Gli artigiani protestano, troppe tasse. Via 270 ore l’anno

Pubblicato il 28 giugno 2016 da redazione

artigiani

ROMA. – Tante tasse, troppe, oltre a un fisco sempre più complesso: se ne vanno 270 ora l’anno per pagare i tributi. Gli artigiani protestano, per bocca del loro presidente Giorgio Merletti.

”Per l’86% degli imprenditori resta la complessità delle procedure amministrative. Solo per gestire gli adempimenti fiscali servono 269 ore l’anno, 92 ore in più rispetto alla media dei Paesi Ocse” ha detto Merletti dal palco dell’assemblea della Confartigianato, ascoltato in platea dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, dalla Presidente della Camera Laura Boldrini, dal ministro del Lavoro Giuliano Poletti.

Insomma la tanto attesa semplificazione della Pubblica amministrazione ancora non si vede. Anzi, gli enti pubblici continuano a non pagare e gli imprenditori hanno un conto in sospeso da 65 miliardi e mezzo con la P.a: a tanto ammontano i debiti commerciali accumulati dalla P.A. a fine 2015 nei confronti delle aziende fornitrici.

”Una montagna di denaro che è nostra ma che fatica a tornare nelle nostre aziende” ha detto Merletti aggiungendo che tuttavia ”i cattivi pagatori non si annidano solo nella P.A. Le grandi imprese private sono sempre meno puntuali nel saldare le fatture alle Pmi, costrette così a indebitarsi con le banche” mentre i finanziamenti alle imprese artigiane vengono tagliati: ”in 4 anni, dal dicembre 2011 allo stesso mese del 2015, si sono ridotti di 11 miliardi”, nonostante le dichiarazioni delle banche sul rilancio del credito.

Sempre sul fronte tasse, le misure adottate per attenuare il carico fiscale sulle imprese certo ”sono un segnale positivo, ma non bastano” ha detto il numero 1 della Confartigianato (un milione e mezzo di imprenditori, con 3 milioni di addetti).

”Lo spread fiscale tra Italia e Ue è sempre troppo elevato: 28 miliardi nel 2015. In pratica, gli italiani pagano 461 euro di tasse a testa in più l’anno rispetto alla media europea. E il total tax rate, cioè la somma di tutte le imposte e tasse pagate dall’impresa al lordo dei profitti, è pari al 64,8%, il più alto in Europa”.

Sul carico fiscale in busta paga, Poletti ha dato ragione alle Pmi artigiane: ”è evidente uno sbilanciamento tra il costo e il salario dei lavoratori. E’ il carico dei costi dell’inefficienza di questo Paese. Stiamo lavorando” ha assicurato.

Sempre più difficile insomma fare impresa, nonostante ci si riempia la bocca di Piccole imprese. ”Non nominare il nome delle Pmi invano. Basta – è quindi l’appello di Merletti – con l’abuso del termine Pmi. Non è un passepartout che fa diventare etico tutto quello a cui si appiccica questa etichetta e non può essere una tecnica di marketing per piacere agli imprenditori”.

Facile ripetere la litania senza ”guardare al valore che sta dentro al 99,4% delle imprese italiane con meno di 50 addetti e al 95,2% con meno di 10 addetti”. Alla presenza del Capo dello Stato la Confartigianato ha festeggiato i suoi 70 anni, ”ma nessuna voglia di andare in pensione” ha assicurato il Presidente Merletti puntando sui giovani, su chi, nonostante le difficoltà, non rinuncia a ”sogni, speranze, voglia di cambiare”.

Insomma, oggi più che mai, ha concluso, ”il futuro è artigiano”.

(di Paola Barbetti/ANSA)

Ultima ora

19:06Egitto: attacco a copti, bilancio ufficiale 28 morti

(ANSA) - IL CAIRO, 26 MAG - Fonti mediche e della sicurezza egiziana riferiscono che il bilancio dell'attacco contro un bus di cristiano-copti oggi a Minya, in Alto Egitto, è di 28 morti, tra cui due bimbi di 2 e 4 anni. I feriti sono 22. Le stesse fonti, che hanno richiesto l'anonimato, temono che il bilancio possa aumentare. Secondo l'ex portavoce della chiesa copta ortodossa, Anaba Ermya i morti sarebbero invece 35, tra cui molti bambini.

