numero uno di questo torneo. La Slovacchia non era lo snodo fondamentale per la conquista del titolo. Contro l’Italia dovremo usare umiltà e modestia, qualità indispensabili per una partita del genere.

Le sfide del passato? In quanto tali sono roba vecchia; non abbiamo un trauma Italia. Il passato è un caffè freddo, noi preferiamo invece bere un caffè appena fatto. E sabato ci dovrà piacere”.

Le parole del ct dei bianchi sono lineari come il gioco della sua squadra, la prima nella storia a conquistare un titolo mondiale in Sudamerica, due anni fa in Brasile, in una finale interminabile contro l’Argentina di Leo Messi.

La Germania, sabato a Bordeaux, non avrà di fronte gli argentini, ma un’Italia mai così stupefacente negli ultimi anni. Una squadra, quella di Conte, che, anche secondo Loew, propone “un nuovo stile di gioco”, che “mi ha impressionato”, le parole del selezionatore.

“Ieri la Spagna non ha avuto modo di segnare – spiega – non riusciva a sviluppare alcun tipo di gioco. Noi dovremo trovare il modo per sfruttare le nostre doti offensive. Gli azzurri non sono solo difesa, ma posseggono un altissimo livello di gioco. Grande merito ad Antonio Conte. Ha capito che, con il catenaccio, non si può vincere un torneo.

Hanno automatismi chiarissimi, con i quali hanno sopperito all’assenza di un giocatore come Pirlo. L’Italia è più forte di quella del 2008 e del 2012. Dicevano prima del torneo che era troppo vecchia e troppo difensiva, ma la verità è un’altra: ha esperienza, classe, inoltre è forte mentalmente e anche atleticamente”.

Eppure, a marzo, la Germania si è abbattuta sull’Italia, spazzandola via con un indiscutibile 4-1, in un’amichevole disputata sul terreno dell’Allianz Arena, a Monaco di Baviera. Una partita, quella, che per Loew “non fa testo”.

“Ogni match ha un proprio schema, un’inerzia diversa, quel che conta è che noi dovremo essere gli stessi di sempre, senza tararci sui nostri avversari. La qualificazione alla semifinale è abbastanza aperta, noi abbiamo fiducia, soprattutto se riusciremo a recuperare del tutto i giocatori che hanno accusato problemi fisici”.

Uno di questi è Jerome Boateng, gigantesco difensore del Bayern Monaco, che è stato impiegato durante il match contro la Slovacchia, aprendo peraltro le marcature. Nella ripresa è stato tolto dal campo per evitare ricadute, o comunque eventuali problemi. E’ anche da questi dettagli si giudica un selezionatore.

(dell’inviato Adolfo Fantaccini/ANSA)

Ultima ora

14:29Maltempo: Sardegna, arriva l’esercito a Fonni e Desulo

(ANSA) - NUORO, 18 GEN - Un battaglione dell'esercito e i mezzi pesanti dei vigili del fuoco, allertati dalla Prefettura di Nuoro, sono in arrivo da Cagliari a Fonni e Desulo, i due paesi più alti del Nuorese isolati da ieri per le abbondanti nevicate. I mezzi dell'Anas e della Provincia non riescono a sfondare i muri di neve e ghiaccio depositati sulle strade. "Mi è stata appena comunicata la notizia dell'arrivo dell'esercito chiamato dalla Prefettura - conferma all'ANSA il sindaco di Desulo Gigi Littarru - Il loro aiuto serve principalmente per liberare la Desulo-Fonni che ci impedisce di uscire dal pese, poi una volta qui spero ci diano una mano per sfondare i muri di neve sia in paese che in campagna dove sono ancora tanti i pastori isolati". La situazione è "drammatica" soprattutto nelle campagne, scrive su Facebook la sindaca di Fonni Daniela Falconi. "L'emergenza da noi c'è ancora tutta. Siamo praticamente isolati: la Fonni-Desulo, il passo Caravai e la statale 389 da Jenna Erru a Fonni sono intransitabili e i mezzi della Provincia e dell'Anas non riescono a fare breccia. Da Cagliari stanno arrivando i vigili del fuoco con i mezzi pesanti e una squadra farà base in Comune per coordinare la macchina dei soccorsi e provare a raggiungere gli ovili. Il vero disastro - ribadisce la prima cittadina - è nelle campagne, gli ovili sono inaccessibili e quasi tutti irraggiungibili. Le persone stanno bene ma la situazione è davvero drammatica". Quanto all'abitato di Fonni, la sindaca scrive: "In paese operano quattro ruspe di privati ma molti punti rimangono inaccessibili. Ci sono circa 30 persone tra volontari e operai dell'Agenzia Forestas che stanno liberando manualmente i viottoli con pale e turbine del Comune. La Pro Vita sta aiutando le assistenti sociali e le ragazze dell'assistenza domiciliari a gestire tutte le persone che sono in difficoltà". (ANSA).