19:03Sri Lanka: 91 morti piogge e alluvioni, appello al mondo

(ANSA) - COLOMBO, 26 MAG - Lo Sri Lanka ha lanciato un appello al mondo perché lo aiuti a far fronte all'emergenza delle piogge torrenziali, che hanno provocato disastrosi alluvioni e smottamenti, con un bilancio ancora provvisorio di almeno 91 morti accertati e 110 dispersi. La richiesta di aiuto è stata lanciata dal ministero degli esteri di Colombo alle Nazioni Unite e alla comunità internazionale. Il governo fa sapere che finora oltre 2.000 persone sono state evacuate dalle loro abitazioni e che le persone colpite, secondo una stima, sono circa 61.000. La popolazione che vive vicino a corsi d'acqua o sotto pendii è stata invitata ad allontanarsi, mentre elicotteri e imbarcazioni della marina cercano persone bloccate dalle acque sui tetti. Particolarmente colpito dalle avversità meteorologiche è il distretto di Ratnapura e la città capoluogo, dove almeno cinque valanghe e lo straripamento del fiume Kalu Ganga hanno costretto migliaia di persone ad abbandonare le loro case.

18:58Iraq: si evacuano i civili dal centro di Mosul

(ANSA) - BAGHDAD, 26 MAG - Le forze governative irachene hanno lanciato un appello alle migliaia di civili ancora intrappolati nel cuore di Mosul perché lascino le loro case e si mettano in salvo attraverso "corridoi sicuri" appositamente istituiti prima dell'assalto finale ai jihadisti dell'Isis ancora trincerati nei quartieri centrali. "Il governo, le forze armate e il comandante in capo, primo ministro Haidar al Abadi, sono responsabili per la vostra sicurezza", afferma in un comunicato il comandante delle operazioni, generale Abdul Amir Yarallah, assicurando che dirigendosi verso i corridoi sicuri che verranno indicati i residenti troveranno ad attenderli "guide, guardie e veicoli che li porteranno in salvo". L'appello è stato rivolto ai residenti dei quartieri di Zinjili, Sehha, Bab Sinjar, Shefaa, Farouk, Ras al Kor, Maydan, Bab al Top e le parti della Città vecchia comprese nel quartiere di Bab Jadid. Secondo il comando delle forze antiterrorismo l'Isis controlla ormai solo il 5% di Mosul ovest.

18:52Milano, Ismail Hosni rivendica la sua fede islamica

(ANSA) - MILANO, 26 MAG - Avrebbe rivendicato la sua fede islamica raccontando che prega ed è praticante, a differenza di quanto aveva riferito al suo legale nei giorni scorsi, Ismail Tommaso Hosni, il 20enne che otto giorni fa ha ferito a coltellate due militari e un agente alla stazione Centrale di Milano. Interrogato dai pm in Procura, il giovane ha continuato a dire di non ricordare gli istanti dell'aggressione e avrebbe risposto con tanti 'non ricordo' e non facendo nomi a domande puntuali sui suoi contatti per la radicalizzazione sul web.

18:44L. elettorale: 417 gli emendamenti in commissione

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - Sono 417 gli emendamenti al testo base della legge elettorale presentati in Commissione Affari costituzionali della Camera, sia dai gruppi che dai singoli parlamentari. Gli uffici stanno provvedendo ora a fascicolarli.

18:43Voucher: Orlandiani, ci vuole prudenza, perplessità

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - "Prudenza e perplessità", a quanto si apprende, sono manifestate in queste ore dalla componente orlandiana del Pd sull'intervento previsto nella "manovrina" per l'introduzione di strumenti di sostituzione dei voucher.

18:43Assolto chirurgo ‘mago trachea’, non manipolò liste attesa

(ANSA) - FIRENZE, 26 MAG - Assolto a Firenze da tutte le accuse - falso, abuso d'ufficio e peculato - il 'mago dei trapianti di trachea' Paolo Macchiarini. Con lui sono stati assolti anche quattro medici e una caposala dalle accuse di falso e abuso d'ufficio. La sentenza oggi pomeriggio. Tutti sono stati assolti perché il fatto non sussiste; inoltre Macchiarini, riguardo alle sole accuse di peculato (due episodi già risolti con l'amministrazione di Careggi in fase di inizio delle indagini) è stato assolto perché il fatto non è previsto dalla legge come reato. Nel processo Macchiarini, per il periodo in cui lavorò all'ospedale di Careggi (2009-2012), era accusato di aver alterato le liste di attesa per favorire suoi pazienti e sveltire interventi chirurgici motivando le modifiche alle liste con ragioni di urgenza.

Archivio Ultima ora