14:27Giorno memoria: Fedeli ad Auschwitz, da qui si torna diversi

(ANSA) - CRACOVIA, 18 GEN - "Un viaggio della memoria nei luoghi dove si è consumata la più grande tragedia del 900. Da lì si torna diversi, anche nei comportamenti quotidiani, nei valori, nel senso di responsabilità". La ministra dell'Istruzione Valeria Fedeli saluta così i circa cento studenti che partecipano con lei al Viaggio della Memoria organizzato insieme all'Ucei, l'Unione delle comunità ebraiche italiane. Prima tappa Cracovia, domani Auschwitz: è "contenta e orgogliosa", la neo ministra, che il suo primo viaggio all'estero sia nei luoghi della Shoah. "Ciascuno di noi - ha detto agli studenti- dovrà misurarsi con quello che ha letto, studiato, visto nei film. Ma non sarà la stessa cosa. Andare nei luoghi dello sterminio è un'esperienza che segna ciascuno di noi e che ti fa tornare diverso. Questo viaggio ci fa diventare tutti testimoni e protagonisti attivi di una diversa cultura e di una diversa conoscenza della storia".

14:22Gentiloni a Berlino

(ANSA) - BERLINO, 18 GEN - Il presidente del consiglio Paolo Gentiloni è appena giunto a Berlino nella sede della Cancelleria dove lo ha accolto Angela Merkel. Il premier, in costante contatto con l'Italia per seguire l'evoluzione delle forti scosse di terremoto che hanno colpito l'Italia centrale, avrà ora un bilaterale con la cancelliera, al termine del quale è prevista una conferenza stampa.

14:22Pd: Rossi, io mai in staff Renzi, vincerò corsa congressuale

(ANSA) - FIRENZE, 18 GEN - "Faccio il presidente della Regione Toscana, mi candido per fare il segretario nazionale del Pd e vincerò pure la corsa congressuale", e "quindi non entrerò mai nello staff di Renzi". Lo ha detto il presidente della Regione Toscana, e candidato alla segreteria nazionale del partito, Enrico Rossi, rispondendo ai giornalisti che gli chiedevano un commento sulle ipotesi di composizione della nuova segreteria del Pd guidato da Matteo Renzi. Per Rossi "il partito ha bisogno di essere profondamente ricostruito, però bisogna partire anche da un'autocritica sugli errori fatti sia come segretario sia come premier". "Siamo nello stesso partito, non c'è storia, non c'è prospettiva fuori dal Pd - ha aggiunto -. Voglio costruire all'interno del Pd un'area che si ispiri e che si richiami alle idee di fondo del socialismo, dell'eguaglianza, della redistribuzione della ricchezza. Insomma, occorre spostare l'asse del Pd a sinistra".

14:21Terremoto: Gentiloni, rafforzare impegno esercito

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Il Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, in contatto continuo con la Protezione Civile e il Commissario Errani, ha chiesto al Ministro Pinotti un ulteriore, rafforzato impegno dell'esercito - assieme alla strutture operative già presenti - per garantire la massima presenza e prossimità dello Stato nei luoghi già colpiti dal sisma e oggi interessati dalle nuove scosse.

14:19Esercito Iraq, abbiamo preso pieno controllo Mosul est

(ANSA) - BAGHDAD, 18 GEN - Le forze militari irachene hanno annunciato di avere preso "il pieno controllo" della parte orientale della città di Mosul, dopo averne scacciato i militanti del cosiddetto Stato islamico (Isis).

14:17M5S: inizia voto per scelta candidato a sindaco di Palermo

(ANSA) - PALERMO, 18 GEN - Beppe Grillo dà il via al voto sulla piattaforma Rousseau degli iscritti certificati dei Cinquestelle a Palermo, per scegliere il candidato sindaco del M5S alle amministrative di primavera. Da cinque candidati a sindaco iniziali ne sono rimasti due: l'avvocato Ugo Forello e il poliziotto Igor Gelarda. In casa M5S, nei giorni scorsi, a battere in ritirata per prima dalla sfida a cinque per la carica di sindaco è stata Tiziana Di Pasquale, seguita da Giulia Argiroffi e Giancarlo Caparrotta; gli ultimi due restano in corsa per un seggio in Consiglio comunale. La selezione sul web, partita alle 10, si chiuderà alle 19.

Archivio Ultima ora